Facebook vs Winklevoss, la guerra continua?

I due gemelli di ConnectU non hanno confermato la pax da 65 milioni di dollari: il capitolo finale della saga legale, dicono, deve ancora arrivare

Roma – Nel febbraio del 2009 , lo studio legale degli ormai noti fratelli Cameron e Tyler Winklevoss si era lasciato sfuggire un dettaglio non di poco conto: il contenzioso che li vedeva opposti al creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, aveva trovato pace. Una pace milionaria, frutto di un accordo da 65 milioni di dollari .

Il social network in blu aveva così annunciato la chiusura definitiva del caso scatenato in tribunale dai gemelli Winklevoss, che avevano accusato l’ex-compagno di corsi Mark Zuckerberg di aver rubato alcune fondamentali linee di codice su cui era edificato il tool universitario ConnectU. Una violazione della proprietà intellettuale piuttosto seccante per i due fratelli, dato che l’iniziale thefacebook.com si sarebbe rivelato un gigante da 400 milioni di utenti nel mondo.

E probabilmente seccanti per Zuckerberg saranno anche le dichiarazioni recentemente rilasciate da Cameron e Tyler Winklevoss, in occasione delle gare di canottaggio Boat Race a cui i due si sono iscritti per difendere la maglia di Oxford. Cameron non ha in sostanza confermato l’accordo milionario, sottolineando come sia più sicuro affermare che la battaglia legale non abbia trovato il suo capitolo finale .

Parole supportate da quelle del fratello Tyler, che ha spiegato come si tratti di una vera questione di principio , in attesa di trovare una piena e meritata giustizia. Si attendono a questo punto evoluzioni dell’arduo contenzioso legale, mentre i Winklevoss hanno confermato qualcosa di inaspettato. I due hanno alla fine creato i propri profili sul social network in blu, definendolo un grande strumento per rimanere in contatto con le persone care.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gerardo iuliano scrive:
    informativo+
    abituati a un rapporto paritario e di uguaglianza, dove la maggioranza assoluta (e non rappresentativa) determina l'effettivo sucXXXXX o insucXXXXX di un sito, di un servizio
  • Vitalij scrive:
    Imitare il modello cinese
    Cioè pagare poco un numero elevato di persone perché queste scrivano bene del politico X e raccolgano le critiche più frequenti per fare contro-propaganda.Se la critica più frequente è "il politico X non va bene, perché non risolve il problema Y", la contro-propaganda sarà: "domani il politico X risolverà il problema Y". Che poi il problema venga risolto, o che sia grave, è un'altra questione.Alla fine è un modello simile a quello che funzionava prima di internet. Fase uno: si comunica dei problemi che si fanno credere siano i più gravi del mondo, tipo l'abbandono dei cani l'estate, distraendo da problemi tipo debito pubblico e disoccupazione. Fase due: si risolvono i problemi pubblicizzati, ad esempio creando delle dog-sitter estive, magari con soldi pubblici. I problemi veri rimangono lì dove erano, ma lo spettatore è contento.La differenza sarà che stavolta il problema finto lo proporranno gli utenti.
  • aid85 scrive:
    un momento fantastico
    Quando un premier sceglie la via del social network per comunicare con i propri concittadini è un momento importante. Lo sarebbe ancora di più se comunicasse con i propri concittadini !!!Per qusto è fantastico... pura fantasia... fantascienza... quando mai berlusconi ha comunicato coi propri cittadini ? Tanto più su facebook !!Ha comunicato coi lettori del giornale punto e basta e il giornale ha postato la sua telefonata su facebook punto e basta
  • iRoby scrive:
    Come Mastella
    Farà la fine di Mastella, che quando ha aperto un blog prendeva solo insulti?Berlusconi però può permettersi un gruppo di persone che lavorano a turni solo per rimuovere gli insulti...
  • chojin999a scrive:
    Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
    Santo cielo... ma l'assoluto nulla se non danni che l'islamico Obama ha fatto negli USA e nel mondo in meno di due anni ancora non è bastato? Poi Obama non ha assunto esperti di comunicazione, il potentato (per non dire peggio..eh) dei comunisti Kennedy, che hanno preso il pupazzo nero Obama per assicurarsi i voti dei fessi che lo hanno votato solo per il colore della pelle, è quello che ha fatto tutta la campagna mediatica rinXXXXXXXXsci-popolo per far votare il proprio pupazzo nero. Ehh!
    • painlord2k scrive:
      Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
      Definire Obama islamico è fargli un complimento (pensa te).Il punto è che Obama è un comunista (madre comunista, padre comunista, nonni che lo hanno cresciuto comunisti e pure il patrigno era comunista.Per lui, quello che conta è raggiungere il potere. Per quello sono disposti a fare tutti i compromessi e le porcherie possibili.Per dirne una, la sua campagna di donazioni via internet ha fatto in modo da disabilitare il check delle identità dei donatori. Quindi c'è gente che ha donato che si chiamava Donal Duck e George Washington. I milioni di $ che ha ricevuto per la campagna elettorale venivano convogliati dalle associazioni che poi hanno beneficato del suo governo.SEIU e simili. Una di queste organizzazioni (ACORN) è stat presa con le mani nel sacco da un giovane regista repubblicano, che ha fatto finta di essere un pappone che voleva importare delle minorenni centro americane (si è presentato vestito da classico pappone, con una ragazza che appariva minorenne (non lo era) che era vestita da classica XXXXXXX. E la tipa dell'Associazione gli spiegava come XXXXXXX il fisco e la legge (tutto registrato).http://biggovernment.com/jokeefe/2009/09/14/acorn-video-prostitution-scandal-in-new-york-ny/ACORN NYC Child Prostitution Investigation Part I[yt]mrpRGZq7Z-U[/yt]ACORN NYC Child Prostitution Investigation Part II [yt]ue_2_dhh1zo[/yt]
      • painlord2k scrive:
        Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
        Lo stesso risultato è stato ottenuto sia a New York che a San Bernardino che a Baltimora.
        • ullala scrive:
          Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
          - Scritto da: painlord2k
          Lo stesso risultato è stato ottenuto sia a New
          York che a San Bernardino che a
          Baltimora.Ma chi è che vi ha aperto il gabbio a voi due?e poi siete 2 o siete uno? ;)shhh!zitti che poi il secondino vi pesca mentre usate il computer di nascosto!
          • painlord2k scrive:
            Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
            Io sono il "secondino". Lui non so.
          • ullala scrive:
            Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
            - Scritto da: painlord2k
            Io sono il "secondino". Lui non so.Si pure travestito ti danno una mazzolata che ti fanno passare la voglia per i prossimi 25 anni!
    • Il Maestro Maometto scrive:
      Re: Ancora il mito di Barack Hussein Obama?
      La verità è che dal Sufismo Islamico noi cattolici abbiamo solo da imparare.[yt]VLol8zDTEGQ[/yt]
  • Maestro Miyagi scrive:
    No, per carità ...
    Non anche qui!!!Ormai GianPierPierSilvio me lo trovo dappertutto:- apro la scatola dello zucchero, e salta fuori,- apro la porta del XXXXX, e salta fuori,- apro la macchina, ed eccolo là,- accendo la tele, e non manca mai,- addento una mela, e subito me lo ritrovo che fa capolino,...Non ci vorrà mica il raid mosche e zanzare???
    ;
  • Prostata scrive:
    Articolo penoso
    rimproverare di "NON SAPERE" ad un personaggio come Berlusconi, piuttosto che coloro che ne curano immagine e mosse ad hoc, dopo che questi da decenni hanno dimostrato di sapere piu di chiunque altro come sfruttare il pensiero della gente per sopravvivere politicamente, mi sembra tutto sommato un atto di un pressappochismo unico quanto dannoso.Forse un avvenimento come quello trattato in questo "articolo" andrebbe commentato e poi analizzato più da un esperto di politica e di comunicazione che non da un esperto di facebook, qualora l'autore dell'articolo lo sia.ipotizzare qualche perchè di questa novità berlusconiana o ipotizzarne il target reale, la sua conseguenza sull'immagine del politico berlusconi agli occhi di parte del popolo che governa, o ancora ipotizzare come questo gesto potrà anche in futuro essere sfruttato a discapito dei social network, questo forse andava fatto piuttosto di salire sulla cattedra per rimproverare qualcuno di NON SAPERE.personalmente credo che gran parte dei politici italiani sia in grado di capire bene cos'e' il web, tant'è da volerlo imbavagliare.sanno bene come andrebbe usato e sanno percio ancor meglio che ne verrebbero frantumati se ci si approcciassero cosi come ha fatto lo stesso obama.allora sono proprio cosi poco intelligenti berlusconi&co. o è ridicolo commentare certi avvenimenti con un "...chiarisce una volta per tutte la scarsa comprensione che media tradizionali, classe politica e una parte di osservatori e addetti ai lavori hanno del fenomeno della Rete"?. secondo me articoli come questo chiariscono solo una volta per tutte la scarsa comprensione di alcuni commentatori di quanto politici e media, anche grazie a questo pressappochismo, sono ancora li a farci credere che dormano sull'albero delle pere per farci rilassare, cosi che poi neppure l'olio di ricino gli serve piu per mettercelo nel biiip-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2010 21.15-----------------------------------------------------------
    • ruppolo scrive:
      Re: Articolo penoso
      - Scritto da: Prostata
      personalmente credo che gran parte dei politici
      italiani sia in grado di capire bene cos'e' il
      web, tant'è da volerlo
      imbavagliare.È proprio perché credono di aver capito, ma NON hanno capito cos'è, che cercano di imbavagliare.Prova né, ad esempio, l'imbavagliamento di Pirate Bay, che definiscono "sequestro" mettendosi in ridicolo.
      sanno bene come andrebbe usato e sanno percio
      ancor meglio che ne verrebbero frantumati se ci
      si approcciassero cosi come ha fatto lo stesso
      obama.Loro sono già frantumati, e il fatto che lo sappiano o meno è ininfluente, data la loro impotenza davanti i fatti del mondo.
      • gibrovacco scrive:
        Re: Articolo penoso
        Il problema è che non vogliono nemmeno capirlo. Si tratta fondamentalmente di pigrizia mentale. I politici italiani, senza distinzioni di colore, hanno _paura_ del diverso (xenofobia): se la rete non si comporta come i media tradizionali dove ogni forma di feedback (mi si scusi il termina inglese) è impossibile, loro generano leggi ad hoc per renderla tale censurando e.g. gli storici siciliani che postano sul loro blog informazioni scomode o dicendo che i gruppi "uccidiamo Berlusconi" sono istigazione al terrorismo, senza notare che potrebbe trattarsi di satira (alla stregua di "Scanu affogati nei tuoi laghi"), per cui la censura, come ben sappiamo, dovrebbe essere vietata. Ma nessuno sembra accorgersene e fintantoché i consensi salgono le voci verranno silenziate.Il modello cinese poi ben insegna ai nostri politici "democratici" che un modello autoritario di controllo della rete è possibile. Vediamo come andrà a finire, intanto io tifo Google e spero che qualcuno venga di nuovo a salvare l'Italia dalla dittatura.
      • chojin999a scrive:
        Re: Articolo penoso
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Prostata

        personalmente credo che gran parte dei politici

        italiani sia in grado di capire bene cos'e' il

        web, tant'è da volerlo

        imbavagliare.

        È proprio perché credono di aver capito, ma NON
        hanno capito cos'è, che cercano di
        imbavagliare.
        Prova né, ad esempio, l'imbavagliamento di Pirate
        Bay, che definiscono "sequestro" mettendosi in
        ridicolo.Guarda che Pirate Bay è proprietà dell'industria stessa così come il 90% di "warez, crack" e film pirata e siti torrent in giro. Ben poco è di persone comuni e quando uno qualsiasi prova ad aprirli quei siti lo stroncano facilmente. Su siti come Pirate Bay ed altri famosi "warez" non per nulla negli scorsi anni sono apparsi anche banner pubblicitari Microsoft, Adobe, IBM.. e tante altre... Non certo per caso...Ma poi si può credere che le mucche volano... vabbè... ne vedete tante volare.. ed i markettari gioiscono
        • Nedanfor non loggato scrive:
          Re: Articolo penoso
          Non hai capito nulla dell'intervento che quoti.PS. I tuoi vaneggiamenti su presunte verità occulte sono di pubblico dominio: Pirate Bay è un sito a scopo di lucro. Lo sanno tutti, c'era qualche dubbio?
    • e come no scrive:
      Re: Articolo penoso
      prostata... mai nick fu piu azzeccato.la sensazione è che tu abbia capito poco...forse sei solo giovane..l'articolo invece pone il dito proprio sulla piaga..è proprio perche non hanno capito nulla della rete checercano di imbavagliarla.. come giustamente fa notare ruppolo[quote]È proprio perché credono di aver capito, ma NON hanno capito cos'è, che cercano di imbavagliare.Prova né, ad esempio, l'imbavagliamento di Pirate Bay, che definiscono "sequestro" mettendosi in ridicolo.[/quote]sai quando stai imparando a fare surf e arriva un cavallone gigante??sei tutto contento ma non sai cosa ti aspetta..asdasdasd
  • piersilvio scrive:
    rosso
    io sono sempre più convinto che per essere più credibile si deve mettere il naso rosso!!!!P.S.Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che: sia in tema e contribuisca alla discussione in corsonon abbia contenuto razzista o sessistanon sia offensivo, calunnioso o diffamanteVediamo se passa la censura di questa redazione di pdl!!!!
  • felixts scrive:
    intanto ne parlate
    Come da titolo e la democrazia sul web ( grillo ) è nel caos......mah
  • Rododendro scrive:
    berlusconi ha scoperto internet
    se ha messo un video-monologo sul sito del giornale e' solo perche' cio' e' nel suo stile. Lui invade tutti gli spazi informativi offerti, al solo scopo di farsi pubblicita'. Ha scoperto che attraverso facebook puo' arrivare ai giovanissimi, cosa che non puo' certo fare dal sito di forza italia, sul quale ci va solo chi e' fanatico di silvio. Percio' piu' ne parlate, male o bene non importa, piu' voti avra', perche' il suo scopo e' esattamente questo: farsi pubblicita' tra i ragazzi.
    • chojin999a scrive:
      Re: berlusconi ha scoperto internet
      - Scritto da: Rododendro
      se ha messo un video-monologo sul sito del
      giornale e' solo perche' cio' e' nel suo stile.
      Lui invade tutti gli spazi informativi offerti,
      al solo scopo di farsi pubblicita'. Ha scoperto
      che attraverso facebook puo' arrivare ai
      giovanissimi, cosa che non puo' certo fare dal
      sito di forza italia, sul quale ci va solo chi e'
      fanatico di silvio. Percio' piu' ne parlate, male
      o bene non importa, piu' voti avra', perche' il
      suo scopo e' esattamente questo: farsi
      pubblicita' tra i
      ragazzi.E cosa c'è di male nel fatto che vuole farsi ascoltare da più persone possibili? E' stato democraticamente eletto, il referendum contro di lui ora la sinistra lo ha perso per l'ennesima volta malgrado il tentativo di ucciderlo fallito ed il colpo di stato con i giudici corrotti... Non ci sarà mai un'alternativa tipo Blair a Berlusconi in Italia nella sinistra perchè la sinistra italiana è esattamente la stessa che ha linciato Blair in Inghilterra per aver stretto i giusti accordi con Bush a difesa dei cittadini e dell'economia--ed infatti ora si vede il vero di sinistra Brown che fine ha fatto fare all' UK e quanto è bravo, ehh!La sinistra italiana è estremista, talebana, antidemocratica. L'odio viscerale di non voler permettere al proprio avversario politico di centro-destra di parlare ed essere democraticamente eletto è ciò che rende questa sinistra marcia fin nel midollo e pericolosa
      • painlord2k scrive:
        Re: berlusconi ha scoperto internet
        Non è che Blair sia santo e innocente.Sotto di lui, in articolare dopo il 2000, il Labor ha fatto entrare, volutamente, milioni di immigrati (di tutti i tipi). Ha volutamente alterato il profilo etnico di una nazione, per poter avere degli elettori e rimanere al potere. Questo perché si era accorta che i suoi elettori storici (gli operai bianchi) non la votavano più e si stavano spostando verso i Tories.E questo è solo uno dei disastri che sono stati creati sotto Blair. Che stanno maturando anche adesso.Se ci saranno i "Rivers of blood" di cui parlò Enoch Powell alla Camera dei Comuni, potranno ringraziare solo i laburisti di oggi, che hanno fatto dell'UK un santuario per al Qaeda.
      • mirco pivetto scrive:
        Re: berlusconi ha scoperto internet
        chojin scusa ma sei italiano tu? perchè da come scrivi non lo capisco per cui non riesco a capire se devo risponderti usando alcuni argomenti o altri.Fammelo sapere così ti rispondo.ciao!
        • painlord2k scrive:
          Re: berlusconi ha scoperto internet
          Un argomento che dipende dalla nazionalità dell'interlocutore e non dalla materia in discussione non deve essere un buon argomento.
      • JosaFat scrive:
        Re: berlusconi ha scoperto internet
        berluscotroll
  • Francesco Marafini scrive:
    Da qui a...
    creare un profilo, per poi sfruttare il fatto che gli pioveranno addosso milioni di insulti per promulgare leggi restrittive e di controllo è breve... :(purtroppo....speriamo in bene
    • Drummer scrive:
      Re: Da qui a...
      Sì, è la stessa cosa che ho pensato anch'io quando ho letto la notizia... ed il ddl Carlucci sembra scritto apposta. Già me li immagino a dire: "Non è più tollerabile che questi facinorosi possano insultare e minacciare il premier nel totale anonimato".
      • painlord2k scrive:
        Re: Da qui a...
        Considerare minacce e insulti alla stessa stregua dimostra solo il basso livello di istruzione di chi lo afferma e la sua scarsa cultura democratica.Uno può insultare quanto vuole, tanto le parole non hanno mai fatto male a nessuno.Ma le minacce sono un'altra cosa; nel momento in cui si minacia si fa violenza. E dalla violenza ci si difende con tutti i mezzi disponibili.
        • Drummer scrive:
          Re: Da qui a...
          Bene, accetto la provocazione (anche se avrei preferito non essere insultato, ovviamente, ma io non cerco una rissa quindi eviterò di metterla sul personale). Togli pure la parola "minacciare" dalla ipotetica, ma non troppo, frase citata. Ora per magia acquista senso e diventa condivisibile? Accetteresti tu che un politico dica una cosa del genere?
  • collione scrive:
    vabbè dai
    è stata la solita marketta berlusconiananon dimentichiamo che la Wanna Marchi del pdl ha cominciato con le tv e adesso ha capito che feisbook fa ancora più odienceovviamente da questo momento in poi cercherà ogni modo possibile ed imminaginabile di metterci le mani sopra, se non ci riuscirà blacklisterà feisbook e creerà pdlbook o velinabook dove su ogni pagina ci sarà il banner con la sua testa asfaltata
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: vabbè dai
      Questo Odiens?http://it.wikipedia.org/wiki/Odiens
      • Drummer scrive:
        Re: vabbè dai
        Già :-)Quella trasmissione, che di per sé era molto divertente, è stata un disastro da questo punto di vista: c'è ancora un sacco di gente che è convinta che la parola audience si scriva così!
Chiudi i commenti