Svizzera: Street View non ci piace

Per i tutori della privacy Google sta oltrepassando il limite della legalità. BigG è convinta del contrario ed è pronta a dimostrarlo in tribunale
Per i tutori della privacy Google sta oltrepassando il limite della legalità. BigG è convinta del contrario ed è pronta a dimostrarlo in tribunale

Street View non sarà il benvenuto in Svizzera fino a quando Google non aumenterà il livello di oscuramento di visi e targhe di automobili. Per il gigante di Mountain View si profilerebbe addirittura l’ipotesi di un contezioso in tribunale con il governo svizzero.

Secondo quanto dichiarato da Hans-Peter Thür, il locale garante della privacy, BigG non farebbe abbastanza per nascondere all’occhio indiscreto delle sue Google Car i volti dei cittadini elvetici.

Il governo di Berna aveva chiesto già ad agosto una maggiore attenzione alla privacy . Google dal canto suo sostiene di aver eseguito quanto richiesto e che Street View non violi le norme svizzere sulla protezione dei dati personali: “Siamo profondamente delusi dalla decisione del governo svizzero – ha commentato un portavoce di BigG – ma siamo convinti di agire nel rispetto della legalità, pertanto difenderemo la nostra posizione in tribunale qualora si dovesse rendere necessario”.

Non è la prima volta che la celebre feature di Google Maps viene messa sulla graticola. In Germania , Giappone , Grecia e Regno Unito le auto targate Mountain View erano state fermate più volte dagli enti locali, al fine di verificare la legittimità del proprio operato.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 09 2009
Link copiato negli appunti