Tracciare bimbi è bello

Tracciare bimbi è bello

Si moltiplicano gli strumenti e le iniziative per tenere sotto controllo gli apparecchi hardware. E coloro che li portano in giro
Si moltiplicano gli strumenti e le iniziative per tenere sotto controllo gli apparecchi hardware. E coloro che li portano in giro

Che si tratti di tenerli lontani dai pericoli o al sicuro da sé stessi , il modo migliore per rassicurare autorità e genitori sulla sorte dei più giovani è il GPS. Infilato nei computer, nei cellulari o persino negli orsetti di peluche: l’importante è seguire il fanciullo negli spostamenti, per la tranquillità di chi lo osserva e per garantirgli di non fare brutti incontri.

Succede ad esempio nel Regno Unito , dove la polizia di West Yorkshire e Merseyside ha iniziato a distribuire ad alunni e insegnati delle scuole locali dei laptop in tutto e per tutto identici a quelli che si trovano in commercio. Unica eccezione è la scheda infilata nello slot PC Card, che assomiglia molto ad un modem, ma che modem non è: è un’antenna GPS integrata ad un trasmettitore GSM , in grado di monitorare gli spostamenti di chi possiede il computer e comunicarne la posizione ad un server remoto a scadenza fissa, con una precisione superiore rispetto ad analoghe iniziative passate e che ora è nell’ordine dei 15 centimetri.

Perché funzioni non serve neppure che il computer sia acceso: la scheda è dotata di una batteria interna, che la rende in grado di funzionare anche quando il laptop non viene utilizzato . Impossibile, o quasi, tentare di ingannarla: se si prova a rimuoverla dalla sua sede il portatile smetterà di funzionare, fino a quando l’utente non reinserisca la scheda al suo posto o fornisca la password per aggirare la protezione. Password che ovviamente è gelosamente custodita dalla polizia.

Se per i cittadini di sua maestà il GPS è uno strumento di prevenzione, altrove può diventare strumento di correzione . Come in Texas, dove i ragazzi che marinano la scuola per darsi alle cattive compagnie non finiscono più in galera: prima che si ficchino davvero nei guai un giudice gli assegna un apparecchio da tenere in funzione prima, durante e dopo la scuola, così da essere sicuro che seguano le lezioni e che la sera restino tranquilli a casa propria.

Per ora il meccanismo di controllo contro l’abbandono scolastico è solo sperimentale, ma si è rivelato efficace ed economico: costa meno che rinchiudere i ragazzi in un istituto correttivo, e permette loro di studiare.

I risultati sembrano incoraggianti. In Texas, come nel resto degli USA, sono molti i ragazzi che abbandonano anzitempo gli studi, tanto da costituire un cruccio per il sistema scolastico: col GPS, però, i ragazzi sembrano di colpo responsabilizzati e vanno a scuola con regolarità . In altri casi, se assenti, possono essere rintracciati: così si è riusciti a salvare un ragazzo dal rischio di un’overdose di stupefacenti, e impedire ad un altro di farsi del male perché preda di istinti suicidi.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 mag 2008
Link copiato negli appunti