Trimestrale Apple: iPhone torna a vendere bene

Le vendite di iPhone tornano a crescere, bene anche Apple Watch e AirPods: così la mela morsicata ha chiuso un trimestre da record.
Le vendite di iPhone tornano a crescere, bene anche Apple Watch e AirPods: così la mela morsicata ha chiuso un trimestre da record.
Guarda 14 foto Guarda 14 foto

Il trimestre fiscale concluso il 28 dicembre 2019 è stato da record per Apple: entrate da 91,8 miliardi di dollari con un incremento del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il migliore di sempre. L’utile netto si è attestato a 22,2 miliardi di dollari.

Una trimestrale da record Apple

A quanto si apprende dai documenti ufficiali, a incidere positivamente sui risultati finanziari (per il 61%) sono state soprattutto le vendite a livello internazionale. Molto bene la linea iPhone, in particolare i nuovi modelli 11 e 11 Pro, che sembrano dunque essere stati in grado di risollevare la gamma dopo un periodo non proprio brillante. Queste le parole di Tim Cook. Nel suo intervento, il CEO sottolinea inoltre come il numero di device della mela morsicata attivi a livello globale abbia superato quota 1,5 miliardi, crescendo in ogni area geografica.

Siamo entusiasti di rendere noto che è stato il trimestre con le più alte entrate di sempre per Apple, spinte dalla forte domanda per i nostri modelli iPhone 11 e iPhone 11 Pro, a cui si aggiunge un record per quanto riguarda servizi e indossabili.

Non solo iPhone

Bene inoltre la distribuzione di Apple Watch e degli auricolari AirPods. Non sono disponibili informazioni dettagliate sui servizi, in particolare sulla piattaforma TV+ lanciata anche in Italia nei mesi scorsi. A tal proposito, l’azienda di Cupertino ha sottolineato di voler arrivare a 600 milioni di abbonati (tenendo conto anche di Music, News+ e del resto dell’offerta) entro la fine del 2020. Immediata la reazione degli investitori, con il titolo che ha guadagnato diversi punti percentuali in poco tempo.

All’orizzonte si palesa però la minaccia del coronavirus: ne ha parlato oggi Tim Cook, confermando che nella zona di Wuhan sono presenti alcuni fornitori e non escludendo che l’emergenza in corso legata all’epidemia possa rallentare i ritmi di produzione.

Fonte: Apple
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti