Tecnologia/ Diritto sì, ma di chi?

Punto Informatico incontra Andrea Monti, avvocato da molti anni impegnato sui fronti più caldi della rivoluzione tecnologica, per parlare di diritto d'autore, SIAE, copia personale e libertà di espressione


Roma – “Sul diritto d’autore, le guerre di lobby, i privilegi era tutto già scritto, tutto già detto. A questo punto per rimettere le cose nel giusto binario occorrerebbe che il legislatore smettesse di fare esclusivamente gli interessi di una potente minoranza a scapito degli interessi legittimi di cittadini e imprese”.

Non si perde in chiacchiere e va subito giù duro e al sodo Andrea Monti , avvocato di Pescara, esperto in diritto delle nuove tecnologie e presidente dell’associazione Alcei , giornalista pubblicista ed autore di diversi libri sull’ICT. Il suo blog è stato segnalato (unico italiano) come migliore blog per la libertà di espressione da Reporter senza frontiere . Di seguito gli stralci di una lunga chiacchierata sui nodi più caldi del copyright.

Andrea Monti: Intanto è meglio parlare di “diritto d’autore”… perché non siamo ancora una colonia americana e poi perché le peculiarità della nostra normativa non sono esattamente sovrapponibili a quella statunitense.

Punto Informatico: Che cosa intende per “tutto già scritto”?
AM: Sono ormai più di 10 anni che attraverso Alcei svisceriamo problematiche e avanziamo proposte. Alcune – anche se non ce lo riconosceranno mai – sono anche “filtrate” (per esempio, qualche tribunale ha cominciato ad affermare che è inutile sequestrare un intero computer quando si cercano solo i contenuti di un disco rigido). Ma fino ad oggi il “muro di gomma” dell’informazione ha sempre impedito di affrontare certi temi.
Anche perché quando uno parla di un fenomeno che non si è ancora verificato tutti lo guardano con indifferenza. E quando poi le cose si avverano, anche un po’ con sospetto… Il problema è che purtroppo non ci sbagliavamo ed oggi viviamo tutte le contraddizioni di un sistema non adatto e non creato e calato per le potenzialità delle nuove tecnologie. Inoltre una serie di obbrobri normativi varati con la velocità di un lampo (!) per difendere le lobby vicine alla politica – vedi, appunto, la legge sul diritto d’autore – non hanno che peggiorato la situazione. E si tratta di lobby legate sia alla destra che alla sinistra, sia ben chiaro”.

PI: Che cosa si può fare oggi?
AM: Bisogna recuperare una dimensione di educazione e civiltà. Recuperare quel “patto fra galantuomini” che regolava la Rete dei primi anni. Può suonare nostalgico e antistorico, ma se non si capisce che – come dice Giancarlo Livraghi – “la rete è fatta di persone” continueremo a inseguire questa o quella moda tecnologica (specie legislativa) lasciando indietro ciò che conta veramente.
Costruire “fiducia” – anche in senso giuridico – per dare certezza alle transazioni online; dare la possibilità a chi “crea” (a chi crea, non a chi sfrutta la creazione altrui) di essere equamente ricompensato per ciò che mette a disposizione della collettività. Responsabilizzare – e punire, se del caso – chi per puro calcolo economico indebolisce la sicurezza delle infrastrutture di rete producendo software difettosi e mal progettati (ma molto ben “presentati” all’utenza).
Poi sarebbe utile sfruttare la enorme possibilità di comunicazione offerta dalla rete per attivarsi, fare concretamente, agire. All’indignazione (facile da scrivere nei forum) devono seguire i fatti. Oggi sono preoccupato perché sempre di più spopola la logica dell'”Armiamoci e partite”. La rete offre uno strumento potente (e temuto dai potenti) per partecipare alle scelte che ci condizionano la vita. Limitarsi a scrivere “piove governo ladro” in questa o quella mailing list magari fa sentire meglio sul momento. Ma non produce effetti e lascia le cose come stanno. Non ho ancora capito se è paura di impegnarsi o disinteresse. In ambedue i casi non sarebbe una bella cosa.”.

PI: Chi è protetto dalla legge sul diritto d’autore?
AM: Non certo gli autori ma chi sfrutta economicamente il prodotto dell’ingegno. Soprattutto non tutela un autore che non voglia iscriversi alla Siae. Eppure non esiste obbligo di iscrizione ma tutti paghiamo la tassa su cd, dvd, masterizzatori e hard disk che vanno a “compensare” le cosiddette copie personali assolutamente legali, introiti che finiscono nelle casse delle varie Royalty Collecting Society.

PI: Una tassa singolare…
AM: “Una “tassa” (in realtà quella sui supporti non è una “tassa” in senso tecnico, ma del concetto di “tassa” conserva l’odiosità e l’ingiustizia) iniqua che colpisce tutti indistintamente e che grava su tantissime persone ed imprese che acquistano hard disk e dvd per archiviare dati e che non hanno nulla a che fare con canzoni, pirateria, Siae e diritto d’autore.

PI: Perché la copia personale è lecita…
AM: Se non fosse lecita allora qualcuno dovrebbe spiegarmi perché paghiamo questa “tassa”.


PI: Come vengono applicate le leggi in questo settore, che riguarda tutti?
AM: Spesso vengono utilizzate come una clava e sempre al servizio delle lobby. L’importante è fare paura, spaventare, mandare a processo più gente possibile… e non importa se poi la maggior parte di queste persone è assolta dopo cinque anni.

PI: Come sempre sono gli interessi economici a farla da padrone…
AM: Bisogna guardare ora agli interessi della maggioranza: ben vengano gli interessi delle major, della Siae ma per avvantaggiare una parte non dobbiamo discriminare l’altra. Basterebbe qualche politico serio, coscienzioso e svincolato che proponesse una legge equa: chi vuole proteggersi sotto il cappello della Siae lo faccia (è un suo diritto) chi invece non vuole deve essere altrettanto libero di non sottostare a quelle regolamentazioni. Attenzione, però, a parlare di “tutto gratis”… non cadiamo in questo equivoco”

PI: Cioè?
AM: Produrre sapere costa e non possiamo pensare di sfruttare il prodotto dell’ingegno di qualcuno senza dare niente in cambio. Credo che sia giusto e doveroso ricompensare chi, con il proprio lavoro, fa qualcosa di buono per la collettività. Consentendogli di vivere della sua opera, gli consentiamo di continuare a regalarci Sapere.
Ecco perché sono contrario ad ogni forma di esproprio proletario o simili, anche e soprattutto quando è commesso da chi con gli autori non ha nulla da spartire e si avvantaggia iniquamente del loro lavoro. Sì, perché la “usurpazione” dei diritti la commettono anche quegli editori che “legano mani e piedi” un autore impedendogli addirittura di disporre della propria creazione.
Ecco che ritorna il discorso della civiltà di cui parlavamo prima. Prendiamo il caso di Pegasus mail : un programma ottimo ed utilizzato da milioni di persone. David Harris ha lavorato per 15 anni ed ha rilasciato numerose versioni del programma gratuitamente. Ora rischia di chiudere i battenti per mancanza di fondi. E’ solo un suo problema? Quanti fra quelli che per tanto tempo hanno usato il suo programma hanno acquistato, anche solo una volta, i manuali in modo da finanziare il progetto? Cosa sarebbe successo se ogni utilizzatore avesse dato anche solo un euro? Ecco il punto: pagare il giusto. Harris e quanti come lui – che non sono affatto degli stupidi – hanno creduto nell’idea del baratto: “conoscenza” in cambio di “sopravvivenza”.

PI: Sapere libero, dunque, ma per persone con coscienza e civiltà pronte a pagare il giusto prezzo dello sforzo dell’ingegno…
AM: Sì, perché grazie all’impegno concreto di un gruppo di persone coscienziose sono nati Unix, Linux, ed altri “oggetti” che hanno cambiato la vita di ciascuno di noi.

PI: E poi c’è questa notizia… Il tuo blog che concorre ad un’iniziativa di Rsf che incoronerà il blog che più di altri incoraggia ed esercita la libertà di espressione
AM: www.ictlex.net raccoglie riflessioni e materiali sul diritto, sulla politica e sulla cultura della rete. Ci sono più di 500 testi, fra i quali tutti gli articoli (assolutamente militanti) che ho scritto in oltre dieci anni e molto poco politically correct. Inoltre conta almeno 700 iscritti alla mailing list, cosa non banale, visto che Ictlex ha contenuti molto tecnici.
Non saprei perchè Rsf abbia scelto proprio il mio blog. Io piuttosto mi domanderei come mai un solo blog italiano è nella lista. Sono veramente l’unico che realmente vuole impegnarsi, rischiare, assumersi la responsabilità di trattare temi scottanti? Non credo proprio. Però il fatto rimane e merita più di una riflessione.

a cura di Alessandro Biancardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    HO BOGNO DI UN CHIARIMENTO!AIUTATEMI!!!!
    HELP!!!!! :'( Ho bisogno di un chiarimento per favore!Ma poter fare telefonate illimitate in tutta Italia verso numeri di rete fissa Telecom Italia che significa?Posso cioè telefonare a qualsisi numero fisso in Italia o quell'aggiunta 'Telecom Italia' nasconde qc?Se s'intende che per numeri di rete fissa di utenti passati ad altri gestori si paga un extra,oltre quel fisso di 15 euro mensili,sarebbe assurdo perchè come possiamo noi sapere se coloro a cui chiamiamo 'appartengono'ad un altro gestore?Dal numero di telefono non si capisce di certo!Vi prego rispondetemi!Ho convinto i miei a farla e se ce l'inganno chi li sente!Non riesco a trovare la risposta ai miei dubbi da nessuna parte!Per favore!GRAZIE!
  • Anonimo scrive:
    il solito bidone....
    ho chiamato il 187 e mi hanno spiegato...tutto....: E' il solito bidone, conviene solo x chi fa molte telefonate ogni mese, l'alternativa rimane sempre parla.it della telecom francese che x 20 euro al mese ti offre chiamate illimitate in tutta europa;poi vi e' il solito vecchio problema che la ns telecom non permette di avere solo l'adsl senza telefono...., x cui chi naviga con alice e' fregato doppiamente...., oltre ad avere il prezzo piu' alto x la flat adsl, non puo' neanche farsi il voip ed evitare di pagare il canone.....; NON VEDO L'ORA CHE IN ITALIA ARRIVINO AZIENDE STRANIERE, DEI NS LADRI NOSTRANI NON SE NE PUO' PIU'.....
  • Anonimo scrive:
    tiscali, che ladri
    tiscali propone a 19 euro il voip ma non tutti sanno che ci sono scatti alla risposta per ogni telefonata fatta pari a 7,75 eurocent.significa che se faccio 100 telefonate paghero' oltre al 19 euro anche altri 7 euro e 75 centesimise non mi credete chiedete bene al call centerma insistete perche' e' cosi'
  • Anonimo scrive:
    Consiglio.....secondo voi....
    Correggetemi se sbaglio.....please.....Per chi, come me, usufruisce di una connessione analogica a 56k e paga 120 ? a Wind ( Offeta TempoZero ) per traffico internet illimitato e chiamate urbane ed interurbane illimitate, più il canone telecom di 15 ?, quindi in totale 135 ?, non converrebbe aderire ad Alice Mia Voce? Sarebbero 75 ? per tutto:ADSL 4 Mega 44,90+Opzione Mia voce 15,00+Canone 15,00=___________________________ Totale 75 ?60 euro in meno rispetto a ciò che pago ora....mi sembra un gran risparmio...o ho sbagliato qualcosa?Saluti
  • X-CASH scrive:
    E il digital divide cresce...
    Ora oltre alla banda larga il digital divide si misurera' anche in base a quanto spenderai per telefonare... ora nemmeno piu' le telefonate sono uguali a quelle di chi ti sta ad 1km...Che bello...Ragazzi colgo l'occasione per segnalare un sito contro il digitaldivide in Italia -
    http://www.antidigitaldivide.org
  • Anonimo scrive:
    Facciamo due conti
    Facciamo due conti: Canone 14,95+ VOIP 15,00+ Alice 4,95=Totale 34,9In linea con l'offerta tuttoincluso di Wind Infostrada... che Telecom inizi a preoccuparsi della concorrenza ?byeAlbert
  • Anonimo scrive:
    Chivi ha dato questo consiglio marketing
    Erano due gg che non venivo su PI e mi son ritrovato l'interfaccia impostata al 100%. Ma avete consultato qualcuno che si occupa di marketing?Se no, allora fareste meglio a farlo e non potrebbe non dirvi che impostare le pagine al 100%, e quindi aumentare in orizzontale la lunghezza del testo, porta ad un affaticamento della lettura.Questo significhera' meno articoli letti e quindi meno pagine visitate.Ve ne accorgerete consultando a medio e lungo termine il numero di pagine visite a parita' di accessi.Mazzi avvisati, mezzi salvati :D
  • Anonimo scrive:
    Interessante....
    e/o una probabile risposta ahttp://web.skype.com/home.it.htmle a Grillo:-)
  • Anonimo scrive:
    Non è un gran risparmio
    Dipende da quante urbane e interurbane si fanno. Infatti l'offerta non comprende le chiamate internazionali e quelle ai cellulari (e sappiamo che sono queste ultime che gonfiano le bollette)Quindi se durante il mese si spendono più di 20 euro di chiamate urbane e interurbane, allora conviene.Altrimenti si regalano dei soldi a Telecom.
  • Anonimo scrive:
    e chi l'adsl non ce l'ha?
    Insisto con il fatto che telecom dovrebbe pensare a coprire maggiormente il territorio con i servizi adsl e soprattutto nel frattempo offrire alternative VALIDE per chi non e' raggiunto dal servizio. Non voglio fare polemica ma tutti dovrebbero avere pari opportunita' o quantomeno simili nel tipo di servizio e nel costo. Telecom puo' e nello specifico a parer mio dovrebbe essere obbligata, ad offrire flat pstn a costi decenti ma non vuole farlo. E questo non mi torna.
  • Anonimo scrive:
    Non è un gran risparmio
    Dipende da quante urbane e interurbane si fanno. Infatti l'offerta non comprende le chiamate internazionali e quelle ai cellulari (e sappiamo che sono queste ultime che gonfiano le bollette)Quindi se durante il mese si spendono più di 20 euro di chiamate urbane e interurbane, allora conviene.Altrimenti si regalano dei soldi a Telecom.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è un gran risparmio
      Infatti, a me hanno già cominciato a spaccarmi il c..o con le offerte commerciali, ma dopo un rapido controllo delle mie bollette mi sono subito accorto che è una nuova inc...a.Poi mi è cascato l'occhio sul canone mi sono incazzato ancora di più: incide per più del 70% sulla mia bolletta... cose di pazzi!Che dire, tante grazie a Prodi e a quei somari del CS che ai tempi regalarono tutto l'hardware a telecom, compliments! e ora dovremmo pure rivotarlo per toglierci dalle balle il nano, ...mi viene da piangere!che tristezza.:'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è un gran risparmio
        Infatti il problema della concorrenza lo risolviamo togliendo a telecom la proprietà delle linee.Economicamente parlando, le telefonate su fisso non incidono per niente sulla mia bolletta. Se anche me le regalano non risparmierei niente. Bisogna iniziare a lamentarsi per i costi stratosferici per chiamare i cellulari e per farsi abbassare il canone
  • Anonimo scrive:
    Qualche imprecisione nell'articolo...
    giusto per fare l'avvocato del diavolo: la news sul sito e' comparsa a marzo e ci sta ancora (http://www.187.it/cgi-bin/di_187/di/187/jsp/demand/news/vediNews.jsp?BV_UseBVCookie=Yes&oid=536900764), basta andare su info consumatori - 187 news; l'offerta e' in homepage sul sito 187.it: se la volessero tenere nascosta non pensate che in homepage non ci sarebbe?
  • yusaku scrive:
    HIP...HIP...HURRA!
    Per Telecom!grazie Telecom, anche per questo:http://tele2it.interact.lu/chap03/c030601.htmlhttp://www.tele2.fr/internet/haut-debit/adsl.html
  • Anonimo scrive:
    si dimentica un piccolo particolare
    per fare una roba del genere con Telecom Italia devo-pagare il canone Telecom base (che sono 30 e rotti euro al bimestre)-pagare alice mia (altri 4euro e rotti al mese)-pagare questi 15euro di canone per avere le chiamate voip "flat", ma che flat poi che tanto devo...-pagare il traffico effettuato a consumo (che se non ricordo male si aggira sui 2euro l'ora quindi mica pizza e fichi)Ma chi caz me lo fa fare quando posso mettere una adsl flat solo dati su doppino separato senza pagare il canone e fare eventualmente una flat voce solo voip?Bah, a me pare una porcata di offerta...
    • Anonimo scrive:
      Re: si dimentica un piccolo particolare
      - Scritto da: Anonimo
      per fare una roba del genere con Telecom Italia
      devo
      -pagare il canone Telecom base (che sono 30 e
      rotti euro al bimestre)
      -pagare alice mia (altri 4euro e rotti al mese)
      -pagare questi 15euro di canone per avere le
      chiamate voip "flat", ma che flat poi che tanto
      devo...Fin qui ok.....
      -pagare il traffico effettuato a consumo (che se
      non ricordo male si aggira sui 2euro l'ora quindi
      mica pizza e fichi)Nell'articolo si dice questo: "Ciò che soltanto Telecom Italia riesce al momento a fare, poiché proprietaria della rete, è un'altra cosa: un piccolo gioco di prestigio. Permettere anche agli utenti con ADSL a consumo di chiamare in VoIP a tariffa flat, con Alice Mia Voce. Ossia senza pagare il tempo di connessione quando telefonano. "Quindi per le chiamate voce non si paga la connessione adsl....Effettivamente l'offerta complessiva non è molto conveniente dal punto di vista strettamente economico. Potrebbe interessare quelli che vogliono più linee, tipo isdn e quelli che, non potendosi staccare da Telecom,hanno una forfait a 40 euro/mese.
      • Anonimo scrive:
        Re: si dimentica un piccolo particolare


        non ricordo male si aggira sui 2euro l'ora
        quindi

        mica pizza e fichi)


        Nell'articolo si dice questo: "Ciò che soltanto
        Telecom Italia riesce al momento a fare, poiché
        proprietaria della rete, è un'altra cosa: un
        piccolo gioco di prestigio. Permettere anche agli
        utenti con ADSL a consumo di chiamare in VoIP a
        tariffa flat, con Alice Mia Voce. Ossia senza
        pagare il tempo di connessione quando telefonano.
        "
        Ah avevo letto al volo e non mi ero accorto di questo passaggio. Chissa' che bei casini salteran fuori con fatturazioni segate (tipo ore calcolate quando invece non dovevano esserlo e viceversa).Cque anche cosi' non mi pare cosi' conveniente
  • opazz scrive:
    EVVAII....
    ...come t'ammazzo il mercato..Siamo sempre più "impolipati" con TI. Chi poteva e voleva scappare se vuol farlo l'ha fatto, o gli è rimasto davvero poco tempo...TI non avendo problemi, al momento neanche dal punto di vista penale, visto che gli è stata di recente tolta la multa, può nonostante dominante, continuare a fare il bello e il cattivo tempo delle telecomunicazioni telematiche in italia.Alla faccia del libero mercato..Gli altri operatori oramai, tirano fuori le più grandi fantasticherie possibili o quantomeno soluzioni "per pochi" vedi lo shared access di tiscali ad esempio..Ieri penso poi che si sia superato il limite tra pubblicità ingannevole, o meno..La pubblicità Fastweb... Sia da Tecnico, sia da CONSUMATORE, mi son sentito preso per il sedere da una pubblicità del genere.. L'unica ADSL a 6 MEGA con LA VELOCITA' CERTIFICATA...Leggi bene in piccolo e trovi scritto: "LA CERTIFICAZIONE E' QUELLA CHE IL CAVO DI CONNESSIONE POSSA SUPPORTARE TALE VELOCITA'" o un discorso molto simile ed equivalente..Mah.. prevedo una congestione della rete a breve, grazie a tutte queste offertucole..==================================Modificato dall'autore il 17/05/2005 9.15.40
  • Anonimo scrive:
    Unbundling: io posso?
    C'è un modo per sapere PRIMA se io nel mio paese posso attivarmi una VoIP ADSL solo linea (ovviamente non con Telecozza)? :o
  • Anonimo scrive:
    e' curioso.... la concorrenza....
    in un paese normale cerca di organizzarsi e non di gridare al lupo al lupo che tanto in cu*o lo prende sempre l'utente finale.
  • Anonimo scrive:
    certo che...
    ci sono piccole imprese del VOIP (www.vira.it) che in due mesi moltiplicano le tariffe anche del 2200% (duemiladuecento, studiare le tabelle per credere). Se dobbiamo fare il tifo per questi contro Telecom italia allora stiamo freschi...
    • Anonimo scrive:
      Re: certo che...
      scusa ma dov'è che hanno aumentato le tariffe????hanno tolto lo scatto alla risposta e portato il costo al minuto da 1.5 a 1.7 centesimi... hanno pure messo un'offerta professional che offre una tariffa FLATdove lo vedi il 2200% ?????????
      • Anonimo scrive:
        Re: certo che...
        prima era 1,5 senza scatto alla risposta e adesso è 1,7. Tutto questo mi appassiona poco perché non mi sembrano GRANDI TARIFFE... L'aumento incredibile è sulle tariffe internazionali. Guarda per esempio l'Argentina che passa da 1,2 centesimi a 26,4 centesimi (alla faccia del VOIP, a momenti è meglio la SIP), che fa appunto il 2200% di aumento.
  • vegetus scrive:
    Ma perche' accanirsi con l'Italia?
    Il VoIP e' ovunque!Broadvoice.com? Brujula.Net? Lingo.com? Sipphone.com?Ma vogliamo scherzare o vogliamo essere seri?Tiscali? Telecom? Ma perche' mai dovremmo.Dov'e' la novita'..... Il VoIP italiano?Ma fatemi il piacere!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
      Significa che posso utilizzare anche un operatore straniero ?GrazieGino
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
        No, significa che non ha capito un tubo della notizia
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
          Quindi non posso utilizzare un operatore straniero.Grazie lo stesso della risposta.Gino
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
            No, Gino, non è così. Probabilmente chi ti ha risposto prima non aveva voglia di spiegare. :( L'operatore straniero lo puoi usare, è solo che non ti può dare un numero geografico nazionale. Se lo usi solo per chiamare perchè no?Pensa ad un telefono ip come se fosse una casella di e-mail (forse sto esemplificando troppo?). Se configuri un portatile per ricevere delle e-mail da quella casella, ovunque tu sia, purchè ci sia una connessione ad internet e purchè tu sia autenticato correttamente, attacchi il portatile e ricevi e mandi la posta. E' la stessa cosa per un telefono ip. Una volta configurato con il proprio "indirizzo", se l'infrastruttura lo consente, tu lo agganci alla rete e quello ti permette di telefonare. Quindi che tu faccia un contratto con un italiano o con uno straniero non ha alcuna importanza, a parte il fatto che nel secondo caso il tuo telefono sarà raggiungibile con una numerazione straniera.Ciao da Sandro- Scritto da: Anonimo
            Quindi non posso utilizzare un operatore
            straniero.
            Grazie lo stesso della risposta.
            Gino
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
      Le offerte che proponi sono interessanti. Considera però che con un Voip nostrano guadagni un numero geografico italiano, cosa che ti permette di sbarazzarti di Telecom, e relativo canone, anche per ricevere chiamate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
        Uno potrebbe anche sbarazzarsi di telecom aderendo all'offerta di un provider voip italiano, ricevere sul numero italiano e telefonare con uno americano.... sembra complicato, ma, hardware permettendo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma perche' accanirsi con l'Italia?
          - Scritto da: Anonimo
          Uno potrebbe anche sbarazzarsi di telecom
          aderendo all'offerta di un provider voip
          italiano, ricevere sul numero italiano e
          telefonare con uno americano.... sembra
          complicato, ma, hardware permettendo...Dal punto di vista hardware è pittosto banale... anche gli adattatori più economici sono multi-account, per non parlare dei router voip (io ne ho uno che arriva a 10 account X 2 linee)... esistono provider che forniscono numeri geografici gratuitamente (www.messagenet.it) che puoi associare ad offerte valide, anche italiane, come www.media.it (chiamata a 2,4 cent, indipendentemente dalla durata, senza assegnazione di numero). Ricorda che un account voip è sostanzialmente costituito la login, password ed indirizzo del server_sip... quindi facile da inserire nel software o (meglio) hardware destinati allo scopo.L'esempio dell'account di posta elettronica è a mio parere molto calzante!
  • Anonimo scrive:
    Roba da urlo.....
    finche' ci sara' il monopolio telecom nn ci potra' mai essere vera concorrenza.....ne' sul voip ne' sull'adsl.....tanto vale che lo stato si riappropri di telecom....almeno i ns soldi nn andrebbero in giro per l'europa a far felici i francesi con l'adsl a 9,90€ al mese....e cosi' magari....ci sarebbe un potenziamento VERO della struttura per abbattare il tanto decantato digital divide......ma tante' che siamo in italia.....e siamo in balia dei soliti 4 noti......ormai c'e' poco da sperare...e piuttosto rassegnarsi e renderci conto che siamo derisi da mezzo globo.....salutiMartin.
    • Anonimo scrive:
      Re: Roba da urlo.....
      certo, pensi che se telecom ritorna allo stato il berlusca non ci da una ripassata? poi i nostri soldi andrebbero a finire in sardegna in qualche villa in costruzione... non ho + parole per questa italia..
      • Anonimo scrive:
        Re: Roba da urlo.....
        - Scritto da: Anonimo
        certo, pensi che se telecom ritorna allo stato il
        berlusca non ci da una ripassata? poi i nostri
        soldi andrebbero a finire in sardegna in qualche
        villa in costruzione... non ho + parole per
        questa italia..Tanto ci vanno comunque. Telecom e' stata acquistata con soldi prestati dalle banche. Anche io potevo comprarmela se fossi stato "amico" di qualcuno che mi prestava i soldi.Una volta girato il debito all'azienda che hai comprato il gioco e' fatto: spremi gli utenti forte della tua posizione dominante e gli altri non si incazzano perche' una lauta fetta gliela rendi come interesse sui soldi che ti hanno prestato.Alla fine sono GLI UTENTI ad aver sborsato i soldi che hanno comprato telecom, ma senza avere telecom.(e lo stesso funziona anche con le autostrade)
    • Anonimo scrive:
      Re: Roba da urlo.....
      Lamentarsi e rassegnarsi non serve a nulla, bisogna agire.Se non vi sta bene portare altri soldi a Telecom con il VoIP, cercate delle alternative.Piuttosto spendo qualche cosa di più rispetto al VoIP di Telecom, e uso Skype.Le alternative ci sono, basta cercarle e diffonderne la notizia dell'esistenza; continuare a stare zitti e rassegnarsi non cambierà certamente le cose.
      • Anonimo scrive:
        Re: Roba da urlo.....

        Piuttosto spendo qualche cosa di più rispetto al
        VoIP di Telecom, e uso Skype.Questa è veramente bella, sei il solito perdente che fallisce nella vita per fare un dispetto agli altri! :)
  • Anonimo scrive:
    OT: nuovo punto informatico...
    correggete perche con firefox ci sono grossi problemi..ciauz
    • Anonimo scrive:
      Re: OT: nuovo punto informatico...
      - Scritto da: Anonimo
      correggete perche con firefox ci sono grossi
      problemi..Non solo! Anche coi monitor 15" (forse un pelino più diffusi di firefox ;) ) che, per forza di cose, a risoluzioni esagerate sono inutilizzabili (inoltre non tutti si collegano da casa, e non tutti vogliono tenere il browser massimizzato)...
      • kaioh scrive:
        Re: OT: nuovo punto informatico...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        correggete perche con firefox ci sono grossi

        problemi..

        Non solo! Anche coi monitor 15" (forse un pelino
        più diffusi di firefox ;) ) che, per forza di
        cose, a risoluzioni esagerate sono inutilizzabili
        (inoltre non tutti si collegano da casa, e non
        tutti vogliono tenere il browser massimizzato)...pensa che io adopero un 14 pollici a 800*600 acquistato 10 anni fa :s:s:s:sComunque tutto questo bianco acceca .:(PS , io non devo fare lo scroll orizzontale come accenanto da alcuni==================================Modificato dall'autore il 17/05/2005 1.03.26
    • Anonimo scrive:
      Re: OT: nuovo punto informatico...
      - Scritto da: Anonimo
      correggete perche con firefox ci sono grossi
      problemi..
      ciauzmbo' io lo vedo benissimo
      • Anonimo scrive:
        Re: OT: nuovo punto informatico...


        correggete perche con firefox ci sono grossi

        problemi..

        ciauz

        mbo' io lo vedo benissimoconfermo... FreeBSD 5.x Stable, FireFox 1.0.4L'unico problema per me (ed è colpa mia) è che anche in 1024x768 devo scrollare la pagina in orizzontale, perchè ho la barra di xfce a sxP.I. P.I. .... perchè hai voluto passare alla 1024x768 :'(
      • zirgo scrive:
        Re: OT: nuovo punto informatico...
        idem qui da me...1024x768, konqueror 3.4 massimizzato mi scrolla leggermente in orizzontale.Il layout cmq è orrendo...PI, che ne dici di ridurre un pochetto il menù di sinistra?A me pare esageratamente grande...Cmq fa piacere vedere che PI si rinnova...peccato che siate legati ancora a quell'ASP...==================================Modificato dall'autore il 17/05/2005 1.04.28
        • Anonimo scrive:
          Re: OT: nuovo punto informatico...
          - Scritto da: zirgo
          idem qui da me...1024x768, konqueror 3.4
          massimizzato mi scrolla leggermente in
          orizzontale.
          Il layout cmq è orrendo...Sei uno smanettone e si vede, PI ha seguito un approccio table-less (quasi tl, qualche table è rimasta) consentendo un risparmio sul peso medio delle pagine di circa il 35% (li calcolammo in un thread sul forum dei Pro e Contro).E la banda è stata sempre un collo di bottiglia ultimamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: OT: nuovo punto informatico...

            Sei uno smanettone e si vede, PI ha seguito un
            approccio table-less (quasi tl, qualche table è
            rimasta) consentendo un risparmio sul peso medio
            delle pagine di circa il 35% (li calcolammo in un
            thread sul forum dei Pro e Contro).
            E la banda è stata sempre un collo di bottiglia
            ultimamente.tutto giusto quello che dici ma il layout e' proprio brutto e personalmente trovo piu' difficolta' nella lettura rispetto a prima. Non tanto nel fatto stesso di saper leggere ma nello stare davanti al pc. Come gia' detto, e' accecante.Aggiungere un po' di colore non appesantisce il codice se non di pochi byte per le definizioni.
    • kaioh scrive:
      Re: OT: nuovo punto informatico...
      Per ora l'unica cosa che con FF da problemi è che ogni tanto si il form delle icone e lampeggia come ombra un po' sfalsata verso sinistra .Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.0; en-US; rv:1.6) Gecko/20040206 Firefox/0.8f
      • Anonimo scrive:
        Re: OT: nuovo punto informatico...

        Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.0; en-US;
        rv:1.6) Gecko/20040206 Firefox/0.8Firefox 0.8 ? :oA quando un aggiornamento? :D:p
        • kaioh scrive:
          Re: OT: nuovo punto informatico...
          - Scritto da: Anonimo

          Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.0; en-US;

          rv:1.6) Gecko/20040206 Firefox/0.8


          Firefox 0.8 ? :o

          A quando un aggiornamento? :D:pquando lo riterrò opportuno :)per ora mi va tutto alla perfezione e quindi preferisco tenerlo cosi .
      • Anonimo scrive:
        Re: OT: nuovo punto informatico...
        ma xchè vi ostinate a usare quel cess*o di fireworks?da solo problemi con le visualizzazioni, e volete pure che vi sistemino i siti? ma per piacere, se volete vedere i siti in modo corretto usate IE, invece di ste porcate alternative. tanto fanno tutti la stesa cosa, tantovale usare quello che alla fine fa vedere i siti in modo corretto.
        • JoJo79 scrive:
          Re: OT: nuovo punto informatico...
          - Scritto da: Anonimo
          ma xchè vi ostinate a usare quel cess*o di
          fireworks?

          da solo problemi con le visualizzazioni, e volete
          pure che vi sistemino i siti? ma per piacere, se
          volete vedere i siti in modo corretto usate IE,
          invece di ste porcate alternative. tanto fanno
          tutti la stesa cosa, tantovale usare quello che
          alla fine fa vedere i siti in modo corretto.Bravo, adesso torna nel trollaio però!
          • Anonimo scrive:
            Re: OT: nuovo punto informatico...
            - Scritto da: JoJo79
            - Scritto da: Anonimo

            ma xchè vi ostinate a usare quel cess*o di

            fireworks?



            da solo problemi con le visualizzazioni, e
            volete

            pure che vi sistemino i siti? ma per piacere, se

            volete vedere i siti in modo corretto usate IE,

            invece di ste porcate alternative. tanto fanno

            tutti la stesa cosa, tantovale usare quello che

            alla fine fa vedere i siti in modo corretto.

            Bravo, adesso torna nel trollaio però!Caso mai il trollone di cui sopra non riesce a trovare la strada:http://punto-informatico.it/forum/poc.asp?tfid=1&fid=5(troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll) (troll)
        • kaioh scrive:
          Re: OT: nuovo punto informatico...
          - Scritto da: Anonimo
          ma xchè vi ostinate a usare quel cess*o di
          fireworks?

          da solo problemi con le visualizzazioni, e volete
          pure che vi sistemino i siti? ma per piacere, se
          volete vedere i siti in modo corretto usate IE,
          invece di ste porcate alternative. tanto fanno
          tutti la stesa cosa, tantovale usare quello che
          alla fine fa vedere i siti in modo corretto.lo usiamo perché reputiamo firefox superiore ad internet exploer perché accontentarsi di una cariola quando puoi usare una Lexus ?
    • Anonimo scrive:
      tutto apposto
      sono quello che ha fatto partire il thread.ho aggiornato firefox e ora e' tutto ok..scusate per il post ciauz
    • sh4d scrive:
      Re: OT: nuovo punto informatico...
      Tra l'altro a dirla tutta facevano molto comodo i link a Highscore nella stessa pagina, invece di digitare una nuova URL.
  • Anonimo scrive:
    canale virtuale ??
    il canale virtuale - always on citato nel articolo a cosa si riferisce ? a una vpn ? o a che altro ?
    • guattari scrive:
      Re: canale virtuale ??
      E' il VC, che è presso la centrale Telecom e corrisponde a un accesso dell'utente. Ci sono quindi due vc per gli utenti alice mia con l'adsl a consumo, uno per la navigazione e l'altro per telefonare.
      • Anonimo scrive:
        Re: canale virtuale ??
        - Scritto da: guattari
        E' il VC, che è presso la centrale Telecom e
        corrisponde a un accesso dell'utente. Ci sono
        quindi due vc per gli utenti alice mia con l'adsl
        a consumo, uno per la navigazione e l'altro per
        telefonare.E siamo all'assurdo. Prima si usava l'ADSL, che in genere, per persone sane di mente ( ora scopriamo che il 95% delle ADSL nelle case è a consumo, non immaginavo fosse così alta la percentuale di persone da ricoverare, l'ADSL a consumo è una contraddizione in termini... ), era sempre stata FLAT, per poterci passare dentro il VoIP e risparmiare sulle telefonate normali...Stiamo andando verso il mondo alla rovescia: spero che a qualcuno non gli venga in mente d'inventare un sistema per passare, invece, la connessione Internet *dentro* il canale VoIP flat, per risparmiare sull'ADSL a consumo!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: canale virtuale ??
          allora si può fare un contratto alice mia a consumo senza linea telefonica, e poi collegarsi col modem 56k sulla linea voip e spendere 15 ? al mese?che mandrakata, sono tentato
Chiudi i commenti