Tumblr, autolesionismo al bando

La piattaforma di blogging non tollererà la diffusione di opinioni pericolose, in particolare incoraggiamenti ai disturbi alimentari o al suicidio. Messaggi sociali saranno inclusi nella ricerca di specifici tag

Roma – Nuove linee guida contro tutti quei blog che diffondono al mondo connesso messaggi pericolosi sulla reale e concreta possibilità di farsi del male. Ad annunciarle è stata la nota piattaforma di blogging Tumblr, ad oggi una delle più visitate del web con 120 milioni di utenti unici e 15 miliardi di pageview al mese .

“Siamo profondamente impegnati nel favorire e difendere la libertà d’espressione dei nostri utenti – si legge in un post apparso sul blog ufficiale di Tumblr – ma siamo costretti a tracciare dei limiti”. E siamo al di là dei tradizionali messaggi di spam o delle attività legate al furto d’identità.

I gestori della piattaforma statunitense hanno infatti dichiarato guerra a tutti quegli spazi personali sfruttati per pubblicizzare gravi disturbi alimentari come l’anoressia e la bulimia . Ma anche, più in generale, blog che diffondono intenzioni suicide o di auto-mutilazione. “Sono messaggi e punti di vista a cui ci opponiamo fermamente, e che non vogliamo più ospitare”.

Gli utenti di Tumblr avranno comunque il tempo di modificare certi post già pubblicati. Non si tratterebbe di censura, piuttosto di una strategia per evitare incoraggiamenti pubblici al suicidio o all’anoressia . “Ad esempio, una battuta sul suicidio dopo un appuntamento galante disastroso sarà autorizzata”, si precisa nel post.

In aggiunta, la piattaforma di blogging inizierà ad inserire una serie di messaggi di pubblicità a sfondo sociale – ad esempio quelli della National Eating Disorder Association – alla semplice ricerca per tag di parole come anoressia e bulimia . Le nuove policy entreranno in vigore nell’immediato futuro.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • collione scrive:
    bah
    1. statistica del cavolo2. chi lavora gratis? ma chi? i programmatori linux? non mi pare proprio3. open meglio di closed? capirai che novità! è logico che un software open con tanta gente che può guardarlo, migliorarlo, criticarlo, debuggarlo è asintoticamente migliore di un accrocchio closed
    • AMEN scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: collione
      3. open meglio di closed? capirai che novità! è
      logico che un software open con tanta gente che
      può guardarlo, migliorarlo, criticarlo,
      debuggarlo è asintoticamente migliore di un
      accrocchio closedMa anche no.Vedasi CUDA vs OpenCL
    • ARIAMEN scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: collione
      1. statistica del cavolo
      2. chi lavora gratis? ma chi? i programmatori
      linux? non mi pare
      proprio
      3. open meglio di closed? capirai che novità! è
      logico che un software open con tanta gente che
      può guardarlo, migliorarlo, criticarlo,
      debuggarlo è asintoticamente migliore di un
      accrocchio
      closedMa anche no.Vedasi VMWare vs VirtualBox.
  • iooo scrive:
    ma lol
    MA LOL !!!questi mi dicono che ci sono 3426 errori qui, qui, li, la.Ma allora correggeteli !!!I VERI errori sono quelli che non si scovano con tali indagini sommarie !
  • uno nessuno scrive:
    ci risiamo
    Come al solito, senza offesa per Mr Suscettibilità, i suoi articoli non dicono nulla e fanno capire ancora meno.Che tipo di analisi è stata fatta? Immagino che si tratti di analisi statica, insomma i vari lint / valgrind, perché i test di altro tipo comportano troppi problemi e non possono essere fatti senza una profonda conoscenza del software in questione. Ma l'analisi statica non può rilevare errori nella logica, ma soltanto possibili (non sicuri) buffer overflow, type mismatch e cose simili.Senza nulla togliere all'analisi statica, senza effettuare i test (unit test, integration test e system test) non si può farsi un'idea sul numero di bug, neanche vaga e approssimativa. A cosa diavolo ti può mai servire sapere che 500 righe di codice passano l'analisi statica senza warning, se poi la parte di codice che le chiama passa dei parametri sbagliati e sbaglia a interpretare l'output?? Chi effettua questi test può avere tutto il know-how che vuole, ma non ha un briciolo di professionalità.Altra mancanza dell'articolo è non specificare se nell'analisi di Linux sono compresi i driver. Quasi sicuramente è così, ma in questo caso l'analisi è ridicola: buona parte di quei bug sono array di dati binari, cioè i driver sono stati precompilati dai produttori e inseriti in Linux senza il codice sorgente. Aggiungiamo che il 60% dei bug di qualsiasi sistema operativo sono in realtà bug dei driver, o scopriremo che questo fantastico studio serve solo a produrre nuova carta igienica.Detto questo, il risultato che hanno ottenuto non è altro che la scoperta dell'acqua calda. E' evidente che quando il codice sorgente è disponibile a tutti, se il proXXXXX di sviluppo è veramente aperto (lo preciso perché a volte finge di essere aperto ma non lo è), molte aziende contribuiscono al fixing dei bug. Inoltre è evidente che chi rende pubblico un codice, se non vuole fare una magra figura, deve effettuare un po' di testing e pulizia: se io rendessi pubblico il sorgente di un software fatto male, l'unico risultato sarebbe quello di essere additato come pagliaccio.Non ci vuole un genio per capirlo.
    • AMEN scrive:
      Re: ci risiamo
      - Scritto da: uno nessuno
      A cosa diavolo ti può mai servire sapere che 500 righe
      di codice passano l'analisi statica senza
      warning, se poi la parte di codice che le chiama
      passa dei parametri sbagliati e sbaglia a
      interpretare l'output?? E' la stessa cosa che mi sono chiesto io.Potresti scrivere 2000 righe di codice sintatticamente/stilisticamente/statisticamente corretto ed avere in mano un carciofo.Boh, probabilmente usano anche altri parametri....
      • uno nessuno scrive:
        Re: ci risiamo
        Ne dubito seriamente. I test del codice in esecuzione è troppo complesso, se non conosci il software.E l'analisi statica può trovare possibili bug di un certo tipo, ma non sa niente della logica del programma. I numeri forniti non significano nulla: non abbiamo idea se un bug viene eseguito continuamente, o se è in una parte del codice irraggiungibile... è veramente uno studio ridicolo.Ci vorrebbero dei giornalisti che sanno quello che scrivono, invece di copiare i comunicati stampa come dei pappagalli telematici.
        • Lumaco Scarafoni scrive:
          Re: ci risiamo
          - Scritto da: uno nessuno
          Ne dubito seriamente. I test del codice in
          esecuzione è troppo complesso, se non conosci il
          software.
          E l'analisi statica può trovare possibili bug di
          un certo tipo, ma non sa niente della logica del
          programma. I numeri forniti non significano
          nulla: non abbiamo idea se un bug viene eseguito
          continuamente, o se è in una parte del codice
          irraggiungibile... è veramente uno studio
          ridicolo.

          Ci vorrebbero dei giornalisti che sanno quello
          che scrivono, invece di copiare i comunicati
          stampa come dei pappagalli
          telematiciBeh, è un articolo di Maruccia.[img]http://img195.imageshack.us/img195/7066/canebd.jpg[/img]
    • attonito scrive:
      Re: ci risiamo
      - Scritto da: uno nessuno
      Come al solito, senza offesa per Mr
      Suscettibilità, i suoi articoli non dicono nulla
      e fanno capire ancora meno.BANG! CASSATO.Non disturbare il manovratore....
    • shevathas scrive:
      Re: ci risiamo
      in realtà l'articolo serviva a scatenare un paio di flames...
      • attonito scrive:
        Re: ci risiamo
        - Scritto da: shevathas
        in realtà l'articolo serviva a scatenare un paio
        di flames...tutto fa brodo quando si tratta di rialzare la media, ormai asfittica, degli accessi al sito... chiedi a google :D
      • ... scrive:
        Re: ci risiamo
        - Scritto da: shevathas
        in realtà l'articolo serviva a scatenare un paio
        di flames...vedila cosi: o a mergellina a scaricare casse di pesce o in redazione a cazzeggiare copincollando articoli... tu che faresti nei panni di maruccia?
      • pippo75 scrive:
        Re: ci risiamo
        - Scritto da: shevathas
        in realtà l'articolo serviva a scatenare un paio
        di
        flames...Questi una volta si facevano di venerdì, cosi c'era tutto il finesettimana per cazzeggiare. Poi in caso di weekend con pioggia, Alleluia....
        • sentinel scrive:
          Re: ci risiamo
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: shevathas

          in realtà l'articolo serviva a scatenare un
          paio

          di

          flames...

          Questi una volta si facevano di venerdì, cosi
          c'era tutto il finesettimana per cazzeggiare. Poi
          in caso di weekend con pioggia,
          Alleluia....ROTFL (rotfl)
  • Free Software Foundation scrive:
    Free Software Foundation
    Free Software Foundation https://www.fsf.org
    • Aggiorna immagine scrive:
      Re: Free Software Foundation
      - Scritto da: Free Software Foundation
      Free Software Foundation
      https://www.fsf.org Ma cosa sei, un undicenne che ha appena scoperto Linux e/o l'Open Source? Che senso ha fare promozione qui a un link ad un sito stra-conosciuto come quello?
  • pippo75 scrive:
    Me lo incarti in un avvoltoio
    Grazie.Mi spiegate il senso della ricerca?Cercano i bug a metro?In base a qualche riga di codice decidono che tutto deve essere cosi, come analisi mi la scia qualche dubbio.Le scansioni come le hanno fatte? hanno un programma che cerca errori? che tipo di errori?Qualcosa mi sfugge dalla analisi o dall'articolo.
    • pignolo scrive:
      Re: Me lo incarti in un avvoltoio
      - Scritto da: pippo75
      Le scansioni come le hanno fatte? hanno un
      programma che cerca errori? che tipo di
      errori?

      Qualcosa mi sfugge dalla analisi o dall'articolo.È quello che mi chiedo anch'io... Hanno un software in grado di individuare i bug nel codice sorgente? Ma dai... e da dove salta fuori? E perché non lo usano per ricerche più serie?
      • iRoby scrive:
        Re: Me lo incarti in un avvoltoio
        Giusto.Ma mi chiedo anche perché non lo usano tutti i programmatori e le aziende?Ma si che lo usano. Solo quelli trovati non sono bug, sono undocumented features e backdoor... :)
      • uno nessuno scrive:
        Re: Me lo incarti in un avvoltoio
        - Scritto da: pignolo
        - Scritto da: pippo75
        È quello che mi chiedo anch'io... Hanno un
        software in grado di individuare i bug nel codice
        sorgente? Ma dai... e da dove salta fuori?Da sempre esistono software per individuare cattive pratiche di programmazione, che potrebbero essere bug oppure no, ma sono comunque cose brutte da correggere.Ma questo studio è stupido, come ho già scritto.
  • pollolo scrive:
    Pochi ma buoni
    La differenza di linee di codice dipende in parte dal fatto che i software commerciali ci mettono la qualunque dentro per venderli. Per es Windows ha un sacco di funzinoi legacy ed esotiche che magari usano in 10000 persone in tutto il mondo. Il sw libero quando c'e qualcosa di nuovo butta via il vecchio e gli utenit si arrangino.A parita di "scopo di business" (non di funzionalita) meglio avere poche righe di codice IMHO.Poi ovviamente esistono buoni prodotto open e buoni a pagamento, e pessimi open e pessimi a pagamento.Rimane vero che in italia i famosi analisti power point, project maneger e manger spesso non hanno alcune idea della tecnologia che c'e sotto e navigano a vista. Tanto e vero che multinazionali che vendono sw in italia ce ne sono poche e ben nascoste :)Per gli sitpendi dico solo che in Francia con 3 anni di esperienza guadagno dal 50% al 100% in piu di quello che guadagnavo in Italia. Per 500 euro al mese meglio starsene a casa o andare a fare l'operaio, o andare al lavoro e guardarsi i manga :D Cmq la colap degli stipendi bassi e in aprte colpa di chi si svende per due lire.
    • paolo scrive:
      Re: Pochi ma buoni
      stai in francia in mezzo alle baguette e alle modelle allora e non ci scassare le palle. NON SEI PIU' ITALIANO CARO MIO
      • ingiurioso scrive:
        Re: Pochi ma buoni
        - Scritto da: paolo
        stai in francia in mezzo alle baguette e alle
        modelle allora e non ci scassare le palle. NON
        SEI PIU' ITALIANO CARO
        MIOMa quanto rosichi? (rotfl)
      • lo sfilatino scrive:
        Re: Pochi ma buoni
        I veri intenditori come te preferiscono l'autentico sfilatino italiano.
    • AMEN scrive:
      Re: Pochi ma buoni
      - Scritto da: pollolo

      Poi ovviamente esistono buoni prodotto open e
      buoni a pagamento, e pessimi open e pessimi a
      pagamento.Come distruggere decine di post in due righe ragionevoli...
    • iRoby scrive:
      Re: Pochi ma buoni
      Gli stipendi non dipendono dallo svendersi della gente. Perché dove c'è crisi molti saranno costretti a svendersi loro malgrado.Ma posso garantirti che gli stipendi stanno scendendo per volere delle aziende a livellare sempre più verso il basso per accrescere i profitti.Troppo facile accrescere i profitti e cercare competitività a discapito dei lavoratori.Ho visto tutte le analisi questo Week-end al meeting di Rimini sulla MMT (Modern Money Theory) dove sono venuti i 5 più grandi economisti di questo pianeta.
      • vintage scrive:
        Re: Pochi ma buoni

        Ho visto tutte le analisi questo Week-end al
        meeting di Rimini sulla MMT (Modern Money Theory)
        dove sono venuti i 5 più grandi economisti di
        questo
        pianeta.Per la precisione non sono i 5 piu grandi economisti del pianeta (non è una gara)Erano degli affermati economisti post keynesiani
        • iRoby scrive:
          Re: Pochi ma buoni
          Per me sono i più grandi, come per qualcun'altro è grandissimo il cantante Apicella.Comunque è stato un evento unico e spero venga fuori qualcosa.Adesso abbiamo la teoria, ci manca solo la pratica... Per imparare come rovesciare questo governo, ripendere il controllo di Bankitalia e riavviare le rotative della Nuova Lira.
        • uno nessuno scrive:
          Re: Pochi ma buoni
          Perchè si insiste a considerare un economista Keynes, che non sapeva distinguere tra il valore e la moneta circolante? La sua favoletta sulle buche è il motivo per cui certa gente è convinta di fare del bene con la TAV o con opere fantasiose come il Mose. Curiosamente però, quando si esce dall'argomento "appalti", sembra che le loro idee diventino l'estremo opposto rispetto a Keynes...Allora, decidiamoci: o ci piace (ma questo implica averlo letto), o non ci piace; la via di mezzo "mi piace quando mi fa comodo" è addirittura più dannosa che seguire Keynes in modo coerente.
          • collione scrive:
            Re: Pochi ma buoni
            intanto Keynes ci fece uscire dalla crisi del '29, i neoliberisti invece ci stanno scavando la fossa con le loro ("nostre") lacrime e sangue
      • pollolo scrive:
        Re: Pochi ma buoni
        Mi e capitato di parlare con gente che di fronte alla possibilita di avere lo stipendio aumentato del 10 20% piuttosto preferisce rimanere dove sta, pur percependo un compenso non alto (diciamo appena sufficiente a fare una vita dignitosa). Magari lo fa solo per insicurezza, o perche continuano a chiedegli piu di quello che riesce a fare e si sente inadeguato, quindi ha paura di quello che potrebbe venire. Vabbe non voglio fare il parapsicologo. E' anche vero che c'e gente che sa di non sapere e allora preferisce tenersi stretto il posto fisso dove non si fa un c.Insomma i motivi per accontentarsi ingustamente possono essere tanti. Ma con questo non voglio dire che non esista una pressione enorme da parte di "poteri occulti" o quello che e, che sanno che i poveri impiegati vanno spremuti il piu possible senza manco bisogno di fare gli incontri segreti per metteri d'accordo. Basta leggere certi rapporti delle societa di conulenza strategica, o seguire i corsi di certe universita...
    • max scrive:
      Re: Pochi ma buoni


      Per gli sitpendi dico solo che in Francia con 3
      anni di esperienza guadagno dal 50% al 100% in
      piu di quello che guadagnavo in Italia. Per 500
      euro al mese meglio starsene a casa o andare a
      fare l'operaio, o andare al lavoro e guardarsi i
      manga :D Cmq la colap degli stipendi bassi e in
      aprte colpa di chi si svende per due
      lire.e a noi che ce ne frega di quanto guadagni tu?
  • Alessandro Damiani scrive:
    Per favore...
    A causa del codice Open l'informatica ha avuto un tracollo dal punto di vista redditizio.I programmatori hanno avuto un calo di stipendio notevole, e il commerco software sta andando a farsi friggere.Se non veniva inventata la storia delle App molti rimarrebbero con introito pari a zero.
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Per favore...
      - Scritto da: Alessandro Damiani
      A causa del codice Open l'informatica ha avuto un
      tracollo dal punto di vista
      redditizio.
      E te credo, prima si vendeva la spazzatura a centinaia di migliaia di euro.Poi il mondo si è evoluto e i venditori di spazzatura sono rimasti al palo.
      I programmatori hanno avuto un calo di stipendio
      notevole, e il commerco software sta andando a
      farsi
      friggere.Sta semplicemente cambiando.Lo stipendio dei programmatori va giù perchè le aziende sono gestite da gente che crede sia meglio dare 800 euro al mese a un ragazzino che 2000 a un professionista, con le conseguenze che tutti sappiamo.Ecco perchè il "commercio software" se ne va a afarsi friggere.PErchè gli imprenditori sono dei caproni.
      • quota scrive:
        Re: Per favore...
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella
        Sta semplicemente cambiando.
        Lo stipendio dei programmatori va giù perchè le
        aziende sono gestite da gente che crede sia
        meglio dare 800 euro al mese a un ragazzino che
        2000 a un professionista, con le conseguenze che
        tutti
        sappiamo.Finalmente una frase sensata, complimenti, ti aggiorno solo che lo stipendio per il primo anno è di 500 euro e dal successivo a progetto a 1000 dopo 3 anni se sei fortunato ti assumono a 1100/1200 euro.Il software fa schifo e le linee di codice centuplicano.
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Per favore...
          - Scritto da: quota
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella


          Sta semplicemente cambiando.

          Lo stipendio dei programmatori va giù perchè
          le

          aziende sono gestite da gente che crede sia

          meglio dare 800 euro al mese a un ragazzino
          che

          2000 a un professionista, con le conseguenze
          che

          tutti

          sappiamo.

          Finalmente una frase sensata, complimenti, ti
          aggiorno solo che lo stipendio per il primo anno
          è di 500 euro e dal successivo a progetto a 1000
          dopo 3 anni se sei fortunato ti assumono a
          1100/1200
          euro.Da queste parti non assumono affatto, vanno avanti a progetti (di melma) fino a quando il ragazzino non si stufa e se ne va.Poi ne prendono un altro.
          Il software fa schifo e le linee di codice
          centuplicano.Ovviamente.Sia perchè i ragazzi spesso non hanno esperienza, sia perchè se mi paghi una miseria, faccio un lavoro di schifo.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Per favore...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: quota

            - Scritto da: dont feed the troll/dovella




            Sta semplicemente cambiando.


            Lo stipendio dei programmatori va giù
            perchè

            le


            aziende sono gestite da gente che crede
            sia


            meglio dare 800 euro al mese a un
            ragazzino

            che


            2000 a un professionista, con le
            conseguenze

            che


            tutti


            sappiamo.



            Finalmente una frase sensata, complimenti, ti

            aggiorno solo che lo stipendio per il primo
            anno

            è di 500 euro e dal successivo a progetto a
            1000

            dopo 3 anni se sei fortunato ti assumono a

            1100/1200

            euro.

            Da queste parti non assumono affatto, vanno
            avanti a progetti (di melma) fino a quando il
            ragazzino non si stufa e se ne
            va.
            Poi ne prendono un altro.


            Il software fa schifo e le linee di codice

            centuplicano.

            Ovviamente.
            Sia perchè i ragazzi spesso non hanno esperienza,
            sia perchè se mi paghi una miseria, faccio un
            lavoro di
            schifo.Era così anche dove lavoravo prima.. ora non sono più un programmatore..
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Per favore...
            - Scritto da: Nome e cognome
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella

            - Scritto da: quota


            - Scritto da: dont feed the troll/dovella






            Sta semplicemente cambiando.



            Lo stipendio dei programmatori va giù

            perchè


            le



            aziende sono gestite da gente che
            crede

            sia



            meglio dare 800 euro al mese a un

            ragazzino


            che



            2000 a un professionista, con le

            conseguenze


            che



            tutti



            sappiamo.





            Finalmente una frase sensata, complimenti,
            ti


            aggiorno solo che lo stipendio per il primo

            anno


            è di 500 euro e dal successivo a progetto a

            1000


            dopo 3 anni se sei fortunato ti assumono a


            1100/1200


            euro.



            Da queste parti non assumono affatto, vanno

            avanti a progetti (di melma) fino a quando il

            ragazzino non si stufa e se ne

            va.

            Poi ne prendono un altro.




            Il software fa schifo e le linee di codice


            centuplicano.



            Ovviamente.

            Sia perchè i ragazzi spesso non hanno
            esperienza,

            sia perchè se mi paghi una miseria, faccio un

            lavoro di

            schifo.

            Era così anche dove lavoravo prima.. ora non sono
            più un
            programmatore..E' così dappertutto o quasi.L'unica soluzione ragionevole è la tua, non fare + lo sviluppatore.
    • panda rossa scrive:
      Re: Per favore...
      - Scritto da: Alessandro Damiani
      A causa del codice Open l'informatica ha avuto un
      tracollo dal punto di vista
      redditizio.E la tua incapacita' dove la metti in questo ragionamento?
      I programmatori hanno avuto un calo di stipendio
      notevole, e il commerco software sta andando a
      farsi friggere.Io non ho avuto un calo di stipendio, quindi la tua analisi e' errata in almeno un caso.
      Se non veniva inventata la storia delle App molti
      rimarrebbero con introito pari a
      zero.Ah ecco!#TornateneSuFessbuk!
      • xxxxx scrive:
        Re: Per favore...
        1) tu sei principalmente un sistemista...2) esistono singoli casi di persone fortunate e tu non fai numero3) Il tuo guadagno lordo mensile sarebbe comunque bello saperlo per vedere se sai contare. Considerato che sei a partita iva dal tuo lordo devi togliere tasse, possibili malattie, 13esima e 14esima, rischi aggiuntivi,spese varie,ecc.
        • xxxxx scrive:
          Re: Per favore...
          dipende da cosa intendi per dignitosamente. Se ti restano 2000-2500 euro NETTI puoi mantenere bene la famiglia sempre che non ti capiti mai nulla. Se ad esempio perdi il cliente, da cui passi 8 ore al giorno, per trovarne uno nuovo potresti metterci mesi. Non dimenticare che hai un rischio di impresa molto elevato.E' questo il motivo per cui suppongo che tu non faccia i conti giusti. Io mi son trovato con amici che si vantavano di prendere poco meno di 2000 euro al mese e poi si e' scoperto che erano lordi, a partita iva e che pagate le tasse e fatto il conto con 13esima, 14esima e ferie prendevano meno di me e con tutte le incertezze del caso.Per essere in proprio e fare un mestiere come il tuo dovresti fare sui 4000 euro NETTI al mese per dire che stai bene. Si tratta comunque di un mestiere specializzato dove tendi ad avere un solo cliente alla volta (cosa moooooolto pericolosa...).A questo punto ti dico che anche se tu avessi 4000 euro netti al mese il tuo potrebbe essere un caso isolato che non dipende solo dalla bravura ma anche da chi hai trovato sulla tua strada (sappiamo tutti che in questo paese la meritocrazia conta molto meno della botta di fortuna)
      • pollolo scrive:
        Re: Per favore...
        A mio avviso il problema e che quelli bravi le aziende se li tengono stretti, perche sono delle mosche bianche. La cosa ingusta e che non esistono parametri per riconoscere questa merce rara, allora piu uno c$$ga grosso piu uno guadagna, senza necessariamente una correlazione con quello che sa fare.Per contro si chiede ai programmatori uno sforzo mentale che a tante altre categorie non si richiede e quindi e facile che ci sia un sottobosco di gente che tira a campare perche anche con la buona volonta non riuscirebbe a fare di meglio.Tirando le somme, molti alla fine guadagnano come un operaio pur avendo invetsto 5 anni nell'universita.Pero in altre nazioni non e cosi., ma sotto sotto l'italia fa le cose, ma non sa mai da che parte e girata.
    • Mark scrive:
      Re: Per favore...
      Sicuro che pagano poco??http://jobs.linux.com/Prova a vedere qui, troverai anche lavori da 100 mila dollari l'anno più bonus!!!
      • bollito scrive:
        Re: Per favore...
        - Scritto da: Mark
        Sicuro che pagano poco??

        http://jobs.linux.com/

        Prova a vedere qui, troverai anche lavori da 100
        mila dollari l'anno più
        bonus!!!In Italia XXXXX XXXXXXXX...in Italia.........si sta parlando dell'Italia XXXXX.
        • sbrotfl scrive:
          Re: Per favore...
          - Scritto da: bollito
          - Scritto da: Mark

          Sicuro che pagano poco??



          http://jobs.linux.com/



          Prova a vedere qui, troverai anche lavori da
          100

          mila dollari l'anno più

          bonus!!!

          In Italia XXXXX XXXXXXXX...in Italia.........si
          sta parlando dell'Italia
          XXXXX.SI sta parlando di open... l'open source non ha nazionalità
        • Mark scrive:
          Re: Per favore...
          Si parla di software OPEN e CLOSED!!!!
          • attonito scrive:
            Re: Per favore...
            - Scritto da: Mark
            Si parla di software OPEN e CLOSED!!!!come sempre, si parte dal solito articolo XXXXXne di maruccia e poi si passa a scannarsi tra di noi... i capponi di Renzo... e vabbeh...
      • xxxxxxxx scrive:
        Re: Per favore...
        come sviluppatore?
    • iRoby scrive:
      Re: Per favore...
      Ecco il qualunquista all'opera...Paghiamo tante tasse perché ci sono gli evasori.Siamo senza lavoro perché ce lo rubano gli extra-comunitari.Abbassano gli stipendi della P.A. perché ci sono i fannulloni.Ed ovviamente, i programmatori guadagnano poco perché c'è chi programma opensource gratis.I miei complimenti per avere lungimiranza fino a non oltre 15cm dal tuo naso, e apertura mentale quanto quella del XXXX del pollo.Dal mio punto di vista ho trovato l'opensource un aiuto insostituibile che mi ha permesso di scrivere progetti di qualità senza dovermi accollare l'acquisto o la programmazione degli strumenti di base.Dove mi sono trovato server LAMP a costo quasi nullo. Eclipse e tutti i linguaggi e framework opensource e gratuiti.E mi sono potuto focalizzare solo sui miei progetti con l'unico esborso del mio tempo, delle macchine usate e dell'hosting acquistato.Come il progresso umano è nato dalla disponibilità a buon mercato dei combustibili fossili, non ti sei accorto di come lo sviluppo IT sta avvenendo grazie alla libera disponibilità di strumenti di base a buon mercato (o gratuiti).Posso darti ragione solo se il tuo target era scrivere un webserver, dato che non avresti speranza contro Apache & Co.Ma da qui ad affermare ciò che hai scritto, ce ne passa...
      • panda rossa scrive:
        Re: Per favore...
        - Scritto da: iRoby
        Ecco il qualunquista all'opera...

        Paghiamo tante tasse perché ci sono gli evasori.
        Siamo senza lavoro perché ce lo rubano gli
        extra-comunitari.
        Abbassano gli stipendi della P.A. perché ci sono
        i
        fannulloni.

        Ed ovviamente, i programmatori guadagnano poco
        perché c'è chi programma opensource
        gratis.Hai dimenticato che le videoteche falliscono per colpa della pirateria.Non ci sono piu' le mezze stagioni e una volta qua era tutta campagna.
      • uno nessuno scrive:
        Re: Per favore...
        - Scritto da: iRoby
        Ecco il qualunquista all'opera...

        Paghiamo tante tasse perché ci sono gli evasori.
        Siamo senza lavoro perché ce lo rubano gli
        extra-comunitari.
        Abbassano gli stipendi della P.A. perché ci sono
        i
        fannulloni.

        Ed ovviamente, i programmatori guadagnano poco
        perché c'è chi programma opensource
        gratis.E c'era la peste perché i mendicanti spargevano i virus sulle panchine.
    • il padulo vola basso... scrive:
      Re: Per favore...
      - Scritto da: Alessandro Damiani
      A causa del codice Open l'informatica ha avuto un
      tracollo dal punto di vista
      redditizio.Perchè ci sono meno bachi da correggere?
      I programmatori hanno avuto un calo di stipendio
      notevole, e il commerco software sta andando a
      farsi friggere.1) Quindi se io programmo usando una piattaforma open guadagno meno di un collega che utilizza software closed?2) Se io ho speso tempo e denaro per imparare una piattaforma closed e l'azienda che la produce decide di dismetterla, che mi risarcisce per il danno?3) In media i sistemisti Unix sono più pagati dei corrispettivi Windows. Non è un controsenso secondo la tua teoria?4) Il commercio di software va a farsi benedire come quello delle biciclette o dei tostapane. Mai sentito parlare di crisi economica, austerity, moneta (non) sovrana?
      Se non veniva inventata la storia delle App molti
      rimarrebbero con introito pari a
      zero.Perchè secondo te c'è gente che ci campa con le App? Se ci campano il 5% di quelli che pubblicano su App Store/Android Market sarebbe già tanto!
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Per favore...
      - Scritto da: Alessandro Damiani
      A causa del codice Open l'informatica ha avuto un
      tracollo dal punto di vista
      redditizio.Ovvio: sono stati eliminati gli elementi inutili, che si facevano pagare per inventare l'acqua calda.La conseguenza è un risparmio di risorse, un aumento dell'efficienza e una riduzione dei costi.

      I programmatori hanno avuto un calo di stipendio
      notevole, e il commerco software sta andando a
      farsi
      friggere.Il software non è commerciabile. Nessuna merce disponibile in quantità infinita può esserlo (l'aria è forse commerciabile?)Il commercio riguarda l'assistenza (e questo continua ad esserci), e le licenze (e questo deve morire, perchè le licenze sono una merce del tutto inutile per l'utente finale).

      Se non veniva inventata la storia delle App molti
      rimarrebbero con introito pari a
      zero.Le app sono la versione moderna dei siti "loghi e suonerie per il tuo cellulare"; in molti casi non sono nemmeno veri programmi, ma semplici front-end di siti, contenuti o servizi.Esempio: il programma che ti indica la farmacia più vicina... per fare questo basta controllare la posizione sul gps usando le API di sistema, e confrontarla con una mappa aggiornata. Qualunque code monkey può scriverlo... il lavoro costoso viene fatto da chi tiene aggiornata la mappa, controllando per ogni farmacia gli orari di apertura, i periodi di ferie ecc... . Ma non è un lavoro da programmatore.
    • Armando scrive:
      Re: Per favore...
      Il calo dei stipendi è dovuto da un calo della qualità della figura del "programmatore" che si sta allargando anche a quella dell'"informatico".E principalmente la cosa è dovuta a improvvisati programmatori web che, consapevoli della loro ignoranza, accettano lavori sottopagati, e la cosa fa abbassare i prezzi anche di tutto il resto (sw di grandi software house a parte).
      • iRoby scrive:
        Re: Per favore...
        Il calo degli stipendi è dovuto alla necessità di maggiori profitti delle aziende, che non trovandoli nel mercato dei loro prodotti hanno deciso di farli riducendo il costo del lavoro!È un'analisi economica ormai nota, che stranamente nessuno conosce, anche perché poco pubblicizzata dai media collusi coi poteri.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Per favore...
      Leggiti questa interessante discussione:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2680989&m=2681830#p2681830Chiarisce molti punti.
    • Darwin scrive:
      Re: Per favore...
      - Scritto da: Alessandro Damiani
      A causa del codice Open l'informatica ha avuto un
      tracollo dal punto di vista
      redditizio.
      I programmatori hanno avuto un calo di stipendio
      notevole, e il commerco software sta andando a
      farsi
      friggere.Hai proprio ragione.Infatti tutti coloro che hanno contratto mutui con Lehman Brothers erano tutti investitori e programmatori che hanno perso soldi a causa dell'open source.Maledetti opensorciari comunisti :@
      Se non veniva inventata la storia delle App molti
      rimarrebbero con introito pari a
      zero.E sarebbero fallite anche Goldman Sachs e le altre....Lo sapevo. La crisi mondiale deriva tutta dall'uso dell'open source. :@
  • shevathas scrive:
    titolo fuorviante.
    <i
    Il risultato dello studio? La media dei progetti software "closed" misura 7,5 milioni di linee di codice, e la densità di errori individuati dalla scansione di Coverity è di 0,64. La media dei progetti open, invece, è 832mila linee di codice con una densità di bug pari a 0,45. </i
    e già il confronto fra il numero delle linee di codice dovrebbe far suonare un campanello di allarme. Più un software è grosso, più è complesso e maggiore è la possibilità che ci siano errori. 7,5M di righe di closed contro 823K di open. Progetti closed complessi vs progetti semplici open. Mah <i
    Quando i progetti closed e open sono di dimensioni comparabili, dice ancora lo studio, la densità di difetti è sostanzialmente uguale - con un leggero vantaggio per quei software open particolarmente popolari (e dunque soggetti a un maggior grado di scrutinio pubblico) come Linux 2.6 (densità di bug di 0.62). </i
    cioè più gente ci lavora alla revisione di un sorgente meno errori ci sono, cosa ovvia. Ma qual'è la situazione dei progetti open non mainstream ? Categoria che comprende tutti i software strettamente settoriali ? L'articolo afferma che hanno la stessa densità di difetti. In conclusione non vedo tutto questo vantaggio dell'open sul closed, a meno che non si tratti di software, esclusa qualche eccezione (linux, apache, LO.org), corti, facili e semplici da mantenere come i CMS.ecco il perchè del "titolo fuorviante", non capisco dove sia la vittoria.
    • quota scrive:
      Re: titolo fuorviante.
      - Scritto da: shevathas
      7,5M di righe di closed contro 823K di open.
      Progetti closed complessi vs progetti semplici
      open.
      MahForse ho compreso male l'articolo ma dal mio punto di vista il raffronto fra prodotti simili dimostrava che un OS computava in 800K mentre il CS il 7,5M, ovvero non hanno raffrontato windows con 7-zip ma iis con apache (esempi di software simili non necessariamente il test effettuato)
    • iRoby scrive:
      Re: titolo fuorviante.
      Forse hai capito male l'articolo.Avevano 7,5M di righe di codice closed, ma non li hanno comparati tutti e 7,5M contro 800K dell'open. Ma comparato progetti closed e open di uguale tipo e dimensione pescati dentro questi 7,5M e 800K righe.
    • Media Pesata scrive:
      Re: titolo fuorviante.
      Ciao, sono la media pesata, diventiamo amici?
      • shevathas scrive:
        Re: titolo fuorviante.
        - Scritto da: Media Pesata
        Ciao, sono la media pesata, diventiamo amici?ciao, perché non vieni citata nell'articolo ?
  • panda rossa scrive:
    Hanno scoperto l'acqua calda.
    Mi congratulo per questa fondamentale scoperta che rivoluzionera' non solo l'informatica ma anche la vita di tutti i giorni: l'acqua calda!Ci voleva lo studio di Coverity per stabilire che qualunque software pubblicato assieme ai sorgenti, sviluppato con calma, e per il piacere di farlo, solamente da veri appassionati, sia migliore di qualunque roba scritta da gente assoldata per farlo, magari neanche tanto capace, che magari neppure gli piace programmare, e che deve consegnare entro ieri.
    • Davide scrive:
      Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
      Ma veramente credi a quello che scrivi??

      qualunque software pubblicato assieme ai

      sorgenti, sviluppato con calma, e per il piacere

      di farlo, solamente da veri appassionati, sia

      migliore di qualunque roba scritta da gente

      assoldata per farlo, magari neanche tanto capace,

      che magari neppure gli piace programmareMa si é ridotta a questo la concezione dell IT in Italia?? Appassionati.. assoldati per farlo??!! Ma di cosa stai parlando scusa? Hai mai fatto un giorno di lavoro?Ma cosa pensi che sia lavorare nell IT?!?! IT é fatto da persone che hanno competenze.. che sono assoldate per lavorare.. e rilasciare nel piu breve tempo possibile..perché ogni giornata é un costo per l'azienda, ovviamente mantendo standard di qualitá accettabili.. - Scritto da: panda rossa
      Mi congratulo per questa fondamentale scoperta
      che rivoluzionera' non solo l'informatica ma
      anche la vita di tutti i giorni: l'acqua
      calda!

      Ci voleva lo studio di Coverity per stabilire che
      qualunque software pubblicato assieme ai
      sorgenti, sviluppato con calma, e per il piacere
      di farlo, solamente da veri appassionati, sia
      migliore di qualunque roba scritta da gente
      assoldata per farlo, magari neanche tanto capace,
      che magari neppure gli piace programmare, e che
      deve consegnare entro
      ieri.
      • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        - Scritto da: Davide
        Ma veramente credi a quello che scrivi??Sentiamo, dai, fammi fare quattro risate...



        qualunque software pubblicato assieme ai


        sorgenti, sviluppato con calma, e per il
        piacere


        di farlo, solamente da veri appassionati, sia


        migliore di qualunque roba scritta da gente


        assoldata per farlo, magari neanche tanto
        capace,


        che magari neppure gli piace programmare

        Ma si é ridotta a questo la concezione dell IT in
        Italia?? Appassionati.. assoldati per farlo??!!Gli appassionati sono persone che lo fanno di mestiere e che stanchi di avere manager senza la minima concezione di ciò che fanno che continuano a perseguire la strada sbagliata (AKA: prima c'è il marketing, poi l'Informatica) seguono la via dello sviluppo open source.
        Ma di cosa stai parlando scusa? Hai mai fatto un
        giorno di
        lavoro?Tu credo svariati... ma con la concezione sbagliata.
        Ma cosa pensi che sia lavorare nell IT?!?! IT é
        fatto da persone che hanno competenze.. che sono
        assoldate per lavorare.. Tipo i vari personaggi di $erpmondiale che non sanno da che parte girarsi nel... vediamo... 100% dei problemi finora avuti (e per il 90% risolti da personale interno).Gente così?Che solletico sotto le ascelle...
        e rilasciare nel piu
        breve tempo possibile..perché ogni giornata é un
        costo per l'azienda, ovviamente mantendo standard
        di qualitá accettabili..Quale qualità? I software su OS400 (molti dei quali con sorgente aperto) erano software di qualità, non le accozzaglie di oggi, dove l'unica cosa che conta è sviluppare seguendo l'ultima buzzword di moda.Insomma, valla a raccontare ai tuoi simili la storiella, perchè con chi ha le mani in pasta / ce le ha avute ma non si è trasformato in un UL di Davidiana memoria non attaccano.
        • Guybrush scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          - Scritto da: HermanHesse Quello TOSTO!
          - Scritto da: Davide[...] Insomma, valla a raccontare ai tuoi simili la
          storiella, perchè con chi ha le mani in pasta /
          ce le ha avute ma non si è trasformato in un UL
          di Davidiana memoria, non
          attacca.Cit:CL - Clueless Luser : il classico utente che non sa una cicca ma pretende di sapere.UL - UberLuser : capo progetto o comunque un CL di rango elevato, non ne sa molto di piu', ma guadagna il doppio.Per il resto:Storie della sala macchinehttp://www.soft-land.org/storie/indexBuona letturaGT
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Guybrush
            Per il resto:
            Storie della sala macchine
            http://www.soft-land.org/storie/indexIl mondo dell'informatica si divide in due categorie:quelli che leggono le storie della sala macchineei protagonisti delle medesime.
          • pandarossap ezzentebor ioso scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            no, c'è una terza categoria: quelli che se ne sbattono di quelli della sala macchina, e non leggono di loro perché guadagnano 20 volte di più, e hanno vita, donne, amici, macchine buone (non mer.dose panda da pezzenti).. E nonostante questo non pensano che il mondo giri intorno a loro stessi.. patetico tronfio morto di fame
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: pandarossap ezzentebor ioso
            no, c'è una terza categoria: quelli che se ne
            sbattono di quelli della sala macchina, e non
            leggono di loro perché guadagnano 20 volte di
            più, e hanno vita, donne, amici, macchine buone
            (non mer.dose panda da pezzenti).. E nonostante
            questo non pensano che il mondo giri intorno a
            loro stessi.. patetico tronfio morto di fameUL - UberLuser : capo progetto o comunque un CL di rango elevato, non ne sa molto di piu', ma guadagna il doppio.
          • Guybrush scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: pandarossap ezzentebor ioso
            no, c'è una terza categoria: quelli che se ne
            sbattono di quelli della sala macchina, e non
            leggono di loro perché guadagnano 20 volte di
            più, e hanno vita, donne, amici, macchine buone
            (non mer.dose panda da pezzenti).. E nonostante
            questo non pensano che il mondo giri intorno a
            loro stessi.. patetico tronfio morto di
            fameNo, sono 10 categorie.Gli "altri" e quelli che sanno contare in base due.lascio a Panda Rossa il piacere di innescare il T1000 in versione cascata tramite segnalazione o presa per i fondelli.GT
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: pandarossap ezzentebor ioso
            no, c'è una terza categoria: quelli che se ne
            sbattono di quelli della sala macchina, e non
            leggono di loro perché guadagnano 20 volte di
            più, e hanno vita, donne, amici, macchine buone
            (non mer.dose panda da pezzenti).. E nonostante
            questo non pensano che il mondo giri intorno a
            loro stessi.. patetico tronfio morto di
            fameEd ecco a voi quello che misura tutto coi soldi ed e' depresso perche' non ne ha abbastanza!
          • lol scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ben detto! Ma pochi apprezzeranno quello che hai detto.
          • pollolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            I soldi non fanno la felicita ma mgelio piangere su una yacht che su una panda
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: pollolo
            I soldi non fanno la felicita ma mgelio piangere
            su una yacht che su una
            pandaSe devi piangere!
          • illegale scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: panda rossa
            Ed ecco a voi quello che misura tutto coi soldi
            ed e' depresso perche' non ne ha
            abbastanza!http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3455476&m=3457422#p3457422Che XXXXXXXX che sei
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Che dirti ancora?Non vorrei essere nei tuoi panni.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            Il mondo dell'informatica si divide in due
            categorie:No, si divide in dieci categorie: quelli che capiscono le cifre binarie, e quelli che non le capiscono.
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il mondo dell'informatica si divide in due

            categorie:

            No, si divide in dieci categorie: quelli che
            capiscono le cifre binarie, e quelli che non le
            capiscono.Io ho scritto "due", non a caso.Se tu scrivi "dieci" commetti un errore.Avresti dovuto scrivere "10".
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            Io ho scritto "due", non a caso.
            Se tu scrivi "dieci" commetti un errore.
            Avresti dovuto scrivere "10".questo errore è emblematico della situazione, molti che imitano ma non capiscono bene cosa stanno imitando. :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            peccato che in un suo "post/articolo" recente, getta M sui blog dicendo che era giusta quegli abomini legislativi cessati di recente.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Sgabbio
            peccato che in un suo "post/articolo" recente,
            getta M sui blog dicendo che era giusta quegli
            abomini legislativi cessati di
            recente.potresti spiegarti meglio ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Sgabbio

            peccato che in un suo "post/articolo"
            recente,

            getta M sui blog dicendo che era giusta
            quegli

            abomini legislativi cessati di

            recente.

            potresti spiegarti meglio ?http://www.soft-land.org/commenti/196
      • Axel scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        - Scritto da: Davide
        Ma cosa pensi che sia lavorare nell IT?!?! IT é
        fatto da persone che hanno competenze.. che sono
        assoldate per lavorare.. e rilasciare nel piu
        breve tempo possibile..perché ogni giornata é un
        costo per l'azienda, ovviamente mantendo standard
        di qualitá accettabili..la chiave di tutto è quel' "standard di qualitá accettabili"che vuol dire tutto e niente...
        • Davide scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          La qualitá sta nel rispettare le best practice e bilanciarla sul tempo che si ha a disposizione.Questa visione del software come qualcosa fatta da un "artigiano" non stá né in cielo ne in terra. Tutte le azienda si basano sul concetto tempo-costi... giorni-uomo.. quindi prima capite che fare software non é come lavorare in un antica bottega veneziana dove tutto viene curato nel dettaglio meglio é. La capacitá sta nel rilasciare software scalabile e robusto in tempi accettabili.Senza contare che scrivere software é parte di un proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che da le linee guida e prende decisioni tecniche su quale tecnologia adottare e ci sono degli sviluppatori che ricevono le specifiche tecniche/funzionali e le traducono in software. Poi se volete sognare di essere il Messi del codice o cose del gnere.. a mio modesto parere vi scontrerete con il fatto che a nessuna azienda interessa avere il Messi del codice.. ma solo gente che scrive buon codice nel tempi concordati.
          • mah scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            La qualitá sta nel rispettare le best practice e
            bilanciarla sul tempo che si ha a
            disposizione.Certo, ma in concreto significa "finisci (qualunque XXXXXta) per ieri"
            Senza contare che scrivere software é parte di un
            proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che
            da le linee guida e prende decisioni tecniche su
            quale tecnologia adottare e ci sono degli
            sviluppatori che ricevono le specifiche
            tecniche/funzionali e le traducono in software.Sì, nel mondo delle fiabe probabilmente sì. Nel mondo concreto fan tutti un po' di tutto. Un grafico per curare l'aspetto della tua applicazione? ah ahUn dba che ti aiuti ad ottimizzare la gestione del db scrivendo istruzioni efficienti? ah ahUn manager che prenda decisioni corrette incentrate sulla reale qualità del prodotto da rilasciare? ah ahUno sviluppatore motivato? ah ahSpecie nel mondo della consulenza, alla fine l'obiettivo finale e imperativo è uno solo: prolungare il proprio contratto.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ripeto.. non tutti in Italia lavorano cosi..Se ti trovi male cambia.. non pensare che sia uguale dappertutto!E ricordati sempre che non siamo in America.. in Italia le risorse (soldi,persone,competenze) sono limitate e quindi bisogna far bene con quello che si ha a disposizione.Quasi chiunque sarebbe bravo a lavorare in posti dove si hanno eserciti di analisti,tester,sviluppatori,grafici,dba etc etc.. Il sistema Italia non funziona cosi e quindi o ci si lamenta.. o si cerca di ottimizzare quello che si ha in termini di risorse e si propone un prodotto al meglio delle capacitá aziendali
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Ripeto.. non tutti in Italia lavorano cosi..
            Se ti trovi male cambia.. non pensare che sia
            uguale dappertutto!
            E ricordati sempre che non siamo in America.. in
            Italia le risorse (soldi,persone,competenze) sono
            limitate e quindi bisogna far bene con quello che
            si ha a disposizione.
            Quasi chiunque sarebbe bravo a lavorare in posti
            dove si hanno eserciti di
            analisti,tester,sviluppatori,grafici,dba etc
            etc.. Il sistema Italia non funziona cosi e
            quindi o ci si lamenta.. o si cerca di
            ottimizzare quello che si ha in termini di
            risorse e si propone un prodotto al meglio delle
            capacitá aziendaliMa chi stava parlando solo dell'italia ???
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            La qualitá sta nel rispettare le best practice e
            bilanciarla sul tempo che si ha a
            disposizione.Best practice... prima buzzword di SAPpiana memoria.AKA: riusciamo a farla funzionare solo così, non importa se le aziende sono costrette a lavorare tuttte allo stesso modo.
            Questa visione del software come qualcosa fatta
            da un "artigiano" non stá né in cielo ne in
            terra. Tutte le azienda si basano sul concetto
            tempo-costi... Open Source != Azienda. E comunque nelle poche aziende che sviluppano software in modo decente (ho almeno 7/8 esempi sotto mano, senza fare pubblicità) il concetto giorni / uomo è molto relativo.
            giorni-uomo.. quindi prima capite
            che fare software non é come lavorare in un
            antica bottega veneziana dove tutto viene curato
            nel dettaglio meglio é. Quindi il software DEVE essere scadente? MAh... un signore che è morto qualche tempo fa ha fatto il sucXXXXX del proprio brand proprio curando in modo MANIACALe TUTTI gli elementi... come si chiamava???
            La capacitá sta nel
            rilasciare software scalabile e robusto in tempi
            accettabili.E quindi? Pare che sia il primo punto di forza del software OS...
            Senza contare che scrivere software é parte di un
            proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che
            da le linee guida e prende decisioni tecniche su
            quale tecnologia adottare e ci sono degli
            sviluppatori che ricevono le specifiche
            tecniche/funzionali e le traducono in software.Che poi ovviamente non funziona perchè, per i concetti esposti da te sopra, alla programmazione vengono messi ragazzini appena usciti dall'ITIS... costano poco e non fanno domande. E non dire che non è così, perchè non ci crede nessuno.

            Poi se volete sognare di essere il Messi del
            codice o cose del gnere.. a mio modesto parere vi
            scontrerete con il fatto che a nessuna azienda
            interessa avere il Messi del codice.. ma solo
            gente che scrive buon codice nel tempi
            concordati.Mica tanto, forse nell'azienda Vampipolo & C.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Nessuno parla di software scadente..Ma si parla di software con una qualitá commisurata al tempo che si ha a disposizione. Sembra difficile far capire qui che il tempo é un concetto chiave.Produttivitá.. Ovviamente se ho a disposizione risorse e tempo illimitato, tempo di testare ogni cosa centinaia di volte, probabilmente sará un software di ottima qualitá.. Ma le aziende che abbiamo in Italia.. non si basano sul paradigma Apple.. dove si ha a disposizione liquiditá risorse. Il paradigma italiano é basato sulle piccole-medie imprese, dove la liquiditá e la disponibilitá di risorse é ridotta.. Quindi.... o ci si trasferisce alla Apple o si cerca di rilascare un buon software con le risorse/tempo a disposizione.. o si continua a piangere e lamentarsi.. sognando Steve Jobs
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Nessuno parla di software scadente..
            Ma si parla di software con una qualitá
            commisurata al tempo che si ha a disposizione.

            Sembra difficile far capire qui che il tempo é un
            concetto
            chiave.No, è molto chiaro: TEMPO == SOLDI == QUALITA'Ma il profitto e il lucro comandano, quindi....
            Produttivitá..
            Ovviamente se ho a disposizione risorse e tempo
            illimitato, tempo di testare ogni cosa centinaia
            di volte, probabilmente sará un software di
            ottima qualitá..Cosa che MAI avviene!
            Ma le aziende che abbiamo in Italia.. non si
            basano sul paradigma Apple.. dove si ha a
            disposizione liquiditá risorse. Il paradigma
            italiano é basato sulle piccole-medie imprese,
            dove la liquiditá e la disponibilitá di risorse é
            ridotta.. Quindi.... o ci si trasferisce alla
            Apple o si cerca di rilascare un buon software
            con le risorse/tempo a disposizione.. o si
            continua a piangere e lamentarsi.. sognando Steve
            JobsE così le aziende italiane chiudono... è sotto gli occhi di tutti... tranne che dei tuoi! Dopo la Grecia tocca a noi...
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Beh.. allora mettiamoci tutti a piangere e lamentarci..Ma ricordati le aziende son fatte di persone.. e se fallisce é perché tutta la filiera dal capo all'ultimo degli ultimi non ha funzionato.Poi se vuoi, puoi adottare il classico comportamente italiano, dove la colpa é sempre di chi sta in alto..dove sembra che tutti lavorino duro, tutti si spendono per il lavoro.. ma poi il manager di turno o il politico di turno rovina tutto.. Se si vuole credere ancora a questa favola fai pure- Scritto da: il padulo vola basso...
            - Scritto da: Davide

            Nessuno parla di software scadente..

            Ma si parla di software con una qualitá

            commisurata al tempo che si ha a
            disposizione.



            Sembra difficile far capire qui che il tempo
            é
            un

            concetto

            chiave.
            No, è molto chiaro: TEMPO == SOLDI == QUALITA'
            Ma il profitto e il lucro comandano, quindi....



            Produttivitá..

            Ovviamente se ho a disposizione risorse e
            tempo

            illimitato, tempo di testare ogni cosa
            centinaia

            di volte, probabilmente sará un
            software
            di

            ottima qualitá..
            Cosa che MAI avviene!



            Ma le aziende che abbiamo in Italia.. non si

            basano sul paradigma Apple.. dove si ha a

            disposizione liquiditá risorse. Il
            paradigma

            italiano é basato sulle piccole-medie
            imprese,

            dove la liquiditá e la
            disponibilitá di risorse
            é

            ridotta.. Quindi.... o ci si trasferisce alla

            Apple o si cerca di rilascare un buon
            software

            con le risorse/tempo a disposizione.. o si

            continua a piangere e lamentarsi.. sognando
            Steve

            Jobs
            E così le aziende italiane chiudono... è sotto
            gli occhi di tutti... tranne che dei tuoi! Dopo
            la Grecia tocca a
            noi...
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Beh.. allora mettiamoci tutti a piangere e
            lamentarci..
            Ma ricordati le aziende son fatte di persone.. e
            se fallisce é perché tutta la filiera dal capo
            all'ultimo degli ultimi non ha funzionato.
            Poi se vuoi, puoi adottare il classico
            comportamente italiano, dove la colpa é sempre di
            chi sta in alto..dove sembra che tutti lavorino
            duro, tutti si spendono per il lavoro.. ma poi il
            manager di turno o il politico di turno rovina
            tutto.. Se si vuole credere ancora a questa
            favola fai pureE' sotto agli occhi di tutti...
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Beh.. allora mettiamoci tutti a piangere e
            lamentarci..
            Ma ricordati le aziende son fatte di persone.. e
            se fallisce é perché tutta la filiera dal capo
            all'ultimo degli ultimi non ha
            funzionato.
            Poi se vuoi, puoi adottare il classico
            comportamente italiano, dove la colpa é sempre di
            chi sta in alto..dove sembra che tutti lavorino
            duro, tutti si spendono per il lavoro.. ma poi il
            manager di turno o il politico di turno rovina
            tutto.. Se si vuole credere ancora a questa
            favola fai
            pureNON E' UNA FAVOLA! E' chiaro e risaputo che il problema viene dall'alto. Il commerciale incompetente parla con un cliente ignorante e capisce il 40% di quello che il cliente vuole. Spiega questo 30% ad un PM incapace che capisce solo il 30%, poi svalanga la XXXXX sui programmatori che si arrabattano per capire cosa c'è da fare e come farlo. Poi alla prima demo il cliente non si ritrova, fa modificare tutto e questo genera codice spazzatura, malcontento tra i programmatori e dilatazione dei tempi. Quindi si cerca di raffazzonare il tutto per non perderci avendo sforato i tempi. E gli sviluppatori che colpa ne hanno? Dovrebbero forse loro andare dal cliente a chiedere cosa vuole?Il software opensource è anche molto valido proprio perchè è svincolato da questo giro malato di incomprensioni tra cliente e fornitore. Il prodotto open viene realizzato per una specifica esigenza, è poi compito del fornitore adattarlo/configurarlo per le esigenze del cliente. Un approccio molto più funzionale, anche in termini di costi, che a te stanno molto a cuore.
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            +1Quando lo capiranno (in Italia) sarà troppo tardi.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            NON E' UNA FAVOLA! E' chiaro e risaputo che il
            problema viene dall'alto. Il commerciale
            incompetente parla con un cliente ignorante e
            capisce il 40% di quello che il cliente vuole.
            Spiega questo 30% ad un PM incapace che capisce
            solo il 30%, poi svalanga la XXXXX sui
            programmatori che si arrabattano per capire cosa
            c'è da fare e come farlo. Poi alla prima demo il
            cliente non si ritrova, fa modificare tutto e
            questo genera codice spazzatura, malcontento tra
            i programmatori e dilatazione dei tempi. Quindi
            si cerca di raffazzonare il tutto per non
            perderci avendo sforato i tempi. E gli
            sviluppatori che colpa ne hanno? Dovrebbero forse
            loro andare dal cliente a chiedere cosa
            vuole?
            quella che hai appena descritto è la situazione della celebre <b
            peraccottari srl sviluppo software - gestione sistemi informativi e pulizia uffici. </b
            azinda per la quale conviene lavorare il meno possibile, ovvero cercare quanto prima qualcosa di meglio. La classica azienda della niu economi dove caproni cercavano di vendere qualcosa che manco conoscevano a gente più ignorante di loro.
            di incomprensioni tra cliente e fornitore. Il
            prodotto open viene realizzato per una specifica
            esigenza, è poi compito del fornitore
            adattarlo/configurarlo per le esigenze del
            cliente. Un approccio molto più funzionale, anche
            in termini di costi, che a te stanno molto a
            cuore.Veramente con l'OS la peraccottari, prima cerca di convincere il cliente che il prodotto OS ha tutte le funzionalità richieste, poi generalmente lo fa incasinare dal programmatore a cui arrivano richieste pasticciate da parte di tutta la bella gente di cui sopra. Con il risultato di incasinare ottimo codice. Non vedo questi grandi vantaggi.
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas

            NON E' UNA FAVOLA! E' chiaro e risaputo che
            il

            problema viene dall'alto. Il commerciale

            incompetente parla con un cliente ignorante e

            capisce il 40% di quello che il cliente
            vuole.

            Spiega questo 30% ad un PM incapace che
            capisce

            solo il 30%, poi svalanga la XXXXX sui

            programmatori che si arrabattano per capire
            cosa

            c'è da fare e come farlo. Poi alla prima
            demo
            il

            cliente non si ritrova, fa modificare tutto e

            questo genera codice spazzatura, malcontento
            tra

            i programmatori e dilatazione dei tempi.
            Quindi

            si cerca di raffazzonare il tutto per non

            perderci avendo sforato i tempi. E gli

            sviluppatori che colpa ne hanno? Dovrebbero
            forse

            loro andare dal cliente a chiedere cosa

            vuole?


            quella che hai appena descritto è la situazione
            della
            celebre
            <b
            peraccottari srl sviluppo software -
            gestione sistemi informativi e pulizia uffici.
            </b
            O della SAP international.Vedi un po' tu...


            azinda per la quale conviene lavorare il meno
            possibile, ovvero cercare quanto prima qualcosa
            di meglio.Tipo...SAP?

            La classica azienda della niu economi dove
            caproni cercavano di vendere qualcosa che manco
            conoscevano a gente più ignorante di loro.



            di incomprensioni tra cliente e fornitore. Il

            prodotto open viene realizzato per una
            specifica

            esigenza, è poi compito del fornitore

            adattarlo/configurarlo per le esigenze del

            cliente. Un approccio molto più funzionale,
            anche

            in termini di costi, che a te stanno molto a

            cuore.

            Veramente con l'OS la peraccottari, prima cerca
            di convincere il cliente che il prodotto OS ha
            tutte le funzionalità richieste, poi generalmente
            lo fa incasinare dal programmatore a cui arrivano
            richieste pasticciate da parte di tutta la bella
            gente di cui sopra. Con il risultato di
            incasinare ottimo codice. Non vedo questi grandi
            vantaggi.Esattamente come con SAP...Quindi, di che stiamo parlando?
          • Funz scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Nessuno parla di software scadente..
            Ma si parla di software con una qualitá
            commisurata al tempo che si ha a disposizione.

            Sembra difficile far capire qui che il tempo é un
            concetto
            chiave.
            Produttivitá..
            Ovviamente se ho a disposizione risorse e tempo
            illimitato, tempo di testare ogni cosa centinaia
            di volte, probabilmente sará un software di
            ottima qualitá..

            Ma le aziende che abbiamo in Italia.. non si
            basano sul paradigma Apple.. dove si ha a
            disposizione liquiditá risorse. Il paradigma
            italiano é basato sulle piccole-medie imprese,
            dove la liquiditá e la disponibilitá di risorse é
            ridotta.. Quindi.... o ci si trasferisce alla
            Apple o si cerca di rilascare un buon software
            con le risorse/tempo a disposizione.. o si
            continua a piangere e lamentarsi.. sognando Steve
            JobsQuindi capisci benissimo che il software open, proprio perché libero da tutti questi vincoli di tempo/soldi/risorse, può raggiungere livelli di qualità più elevati.
          • Shu scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            La qualitá sta nel rispettare le best practice e
            bilanciarla sul tempo che si ha a
            disposizione.
            La capacitá sta nel
            rilasciare software scalabile e robusto in tempi
            accettabili.C'è un detto che suona più o meno così:Funzionante, economico, velocemente. Scegline due.Se vuoi fare un software funzionante e velocemente, costera` caro, quindi per tua ammissione le aziende non lo fanno.Le aziende vogliono velocemente ed economico, che porta automaticamente a "non funzionante".
            Senza contare che scrivere software é parte di un
            proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che
            da le linee guida e prende decisioni tecniche su
            quale tecnologia adottare e ci sono degli
            sviluppatori che ricevono le specifiche
            tecniche/funzionali e le traducono in software.Non sempre. All'estero (in Italia arriviamo sempre dopo) il paradigma più usato è lo sviluppo agile. Lo usa anche MS, per dire.Il "problema" è che l'agile nella sua forma più comune dovrebbe garantire che ad ogni iterazione (di solito ogni 1 o 2 settimane) il software che "esce" deva essere funzionante (cioè testato). Le decisioni tecniche in questa modalita` vengono prese ad ogni iterazione, e il modo in cui il codice è sviluppato dovrebbe garantire di poterle cambiare in qualsiasi momento (tranne quelle più di base, tipo il linguaggio di programmazione).E` un argomento un po' complesso da affrontare in modo astratto, ma i cosiddetti "architetti" del software ormai sono in via di estinzione. Tutti i programmatori partecipano alla discussione sulle metodologie di sviluppo, e non ci sono (o non ci dovrebbero essere) programmatori specializzati in determinati campi, ma ognuno dovrebbe lavorare indifferentemente in tutte le parti del codice.Bye.
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Shu

            C'è un detto che suona più o meno così:

            Funzionante, economico, velocemente. Scegline due.

            Se vuoi fare un software funzionante e
            velocemente, costera` caro, quindi per tua
            ammissione le aziende non lo
            fanno.

            Le aziende vogliono velocemente ed economico, che
            porta automaticamente a "non
            funzionante".L'Open e' Funzionante ed Economico.Quindi la legge e' verificata in tutti e tre i casi.
        • Davide scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          La qualitá sta nel rispettare le best practice e bilanciarla sul tempo che si ha a disposizione.Questa visione del software come qualcosa fatta da un "artigiano" non stá né in cielo ne in terra. Tutte le azienda si basano sul concetto tempo-costi... giorni-uomo.. quindi prima capite che fare software non é come lavorare in un antica bottega veneziana dove tutto viene curato nel dettaglio meglio é. La capacitá sta nel rilasciare software scalabile e robusto in tempi accettabili.Senza contare che scrivere software é parte di un proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che da le linee guida e prende decisioni tecniche su quale tecnologia adottare e ci sono degli sviluppatori che ricevono le specifiche tecniche/funzionali e le traducono in software. Poi se volete sognare di essere il Messi del codice o cose del gnere.. a mio modesto parere vi scontrerete con il fatto che a nessuna azienda interessa avere il Messi del codice.. ma solo gente che scrive buon codice nel tempi concordati.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            La qualitá sta nel rispettare le best practice e
            bilanciarla sul tempo che si ha a
            disposizione.L'equazione da bilanciare è: soldi pochi, tempo poco = software che sta in piedi con lo sputo
            Questa visione del software come qualcosa fatta
            da un "artigiano" non stá né in cielo ne in
            terra. Tutte le azienda si basano sul concetto
            tempo-costi... giorni-uomo.. quindi prima capite
            che fare software non é come lavorare in un
            antica bottega veneziana dove tutto viene curato
            nel dettaglio meglio é. La capacitá sta nel
            rilasciare software scalabile e robusto in tempi
            accettabili.Parliamo di tempi accettabili, quando l'OS più diffuso al mondo è di 12 anni fa! I tempi non contano, il prodotti finale si.
            Senza contare che scrivere software é parte di un
            proXXXXX industriale, dove c'é un architetto che
            da le linee guida e prende decisioni tecniche su
            quale tecnologia adottare e ci sono degli
            sviluppatori che ricevono le specifiche
            tecniche/funzionali e le traducono in software.Guarda che non ti è chiara una cosa: opensource non significa per forza sviluppato autonomamente dal ragazzino in cantina! VirtualBox, Open/Libre Office, Gnome, KDE, Chrome, ecc hanno dietro aziende che sponsorizzano e forniscono ingegneri... E i risultati sono OTTIMI!
            Poi se volete sognare di essere il Messi del
            codice o cose del gnere.. a mio modesto parere vi
            scontrerete con il fatto che a nessuna azienda
            interessa avere il Messi del codice.. ma solo
            gente che scrive buon codice nel tempi
            concordati.Perchè il Messi del codice costerebbe troppo...
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            La qualitá sta nel rispettare le best practice e
            bilanciarla sul tempo che si ha a
            disposizione.La qualità sta nel scrivere un software meno buggato possibile, ben implementato e con la maggiore pulizia possibile (meno goto e XXXXXte varie).Questa è qualità. Il resto è puro lucro.
            Questa visione del software come qualcosa fatta
            da un "artigiano" non stá né in cielo ne in
            terra. Tutte le azienda si basano sul concetto
            tempo-costi... giorni-uomo.. quindi prima capite
            che fare software non é come lavorare in un
            antica bottega veneziana dove tutto viene curato
            nel dettaglio meglio é.Quindi ci stai dicendo che per voi la qualità è qualcosa di relativo, se messo a confronto i tempi di contratto, giusto?
            La capacitá sta nel
            rilasciare software scalabile e robusto in tempi
            accettabili.Un software scritto male non è nè ROBUSTO nè SCALABILE.
            Poi se volete sognare di essere il Messi del
            codice o cose del gnere.. a mio modesto parere vi
            scontrerete con il fatto che a nessuna azienda
            interessa avere il Messi del codice.. ma solo
            gente che scrive buon codice nel tempi
            concordati.Che l'IT ormai sia tempestato di codice scritto con i piedi, solo perchè il manager è più interessato al conto in banca, è cosa nota.Non per niente, l'informatica fuffa sta emergendo a scapito dell'informatica vera...
      • il padulo vola basso... scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        - Scritto da: Davide
        Ma si é ridotta a questo la concezione dell IT in
        Italia??Stiamo per fare la fine della Grecia, vedi un pò tu...
        Appassionati.. assoldati per farlo??!!E' noto a tutti (tranne che a te) che IN QUALSIASI AMBITO chi lavora per passione realizza prodotti migliori di chi lo fa solo per la "insert" sul C/C di fine mese. Poi è chiaro che molti sviluppatori di codice open sono pagati (anche loro devono vivere), ciò però non toglie il reale pregio del codice open: CHIUNQUE può risolvere un bug o proporre una migliore implementazione.
        Ma di cosa stai parlando scusa? Hai mai fatto un
        giorno di
        lavoro?Mi chiedo lo stesso per te.
        Ma cosa pensi che sia lavorare nell IT?!?! IT é
        fatto da persone che hanno competenze..Che escono da un'università italiana ormai incapace di preparare persone per il mondo del lavoro (li infarcisce solo di teoria e zero pratica) oppure arrivano ca corsi professionali finanziati dalla regione (con l'unico scopo di prendere sovvenzionamenti dalle UE). Questa è la realtà del settore IT italiano e in più mettiamoci i ragazzotti che lavorano svogliatamente tanto il papi sponsorizza...
        che sono
        assoldate per lavorare.. e rilasciare nel piu
        breve tempo possibile..Hai detto bene, quello che conta sono i tempi di consegna, non la qualità del prodottoperché ogni giornata é un
        costo per l'azienda,Esatto... gli euro/dollari/ecc sono l'unica cosa che conta!
        ovviamente mantendo standard
        di qualitá accettabili..Nei tuoi sogni!
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          - Scritto da: il padulo vola basso...
          Che escono da un'università italiana ormai
          incapace di preparare persone per il mondo del
          lavoro (li infarcisce solo di teoria e zero
          pratica) chi esce, meglio ancora chi usciva, dalle università Italiane è in media molto preparato, proprio grazie alla teoria. E proprio la teoria lo rende(va) preparato. Poi si è deciso di aumentare la pratica, ma a scapito della teoria e le cose sono peggiorate.
        • Davide scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          Mi dispiace che sei cosi sfiduciato.. In Italia ci sono tante aziende nell IT che lavorano molto bene.Sono punti di riferimento internazionali, il tutto fatto con grande qualitá e professionalitá.Ovviamente é anche chiaro che da voi in Italia lamentarsi e delegare le colpe sempre a qualcun'altro é ormai una prassi consolidata.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Mi dispiace che sei cosi sfiduciato..
            In Italia ci sono tante aziende nell IT che
            lavorano molto
            bene.
            Sono punti di riferimento internazionali, il
            tutto fatto con grande qualitá e
            professionalitá.
            Ovviamente é anche chiaro che da voi in Italia
            lamentarsi e delegare le colpe sempre a
            qualcun'altro é ormai una prassi
            consolidata.Visto che dici DA VOI significa che tu non sei qui e quindi non ti rendo conto del mondo del lavoro in Italia. I genietti vanno all'estero se vogliono fare il loro lavoro, se no si adattano a lavorare con Excel e Access oppure vanno in un callcenter.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Si vivo e lavoro all'estero.Ma non disprezzo l'Italia, ci sono delle difficoltá questo si, ma abbiamo anche diverse eccellenze nell'IT.Non ti nascondo che ci sono delle difficoltá oggettive "culturali" riguardo al significato dell IT in Italia.Peró voglio anche sottolineare che spesso gli "appassionati" di software non riescono sempre a mettersi nei panni delle aziende.. a capire che non si puó spendere 2/3 giorni uomo perché ci si intestardisce su una soluzione perché é piu "cool". Bisogna capire che IT per le aziende ha dei costi e se ha volte le aziende sono reticenti a investire e anche dato dal fatto che negli anni ci sono stati milioni di progetti "mai nati" falliti.. perché il genietto di tutto ha speso tutti i giorni uomo per trovare la soluzine "piú elegante" all'ultima moda..All'estero il concetto tempo/denaro é ancora piu marcato che in Italia.. quindi la pragmaticitá nell'approcio al software é la qualitá vincente.- Scritto da: il padulo vola basso...
            - Scritto da: Davide

            Mi dispiace che sei cosi sfiduciato..

            In Italia ci sono tante aziende nell IT che

            lavorano molto

            bene.

            Sono punti di riferimento internazionali, il

            tutto fatto con grande qualitá e

            professionalitá.


            Ovviamente é anche chiaro che da voi in
            Italia

            lamentarsi e delegare le colpe sempre a

            qualcun'altro é ormai una prassi

            consolidata.
            Visto che dici DA VOI significa che tu non sei
            qui e quindi non ti rendo conto del mondo del
            lavoro in Italia. I genietti vanno all'estero se
            vogliono fare il loro lavoro, se no si adattano a
            lavorare con Excel e Access oppure vanno in un
            callcenter.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Si vivo e lavoro all'estero.
            Ma non disprezzo l'Italia, ci sono delle
            difficoltá questo si, ma abbiamo anche diverse
            eccellenze
            nell'IT.Nessuno qui disprezza l'Italia, bensì il modo di lavorare dei NON-MANAGER che guardano solo al profitto immediato. E questo si verifica anche all'estero, ma maggiormente in Italia.
            Non ti nascondo che ci sono delle difficoltá
            oggettive "culturali" riguardo al significato
            dell IT in Italia.E non solo dell'IT...
            Peró voglio anche sottolineare che spesso gli
            "appassionati" di software non riescono sempre a
            mettersi nei panni delle aziende.. a capire che
            non si puó spendere 2/3 giorni uomo perché ci si
            intestardisce su una soluzione perché é piu
            "cool".COOL non vuol dire nulla. Il problema è che se faccio un software alla razzo di cane magari mi faccio qualche soldo in più sul breve termine, ma a lungo termine ho un software non mantenibile, non espandibile... in alpre parole WINDOWS! :D
            Bisogna capire che IT per le aziende ha
            dei costi e se ha volte le aziende sono reticenti
            a investire e anche dato dal fatto che negli anni
            ci sono stati milioni di progetti "mai nati"
            falliti.. perché il genietto di tutto ha speso
            tutti i giorni uomo per trovare la soluzine "piú
            elegante" all'ultima moda..Il "genietto" semplicemente si rifiuta di fare software spazzatura!
            All'estero il concetto tempo/denaro é ancora piu
            marcato che in Italia.. quindi la pragmaticitá
            nell'approcio al software é la qualitá
            vincente.MS infatti non è italiana e si vede che razza di prodotti tira fuori...
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Guarda.. magari lavorare in Italia ai livelli di Microsoft.Vedi questo disprezza il lavoro degli altri.. fare a gara a chi "c'é l ha piú lungo" é la principale causa dei fallimenti dei progetti IT in Italia. La tua cultura-macho tienitela per te e per quando incontri una ragazza. Al lavoro si parla di sinergie di fare gruppo e lavorare ad un obbiettivo comune. Sincermante un "esperto IT italiano" che vá a criticare microsoft per la presunta scarsa qualitá.. mi fá un pó sorridere e allo stesso tempo m'imbarazza. Sopratutto dopo che vedo che spesso tutti questi grandi expert non riescono a tirar fuori un gestionale (nome/cognome/codice fiscale) che funzioni.... ah si...dimenticavo.. in Italia siamo bravissimi ma é sempre colpa del manager o del capo cattivo o di qualcun'altro...
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Sincermante un "esperto IT
            italiano" che vá a criticare microsoft per la
            presunta scarsa qualitá.. mi fá un pó sorridere e
            allo stesso tempo m'imbarazza. Ok, hai appena affermato di non capirci niente di informatica.Che cosa sei venuto a fare in questo forum?
          • rover scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ah, perchè qui c'è gente che capisce di informatica?Dal tono delle discussioni non me ne ero reso conto.Scusassero.....
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Guarda.. magari lavorare in Italia ai livelli di
            Microsoft.Spero che non si arrivi mai a questi livelli...
            Vedi questo disprezza il lavoro degli altri..
            fare a gara a chi "c'é l ha piú lungo" é la
            principale causa dei fallimenti dei progetti IT
            in Italia. La tua cultura-macho tienitela per te
            e per quando incontri una ragazza.Cosa c'entra? Alle donne piacciono i tipi come Corona, non quelli come Steve Jobs (a parte per i soldi)... Quindi cultura macho e informatica vanno su strade diverse...
            Al lavoro si
            parla di sinergie di fare gruppo e lavorare ad un
            obbiettivo comune.Fare guadagnare l'azienda, ecco l'obiettivo comune!
            Sincermante un "esperto IT
            italiano" che vá a criticare microsoft per la
            presunta scarsa qualitá.. mi fá un pó sorridere e
            allo stesso tempo m'imbarazza. A me imbarazzerebbe di più avere un'azienda con risorse praticamente ILLIMITATE e non essere capace di creare un sistema operativo degno di questo nome, senza VIRUS, REGISTRY, NTFS, OCX, ecc!
            Sopratutto dopo
            che vedo che spesso tutti questi grandi expert
            non riescono a tirar fuori un gestionale
            (nome/cognome/codice fiscale) che funzioni....Fortuna che poi intervengono i genietti di Accenture incravattati e strapagati che ti configurano SAP...
            ah si...dimenticavo.. in Italia siamo bravissimi ma
            é sempre colpa del manager o del capo cattivo o
            di qualcun'altro...A te hanno forse fatto il lavaggio del cervello? Ti assumi quindi anche le responsabilità dei tuoi superiori che gauadagnano 3 volte tanto? Marchionne in Fiat farebbe salti di gioia se tutti fossero come te! ;)
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Se hai problemi con il sistema capitalistico Italiano é un problema tuo.Io non invidio chi guadagna di piu. Penso a quello che faccio io e cerco di farlo nel migliore modo possibile.Sfortunatamente l'Italia sta prendendo una brutta deriva, dove ci sono sempre piu persone che invidiano la ricchezza altrui.I soldi non sono il male, se uno se li guadagna e paga le tasse non c'é niente di male. La ricchezza non é vergogna.Il sospettare della ricchezza altrui, il pensare che se uno é ricco vuol dire che é colpevole.. quello é una vergogna non degna di un paese civile.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Se hai problemi con il sistema capitalistico
            Italiano é un problema
            tuo.
            Io non invidio chi guadagna di piu. Penso a
            quello che faccio io e cerco di farlo nel
            migliore modo
            possibile.

            Sfortunatamente l'Italia sta prendendo una brutta
            deriva, dove ci sono sempre piu persone che
            invidiano la ricchezza
            altrui.
            I soldi non sono il male, se uno se li guadagna e
            paga le tasse non c'é niente di male. La
            ricchezza non é
            vergogna.
            Il sospettare della ricchezza altrui, il pensare
            che se uno é ricco vuol dire che é colpevole..
            quello é una vergogna non degna di un paese
            civile.Io NON INVIDIO chi guadagna di più. Semplicemente DISPREZZO chi guadagna immeritatamente (o se preferisci ruba), tanto o poco che sia...
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Se hai problemi con il sistema capitalistico
            Italiano é un problema
            tuo.Tutta l'italia che lavora ha problemi con il sistema capitalistico italiano.Persino il capitalismo mondiale ha problemi con la sua declinazione italiana.
            Io non invidio chi guadagna di piu. Penso a
            quello che faccio io e cerco di farlo nel
            migliore modo
            possibile.Ma tra queste cose non rientra lo scrivere cose sensate in pubblico.Ahinoi.

            Sfortunatamente l'Italia sta prendendo una brutta
            deriva, dove ci sono sempre piu persone che
            invidiano la ricchezza
            altrui.Mah a me pare che l'Italia, sempre troppo tardi, si stia iniziando a rendere conto che troppo spesso chi guadagna tanto merita poco.
            I soldi non sono il male, se uno se li guadagna e
            paga le tasse non c'é niente di male.Dipende, il problema sono mica solo le tasse.Se vieni pagato molto per prendere le decisioni, e le decisioni poi sono sbagliate, il problema c'è lo stesso, tasse o non tasse.
            La
            ricchezza non é
            vergogna.Lo è l'incompetenza.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Caro Dovella..forse vorresti candidarti come ministro della competenza..Come fai a dire che spesso chi guadagna merita poco..Come fai a parlare di competenza/incompentenza..solo chi non prende mai decisioni non sbaglia. Chi sono questi eletti che secondo te MERITANO. E' un terreno minato.. perché a parlare son tutti bravi, poi quando si devono prendere decisioni, in un mercato difficile come quello italiano é facile sbagliare. I pseudo-manager come vengono spesso definiti qui.. sono magari persone che sanno bene cosa "sarebbe" giusto fare.. ma se vuoi fare business in Italia.. non sempre il giusto vá daccordo con il mercato e il desiderio del cliente (colui che paga!!). Quindi ho fai l'idealista rivoluzionario... ma spesso finiscono male.. oppure ti adegui e nel tuo piccolo provi a proporre al cliente modi di lavorare piu strutturati... non sempe é facile e non sempre ci si riesce. Ma questa é l Italia..fatta di persone.. dalla piu umile al presidente della repubblica.. se si fallisce si fallisce tutti.. ripeto é troppo facile prendersela sempre con chi ha le responsabilitá..quando quelli di sotto se ne fregano stanno su facebook 8 ore al giorno, e si smarcano alla prima occasione!!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Caro Dovella..E' da particolari come questi che si capisce quanto è sveglio uno, eh.Iniziamo male.Bon, procediamo.
            forse vorresti candidarti come ministro della
            competenza..forse dovresti farlo tu, dato che hai deciso che per forza la colpa è degli ingranaggi + piccoli, mentre poverini, manager e dirigenti da centiania, se non milioni, di euro l'anno sono dei poveri cristi.Certo mettersi dalla parte dei + forti in Italia ha sempre pagato. Nell'immediato, il risultato poi è quello che vediamo, un paese con grandi problemi di produttività e rendimento.
            Come fai a dire che spesso chi guadagna merita
            poco..Perchè ci vivo e lavoro in Italia, a differenza di te che ti trovavi così bene qui che te ne sei andato all'estero, salvo poi venire a sputare sentenze su un forum, sentenze alle quali non credi nemmeno tu.
            Come fai a parlare di
            competenza/incompentenza..solo chi non prende mai
            decisioni non sbaglia. Chi sono questi eletti che
            secondo te MERITANO.So per certo chi non sono.cut del vario bla bla
            Ma questa é l
            Italia..fatta di persone.. dalla piu umile al
            presidente della repubblica.. se si fallisce si
            fallisce tutti..ed è qui che casca l'asino, perchè in Italia quando si fallisce, falliscono i poveracci, quelli che si sono fatti il cubo come una capanna ma che si trovano nella calca grazie ai drigentoni che tu stai difendendo.Mentre chi ha determinato tutto questo, ha sempre il suddetto cubo parato e all'asciutto.Io sono il primo a dire, che se ognuno fa la sua parte stiamo meglio tutti, e senza nemmeno stare con il bilancino a vedere se hai dato + o - degli altri. Ma a me pare che in italia ci sia una classe imprenditoriale e dirigenziale da quinto mondo, e mi pare che non ci voglia nemmeno molto a concordare con questa evidenza.
            ripeto é troppo facile
            prendersela sempre con chi ha le
            responsabilitáe certo, invece è complicatissimo prendersela con i lavoratori, scaricando sempre a massa su chi lavora veramente e non ha nessuna o minore difficoltà.E' così difficile che è quello che si fa sempre, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
            ..quando quelli di sotto se ne
            fregano stanno su facebook 8 ore al giorno, e si
            smarcano alla prima
            occasione!!Anche se fosse come dici, il problema sarebbe cmq colpa di una organizzazione incapace di valorizzare i propri dipendenti/lavoratori.Se il dipendente cazzeggia, la colpa è sempre del dirigente.Prima si capirà questo, prima il Paese si metterà in moto.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é fatta il XXXX come una capanna ne conosco davvero poca...Il paradigma del poveretto che lavora e suda e su spacca le mani tutto il giorno e il padrone cattivo che si gode i soldi e non pensa al prossimo é un paradigma di comodo figlio di una certa cultura..Se si é in crisi e perché TUTTI se ne sono sempre fregati.. Dall'estero mio caro dove vivo io la gente condivide APPARTAMENTI anche sino a 40 anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con abiti che noi italiani definiremmo improponibili. La maggior parte delle persone non hanno una macchina.Al lavoro non si ha una connessione ad internet.. e se la si ha é controllata.. quindi mio caro.. forse sei abiutato troppo bene...io amo l'Italia lavoro all'estero perché mi ero stancato di persone che sempre si lamentano (per dirla all De André <<Si costerna, s'indigna, s'impegna, poi getta la spugna con gran dignità

            ).Quindi prima di parlare di classi dirigenziali.. pensa a chi deve fare il proprio lavoro (anche sviluppare un gestionale) e lo fa con i piedi, stando alla macchinetta e su facebook..
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é fatta
            il XXXX come una capanna ne conosco davvero
            poca...E' perchè tu qui non ci vivi e non ci lavori.


            Dall'estero mio caro dove vivo io la gente
            condivide APPARTAMENTI anche sino a 40
            anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con
            abiti che noi italiani definiremmo improponibili.Veramente anche qui la situazione è analoga.Probabilmente tu provieni dal ricco e viziato Nord est, ma ti assicuro che altrove in italia ci sono generazioni intere di gente che tira a campare, pagando affitti stellari e pure a nero per stanze che nemmeno gli extracomunitari vorrebbero, per fare lavori difficil, complicati e che richiedono conoscenza ed esperienza ed il tutto quasi sempre per stipendi che non bastano nemmeno a coprire le spese. Senza andare nel profondo Sud, fatti un giro a Roma e a Milano. La Milano da bere.
            Al lavoro non si ha una connessione ad internet..
            e se la si ha é controllata..Tra le tante, ho lavorato in una azienda che monitorava il traffico internet, che dava sempre la colpa ai dipendenti, e che non metteva mai in dubbio la dirigenza. Dopo un paio di anni li ho mollati, lasciando un tempo indeterminato che non ho + rivisto. Oggi stanno fallendo.Dici che è colpa di quelli che ci lavoravano? quelli che ci lavoravano, alla spicciolata se ne sono andati verso migliori lidi, sono rimasti dirigenti e fannulloni. E' lo specchio perfetto dell'Italia che difendi.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é fatta
            il XXXX come una capanna ne conosco davvero
            poca...
            Il paradigma del poveretto che lavora e suda e su
            spacca le mani tutto il giorno e il padrone
            cattivo che si gode i soldi e non pensa al
            prossimo é un paradigma di comodo figlio di una
            certa
            cultura..
            Se si é in crisi e perché TUTTI se ne sono sempre
            fregati..Che tutti se ne siano sempre fregati è anche vero, ma abbiamo in Italia dei modelli da seguire? NO! I politici mangiano, ci sono più organizzazioni mafiose che partiti, c'è la chiesa, ci sono le aziende e i liberi professionisti che evadono, e infine arriva il lavoratore dipendente... Cosa vuoi che faccia, poverello, si adegua alla catena che sta sopra di lui... Quando poi vede che non esiste meritocrazia ma viene sempre privilegiato il parente del capo o la ragazza "carina e disponibile" allora è chiaro che tutti se ne fregano!

            Dall'estero mio caro dove vivo io la gente
            condivide APPARTAMENTI anche sino a 40
            anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con
            abiti che noi italiani definiremmo improponibili.
            La maggior parte delle persone non hanno una
            macchina.Qui c'è anche chi non ha da mangiare:http://www3.lastampa.it/economia/sezioni/articolo/lstp/444152/http://www3.lastampa.it/economia/sezioni/articolo/lstp/444155/
            Al lavoro non si ha una connessione ad internet..
            e se la si ha é controllata.. quindi mio caro..
            forse sei abiutato troppo bene...io amo l'Italia
            lavoro all'estero perché mi ero stancato di
            persone che sempre si lamentano (per dirla all De
            André <<Si costerna, s'indigna, s'impegna,
            poi getta la spugna con gran dignità


            ).
            Quindi prima di parlare di classi dirigenziali..
            pensa a chi deve fare il proprio lavoro (anche
            sviluppare un gestionale) e lo fa con i piedi,
            stando alla macchinetta e su
            facebook..Io sono un programmatore (C# e Java, ed ex C++) e ho sempre cercato di fare al meglio il mio lavoro. Ammetto di lavorare con una paio di persone che se ne fregano un pò ma la maggior parte di sviluppatori lavora con impegno. Purtroppo però ci girano le specifiche di implementare TOMA, il giorno dopo ci dicono che è ROMA, poi è COMA... E' chiaro che dopo un pò ti girano!!!
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            beh io invece ho trovato tante persone che se ne fregano e che sono superficiali.Ho lavorato per una ventina di aziende tra torino milano e roma.E non sopporto il fatto che gente pensa che 90% di italiani che lavorano son tutti diligenti, produttivi e volenterosi.. ma che purtroppo sono ostacolati da un 10% di cattivi dirigenti mangia soldi.Scusami ma é una posizione tipica italiana di gente lamentosa e disfattista...Sulla povertá.. nessuno nega che in Italia ci sia povertá.... ma mio caro.. senza paura di essere smentito lo stile di vita che c'é in Italia, in altre parti d'Europa é un MIRAGGIO!Quindi...ovvio che si soffra della condizione di crisi.. ma t invito a pensare che in altri paesi UK per esempio..lo stile di vita che avete in Italia é un sogno- Scritto da: il padulo vola basso...
            - Scritto da: Davide

            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é
            fatta

            il XXXX come una capanna ne conosco davvero

            poca...

            Il paradigma del poveretto che lavora e suda
            e
            su

            spacca le mani tutto il giorno e il padrone

            cattivo che si gode i soldi e non pensa al

            prossimo é un paradigma di comodo figlio di
            una

            certa

            cultura..

            Se si é in crisi e perché TUTTI se ne sono
            sempre

            fregati..
            Che tutti se ne siano sempre fregati è anche
            vero, ma abbiamo in Italia dei modelli da
            seguire? NO! I politici mangiano, ci sono più
            organizzazioni mafiose che partiti, c'è la
            chiesa, ci sono le aziende e i liberi
            professionisti che evadono, e infine arriva il
            lavoratore dipendente... Cosa vuoi che faccia,
            poverello, si adegua alla catena che sta sopra di
            lui... Quando poi vede che non esiste
            meritocrazia ma viene sempre privilegiato il
            parente del capo o la ragazza "carina e
            disponibile" allora è chiaro che tutti se ne
            fregano!




            Dall'estero mio caro dove vivo io la gente

            condivide APPARTAMENTI anche sino a 40

            anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con

            abiti che noi italiani definiremmo
            improponibili.

            La maggior parte delle persone non hanno una

            macchina.
            Qui c'è anche chi non ha da mangiare:
            http://www3.lastampa.it/economia/sezioni/articolo/
            http://www3.lastampa.it/economia/sezioni/articolo/


            Al lavoro non si ha una connessione ad
            internet..

            e se la si ha é controllata.. quindi mio
            caro..

            forse sei abiutato troppo bene...io amo
            l'Italia

            lavoro all'estero perché mi ero stancato di

            persone che sempre si lamentano (per dirla
            all
            De

            André <<Si costerna, s'indigna,
            s'impegna,

            poi getta la spugna con gran dignità



            ).

            Quindi prima di parlare di classi
            dirigenziali..

            pensa a chi deve fare il proprio lavoro
            (anche

            sviluppare un gestionale) e lo fa con i
            piedi,

            stando alla macchinetta e su

            facebook..
            Io sono un programmatore (C# e Java, ed ex C++) e
            ho sempre cercato di fare al meglio il mio
            lavoro. Ammetto di lavorare con una paio di
            persone che se ne fregano un pò ma la maggior
            parte di sviluppatori lavora con impegno.
            Purtroppo però ci girano le specifiche di
            implementare TOMA, il giorno dopo ci dicono che è
            ROMA, poi è COMA... E' chiaro che dopo un pò ti
            girano!!!
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            beh io invece ho trovato tante persone che se ne
            fregano e che sono
            superficiali.
            Ho lavorato per una ventina di aziende tra torino
            milano e roma.
            E non sopporto il fatto che gente pensa che 90%
            di italiani che lavorano son tutti diligenti,
            produttivi e volenterosi.. ma che purtroppo sono
            ostacolati da un 10% di cattivi dirigenti mangia
            soldi.
            Scusami ma é una posizione tipica italiana di
            gente lamentosa e disfattista...
            Sulla povertá.. nessuno nega che in Italia
            ci sia povertá.... ma mio caro.. senza paura
            di essere smentito lo stile di vita che c'é in
            Italia, in altre parti d'Europa é un
            MIRAGGIO!
            Quindi...ovvio che si soffra della condizione di
            crisi.. ma t invito a pensare che in altri paesi
            UK per esempio..lo stile di vita che avete in
            Italia é un sognoEntra pure nei dettagli su, non essere timido...
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Sulla povertá.. nessuno nega che in Italia
            ci sia povertá.... ma mio caro.. senza paura
            di essere smentito lo stile di vita che c'é in
            Italia, in altre parti d'Europa é un
            MIRAGGIO!
            Quindi...ovvio che si soffra della condizione di
            crisi.. ma t invito a pensare che in altri paesi
            UK per esempio..lo stile di vita che avete in
            Italia é un sognoQuesto mi sembra un pò il discorso che fanno i nostri genitori/nonni dicendoci: "Ai miei tempi si che ci spaccavamo la schiena..." oppure "Ai miei tempi non avevamo nessuno svago, si lavorava 7 giorni su 7..." e così via. Io non approvo questo genere di discorsi, perchè il progresso di una società DEVE comportare un innalzamento del tenore di vita, il che vuole anche dire MENO ORE di lavoro e PIU' RICCHEZZA! Altrimenti possiamo tornare al medioevo e abbattere le piante senza motoXXXX, ad arare coi buoi e ad andare a dormire alle 18 nella stalla quando viene buio. Il paradosso è che chi ha lavoro è sempre più costretto a fare straordinari/reperibilità e i disoccupati sono in continuo aumento, ma questo è un discorso che esula da questo thread. Come è anche off-topic il fatto che in Inghilterra c'è la moneta sovrano e se il governo volesse potrebbe far vivere molto meglio gli inglesi di come mi dici tu che stanno: forse gli conviene di più tenerli in uno stato di "povertà controllata" per poterli sfruttare meglio...
          • Lumaco Scarafoni scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é fatta
            il XXXX come una capanna ne conosco davvero
            poca...
            Il paradigma del poveretto che lavora e suda e su
            spacca le mani tutto il giorno e il padrone
            cattivo che si gode i soldi e non pensa al
            prossimo é un paradigma di comodo figlio di una
            certa
            cultura..
            Se si é in crisi e perché TUTTI se ne sono sempre
            fregati..


            Dall'estero mio caro dove vivo io la gente
            condivide APPARTAMENTI anche sino a 40
            anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con
            abiti che noi italiani definiremmo improponibili"Vestiti non firmati"... d'accordo, abbiamo capito che tipo sei, il fighetto ex-truzzo... ma adesso basta, che metti davvero tristezza.
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Lumaco Scarafoni
            - Scritto da: Davide

            Senza offesa.. ma in Italia..gente che si é
            fatta

            il XXXX come una capanna ne conosco davvero

            poca...

            Il paradigma del poveretto che lavora e suda
            e
            su

            spacca le mani tutto il giorno e il padrone

            cattivo che si gode i soldi e non pensa al

            prossimo é un paradigma di comodo figlio di
            una

            certa

            cultura..

            Se si é in crisi e perché TUTTI se ne sono
            sempre

            fregati..





            Dall'estero mio caro dove vivo io la gente

            condivide APPARTAMENTI anche sino a 40

            anni..vanno vestiti non firmati.. spesso con

            abiti che noi italiani definiremmo
            improponibili

            "Vestiti non firmati"... d'accordo, abbiamo
            capito che tipo sei, il fighetto ex-truzzo... ma
            adesso basta, che metti davvero
            tristezza.Capisco che un tipo del genere di gente che si e' fatta il mazzo ne conosce poca...
          • ZIOFA scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            fammi capire, caro Davide, scommetto che tu sei un managerello rampante che gira con Audi A4 e BlackBerry aziendale e ti senti profondamente toccato da quello che ti scrivono qui... ho colto nel segno? comunque magari hai ragione di XXXXXXXrti perchè tu sei un manager con le palle vecchia maniera, altrimenti mi spiace ma qui hanno tutti ragione!!!!!!!! oh bello non prendertela, è solo una mia opinione!
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Non sono un manager..ma ti dico una cosa..ho lavorato con tanti manager..ma credimi gente con la A4 o grossi macchinoni ne ho trovati davvero pochi.. molti son manager con la Punto.Questo é secondo me un serio problema.. in Italia il nostro lavoro manager/"tecnici" non é per niente ben pagato.. questo si che é un problemone a mio parere. Le competenze..se ci sono.. vanno pagate bene! Perché il nostro é un lavoro sfidante,logorante.. e come dicono gli americani "mind consuming". Su questo mi trovi daccordo.. ma che tutte le colpe dei fallimenti nel mondo IT vanno attribuiti ai cattivoni manager non sono daccordo... Il codice scritto da cani é fatto dagli sviluppatori..ed io personalmente anche se ho poco tempo scrivo un codice molto ben leggibile e scalabile.. non riesco neanche a volerlo a scrivere codice schifoso.. e se ci riesco io che non sono un Bill Gates.. sicuramente ci possono riuscire anche tutti gli altri che riempono i repository di source code di porcherie!
          • utonto scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Questo é secondo me un serio problema.. in Italia
            il nostro lavoro manager/"tecnici" non é per
            niente ben pagato.. questo si che é un problemone
            a mio parere. Le competenze..se ci sono.. vanno
            pagate bene!Il problema dell'Italia è che non esiste la reale figura di "programmatore senior", e con questo non intendo il ragazzino che ha lavorato per 5 anni sul linguaggio X e quindi di default diventa senior.Intendo un professionista che ha visto molti progetti ed è in grado di risolvere problemi e progettare soluzioni utilizzando una determinata tecnologia. Ogni software house che vuole essere tale dovrebbe avere al suo interno almeno uno di questi individui per ogni tecnologia con cui lavora, dandogli anche la possibilità di fare periodici aggiornamenti da condividere poi coi restanti colleghi... Utopia vero?!Inoltre un programmatore senior dovrebbe guadagnare di più di un PM junior, ma questo in Italia non avviene. Un programmatore se vuole guadagnare di più deve smettere di scrivere codice e imparare ad usare Word e Outlook e diventare PM anche se non è la sua vocazione.Che tristezza! :(
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Si vivo e lavoro all'estero.
            Ma non disprezzo l'Italia, ci sono delle
            difficoltá questo si, ma abbiamo anche diverse
            eccellenze
            nell'IT.Non c'è eccellenza nello sviluppo di software sulla base di requirement dettati da incompententi.
            Peró voglio anche sottolineare che spesso gli
            "appassionati" di software non riescono sempre a
            mettersi nei panni delle aziende.. a capire che
            non si puó spendere 2/3 giorni uomo perché ci si
            intestardisce su una soluzione perché é piu
            "cool".I tempi delle aziende hanno fatto si che la mer*a diventasse uno standard de facto nel mondo dell'informatica.Le anziende hanno fatto si che si smettesse di ottimizzare il software, con la scusa che i costi dell'hardware fossero diventati ridicoli.Oggi, a causa di queste politiche scellerate, ci troviamo elefanti che hanno bisogno di computer della NASA per mostrare un ca*zo di "Hello, World".La mentalità delle aziende ha fatto si che la maggiorparte dei software aziendali si riegge grazie ad una mistura di sputo e spaghetti code, così schifosi che quando un ingegnere ci mette mani impazzisce pur avendo la documentazione inerente.Non si tratta di avere l'implementazione più cool. Si tratta di scrivere software di qualità. E la qualità non può essere dettata da tempi.Se l'azienda ha costi troppo elevati per fare un buon lavoro, che apra un progetto comunitario open source e abbatta i costi di sviluppo.
            Bisogna capire che IT per le aziende ha
            dei costi e se ha volte le aziende sono reticenti
            a investire e anche dato dal fatto che negli anni
            ci sono stati milioni di progetti "mai nati"
            falliti.. perché il genietto di tutto ha speso
            tutti i giorni uomo per trovare la soluzine "piú
            elegante" all'ultima
            moda..E certo...meglio finanziare un progetto scritto alla caz*o di cane..così è sicuro che l'azienda spende poco e guadagna molto.
            All'estero il concetto tempo/denaro é ancora piu
            marcato che in Italia.. quindi la pragmaticitá
            nell'approcio al software é la qualitá
            vincente.La qualità in termini di guadagno...Non in termini di qualità del codice.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            Non c'è eccellenza nello sviluppo di software
            sulla base di requirement dettati da
            incompententi.
            Ni, il cercare di capire cosa realmente il cliente vuole è compito dell'analista. Ovvio che il cliente dovrebbe avere bene in chiaro due cose: che risultati vuole ottenere e che, nel caso, deve cambiare alcune procedure interne per adattarsi al software. Il resto è tutta contrattazione fra le parti.
            I tempi delle aziende hanno fatto si che la mer*a
            diventasse uno standard de facto nel mondo
            dell'informatica.
            Le anziende hanno fatto si che si smettesse di
            ottimizzare il software, con la scusa che i costi
            dell'hardware fossero diventati
            ridicoli.e hanno avuto ragione. Il problema di molti informatici è che si tirano seghe mentali cercando l'ottimo sempre e comunque invece di cercare una soluzione buona che vada bene per la maggior parte dei casi.
            Non si tratta di avere l'implementazione più
            cool. Si tratta di scrivere software di qualità.
            E la qualità non può essere dettata da
            tempi.
            Se l'azienda ha costi troppo elevati per fare un
            buon lavoro, che apra un progetto comunitario
            open source e abbatta i costi di
            sviluppo.
            questa è una grandissima castroneria. Sono d'accordo con il codice spaghetti e compagnia cantante, molti fuffisti volevano vendere il prima possibile e i tempi di sviluppo sono stati portati a zero. Di contro non è detto che pubblicando un software, soprattutto se settoriale su SF nasca una community di supporto. Bisogna capire che il software è come un qualsiasi altro prodotto industriale: per produrlo serve il giusto tempo ed è frutto di compromessi fra: tempo di sviluppo, esigenze del cliente ed esigenze del venditore.
            La qualità in termini di guadagno...
            Non in termini di qualità del codice.è inutile un messi in squadra se gli altri 10 sono giocatori di serie D.
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            Bisogna capire che il software è come un
            qualsiasi altro prodotto industriale: Il software NON e' come un qualsiasi prodotto industriale.Se io compro una Panda, la smonto e rivendo i singoli pezzi, nessuno mi impedisce di farlo.Se io compro un software, lo smonto e rivendo i singoli pezzi, infrango leggi di mezzo mondo.Inoltre i prodotti industrali, tutti, prima di essere commercializzati, devono sottostare a verifiche per ricevere il certificato di qualita'.
            per
            produrlo serve il giusto tempo ed è frutto di
            compromessi fra: tempo di sviluppo, esigenze del
            cliente ed esigenze del
            venditore.Per questo il mondo dell'informatica e' pieno di XXXXXte.Il software richiede il tempo che ci vuole, non il frutto di compromessi.Anche perche' stiamo parlando di prototipo.Poi dal prototipo puoi passare alla produzione con zero tempo di copia e zero costo di materiale.Vorrai lasciare il giusto tempo a chi produce il prototipo?

            La qualità in termini di guadagno...

            Non in termini di qualità del codice.

            è inutile un messi in squadra se gli altri 10
            sono giocatori di serie
            D.Metti Messi in una squadretta di oratorio: gli passi la palla in qualche modo e lui entra tranquillamente in porta.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            Se io compro una Panda, la smonto e rivendo i
            singoli pezzi, nessuno mi impedisce di
            farlo.

            Se io compro un software, lo smonto e rivendo i
            singoli pezzi, infrango leggi di mezzo
            mondo.
            prova a fare un reverse engineering di una panda e rivenderne il progetto, e poi mi dici.
            Inoltre i prodotti industrali, tutti, prima di
            essere commercializzati, devono sottostare a
            verifiche per ricevere il certificato di
            qualita'.
            pensi che il software serio, non quello fatto dalla peraccottari srl non venga verificato e controllato ?
            Il software richiede il tempo che ci vuole, non
            il frutto di
            compromessi.ha parlato il guru dello sviluppo software. Mi spieghi allora, tanto per fare un esempio, come mai certe funzionalità vengono demandate ad una versione successiva del kernel linux ? se non ci devono essere compromessi perché non rilasciare da subito un kernel con tutte le funzionalità invece di fare una mappa per il rilascio delle varia aggiunte ?
            Anche perche' stiamo parlando di prototipo.
            Poi dal prototipo puoi passare alla produzione
            con zero tempo di copia e zero costo di
            materiale.
            e allora stai parlando di prodotto e non di prototipo.
            Vorrai lasciare il giusto tempo a chi produce il
            prototipo?
            il giusto tempo, non tutto il tempo del mondo.
            Metti Messi in una squadretta di oratorio: gli
            passi la palla in qualche modo e lui entra
            tranquillamente in
            porta.certo, però per ogni gol fatto da messi la sua squadra ne piglia minimo cinque.
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas

            Se io compro una Panda, la smonto e rivendo i

            singoli pezzi, nessuno mi impedisce di

            farlo.



            Se io compro un software, lo smonto e
            rivendo
            i

            singoli pezzi, infrango leggi di mezzo

            mondo.


            prova a fare un reverse engineering di una panda
            e rivenderne il progetto, e poi mi
            dici.Se qualcuno me lo commissionasse, potrei anche farlo.Secondo me pero' il progetto della panda non ha alcun mercato.A differenza del codice di software fuori produzione.

            Inoltre i prodotti industrali, tutti, prima
            di

            essere commercializzati, devono sottostare a

            verifiche per ricevere il certificato di

            qualita'.


            pensi che il software serio, non quello fatto
            dalla peraccottari srl non venga verificato e
            controllato ?Windows rientra nella categoria "software serio" per caso?

            Il software richiede il tempo che ci vuole,
            non

            il frutto di

            compromessi.

            ha parlato il guru dello sviluppo software. Mi
            spieghi allora, tanto per fare un esempio, come
            mai certe funzionalità vengono demandate ad una
            versione successiva del kernel linux ?Perche' non fanno parte del progetto della versione attualmente in sviluppo, che si pone di realizzare altri obiettivi.
            se non ci
            devono essere compromessi perché non rilasciare
            da subito un kernel con tutte le funzionalità
            invece di fare una mappa per il rilascio delle
            varia aggiunte ?Perche' alcune funzionalita' vengono in mente dopo. Magari sono di supporto a qualche hardware che prima non c'era...La prima versione di linux mica gestiva le webcam, tanto per dirne una.Man mano che subentrano esigenze, vengono inserite nella TO DO LIST, e poi, in base a determinati criteri, si stabilisce che cosa mettere nella versione in sviluppo e che cosa in quella successiva.Ma e' una cosa diversa dall' "uscire entro il..." come succede per il software commerciale.

            Anche perche' stiamo parlando di prototipo.

            Poi dal prototipo puoi passare alla
            produzione

            con zero tempo di copia e zero costo di

            materiale.


            e allora stai parlando di prodotto e non di
            prototipo.Il prototipo di un prodotto informatico richiede il tempo che richiede.La produzione richiede zero tempo e zero risorse.Per questo motivo non puoi paragonare il software ad un qualsiasi prodotto industriale.

            Vorrai lasciare il giusto tempo a chi
            produce
            il

            prototipo?



            il giusto tempo, non tutto il tempo del mondo.Ma che fretta hai?

            Metti Messi in una squadretta di oratorio:
            gli

            passi la palla in qualche modo e lui entra

            tranquillamente in

            porta.

            certo, però per ogni gol fatto da messi la sua
            squadra ne piglia minimo
            cinque.Questo e' tutto da dimostrare.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.


            Windows rientra nella categoria "software serio"
            per
            caso?
            informatica != windows
            Perche' non fanno parte del progetto della
            versione attualmente in sviluppo, che si pone di
            realizzare altri
            obiettivi.
            spiderman, spiderman...

            se non ci

            devono essere compromessi perché non
            rilasciare

            da subito un kernel con tutte le funzionalità

            invece di fare una mappa per il rilascio
            delle

            varia aggiunte ?

            Perche' alcune funzionalita' vengono in mente
            dopo. Magari sono di supporto a qualche hardware
            che prima non
            c'era...
            parliamo di ext3, annunciato nel 1998 e inserito nel kernel nel 2001.
            Ma e' una cosa diversa dall' "uscire entro il..."
            come succede per il software
            commerciale.
            a me sembra tanto la stessa cosa. Si scelgono le funzionalità prioritarie e quelle da procrastinare.
            Il prototipo di un prodotto informatico richiede
            il tempo che
            richiede.
            La produzione richiede zero tempo e zero risorse.
            Per questo motivo non puoi paragonare il software
            ad un qualsiasi prodotto
            industriale.
            tratto da: l'ingegneria del software di Topolino, Walt Disney Edizioni
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            parliamo di ext3, annunciato nel 1998 e inserito
            nel kernel nel
            2001.Quindi? È stato inserito quando ha avuto una implementazione tale da poter essere messo in "commercio".
            a me sembra tanto la stessa cosa. Si scelgono le
            funzionalità prioritarie e quelle da
            procrastinare.Ed è giusto che sia così.Prima si sviluppa ciò che serve realmente, poi si pensa al resto.Le release esistono per questo.
            tratto da: l'ingegneria del software di Topolino,
            Walt Disney
            EdizioniPer me il software è come un'opera d'arte: ha bisogno dei suoi tempi e di "mani" sapienti. Chiunque imponga paletti non fa altro che minare all'opera d'arte stessa.Difatti, da quando si è sviluppata la mentalità "minor costo/maggior guadagno" la qualità del software è scesa in maniera incredibile.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.


            tratto da: l'ingegneria del software di
            Topolino,

            Walt Disney

            Edizioni
            Per me il software è come un'opera d'arte: ha
            bisogno dei suoi tempi e di "mani" sapienti.
            Chiunque imponga paletti non fa altro che minare
            all'opera d'arte
            stessa.
            Difatti, da quando si è sviluppata la mentalità
            "minor costo/maggior guadagno" la qualità del
            software è scesa in maniera
            incredibile.guarda per strada, quante utilitarie vedi ? quante ferrari ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            paragoni un bene immateriale, con uno fisico ?Poi che vuol dire ? Un utilitaria deve essere scassata e piena di difetti ?
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Sgabbio
            paragoni un bene immateriale, con uno fisico ?

            Poi che vuol dire ? Un utilitaria deve essere
            scassata e piena di difetti
            ?l'utilitaria è bene o male una produzione industriale che dovrebbe andare bene quasi per tutti, la ferrari è una produzione semiartigianale di lusso, che ovviamente costa molto di più rispetto all'utilitaria.
          • utonto scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            parliamo di ext3, annunciato nel 1998 e inserito
            nel kernel nel 2001.Parliamo anche di WinFS ( http://en.wikipedia.org/wiki/WinFS ) annunciato nel 2003 e mai introdotto in Windows! (rotfl)
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            pensi che il software serio, non quello fatto
            dalla peraccottari srl non venga verificato e
            controllato
            ?Considerando la qualità del software commericiale attuale, direi di NO.E se le controllano, lo fanno con i testa i tintinnii delle monetine.
            Mi
            spieghi allora, tanto per fare un esempio, come
            mai certe funzionalità vengono demandate ad una
            versione successiva del kernel linux ? se non ci
            devono essere compromessi perché non rilasciare
            da subito un kernel con tutte le funzionalità
            invece di fare una mappa per il rilascio delle
            varia aggiunte
            ?Per ridurre il numero di bug causati da implementazioni incomplete..chiamasi proXXXXX iterativo.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Apprezzo la tua concretezza..Il software é un prodotto con un ciclo di vita bene definito.In cui si deve avere un l'output in un tempo ben preciso.Ci sono scelte architetturali da fare per aver il giusto compromesso scalabilitá giorni/uomo.
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: shevathas
            Ni, il cercare di capire cosa realmente il
            cliente vuole è compito dell'analista. Ovvio che
            il cliente dovrebbe avere bene in chiaro due
            cose: che risultati vuole ottenere e che, nel
            caso, deve cambiare alcune procedure interne per
            adattarsi al software.È ovvio che se un cliente mi chiede un software che faccia A+B, io non gli posso portare un software che fa A-B.Ma non è ovvio che uno sviluppatore si basi solo sul requirement dimenticando la qualità dell'implementazione.Perchè una implementazione non di qualità inficia la solidità del software e rischia di diventare un pericolo per il soddisfacimento del requirement stesso.
            e hanno avuto ragione.Ma anche no, visto che questa politica ha portato ad uno spreco di hardware e materiali senza precedenti. Macchine perfettamente funzionanti sono state dismesse perchè i software più blasonati sono XXXXXte di codice sritte da programmatori con contratti a progetto.Un software non ottimizzato NON è un buon software. Un software non ottimizzato non è un buon software. Dal punto di vista ingegneristico un software di questo tipo fa schifo ed è da buttare nell'immondizia.Nel mondo capitalistico, invece, lo si spaccia per il meglio e lo si vende. Ovviamente chi ci perde sono i consumatori, che si abitueranno ad usare spazzatura.
            Il problema di molti
            informatici è che si tirano seghe mentali
            cercando l'ottimo sempre e comunque invece di
            cercare una soluzione buona che vada bene per la
            maggior parte dei
            casi."lostacolo più grande non è la mancanza di potenza delle macchine, ma la nostra poca abilità nello scrivere programmi che possano trarre pieno vantaggio da quello che abbiamo." - John McCarthy
            Di contro non è detto che
            pubblicando un software, soprattutto se
            settoriale su SF nasca una community di supporto.Dipende tutto da come gestisci e quante garanzie dai.Un progetto sotto licenza BSD o simili, di sicuro non attira nessuno, visto che le garanzie sono scarse.Un software sotto GNU GPL avrà molta più possibilità di emergere.
            Bisogna capire che il software è come un
            qualsiasi altro prodotto industriale:Questa è un'idea che è stata inculcata da chi ha lucrato (e continua a farlo) in maniera scellerata sull'IT senza pensare alla qualità.
            per
            produrlo serve il giusto tempo ed è frutto di
            compromessi fra: tempo di sviluppo, esigenze del
            cliente ed esigenze del
            venditore.La qualità non è fatta di compromessi.I prodotti scadenti lo sono. Quindi, chiunque parla di compromessi, si ricordi di farlo riferendosi a prodotti scadenti.Anche perchè, di software di qualità nati attraverso compromessi, non ne ho mai visti.
            è inutile un messi in squadra se gli altri 10
            sono giocatori di serie
            D.Questa, però, è la situazione attuale.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ma cosa vuol dire.. il software ho un ciclo di vita molto ben definito.Devono essere rispettati dei tempi..come un qualsiasi prodotto industriale.. Se compri una moto ducati per esempio é fatta bene anche nei dettagli ma é frutto di un proXXXXX produttivo bene definito.Perché mai un azienda dovrebbe pagare un architetto..che non sá rispettare tempi che si mette a perdere tempo.. a filosofeggiare su teorie del software.Il software é un prodotto MOLTO concreto che aiuta normalmente ad accelerare altri processi produttivi.La qualitá la danno gli sviluppatori..se non sanno lavorare..uscirá un prodotto scadente, se l'architetto non controlla che il tutto venga scritto secondo best practice.. il prodotto sará scadente..se non si fanno test il proddot probabilmente sará scadente.. tutto qui.. CICLO DI VITA DEL SOFTWARE

            Bisogna capire che il software è come un

            qualsiasi altro prodotto industriale:
            Questa è un'idea che è stata inculcata da chi ha
            lucrato (e continua a farlo) in maniera
            scellerata sull'IT senza pensare alla
            qualità.
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Ma cosa vuol dire..Non lo so cosa vuol dire.Lo saprei se tu quotassi le parti da contestare, al posto di scrivere una risposta mettendo un quote dubbio alla fine, che vuol dire tutto e niente.
            il software ho un ciclo di
            vita molto ben
            definito.
            Devono essere rispettati dei tempi..Quali tempi? Quelli che hai stabilito con il committente che non ha la minima idea di quanto un software complesso necessiti di un tempo adeguato di sviluppo per essere di qualità?
            Se
            compri una moto ducati per esempio é fatta bene
            anche nei dettagli ma é frutto di un proXXXXX
            produttivo bene
            definito.Peccato che dietro c'è un lavoro con i controcaz*i, fatto da ingegneri presi grazie a competenze serie che lavorano a tempo pieno e che sanno che per un prodotto fatto bene ci vuole un lasso di tempo ragionevole.Così non è nell'informatica fuffa attuale, dove si pretende di assumere pseudosviluppatori dalle dubbie capacità che scrivono software penosi, pur di rientrare in tempi brevi per guadagnare.
            Perché mai un azienda dovrebbe pagare un
            architetto..che non sá rispettare tempi che
            si mette a perdere tempo.. a filosofeggiare su
            teorie del
            software.Perchè quell'architetto che filosofeggia ti tira fuori un prdotto di qualità e valido nel tempo, mentre quell'incapace che hai pagato la metà ti crea un accrocchio di codice che diventerà ingestibile nel giro di un mese a causa della scarsa capacità di ottimizzare.
            Il software é un prodotto MOLTO concreto che
            aiuta normalmente ad accelerare altri processi
            produttivi.Il software scadente non aiuta, anzi è un pericolo.
            La qualitá la danno gli sviluppatori..se non
            sanno lavorare..uscirá un prodotto scadente,Quando si scende a compromessi non esce MAI un buon prodotto. Esce sempre roba scadente.
            se l'architetto non controlla che il tutto venga
            scritto secondo best practice..Ma quale best practice? ma ti rendi conto di quello che dici?Ma secondo te un architetto in un mese ti fa un progetto che richiede un anno? Con la stessa qualità? A minor costo?Ma vivi sulla terra o vivi ancora nei paradisi universitari fatti di teorie sull'ingegneria del software campate in aria e prive di fondamento reale? Nella realtà l'imperativo è: come spendi, mangi.Se un prodotto richiede un anno, non lo puoi fare in un mese, a meno che non rinunci alla qualità.
            il prodotto
            sará scadente..se non si fanno test il
            proddot probabilmente sará scadente.. tutto
            qui.. CICLO DI VITA DEL
            SOFTWAREIl prodotto è scadente se non si rispettano tempistiche NATURALI di lavoro.Un lavoro fatto in mezza giornata, nel 99% dei casi, sarà di qualità inferiore ad un lavoro fatto in due giorni.Se poi, per te, va bene così, è un conto. Ma non venite a parlare di qualità, perchè questo modo di ragionare è tutto fuorchè pro-qualità.
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ti auguro di trovare un'azienda che capisca il tuo punto di vista.Che ti dia carta bianca sul tempo.Un nutrito gruppo di sviluppatori stra-competenti.Un altrettanto gruppo di testerAnalisti ben competenti sul dominio...... e sopratutto un CLIENTE...che capisce la tua intima esigenza di perfezione ed eccellenza e che quindi ti metta a disposizione un budget illimitato.. Perché per te la qualutá si ottiene solo con tempo, ultra competenze, e cosi via... auguri..
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            È ovvio che se un cliente mi chiede un
            software che faccia A+B, io non gli posso portare
            un software che fa
            A-B.
            Ma non è ovvio che uno sviluppatore si basi solo
            sul requirement dimenticando la qualità
            dell'implementazione.l'implementazione deve essere il più possibile di qualità, codice scritto a pera e/o codice spaghetti è non è possibile mantenerlo e/o espanderlo.Questo è pacifico. Ma lo sviluppo di un software va oltre i meri virtuosismi stilistici del codice.
            Ma anche no, visto che questa politica ha portato
            ad uno spreco di hardware e materiali senza
            precedenti. Macchine perfettamente funzionanti
            sono state dismesse perchè i software più
            blasonati sono XXXXXte di codice sritte da
            programmatori con contratti a
            progetto.guarda per esperienza posso dirti che, in ambito ufficio, preferirei cambiare le macchine ogni 3/5 anni. Per problemi di usura e di hw stressato. Una macchina vecchia ha molte più probabilità di malfunzionamenti hw di macchine nuove. E' questo e non le finestrelle trasparenti quello che spinge a cambiare le macchine da ufficio frequentemente. Le vecchie conviene degradarle a compiti non strategici.
            Un software non ottimizzato NON è un buon
            software. Un software non ottimizzato non è un
            buon software. Dal punto di vista ingegneristico
            un software di questo tipo fa schifo ed è da
            buttare
            nell'immondizia.dipende da quanto ti costa l'ottimizzazione e quanto impatta sui clienti. Per un software per la simulazione numerica ha senso ottimizzare gli algoritmi di calcolo per sfruttare al massimo il proXXXXXre, per un software da ufficio ha senso investire un sacco per guadagnare 0.3 secondi per l'avvio della stampa, quando quel tempo viene ammazzato dai tempi morti dell'hw e dell'utente ?Detto in altri termini: se devi gestirti grosse basi di dati ha senso normalizzare ed ottimizzare tabelle e query, se devi gestire una lista di invitati ad un pranzo, un foglio di calcolo funziona da dio.
            Nel mondo capitalistico, invece, lo si spaccia
            per il meglio e lo si vende. Ovviamente chi ci
            perde sono i consumatori, che si abitueranno ad
            usare
            spazzatura.
            un piatto di minestra subito sfama più di tutti i menù dei più grandi ristoranti del mondo.
            Dipende tutto da come gestisci e quante garanzie
            dai.
            Un progetto sotto licenza BSD o simili, di sicuro
            non attira nessuno, visto che le garanzie sono
            scarse.
            Un software sotto GNU GPL avrà molta più
            possibilità di
            emergere.
            dipende anche dal tipo di software. Ci son software settoriali, ad esempio dedicati alla logistica, che agli utenti casalinghi e soho interessano poco e attirano poco interesse. Chi si metterebbe a studiare ed implementare gli algoritmi per il calcolo dei percorsi di consegna ottimali e la gestione logistica di grossi quantitativi di merci ? o le reti di trasporto pubblico locale ? Non sono software facili e per metterci le mani sopra bisogna avere almeno una infarinatura della materia.
            La qualità non è fatta di compromessi.
            I prodotti scadenti lo sono. Quindi, chiunque
            parla di compromessi, si ricordi di farlo
            riferendosi a prodotti
            scadenti.è fatta di compromessi.
            Anche perchè, di software di qualità nati
            attraverso compromessi, non ne ho mai
            visti.
            Io ne vedo tutti i giorni. Ogni software è figlio di un compromesso. Perch*, tanto per fare un esempio, gimp non è stato integrato in LO.org ? forse perché l'avere un programma di grafica integrato era in secondo piano rispetto ad esempio al miglioramento del motore di correzione ortografica ? Quando sviluppi un software fai scelte, scegli cosa sviluppare per primo e cosa dopo, scegli quali sono le funzionalità importanti (es: stampa unione - anteprima di stampa) e quelle secondarie (sillabazione, libreria per macro). E spesso capita che certe ottimizzazioni facciano a pugni fra di loro, prendi come esempio le basi di dati. Se vuoi ricerche veloci devi far indicizzare il più possibile le tabelle ma di contro più indici inserisci maggiore diventa lo spazio occupato dalla base dati. Basta questo esempio per capire come mai in ogni software ci siano sempre dei compromessi.
          • shevathas scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.

            Purtroppo (è questo ciò che voglio dire) oggi si
            preferisce scrivere software di dubbia qualità e
            mantenrlo con sputo e
            spaghetti.e su questo siamo d'accordo
            E questa è foraggiato anche dal concetto di
            closed source, laddove nesuno può sapere qali
            orrori nasconde il software, visto che il
            sorgente è
            inaccessibile.
            se per quello ho visto XXXXXte immonde anche in software OS scritto in PHP, si trattava di moduli "personalizzati" che si appoggiavano ad un CMS.
            Un PC della segretaria, dovrebbe poter rimanere
            il più possibile, visto che non fa niente di
            quello che ho scritto
            sopra.
            dipende da quanto è essenziale che la segretaria possa lavorare velocemente. Generalmente è meglio prevenire i fermi macchina dovuti, ad esempio, a rotture del disco fisso.
            Ti faccio un esempio nel mondo open:
            Trascino un file con Doplhin e questo crasha.
            Possibile che prima di rilasciare un software,
            nessuno si sia preso la briga di
            controllare?
            i test sul software sono abbastanza rognosi. A meno che non si tratti di software molto semplici non puoi verificare approfonditamente tutti i vari casi d'uso, generalmente ti concentri sui principali. Poi la cappellata può sempre scappare.
            Chiunque avrebbe la possibilità di metterlo in un
            curriculum per poter essere assunto da una
            azienda.
            ha senso per un programmatore specializzarsi in algoritmi per la logistica o farmacologia ? forse il primo caso ma non il secondo. Per quei software occorre un, serio, gruppo di sviluppo formato da esperti della materia, analisti e programmatori.
            Altrimenti, avremmo sviluppatori che sanno
            qualsiasi cosa (dalla costruzione dei palazzi,
            alla composizione del
            terreno).
            quelli della flop.com lo sono ;)
            funzionalità reali di un software e poi a quelle
            aggiuntive. Il punto è: sviluppare bene
            funzionalità, ti farà perdere tempo oggi, ma te
            ne farà guadagnare
            domani.su questo siamo d'accordo.
            Sviluppare un prodotto di qualità è sinonimo di
            professionalità.
            E purtroppo quest'ultima, nell'IT di oggi, si
            fatica a
            trovare.sta risaltando fuori, oggi c'è maggiore consapevolezza e meno moda.
          • AMEN scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Darwin
            Se l'azienda ha costi troppo elevati per fare un
            buon lavoro, che apra un progetto comunitario
            open source e abbatta i costi di
            sviluppo. E poi si mette ad aspettare 5/10 anni che il progetto interessi qualcuno e che questo qualcuno si metta all'opera :-P
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Come ho già detto, tutto dipende da quante garanzie dai alla community.Di certo, non puoi alzarti la mattina e dire: signori, voi scrivete il codice che poi io me lo prendo (licenza BSD e compagnia).Se aziende come IBM, HP hanno smesso di sviluppare soluzioni proprie e preferiscono proiettare i loro investimenti in progetti aperti, forse c'è un motivo....
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: AMEN
            - Scritto da: Darwin


            Se l'azienda ha costi troppo elevati per
            fare
            un

            buon lavoro, che apra un progetto comunitario

            open source e abbatta i costi di

            sviluppo.

            E poi si mette ad aspettare 5/10 anni che il
            progetto interessi qualcuno e che questo qualcuno
            si metta all'opera
            :-PHai fretta?Paga!
          • Davide scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Aggiungo un ultima cosa..La passione.. non é necessaria solo per scrivere codice.. E' ovvio che ogni lavoro se viene fatto con passione da uno che ama il proprio lavoro é molto probabile che sia un lavoro fatto bene.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Aggiungo un ultima cosa..
            La passione.. non é necessaria solo per scrivere
            codice..

            E' ovvio che ogni lavoro se viene fatto con
            passione da uno che ama il proprio lavoro é molto
            probabile che sia un lavoro fatto
            bene.Quindi confermi quello che tutti qui ti stanno dicendo e che TU SOLO non capisci? Nelle aziende vedo spesso gente svogliata e scoglionata che si sbatte il minimo indispensabile per guadagnarsi l'immeritato stipendio. Non metto in dubbio che all'estero ci siano aziende con un diverso approccio, però guardando la (non) qualità di molti software closed (tipo MS) si capisce che questa è un'utopia che si infrange contro il DIO DENARO!
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Aggiungo un ultima cosa..
            La passione.. non é necessaria solo per scrivere
            codice..E dopo questa affermazione sei scaduto ben sotto il livello di Fiber!Renditi conto che in questo thread sei l'unico frustrato insoddisfatto che non ha capito niente dell'informatica.Qui facciamo informatica perche' ci piace.Se a te non piace, puoi anche tornare a zappare!
          • Spessore scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: Davide
            Aggiungo un ultima cosa..
            La passione.. non é necessaria solo per scrivere
            codice..
            E' ovvio che ogni lavoro se viene fatto con
            passione da uno che ama il proprio lavoro é molto
            probabile che sia un lavoro fatto
            bene.Infatti guarda le interviste che hanno fatto a mamme/mogli/fidanzate dei maro' del battaglione san marco che hanno sparato in india: "non farebbero male a una mosca", "per loro e' solo un lavoro".
      • . . . scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        Io sono di quelli come dici tu, assoldati.Un mercenario del codice ? Si. lo faccio per campare e mi piace e sono appassionato.Altrimenti questo lavoro non lo fai." rilasciare nel piu breve tempo possibile..perché ogni giornata é un costo per l'azienda, ovviamente mantendo standard di qualitá accettabili.. "Ecco... e qui inizio a ridere... ridere... ridere... (per non piangere) e non sto a spiegarti perché altrimenti dovrei fare un post lungo 23 anni e non tutto questo tempo.Quello che ti posso dire con certezza è che il software buono e cattivo lo trovi sia nel close che nell'open. Fidati.Queste ricerche, alla fine, non hanno questo gran significato.Ciao
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
      - Scritto da: panda rossa
      Mi congratulo per questa fondamentale scoperta
      che rivoluzionera' non solo l'informatica ma
      anche la vita di tutti i giorni: l'acqua
      calda!

      Ci voleva lo studio di Coverity per stabilire che
      qualunque software pubblicato assieme ai
      sorgenti, sviluppato con calma, e per il piacere
      di farlo, solamente da veri appassionati, sia
      migliore di qualunque roba scritta da gente
      assoldata per farlo, magari neanche tanto capace,
      che magari neppure gli piace programmare, e che
      deve consegnare entro
      ieri.hanno scoperto oggi che gli stipendi in Italia sono più bassi che in Europa...L'articolo è condivisibile, anche se per certi software open sono ancora indietro, forse per "scarsa comunità".Vitale, per un open source di sucXXXXX, resta però il closed che sgancia i soldi. Aspetto auspicabile, tra l'altro.
      • il padulo vola basso... scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        - Scritto da: mcmcmcmcmc
        Vitale, per un open source di sucXXXXX, resta
        però il closed che sgancia i soldi.ERRORE! I soldi del closed non servono a nessuno. Nel mondo dell'open i soldi si fanno già vendendo le proprie competente nell'utilizzo di tali software.
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          - Scritto da: il padulo vola basso...
          - Scritto da: mcmcmcmcmc


          Vitale, per un open source di sucXXXXX, resta

          però il closed che sgancia i soldi.
          ERRORE! I soldi del closed non servono a nessuno.
          Nel mondo dell'open i soldi si fanno già vendendo
          le proprie competente nell'utilizzo di tali
          software.ma tu stai parlando dei soldi di chi sviluppa. Non credo c'entri molto con quel che ho scritto io. Io ho fatto riferimento al fatto che i prodotti open source di sucXXXXX (Mozilla, Eclipse, ... metticene tu altri) sono finanziati da imprese private.
          • il padulo vola basso... scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ok, non avevo capito, quello che dici è corretto...
    • gnammolo scrive:
      Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
      è noto che chi lavora gratis lo fa meglio di chi viene pagato per farlo... ridicolo è dir poco (ps. per la cronaca lo sviluppo del software open è sostenuto finanziariamente da multinazionali)
      • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
        Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
        È noto che se tu un lavoro lo fai per diletto personale lo fai meglio di uno pagato ma di scarso appagamento.Pertanto di ridicolo qui c'è qualcosa, ma non quello che dici tu.PS: faccio notare che oltre l'88% dell'OS non riceve sovvenzioni da nessuno.
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          - Scritto da: HermanHesse Quello TOSTO!
          È noto che se tu un lavoro lo fai per
          diletto personale lo fai meglio di uno pagato ma
          di scarso
          appagamento.

          Pertanto di ridicolo qui c'è qualcosa, ma non
          quello che dici
          tu.

          PS: faccio notare che oltre l'88% dell'OS non
          riceve sovvenzioni da
          nessuno.il meglio è chi fa qualcosa per passione e ci guadagna con la sua passione. Se poi quel che fa è open, ancora meglio.Io sono a favore dell'OS, ma non ho statistiche come quelle che citi. A occhio l'OS di sucXXXXX riceve danaroni dal closed. Mi puoi passare le statistiche a cui fai riferimento?
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: HermanHesse Quello TOSTO!

            È noto che se tu un lavoro lo fai per

            diletto personale lo fai meglio di uno
            pagato
            ma

            di scarso

            appagamento.



            Pertanto di ridicolo qui c'è qualcosa, ma non

            quello che dici

            tu.



            PS: faccio notare che oltre l'88% dell'OS non

            riceve sovvenzioni da

            nessuno.

            il meglio è chi fa qualcosa per passione e ci
            guadagna con la sua passione. Se poi quel che fa
            è open, ancora
            meglio.Ovviamente... difficile essere pagato per un progetto del quale si può anche decidere ogni singola sfumatura...

            Io sono a favore dell'OS, ma non ho statistiche
            come quelle che citi. A occhio l'OS di sucXXXXX
            riceve danaroni dal closed. Mi puoi passare le
            statistiche a cui fai
            riferimento?Le stavo cercando... è una statistica che ho letto su hackernews un anno fa. Parlava anche dei paesi "emergenti" come Sud America e Asia e del loro rapporto con l'open source.
        • pippo75 scrive:
          Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
          - Scritto da: HermanHesse Quello TOSTO!
          È noto che se tu un lavoro lo fai per
          diletto personale lo fai meglio di uno pagato ma
          di scarso
          appagamento. lineare non ci piove, la qualità del codice dipende da diletto vs stipendio.Erravo io quando pensavo che dipendesse dalle capacità delle persone.
          • iRoby scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Si ma indirettamente.Opensource significa che più persone possono guardarlo, e delle tante che possono contribuire può capitare quello bravo che aiuta a sistemarlo.
          • gnammolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            ma ci arrivate a capirlo che è l'avere i sorgenti pubblici a rendere l'open source migliore e non il fatto che sia gratis? è così difficile?
          • iRoby scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Perché io che ho scritto?
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Esatto. Dipende dalla capacità delle persone.Per questo il software open è di qualità ben più alta rispetto al commerciale.Perchè quest'ultimo non ha interesse nella capacità delle persone, ma solo nel minor costo possibile. Una persona capace, costa troppo per una azienda.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 febbraio 2012 14.33-----------------------------------------------------------
          • gnammolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            ahahaha che massa di stupidaggini! Manco commento, tempo perso...
          • Darwin scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            Ottima dimostrazione di mancanza di argomenti...
          • gnammolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            lavora seriamente prima di postare boiate e cmq [img]http://www.kromeboy.net/wp-content/uploads/2008/08/dont-feed-troll.jpg[/img]
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            In effetti, qui il troll sei tu...
          • gnammolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            ma vi rendete conto dell'XXXXXXXXXtà di questa frase? <i
            Per questo il software open è di qualità ben più alta rispetto al commerciale.Perchè quest'ultimo non ha interesse nella capacità delle persone, ma solo nel minor costo possibile. Una persona capace, costa troppo per una azienda. </i
          • panda rossa scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: gnammolo
            ma vi rendete conto dell'XXXXXXXXXtà di questa
            frase?E' una frase autoreferenziale corretta sia dal punto di vista semantico che da quello logico.Quindi?
          • rappolo scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            zitto taccagnosauro
          • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            È la fo**u*a verità, per la maggior parte delle aziende.E non è questione della "pincopallo".Accenture, SAP & C ti dicono niente? Purtroppo funziona così, pace...
          • krane scrive:
            Re: Hanno scoperto l'acqua calda.
            - Scritto da: gnammolo
            ahahaha che massa di stupidaggini! Manco
            commento, tempo perso...Ben non e' che quando hai commentato non sia stato tempo perso eh...
Chiudi i commenti