Telestreet, tv e rete all'assalto

Sono almeno una 20ina le tv di quartiere che sabato sfideranno le leggi e la RAI coniugando indipendenza televisiva, informazione e internet in un'iniziativa dal sapore liberatorio e antiguerra. Ecco di che si tratta


Roma – Un virus mediatico si libererà sabato 22 febbraio in alcune città italiane, un virus fatto di televisioni di strada, internet e irredentismo informativo. Un’ondata mediatica che si spinge direttamente contro l’informazione di Stato, gli abbonamenti RAI, la guerra e per la proposizione di un nuovo indipendentismo a metà tra televisione e telematica.

“Sabato 22 febbraio – si legge sul sito-manifesto di Telestreet – uscirà allo scoperto una flottiglia di telestreet. Da qualche mese in giro per l’Italia le telestreet si moltiplicano: gruppi di liberi cittadini che si dotano di una antenna e di un trasmettitore, e mandano immagini e parole nelle case del loro quartiere”.

Già, dopo le prime apparizioni di Orfeo Tv – che si definisce “microemittente” capace di coprire con le sue trasmissioni alcune centinaia di metri, di infilarsi nei coni d’ombra delle frequenze ufficiali e di contattare centinaia se non migliaia di cittadini – l’afflato “liberatorio” della tv di strada sta attirando tantissimi. Il tutto sotto l’ispirazione di “Bifo”, il “mitico” Franco Berardi, ancora una volta assieme a Giancarlo Vitali (“Ambrogio”) con cui tra le mille cose realizzò anche Radio Alice a Bologna.

Telestreet coniuga televisione e attivismo telematico. “Telestreet – continua il manifesto – è una forma diretta di democrazia della comunicazione, è il superamento della struttura verticale e centrica del sistema televisivo, è ibridazione della televisione con il modello orizzontale della rete”.

Nel manifesto di Telestreet anche una forte connotazione antiamericana. Gli USA vengono definiti un “impero” ipocrita e Bush un Caligola redivivo.

Sabato 22 febbraio una ventina di telestreet in varie città italiane trasmetteranno contemporaneamente nei loro quartieri, nelle loro strade. E sul sito si allunga la lista dei nomi delle televisione ribelli che si faranno vedere, sfidando la legge Mammì sulle radiofrequenze, una legge che viene vista come un ostacolo a quanto stabilito dall’articolo 21 della Costituzione, quello che garantisce a tutti i cittadini la libertà di espressione.

Palermo, Gaeta, Roma, Pisa, Siena, Firenze, Bologna, Milano sono solo alcune delle città nelle quali sabato si potrà assistere e partecipare a questa “rivolta della comunicazione”. Mettere su un impianto radiotrasmittente da strada, capace di una potenza di trasmissione ridottissima, richiede d’altra parte solo un piccolo investimento, sotto i mille euro.

“L’aria – è la promessa di Telestreet – diventerà più respirabile per tutti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    RedHat 8.0
    Io la sto installando adesso.Voglio trovare un S.O. alternativo a Windows (non ho pregiudizi) ma sono rimasto deluso dalle alternative...speriamo bene nell'omino col cappello.Vi faro' sapere.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: RedHat 8.0
      Niente mi ha dato errore in un pacchetto nell'installazione e si è bloccata!!! Porkkkkk!!!!!!!!Finisce sempre cosi' quando voglio cercare un S.O. alternativo, sarà la maledizione di Zio Bill !!!!Ora ci riprovo...A dopo!
      • Vaira scrive:
        Re: RedHat 8.0
        Io no ho mai avuto problemi, andrà da persona a persona.
      • Akiro scrive:
        Re: RedHat 8.0
        nell'installazione me la sono sempre cavata... è la configurazione che mi manda in paranoia! 8Dvoglio una distro che auto installa il modem adsl usb!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: RedHat 8.0
          Si io ho avuto problemi con i CD su cui ho masterizzato la distribuzione, purtroppo mi si è bloccato per un errore sul 1 CD e 1 sul 2 CD....ora provero' a rimasterizzarli e speriamo mi veda il Modem USB (IPM Datacom, Speedweb USB)Vorrei piano piano passare da Win a Linux ma non voglio perdere nemmeno l'1% di quello che faccio con Windows altrimenti non cambio...Vorrei tenere Win98 per i giochi e Linux per tutto il resto, compreso il download di Film, ufficio etc etc....ma se non riesco nel mio intento rimarro' purtroppo con Win (che è buggoso).Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: RedHat 8.0
          E perchè? ............................................................È proprio quello il bello!!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: RedHat 8.0
            Cosa, il fatto che non riesco a collegarmi ad Internet è bello??? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: RedHat 8.0
            No, il fatto di dover configurare a mano un sistema.Se si autoconfigura si perde il divertimento.Va bene sulle cose stupide e ripetitive l'autoconf.; ma sul resto meglio la manina, è molto più divertente.
          • Anonimo scrive:
            Re: RedHat 8.0
            Si per un verso hai ragione, ma siccome sono un Newbie di Linux, preferisco iniziare con l'autoconf e poi imparare a farlo a mano! Con Win ci ho messo anni ad imparare a fare le cose ma anche quando ho iniziato almeno qualcosina andava lo stesso....vorrei fosse uguale!Ciao
          • Akiro scrive:
            Re: RedHat 8.0
            no, per carità... il configurar è utile certo.. ma il non riuscirci manda in paranoia!sto impazzendo a configurar il modem usb adsl...mo' rifo tutto!
  • Anonimo scrive:
    Ben venga il prezzo ed il corso !
    Sono d'accordissimo con il prezzo per il corso, e' una cifra accettabile che ripaga nel vero senso delle parole l'impegno di chi si e' buttato in questa impresa. Speriamo che sia un corso ben fatto e ben gestito ! In bocca al lupo gente !!!Sapete se iniziative del genere ci siano anche a Genova ? Grazie :)
    • Akiro scrive:
      Re: Ben venga il prezzo ed il corso !
      infatti... per quel prezzo vale la pena di andare!!!peccato che son scadute le iscrizioni -_-
  • Anonimo scrive:
    95 euro?
    Lodevole l'iniziativa del MILUG, ma c'è da segnalare che in altre città i corsi di Linux organizzati dai LUG locali hanno carattere prevalentemente gratuito (al limite vengono accettate donazioni spontanee). Sinceramente, 95 ? mi sembra una bella cifretta...
Chiudi i commenti