The Social Network, una storia in blu

Il film di Fincher presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma. Una storia di ingordigia, solitudine e ambizioni frustrate. Punto Informatico lo ha visto in anteprima

Avviso ai lettori: Le informazioni contenute in questo articolo anticipano alcuni dei contenuti del film “The Social Network” prossimamente in uscita nei cinema.

Roma – “Io sono il CEO, stronzetto”. Così si legge su una serie di biglietti da visita giunti sulla scrivania di un ragazzo dai capelli ricci, il cui sguardo è da ore fermo sullo schermo di un computer. Nello stesso istante, da un insieme di apparecchi video viene annunciato un risultato cruciale: il social network Facebook ha ormai superato il milione di utenti iscritti . Gli occhi del ragazzo non sembrano così entusiasti, ora concentrati solo su quella scritta.

“Quelli del business ti diranno: buona idea, ragazzo, ora lascia fare a noi. Ma non questa volta. Questo è il nostro momento”. Così parla il co-founder di Napster Sean Parker al giovane studente di Harvard Mark Zuckerberg, convincendolo definitivamente a prendere le redini di un sito da 500 milioni di amici. Di una piattaforma che crescerà in maniera spropositata, arrivando a valere qualcosa come oltre 25 miliardi di dollari .

Almeno stando alle informazioni finali del film The Social Network , ultima fatica del regista di culto David Fincher, presentato in anteprima – e fuori concorso – al Festival Internazionale del Film di Roma . Una pellicola che, come già ampiamente anticipato dalle positive recensioni statunitensi, ripercorre le burrascose vicissitudini sorte in seguito alla gestazione di uno degli affari più fruttuosi della storia di Internet.

A partire da quel FaceMash.com , messo in piedi in una sola notte da uno studente chiuso in se stesso, incapace di comunicare al di là della sua ristretta cerchia di amici programmatori (almeno stando alla ricostruzione della pellicola). Mark Zuckerberg vive di sensazioni frustrate sul suo blog, dopo aver subito l’ennesima disfatta sentimentale. “Alla gente non piaci – gli rivela Erica all’inizio del film – e non perché sei nerd. Alla gente non piaci perché sei uno stronzo”.

È davvero “uno stronzo” il più giovane miliardario del pianeta? Colui che ha saputo prevedere i gusti, gli interessi, le propensioni e persino le fantasie più sfrenate di 500 milioni di individui? Probabilmente solo un ladruncolo, almeno secondo gli atletici gemelli Tyler e Cameron Winklevoss e la ricostruzione (romanzata?) della sceneggiatura. Un subdolo verme, che non ha esitato ad appropriarsi di un’idea altrui per poi piazzarla online al momento più giusto.

Probabilmente Mark Zuckerberg non è affatto un genio ribelle o un anarchico dei tempi digitali. Lo si può leggere tra le righe del film di Fincher: l’idea alla base di Facebook era venuta anche a due sudati canottieri di Harvard. “Se foste gli inventori di Facebook, allora avreste inventato Facebook”. Così Zuckerberg si difende davanti ad un tavolo zeppo di legali, circondato da ben due cause multimilionarie, di cui una per violazione di proprietà intellettuale .

Facebook appare dunque come il frutto agognato di un ragazzo ai limiti dell’ossessione (“È la mia vita”, dirà il futuro CEO a Sean Parker), di uno studente isolato che vede in Rete il futuro di una generazione isolata. A differenza dei gemelli Winklevoss, Mark Zuckerberg mette tutto se stesso al servizio di una visione condivisa, che poi si trasformerà in una più che redditizia opportunità di business. Semplicemente a partire dall’idea che la gente voglia ritrovare online una persona conosciuta ad un party .

Ai party vorrebbe essere invitato il giovane Zuckerberg, perché “sono esclusivi, divertenti e ti cambiano la vita in meglio”. Il sogno è lo stesso del suo migliore amico Eduardo Severin – divenuto co-founder di Facebook prima di venire liquidato da Mark e Sean Parker – ovvero entrare nel gotha delle confraternite universitarie. Ambizioni frustrate, raggiunte solo dopo una visione fatta di decine di migliaia di righe di codice in salsa social.

Ma non si tratta tanto del bisogno di portarsi una groupie nel bagno di un locale. Né – a detta del film – di immergersi in un fiume infinito di denaro. Le necessità sociali di Zuckerberg sono quelle di altri ragazzi della sua età, pronte ad abbracciare le sempre più sconfinate possibilità offerte dalle reti di comunicazione online. Mark arriva lì, al momento giusto e con la giusta dose di coraggio e di sfrontatezza.

Le vicende legali che seguiranno sono ormai arcinote. Inutile riepilogarle, probabilmente anche per non rovinare la tensione serrata di un film molto ben costruito nonché curato nei minimi particolari. Alla fine una seducente avvocatessa dirà a Mark: “Non penso che tu sia stronzo. È solo che ti sforzi di esserlo a tutti i costi”. Con tanto di ultimi minuti da antologia del film di culto.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • clsbn scrive:
    Seeee
    Si, gli mkv e, e, e, ma che stai a dire!! Solo un genio assoluto potrebbe avere la pretesa di guardare un mkv su uno schermo da 4 pollici, a parte che se usi il container mp4 il codec h.264 ce l'hai già nativamente e accelerato in hardware col player integrato in iOS... circa lingue aggiuntive, sottotitoli, cabac e menate varie ti hanno già risposto altri parlando di handbrake. Supporta tutto ciò ed è ottimizzato per il multicore e per le architetture a 64 bit. Il mio macbook pro i7 codifica un h.264 in 20 minuti e un film di media durata con una qualità ineccepibile non viene più grande di mezzo giga... altro che mkv...
    • Batuff scrive:
      Re: Seeee
      Pensa che XXXXXXXX chi come te si ricodifica un video per aggiungerci i sottotitoli. Siete proprio abituati a vivere scomodi. Il bello è che siete pure contenti...
    • Funz scrive:
      Re: Seeee
      - Scritto da: clsbn
      Si, gli mkv e, e, e, ma che stai a dire!! Solo un
      genio assoluto potrebbe avere la pretesa di
      guardare un mkv su uno schermo da 4 pollici, a
      parte che se usi il container mp4 il codec h.264
      ce l'hai già nativamente e accelerato in hardware
      col player integrato in iOS... circa lingue
      aggiuntive, sottotitoli, cabac e menate varie ti
      hanno già risposto altri parlando di handbrake.
      Supporta tutto ciò ed è ottimizzato per il
      multicore e per le architetture a 64 bit. Il mio
      macbook pro i7 codifica un h.264 in 20 minuti e
      un film di media durata con una qualità
      ineccepibile non viene più grande di mezzo
      giga... altro che
      mkv...Ti sfugge che mkv e h.264 non vogliono necessariamente dire film in 1920x1080p
    • Batuff scrive:
      Re: Seeee
      75 frame al secondo uraca! strepitoso! Che sistema strafico! Mamma Mamma me lo compri!Io pensa che cretino, non ho bisogno di convertire una beneamata cippa usando direttamente vlc.
  • Thescare scrive:
    GPLv2
    Non sono molto esperto in materia licenze software. VLC è distribuito sotto GPLv2. Uno dei motivi che hanno portato alla stesura della versione 3 della GPL era che la versione 2 "permetteva" delle limitazioni hardware sull'esecuzione del ricompilato (leggi firme digitali o affini). Per farla breve, se io vendo hardware e distribuisco software sotto GPLv2 per quel hardware, devo distribuire anche i sorgenti, ma non è obbligatorio che la ricompilazione dei sorgenti giri sull'hardware. Se non ricordo male è uno dei motivi per cui Linux è rimasto sotto la versione 2. A me sembra che il caso VLC rispetti la v2 ma non la v3, ma siccome VLC è distribuito sotto la v2, non vedo dove sta il problema.
    • mura scrive:
      Re: GPLv2
      Guarda era quello che pensavo pure io poi mi sono andato a leggere sul sito alla pagina delle FAQ salta fuori che laddove trovi scritto in testa alla pagina The text of the license can be found on the GNU website. trovi un link a questa:http://www.gnu.org/copyleft/gpl.htmlfonte:http://www.videolan.org/support/faq.htmlEDIT: leggendo meglio però il testo è un pochino equivoco perchè dicono: Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU General Public License as published by the Free Software Foundation; either version 2 of the License, or (at your option) any later version. Messo così sembra che a mia discrezione è pubblicato con la GPL V2 o qualunque altra versione successiva ?Se così fosse, secondo la V2, non ci dovrebbero essere le violazioni fin qui paventate o sbaglio ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 novembre 2010 15.52-----------------------------------------------------------
      • Thescare scrive:
        Re: GPLv2
        Per curiosità e per completezza, ho scaricato i sorgenti di VLC e effettivamente la licenza allegata è la GPLv2. Ho provato a cercare spiegazioni sulla parte da te citata della GPL e secondo wikipedia: "Questo testo non significa che i programmi passeranno automaticamente alla versione successiva della licenza, ma solo che questi programmi ottengono automaticamente i permessi aggiuntivi della licenza successiva e non le eventuali clausole restrittive.".
  • Nome e cognome scrive:
    Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
    http://mailman.videolan.org/pipermail/vlc-devel/2010-November/077457.html
    • ruppolo scrive:
      Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
      - Scritto da: Nome e cognome
      http://mailman.videolan.org/pipermail/vlc-devel/20Veramente affermano che, dopo aver analizzato le licenze, non sembrano esservi impedimenti all'uso di software GPL2 in AppStore.
      • bertuccia scrive:
        Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
        pare che servano maggiori chiarimenti The AppStore terms may or may not becompatible with the GPLv2 and VLC license, depending on theinterpretation.See Conclusion of II and Conclusion of III.Conclusion of part II seems to be work-aroundable, whatever theinterpretation.Conclusion of part III probably needs Apple to detail more what theymean with part (iii) and (iv) of USAGE RULES of APPSTORE PRODUCTS
        • ruppolo scrive:
          Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
          - Scritto da: bertuccia
          pare che servano maggiori chiarimenti

          The AppStore terms may or may not be
          compatible with the GPLv2 and VLC license,
          depending on
          the
          interpretation.
          See Conclusion of II and Conclusion of III.

          Conclusion of part II seems to be
          work-aroundable, whatever
          the
          interpretation.

          Conclusion of part III probably needs Apple to
          detail more what
          they
          mean with part (iii) and (iv) of USAGE RULES of
          APPSTORE
          PRODUCTS Se hai letto tutto, i dubbi sono pochi. Ad esempio il tizio ha dubbi sul significato del limite di 5 account per dispositivo iOS. In sostanza si fa più dubbi di quelli che dovrebbe o potrebbe farsi.Comunque se la diatriba è incentrata sulla distribuzione dei binari, mi sembra pretestuosa. L'open source riguarda i SORGENTI, SORGENTI APERTI, ed i sorgenti SONO APERTI :http://www.videolan.org/vlc/download-ios.htmlE i binari sono gratuiti, quindi non c'è speculazione.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
        Infatti, dicono che FSF sta utilizzando VLC per portare avanti le proprie politiche, e non lo trovano corretto!Loro non sono d'accordo con la rimozione del software dall'App Store!
        • Funz scrive:
          Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!
          - Scritto da: Nome e cognome
          Infatti, dicono che FSF sta utilizzando VLC per
          portare avanti le proprie politiche, e non lo
          trovano
          corretto!

          Loro non sono d'accordo con la rimozione del
          software dall'App
          Store!Quelli di VLC possono anche essere d'accordo con Apple, ma se c'è una violazione della GPL quelli della FSF hanno tutto il diritto di protestare, perché è un vulnus che riguarda il SW libero in generale.
          • shevathas scrive:
            Re: Gli sviluppatori VLC NON sono contenti!

            Quelli di VLC possono anche essere d'accordo con
            Apple, ma se c'è una violazione della GPL quelli
            della FSF hanno tutto il diritto di protestare,
            perché è un vulnus che riguarda il SW libero in
            generale.ma nulla vieta al gruppo di sviluppo di VLC di rilasciare una ulteriore versione del loro prodotto anche sotto un'altra licenza. E nel caso migrare ad un altra licenza i nuovi rilasci.
  • pizza e fichi scrive:
    Er GPL e' na porchetta !
    ma che se credevano de anda' a para' sti coders GPL quanno vanno a regala' er coddice sorgente ai quattro venti ? mo' je brucia er c... ma er cervello javevano parcheggiato sua tazza del XXXXX.
  • LaNberto scrive:
    Non capisco
    Visto che la violazione della GPL è compiuta dal distributore e non da Apple, che rende ben note le regole di ammissione allo store, mi dite perché tutti i commenti parlano della faccenda come se fosse responsabilità di Apple?Per me vi siete fissati.Riguardo a Vlc, se verrà fatto fuori pazienza, ci sono almeno altre tre applicazioni che fanno più o meno le stesse cose
    • Aleph72 scrive:
      Re: Non capisco
      - Scritto da: LaNberto
      Riguardo a Vlc, se verrà fatto fuori pazienza, ci
      sono almeno altre tre applicazioni che fanno più
      o meno le stesse
      coseFanno anche di più.VLC per iPhone è ancora ad uno stato embrionale. Non permette nemmeno lo zoom.L'ho scaricato e disinstallato immediatamente.Personalmente uso AirVideo e non devo nemmeno occupare spazio sull'iPhone, vedo tutto in streaming dal mio Mac.Posso vedere video di qualsiasi formato mentre il Mac fa una conversione in tempo reale, oppure far fare la conversione al Mac direttamente dall'iPhone e poi vedere il video già convertito.Per me è una App fondamentale.
      • LaNberto scrive:
        Re: Non capisco
        Vero. È veramente fenomenale
      • LaNberto scrive:
        Re: Non capisco
        Vero. È veramente fenomenale
      • Batuff scrive:
        Re: Non capisco
        A questo punto che cacchio lo usi a fare l'ipad. Guardati direttamente il video sullo schermo dell'imac. Che XXXXXXXX...
        • Aleph72 scrive:
          Re: Non capisco
          - Scritto da: Batuff
          A questo punto che cacchio lo usi a fare l'ipad.
          Guardati direttamente il video sullo schermo
          dell'imac. Che
          XXXXXXXX...A parte che si parlava di iPhone, non iPad...Mi vedo gli episodi delle serie che seguo in streaming mentre sono in autobus, a letto, nel bagno, e in qualsiasi posto fuori casa. In casa, invece, collego l'iPhone al nuovissimo LCD LED da 42" che ho preso e mi vedo tutti i film che ho sul disco esterno del mio Macbook. Non sai quanto è comodo. Riguardo ai XXXXXXXX, mica ti ho chiesto di guardarti qualche film con me!
          • Batuff scrive:
            Re: Non capisco
            Pensa, il mio 44 pollici si collega direttamente al mio hd esterno condiviso in rete, ed ha già un player per riprodurre ogni formato video (tranne i .mov ma chi li usa quelli). mentre con vlc sul mio ipad posso scaricare e guardare in streaming ogni video di qualsiasi formato da un qualunque server in giro per il mondo.
          • LaNberto scrive:
            Re: Non capisco
            ...e non sapete quanto ce l'ho grosso io... :D :D
          • Aleph72 scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: LaNberto
            ...e non sapete quanto ce l'ho grosso io... :D :D:-D
          • Aleph72 scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Batuff
            Pensa, il mio 44 pollici si collega direttamente
            al mio hd esterno condiviso in rete, ed ha già un
            player per riprodurre ogni formato video (tranne
            i .mov ma chi li usa quelli). mentre con vlc sul
            mio ipad posso scaricare e guardare in streaming
            ogni video di qualsiasi formato da un qualunque
            server in giro per il
            mondo.Lo so. Volevo anche io una TV così, ma non ne ho trovate in offerta.La soluzione che uso adesso è comunque molto valida e per niente fastidiosa da usare.Comunque posso vedere film in qualsiasi formato e da qualsiasi server in giro per il mondo.Per curiosità, che TV hai?
    • ruppolo scrive:
      Re: Non capisco
      - Scritto da: LaNberto
      Visto che la violazione della GPL è compiuta dal
      distributoreForse volevi dire "dallo sviluppatore".
      e non da Apple, che rende ben note
      le regole di ammissione allo store, mi dite
      perché tutti i commenti parlano della faccenda
      come se fosse responsabilità di
      Apple?Per fortuna non tutti i commenti, solo quelli degli Apple haters.
      Per me vi siete fissati.

      Riguardo a Vlc, se verrà fatto fuori pazienza, ci
      sono almeno altre tre applicazioni che fanno più
      o meno le stesse
      coseVLC per iOS non serve ad un fico secco. iTunes è in grado di convertire i filmati in versioni riproducibili dai diversi dispositivi.
      • LaNberto scrive:
        Re: Non capisco
        - Scritto da: ruppolo
        VLC per iOS non serve ad un fico secco. iTunes è
        in grado di convertire i filmati in versioni
        riproducibili dai diversi
        dispositivi.non è esatto. iTunes converte quello che legge quicktime. In più applicazioni come handbrake o il mai troppo rimpianto visualhub sono molto più efficienti, oltre ad essere capaci di codificare interi batch di roba.
        • ruppolo scrive:
          Re: Non capisco
          - Scritto da: LaNberto
          - Scritto da: ruppolo


          VLC per iOS non serve ad un fico secco. iTunes è

          in grado di convertire i filmati in versioni

          riproducibili dai diversi

          dispositivi.

          non è esatto. iTunes converte quello che legge
          quicktime.È esatto per chi non vuole/deve/può conoscere come funziona un sistema dietro le quinte.
          In più applicazioni come handbrake o
          il mai troppo rimpianto visualhub sono molto più
          efficienti, oltre ad essere capaci di codificare
          interi batch di
          roba.Visual hub non era efficiente, come non lo è handbrake. Converti un migliaio di filmati, come ho dovuto fare io, e poi ti rendi conto di quanto sia più efficiente il banale QuickTime (ovviamente là dove può).
          • LaNberto scrive:
            Re: Non capisco
            veramente nella mia esperienza quicktime batte handbrake solo se usi compressor distribuendo il calcolo tra varie macchine
      • HappyCactus scrive:
        Re: Non capisco
        - Scritto da: ruppolo

        e non da Apple, che rende ben note

        le regole di ammissione allo store, mi dite

        perché tutti i commenti parlano della faccenda

        come se fosse responsabilità di

        Apple?

        Per fortuna non tutti i commenti, solo quelli
        degli Apple
        haters.Non proprio.Io non sono un apple haters (che brutto categorizzare le persone). ma apple ha il dovere di rimuovere quell'app, tutto qui.
        • ruppolo scrive:
          Re: Non capisco
          - Scritto da: HappyCactus
          - Scritto da: ruppolo


          e non da Apple, che rende ben note


          le regole di ammissione allo store, mi dite


          perché tutti i commenti parlano della faccenda


          come se fosse responsabilità di


          Apple?



          Per fortuna non tutti i commenti, solo quelli

          degli Apple

          haters.

          Non proprio.
          Io non sono un apple haters (che brutto
          categorizzare le persone).Anche a me non piace, ma visto che sono stato categorizzato come macaco (e anche peggio) allora d'ora in avanti rispondo pan per focaccia.
          ma apple ha il dovere
          di rimuovere quell'app, tutto
          qui.Non credo:http://mailman.videolan.org/pipermail/vlc-devel/2010-November/077457.html
          • HappyCactus scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: ruppolo

            Non proprio.

            Io non sono un apple haters (che brutto

            categorizzare le persone).

            Anche a me non piace, ma visto che sono stato
            categorizzato come macaco (e anche peggio) allora
            d'ora in avanti rispondo pan per
            focaccia.Contento te. Anche a me categorizzano, ma io evito, il mio stile è un altro, per esempio, argomentare le risposte. In questo modo è più difficile controbattere.

            ma apple ha il dovere

            di rimuovere quell'app, tutto

            qui.

            Non credo:
            http://mailman.videolan.org/pipermail/vlc-devel/20Staremo a vedere, nel momento in cui vi sarà una richiesta esplicita della FSF. Per ora si sta soltanto discutendo.
      • Batuff scrive:
        Re: Non capisco
        Ma pensa tu che ridicolo. Doversi convertire i propri filmati per poterli vedere...Si lo so che per voi mac-idioti sembra tutto normale. Ma lasciatavelo dire, non lo è, e un uso idiota. Si vede che siete abituati veramente a vivere male.
  • H5N1 scrive:
    Pochi capiscono il senso della GPL
    La parola "libertà" (freedom), parlando di GPL, assume accezioni diverse e omnicomprensive.Il principio sul quale si basa non è solo quello della libera circolazione, ma anche della libera modifica e reimplementazione.Una volta avuto acXXXXX al sorgente devo poterlo ricompilare ed ottenere lo stesso binario sulla stessa piattaforma ed avere anche la possibilità di reinstallarlo (uploadarlo o copiarlo o reinizializzarlo) sulla piattaforma stessa.Ad esempio molti pensano che sia sufficiente modificare e redistribuire il sorgente, ma se, ad esempio, per ricompilarlo è necessaria una particolare implementazione della configurazione (.configure --qualchecosa) devo anche fornire degli script o delle istruzioni affinchè il sorgente ricompilato senza modifiche generi esattamente lo stesso binario distribuito.Su iOS non posso andarmi a modificare il binario, ricompilarlo e reinserirlo nell'hardware senza XXXXXXXXX e non posso neanche ripubblicarlo per un eventuale riproponimento agli utenti.Questo limita il concetto di libertà prima espresso e, di conseguenza, la licenza.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 novembre 2010 10.44-----------------------------------------------------------
    • ruppolo scrive:
      Re: Pochi capiscono il senso della GPL
      - Scritto da: H5N1
      La parola "libertà" (freedom), parlando di GPL,
      assume accezioni diverse e
      omnicomprensive.
      Il principio sul quale si basa non è solo quello
      della libera circolazione, ma anche della libera
      modifica e
      reimplementazione.
      Una volta avuto acXXXXX al sorgenteAppunto, sottolineiamo questa frase: Una volta avuto acXXXXX al sorgente
      devo poterlo
      ricompilare ed ottenere lo stesso binario sulla
      stessa piattaforma ed avere anche la possibilità
      di reinstallarlo (uploadarlo o copiarlo o
      reinizializzarlo) sulla piattaforma
      stessa.
      Ad esempio molti pensano che sia sufficiente
      modificare e redistribuire il sorgente, ma se, ad
      esempio, per ricompilarlo è necessaria una
      particolare implementazione della configurazione
      (.configure --qualchecosa) devo anche fornire
      degli script o delle istruzioni affinchè il
      sorgente ricompilato senza modifiche generi
      esattamente lo stesso binario
      distribuito.Tutto giusto.
      Su iOS non posso andarmi a modificare il binario,Il che non interessa a nessuno, visto che il "source" di "open source" è appunto il sorgente, non il binario.
      ricompilarlo e reinserirlo nell'hardware senza
      XXXXXXXXXTutto sbagliato e irrilevante.Se il sorgente è accessibile, puoi modificarlo e ripubblicarlo nello stesso modo in cui è stato pubblicato il primo.
      e non posso neanche ripubblicarlo per
      un eventuale riproponimento agli
      utenti.Come no, nessuno te lo impedisce.
      Questo limita il concetto di libertà prima
      espresso e, di conseguenza, la
      licenza.Ma nemmeno per idea.Io non so se il sorgente di VLC per iOS è pubblico, ma se lo fosse (come è giusto che fosse) chiunque sarebbe in grado di modificarlo e pubblicarne una sua versione.+
      • pizza e fichi scrive:
        Re: Pochi capiscono il senso della GPL
        ce sta' solo er probblema che se anche mo' te lo ricompili la Apple nun garantisce 'na ceppa riguardo l'accettazzione nell'Apple Store e d'altronne quanno mai a Apple je' fregato na mazza del GPL ?
        • ruppolo scrive:
          Re: Pochi capiscono il senso della GPL
          - Scritto da: pizza e fichi
          ce sta' solo er probblema che se anche mo' te lo
          ricompili la Apple nun garantisce 'na ceppa
          riguardo l'accettazzione nell'Apple Store e
          d'altronne quanno mai a Apple je' fregato na
          mazza del GPL
          ?Basta seguire le regole e l'applicazione viene accettata.
          • H5N1 scrive:
            Re: Pochi capiscono il senso della GPL
            Molti non hanno idea della quantità di violazioni della GPL...
      • H5N1 scrive:
        Re: Pochi capiscono il senso della GPL
        L'hai letta la licenza GPLv2?!?Tu pensa che la GPLv3 considera una violazione addirittura se l'hardware è "locked".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 novembre 2010 21.00-----------------------------------------------------------
        • Funz scrive:
          Re: Pochi capiscono il senso della GPL
          - Scritto da: H5N1
          L'hai letta la licenza GPLv2?!?
          Tu pensa che la GPLv3 considera una violazione
          addirittura se l'hardware è
          "locked".Per questo, andrebbe adottata molto più ampiamente.
          • H5N1 scrive:
            Re: Pochi capiscono il senso della GPL
            Ho una proposta per la GPLv4: l'eventuale violazione renderebbe invalidi i diritti di proprietà sul codice chiuso e renderebbe possibie reverse engineering, redistribuzione e ripubblicazione.Tiè! ;)
          • Funz scrive:
            Re: Pochi capiscono il senso della GPL
            - Scritto da: H5N1
            Ho una proposta per la GPLv4: l'eventuale
            violazione renderebbe invalidi i diritti di
            proprietà sul codice chiuso e renderebbe possibie
            reverse engineering, redistribuzione e
            ripubblicazione.
            Tiè! ;)GPLv5:Lo sviluppatore che utilizza porzioni di codice GPL è obbligato a rilasciare tutto il suo lavoro futuro sotto la medesima licenza, per tutta la vita :pGPLv6: L'obbligo è esteso agli eredi del programmatoreGPL v7: L'obbligo è esteso agli utenti del programma :D
    • zumminaho scrive:
      Re: Pochi capiscono il senso della GPL
      - Scritto da: H5N1
      La parola "libertà" (freedom), parlando di GPL,
      assume accezioni diverse e
      omnicomprensive.a me GPL ricorda solo un tipo di gas liquefatto...
  • ruppolo scrive:
    E poi accusiamo le aziende...
    ...di fare inutili guerre sui brevetti?Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo open source, dimostrando che gelosia e invidia sono trasversali rispetto la posizione sociale delle persone. Che si vergogni.
    • bollito scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      - Scritto da: ruppolo
      ...di fare inutili guerre sui brevetti?

      Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo
      open source, dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.


      Che si vergogni.Ma vergognati tu di sparare simili panzane.La GPL deve essere rispettata punto.Apple deve essere impalata il prima possibile.
      • shevathas scrive:
        Re: E poi accusiamo le aziende...

        Ma vergognati tu di sparare simili panzane.
        La GPL deve essere rispettata punto.il problema è che se le licenze devono essere rispettate allora tutte le licenze, tranne quelle palesemente in contrasto con le leggi, devono essere rispettate. Non ci si può ergere a paladini per la violazione delle licenze del software proprietario e frignare che la GPL è da rispettare.
        Apple deve essere impalata il prima possibile.perché ? ti punta una pistola alla tempia per farti comprare i suoi prodotti ? picchia i tuoi figli ? violenta tua moglie ? Apple morirà se e quando perderà molti clienti, non di certo per le frignate di persone che non comprano i suoi prodotti
        • panda rossa scrive:
          Re: E poi accusiamo le aziende...
          - Scritto da: shevathas

          Ma vergognati tu di sparare simili panzane.

          La GPL deve essere rispettata punto.

          il problema è che se le licenze devono essere
          rispettate allora tutte le licenze, tranne quelle
          palesemente in contrasto con le leggi, devono
          essere rispettate. Non ci si può ergere a
          paladini per la violazione delle licenze del
          software proprietario e frignare che la GPL è da
          rispettare.No, aspetta!Stai rivoltando la frittata.Non puoi equiparare la software house multinazionale con l'utente finale.La software house DEVE rispettare leggi e licenze, visto che pretende di VENDERE.L'utente finale mica specula sulla violazione delle licenze, al massimo si scarica UNA copia pirata dal mulo.
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            La software house DEVE rispettare leggi e
            licenze, visto che pretende di
            VENDERE.

            L'utente finale mica specula sulla violazione
            delle licenze, al massimo si scarica UNA copia
            pirata dal
            mulo.che poi è, in piccolo, una speculazione sulla violazione delle licenze.mi sa che stai facendo un tentativo, abbastanza patetico, di glassclimbing.le leggi le dovrebbero rispettare entrambi, la licenza altro non è che un libero accordo fra le parti. E se una parte "rompe" l'accordo l'altra parte a sua volta viene liberata dall'obbligo di seguirlo. Per il resto sulle licenze e sulle limitazioni del software ci si può essere o meno in accordo, ma mi sembra patetico lottare per le licenze "ad personam".
          • ruppolo scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas
            le leggi le dovrebbero rispettare entrambi,perché usi il condizionale?
            la
            licenza altro non è che un libero accordo fra le
            parti. E se una parte "rompe" l'accordo l'altra
            parte a sua volta viene liberata dall'obbligo di
            seguirlo.No, non funziona così. Se una parte non rispetta l'accordo, l'altra parte gli può ricordare che i contratti sono tutelati da un'intera sezione del Codice Civile, e quindi reclamare il rispetto del contratto.
            Per il resto sulle licenze e sulle limitazioni
            del software ci si può essere o meno in accordo,
            ma mi sembra patetico lottare per le licenze "ad
            personam".È patetico questo odio verso Apple di certe persone.
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            No, non funziona così. Se una parte non rispetta
            l'accordo, l'altra parte gli può ricordare che i
            contratti sono tutelati da un'intera sezione del
            Codice Civile, e quindi reclamare il rispetto del
            contratto.
            la controparte non è in ogni caso obbligata a ricorrere al giudice per il rispetto del contratto da parte dell'altro. Ha la possibilità di scegliere se ricorrere per far rispettare il contratto o considerare il contratto sciolto.

            Per il resto sulle licenze e sulle limitazioni

            del software ci si può essere o meno in accordo,

            ma mi sembra patetico lottare per le licenze "ad

            personam".

            È patetico questo odio verso Apple di certe
            persone.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            La software house DEVE rispettare leggi e

            licenze, visto che pretende di

            VENDERE.



            L'utente finale mica specula sulla violazione

            delle licenze, al massimo si scarica UNA copia

            pirata dal

            mulo.

            che poi è, in piccolo, una speculazione sulla
            violazione delle licenze.Si, ma senza giro di soldi.Se io scarico il tuo software non c'e' giro di soldi.Se tu utilizzi un mio codice GPL nel tuo software E LO RIVENDI al mondo, c'e' giro di soldi.Pure la legge mette ben in evidenza il concetto di "scopo di lucro", senza il quale il fatto non costituisce reato.
            mi sa che stai facendo un tentativo, abbastanza
            patetico, di glassclimbing.Libero di pensarla come vuoi.
            le leggi le dovrebbero rispettare entrambi, la
            licenza altro non è che un libero accordo fra le
            parti. Certo. Ma essendoci un rapporto immensamente diverso tra le parti, altrettanto deve essere l'applicazione della legge.
            E se una parte "rompe" l'accordo l'altra
            parte a sua volta viene liberata dall'obbligo di
            seguirlo.Visto che in italia esiste una cosa chiamata "equo compenso" che si paga con la presunzione che venga violato un diritto, allora io presumendo che chi distribuisce abbia violato la GPL, mi scarico la mia copia gratis.
            Per il resto sulle licenze e sulle limitazioni
            del software ci si può essere o meno in accordo,
            ma mi sembra patetico lottare per le licenze "ad
            personam".Si fanno leggi ad personam, facciamo anche licenze ad personam.
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            Si, ma senza giro di soldi.
            Se io scarico il tuo software non c'e' giro di
            soldi.
            Se tu utilizzi un mio codice GPL nel tuo software
            E LO RIVENDI al mondo, c'e' giro di
            soldi.
            irrilevante, e se lo regalassi al mondo in cambio di patate invece che di soldi ? e se lo regalassi in cambio di dati personali/mp3/rapporti sessuali ?
            Pure la legge mette ben in evidenza il concetto
            di "scopo di lucro", senza il quale il fatto non
            costituisce
            reato.
            una cosa è il reato ed una cosa distinta è la violazione di accordi contrattuali.

            le leggi le dovrebbero rispettare entrambi, la

            licenza altro non è che un libero accordo fra le

            parti.

            Certo. Ma essendoci un rapporto immensamente
            diverso tra le parti, altrettanto deve essere
            l'applicazione della
            legge.
            la legge è uguale per tutti, l'applicazione no ?

            E se una parte "rompe" l'accordo l'altra

            parte a sua volta viene liberata dall'obbligo di

            seguirlo.

            Visto che in italia esiste una cosa chiamata
            "equo compenso" che si paga con la presunzione
            che venga violato un diritto, allora io
            presumendo che chi distribuisce abbia violato la
            GPL, mi scarico la mia copia
            gratis.
            non sequitur

            Per il resto sulle licenze e sulle limitazioni

            del software ci si può essere o meno in accordo,

            ma mi sembra patetico lottare per le licenze "ad

            personam".

            Si fanno leggi ad personam, facciamo anche
            licenze ad
            personam.benissimo, ma allora non starnazziamo di illegittimità quando l'"ad personam" non piace.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            Si, ma senza giro di soldi.

            Se io scarico il tuo software non c'e' giro di

            soldi.

            Se tu utilizzi un mio codice GPL nel tuo
            software

            E LO RIVENDI al mondo, c'e' giro di

            soldi.


            irrilevante, e se lo regalassi al mondo in cambio
            di patate invece che di soldi ? e se lo regalassi
            in cambio di dati personali/mp3/rapporti sessuali
            ?Si tratta sempre di mercimonio.

            Pure la legge mette ben in evidenza il concetto

            di "scopo di lucro", senza il quale il fatto non

            costituisce

            reato.


            una cosa è il reato ed una cosa distinta è la
            violazione di accordi contrattuali.Gli accordi contrattuali prevedono un contratto.Se uno scarica, il contratto dov'e'?Mentre uno che utilizza roba GPL, il contratto e' ben specificato.

            Certo. Ma essendoci un rapporto immensamente

            diverso tra le parti, altrettanto deve essere

            l'applicazione della

            legge.


            la legge è uguale per tutti, l'applicazione no ?La legge e' uguale per tutti nei confronti dello stato.Qui si parla di controparti e la legge tutela la controparte piu' debole.(Per esempio e' stato introdotto il diritto di reXXXXX, tanto per ricordare chi e' la parte piu' debole tra chi vende e chi acquista).


            E se una parte "rompe" l'accordo l'altra


            parte a sua volta viene liberata dall'obbligo
            di


            seguirlo.



            Visto che in italia esiste una cosa chiamata

            "equo compenso" che si paga con la presunzione

            che venga violato un diritto, allora io

            presumendo che chi distribuisce abbia violato la

            GPL, mi scarico la mia copia

            gratis.


            non sequiturCome no! Se e' passato il principio di far pagare preventivamente, sequitur eccome.

            Si fanno leggi ad personam, facciamo anche

            licenze ad

            personam.

            benissimo, ma allora non starnazziamo di
            illegittimità quando l'"ad personam" non
            piace.Sarebbe bello, ma ormai il danno e' fatto...
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            Gli accordi contrattuali prevedono un contratto.
            Se uno scarica, il contratto dov'e'?
            Mentre uno che utilizza roba GPL, il contratto e'
            ben
            specificato.
            e se uno scarica roba GPL ;)

            La legge e' uguale per tutti nei confronti dello
            stato.veramente tutti sono uguali davanti alla legge.
            Qui si parla di controparti e la legge tutela la
            controparte piu'
            debole.la legge tutela entrambe le parti.
            (Per esempio e' stato introdotto il diritto di
            reXXXXX, tanto per ricordare chi e' la parte piu'
            debole tra chi vende e chi
            acquista).
            che tanto per mettere i puntini sulle i riguarda solo i consumatori finali ed è escluso per certi settori merceologici. Prova a recedere dall'acquisto di una casa, a compromesso firmato, e poi mi dici.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            Gli accordi contrattuali prevedono un contratto.

            Se uno scarica, il contratto dov'e'?

            Mentre uno che utilizza roba GPL, il contratto
            e'

            ben

            specificato.


            e se uno scarica roba GPL ;)Nello zip e' contenuta la licenza.

            La legge e' uguale per tutti nei confronti dello

            stato.

            veramente tutti sono uguali davanti alla legge.


            Qui si parla di controparti e la legge tutela la

            controparte piu'

            debole.

            la legge tutela entrambe le parti.La legge tutela maggiormente la parte piu' debole, e pensa che se non puoi permetterti un avvocato te ne viene conXXXXX uno di ufficio.

            (Per esempio e' stato introdotto il diritto di

            reXXXXX, tanto per ricordare chi e' la parte
            piu'

            debole tra chi vende e chi

            acquista).


            che tanto per mettere i puntini sulle i riguarda
            solo i consumatori finali ed è escluso per certi
            settori merceologici. Prova a recedere
            dall'acquisto di una casa, a compromesso firmato,
            e poi mi dici.La compravendita immobiliare tra privati e' considerata tra pari.Prova a comprare casa da una societa' immobiliare, invece che da un privato, e vedrai che la societa' immobiliare e' tenuta a produrre MOOOOOOLTE piu' garanzie.
          • ruppolo scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas


            Ma vergognati tu di sparare simili panzane.


            La GPL deve essere rispettata punto.



            il problema è che se le licenze devono essere

            rispettate allora tutte le licenze, tranne
            quelle

            palesemente in contrasto con le leggi, devono

            essere rispettate. Non ci si può ergere a

            paladini per la violazione delle licenze del

            software proprietario e frignare che la GPL è da

            rispettare.

            No, aspetta!
            Stai rivoltando la frittata.
            Non puoi equiparare la software house
            multinazionale con l'utente
            finale.

            La software house DEVE rispettare leggi e
            licenze, visto che pretende di
            VENDERE.TUTTI devono rispettare leggi e licenze.
            L'utente finale mica specula sulla violazione
            delle licenze, al massimo si scarica UNA copia
            pirata dal
            mulo.Appunto, violando leggi e licenze.
          • Sgabbio scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            rivoltamento di frittata.
    • bubba scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      - Scritto da: ruppolo
      ...di fare inutili guerre sui brevetti?

      Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo
      open source, dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.


      Che si vergogni.msg per venire incontro alle iLimitate capacita' iMentali dei iRuppoliani :- il free software (aka software libre) NON e' la stessa cosa di open source. il f.s. comprende certamente la caratteristica di opensource, ma non il contrario- applicare un DRM a un free software, e' ovviamente una violazione della licenza GPL- A Apple non costerebbe probabilmente granche' prevedere questa eccezione al suo sistema di enforcment
      • ruppolo scrive:
        Re: E poi accusiamo le aziende...
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: ruppolo

        ...di fare inutili guerre sui brevetti?



        Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo

        open source, dimostrando che gelosia e invidia

        sono trasversali rispetto la posizione sociale

        delle persone.





        Che si vergogni.
        msg per venire incontro alle iLimitate capacita'
        iMentali dei iRuppoliani
        :
        - il free software (aka software libre) NON e' la
        stessa cosa di open source. il f.s. comprende
        certamente la caratteristica di opensource, ma
        non il
        contrarioNotorio e nulla da obiettare.
        - applicare un DRM a un free software, e'
        ovviamente una violazione della licenza
        GPLQuesto è invece un discorso sul sesso degli angeli: Applicare un DRM su un prodotto che tutti possono avere gratuitamente è irrilevante. Soprattutto se tale DRM viene applicato in modo automatico a qualunque software iOS.
        - A Apple non costerebbe probabilmente granche'
        prevedere questa eccezione al suo sistema di
        enforcmentCosterebbe invece una profonda rivisitazione del sistema di distribuzione, dovendo gestire 2 tipi di applicazione. Il tutto senza vantaggi per alcuno, solo per soddisfare sulla carta una regola nata per tutt'altro scopo.
        • panda rossa scrive:
          Re: E poi accusiamo le aziende...
          - Scritto da: ruppolo
          Questo è invece un discorso sul sesso degli
          angeli: Applicare un DRM su un prodotto che tutti
          possono avere gratuitamente è irrilevante.Mica tanto. Se io impongo la GPL tu il DRM non ce lo metti!Io metto proprio la GPL per impedire ai parassiti come te di speculare sul lavoro degli altri, e che mettono lucchetti alla diffusione della conoscenza.
          Soprattutto se tale DRM viene applicato in modo
          automatico a qualunque software iOS.Frega niente.Se la tua architettura non ha previsto la possibilita' di distribuire senza DRM e' un limite tuo.
          Costerebbe invece una profonda rivisitazione del
          sistema di distribuzione, dovendo gestire 2 tipi
          di applicazione. Capirai. Un aggiornamento a pagamento di iOS, che tutti i macachi sarebbero felici di pagare in anticipo, e il problema dei costi non sussiste.
          Il tutto senza vantaggi per
          alcuno, solo per soddisfare sulla carta una
          regola nata per tutt'altro scopo.Sei un cieco incurabile. Attento al palo!
          • ruppolo scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Questo è invece un discorso sul sesso degli

            angeli: Applicare un DRM su un prodotto che
            tutti

            possono avere gratuitamente è irrilevante.

            Mica tanto.
            Se io impongo la GPL tu il DRM non ce lo metti!
            Io metto proprio la GPL per impedire ai parassiti
            come te di speculare sul lavoro degli altri, e
            che mettono lucchetti alla diffusione della
            conoscenza.Quanta aria fritta!Dove sta la speculazione? Il programma è gratuito!Dove sta il lucchetto alla diffusione e conoscenza? I sorgenti sono pubblicamente disponibili:http://www.videolan.org/vlc/download-ios.html

            Soprattutto se tale DRM viene applicato in modo

            automatico a qualunque software iOS.
            Frega niente.
            Se la tua architettura non ha previsto la
            possibilita' di distribuire senza DRM e' un
            limite
            tuo.Il limite è quello di una norma obsoleta.

            Costerebbe invece una profonda rivisitazione del

            sistema di distribuzione, dovendo gestire 2 tipi

            di applicazione.

            Capirai. Un aggiornamento a pagamento di iOS, che
            tutti i macachi sarebbero felici di pagare in
            anticipo, e il problema dei costi non
            sussiste.I macachi sono già felici così.

            Il tutto senza vantaggi per

            alcuno, solo per soddisfare sulla carta una

            regola nata per tutt'altro scopo.

            Sei un cieco incurabile. Attento al palo!Sei tu cieco, e pure invidioso del sucXXXXX Apple.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: ruppolo
            Quanta aria fritta!
            Dove sta la speculazione? Il programma è gratuito!
            Dove sta il lucchetto alla diffusione e
            conoscenza? I sorgenti sono pubblicamente
            disponibili:
            http://www.videolan.org/vlc/download-ios.htmlNon basta. Bisogna poter ricompilare.

            Sei un cieco incurabile. Attento al palo!

            Sei tu cieco, e pure invidioso del sucXXXXX Apple.Nello stesso modo in cui ero invidioso del sucXXXXX di Wanna Marchi.Vedi tu.
    • Valeren scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      Ma basta sprecare bit, mangiati una mela avvelenata e levati di mezzo.
    • Funz scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      - Scritto da: ruppolo
      ...di fare inutili guerre sui brevetti?

      Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo
      open source, dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.


      Che si vergogni.Vatti a leggere la GPL, e vergognati tu di scrivere certe stupidaggini
      • ruppolo scrive:
        Re: E poi accusiamo le aziende...
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: ruppolo

        ...di fare inutili guerre sui brevetti?



        Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo

        open source, dimostrando che gelosia e invidia

        sono trasversali rispetto la posizione sociale

        delle persone.





        Che si vergogni.

        Vatti a leggere la GPL, e vergognati tu di
        scrivere certe
        stupidagginiChe è esattamente quello che dicono gli avvocati di un querelante per violazione di brevetto: "vatti a leggere il brevetto".
    • bertuccia scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      - Scritto da: ruppolo
      ...di fare inutili guerre sui brevetti?

      Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo
      open source, dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.


      Che si vergogni.eh no stavolta mi sa che l'hai fatta fuori dal vaso..le licenze vanno rispettate, se proprio si vuole criticare qualcuno, si punti il dito verso chi ha buttato VLC sullo storenè apple nè lo sviluppatore che ha denunciato hanno torto in questa vicenda
      • ruppolo scrive:
        Re: E poi accusiamo le aziende...
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: ruppolo

        ...di fare inutili guerre sui brevetti?



        Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo

        open source, dimostrando che gelosia e invidia

        sono trasversali rispetto la posizione sociale

        delle persone.





        Che si vergogni.

        eh no stavolta mi sa che l'hai fatta fuori dal
        vaso..

        le licenze vanno rispettate,Certo, come le leggi, no? Quindi come la mettiamo con la pirateria? Le rom Android cucinate? I XXXXXXXXX? le rom delle vecchie (e nuove) console ludiche?
        se proprio si vuole
        criticare qualcuno, si punti il dito verso chi ha
        buttato VLC sullo
        storeMa certo, gli utenti iOS non devono poter godere dell'open source...
        nè apple nè lo sviluppatore che ha denunciato
        hanno torto in questa
        vicendaQuesta è una vicenda di una regola scritta prima che la tecnologia partorisse nuove forme di distribuzione del software, come le leggi che spesso critichiamo di obsolescenza. È la GPL che va aggiornata!
        • panda rossa scrive:
          Re: E poi accusiamo le aziende...
          - Scritto da: ruppolo

          le licenze vanno rispettate,

          Certo, come le leggi, no? Quindi come la mettiamo
          con la pirateria? Le rom Android cucinate? I
          XXXXXXXXX? le rom delle vecchie (e nuove) console
          ludiche?Se vengono rivendute e' giusto punire il fenomeno.Se vengono date via gratis no.

          se proprio si vuole

          criticare qualcuno, si punti il dito verso chi
          ha

          buttato VLC sullo

          store

          Ma certo, gli utenti iOS non devono poter godere
          dell'open source...Se per quello neanche del XXXXX.Comunque ce l'hai tu la faccia di Steve come sfondo del desktop, mica io.

          nè apple nè lo sviluppatore che ha denunciato

          hanno torto in questa

          vicenda

          Questa è una vicenda di una regola scritta prima
          che la tecnologia partorisse nuove forme di
          distribuzione del software, come le leggi che
          spesso critichiamo di obsolescenza. È la GPL che
          va aggiornata!La GPL va benissimo cosi'.Va adeguata la distribuzione del software.
          • ruppolo scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo



            le licenze vanno rispettate,



            Certo, come le leggi, no? Quindi come la
            mettiamo

            con la pirateria? Le rom Android cucinate? I

            XXXXXXXXX? le rom delle vecchie (e nuove)
            console

            ludiche?

            Se vengono rivendute e' giusto punire il fenomeno.
            Se vengono date via gratis no.Bene, allora adesso vengo a casa tua, porto tutto in strada e regalo ai passanti.


            se proprio si vuole


            criticare qualcuno, si punti il dito verso chi

            ha


            buttato VLC sullo


            store



            Ma certo, gli utenti iOS non devono poter godere

            dell'open source...

            Se per quello neanche del XXXXX.Scordi i minorenni?
            Comunque ce l'hai tu la faccia di Steve come
            sfondo del desktop, mica
            io.Il mio sfondo è grigio uniforme su iMac, MacBook Pro e iPad. Su iPhone è nero.


            nè apple nè lo sviluppatore che ha denunciato


            hanno torto in questa


            vicenda



            Questa è una vicenda di una regola scritta prima

            che la tecnologia partorisse nuove forme di

            distribuzione del software, come le leggi che

            spesso critichiamo di obsolescenza. È la GPL che

            va aggiornata!

            La GPL va benissimo cosi'.
            Va adeguata la distribuzione del software.La distribuzione del software si sta già adeguando, a quelle che sono le esigenze degli UTENTI.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: ruppolo
            Bene, allora adesso vengo a casa tua, porto tutto
            in strada e regalo ai
            passanti.Come al solito confondi beni digitali e beni materiali.Se vuoi, puoi venire a casa mia, fotografare tutto, e regalare le foto ai passanti.Oppure vedere il mio tavolo, rifarlo uguale, e regalarlo ai passanti.Finche' non mi togli la mia roba, sei libero di fare quello che ti pare.


            Ma certo, gli utenti iOS non devono poter
            godere


            dell'open source...



            Se per quello neanche del XXXXX.

            Scordi i minorenni?Quindi invece di togliere il XXXXX solo ai minorenni, lo levano a tutti.Siccome ci sono i pedofili, allora niente internet a tutti.Siccome c'e' un teppista che va allo stadio, allora tessera del tifoso a tutti.

            Comunque ce l'hai tu la faccia di Steve come

            sfondo del desktop, mica

            io.

            Il mio sfondo è grigio uniforme su iMac, MacBook
            Pro e iPad. Quindi e' un ingrandimento dell'iride dell'occhio sinistro di Steve.
            Su iPhone è nero.Quindi e' l'ingrandimento del buco del (anonimo)
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            Finche' non mi togli la mia roba, sei libero di
            fare quello che ti
            pare.
            anche fotografare la tua carta di credito, con certi numerelli bene in vista :D
            Quindi invece di togliere il XXXXX solo ai
            minorenni, lo levano a
            tutti.è una scelta commerciale della mela, imho è una stupidata ma se è scritto chiaramente: "da non usare per farsi pippe" non vedo dove ci sia frode o vessazione. Se voglio usare un tablet per le pippe lo piglierò di un'altra marca.
            Siccome ci sono i pedofili, allora niente
            internet a
            tutti.peccato che la pedofilia che finisce su internet sia una frazione di quanto avviene realmente. La maggior parte degli abusi avvengono nel mondo reale non su internet.
            Siccome c'e' un teppista che va allo stadio,
            allora tessera del tifoso a
            tutti.
            è una buona idea, che problemi ci sono a farsi identificare all'ingresso dello stadio ?


            Comunque ce l'hai tu la faccia di Steve come


            sfondo del desktop, mica


            io.



            Il mio sfondo è grigio uniforme su iMac, MacBook

            Pro e iPad.

            Quindi e' un ingrandimento dell'iride dell'occhio
            sinistro di
            Steve.


            Su iPhone è nero.
            Quindi e' l'ingrandimento del buco del (anonimo)
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            Finche' non mi togli la mia roba, sei libero di

            fare quello che ti

            pare.



            anche fotografare la tua carta di credito, con
            certi numerelli bene in vista
            :DNe abbiamo gia' parlato.Non e' la MIA carta di credito, e' la carta di credito dell'emittente, che me l'ha affidata con cortesia di custodirla e non mostrarla a terzi se non per effettuare trasazioni. Non dipende da me.

            Quindi invece di togliere il XXXXX solo ai

            minorenni, lo levano a

            tutti.

            è una scelta commerciale paracula della mela, Fixed.
            imho è una
            stupidata ma se è scritto chiaramente: "da non
            usare per farsi pippe" non vedo dove ci sia frode
            o vessazione. Il problema e' che lo hanno scritto dopo!
            Se voglio usare un tablet per le
            pippe lo piglierò di un'altra
            marca.Bravo! (apple)

            Siccome ci sono i pedofili, allora niente

            internet a

            tutti.

            peccato che la pedofilia che finisce su internet
            sia una frazione di quanto avviene realmente. La
            maggior parte degli abusi avvengono nel mondo
            reale non su internet.Appunto. E' una fesseria quella di limitare internet con la scusa del pedoterrosatanismo, cosi' come e' una fesseria quella di impedire le pippe con l'iPhone perche' una minima percentuale degli utilizzatori potrebbero essere bambini.

            Siccome c'e' un teppista che va allo stadio,

            allora tessera del tifoso a

            tutti.


            è una buona idea, che problemi ci sono a farsi
            identificare all'ingresso dello stadio ?A parte l'ora di coda che magari piove, e che ti portano via l'ombrello perche' potresti far male a qualcuno, e che tanto spranghe, lame, fumogeni e motorini entrano lo stesso, nessuno.
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...

            Ne abbiamo gia' parlato.
            Non e' la MIA carta di credito, e' la carta di
            credito dell'emittente, che me l'ha affidata con
            cortesia di custodirla e non mostrarla a terzi se
            non per effettuare trasazioni. Non dipende da
            me.
            ok posso fotografare il sorgente del programma che domani mi dovresti rilasciare ? i sorgenti li lascio nel tuo HD, stai tranquillo.


            Appunto. E' una fesseria quella di limitare
            internet con la scusa del pedoterrosatanismo,
            cosi' come e' una fesseria quella di impedire le
            pippe con l'iPhone perche' una minima percentuale
            degli utilizzatori potrebbero essere
            bambini.
            XXXXXXXta o meno, è una scelta della mela e se non si condivide basta lasciare gli iCosi sullo scaffale del negozio. Nessuno è mai morto per non aver potuto godere la visione dei film di Rocco sull'iPhone.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            Ne abbiamo gia' parlato.

            Non e' la MIA carta di credito, e' la carta di

            credito dell'emittente, che me l'ha affidata con

            cortesia di custodirla e non mostrarla a terzi
            se

            non per effettuare trasazioni. Non dipende da

            me.


            ok posso fotografare il sorgente del programma
            che domani mi dovresti rilasciare ? i
            sorgenti li lascio nel tuo HD, stai
            tranquillo.Fotografa pure.Porta una dozzina di rullini pero', perche' e' tanta roba.Pensi di ribatterli sul tuo computer tutto da solo questa notte?Buon lavoro.Naturalmente il servizio di assistenza sul prodotto si paga a parte.Il sorgente sarebbe stato gratis comunque.
          • shevathas scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas


            Ne abbiamo gia' parlato.


            Non e' la MIA carta di credito, e' la carta di


            credito dell'emittente, che me l'ha affidata
            con


            cortesia di custodirla e non mostrarla a terzi

            se


            non per effettuare trasazioni. Non dipende da


            me.




            ok posso fotografare il sorgente del programma

            che domani mi dovresti rilasciare ? i

            sorgenti li lascio nel tuo HD, stai

            tranquillo.

            Fotografa pure.
            Porta una dozzina di rullini pero', perche' e'
            tanta
            roba.
            Pensi di ribatterli sul tuo computer tutto da
            solo questa
            notte?
            Buon lavoro.
            grazie.
            Naturalmente il servizio di assistenza sul
            prodotto si paga a
            parte.una volta che si ha il sorgente si ha tutto* ;)
            Il sorgente sarebbe stato gratis comunque.ok ti do un CD e me lo passi direttamente ;)*sono conscio che mettere mano per delle modifiche ad un software visto per la prima volta non è una azione immediata e/o semplice. era una semplice sparata.
          • panda rossa scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: shevathas

            Buon lavoro.


            grazie.


            Naturalmente il servizio di assistenza sul

            prodotto si paga a

            parte.
            una volta che si ha il sorgente si ha tutto* ;)


            Il sorgente sarebbe stato gratis comunque.
            ok ti do un CD e me lo passi direttamente ;)
            Sta su sourceforge, puoi scaricartelo direttamente senza bisogno di dare soldi alla siae per il supporto vergine.
            *sono conscio che mettere mano per delle
            modifiche ad un software visto per la prima volta
            non è una azione immediata e/o semplice. era una
            semplice sparata.Comunque e' tutto ben commentato.
          • LaNberto scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo
            Siccome c'e' un teppista che va allo stadio,
            allora tessera del tifoso a
            tutti.per me anche bastonature a tutti quelli delle curve :D
        • bertuccia scrive:
          Re: E poi accusiamo le aziende...
          - Scritto da: ruppolo

          Ma certo, gli utenti iOS non devono poter godere
          dell'open source...evidentemente no, perchè chi sviluppa sotto la GPL,lo fa perchè crede in un modello di distribuzionedel software differente.quindi non gli va di appoggiare modelliche non ritiene giusti.uno sarà ben libero di fare ciò che vuole col sw che scrive!così come la apple è LIBERA di dire che il suo OSsu macchine non apple non ce lo fai girare
          • ruppolo scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: ruppolo



            Ma certo, gli utenti iOS non devono poter godere

            dell'open source...

            evidentemente no, perchè chi sviluppa sotto la
            GPL,
            lo fa perchè crede in un modello di distribuzione
            del software differente.Cosa c'entra il modello di distribuzione dei binari? Non è il codice sorgente, la conoscenza da diffondere?
            quindi non gli va di appoggiare modelli
            che non ritiene giusti.Ripeto la domanda precedente.
            uno sarà ben libero di fare ciò che vuole
            col sw che scrive!Si, quando scrive software closed è libero di fare ciò che vuole.Quando invece scrive software open, non è più libero.
            così come la apple è LIBERA di dire che il suo OS
            su macchine non apple non ce lo fai girareAppunto, perché è closed.
          • Sgabbio scrive:
            Re: E poi accusiamo le aziende...
            non hai capito il punto...
    • p4bl0 scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      - Scritto da: ruppolo
      ...di fare inutili guerre sui brevetti?
      cosa c'entrano i brevetti adesso? quelli sono il male, la licenza l'hai sempre sostenuta anche tu a spada tratta, solo che apparentemente quando si parla di apple il discorso non vale, no?
      Questo facendo la stessa identica cosa nel mondo
      open source, dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.ma per favore.. gelosia e invidia? questo al massimo è impuntarsi sui princìpi, è ora di finirla con la storia del "se non hai l'iphone è perchè non puoi permettertelo" che sono cagate


      Che si vergogni.ne riparliamo dopo che avrai un po' più di onestà intellettuale
    • Sgabbio scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      La tua logica è illogica: Prima urli e sbraiti contro i pirati! Uno degli autori del programma dice un dubbio su una possibile violazione di una licenza del proprio software è tu ti lamenti ?2 pesi 2 misure.
    • Batuff scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...
      Le licenze d'uso non centrano una beneamata cippa con i brevetti.
    • pippuz scrive:
      Re: E poi accusiamo le aziende...

      dimostrando che gelosia e invidia
      sono trasversali rispetto la posizione sociale
      delle persone.Tipica frase berlusconiana, te ne sei accorto? Dire che le motivazioni che spingono gli "altri" ad agire necessariamente "contro" sono gelosia ed invidia. Candidato del PDL?
  • paolo del bene scrive:
    VLC e App Store, problemi di licenza
    so if you got something to type writes to Remì Denis-Courmont rem@videolan.org or finish to say stupid things.
  • paolo del bene scrive:
    VLC e App Store, problemi di licenza
    [vlc-devel] Apple AppStore infringing VLC media player licensehttp://mailman.videolan.org/pipermail/vlc-devel/2010-October/077325.html
  • clsbn scrive:
    avrebbe fatto bene più a vlc
    invece appellandosi alla GPL e usandola nel modo più gretto invece che rendere il software *libero* anche di circolare sugli idevice non stanno facendo altro che puro e semplice campanilismo. Mi sa che lo scopo della GPL è ben altro. D'altronde e chi usa un qualche idevice lo sa benissimo, vlc non aggiunge niente di più di quel che dentro ios esiste già e a GRATIS!Vedere nativamente i divX? Grazie ma preferisco l'h.264 nativo perchè poi c'è anche da capire quale consumo di batteria i codec ricompilati e forse non ottimizzati producono. Che poi sui sistemi windows e linux vlc sia spesso la manna dal cielo non lo metto in dubbio ma montare un castello perchè qualcuno l'ha portato su ios mi sembra davvero darsi la zappa sui piedi e dai!
    • qwerty scrive:
      Re: avrebbe fatto bene più a vlc

      Vedere nativamente i divX? Grazie ma preferisco
      l'h.264 nativo perchè poi c'è anche da capire
      quale consumo di batteria i codec ricompilati e
      forse non ottimizzati producono.Certo, e gli mkv? e i sottotitoli? e la seconda lingua? e i profili high? e il CABAC (sui vecchi terminali prima del 4)? e...? e...?Se sai di cosa sto parlando capirai che ci sono miliardi di limitazioni, altrimenti informati prima di parlare.Senza contare le volontarie castrazioni di riproduzione, che sono aggirabili tranquillamente bypassando iTunes (senza fare XXXXXXXXX)...
      • Kubunto scrive:
        Re: avrebbe fatto bene più a vlc
        Inoltre aggiungo che VLC non è la manna dal cielo dei sistemi windows e Linux ma semplicemente uno dei tanti in circolazione per queste piattaforme.E a proposito di Licenze, si parla di "dubbio" uso della GPL ma qualcuno a mai sentito o letto di CDDL ??O di Incauto uso della BSD License??Lo zio Steve dovrebbe solo vergognarsi! :@
      • Funz scrive:
        Re: avrebbe fatto bene più a vlc
        - Scritto da: qwerty

        Vedere nativamente i divX? Grazie ma preferisco

        l'h.264 nativo perchè poi c'è anche da capire

        quale consumo di batteria i codec ricompilati e

        forse non ottimizzati producono.

        Certo, e gli mkv? e i sottotitoli? e la seconda
        lingua? e i profili high? e il CABAC (sui vecchi
        terminali prima del 4)? e...?
        e...?
        Se sai di cosa sto parlando capirai che ci sono
        miliardi di limitazioni, altrimenti informati
        prima di
        parlare.
        Senza contare le volontarie castrazioni di
        riproduzione, che sono aggirabili tranquillamente
        bypassando iTunes (senza fare
        XXXXXXXXX)...Lascia perdere. Al macaco bastano le quattro funzioni base che gli danno, purché abbiano l'iconcina glossy...se non girano gli mkv, è perché non sono degni :p
        • ruppolo scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc
          - Scritto da: Funz
          se non girano gli mkv, è perché non sono degni :pEssere ladri è degno di qualcosa?
        • clsbn scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc
          Sarò pure macaco ma di certo non demente. Tu sul tuo cellulare, smartphone o tablet che sia ci fai girare il simulatore dell'universo parallelo come funzione estesa? Se ti ritieni degno di far girare gli mkv sul cellulare continua pure, genio.
          • Funz scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            - Scritto da: clsbn
            Sarò pure macaco ma di certo non demente. Tu sul
            tuo cellulare, smartphone o tablet che sia ci fai
            girare il simulatore dell'universo parallelo comeSe esistesse una cosa del genere (che idea balzana!) perché no?cos'è, invidia? La volpe e l'uva? :p
            funzione estesa? Se ti ritieni degno di far
            girare gli mkv sul cellulare continua pure,
            genio.No, sono gli mkv che sono degnissimi di girare sul mio cellulare
          • clsbn scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Forse non si è capito che io (come tutti gli altri utenti iOS) non sento nemmeno lontanamente il bisogno di leggere un mkv direttamente con l'iphone. La cosa che mi fa rabbia è che tutto il resto della gente qui viene a vantarsi di poter leggere sti mkv quasi fosse la soluzione a tutti i problemi del mondo, tacciando di incompetenza i mac user. Siete veramente fuori strada e di brutto. Quello che volevo cercare di far capire era che tale supporto non aggiunge NIENTE di veramente utile a quanto non sia già dentro iOS e pertanto niente in più porta vlc nel melaphone. Questo per tornare al discorso con cui ho iniziato questa discussione: se i creatori di vlc avessero tralasciato di appellarsi a cavilli legali della GPL avrebbero avuto un'opportunità in più di far conoscere il loro lavoro (se mai ne avessero bisogno); negandosi in questo modo non producono alcun danno alla comunità apple, ma veramente nessuno,
          • Funz scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            - Scritto da: clsbn
            Forse non si è capito che io (come tutti gli
            altri utenti iOS) non sento nemmeno lontanamente
            il bisogno di leggere un mkv direttamente con
            l'iphone. La cosa che mi fa rabbia è che tutto il
            resto della gente qui viene a vantarsi di poter
            leggere sti mkv quasi fosse la soluzione a tutti
            i problemi del mondo, tacciando di incompetenza i
            mac user. Siete veramente fuori strada e di
            brutto.Se non posso leggere i mkv mi taglio fuori un sacco di fansub, tanto per fare un esempio. Devo rinunciare a quardarli sull'ipad oppure mi tocca riconvertirli.Tu rinunciaci pure, ma non venire a dire che A ME non serve il supporto agli mkv. Quello che volevo cercare di far capire
            era che tale supporto non aggiunge NIENTE di
            veramente utile a quanto non sia già dentro iOS e
            pertanto niente in più porta vlc nel melaphone.Certo, certo, se non è supportato da Apple, non serve. La volpe che non arriva all'uva come al solito si accontenta della mela caduta per terra...
            Questo per tornare al discorso con cui ho
            iniziato questa discussione: se i creatori di vlc
            avessero tralasciato di appellarsi a cavilli
            legali della GPL avrebbero avuto un'opportunità
            in più di far conoscere il loro lavoro (se mai ne
            avessero bisogno); negandosi in questo modo non
            producono alcun danno alla comunità apple, ma
            veramente
            nessuno,Chi se ne fotte della comunità Apple? E' una questione di principio, peraltro tirata fuori dalla EFF, nemmeno da quelli di VLC.
          • clsbn scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            OK, ma sono comunque utilizzi davvero estremi e in ogni caso la riconversione con una macchina decente non supera la mezz'ora.Per favore smettiamola di fare questo discorso della volpe e l'uva e di "ciò che apple non supporta è inutile". Io parlo solo della mia esperienza personale. Per ME è inutile, evidentemente sono d'accordo con le scelte di Apple ma non sto giustificando eventuali pseudo-mancanze.
          • Funz scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            - Scritto da: clsbn
            OK, ma sono comunque utilizzi davvero estremi e
            in ogni caso la riconversione con una macchina
            decente non supera la
            mezz'ora.
            Per favore smettiamola di fare questo discorso
            della volpe e l'uva e di "ciò che apple non
            supporta è inutile". Io parlo solo della mia
            esperienza personale. Per ME è inutile,
            evidentemente sono d'accordo con le scelte di
            Apple ma non sto giustificando eventuali
            pseudo-mancanze.D'accordo.Però (parlo sempre a titolo personale), la conversione di formato è uno smazzamento mica trascurabile.
      • LaNberto scrive:
        Re: avrebbe fatto bene più a vlc
        Handbrake e passa la paura. Veloce, efficiente, pulito
        • qwerty scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc
          certo, magari su mac con gli aggiornatissimi core 2 duo da 2ghz...
          • LaNberto scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Non direi, codificava a 75 frame/secondo già sul primo macbookpro da 1,6
          • qwerty scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            per favore dammi le impostazioni di codifca, dato che frequento spesso doom9/doom10 (quindi non sono inesperto) e sul mio pc da 3,2ghz quando voglio codificare per iphone vado a poco meno di 30 fps...o carica uno spezzone di un video codificato con la tua qualità, e io carico uno mio, e poi vediamo la differenza...certo, anche io, se codifico senza cabac, senza b-frames etc etc vado a 100fps!
          • LaNberto scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Non direi, codificava a 75 frame/secondo già sul primo macbookpro da 1,6
          • Sgabbio scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Aggiornati un pò....
        • ruppolo scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc
          - Scritto da: LaNberto
          Handbrake e passa la paura. Veloce, efficiente,
          pulitoConcordo.
          • Batuff scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Certo che Steve vi ha abituati veramente male...Mi fate un po' pena.
      • eppl scrive:
        Re: avrebbe fatto bene più a vlc
        Esiste un player chiamato cinexplayer che funziona molto meglio di vlc (a volte scatta) e sicuramente ce ne saranno altri.Ma il succo è sempre lo stesso: per gli invidiosi della mela ogni appiglio è valido per criticare criticare e criticare.Piuttosto, il paladino della gpl dovrebbe prendersela con chi ha pubblicato vlc su appstore, ed in privato, punto e basta.Per noi macachi, questa notizia vale come il rutto di una zanzara.
      • clsbn scrive:
        Re: avrebbe fatto bene più a vlc
        Si, gli mkv e, e, e, ma che stai a dire!! Solo un genio assoluto potrebbe avere la pretesa di guardare un mkv su uno schermo da 4 pollici, a parte che se usi il container mp4 il codec h.264 ce l'hai già nativamente e accelerato in hardware col player integrato in iOS... circa lingue aggiuntive, sottotitoli, cabac e menate varie ti hanno già risposto altri parlando di handbrake. Supporta tutto ciò ed è ottimizzato per il multicore e per le architetture a 64 bit. Il mio macbook pro i7 codifica un h.264 in 20 minuti e un film di media durata con una qualità ineccepibile non viene più grande di mezzo giga... altro che mkv...
        • Sgabbio scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc
          E se uno non volesse avere un archivio ridondante di file video... ? :D
          • Batuff scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc
            Ma lasciali perdere questi mac-idioti. Felici e coglionati.
        • qwerty scrive:
          Re: avrebbe fatto bene più a vlc

          Si, gli mkv e, e, e, ma che stai a dire!! Solo un
          genio assoluto potrebbe avere la pretesa di
          guardare un mkv su uno schermo da 4 polliciGenio...http://store.apple.com/it/product/MB128ZA/B?fnode=MTY1NDAzOQ&mco=MTE0Njk2MDQSe iphone non avesse tutte queste limitazioni uno (ovviamente che ha questo telefono come me) si comprime una sola volta, alla massima qualità, tutto quello che gli pare ed evita di comprare un Network Media Tank
          a parte che se usi il container mp4 il codec h.264
          ce l'hai già nativamente e accelerato in hardware
          col player integrato in iOS...cosa che dovrebbe essere fatta anche da VLC ma ovviamente non sarà mai grazie a steve che non lo concede (ma tu sai di cosa stiamo parlando no?)senza contare che il tuo bellisimo container mp4 non supporta tanti formati uno tra tutti l'ac3!
          circa lingue
          aggiuntive, sottotitoli, cabac e menate varie ti
          hanno già risposto altri parlando di handbrake.
          Supporta tutto ciò ed è ottimizzato per il
          multicore e per le architetture a 64 bit.1) se lo supporta handbrake non vuol dire che lo supporti il dispositivo2) sai cos'è CABAC?3) mi hai sentito parlare di multicore o 64bit? ho forse detto che handbrake è un cattivo programma? SVEGLIAAAAA
          Il mio macbook pro i7 codifica un h.264 in 20 minuti
          e un film di media durata con una qualità
          ineccepibile non viene più grande di mezzo
          giga... altro che mkv...mkv è un contenitore, cosa c'entra? prima dici che 4 pollici sono pochi e poi che converti interi film per l'iphone...hai le idee confuse e spari razzate, vai a trollare da un'altra parte per favoree poi, un film codificato in 20 minuti...AHAHAHAHAHAHAHAH, mi immagino che qualità!
          • clsbn scrive:
            Re: avrebbe fatto bene più a vlc

            si comprime una sola volta, alla massima qualità, tutto quello che gli pare ed evita di
            comprare un Network Media Tankio personalmente non archivio film perchè non li rivedo e comunque non avrei problemi a perdere 20 minuti a riconvertirli se volessi rivederli *anche* su iphone
            senza contare che il tuo bellisimo container mp4 non supporta tanti formati uno tra tutti l'ac3!e come veicoleresti l'ac3 fuori dall'iphone? Non dirmi che hai delle cuffie 5.1 :D
            1) se lo supporta handbrake non vuol dire che lo supporti il dispositivoOvviamente intendevo ciò che supporta anche il dispositivo. E' uno spreco di spazio creare un file multilingua e ti garantisco che il player integrato ti consente di selezionare lingua e traccia sottotitoli, col solito stile apple (che funziona). Se il file video non contiene tracce multiple i controlli nel player non compaiono.
            2) sai cos'è CABAC?codifica adattiva? ok e quindi? Siamo a scuola? Ancora una volta mi sembra esagerato per un dispositivo mobile... se devo guardare un film in full hd mi sembra più adeguato usare il computer e veicolare tutto via displayport
            mkv è un contenitore, cosa c'entra? esatto un contenitore che supporterà pure ac3 ma che è di dubbia utilità su un dispositivo mobile e il cavo component che hai linkato purtroppo non serve se non a visualizzarti un video anche a 1080i ok, cosa che comunque ottieni già con un mp4. Morale: il supporto mkv su un dispositivo mobile è inutile, se vlc non mi dà altro (e sarebbe carino avere lo streaming) per ora non serve, GPL o no.
            e poi, un film codificato in 20 minuti...AHAHAHAHAHAHAHAH, mi immagino che qualità!si bravo, immagina perchè pare non abbia alcuna esperienza diretta in merito se no non parleresti così.
    • HappyCactus scrive:
      Re: avrebbe fatto bene più a vlc
      - Scritto da: clsbn
      invece appellandosi alla GPL e usandola nel modo
      più gretto invece che rendere il software
      *libero* anche di circolare sugli idevice non
      stanno facendo altro che puro e semplice
      campanilismo. Mi sa che lo scopo della GPL è ben
      altro....
      Che poi sui sistemi windows e linux vlc sia
      spesso la manna dal cielo non lo metto in dubbio
      ma montare un castello perchè qualcuno l'ha
      portato su ios mi sembra davvero darsi la zappa
      sui piedi e
      dai!Non lo è. Sarebbe un precedente davvero pericoloso, renderebbe la licenza GPL del tutto arbitraria. Dunque chiunque potrebbe un giorno prendere un software, applicare la GPL, poi derogare per chissà quale altro futile motivo... no, il rispetto delle regole non si può MAI derogare.
  • vuelleci scrive:
    chi l'ha già scaricato
    se lo dovessero rimuovere dallo store cosa succede a chi l'ha già scaricato? potrà continuare ad usarlo?
    • MacBoy scrive:
      Re: chi l'ha già scaricato
      Sì, certo
      • Nome e cognome scrive:
        Re: chi l'ha già scaricato
        sempre se non decidono di cancellarlo da remoto ^^
        • lellykelly scrive:
          Re: chi l'ha già scaricato
          poi avvertono la cia, l'fbi e gli alieni ti rapiscono
        • MacBoy scrive:
          Re: chi l'ha già scaricato
          - Scritto da: Nome e cognome
          sempre se non decidono di cancellarlo da remoto ^^La Apple non si è ancora trovata nella situazione di dover premere il "kill-switch". Invece quelli di Android sì... questo a conferma che iOS è a monte più al sicuro dal malware rispetto a tutte le altre piattaforme.
        • frank681 scrive:
          Re: chi l'ha già scaricato
          ho alcuni programmi che sono stati rimossi dall' appstore (per esempio mitube) e nessuno ha mai toccato nulla (considera pure che ho un iphone jbroken). l'unica cosa è che non arrivano più gli aggiornamenti e se aggiorni l'os non è detto che poi girino ancora.
        • ruppolo scrive:
          Re: chi l'ha già scaricato
          - Scritto da: Nome e cognome
          sempre se non decidono di cancellarlo da remoto ^^Mai fatto per questioni analoghe.Su Android, invece, lo hanno già fatto.
  • poche storie scrive:
    poche storie!
    non capisco quali sarebbero i dubbi: la violazione è chiara ed evidente, e la cosa è ben nota de tempo ...- http://www.fsf.org/news/blogs/licensing/more-about-the-app-store-gpl-enforcement- http://www.fsf.org/blogs/licensing/vlc-enforcementquindi poche storie: o apple cambia i termini di servizio di applestore o altrimenti si scorda (inieme ai i furbetti tipo applidium) le applicazioni GPL e AGPL...inoltre, dichiarazioni aberranti tipo "rovinare l'esperienza del player video open source sull'AppStore in nome della libertà" fanno solamente vomitare :- VLC ha licenza GPL per cui è ben di più che open source: è software libero- il concetto sarebbe che la "esperienza" (sic!) di un player video vale più della libertà? o che la (nostra) libertà vale meno dei (loro) soldi?bye
    • Anon scrive:
      Re: poche storie!
      Quoto
    • Izio scrive:
      Re: poche storie!
      Già, mi piace come ribaltino la frittata: per loro sarebbe illiberale chi pretende che vengano rispettati i termini della GPL, non chi pretende di mettere delle briglie proprietarie al software libero!
      • Abelardo Norkis scrive:
        Re: poche storie!
        E poi, perchè dovremmo fruire di un ottimo player gratuito, quando ce ne sono svariati scadenti e a pagamento ? :$
        • panda rossa scrive:
          Re: poche storie!
          - Scritto da: Abelardo Norkis
          E poi, perchè dovremmo fruire di un ottimo player
          gratuito, quando ce ne sono svariati scadenti e a
          pagamento ?
          :$Perche' lo dice Jobs!Il vero applefan schifa la roba gratis e usa solo software proprietario.Piu' costa e piu' fa figo!E quando qualcuno gli chiede perche', deve rispondere: "Perche' IO me lo posso permettere, pezzente!"
          • Kubunto scrive:
            Re: poche storie!
            Però poi lo zio steve scorda (o fa finta di scordarsi) che il software "proprietario e costoso da snob, nella maggior parte dei casi non è altro che lo stesso free e opensource Rinominato e Spacciato come novità....Roba da fare venire il vomito!E questa me la chiamano rivoluzione informatica?Si, la rivoluzione del paese dei balocchi e di asinelli ce ne son molti in giro (ghost)BHA!!!
          • sylvaticus scrive:
            Re: poche storie!
            .. mi fai venire in mente quel caso di screensaver che costava un occhio e faceva vedere un diamante sullo sfondo... he-he-he-he.. qualcuno l'aveva anche comprato !! CAZZARI !!!
        • Izio scrive:
          Re: poche storie!
          - Scritto da: Abelardo Norkis
          E poi, perchè dovremmo fruire di un ottimo player
          gratuito, quando ce ne sono svariati scadenti e a
          pagamento ?
          :$Avresti tutti i motivi per fruirne, e infatti quelli che l'hanno creato ti danno la libertà di farlo - NON danno però a TE (intendo un "te" impersonale) la libertà di mettere delle briglie proprietarie al LORO lavoro. Sei pur sempre libero di scriverne uno tuo e di assoggettarlo ai termini di licenza Apple, se ti va :)
    • James Kirk scrive:
      Re: poche storie!
      Scusa ma finora ho sentito parlare di violazione della GPL ma non ho capito l'oggetto reale del contendere.VLC per IOS è a pagamento sull'Appstore ?Hanno incluso il DRM all'interno di VLC ?Applidium non rilascia il codice sorgente ?
      • MacBoy scrive:
        Re: poche storie!
        - Scritto da: James Kirk
        Scusa ma finora ho sentito parlare di violazione
        della GPL ma non ho capito l'oggetto reale del
        contendere.

        VLC per IOS è a pagamento sull'Appstore ?
        Hanno incluso il DRM all'interno di VLC ?
        Applidium non rilascia il codice sorgente ?Intanto c'è da dire che se VLC è nell'AppStore è perchè gli sviluppatori ce l'hanno messo, quindi sono loro che hanno 'sbagliato' al limite, se così si può dire. Le regole dell'AppStore sono chiare e uguali per tutti.Il problema, mi sembra di capire, è che le applicazioni su AppleStore sono criptate (chiamiamolo DRM) in modo tale che solo l'acquirente può utilizzare l'applicazione scaricata. Questo andrebbe contro la GPL e quindi VLC con quella licenza non potrebbe essere distribuito in quel modo.Ma visto che per iPhone è (quasi) l'unico modo per distribuire software...Comunque questa GPL crea problemi. Anche se i principi su cui è basata sono condivisibili ("io metto a disposizione il frutto del mio lavoro, quindi se tu lo estendi devi in egual modo condividere il tuo") in pratica nel 2010 fa spesso a XXXXXtti con l'opensource che nasce per integrarsi con prodotti e OS commerciali (come VLC). Infatti esistono licenze meno restrittive a riguardo come quella BSD utilizzata dai software opensource sponsorizzati da Apple, ad esempio.Il fatto che su AppStore ci sia il DRM ha duplice scopo di salvaguardare gli sviluppatori commerciali funzionando come sistema anticopia*, ma soprattutto di certificare la provenienza originaria dell'applicazione in pratica GARANTENDONE la sicurezza (con questo schema è praticamente IMPOSSIBILE avere malware su iOS). Quindi Apple non ci rinuncerà mai, tanto meno per fare un favore ad un singolo software, essendo parte integrante della piattaforma iOS e uno dei maggiori vantaggi rispetto alla concorrenza.* In realtà questa cosa è stata crakkata ad tempo ma serve un iPhone XXXXXXXXXato per utilizzare software crakkati.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: poche storie!

          Il fatto che su AppStore ci sia il DRM ha duplice
          scopo di salvaguardare gli sviluppatori
          commerciali funzionando come sistema anticopia*,
          ma soprattutto di certificare la provenienza
          originaria dell'applicazione in praticaIn pratica di spillare soldi agli utenti, e di limitare il software a loro disposizione.E non protegge affatto da malware, visto che basta visitare una pagina per fare il XXXXXXXXX e infiltrare ciò che si vuole.
          • Sgabbio scrive:
            Re: poche storie!
            Bastava, prego.Sfruttavano un bug si sicurezza per fare il XXXXXXXXX in quel modo, purtroppo.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il fatto che su AppStore ci sia il DRM ha
            duplice

            scopo di salvaguardare gli sviluppatori

            commerciali funzionando come sistema anticopia*,

            ma soprattutto di certificare la provenienza

            originaria dell'applicazione in pratica

            In pratica di spillare soldi agli utenti,Quindi tu stai spillando soldi al tuo datore di lavoro?
            e di
            limitare il software a loro
            disposizione.Vero, quando entro in AppStore e trovo solo 310 mila applicazioni sento tutto il peso di tale limitazione... è come quella sensazione di chiusura quando sei in campo di calcio, hai presente?
            E non protegge affatto da malware, visto che
            basta visitare una pagina per fare il XXXXXXXXX e
            infiltrare ciò che si
            vuole.Peccato (per te) che questo si è potuto/voluto/dovuto fare solo per una settimana. Io non l'ho fatto ed ora sono triste, pensando "chissà quando avrò ancora un simile occasione"...
          • Sgabbio scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Il fatto che su AppStore ci sia il DRM ha

            duplice


            scopo di salvaguardare gli sviluppatori


            commerciali funzionando come sistema
            anticopia*,


            ma soprattutto di certificare la provenienza


            originaria dell'applicazione in pratica



            In pratica di spillare soldi agli utenti,

            Quindi tu stai spillando soldi al tuo datore di
            lavoro?


            e di

            limitare il software a loro

            disposizione.

            Vero, quando entro in AppStore e trovo solo 310
            mila applicazioni sento tutto il peso di tale
            limitazione... è come quella sensazione di
            chiusura quando sei in campo di calcio, hai
            presente?


            E non protegge affatto da malware, visto che

            basta visitare una pagina per fare il XXXXXXXXX
            e

            infiltrare ciò che si

            vuole.

            Peccato (per te) che questo si è
            potuto/voluto/dovuto fare solo per una settimana.
            Io non l'ho fatto ed ora sono triste, pensando
            "chissà quando avrò ancora un simile
            occasione"...Tu come al solito capisci tutto...in maniera errata... lol
        • panda rossa scrive:
          Re: poche storie!
          - Scritto da: MacBoy
          Comunque questa GPL crea problemi.La GPL non crea problemi, li risolve!
          • MacBoy scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MacBoy


            Comunque questa GPL crea problemi.

            La GPL non crea problemi, li risolve!No li crea. Per colpa di questa GPL non potete neanche mettere su Linux il filesystem ZFS che pure è opensource (ma con un altra licenza).
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: MacBoy
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: MacBoy




            Comunque questa GPL crea problemi.



            La GPL non crea problemi, li risolve!

            No li crea. Per colpa di questa GPL non potete
            neanche mettere su Linux il filesystem ZFS che
            pure è opensource (ma con un altra
            licenza).Non e' esatto. Non e' possibile includere ZFS in una distribuzione, ma nulla vieta all'utente finale di scaricarlo e installarlo.Esattamente come nulla vieta di installare su linux software commerciale o closed.La GPL rendera' tutto il software aperto e libero!E' solo questione di tempo, e poi il software closed si estinguera' per selezione naturale.
          • Valeren scrive:
            Re: poche storie!
            Su questo ho parecchi dubbi, eh.
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: Valeren
            Su questo ho parecchi dubbi, eh.Su cosa hai parecchi dubbi?Ho scritto due considerazioni e non hai quotato quale delle due.
          • LaNberto scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MacBoy

            Esattamente come nulla vieta di installare su
            linux software commerciale o
            closed.
            Se solo ce ne fosse... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: LaNberto
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: MacBoy




            Esattamente come nulla vieta di installare su

            linux software commerciale o

            closed.


            Se solo ce ne fosse... :DHo installato parecchio software commerciale sotto wine sulla mia macchina. Soprattutto games.
          • LaNberto scrive:
            Re: poche storie!
            Appunto.software Windows
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: LaNberto
            Appunto.software WindowsAnche software Amiga, anche le rom del MAME...Ci girano, e si possono installare.Che poi necessitino di emulatori e' un altro discorso.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: LaNberto

            Appunto.software Windows

            Anche software Amiga, anche le rom del MAME...

            Ci girano, e si possono installare.Si "possono"? Nel senso che la licenza lo permette?
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: LaNberto


            Appunto.software Windows



            Anche software Amiga, anche le rom del MAME...



            Ci girano, e si possono installare.

            Si "possono"? Nel senso che la licenza lo
            permette?La licenza non permette. La licenza al massimo vieta.Dimmi dove c'e' scritto che e' esplicitamente vietato installare un software per windows sotto ubuntu mediante wine.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: LaNberto



            Appunto.software Windows





            Anche software Amiga, anche le rom del MAME...





            Ci girano, e si possono installare.



            Si "possono"? Nel senso che la licenza lo

            permette?

            La licenza non permette.
            La licenza al massimo vieta.Si vede che non ne hai mai letta una...
            Dimmi dove c'e' scritto che e' esplicitamente
            vietato installare un software per windows sotto
            ubuntu mediante
            wine.Dimmi dove sta scritto che è vietato uccidere una persona lanciandola nello spazio priva di bombole e paracadute...
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            Dimmi dove sta scritto che è vietato uccidere una
            persona lanciandola nello spazio priva di bombole
            e
            paracadute... Art. 584: (Omicidio preterintenzionale) Chiunque, con atti diretti a commettere uno dei delitti preveduti dagli art. 581 e 582 cagiona la morte di un uomo, è punito con la reclusione da dieci a diciotto anni (c.p.43, 585, 586).
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Dimmi dove sta scritto che è vietato uccidere
            una

            persona lanciandola nello spazio priva di
            bombole

            e

            paracadute...

            Art. 584: (Omicidio preterintenzionale)
            Chiunque, con atti diretti a commettere uno dei
            delitti preveduti dagli art. 581 e 582 cagiona la
            morte di un uomo, è punito con la reclusione da
            dieci a diciotto anni (c.p.43, 585, 586).
            Appunto, come vedi non viene specificato il modo.Così come per il software delle ROM, la licenza VIETA di utilizzare tale software in modi diversi da quelli previsti, non importa se emulato da un ricompilatore o disassemblato e ricompilato in un virtualizzatore o qualsiasi altra elaborazione fantasiosa che mente umana possa concepire: l'opera d'ingegno è tutelata persino nella carta internazionale dei diritti umani.
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo




            Dimmi dove sta scritto che è vietato uccidere

            una


            persona lanciandola nello spazio priva di

            bombole


            e


            paracadute...



            Art. 584: (Omicidio preterintenzionale)

            Chiunque, con atti diretti a commettere uno dei

            delitti preveduti dagli art. 581 e 582 cagiona
            la

            morte di un uomo, è punito con la reclusione da

            dieci a diciotto anni (c.p.43, 585, 586).



            Appunto, come vedi non viene specificato il modo.Il modo non c'entra.
            Così come per il software delle ROM, la licenza
            VIETA di utilizzare tale software in modi diversi
            da quelli previsti, Il modo previsto e' quello di eseguirlo su una macchina in grado di eseguirlo.Recupera un po' un testo che lo leggiamo insieme.
            non importa se emulato da un
            ricompilatore o disassemblato e ricompilato in un
            virtualizzatore o qualsiasi altra elaborazione
            fantasiosa che mente umana possa concepire:
            l'opera d'ingegno è tutelata persino nella carta
            internazionale dei diritti
            umani.E chi dice niente? L'opera d'ingegno e' tutelatissima.Io acquisto il CD del software, lo infilo nel lettore del mio computer, doppioclicco su setup.exe, e il software si installa.Poi vado sull'icona di wine, mi si apre il menu Programmi, seleziono quello appena installato, e questo parte.Dov'e' che ho violato che cosa?
          • LaNberto scrive:
            Re: poche storie!
            ma infatti è il software commerciale per linux che manca, mica quello di windows
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: LaNberto
            ma infatti è il software commerciale per linux
            che manca, mica quello di
            windowsNon e' che si senta poi tutta questa mancanza.E comunque, ora che ci penso, Oracle esiste anche per linux, e non e' certo libero.
          • LaNberto scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            Non e' che si senta poi tutta questa mancanza.la cosa è reciproca, con lo 0,8% del desktop, a chi vuoi che manchi?
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: LaNberto
            - Scritto da: panda rossa


            Non e' che si senta poi tutta questa mancanza.

            la cosa è reciproca, con lo 0,8% del desktop, a
            chi vuoi che
            manchi?Agli informatici, che guarda caso, sono quello 0,8% della popolazione che manda avanti la baracca del restante 99,2%.
          • LaNberto scrive:
            Re: poche storie!
            infatti. voi avete quello che vi serve. gli altri no. Il vostro mercato è quasi saturo. l'altro sarebbe da conquistare. ma senza mezzi non è possibilecomunque io parlo di mercato desktop. sui server linux ha una percentuale molto alta, lo sai no?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 novembre 2010 08.18-----------------------------------------------------------
          • MacBoy scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            Ho installato parecchio software commerciale
            sotto wine sulla mia macchina. Soprattutto
            games.Altro difetto fondamentale della GPL che castra e castrerà SEMPRE Linux è il problema dei drivers. In pratica per essere inclusi nel suo kernel (monolitico) servono i sorgenti...Ovvio che a molti produttori di hardware questo non vada bene perchè i quei drivers c'è l'IP del prodotto che le aziende certo non vogliono regalare i loro segreti ai concorrenti.Solo per questo per me il kernel Linux andrebbe abbandonato e il mondo opensource dovrebbe puntare su altri kernel più aperti e anche migliori, come BSD (che tra l'altro è il VERO Unix, non il clone che è Linux).
          • panda rossa scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: MacBoy
            - Scritto da: panda rossa

            Ho installato parecchio software commerciale

            sotto wine sulla mia macchina. Soprattutto

            games.

            Altro difetto fondamentale della GPL che castra e
            castrerà SEMPRE Linux è il problema dei drivers.
            In pratica per essere inclusi nel suo kernel
            (monolitico) servono i
            sorgenti...Mi pare giusto.
            Ovvio che a molti produttori di hardware questo
            non vada bene perchè i quei drivers c'è l'IP del
            prodotto che le aziende certo non vogliono
            regalare i loro segreti ai
            concorrenti.IP del prodotto? Regalare segreti?L'hardware e' hardware, e i segreti si brevettano.Se tu azienda non mi vuoi dire come si interfaccia il tuo device col mio sistema hai qualcosa da nascondere a me che sono tuo cliente.C'e' una backdoor? Ci sono drm? Che cosa hai da nascondere?Se tu non sei trasparente, io ti depenno dall'elenco dei miei fornitori.In questo modo grazie alla GPL verranno estromessi dal mercato tutti quei produttori poco trasparenti.
            Solo per questo per me il kernel Linux andrebbe
            abbandonato e il mondo opensource dovrebbe
            puntare su altri kernel più aperti e anche
            migliori, come BSD (che tra l'altro è il VERO
            Unix, non il clone che è Linux).Ha parlato manitu'! Augh!
          • Kubunto scrive:
            Re: poche storie!

            - Scritto da: MacBoy

            Solo per questo per me il kernel Linux andrebbe

            abbandonato e il mondo opensource dovrebbe

            puntare su altri kernel più aperti e anche

            migliori, come BSD (che tra l'altro è il VERO

            Unix, non il clone che è Linux).
            Wow! tu si che te ne intendi di storia!!http://it.wikipedia.org/wiki/Kernel_Linuxhttp://it.wikipedia.org/wiki/Minixhttp://it.wikipedia.org/wiki/Multicste la consiglio vivamente una bella ripassata :D- Scritto da: panda rossa
            Ha parlato manitu'! Augh! No! Ha parlato uno che di storia dell' informatica se ne intende (rotfl)
          • shevathas scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: Kubunto

            - Scritto da: MacBoy


            Solo per questo per me il kernel Linux
            andrebbe


            abbandonato e il mondo opensource dovrebbe


            puntare su altri kernel più aperti e anche


            migliori, come BSD (che tra l'altro è il VERO


            Unix, non il clone che è Linux).



            Wow! tu si che te ne intendi di storia!!

            http://it.wikipedia.org/wiki/Kernel_Linux
            http://it.wikipedia.org/wiki/Minix
            http://it.wikipedia.org/wiki/Multics

            te la consiglio vivamente una bella ripassata :Dcosa ha detto di tanto sbagliato ? BSD Unix nacque come reazione di berkley alla chiusura di Unix da parte della AT&T, Linux nacque come evoluzione di minix.
            - Scritto da: panda rossa

            Ha parlato manitu'! Augh!

            No! Ha parlato uno che di storia dell'
            informatica se ne intende
            (rotfl)forse un po' meno di spocchia non guasterebbe.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: panda rossa
            La GPL rendera' tutto il software aperto e libero!Certo, si è visto quanto libero: un tizio lo ha messo su iOS (senza scopo di lucro, LIBERAMENTE ACCESSIBILE) ed ora è accusato di violazione della licenza.Quella licenza ha ovviamente un BUG!
          • HappyCactus scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            Certo, si è visto quanto libero: un tizio lo ha
            messo su iOS (senza scopo di lucro, LIBERAMENTE
            ACCESSIBILE) ed ora è accusato di violazione
            della
            licenza.Libertà non è fare quello che si vuole, ma rispettare i diritti altrui.A prescindere dallo scopo di tizio (lucro o no), il diritto di usare i sorgenti di VLC è nelle mani di chi il sorgente l'ha rilasciato, con delle regole ben precise (leggi, NO DRM).Che poi la gpl ponga dei limiti, si può anche essere d'accordo, dipende però da come definisci i limiti. Usare una cosa in modo improprio non è un diritto, per esempio.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            Questi sono discorsi degni di un legale che usa le leggi come armi.
          • HappyCactus scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            Questi sono discorsi degni di un legale che usa
            le leggi come
            armi.Dato che il mondo è fatto di leggi, direi che è il punto di vista corretto. Oppure puoi continuare a blaterare su come dovrebbe essere il mondo secondo te, ma temo restino soltanto parole.
        • IlTester scrive:
          Re: poche storie!
          - Scritto da: MacBoy
          Comunque questa GPL crea problemi. Anche se i
          principi su cui è basata sono condivisibili ("io
          metto a disposizione il frutto del mio lavoro,
          quindi se tu lo estendi devi in egual modo
          condividere il tuo") in pratica nel 2010 fa
          spesso a XXXXXtti con l'opensource che nasce per
          integrarsi con prodotti e OS commerciali (come
          VLC). Infatti esistono licenze meno restrittive a
          riguardo come quella BSD utilizzata dai software
          opensource sponsorizzati da Apple, ad
          esempio.Quoto Panda Rossa, al massimo i problemi li risolve. E mostra quanto siano moralmente pezzenti certe software house, che sparano a zero per difendere i loro interessi e la "sacralità" del software proprietario e poi le trovi ad approfittarsi del lavoro opensource altrui senza nemmeno rispettare le relativamente modeste condizioni delle licenze libere.
        • blix scrive:
          Re: poche storie!

          Ma visto che per iPhone è (quasi) l'unico modo
          per distribuire
          software...è un problema dell'iPhone

          Comunque questa GPL crea problemi. Anche se i
          principi su cui è basata sono condivisibili ("io
          metto a disposizione il frutto del mio lavoro,
          quindi se tu lo estendi devi in egual modo
          condividere il tuo") in pratica nel 2010 fa
          spesso a XXXXXtti con l'opensource che nasce per
          integrarsi con prodotti e OS commerciali (come
          VLC).In realtà vlc esiste x sistemi operativi commerciali(tantittsimi) da tantissimo tempo senza problemi senza dover infrangere la licenza GPL.E' il sistema AppStore di Apple che ha problemi a distribuire software GPL.
          Infatti esistono licenze meno restrittive a
          riguardo come quella BSD utilizzata dai software
          opensource sponsorizzati da Apple, ad
          esempio.

          Il fatto che su AppStore ci sia il DRM ha duplice
          scopo di salvaguardare gli sviluppatori
          commerciali funzionando come sistema anticopia*,
          ma soprattutto di certificare la provenienza
          originaria dell'applicazione in pratica
          GARANTENDONE la sicurezza (con questo schema è
          praticamente IMPOSSIBILE avere malware su iOS).
          Quindi Apple non ci rinuncerà mai, tanto meno per
          fare un favore ad un singolo software, essendo
          parte integrante della piattaforma iOS e uno dei
          maggiori vantaggi rispetto alla
          concorrenza.


          * In realtà questa cosa è stata crakkata ad tempo
          ma serve un iPhone XXXXXXXXXato per utilizzare
          software
          crakkati.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: blix
            E' il sistema AppStore di Apple che ha problemi a
            distribuire software
            GPL.Oppure è la GPL che ha problemi a farsi distribuire su AppStore.Solo che il primo è un impedimento TECNICO, il secondo è un impedimento NORMATIVO.E la sostanza non cambia.
          • HappyCactus scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo

            E' il sistema AppStore di Apple che ha problemi a

            distribuire software

            GPL.

            Oppure è la GPL che ha problemi a farsi
            distribuire su
            AppStore.In questo caso il contrario, visto che in questo caso si richiede la rimozione dall'AppStore, non il cambio della licenza.
            E la sostanza non cambia.Certo, la sostanza non cambia.Resta un fatto che se le regole di pubblicazione delle App fossero un po' meno stringenti, gli utenti apple potrebbero usufruire di questo software, mentre senza GPL il software libero non esisterebbe proprio.Io personalmente, da utente apple (macbookpro+iphone e, mi piacerebbe, ipad) trovo che senza i limiti dell'app store il mondo apple sarebbe decisamente migliore.
          • ruppolo scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: ruppolo


            E' il sistema AppStore di Apple che ha
            problemi
            a


            distribuire software


            GPL.



            Oppure è la GPL che ha problemi a farsi

            distribuire su

            AppStore.

            In questo caso il contrario, visto che in questo
            caso si richiede la rimozione dall'AppStore, non
            il cambio della
            licenza.E io chiedo invece il cambio della licenza.Mo' come la mettiamo?

            E la sostanza non cambia.

            Certo, la sostanza non cambia.
            Resta un fatto che se le regole di pubblicazione
            delle App fossero un po' meno stringenti, gli
            utenti apple potrebbero usufruire di questo
            software, mentre senza GPL il software libero non
            esisterebbe
            proprio.
            Io personalmente, da utente apple
            (macbookpro+iphone e, mi piacerebbe, ipad) trovo
            che senza i limiti dell'app store il mondo apple
            sarebbe decisamente
            migliore.Certo, come no:http://punto-informatico.it/3025609/PI/News/android-silenziata-app-spifferona.aspx
          • HappyCactus scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo

            In questo caso il contrario, visto che in questo

            caso si richiede la rimozione dall'AppStore, non

            il cambio della

            licenza.

            E io chiedo invece il cambio della licenza.
            Mo' come la mettiamo?Non hai potere per contrattare questo, semplicemente. Sta ad Apple e ai suoi utenti decidere.A me, personalmente, interessa poco perché le mie valutazioni me le sono fatte nel momento in cui ho scelto.

            Io personalmente, da utente apple

            (macbookpro+iphone e, mi piacerebbe, ipad) trovo

            che senza i limiti dell'app store il mondo apple

            sarebbe decisamente

            migliore.

            Certo, come no:
            http://punto-informatico.it/3025609/PI/News/androiQuello che pubblichi è ininfluente, io ti dico come la penso io, da utente affezionato Apple.
          • p4bl0 scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: blix

            E' il sistema AppStore di Apple che ha problemi
            a

            distribuire software

            GPL.

            Oppure è la GPL che ha problemi a farsi
            distribuire su
            AppStore.decisamente la primala GPL esiste da prima dell'appstore
          • Funz scrive:
            Re: poche storie!
            - Scritto da: ruppolo

            Oppure è la GPL che ha problemi a farsi
            distribuire su
            AppStore.

            Solo che il primo è un impedimento TECNICO, il
            secondo è un impedimento
            NORMATIVO.Presumo che tu abbia solo qualche problema col dizionario italiano, visto che le normative non c'entrano un tubo.C'entra solo la volontà degli sviluppatori di mantenere un software aperto, e dell'obbligo che tutti hanno di rispettare tale volontà sancita dalla GPL.
            E la sostanza non cambia.La sostanza è che, come sempre, Apple e il suo store fanno schifo.
    • zuzzurro scrive:
      Re: poche storie!
      Quoto
    • Funz scrive:
      Re: poche storie!
      - Scritto da: poche storie
      inoltre, dichiarazioni aberranti tipo
      "rovinare l'esperienza del player video open
      source sull'AppStore in nome della libertà"
      fanno solamente
      vomitare :
      - VLC ha licenza GPL per cui è ben di più che
      open source: è software
      libero
      - il concetto sarebbe che la "esperienza" (sic!)
      di un player video vale più della libertà? o che
      la (nostra) libertà vale meno dei (loro)
      soldi?Quoto.Ribalterei la frase in "rinunciare alla libertà in cambio di una esperienza del player video (qualunque XXXXXXXta di significato abbia questa frase)".Chi compra Apple accetta le sue limitazioni:- no software che non piace a Apple- no software open sourceQuindi zitti e pagate, come sempre.
      • ruppolo scrive:
        Re: poche storie!
        - Scritto da: Funz
        Chi compra Apple accetta le sue limitazioni:
        - no software che non piace a Apple
        - no software open source
        Quindi zitti e pagate, come sempre.Non c'è problema, non siamo pezzenti al punto che ci mancano gli spiccioli per il software iOS. OTTO EURO per un word proXXXXXr io li ho.E comprando Apple accetto anche i suoi vantaggi:- maggiore qualità dell'hardware- maggiore qualità dell'assistenza- maggiore qualità del software- maggiore semplicità di utilizzo- no malware.
        • Sgabbio scrive:
          Re: poche storie!
          no malware ? Ehm... vabbè Comunque ruppolo come al solito se non insulti il prossimo non sei contento! Poi ti lamenti che ti XXXXno i messaggi...
        • Funz scrive:
          Re: poche storie!
          - Scritto da: ruppolo
          Non c'è problema, non siamo pezzenti al punto che
          ci mancano gli spiccioli per il software iOS.
          OTTO EURO per un word proXXXXXr io li
          ho.

          E comprando Apple accetto anche i suoi vantaggi:
          - maggiore qualità dell'hardware
          - maggiore qualità dell'assistenza
          - maggiore qualità del software
          - maggiore semplicità di utilizzo
          - no malware.Io posso permettermi di aspettare il tempo che ci vuole, di pagare anche di più per avere un prodotto migliore e senza le limitazioni di Apple. Pezzente lo dici a tua madre, cafone.
Chiudi i commenti