Telemarketing, un registro anti-invadenza

Sarà il ministero dello Sviluppo Economico ad istituire una speciale lista per tutte quelle utenze contrarie alle chiamate per scopi promozionali. Ma le proteste non mancano

Roma – Un registro pubblico delle opposizioni : così è stato presentato da un recente comunicato stampa diramato dal ministero dello Sviluppo Economico. Che provvederà all’istituzione e alla successiva gestione di uno specifico elenco anti-invadenza, per consentire ai cittadini di difendersi dagli squilli del telemarketing.

Obiettivo, garantire ai cittadini del Belpaese la possibilità di iscriversi ad una lista di utenze telefoniche, tutte contrarie alle pressanti chiamate del telemarketing. Un registro pubblico, dunque, alla fine autorizzato dal Consiglio dei Ministri per raccogliere tutti quegli abbonati che non desiderano essere più contattati per scopi commerciali o promozionali .

Una mossa atta a salvaguardare la privacy dei vari utenti, non più raggiungibili dagli operatori del settore. L’iscrizione sarà ovviamente a discrezione degli abbonati, le cui richieste dovrebbero essere soddisfatte dagli operatori nel più breve tempo possibile .
E proprio quest’ultima previsione è stata duramente contestata , soprattutto da parte di chi ha sottolineato come debbano essere istituite multe salate a carico degli operatori più pigri . Sugli operatori dovrebbe pendere un limite temporale entro cui soddisfare le varie richieste, non semplicemente avere a disposizione una formula generica come “nel più breve tempo possibile”.

Soddisfatto , il senatore Alessio Butti, che ha difeso lo schema di decreto presidenziale. “È un provvedimento che prevalentemente va a difesa del consumatore – ha spiegato Butti – nella direzione di garantire il rispetto della privacy in un sistema come quello attuale per cui una persona presente su qualsiasi elenco pubblico può essere esposto a qualsiasi genere tipo di telefonate”.

Non dello stesso avviso il Garante della Privacy Francesco Pizzetti, recentemente intervenuto nel corso della sua relazione annuale. Registri come quello appena scelto non avrebbero in realtà funzionato in alcun paese, date le evidenti difficoltà che avrebbero i cittadini anziani nella manifestazione del proprio dissenso alla comunicazione commerciale.

L’istituzione del registro anti-invadenza dovrebbe comunque mettere fine alla violazione da parte del governo italiano della direttiva europea 2002/58/CE , alimentata dal decreto legge 207 del 2008. Una violazione che tuttavia è consentita fino a due mesi dopo l’istituzione dell’elenco . Che sia l’ultima calda estate del telemarketing?

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Akiro scrive:
    gruppo acquisto ?
    per chi fosse interessato ad un acquisto di gruppo per una palit gtx460 sonic da 1gb:http://www.lookingfor.it/main/scheda-grafica-Palit-GeForce-GTX-460-Sonic-1024MB-GDDR5-RFP48284029chissà che insieme non si riesca a spuntare un buon prezzo.
  • Nome e cognome scrive:
    Scaldano e consumano troppo
    Questa nuova architettura, peggiore della precedente, rende queste schede video letteralmente dei forni.Sia la 460 che la 480 hanno temperature di esercizio oltre i 105 °C per non parlare del consumo che supera i 300 W.La mia GTX 280 (architettura precedente) è durata sei mesi prima di rompersi a causa delle temperature troppo elevate e dopo altri 6 si è rotta di nuovo sostituita in garanzia.Sconsiglio vivamente di acquistarle e di valutare bene questi parametri in quanto la concorrente ATI produce schede altrettanto performanti ma non cvon temperature e consumi così estremi.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Scaldano e consumano troppo
      - Scritto da: Nome e cognome
      Questa nuova architettura, peggiore della
      precedente, rende queste schede video
      letteralmente dei
      forni.
      Sia la 460 che la 480 hanno temperature di
      esercizio oltre i 105 °C per non parlare del
      consumo che supera i 300
      W.
      La mia GTX 280 (architettura precedente) è durata
      sei mesi prima di rompersi a causa delle
      temperature troppo elevate e dopo altri 6 si è
      rotta di nuovo sostituita in
      garanzia.
      Sconsiglio vivamente di acquistarle e di valutare
      bene questi parametri in quanto la concorrente
      ATI produce schede altrettanto performanti ma non
      cvon temperature e consumi così
      estremi.Anche io con la GTX280 ho avuto non pochi problemi, nonostante sia una scheda davvero mostruosa, che probabilmente mi durerà ancora a lungo. Le ati sono belle, ma i driver per linux di nVidia sono insuperabili.
  • acad scrive:
    vendesi
    Vendesi gts 250 acquistata ne mese di maggio a 150 euro al posto della fermi da 400.....che rabbia.....al solito arrivo dopo.....
Chiudi i commenti