The Daily, niente iAd

Occhi puntati sulla nuova creatura News Corp per tablet: dimostrerà se il modello a pagamento può sopravvivere? Per farlo, Murdoch sembra intenzionato a seguire la via autarchica

Roma – The Daily , la nuova (prossima) rivista di News Corp creata appositamente per iPad, non si appoggerà per la pubblicità al circuito di advertising di Apple iAd .

L’attesa che sta anticipando l’esordio della nuova creatura di Murdoch rappresenta l’interesse del settore per le possibili novità nell’editoria con l’avvento dei tablet. Nonostante un primo periodo caratterizzato soprattutto dalla curiosità generato dall’avvento di iPad, le riviste digitali per tablet non hanno significato per gli editori l’auspicata nuova epoca d’oro in grado di arrestare l’emorragia di profitti per cui è imputata principalmente Internet. Il modello delle app, insomma, avrebbe dovuto rappresentare la terza via tra il modello economico basato sull’advertising e quello costruito intorno ad un Paywall.

Quest’ultimo tipo di metodo di remunerazione è stato sperimentato , da ultimo, da Journalism Online , che ha sviluppato un sistema che permette ai giornali di far pagare solo i visitatori regolari (basato su un limite di articoli consultabili al mese). Nonostante l’apparente contraddizione in termini rispetto ai soliti meccanismi di fidelizzazione dell’utente, dimostrerebbe che un sistema simile (su grandezze medio-piccole come quelle a disposizione di Journalism Online ) non influenza particolarmente né il traffico generale né (di conseguenza) gli introiti pubblicitari.

L’ ultima statistica sulle preferenza degli utenti iPad, condotta dalla società di analisi Knowledge Networks , rileva che l’86 per cento degli utenti del tablet Apple preferisce un contenuto farcito di advertising rispetto ad uno a pagamento (con solo il 13 per cento disposto a pagare per programmi televisivi o riviste su iPad, e il 78 per cento che comunque ritiene le pubblicità limitative del piacere di utilizzo della tavoletta).

The Daily , la prima rivista in esclusiva per il nuovo mezzo, vuole di fatto rilanciare (in contraddizioni con questi dati) l’ idea delle riviste per iPad a pagamento . Di conseguenza tutto quello che farà (e guadagnerà) sarà presumibilmente spulciato in miriadi di dibattiti e analisi. Non aderendo ad iAd, intanto, News Corp mantiene il controllo sulle inserzioni utilizzando il suo sistema gestito da Medialets .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    E levargli la patente?
    A chi si fa beccare più volte alla guida ubriaco gli andrebbe tolta la patente per sempre, altro che fotina sul profilo facebook del consigliere comunale...Non è che poter guidare un'auto sia un diritto inalienabile dell'essere umano. Uno deve dimostrare di avere i requisiti per avere il permesso.
  • bubba scrive:
    io pensavo fosse gia cosi'!
    Mica mi vorranno far credere che tutta la gente a registrarsi (e a schedarsi) su facebook ci vada DA SOBRIA ,no?
  • hp sucks scrive:
    io andrò li apposta!
    finalmente un servizio degno di tale nome: una foto da ubriaco certificata!è ora di finirla con gente che pubblica foto di me mbriaco e poi mi tagga pure, anche se di fatto è impossibile riconoscere chi è in quelle foto!
Chiudi i commenti