Tchao: sono tornato

Cupertino riconvoca uno degli sviluppatori originali di Newton. Dietro potrebbe esserci l'atteso tablet

Roma – Michael Tchao è stato riconvocato a Cupertino come vice presidente addetto al marketing: già dipendente 15 anni fa, faceva parte del gruppo di sviluppatori di Newton , il progenitore dei personal digital assistant (PDA) con riconoscimento di scrittura, che però era stato commercialmente un fallimento.

Torna alla base dopo aver lavorato per il TechLab di Nike, dove dimostra però di non aver mai dimenticato il vecchio posto di lavoro, disegnando, per esempio, numerosi prodotti integrati con iPod.

Anche se non sono stati ancora spiegati i nuovi compiti di Tchao, dietro all’amarcord di Cupertino sembra secondo alcuni esserci l’ atteso tablet Apple: Tchao in passato sarebbe stato il fautore dell’idea del PDA condannato nel 1993 come un clamoroso flop. Ai tempi un precursore , oggi Newton potrebbe essere collegato al sospirato nuovo prodotto. Su cui aumentano le indiscrezioni : dovrebbe uscire al massimo entro il prossimo anno, costare intorno agli 800 dollari e avere uno schermo di 10 pollici.

Come allora ne subì l’insuccesso, ora Tchao potrebbe essere tornato a casa per riscuotere gli onori della sua creatura. D’altronde a suo nome ha ben 5 brevetti relativi al progetto Newton, tutte tecnologie e conoscenze potenzialmente utili per un tablet.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DioFa scrive:
    Linux indietro
    Cari cantinari, chissà quanto ancora dovrete aspettare per avere i driver per far funzionare questa meraviglia.E non cominciate con discorsi come: se compilo il kernel che mi scarico su xyz.net/fhdfh?dsh allora con 7 semplici comandi posso riuscire a vedere questa periferica a 5MB/s.Patetici!
    • u g scrive:
      Re: Linux indietro
      Linux GIA' supporta USB3 :-0
    • pippopluto scrive:
      Re: Linux indietro
      - Scritto da: DioFa
      Cari cantinari, chissà quanto ancora dovrete
      aspettare per avere i driver per far funzionare
      questa
      meraviglia.
      E non cominciate con discorsi come: se compilo il
      kernel che mi scarico su xyz.net/fhdfh?dsh allora
      con 7 semplici comandi posso riuscire a vedere
      questa periferica a
      5MB/s.
      Patetici!Il solito trollComunque la periferica viene vista come come uno scsi e non servono driver aggiuntivi.Inoltre il kernel linux è oggi (almeno per quello che so) l' unico a supportare usb3.0 0-1 palla al centro
    • Michael Lake scrive:
      Re: Linux indietro
      Linux è stato il primo O.S. a supportare l'USB 3.0, grazie al driver (che ora credo sia integrato nel kernel) scritto da Intel. Link: http://punto-informatico.it/2643610/PI/News/linux-fa-amicizia-usb-30.aspxInformarsi prima di FUDdare, please :)
    • Oh por nanin scrive:
      Re: Linux indietro
      Hai fatto una pessima figura.Riprovaci, magari sarai più fortunato. Né?
      • cianoz scrive:
        Re: Linux indietro
        - Scritto da: Oh por nanin
        Hai fatto una pessima figura.
        Riprovaci, magari sarai più fortunato. Né?Quoto a mille.Informarsi prima di scrivere eresie.
  • pietro scrive:
    è già in ritardo
    per le periferiche lente va bene USB2 per quelle veloci sta arrivando Light Peak, che manda in cantina USB3 prima ancora che inizi a diffondersihttp://www.itespresso.it/it/news/2009/09/29/intel_svela_light_peak__il_prossimo_usb
    • Rasputinik scrive:
      Re: è già in ritardo
      - Scritto da: pietro
      per le periferiche lente va bene USB2 per quelle
      veloci sta arrivando

      Light Peak, che manda in cantina USB3 prima
      ancora che inizi a
      diffondersi

      http://www.itespresso.it/it/news/2009/09/29/intel_Ci ho pensato anche io, ma alla fine sono arrivato a questa conclusione: anche firewire era più veloce di usb 2, dopo un prima discreta diffusione alla fine che ne è rimasto?
      • Nocs scrive:
        Re: è già in ritardo
        Ahaha fra 10 anni trasferire un BR in 30secondi...E a me? 10 anni fa c'erano i floppy...A parte il discorso costi la diffusione di USB è totale..difficile rimpiazzarlo
        • pietro scrive:
          Re: è già in ritardo
          stanno facendo molto in frettahttp://www.macitynet.it/macity/aA40015/intel_light_peak_non_e_una_idea_apple.shtml
      • pippuz scrive:
        Re: è già in ritardo

        Ci ho pensato anche io, ma alla fine sono
        arrivato a questa conclusione: anche firewire era
        più veloce di usb 2, dopo un prima discreta
        diffusione alla fine che ne è
        rimasto?"Ora il punto è se lo USB group adotterà Light Peak per la transizione alle comunicazioni ottiche. Ma sembrerebbe che ci si siano buone chance."
      • pietro scrive:
        Re: è già in ritardo
        io ho un ottimo disco da 1 Tb firewire 800, ho speso poco di più di un USB2 ma è il doppio più veloce. Se tutti continuano a usare USB2 vuol dire che non hanno bisogno di qualcosa di superiore.
        • pippuz scrive:
          Re: è già in ritardo
          - Scritto da: pietro
          io ho un ottimo disco da 1 Tb firewire 800, ho
          speso poco di più di un USB2 ma è il doppio più
          veloce. Se tutti continuano a usare USB2 vuol
          dire che non hanno bisogno di qualcosa di
          superiore.un disco firewire costa mediamente 30-40 in più rispetto al suo omologo dotato solamente di interfaccia USB 2.0. Tieni presente, poi, che il 99% dei computer (se non il 100%) è dotato di un'interfaccia USB, mentre la percentuale scende di mooooooolto se parliamo di Firewire.Tecnologicamente non c'è storia: l'USB2 è più lenta, è meno duttile (con la firewire puoi collegare due videocamere tra loro e trasferire dati, con la usb devi sempre passare dal pc), ha un carico sul proXXXXXre molto più elevato della firewire. Ma di esempi di tecnologie "migliori" che non si sono poi imposte è pieno il mondo...
          • mura scrive:
            Re: è già in ritardo
            - Scritto da: pippuz
            un disco firewire costa mediamente 30-40 in più
            rispetto al suo omologo dotato solamente di
            interfaccia USB 2.0. Un cassettino fw 800 sta a circa 60-65 euro contro i 30-35 di un cassetto usb2, se ti accontenti di un cassetto fw400 (comunque più performante di un qualunque usb2) te la cavi con 40-45 euro, alla fine non è una spesa così insostenibile specie se ti serve veramente quella velocità in più.PS: ho volutamente parlato dei soli cassetti esterni in quanto il costo del disco fisso interno è comune a tutti e quelli già brandizzati sono di poco più costosi dell'accoppiata cassetto esterno + hd (ma anche qui resta una cifra più o meno comune a tutti)
          • Matx scrive:
            Re: è già in ritardo
            E' sbagliato dire il firewire è migliore e l'usb è peggiore o robe del genere, sono tutte e due buone tecnologie...Il firewire è ottimizzato per avere delle performance molto alte, e per ottenere questo bisogna usare dei controller abbastanza costosi. L'usb invece è ottimizzato per essere molto economico da implementare a spese delle performance.Quindi se volete alta velocità e vi va bene pagare quei 10-20 in più usate il firewire, altrimenti se volete avere un dispositivo il più economico possibile e non vi interessa se non è proprio un razzo usate l'usb.Alla fine quindi sono tutte e due buone tecnologie, solo che una è ottimizzata per una cosa ed una per un'altra.
  • francososo scrive:
    quando l'usb 3.0 verrà messa.....
    quando l'usb 3.0 verrà messa nelle motherboard , i risultati saranno visibili !
Chiudi i commenti