Svizzera, Street View in aula

Le autorità per la privacy trascinano il servizio di mappatura di Google in tribunale. Non è stato fatto nulla per oscurare del tutto volti e targhe. E le videocamere guarderebbero troppo in là

Roma – Rimuovere tutte le istantanee cittadine scattate sul territorio svizzero e fermare l’attività delle Google Car fino ad una definitiva sentenza della corte federale. È quanto chiesto recentemente dal commissario elvetico per la protezione dei dati Hanspeter Thuer, che ha decisamente esaurito la sua dose di pazienza nei confronti del servizio di mappatura Street View. BigG verrà trascinata in tribunale, non avendo finora sciolto in modo soddisfacente i vari dubbi in materia di privacy sollevati dalle autorità di Berna.

Il commissario svizzero aveva già informato Google a proposito di alcune questioni legate a Street View potenzialmente lesive della privacy dei cittadini immortalati. I volti e le targhe automobilistiche avrebbe dovuto essere oscurate completamente, e i tecnici di BigG avrebbero dovuto eliminare riprese relative a strade private e giardini delimitati. Inoltre, un comunicato avrebbe dovuto avvisare con un almeno una settimana d’anticipo il passaggio delle auto per le riprese a 360 gradi.

“Numerosi volti e numeri di targa – ha spiegato Thuer – non sono stati sufficientemente oscurati dal nostro punto di vista, specialmente quando le persone riprese si trovino in luoghi sensibili come fuori da ospedali, prigioni e scuole”. Al centro delle problematiche, secondo il commissario, ci sarebbe anche un’ eccessiva altezza delle videocamere di Street View , capaci di osservare al di là del normale punto di vista del comune cittadino che passeggia lungo una strada.

Le autorità per la protezione dei dati in Svizzera avevano così suggerito a Google di modificare le riprese panoramiche, risolvendo ogni forma di preoccupazione su una massiccia violazione della privacy. La posizione di Mountain View è sempre stata ferma , nella convinzione di non aver violato alcunché. BigG ha ammesso di essere rimasta parecchio infastidita dalla mossa di Berna, affermando di essere pronta a difendersi in aula in maniera vigorosa.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gino Latino scrive:
    Notizia
    Ma sta notizia deve stare on top per qualche mese????
  • FinalCut scrive:
    Copyright infringement
    Redazione vi siete bevuti il cervello?[img]http://punto-informatico.it/punto/20091113/depositob.gif[/img]Dovreste ben sapere cos'è il "Copyright infringement"http://en.wikipedia.org/wiki/Copyright_infringementLa Disney non scherza mica e di certo non potete far passare PI come un sito non a scopo di lucro o come fair use.Io vi ho avvisato... fatti vostri...(linux)(apple)
    • cinico scrive:
      Re: Copyright infringement
      - Scritto da: FinalCut
      Redazione vi siete bevuti il cervello?Tra l'altro DD è disegnato malissimo, aridatece Schiavoni.
      • durden scrive:
        Re: Copyright infringement
        - Scritto da: cinico
        - Scritto da: FinalCut

        Redazione vi siete bevuti il cervello?

        Tra l'altro DD è disegnato malissimo, aridatece
        Schiavoni.quoto
    • durden scrive:
      Re: Copyright infringement
      - Scritto da: FinalCut
      Redazione vi siete bevuti il cervello?

      [img]http://punto-informatico.it/punto/20091113/de

      Dovreste ben sapere cos'è il "Copyright
      infringement"

      http://en.wikipedia.org/wiki/Copyright_infringemen

      La Disney non scherza mica e di certo non potete
      far passare PI come un sito non a scopo di lucro
      o come fair
      use.

      Io vi ho avvisato... fatti vostri...

      (linux)(apple)si possono difendere in qualsiasi istante grazie alla ECCELLENTE qualità della vignetta dicendo "ah, per voi quello sarebbe paperino? Davvero volete che il vecchio walt si rivolti nella tomba?"
  • Mauro scrive:
    Solo io che non ho capito il senso?
    Se avessi letto con maggior "concentrazione" l'articolo avrei compreso l'arcano dietro l'accordo tra amd e intel, ma diciamo che l'argomento esula in parte dai miei interessi reali, comunque ero intenzionato a leggerlo "tanto per aggiornarmi". Ebbene, non ci ho capito una mazza, e non mi va francamente di rileggerlo daccapo aumentando il "focus".Magari l'articolo dovrebbe essere stato scritto in un italiano più scorrevole... forse è una traduzione passo passo dall'inglese che rende poco bene?
    • guast scrive:
      Re: Solo io che non ho capito il senso?
      Niente di strano. Questo articolo non è che l'ennesima puntata di una lunga vicenda. Se l'argomento non era il massimo del tuo interesse è chiaro che i suoi antefatti non hanno mai attirato la tua attenzionePiù che dire che non l'articolo non è scritto in italiano potresti lamentarti perchè è stato scritto dando per scontato che il lettore conoscesse tutti gli antefatti, ma secondo te valeva la pena di fare un riepilogo, ti sarebbe interessato ?
    • manisor scrive:
      Re: Solo io che non ho capito il senso?
      incredibilese non hai tempo e voglia di metterci un po' del tuo forse è meglio che ti metti davanti alla tvo almeno evita di prendertela con chi non ti fa dono della conoscenza a sforzo zero
      • Mauro scrive:
        Re: Solo io che non ho capito il senso?
        guast sostanzialmente mi ha detto una cosa simile alla tua, ma almeno con tono pacato e chiaro, tentando se non altro di spiegare perché secondo lui non ci ho capito un tubo. Ma siccome tu sei stato così gradevolmente piccato nell'apostrofarmi, allora sicuramente comprerò una tv siccome non posso fare a meno di seguire il tuo consiglio!
  • Enjoy with Us scrive:
    Il vero rivale di Intel....
    ... AMD rivaleggia come al solito nel settore PC tradizionali, il problema sono i MID di cui i netbook sono una prima avvisaglia, si tratta a tutti gli effetti di macchine con prestazioni di PC di 4-5 anni fa che possono affrancare la maggior parte dell'utenza da un notebook, è il segmento a più elevata crescita e vedrete che in futuro la presenza di proXXXXXri ARM porterà a prodotti con più autonomia, più compatti e meno costosi, si spazierà da schermi di 4-5 pollici fino ai 10-11 con pesi dai 200 grammi al Kg... e se di pc se ne vendono a decine di milioni al mese, di questi se ne venderanno a centinaia di milioni al mese!Intel lo sta capendo, M$ ancora no, visto che non ha un SO per Arm... mentre Linux lo ha!
    • MAH scrive:
      Re: Il vero rivale di Intel....
      http://www.arm.com/products/os/windowsce.html
      • pabloski scrive:
        Re: Il vero rivale di Intel....
        a parte che windows ce manca di moltissime tecnologie presenti in windows, ma poi non ci sono i software, si proprio quelli che secondo molti winari bloccano la diffusione di linuxphotoshop non ci gira in sostanza e nemmeno crysis :D
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Il vero rivale di Intel....
        - Scritto da: MAH
        http://www.arm.com/products/os/windowsce.htmlCome no secondo te Win Ce è paragonabile a Moblin o a Ubuntu?
  • gabriele vidali scrive:
    arm supporter
    arm fa paura adesso
    • Massimo scrive:
      Re: arm supporter
      - Scritto da: gabriele vidali
      arm fa paura adessoSono d'accordo... il Rivale di Intel ormai è ARM. E' la vera alternativa, anche dal punto di vista dell'architettura (non x86), e in mercato sempre più all'insegna del mobile e del portatile. Ricordo tra l'altro che ARM è ormai prossima ad adottare i 32 nm, quasi in contemporanea con Intel e in anticipo su AMD... se è vero che il Tablet Apple vedrà la luce e che adotterà i Cortex A9 multicore, potrebbe essere un notevole "sdoganamento" per ARM, al di là degli smartphone e dei sistemi embedded...
  • ruppolo scrive:
    Accordo anti antitrust
    Questo aiuto da parte di Intel è simile a quello dato da Microsoft ad Apple tanti anni fa. Apple allora era l'unica azienda rimasta concorrente dopo che le altre furono schiacciate, e stava per chiudere anch'essa. Se questo fosse accaduto, l'anti trust americano sarebbe stato costretto, per legge, a smembrare Microsoft in più aziende concorrenti tra loro. Esattamente quello che capita a Intel se AMD chiude, dato che rimarrebbe l'unica azienda al mondo a produrre CPU per i personal computer.Come Microsoft anche Intel mira ad avere un concorrente sulla carta, ovvero concorrente sufficiente per l'anti trust, ma abbastanza piccolo per non dare troppo disturbo.
    • pippo75 scrive:
      Re: Accordo anti antitrust

      Come Microsoft anche Intel mira ad avere un
      concorrente sulla carta, ovvero concorrente
      sufficiente per l'anti trust, ma abbastanza
      piccolo per non dare troppo
      disturbo.Ma che fine hanno fatto gli altri?Via con il C7?Motorola con vari serie di proXXXXXri e coproXXXXXri?IBM con il PowerPC?Senza contare i proXXXXXri dedicati a sistemi particolari con quelli di Sun.
    • MAH scrive:
      Re: Accordo anti antitrust
      Esattamente!Finalmente un'altra persona che ha capitocome funziona il discorso concorrenza/antitrust.Ad esempio, come sostengo da anni,Microsoft è AMICA di Linux:il suo obiettivo è abbattere APPLE,preservando un concorrente mediocre e pilotabilecome il mondo Linux.Allo stesso modo Intel mira a preservare AMD,avendo già capito che AMD non è un rivale temibile.
      • aury88 scrive:
        Re: Accordo anti antitrust
        non penso proprio che linux sia "mediocre e pilotabile"
      • pabloski scrive:
        Re: Accordo anti antitrust
        peccato che poi cerchino di spalare fango ad ogni occasionepoi definire linux mediocre è una balla colossale
        • MAH scrive:
          Re: Accordo anti antitrust

          peccato che poi cerchino di spalare fango ad ogni occasioneNaturalmente bisogna far credere il contrario,ossia che Linux sia un serio pericolo da attaccare in ogni modo,altrimenti che concorrenza sarebbe?SVEGLIA!
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Accordo anti antitrust
            In realtà, se avessi visto Voyager la scorsa settimana, sapresti che questo è tutto un piano degli antichi egizi, comandati dagli alieni. SVEGLIA!
          • pabloski scrive:
            Re: Accordo anti antitrust
            si però linux conquista market sharenell'ultimo semestre lamp ha di nuovo guadagnato terreno rispetto a window server e parliamo di circa la metà del mercato server in mano a lampse sostengono linux a discapito dei loro profitti, tanto furbi non sononon era più facile aprire i formati dati e mettere fine a tutti i processi antitrust?ragioni come un tizio che conosco che è convinto che linux sia stato in realtà concepito da bill gates e sviluppato in gran segreto a redmond
      • Funz scrive:
        Re: Accordo anti antitrust
        Linux aprirà il cu*o a entrambe, stanne certo :p
      • Zago scrive:
        Re: Accordo anti antitrust
        mediocre e pilotabile?eccolo che arriva il flamerche gli utonti non abbiano voglia di capirne il funzionamento non ne fa un prodotto mediocre ...agli utonti non piace sapere cosa stiano facendo gli basta cliccare e vedere la finestrella aprirsi con tutto preimpostato, mentre agli utenti piace sapere quello che succede dietro ad un comando, e niente è più formativo di una shell a riga di comando ... compreso il buon vecchio DOS.Stranamente chi viene dal mondo DOS non ha avuto particolari problemi nell'utilizzo della shell linux dato che cmq avevano il giusto modo di ragionare per impartire i comandi; hanno solamente dovuto impararsi la sintassi corretta.invece chi sa solo cliccare al momento che devono scrivere due righe vanno in paranoia e parlano di mediocrità, e non della loto ottusità mentale
      • Paolo scrive:
        Re: Accordo anti antitrust
        mediocre no ma pilotabile, si.S' perchè, dato che vive sui sviluppatori che vivono in maniera moooooolto saltuaria, resterà sempre un prodotto di nicchia. Se la comunità Linux avesse le stesse potenzialità economiche di MS, allora sì che sarebbe una vera concorrente.Per ora, solo chi vuole e può si accinge ad inserirsi nel mondo linux, tutto il resto è utonto da windows, compreso me ovviamente.
        • pabloski scrive:
          Re: Accordo anti antitrust
          beh non è vero da anni questa cosacredi che la comunità linux siano un gruppo di cantinari che sviluppano nelle proprie cantine e mangiano alle spalle dei genitori?la comunità linux, oggi, sono ibm, redhat, intel, oracle, infineon, ecc... http://www.internetnews.com/dev-news/article.php/3737761i programmatori del kernel e degli altri progetti chiave sono professionisti pagati 50.000 e più dollari l'annoormai linux è un progetto industriale nonostante sia opensource e come tale ha l'appoggio della maggior parte dei produttori hardware
          • Marameo scrive:
            Re: Accordo anti antitrust
            Siamo ancora ben lontani dal concetto " produttori di hardware e amore per linux ".
  • Gattazzo scrive:
    Considerazioni contrastanti?
    Riporto i punti del testo che mi paioni in antitesi: ......... Né l'accordo con Intel prevede che quest'ultima cambi un modello di business così aspramente contestato da AMD, inclusi i programmi di sconto per l'acquisto di grandi quantitativi di proXXXXXri e sistemi "Intel Inside" che tanto hanno fatto gridare allo scandalo la "piccola" Sunnyvale negli anni scorsi..........Altra storia ancora tutta da scrivere è poi la perdurante condizione di imputato che Intel vive di fronte alle autorità antitrust di qua e di là dell'Atlantico, con il procuratore generale di New York Andrew Cuomo e la Commissione Europea che hanno già fatto sapere che per loro non cambia nulla e le rispettive indagini e richieste di super-multe andranno avanti senza badare all'accordo. ......... Siamo sicuri che quel Né (o meglio Ne') riportato in grassetto abbia senso di esistere? Perchè se togliamo quel Ne' il discorso fila e non c'è più antitesi.Cioè, mi pare evidente, che sia o meno presente negli accordi l'obbligo di Intel ad avere una condotta di concorrenza corretta, come potrebbe ancora permettersi la stessa il modello di business incriminato, che come dica il testo viene imputato (e inevitabilmente condannatto) da ambo i lati dell'Atlantico? Per me l'assenza nei patti (ammesso che sia) di tale obbligo comportamentale, è cosa ininfluente, diciamo pure che AMD l'ha assunta di default vista la situazione che vive Intel. Per cui, a differenza dell'Autore, non ascriverei questa mancanza (o sottinteso?) a punto a svavore di AMD.Concludo dicendo che, se solo AMD avesse avuto meno fretta o bisogno di incamerare liquidità, ne avrebbe ricavato molto di più, ed Intel ci avrebbe rimesso ancor di più. Ma va bene lo stesso anche così, non è mai bello infierire; speriamo solo che la lezione sia servita.
  • Gino Latino scrive:
    Vignetta
    Al posto di Paperino, avreste dovuto mettere un bassotto con un groooosso sacco pieno di soldi.
    • Meglio i bassotti scrive:
      Re: Vignetta
      In effetti mi pare che ad Intel sia andata fin troppo bene, anche perchè l'unione della causa amd e dell'indagine dell'antitrust USA aveva un potenziale esplosivo notevole.Ora senza AMD come testimone contro (l'accordo contiene senz'altro una parte segreta sulla quale ipotizzare non costa nulla) Intel può affrontare l'antitrust con meno preoccupazioni.A questo punto vedremo se AMD, con meno (ma non senza) preoccupazioni economiche riuscirà a sfruttare il vantaggio di piattaforma (CPU+GPU) che ha nei confronti di Intel.Comunque concordo con Maruccia sul fatto che il vero concorrente emergente per Intel sia ARM.
      • Quarzo Cristallo scrive:
        Re: Vignetta
        Farebbero meglio a togliere quella vignetta, se Disney Corp. se ne accorge gli fa pagare una cifra da paura ... sono molto attenti ai diritti...
    • durden scrive:
      Re: Vignetta
      - Scritto da: Gino Latino
      Al posto di Paperino, avreste dovuto mettere un
      bassotto con un groooosso sacco pieno di
      soldi.è di una tristezza infinita quella vignetta.penso che non ci si possa nemmeno aspettare una denuncia per violazione di copyright dalla Disney, dato che se quello è paperino, lo sono anche io...
Chiudi i commenti