Tech Italy Advocates: startup, l'Italia che ci crede

Tech Italy Advocates nasce per consentire all'ecosistema italiano di scalare a dimensione globale, esprimendo appieno il potenziale delle startup.

Tech Italy Advocates: startup, l'Italia che ci crede

Tech Italy Advocates : un meritevole principio racchiuso in tre parole e negli sguardi di coloro i quali nella serata di ieri hanno partecipato all’evento di lancio dell’iniziativa. Tutto nasce da Enrico Noseda e Anders Nilsson , dai quali l’iniziativa prende piede alla ricerca di ampio supporto. Perché questa dovrà essere la forza del movimento: la partecipazione, il networking, la community. Con uno scopo preciso di fronte: aiutare l’ecosistema italiano delle startup ad emergere ed a esprimere appieno un potenziale oggi in larga parte inespresso.

Tech Italy Advocates

Tech Italy Advocates altro non è se non la decima emanazione della Global Tech Advocates fondata da Russ Shaw (anch’esso presente al lancio milanese della divisione italiana). Tutti coloro i quali collaboreranno all’iniziativa lo faranno come sponsor, partner o collaboratori che danno il proprio contributo a titolo gratuito. Il valore non emergerà dall’offerta di un servizio, ma dalla creazione di un ecosistema più forte e più sano dal quale può trarne beneficio l’intero sistema paese.

E forse il problema principale emerso durante la presentazione è proprio in questa parola: “paese”. Una struttura campanilistica sulla quale l’Italia è stata formattata nei secoli e dalla quale ora fatica a liberarsi nel momento in cui ha la possibilità di scalare per creare valore ad una dimensione superiore. Dentro la propria dimensione locale l’Italia ha saputo infatti creare grandi talenti e grande creatività, coltivando da sempre una forte cultura tanto umanistica quanto scientifica, ma al tempo stesso ha spesso sterilizzato le proprie possibilità nella limitata ricerca di una affermazione locale. All’interno di un mondo globalizzato, però, soltanto il superamento dei confini può consentire la vera nascita degli “unicorni”: solo le startup che sanno davvero guardare alla dimensione globale potranno trovare le risorse necessarie per potersi imporre.

Presentazione Tech Italy Advocates

 

Limiti e opportunità per le startup italiane

I limiti contro i quali l’Italia deve scontrarsi sono anzitutto la mancanza di Venture Capital di una certa dimensione e la carenza di una visione globale : in quest’ultimo caso la proiezione locale e l’ostacolo linguistico sono in molti casi quanto sufficiente per tracciare una linea oltre la quale il proprio nome e le proprie idee non hanno la possibilità di presentarsi, e quindi di essere apprezzate, e quindi di poter attrarre capitali. Emil Abirascid , alla guida di Startupbusiness, in occasione della presentazione della Tech Italy Advocates è chiaro in tal senso: si investe in aziende e non in nazioni, quindi il problema italiano non è l’Italia in sé: il problema è anzitutto nell’incapacità degli imprenditori italiani di costruire una ambizione globale che proietti le proprie aziende laddove possano ottenere il maggior vantaggio competitivo. Anche spostare la sede potrebbe essere una soluzione, quando necessario, purché nessun vincolo rallenti la crescita.

Davide Dattoli , fondatore di Talent Garden, chiede infatti velocità d’azione alle startup nazionali e maggior pulsione al networking internazionale: occorre far rete, nutrirsi di idee altrui e proporre le proprie, unire e contaminare, essere parte di un ecosistema globale.

Essere parte di un ecosistema globale : esattamente lo scopo della Tech Italy Advocates il cui ruolo sarà non soltanto quello di favorire un miglioramento delle dinamiche interne all’ecosistema nazionale delle startup, ma anche quello di una maggior connessione dell’ecosistema italiano a quello internazionale. Perché lì ci sono i mercati, i capitali e le opportunità per fare della startup una azienda di livello assoluto.

L’iniziativa nasce in Italia con il supporto di Cariplo Factory. La convinzione è quella per cui l’Italia sia un crogiuolo di buone idee e grandi talenti, ma che tutto sia racchiuso all’interno di una dimensione (più culturale che altro) limitata. Da “good” a “great” , quindi: il futuro delle startup italiane non può che essere estremamente florido.

Emergere in Italia significa infatti emergere in un mercato estremamente complesso, il che dimostra che si hanno i numeri per poter emergere anche laddove le condizioni sono maggiormente favorevoli; al contempo gli ingredienti per poter costruire sani luoghi di sviluppo con importanti talenti a disposizione ci sono tutti. Quel che occorre trovare è la giusta dimensione, il giusto contesto, la giusta capacità di scalare per moltiplicare il valore. Il che andrà a vantaggio tanto degli startupper, quanto delle realtà corporate che vorranno investire in nuove idee ed in innovazione.

Il resto è storia, ma una storia ancora tutta da scrivere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    Re: mi piacciono gli avocado

    Si chiama storia (millenaria),cultura,tradizione
    ed e' la sua grande
    ricchezzaQuando esportiamo pizza sicuro... se vuoi parlare di tecnologia devi rimpiazzare tradizione con innovazione e per gli imprenditori italiani innovazione fa sempre rima con evasione.
  • asdasd scrive:
    startup
    In italiano si dice neoimpresa
  • panda rossa scrive:
    Re: Nome
    - Scritto da: MaX
    Ogni tanto un po' di fantasia nei nomi non
    farebbe male, magari riesumando un po' di latino
    che fa figo. "Advocates" proprio non suona
    bene.Come dice il vecchio proverbio:chi sa, fa;chi non sa, insegna;chi non lo pigliano ad insegnare, fa il giornalista;chi non lo pigliano manco a fare il giornalista, fa il markettaro.Come puo' chi sta al posto piu' infimo della scala, che parla a malapena il dialetto di borgata, conoscere il latino?
  • MaX scrive:
    Nome
    Ogni tanto un po' di fantasia nei nomi non farebbe male, magari riesumando un po' di latino che fa figo. "Advocates" proprio non suona bene.
  • poligono di tiro scrive:
    Re: mi piacciono gli avocado

    possiamo inventare per piazzare trappole fisiche
    o
    digitali?"ma cosa fanno questi non l'ho capito e' una buzzword dall'inizio alla fine di frasi fatte e fuffa comunque"Una struttura campanilistica sulla quale l'Italia è stata formattata nei secoli"Si chiama storia (millenaria),cultura,tradizione ed e' la sua grande ricchezza
  • bubba scrive:
    mi piacciono gli avocado
    mi piacciono gli avocado.. specie d'estate :Dseriously, speriamo che sta roba non abbia al centro "Quali nuovi espedienti per il marketing possiamo inventare per piazzare trappole fisiche o digitali?"
  • Nasce Inodore scrive:
    l'Italia che ci crede
    [img]http://memegenerator.net/img/instances/43656314/si-certo-come-no-ci-sto-credendo.jpg[/img]
Chiudi i commenti