Telecom Alice: nessun blocco su eMule

Negli ultimi giorni alcuni utenti che usano eMule hanno segnalato un possibile blocco delle porte per gli utenti della celebre piattaforma P2P. L'azienda spiega: le porte sono aperte. Si indaga su possibili problemi tecnici


Roma – Si è registrato qualche giorno di buriana nella comunità italiana degli utenti eMule, dopo che è iniziata a circolare una voce secondo cui le porte abitualmente utilizzate dagli utenti del celebre sistema di sharing sarebbero divenute sostanzialmente inaccessibili agli abbonati ai servizi Alice ADSL di Telecom Italia.

Dopo quanto accaduto con Libero , la sensibilità degli utenti italiani sulla possibilità che il traffico internet dedicato al P2P possa essere soggetto a qualche forma di filtraggio è al massimo grado , e polemiche che appaiono in rete investono quotidianamente diversi gestori.

Sulla questione sono pervenute in questi giorni diverse email in redazione, se ne parla nei forum di PI e altre segnalazioni sono state riportate anche dalla comunità di Emule.it . Questa, proprio ieri ha pubblicato una nota in cui si afferma che “le porte 4662 e 4672, utilizzate da eMule per ricevere le comunicazioni dall’esterno” sarebbero state bloccate, “rendendo così difficile il funzionamento del sistema: i server accettano pochi id bassi (perché per ognuno devono spendere poche risorse) e kad fatica a trovare un “compagno” per funzionare (cioè qualcuno tramite cui fare ponte in caso di id basso). In pratica è come se gli utenti fossero dietro un router senza aver configurato le porte”.

Quanto avvenuto ricorda però più un problema tecnico temporaneo e limitato ad una parte dell’utenza che una nuova politica di filtri. Tanto più che Telecom Italia, interpellata da Punto Informatico, ha spiegato nel dettaglio che non esiste alcuna policy che possa prevedere un blocco di questo tipo e che quindi nessuna porta viene bloccata né il traffico filtrato in altro modo. Viste le segnalazioni, l’azienda ha confermato di essersi già attivata nell’indagare le problematiche di tipo tecnico con cui possono essersi scontrati un certo numero di utenti Alice.

Al di là del caso specifico, invece, in rete si continua a dibattere sulla possibilità che il futuro riservi una decisa manipolazione del traffico da parte degli operatori che possa penalizzare il P2P a favore di altre applicazioni di rete, come il VoIP. Una eventualità che, se si affermassero queste procedure, secondo qualcuno potrebbe violare le direttive europee che promuovono l’interoperabilità delle reti. Un argomento sul quale si sta dibattendo proprio in queste ore sulla mailing list Discussioni .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Oradelte scrive:
    OT) Re: Ma non avevano detto....
    - Scritto da: Anonimo
    state per votare Prodi, colui che più di tutti ha
    voltuto la brevettabilità del software qaundo era
    presidente della commissione europea, il peggiore
    tra tutti, a detta di tutti gli europei, colui
    che ben di peggio ha fatto in europa anche contro
    l'italia stessa.Perdona se non rispondo, ché il voto è segreto non per caso, la discussione aperta e non il preconcetto è ciò che dovrebbe guidarci. Se anche una vera ragione puoi imbellettare dinanzi a me dandole così un senso maggiore d'ogni altra, in verità molte altre ce ne sono, che con questo forum però ben poco hanno a che fare. Per questo qui a chi il mio voto andrà non sarò certo a dirlo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    state per votare Prodi, colui che più di tutti ha voltuto la brevettabilità del software qaundo era presidente della commissione europea, il peggiore tra tutti, a detta di tutti gli europei, colui che ben di peggio ha fatto in europa anche contro l'italia stessa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    - Scritto da: Oradelte
    Tal proposito m'inquieta, non per la violenza in
    se', sin troppo facile in un simil contesto,
    quanto per il merito di tanta veemenza, che se la
    politica foss'anche per poco presa come dovrebbe,
    cioe' sul serio, da chi la determina, cioe' gli
    elettori, tutt'altro avremmo che quel fango su
    cui ci si tormenta.
    E anche per i brevetti cio' s'adegua, il
    dibattito si segua e in europa ci si mandi chi
    della competenza ha l'insegna. Quando la ics
    ponete sulla scheda elettorale non è un atto di
    fede cio' che fate ma una delega cio' che date.ma che cosa sei??? parli a filastrocche? vuoi forse fuorviare le menti degli altri imprimendo, come già fanno le pubblicità, filatrocche pretenziose... ahaha
  • Oradelte scrive:
    Re: Ma non avevano detto....

    Sono politici e in quanto tali m***a sono e m***a
    è ciò che dicono. I politici sono una razza da
    estirpare.Tal proposito m'inquieta, non per la violenza in se', sin troppo facile in un simil contesto, quanto per il merito di tanta veemenza, che se la politica foss'anche per poco presa come dovrebbe, cioe' sul serio, da chi la determina, cioe' gli elettori, tutt'altro avremmo che quel fango su cui ci si tormenta.E anche per i brevetti cio' s'adegua, il dibattito si segua e in europa ci si mandi chi della competenza ha l'insegna. Quando la ics ponete sulla scheda elettorale non è un atto di fede cio' che fate ma una delega cio' che date.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    - Scritto da: yenaplyskyn
    Pochi mesi fa, dopo la disfatta al parlamento
    europero, non avevano detto che MAI PIU'
    avrebbero presentato proposte di brevettabilità
    in europa?
    Ma questa banda di maf...i che compone la
    Commissione Europea non ha proprio alcun ritegno?
    Ma che uomini sono?Sono politici e in quanto tali m***a sono e m***a è ciò che dicono. I politici sono una razza da estirpare.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....

    E questa finalita' (che per tua stessa ammissione
    non e' esplicita) da dove viene desunta?http://www.ip-watch.org/weblog/index.php?p=195&res=1024_ff&print=0
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    In effetti anch'io non ho trovato alcun riferimento al software in questo documento. Andrebbe chiarito se si tratta di una estensione dei brevetti attuali, che verrebbero così riconosciuti in tutta europa e non solo nel paese di origine o se si tratta di una nuova concezione di brevetto applicabile a qualsiasi cosa (e quindi anche al software).
  • Anonimo scrive:
    nuove bustarelle ...
    Bisogbna fare una nuova raccolta di bustarelle per il parlamento uropeo...e sperare che chi ha un briciolo di coscenza si venda per meno (rispetto a quelle delle multinazionali)....questa e' la vecchia sottoscrizione http://mjr.iki.fi/texts/patentfund.it.php :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    - Scritto da: Anonimo

    In realta' la consultazione in questione non

    c'entra *assolutamente niente* con la

    brevettabilita' o meno del SW.

    C'entra eccome. Non ci sono riferimenti
    espliciti, è vero, ma lo scopo della
    "consultazione" è quello di trovare la scusa per
    legittimare certe pratiche dubbie dell'EPO (che
    comprendono l'accettazione dei brevetti sul
    software nonostante la convenzione europea sui
    brevetti non li preveda).E questa finalita' (che per tua stessa ammissione non e' esplicita) da dove viene desunta?Gianluca
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....

    In realta' la consultazione in questione non
    c'entra *assolutamente niente* con la
    brevettabilita' o meno del SW.C'entra eccome. Non ci sono riferimenti espliciti, è vero, ma lo scopo della "consultazione" è quello di trovare la scusa per legittimare certe pratiche dubbie dell'EPO (che comprendono l'accettazione dei brevetti sul software nonostante la convenzione europea sui brevetti non li preveda).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non avevano detto....
    - Scritto da: yenaplyskyn
    Pochi mesi fa, dopo la disfatta al parlamento
    europero, non avevano detto che MAI PIU'
    avrebbero presentato proposte di brevettabilità
    in europa?
    Ma questa banda di maf...i che compone la
    Commissione Europea non ha proprio alcun ritegno?
    Ma che uomini sono?
    Hanno gli specchi nei loro alberghi di lusso?
    Bah!!!
    A me sinceramente iniziano a fare proprio schifo.In realta' la consultazione in questione non c'entra *assolutamente niente* con la brevettabilita' o meno del SW. Di brevetto comunitario come titolo di privativa unificato si parla da *anni* (i primi approcci sono "solo" del 1985), e la problematica dell'armonizzazione delle questioni giurisdizionali (o, addirittura, la creazione di una corte unica europea) non ha nulla a che vedere col software.Fino a quando non era disponibile un testo italiano i diversi discorsi che venivano fatti da queste parti potevano essere frutto di ignoranza (per scarsa competenza linguistica). Ora che non v'e' piu' neppure tale scriminante e' - e non puo' essere che - pura malafede e demagogia: sfido chiunque a trovare nel testo un riferimento alla brevettabilita' del software.Gianluca
  • yenaplyskyn scrive:
    Ma non avevano detto....
    Pochi mesi fa, dopo la disfatta al parlamento europero, non avevano detto che MAI PIU' avrebbero presentato proposte di brevettabilità in europa?Ma questa banda di maf...i che compone la Commissione Europea non ha proprio alcun ritegno?Ma che uomini sono?Hanno gli specchi nei loro alberghi di lusso?Bah!!!A me sinceramente iniziano a fare proprio schifo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sei lingue ...

    italiano, inglese e tedesco). Ha 19 anni. Se ce
    la fa lei non vedo perché un politico pagato non
    dovrebbe sapere almeno un inglese impeccabile e
    una terza lingua, oltre
    alla lingua madre. Se non le sa, non faccia il
    politico, o per lo meno il parlamentare europeo.immagina in quanti si studieranno l'ucraino.e magari in ucraina tutti parlano fluentemente l'inglese, ma fammi il piacere.e con i politici che ci ritroviamo non c'e' tanto da scherzare, ne' da sperare che studino qualsivoglia cosa.
  • avvelenato scrive:
    Re: Sei lingue ...
    - Scritto da: Anonimo
    Le lingue disponibili sono ora sei (oltre
    all'italiano c'è inglese, francese, tedesco,
    spagnolo e olandese) ...

    Secondo me alla base dei fraintendimenti ci sono
    le lingue, e poi penso a quei paesi che se la
    passano ancora male e a cui nessuno pensa, non
    sapranno neanche l'inglese.

    Poi penso che l'esperanto lo impari in mese e
    potrebbe rispettare le lingue nazionali ed essere
    accessibile a tutti in pochissimo tempo ... mah.

    e poi continuo a pensare, ma che cazzo penso a
    fare?
    sempre piu' tra i troll, sempre piu' troll.Una mia amica ucraina conosce 8 lingue, delle quali 5 le parla fluidamente (ucraino, rumeno, italiano, inglese e tedesco). Ha 19 anni. Se ce la fa lei non vedo perché un politico pagato non dovrebbe sapere almeno un inglese impeccabile e una terza lingua, oltrealla lingua madre. Se non le sa, non faccia il politico, o per lo meno il parlamentare europeo.
  • Anonimo scrive:
    Sei lingue ...
    Le lingue disponibili sono ora sei (oltre all'italiano c'è inglese, francese, tedesco, spagnolo e olandese) ...Secondo me alla base dei fraintendimenti ci sono le lingue, e poi penso a quei paesi che se la passano ancora male e a cui nessuno pensa, non sapranno neanche l'inglese.Poi penso che l'esperanto lo impari in mese e potrebbe rispettare le lingue nazionali ed essere accessibile a tutti in pochissimo tempo ... mah.e poi continuo a pensare, ma che cazzo penso a fare?sempre piu' tra i troll, sempre piu' troll.
  • Anonimo scrive:
    Re: La lotta infinita...


    Qualcuno potrebbe spiegarmi come mai una

    normativa già bocciata può essere ripresentata?


    Semplice basta avere tanti tanti tanti soldi, in
    questo
    mondo soldi = potere, ecco spiegato l'arcano....:(no, si tratta di colpevole leggerezza intellettuale, vale a dire stupida' congenita del sistema che degenera inevitabilmente nella corruzione clientelare.Non servono geni, ma persone abbastanza intelligenti da comprendere l'onesta' in loro stessi.cazzo.
  • alex.tg scrive:
    Re: LI TEMIAMO D' OCCHIO
    L'errore di battitura nel titolo e` un typo divertente :) Mi viene da pensare a uno che ha paura di ritrovarsi un brevetto in un occhio...
  • Anonimo scrive:
    LI TEMIAMO D' OCCHIO
    Quei FURBACCHIONI portaborse.Non ce la faranno sotto il naso.Gli faremo un cuXo così!
  • CoreDump scrive:
    Re: La lotta infinita...


    Qualcuno potrebbe spiegarmi come mai una
    normativa già bocciata può essere ripresentata?
    Semplice basta avere tanti tanti tanti soldi, in questomondo soldi = potere, ecco spiegato l'arcano....:(
  • eagleone scrive:
    La lotta infinita...
    Ma questa direttiva è come Terminator, è stata buttata giù dopo scontri e controscontri e ce la ritroviamo di nuovo tra i piedi, così non se ne va più a capo.....Qualcuno potrebbe spiegarmi come mai una normativa già bocciata può essere ripresentata?
Chiudi i commenti