Tutti contenti per l'e-government

L'ultima analisi del MIT afferma la soddisfazione degli italiani per i servizi online realizzati dalla pubblica amministrazione. Stanca racconta i dati


Roma – Il 62 per cento degli utenti internet italiani è soddisfatto dei servizi forniti via internet dalla pubblica amministrazione. A dirlo è l’ultima indagine Nielsen-NetRatings realizzata per conto dell’ Osservatorio società dell’Informazione voluto dal ministro all’Innovazione Lucio Stanca.

La ricerca indica che ad usare i servizi internet della PA è il 54 per cento degli utenti italiani , una percentuale superiore al 50 per cento di Regno Unito e Spagna e al 40 per cento della Germania. L’anagrafica di questi utenti indica che per la maggior parte si tratta di uomini (il 67 per cento), residenti nel Centro Sud (il 52per cento contro il 48 per cento del Nord Italia). La maggioranza degli utenti, inoltre, ha fra i 25 ed i 54 anni (il 74 per cento), mentre gli over 55 sono solo il 9 per cento.

Sui siti della PA si cercano soprattutto informazioni e moduli da scaricare per poterli poi inviare alle diverse amministrazioni.

“I più giovani – affermano al Dipartimento all’Innovazione – cominciano a sperimentare le prime forme di e-Democracy: quelli tra 14 ed i 17 anni usano il Web per esprimere le proprie opinioni, a cui sono interessati oltre il 25 per cento di essi”. Tra i 18 ed i 24 anni ed oltre i 55 anni si preferisce ancora la comunicazione ad una via: il 43 per cento in entrambi i casi naviga i siti della PA per scaricare moduli e solo l’8,4 per cento e il 2,3 per cento per manifestare il proprio punto di vista.

I soddisfatti si collocano in prevalenza nel Nord Est, mentre i più critici sono i giovani tra i 18 ed i 24 anni (il 20 per cento di essi è insoddisfatto), soprattutto per le difficoltà di collegamento, di reperimento delle informazioni o della loro genericità. Le persone con più di 55 anni, invece, lamentano la mancanza di numeri verdi cui rivolgersi.

La ricerca ha anche chiesto ai partecipanti di indicare i desiderata per la PA in rete. Ne è emerso che il 42 per cento vorrebbe il rilascio dei documenti personali, il 41 la ricerca di lavoro e i servizi sanitari. “Ma gli over 55 anni (22 per cento) – spiega il Dipartimento – vorrebbero pagare le imposte attraverso Internet; la ricerca di lavoro in rete vorrebbero poterla fare quelli tra i 18 e i 54 anni (il 45 per cento), soprattutto nel Centro Sud; i navigatori over 25 auspicano il rilascio di documenti personali, principalmente nel Nord Est e a Reggio Emilia”.
Nelle stesse aree chi ha più di 25 anni chiede di effettuare in rete il cambio di residenza, mentre sia i giovani tra i 14 ed i 17 anni come pure i loro genitori vorrebbero fare telematicamente l’iscrizione alla scuola media superiore. L’accesso on line ai servizi sanitari è chiesto dalla metà degli utenti sopra i 25 anni ed in prevalenza ancora nel Nord Est.

Di seguito la dichiarazione del ministro Stanca:
“Questa fotografia documenta non solo il recupero in atto nel nostro Paese sul fronte della modernizzazione della burocrazia pubblica, centrale e locale ma anche la qualità dei risultati del molto lavoro intrapreso dall’inizio della legislatura, con 134 cantieri digitali aperti su progetti decisi mediante una visione condivisa con le Autonomie locali e sostenuti da uno sforzo finanziario senza precedenti: oltre un miliardo di euro in tre anni. Il sondaggio è anche la testimonianza che questa scelta è ben percepita dai cittadini che, anzi, ci stimolano a seguire ulteriormente su questa strada”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Telecom e ALICEADSL
    C'e qualcuno che spiega come mai Telecomitalia al sito:WWW.ALICEADSL.FR viene offerta la connessione ADSL a 1Mb/s al prezzo di Euro 15,95 e al sito: WWW.ALICEADSL.ITla connesione a 640 kb/s al prezzo di Euro 35,95?Meditate gente
  • Anonimo scrive:
    Re: io l'ho avuta grazie, alla politica
    Come volevasi dimostrare ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma cosa possiamo fare?
    Cosa fare? Noi ci stiamo provando,ma ripeto,secondo me è una questine politica,boh...
  • Anonimo scrive:
    Re: sto ridendo
    Rispondendo così dimostri perfettamente per cosa usi Internet... Bravo,grazie comunque :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Cambiate operatore
    Fidati,non servirebbe a nulla,già provato :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Satellitare...
    Ti do pienamente ragione,mi capita la stessa cosa,ma basta guardare i prezzi del satellitare bidirezionale per piangerci sopra,quindi...il satellitare è storia brutta
  • Anonimo scrive:
    Per forza???
    Ma io mi chiedo: si parla di satellitare,wireless (o come si scrive!),ma non si potrebbe mettere un NORMALE ADSL???Ve la dico io una cosa:inizio LEGGERMENTE a pensare sia una questione "politica",chi ha orecchie per intendere,intenda!!! :@
  • Anonimo scrive:
    Re: pubblico o privato ?
    ma l'hdsl può raggiungere anche zone non coperte da ADSL? se così la telecom, per quanto sia privata da un servizio pubblico e se non lo fa correttamente è una "ladra" e noi che paghiamo le bollette siamo dei "fessi"....
  • Anonimo scrive:
    Re: Alice ADSL in Francia !
    non ci credo.... guardate un pohttp://sabonner.aol.fr/accueil/accueil.html
  • Anonimo scrive:
    ADSL.... Odissea che non finirà mai....!
    Salve gentilissima redazione di Punto-informatico, il problema della linea ADSL non è solo del comune di Roseto degli Abruzzi, ma sussiste anche in un grosso centro come Taranto da ben 250.000 abitanti e in via di sviluppo. Devo raccontarle la mia storia, che ha dell'assurdo.Ho aperto il contratto di Alice Flat con la nota compagnia telefonica Telecom più di due anni fa. Allora, appena instalato il modem usb, ho avuto i primi problemi... per circa 20 giono non sono riuscito a navigare in quanto il sistema diceva che non era possibile connettersi, eppure il segnale di linea c'era... insomma dopo una settimana di telefonate, in cui mi si diceva che ra un problema temporaneo della zona, i "grandi" tecnici della Telecom sono riusciti a trovare l'errore, che per ripristinarlo co son voluti 10 giorni circa... molto tempestivi.....! Dopo aver risolto il problema, ogni 4 mesi circa si presentavano una serie di problematiche, dove il sintomo era la continua caduta di linea e il mancato allineamento del modem... però devo dire che ad ogni mia segnalazione, nell'arco di 24/48 ore il problema veniva risolto. Tutto procedeva benone, fino agli inizi di luglio 2004, quando si presentava ancora il medesimo problema.... devo dire la telecom è intervenuta solo a fine agosto (27 agosto 2004) sostituendomi il modem.... Così il tecnico mi ha ssicurato che tutto sarebbe andato nel verso giusto.... In realtà non è così, anzi. come si dice siam caduti dalla padella nella brace, ora non solo ho continue disconnesioni, ma si presentanto una serie di problematiche dove il mio pc si blocca e nn risponde ai miei comandi, costringendomi a continui e ripetuti reset della macchina. Adesso aspettiamo che la telecom decida di intervenire in merito., in più quei 5 minuti di connessione che riesco ad ottenere, sembra di navigare con un semplice modem a 56 kbps.....!Cara redazione, come vede le problematiche non sono rivolte solo ai piccoli centri urbani, ma anche alle grandi città, anzi devo dire che il ns. amico abruzzese il canone non lo paga, al contrario, io il canone lo pago senza avere un servizio adeguato. A questo punto mi soffermo a pensare che, la tanto amata Italia, in realtà è il fanalino di coda dell'Europa, magari poi, emanano D.L. sulla pirateria o promettono sovvenzionamenti sull'uso del pc e di internet..... ma se non siamo neanche in grado di offrire un servizio adeguato alle più comuni esigenze degli utenti!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    ressegnazione dichi ha perso la speranza
    Ho passato gli ultimi anni a insistere, scrivere, lamentarmi, dire la mia in ogni forum in cui si parlava di copertura ADSL.Oggi, come un ergastolano condannato ingiustamente, ho perso la voglia di continuare a combattere.Hanno deciso che io non sono un uomo senza diritti relegato nel terzo mondo digitale.Non e' comunque accettabile in un paese dove le TLC non sono di fatto state liberalizzate che il governo, che controlla questo settore, non si preoccupi di dare banda al popolo emarginato e sperperi i soldi che potrebbero essere usati a questo fine in altre attivita alquando discutibili.
  • Anonimo scrive:
    ricattare telecom a volte si può
    telecom non è propietaria di tutti i locali dove ha le proprie centrali, spesso sono di proprietà dei comuni e telecom ha regolari contratti di affitto.questi contratti ovviamente hanno una scadenza ... se questa è a breve termine e se avete un sindaco che ha voglia di tenere duro vedrete che telecom cede (o aggiorna la centrale o fa i bagagli ... e non so cosa diventa più redditizio a questo punto).provare per credere
  • Anonimo scrive:
    Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
    - Scritto da: fancu
    Ciao

    Vi scrivo da un piccolo paesino di neanche
    500 abitanti
    che si affaccia sull'oceano Pacifico. Sulla
    maggioranza
    delle carte geografiche non si vede nemmeno.
    ..... maledetto!!! io sono in ufficio.:)
  • Anonimo scrive:
    Re: Anche noi...
    messaggio inserito da Utente non registrato del 31/08/04 (12:56) Abito nella Bassa Padovana...qualche comune ha l'ADSL, qualche frazione e/o comune immediatamente vicino no.Il mio comune per esempio conta 1500 abitanti circa: è vero sono pochi, con tanti anziani e con tante persone che non sanno nemmeno cos'è l'ADSL...Io ne avrei davvero bisogno, per lavoro...potrei lavorare da casa, ma con il mio 56k non riesco a tenere in piedi la VPN che arriva fino al mio ufficio a Milano...La cosa più scocciante, che sta facendo inkazzare tutti i miei concittadini interessati (di sicuro siamo una cinquantina circa), è che tutti gli operatori ci chiamano a casa in continuazione per offrirci l'ADSL, dicendo che è disponibile.Se vado in qualsiasi sito per testare la copertura, con il mio numero di casa, il servizio non è disponibile. L'operatore di turno che vuole portare a casa il contratto sostiene che nei suoi archivi siamo abilitati.L'inghippo nasce infatti dal prefisso telefonico: il prefisso del mio comune è lo stesso di altri comuni limitrofi, che contano circa 15.000 abitanti e l'ADSL c'è già da tre anni...ma questo non significa che la centralina è la stessa.La centralina del mio comune è davanti casa mia, e non è stata adattata per l'ADSL. Il comune più vicino con l'ADSL dista 8 km (sappiamo che una centralina distribuisce la banda ADSL decentemente fino a 5/6 km).Bene, scocciati, inkazzati e oramai presi per il cu*o, abbiamo accettato l'invio di un modem Telecom...tanto al telefono ti dicono "se lei non è abilitato, non le mandano il pacco".Arriva, installiamo, non funziona un cavolo.Chiamata alla Telecom che manda un tecnico.Intanto il tecnico ci cercava nel comune limitrofo (quello a 8 km con ADSL)...il che mi fa pensare che i database Telecom fanno davvero cagare come aggiornamento!!!Arriva, guarda il modem, le configurazioni, il computer...tenta una chiamata...effettivamente non va...cioè...viaggerebbe a 22k....ma se devo pagare un contratto ADSL per andare a 56k...tanto fessi non siamo!!Il trucco?? Siccome da loro risultava che noi fossimo residenti nel comune limitrofo, cercavano di attaccarsi nell'altra centralina, che in 8 km però esaurisce tutta la banda.Bene, modem restituito alla Telecom, con molti ringraziamenti per la perdita di tempo.E naturalmente, nessuno ha parlato di adeguare la nostra centralina.Anche noi non siamo redditizi...qualcuno ha detto di chiedere al Sindaco, se il coumen partecipa alla spesa con Telecom, magari questi si muovono...ma il Sindaco...i soldi li mette da un'altra parte...e poi essendo il Sindaco del nostro comune, lui bello abita nel comune limitrofo e l'ADSL ce l'ha già.**********************************************************************abiti nella bassa padovana? e dove precisamente?Io abito a Pontelongo e qui l'ADSL c'è e va benissimo.
  • Anonimo scrive:
    Re: sto ridendo
    Anch'io sto ridendo...Sto ridendo perchè la mancanza di ADSL nel mio comune (a soli 8 km da una centralina ADSL vicina) si riflette inevitabilmente nel mio lavoro. Non posso lavorare da casa, quando potrei, risparmiando sui costi di trasferta.Non che ci rimetto io, sai.E' questo il bello...il mio lavoro è comunque richiesto, se non lo faccio da casa, via ADSL, mi devo spostare. Le mie trasferte vanno direttamente in carico al cliente...considerando che faccio anche parecchi km e che molti clienti sono grosse banche, possiamo anche dire che il mio lavoro e quello dei miei colleghi, va direttamente a gravare sul conto corrente di qualche italiano.Più che giusto se questo sta in città, ha il suo bell'ADSL e lo usa per giocare a freccette online, scaricare divX o mp3 illegali.Che dirti? Non mi pento di abitare in una zona periferica.Anzi, adesso che ho letto il tuo filo-pensiero sono ancora più contenta di avere frutta e verdura gratis, sotto la mia finestra...cose che tu probabilmente paghi più care dell'ADSL.
  • Anonimo scrive:
    Re: 200 METRI??????
    da me succede una cosa simile;tutti i numeri che iniziano con 50 sono coperti.Quelli che iniziano per 52 no.stavo pensando di farmi cambiare numero.....
  • Anonimo scrive:
    Pratica attivazione ADSL respinta
    Subject: [OMISSIS] - Pratica attivazione ADSL respinta da Telecom ItaliaFrom: Infostrada@mail.wind.itTo: [OMISSIS]Date: XX/11/2003Nome: [OMISSIS]P.IVA/Codice Fiscale: [OMISSIS]Codice Cliente: [OMISSIS]Codice Contratto: [OMISSIS]Causale Rigetto Telecom Italia: 3 Linea utente attestata su impianto distribuzione ad alta frequenza (MD48,MPX,MS,Gentile Cliente,dobbiamo purtroppo informarla che non e' stato possibile attivare il servizio Libero ADSL da lei richiesto.La pratica di attivazione sulla sua linea telefonica del servizio ADSL, infatti, ha ricevuto un rifiuto da parte di Telecom Italia, indicato nel riquadro riepilogativo superiore, in fase di abilitazione tecnica a livello di centrale. Nella maggior parte dei casi, i rifiuti sono dovuti a semplici errori formali della richiesta di attivazione ed e' quindi possibile attivare il servizio correggendo i dati ed effettuando una nuova richiesta.... [OMISSIS] ...------------------------------La situazione permane a tuttoggi.Firmato: un ex-cliente Telecom che non dara' mai piu' un cent a questi scaldapoltrona!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pratica attivazione ADSL respinta
      Questo perche' quelli di Wind dicono che il cliente è coperto anche quando consultando il sito di alice risulta il contrario.Mi è capitato di chiedere al 155 se fossi coperto da adsl e mi hanno detto di si quando sul sito di alice risultavo non coperto.
      Gentile Cliente,

      dobbiamo purtroppo informarla che non e'
      stato possibile attivare il servizio Libero
      ADSL da lei richiesto.

      La pratica di attivazione sulla sua linea
      telefonica del servizio ADSL, infatti, ha
      ricevuto un rifiuto da parte di Telecom
      Italia, indicato nel riquadro riepilogativo
      superiore, in fase di abilitazione tecnica a
      livello di centrale. Nella maggior parte
      dei casi, i rifiuti sono dovuti a semplici
      errori formali della richiesta di
      attivazione ed e' quindi possibile attivare
      il servizio correggendo i dati ed
      effettuando una nuova richiesta.

      ... [OMISSIS] ...
      ------------------------------

      La situazione permane a tuttoggi.

      Firmato: un ex-cliente Telecom che non dara'
      mai piu' un cent a questi scaldapoltrona!
      • Anonimo scrive:
        Re: Pratica attivazione ADSL respinta
        E' successa anche a me la stessa cosa: Infostrada mi dava copertura, Telecom no.Infostrada mi ha persino mandato un venditore a farmi firmare un contratto adsl garantendomi che la copertura c'era eccome! e che era obbligatorio prendere il modem in comodato d'uso (questa è truffa, non era assolutamente vero).Morale della favola: dopo richiesta di intervento tecnico da parte di Telecom mi viene risposto che abito troppo lontano dalla centrale (1km è troppo????) e che l'adsl non poteva arrivare per problemi di attenuazione del segnale... A volte le bombe possono giovare.....
  • Anonimo scrive:
    NO ADSL ? ALICE SAT !
    Abito in toscana in una casa in piena campagna,OVVIAMENTE non porteranno MAI il servizio ADSL nella mia zona,oramai ci ho rinunciato.Mi sento proporre la sola opzione ALICE SAT,ma mi chiedo..io sarei anche disposto a fare tale abbonamento..ma perchè,visto che non ho altre possibilità,devo pagare COME un adsl normale,ed devo accollarmi pure le spese dial-up ?Dovrei fare un abbonamento FLAT SAT...sapendo che non potrò MAI utilizzarlo FLAT...mi costerebbe un occhio della testa.Sarebbe ideale se in abbinamento ad ALICE SAT vi fosse la doppia linea ISDN e la connessione al provider TIN compresa nell'abbonamento.Con questi termini sarebbe equiparabile all'adsl VERO.
    • Anonimo scrive:
      Re: NO ADSL ? ALICE SAT !
      Sono pienamente d'accordo con te.Sono disposto a pagare la stessa cifra di un abbonamento adsl per avere il surrogato sat adsl pero' tutto compreso anche di traffico telefonico altrimenti costa meno un cavo in fibra ottica piazzato sull'everest!!! :D:Dsaluti
  • Anonimo scrive:
    Il WIRELESS è la soluzione
    Scusate, ma se siete riusciti a coinvolgere l'amministrazione comunale perchè non ve lo risolvete da soli il problema?Qualcuno ne sa già qualcosa... Non sareste neppure voi i primi, alcuni esempi?http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=News&file=article&sid=662http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=News&file=article&sid=704http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=News&file=article&sid=489
  • Anonimo scrive:
    Possibile soluzione dove non c'e' l'ADSL
    La linea HDSL la portano ovunque, anche dove non arriva l'ADSL (esperienza aziendale personale)* quindi se ad esempio in una zona ci sono 10-15-20 persone interessate ad avere una connessione veloce potrebbe essere possibile fare un piccolo consorzio o semplicemente mettendosi daccordo per dividere il costo dell'hdsl per quanti utilizzatori ci sono.Ad esempio se in un condominio abbastanza grande ci sono piu' persone interessate si puo' mettere una linea hdsl e un router wireless (o passare i cavi di rete se possibile) e tutti gli interessati nel condominio potranno avere la propria connessione. Basterebbe una scrittura privata dove tutti si impegnano a pagare la loro parte e un tecnico, o una delle persone coinvolte che lo sappia fare, per la configurazione del router.Secondo me e' una soluzione abbordabile se ci sono le giuste condizioni e almeno una decina di utenti interessati, la spesa credo si potrebbe aggirare in totale sui 3000 euro annui per la linea 2 megabit piu' il router che si trova a circa 250 euro. Quindi circa 300 euro annui a persona se in 10 oppure 150 se in 20 ecc... che e' molto meno che l'adsl normale visto che io pago la mia connessione di casa 35 euro al mese.La stessa cosa si potrebbe fare, sempre wireless, anche in zone piu' ampie adottando antenne piu' potenti oppure ripetitori wireless, ad esempio collegare 2-3 o piu' condomini (o abitazioni, o uffici) essendo sulla stessa linea hdsl, ma poi non sarebbe piu' conveniente in quanto ci sarebbero troppe persone sulla stessa linea e sarebbe sempre lenta.* Aggiornamento: pare che recentemente (ma c'e' da verificare), per motivi di anti trust, non si possa piu' installare una linea HDSL dove non c'e' copertura ADSL, anche se tecnicamente questo e' possibile farlo in quanto conosco personalmente molti casi di allacciamenti HDSL aziendali in zone non coperte.NB: Questo messaggio e' un repost di un messaggio che inviai qualche mese fa sullo stesso tema.
  • Anonimo scrive:
    intanto in Francia..la telecom
    provate a leggere le offerte di telecom italia per l adsl in franciadownload a 2 mega..29 euro al mese
  • Anonimo scrive:
    Re: Anche noi...
    5 km per adsl?ahahahhaio non sono coperto epenso che non lo saro mai...beh...a 200 metri da casa mia in ENTRAMBE LE DIREZIONIsono coperti ed hanno adsl!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche noi...
      Ogni centralina ADSL copre un raggio di 5 km circa...Quindi quello che ti sta a 200 metri sarà nell'ultimo km disponibile, attaccato ad una centralina Telecom diversa dalla tua.Eh si che non mi sembrava un concetto tanto difficile.....
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio pubblico o privato? brace?
    - Scritto da: samu...
    Telecom Italia e' privata, ma la rete
    telefonica di cui e' dotata
    e' frutto del monopolio di cui godeva ai
    tempi in cui era pubblica.
    Lo stato risolve il problema della
    connettivita' con l'incentivo statale, un
    modo perverso per far pagare a tutti un
    pizzo ai vari provider, mascherandolo come
    uno sconto .

    E' ora che lo stato (gasparri si era gia'
    mosso in tale direzione) dia un ultimatum a
    TI; o copre tutta italia entro fine 2005 e,
    nelle zone in cui non vi e' riuscita regala
    HDSL, oppure vi sara' un esproprio delle
    linee telefoniche/dati da parte dello stato
    per cause di forza maggiore.Invece di minacciare improbabili espropri proletari perchè non ti batti perchè 100 milioni di euro che il ministro Gasparri vuole stanziare per il digitale terrestre vengano assegnati a chi è pronto a cablare le zone non coperte?Basta un censimento dei numeri non coperti, è un incentivo di diciamo 1000 euro a fondo perduto per l'operatore che collega un cliente oggi non raggiungibile da ADSL. Fanno 100,000 nuovi clienti nelle zone non raggiunte -e per collegarne uno si deve fare infrastruttura per tanti.Poi se si abolisse l'assurda restrizione all'ultimo miglio wireless sarebbe ancora più conveniente.Potrebbe nascere qualche operatore specializzato nel collegare i luoghi remoti.Ma è chiaro che internet è pericolosa, qualche spicciolo bisogna darlo per tenersi buoni gli utenti, ma la televisione è meglio. Niente pericolosi "deviati" che trasmettono quello che vogliono.
  • Anonimo scrive:
    Anche noi...
    Abito nella Bassa Padovana...qualche comune ha l'ADSL, qualche frazione e/o comune immediatamente vicino no.Il mio comune per esempio conta 1500 abitanti circa: è vero sono pochi, con tanti anziani e con tante persone che non sanno nemmeno cos'è l'ADSL...Io ne avrei davvero bisogno, per lavoro...potrei lavorare da casa, ma con il mio 56k non riesco a tenere in piedi la VPN che arriva fino al mio ufficio a Milano...La cosa più scocciante, che sta facendo inkazzare tutti i miei concittadini interessati (di sicuro siamo una cinquantina circa), è che tutti gli operatori ci chiamano a casa in continuazione per offrirci l'ADSL, dicendo che è disponibile.Se vado in qualsiasi sito per testare la copertura, con il mio numero di casa, il servizio non è disponibile. L'operatore di turno che vuole portare a casa il contratto sostiene che nei suoi archivi siamo abilitati.L'inghippo nasce infatti dal prefisso telefonico: il prefisso del mio comune è lo stesso di altri comuni limitrofi, che contano circa 15.000 abitanti e l'ADSL c'è già da tre anni...ma questo non significa che la centralina è la stessa.La centralina del mio comune è davanti casa mia, e non è stata adattata per l'ADSL. Il comune più vicino con l'ADSL dista 8 km (sappiamo che una centralina distribuisce la banda ADSL decentemente fino a 5/6 km).Bene, scocciati, inkazzati e oramai presi per il cu*o, abbiamo accettato l'invio di un modem Telecom...tanto al telefono ti dicono "se lei non è abilitato, non le mandano il pacco".Arriva, installiamo, non funziona un cavolo.Chiamata alla Telecom che manda un tecnico.Intanto il tecnico ci cercava nel comune limitrofo (quello a 8 km con ADSL)...il che mi fa pensare che i database Telecom fanno davvero cagare come aggiornamento!!!Arriva, guarda il modem, le configurazioni, il computer...tenta una chiamata...effettivamente non va...cioè...viaggerebbe a 22k....ma se devo pagare un contratto ADSL per andare a 56k...tanto fessi non siamo!!Il trucco?? Siccome da loro risultava che noi fossimo residenti nel comune limitrofo, cercavano di attaccarsi nell'altra centralina, che in 8 km però esaurisce tutta la banda.Bene, modem restituito alla Telecom, con molti ringraziamenti per la perdita di tempo.E naturalmente, nessuno ha parlato di adeguare la nostra centralina.Anche noi non siamo redditizi...qualcuno ha detto di chiedere al Sindaco, se il coumen partecipa alla spesa con Telecom, magari questi si muovono...ma il Sindaco...i soldi li mette da un'altra parte...e poi essendo il Sindaco del nostro comune, lui bello abita nel comune limitrofo e l'ADSL ce l'ha già.
  • Anonimo scrive:
    Re: Alice ADSL in Francia !
    Mandiamolo a Gasparri, no? i soldi delle tasse italiane che finiscono per avvantaggiare un'altra nazione ...roba da chiodi.24? per 3mbit prezzo intero, 12? prezzo scontato.29 euro tutto compreso se vuoi anche chiamate nazionali illimitate.Questo cose mi fanno diventare viola.
  • Anonimo scrive:
    Re: sto ridendo
    Io invece non rido...Probabilmente tu internet lo usi come un hobby e in quanto tale non devi restare connesso per molto tempo..( leggi non stare davanti al computer 24 su 24 ma avere una connessione di questo tipo)ti capisco..cosi' ti sembra assurdo gente che si sgola per avere 24 opre di internet pensando che siano un gruppo di allucinati drogati del video...Quello che non sai,sono le aziende e il business..Se tu NON hai una tecnologia che un altro ha e ti serve per migliorare il tuo business ( spendere meno soldi o essere piu' effivciente)perdi soldi...e ne spendi infinitamente di piu'ORA...La tecnologia che serve alle aziende c'e' gia' e e' disponibile su tutte le centraline d'Italia si chiama modem analogico e linea isdn ( quasi dappertutto)PERCHE' TELECOM SI OSTINA A NON CONCEDERE UNA TARIFFA FLAT 2 4 ore????questo e' IL VERO PROBLEMA...L'ADSL PUO' ANCHE NON ARRIVARE MAI,MA UNA FLAT A PREZZI ANCHE PARI A UN ADSL DEVE ESISTERE...FRIACO DOVE SEI???
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma cosa possiamo fare?

    Vi prego aiutateci a far crescere questo
    paese!impossibile......!!!!!!!!!l'italia è senza speranze bisogna solo aspettare la fine non troppa lontanta....(argentina moltiplicata x 10000) una volta arrivata, forse si potrà pensare di fare qualcosa....marimarrà sempre una cosa difficile
  • Anonimo scrive:
    Re: 200 METRI??????
    Morale: i
    350 euro a bimestre restano li,
    impietosamente in bella vista ogni due mesi
    sulla bolletta, la connessione a Internet
    resta uno schifo totale con l'ADSL in
    portata ottica ovunque mi giro e nessuna
    speranza! Della serie: stia zitto e paghi!Quale società telefonica rinuncerebbe ad un cliente da 350 euro a bimestre ;-)Come detto da altri, tutto è dovuto al conflitto di interessi che esiste tra la gestione della rete e la gestione dei servizi.La rete è per natura gestita in regime di monopolio e andrebbe affidata ad un soggetto che opera in convenzione con lo stato (possibilmente con una gara pubblica). Tale soggetto non doverbbe ovviamente gestire anche la fornitura di servizi sulla rete. E' così per aeroporti, ferrovie, rete elettrica...
  • chef scrive:
    copertura solo per alice
    La mia zona e' coperta da un paio d'anni.Se chiedi alice te la attaccano, come al mio vicino.Se chiedi l'adsl di qualche altro peratore aspetti parecchi mesi (se sei fortunato), nonostante l'altro operatore debba per forza appoggiarsi a mamma telecoz.
  • Anonimo scrive:
    Re: 200 METRI??????
    - Scritto da: Anonimo
    Vieni a vedere cosa succede a Serramazzoni
    (MO) allora! Io sono due anni che ogni mese
    telefono a telecom per avere notizie
    sull'ADSL e ogni volta "il suo numero non
    è sotto copertura ADSL, ne sappiamo
    quando nella sua zona ci potrà
    essere"...... ben sapendo che l'ADSL in
    paese c'è praticamente ovunque, anche
    molto vicino e soprattutto c'è in
    zone meno abitate della mia e senza aziende.
    Due mesi fa ho condotto una ricerca
    rastrellando qua e la numeri telefonici di
    vicini di casa e ho scoperto che sono
    letteralmente CIRCONDATO dall'ADSL, il
    numero telefonico più vicino su cui
    l'ADSL risulta attivabile è a meno di
    50 METRI da casa mia verso nord e a 120
    metri verso EST. Per evitare i 350 euro a
    bimestre che pago ora per Internet a
    velocità di connessione PIETOSA e con
    continue cadute di linea avevo anche pensato
    di prendere accordi con un vicino di casa,
    farci arrivare l'ADSL e fare un link
    wireless verso casa mia (a conti fatti
    conveniva, eccome ed era quasi cosa fatta!)
    MA DICONO CHE NON E' LEGALE TRASFERIRE UNA
    LINEA TELEFONICA VIA RADIO DA UNA ABITAZIONE
    AD UN ALTRA, CI VOGLIONO ADDIRITTURA LE
    AUTORIZZAZIONI MINISTERIALI (!!!) SE VENGO
    SCOPERTO MI SOSPENDONO IMMEDIATAMENTE IL
    SERVIZIO E MI BECCO MULTONE+DENUNCIA (non so
    perchè visto che l'ADSL la pagherei
    fino all'ultimo cent e userei frequenze
    radio liberalizzate in 2,4Ghz a bassa
    potenza per portarla in una zona dove non
    c'è, mica frego qualcuno!). Non vedo dov'e' il problema. A casa mia ho un router wireless da 140 euro che lo danno con una copertura a 150 metri all'aperto e 25 metri attraverso i muri, ed abito in una zona dove nel raggio di 150 metri ci sono come minimo 9 abitazioni e palazzine intorno a me, volendo qualsiasi persona (se io volessi, fra quelle piu' vicine) si potrebbe collegare con me via wireless e nessuno lo saprebbe mai, e non credo che qualcuno si metterebbe con il radioscandaglio (o come si chiama) a vedere chi trasmette a chi.
  • Anonimo scrive:
    Re: 200 METRI??????
    Mi risulta che da qualche anno sia stata liberalizzata l'installazione di postazioni wireless anche attraverso terreni o transitando comunque attraverso proprieta' che non sono di proprieta' dei chi usufruisce del servizio.Beh, si e' vero, e' necessario che ci siano alcuni requisiti, ma alla fine si tratta di fare una semplice denuncia degli apparati e di pagare una concessione governativa che credo sia di un paio di centinaia di Euro all'anno per la quale vale la regola del silenzio-assenso, vale a dire che una volta mandata la raccomandata saresti a posto.Ti suggerirei di contattare qualche installatore specializzato che ti dara' tutte le delucidazioni del caso (le mie info sono di piu' di un anno fa).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma cosa possiamo fare?
    Se la distanza dai vicini che hanno l'adsl non e` troppa, si puo` pensare di condividere la connessione con una rete wifi, dividendo i costi del canone ...
  • Anonimo scrive:
    Re: sto ridendo

    Seppur anche a me piacerebbe averla il tuo
    discorso mi fa ridere. Mi fa ridere come
    pensi. Sembra che ti sia dovuta a tutti i
    costi. Ma non è così. Non
    è una cosa come la pattumiera, che la
    paghi e che magari sarebbe brutto averla a
    1Km da casa tua. O magari sei in centro al
    paese e la tua via è totalmente non
    illuminata da lampioni... c'è spazio
    ma sei obbligato a parcheggiare la macchina
    fuori dal tuo paese... non puoi fare i tuoi
    bisogni contro un albero per la strada come
    madre natura ci ha insegnato che ti fanno la
    multa... non puoi farti un tris di Menabrea
    media se guidi...io invece discorsi come il tuo non li capisco ??come ragioni???non credi ci sia dovuta la banda larga??perchè?io non pago, non ho pagato la ex sip per le strutture che guarda caso ora sono private (esempio di capitalismo e privatizzazione all'italina -unico caso a l mondo- prodi docet!!!)???io non pago le tasse??mi piacerebbe non farlo ma non sono ne tanzi ne berlusconi o nessuno di potente (di solito in italia la prassi è non pagare le tasse) quindi le pagoil contributo statale per l'attivazione dell'ADSL con quali soldi viene pagato scusa???e perchè io dovrei esserne escluso??sono un cittadino di serie B??tu paghi un canone maggiore per poter avere la banda larga??credo di no...paghi lo stesso mio canone che però a me e a tantissima altra gente non da gli stessi servizi..potrei parlare all'infinito mettendoci dentro digital divide, diritto alla banda larga per poter essere alla pari dei miei colleghi europei (opps scusate noi siamo anni luce indietro agli europei) etc etcma tanto se non capisci questo fatto non è colpa mia....salutiMr. R
  • riddler scrive:
    Occorrerebbe spezzare telecom
    Due societa' con capitali e proprietari distinti: una che si occupi delle infrastrutture fisiche, una che faccia vendita di servizi ad aziende e privati.Poi vediamo se la musica non cambia.Finche' uno fa tutto da solo in casa sua e' ovvio che stia ai propri comodi...
  • Anonimo scrive:
    Mal comune non è mezzo gaudio
    Cervere (CN). Si, Google, indicizza per bene questa parola su questo forum, così poi cercando "Cervere" esce questa pagina, ed escono queste righe, ed esce questo commento della Telecom: "L'ADSL non arriverà ancora per 2 anni". 2 anni è una mostruosità. In due anni di assenza si possono obbligare aziende a spostarsi, si può decidere il destino di un comune, della disoccupazione di qualche famiglia, della comodità di spostamento, delle possibilità imprenditoriali dei residenti, della cultura informatica dei giovani. Cervere insomma sarà costretta a rimanere indietro. Non per scelta propria nè per sventura, ma per scelte altrui. Per 2 anni, dicono, staremo a guardare il mondo che va avanti e loro continueranno solo ad offrirci l'offerta dell'ADSL via satellite. Dicendoci che è praticamente gratuita. Ma chissà perchè nessuno ci crede...Cara Telecom, queste righe amare sono scritte da parte di chi è stufo di sentirsi dire "tra 2 mesi la attiviamo" e che è rassegnato nel sentirsi dire "tra 2 anni la attiviamo". L'arrivo della linea è addirittura diventato punto fondamentale del programma elettorale del nuovo consiglio comunale. E' assurdo che il tutto diventi un problema così importante... perchè se avere la linea non è un diritto (le scelte aziendali vanno comunque rispettate), avere parità di trattamento è invece sì un diritto. Imprescindibile. E per il rispetto di questo diritto non è tollerabile dover aspettare ancora 2 anni.
  • Anonimo scrive:
    L'unione fa la forza
    Basta ingegnarsi a volte e unirsi. E' il caso non del mio paese ma di questo:http://www.congegnielettronici.com/valtiberina.htmlconsiglio a tutti di leggerlo per mandare a farsi benedire ADSL, Telecom & fratelli.
  • Anonimo scrive:
    Satellitare...
    Secondo me.. mi spiace ma ne sono quasi convinto.. il ritardo di attivazione di ADSL in molti comuni è dovuto anche ad una questione di mercato... cercano di appiopparci le satellitari.Sono ormai 3 anni che ho fatto fare ai miei genitori ISDN a casa per avere una velocità di navigazione semidecente e per poter mandare una foto di qualità semidecente in allegato in tempi non biblici..Da circa 2 anni, la telecom puntualmente ogni 3 mesi chiama a casa mia dicendo che ha riscontrato che sulla mia utenza c'è un notevole traffico internet e mi propone ADSL... Mia madre che non ne capisce granchè di queste cose, invita a contattare me per i contratti.. bene.. iniziano le palle.. Io faccio finta di non essere "competente" del settore e li faccio parlare per vedere fino a che punto si tenta di inculare (scusate ma ci sta proprio, l'utente medio disgraziato che non ha tempo per informarsi su tutte le menate tecnologiche)... Mi parlano di ADSL.. di banda garantita, di canone fisso... insomma tutte cose che farebbero pensare ad una vera e propria ADSL... ma dopo mi sento dire a denti stretti.. Verrà il tecnico ad installare la parabola" .... e io "EH!?" e allora inizia la filippica giustificante la parabola.. dicendo che non la pago.. bla bla bla... e blablabla.. una marea di palle per appiopparmi qualcosa che non è ciò che voglio. Chiamate le cose con il loro nome.. ADSL SATELLITARE e non ADSL, vediamo di smetterla di omettere le cose.Quando dico che aspetterò la copertura ADSL terrestre allora mi sento rispondere "Beh.. allora dovrà aspettare almeno un tempo indeterminato perchè la zona non è abbastanza proficua per la terrestre..." Ma... Ma... se solo io conosco altre 15 persone a cui avete proposto l'adsl satellitare... come fa a non essere proficua?Nessuno che mi abbia mai proposto un contratto flat però eh?Riflettiamo.Rendiamo grazie a fw.
  • Anonimo scrive:
    sto ridendo
    Anche il mio paese non è coperto da ADSL.Se un giorno sarà coperto di sicuro mi faccio una ADSL. punto.Seppur anche a me piacerebbe averla il tuo discorso mi fa ridere. Mi fa ridere come pensi. Sembra che ti sia dovuta a tutti i costi. Ma non è così. Non è una cosa come la pattumiera, che la paghi e che magari sarebbe brutto averla a 1Km da casa tua. O magari sei in centro al paese e la tua via è totalmente non illuminata da lampioni... c'è spazio ma sei obbligato a parcheggiare la macchina fuori dal tuo paese... non puoi fare i tuoi bisogni contro un albero per la strada come madre natura ci ha insegnato che ti fanno la multa... non puoi farti un tris di Menabrea media se guidi...Vero che la 64K è lenta in confronto a quella che ho in ufficio, ogni volta che la uso da casa mi viene abbastanza male e spendo un sacco.Il fatto principale è che uno se impara a convivere con qualcosa di più decente e meno snervante (anche solo per una week), che sia un PC veloce che una connessione veloce, non ce la fa a tornare in dietro. Prova a fare questo test: prendi un Pentium 75 e usalo a casa al posto del tuo. Ti sembra di tornare all'età della pietra... Rido per il tuo "vicino" di casa che ha l'ADSL... forse è una lezione?... Metti il numero di casa seguente di questo tizio davanti alla tua, cammuffa da albero il cartello della via e ordina l'ADSL sul nuovo numero di casa.... che ridere
    Si parla tanto di alta tecnologia, satelliti vari, ma non si
    pensa alle persone che ancora devono attendere anche 15
    minuti semplicemente per poter scaricare le proprie mail, è
    assurdo. [cut cut cut]La tecnologia se dovesse aspettare tutti i paesi per progredire saremmo ancora all'età del CHI SEI per visualizzare il numero di chi chiama... ASPETTIAMO CHE TUTTI METTANO QUESTO E POI INVENTIAMO L'ISDN! L'era cyberpunk sarebbe ancora più lontana se andassimo avanti così...Lascia solo che si inventino cose nuove e inizino a mettere la vDSL al posto delle hDSL o cosa ne so... e le aDSL saranno lo standard ovunque come è l'ISDN attuale... anche per l'ISDN c'era da mettere in centrale un apparato... e pensa che l'hanno messo anche nel mio paese che fa 600 abitanti...Mark il GattoMark er CyberCat
  • Anonimo scrive:
    Re: pubblico o privato ?
    - Scritto da: samu
    Cut

    l'ADSL ormai e' una necessita' lavorativa,
    nelle zone dove manca, le persone non hanno
    alternative valide (HDSL ? ADSL Satellitare
    ? ISDN ? Criceti portapacchetti ? ) Non suggerire certe soluzioni, altrimenti ci addebitano anche il costo del mantenimento dei criceti!!;)8)
  • soulista scrive:
    Re: 15Km da Milano
    - Scritto da: Anonimo
    ADSL di merda, io abito in un paese
    vicinissimo a MILANO!!!
    Io e un mio amico stiamo pensando di
    assumere un fattorino che fa
    casanostra-provider con un floppy...
    è sicuramente più veloce del
    56K :s:(::'("senta... noi vogliamo la copertura adsl... SUBITO!""si calmi, per favore... Piuttosto non é interessato ad un trasferimento dati di 40 giga al secondo?""Certo!... come no!"fu così che si becco' in testa un HD esterno Firewire da 40 giga
    • Anonimo scrive:
      Re: 15Km da Milano
      - Scritto da: soulista

      - Scritto da: Anonimo

      ADSL di merda, io abito in un paese

      vicinissimo a MILANO!!!

      Io e un mio amico stiamo pensando di

      assumere un fattorino che fa

      casanostra-provider con un floppy...

      è sicuramente più veloce
      del

      56K :s:(::'(

      "senta... noi vogliamo la copertura adsl...
      SUBITO!"
      "si calmi, per favore... Piuttosto non
      é interessato ad un trasferimento
      dati di 40 giga al secondo?"
      "Certo!... come no!"

      fu così che si becco' in testa un HD
      esterno Firewire da 40 gigaSi, ma purtroppo certa gente (e mi trattengo da definirla in altro modo..) andrebbe convinta con un raid 5 harware da 1 TByte/s.....:(:@
  • Anonimo scrive:
    Potrebbe essere utile a molti....
    L'avevo postato come risposta e lo ripropongo come possibile soluzione:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=728067
  • soulista scrive:
    Re: Cambiate operatore
    - Scritto da: Anonimo
    Be, intanto potreste minacciare di cambiare
    tutti operatore di telefonia fissa, magari
    passando a infostrada o wind, nonSono la stessa entità! (e pure Libero...)
    risolvereste il problema ADSL, ma almeno
    togliereste un pò di introiti alla
    Telecom (che comunque, purtroppo, essendo il
    possessore della rete fisica verrebbe, anche
    solo in parte, pagata dagli altri operatori
    per il traffico da voi effettuato)Credo di no: infostrada é l'unico effettivo concorrente a Telecom perchè proprietaria del "ultimo miglio"
  • Anonimo scrive:
    Re: pubblico o privato ?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: samu
    cut


    E' ora che lo stato (gasparri si era
    gia'

    mosso in tale direzione)

    ????????


    dia un ultimatum a

    TI; o copre tutta italia entro fine
    2005 e,

    nelle zone in cui non vi e' riuscita
    regala

    HDSL, oppure vi sara' un esproprio delle

    linee telefoniche/dati da parte dello
    stato

    per cause di forza maggiore.

    Già fumato alle 8! Tse, tse tse. ;)E che centra: uno non può neppure sognare per un momento (solo uno !) che subito lo dichiarano fumato...:);) che paese....8)
  • soulista scrive:
    Re: pubblico o privato ?

    E' ora che lo stato (gasparri si era gia'
    mosso in tale direzione)Però... ne ha fatta di strada da quando lavorava con Zuzzurro.
  • Anonimo scrive:
    Re: pubblico o privato ?
    - Scritto da: samucut

    E' ora che lo stato (gasparri si era gia'
    mosso in tale direzione) ????????
    dia un ultimatum a
    TI; o copre tutta italia entro fine 2005 e,
    nelle zone in cui non vi e' riuscita regala
    HDSL, oppure vi sara' un esproprio delle
    linee telefoniche/dati da parte dello stato
    per cause di forza maggiore.Già fumato alle 8! Tse, tse tse. ;)
  • Anonimo scrive:
    Cambiate operatore
    Be, intanto potreste minacciare di cambiare tutti operatore di telefonia fissa, magari passando a infostrada o wind, non risolvereste il problema ADSL, ma almeno togliereste un pò di introiti alla Telecom (che comunque, purtroppo, essendo il possessore della rete fisica verrebbe, anche solo in parte, pagata dagli altri operatori per il traffico da voi effettuato)
  • Anonimo scrive:
    15Km da Milano
    ADSL di merda, io abito in un paese vicinissimo a MILANO!!!Io e un mio amico stiamo pensando di assumere un fattorino che fa casanostra-provider con un floppy... è sicuramente più veloce del 56K :s:(::'(
  • Anonimo scrive:
    Re: pubblico o privato ?

    E' ora che lo stato (gasparri si era gia'
    mosso in tale direzione) dia un ultimatum a
    TI; o copre tutta italia entro fine 2005 e,
    nelle zone in cui non vi e' riuscita regala
    HDSL, oppure vi sara' un esproprio delle
    linee telefoniche/dati da parte dello stato
    per cause di forza maggiore.sarebbe bellissimo e civile in un paese che come il nostro (sigh) si dichiara tale....ma....ripensandoci bene....e guardando le parti in causa credo che questo si chiami utopia.rassegnamoci ......viviamo in italia siamo e saremo sempre servi della classe dirigente (con tanto coraggio la chiamo cosi)salutiMr. R
  • Anonimo scrive:
    200 METRI??????
    Vieni a vedere cosa succede a Serramazzoni (MO) allora! Io sono due anni che ogni mese telefono a telecom per avere notizie sull'ADSL e ogni volta "il suo numero non è sotto copertura ADSL, ne sappiamo quando nella sua zona ci potrà essere"...... ben sapendo che l'ADSL in paese c'è praticamente ovunque, anche molto vicino e soprattutto c'è in zone meno abitate della mia e senza aziende. Due mesi fa ho condotto una ricerca rastrellando qua e la numeri telefonici di vicini di casa e ho scoperto che sono letteralmente CIRCONDATO dall'ADSL, il numero telefonico più vicino su cui l'ADSL risulta attivabile è a meno di 50 METRI da casa mia verso nord e a 120 metri verso EST. Per evitare i 350 euro a bimestre che pago ora per Internet a velocità di connessione PIETOSA e con continue cadute di linea avevo anche pensato di prendere accordi con un vicino di casa, farci arrivare l'ADSL e fare un link wireless verso casa mia (a conti fatti conveniva, eccome ed era quasi cosa fatta!) MA DICONO CHE NON E' LEGALE TRASFERIRE UNA LINEA TELEFONICA VIA RADIO DA UNA ABITAZIONE AD UN ALTRA, CI VOGLIONO ADDIRITTURA LE AUTORIZZAZIONI MINISTERIALI (!!!) SE VENGO SCOPERTO MI SOSPENDONO IMMEDIATAMENTE IL SERVIZIO E MI BECCO MULTONE+DENUNCIA (non so perchè visto che l'ADSL la pagherei fino all'ultimo cent e userei frequenze radio liberalizzate in 2,4Ghz a bassa potenza per portarla in una zona dove non c'è, mica frego qualcuno!). Morale: i 350 euro a bimestre restano li, impietosamente in bella vista ogni due mesi sulla bolletta, la connessione a Internet resta uno schifo totale con l'ADSL in portata ottica ovunque mi giro e nessuna speranza! Della serie: stia zitto e paghi!
  • Anonimo scrive:
    Perchè meravigliarsi...
    Io ho vissuto la stessa esperienza negli ultimi DUE anni con la piccola, trascurabile differenza che abito a Roma.Alla fine, però, sono riuscito a risolvere il problema: ho traslocato! Per fortuna ero in affitto!!!Grazie mamma telecom!
  • Anonimo scrive:
    medioevo
    Non è un'idea rivoluzionaria, si è sempre fatto a partire dalla rete elettrica a quella telefonica. Perché non si impone ad un'impresa monopolistica che gestisce la rete pubblica di coprire tutto il territorio. Ci sarà una convenzione tra lo Stato e Telepom. Ovvio che si devono dare scadenze precise e penali. Io ho pagato un canone assurdo di attivazione. Questi soldi non dovrebbero servire assieme a quelli della vendita all'ingrosso degli accessi all'ADSL a sostenere i costi della rete? Qualcuno sa se esiste un piano di copertura imposto dallo Stato a Telepom? La cosa assurda è che ci fanno apparire la questione come irrisolvibile, quando analoghi problemi sono stati risolti cent'anni fa! E' questo il progresso?
  • Anonimo scrive:
    tirar giu le centrali
    l'unico modo per avere ragione delel scuse telecom è tirarghli giu le centrali , in fonod si fa solo del bene, si anticipa la messa di fine esercizio senza creare danni aglki utenti che per anni dovranno sopportare centrali alla fine ma non ancora abbasyanza per sostituirle, si da una psinta all'industria che subitop realizza nuove centrali, al settore privato che installa le nuove centrali , ai tecnici che finalmente possono attivare i loro studi.datemi retta :BUTTIAMO GIU LE CENTRALI.basta un trattore , un litro di benzina, una scarica elettrica, ci sono molti modi per duttarle giù.Dove vivo io per avere l'isdn .... si è allagata la centrale .......ma si possono anche buttare giu anche con altri sistemi, provate a fare una chiamata ogni 20 minuti al 187 per dei guasti, basta dire che sentite dei rumoni ;RIEMPIAMO I SERVIZI DI ASSISTENZA DI CHIAMATE TECNICHE;prima o poi si stuferanno e......vaiiii.. nuova centrale....
  • samu scrive:
    pubblico o privato ?
    C'e' una questione interessante da sollevare in merito al problema della copertura ADSL in italia .Telecom Italia e' privata, ma la rete telefonica di cui e' dotatae' frutto del monopolio di cui godeva ai tempi in cui era pubblica.l'ADSL ormai e' una necessita' lavorativa, nelle zone dove manca, le persone non hanno alternative valide (HDSL ? ADSL Satellitare ? ISDN ? Criceti portapacchetti ? ) e sono svantaggiate rispetto alle zone coperte.Telecom italia, chiaramente, non ha intenzione di coprire completamente l'italia per almeno altri 5/10 anni, approfittando di cio per riproporre le vecchie offerte (superlinea ISDN, HDSL) come "alternativa" all'ADSL.Lo stato risolve il problema della connettivita' con l'incentivo statale, un modo perverso per far pagare a tutti un pizzo ai vari provider, mascherandolo come uno sconto .E' ora che lo stato (gasparri si era gia' mosso in tale direzione) dia un ultimatum a TI; o copre tutta italia entro fine 2005 e, nelle zone in cui non vi e' riuscita regala HDSL, oppure vi sara' un esproprio delle linee telefoniche/dati da parte dello stato per cause di forza maggiore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Zona Coperta, ma sotto Mux

    Una mio amico abita in una zona che è
    coperta dall'Adsl tranne il suo palazzo,
    dopo varie spiegazioni la Telecom ha detto
    che il suo palazzo è sotto il Mux
    (apparecchio che consente su una stessa
    linea di farne passare altre
    contemporaneamente tagliando però la
    banda per Adsl) e che non potrà mai
    avere Adsl, almeno che in futuro Telecom non
    decida di ampliare le linee. quello che stai dicendo non ha alcun senso: il mux è semplicemente un concentratore (multiplexer) di linee e potesti anche avercelo sotto il letto, non ci sarebbe alcun problema.Se mai il problema potebbe essere che il mux è saturo e non intendono installarne un'altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Zona Coperta, ma sotto Mux
      Per MUX intende un multiplatore di linee in frequenza. Molto spesso è chiamato concentratore.Quando c'è carenza di linee in una zona Telecom usa questi apparati per far passare più linee telefoniche su un'unico doppino, traslandole in frequenza. Questo impedisce ovviamente l'uso dell'adsl, perché le frequenze superiori non sono disponibili, oltre al fatto che su un'unico doppino passano anche tre o quattro linee telefoniche.Questa è una delle cause più frequenti di non fattibilità dell'Adsl in zone che sembrerebbero coperte.Tra l'altro quando una linea è su concentratore anche la connesione analogica con modem fa schifo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Anche chi è coperto rischia
    Prova a mettere un Cisco ed incrociare le dita... gheee
  • Anonimo scrive:
    Re: Alice ADSL in Francia !
    ma ALtroconsumo, garanti vari etc cosa dicono di una disparità del genere????E' mai possibile che in Italia, con gli stipendi più bassi dell'Europa "ricca" (GB, D, Fr..) abbiamo i prodotti più cari? (CD, vacanze, etc...)Siamo cosi fessi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Alice ADSL in Francia !
      - Scritto da: ishitawa
      ma ALtroconsumo, garanti vari etc cosa
      dicono di una disparità del
      genere????

      E' mai possibile che in Italia, con gli
      stipendi più bassi dell'Europa
      "ricca" (GB, D, Fr..) abbiamo i prodotti
      più cari? (CD, vacanze, etc...)

      Siamo cosi fessi?SI !! :(:(:'(:'(:'(:'(:'(:'(
  • Anonimo scrive:
    sono quasi consolato e rassegnato
    :@A quanto pare c'è chi sta peggio di me, che magra consolazione!!!Vivo a Borgagne, un ridente paesino della provincia di Lecce, siamo una frazione di 2500 anime, approssimativamente vi sono 600 nuclei familiari (con oltre 50 esercizi commerciali/artigianali e studi professionali) ed, approssimativamente (per difetto) circa 300 famiglie si collegano abitualmente su internet. Ebbene, nonostante nel comune che ci governa, Melendugno, sia stata da poco attivata la linea ADSL, per noi frazione e per le marine (Torre dell?Orso, San Foca, Roca e Torre Saracena) non c?è alcuna prospettiva di essere connessi a questo tipo di linea; dopo numerosi tentativi al 187 di TELECOM ITALIA qualche addetto ai Call Center ha avanzato l?ipotesi che la centralina Telecom presente a Borgagne non sia compatibile con la linea ADSL e quindi questo tipo di linea non sarà mai installata nella frazione, ci è stato, quindi, consigliato di ripiegare sul satellite. Cosa dobbiamo fare per farci riconoscere questo diritto?Domani, primo settembre, ho indetto la riunione al circolo culturale ricreativo di cui sono il segretario, per pianificare una strategia da adottare per ovviare a questa situazione, ma da quanto letto finora vedo che ci sono ben poche speranze, poichè l'ottusità telecom non ha limiti.Grazie per lo sfogo.Francesco Cappellowww.adsl.borgagne.it
  • Anonimo scrive:
    Alice ADSL in Francia !
    Guardate quanto costa Alice 3 Mega in Francia...:'(http://www.aliceadsl.frhttp://www.aliceadsl.fr/portal/ep/programView.do?programPage=/jsp/demand/browse/prodContent.jsp&channelId=-10441&programId=1073762276
  • Anonimo scrive:
    Re: Se sono 200 metri...
    - Scritto da: Anonimo
    La installate a casa di uno al quale non
    gliene frega una cippa, poi con 2 spezzoni
    di cavo ethernet da 100 metri con in mezzo
    un piccolo repeater (che va alimentato cmq),
    ci coprite i 200 metri da casa vostra, poi
    ci mettete un hubbetto e rigenerate il
    segnale per i vostri simpatici vicini tanto
    desiderosi di ADSL, mi sembra una soluzione
    congrua, no?a me sembra illegale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se sono 200 metri...


      desiderosi di ADSL, mi sembra una
      soluzione

      congrua, no?

      a me sembra illegale.Temo anche io, inoltre magari sono 200 metri di fondo agricolo: dove lo alimenti il repeater ?
    • Gallone scrive:
      Re: Se sono 200 metri...
      - Scritto da: Anonimo
      a me sembra illegale.Beh perchè penalizzare dei cittadini rispetto ad altri è legale?:D
      • Icefox scrive:
        Re: Se sono 200 metri...
        Perché illegale?Io sono responsabile della mia connessione, se decido di condividerla con un'altra persona che legge infrango??
        • Anonimo scrive:
          Re: Se sono 200 metri...
          - Scritto da: Icefox
          Perché illegale?

          Io sono responsabile della mia connessione,
          se decido di condividerla con un'altra
          persona che legge infrango??probabilmente infrangi i termini contrattuali, pensa che alcuni contratti adsl non consentono l'utilizzo di router proprio perché si teme che tu possa utilizzarla per più pc
          • Icefox scrive:
            Re: Se sono 200 metri...
            ok, giusto, dipende dai termini contrattuali.Acc... ho sbagliato :'(
        • LraiseR scrive:
          Re: Se sono 200 metri...
          Perché per tirare cavi fuori dalle abitazioni ti serve una autorizzazione.L'alternativa del wi-fi con antenna direzionale é decisamente migliore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Se sono 200 metri...
            - Scritto da: LraiseR
            Perché per tirare cavi fuori dalle
            abitazioni ti serve una autorizzazione.
            L'alternativa del wi-fi con antenna
            direzionale é decisamente migliore.Peccato che sia ugualmente regolamentata (cioè non puoi farlo!).
  • Anonimo scrive:
    Re: Se sono 200 metri...
    ma allora sono meglio due sk wi-fi con l'antenna pringles :-)ciao
  • Anonimo scrive:
    Se sono 200 metri...
    La installate a casa di uno al quale non gliene frega una cippa, poi con 2 spezzoni di cavo ethernet da 100 metri con in mezzo un piccolo repeater (che va alimentato cmq), ci coprite i 200 metri da casa vostra, poi ci mettete un hubbetto e rigenerate il segnale per i vostri simpatici vicini tanto desiderosi di ADSL, mi sembra una soluzione congrua, no?
  • Anonimo scrive:
    Anche chi è coperto rischia
    Mia sorella qualche mese fa ha attivato un abbonamento adsl Alice Free a consumo; per i primi tempi tutto andava bene, finché ad un certo punto il modem non si allineava più; questo è accaduto 4 o 5 volte e dopo chiamate al 187 il funzionamento era stato sempre ripristinato. Poi dopo l'ennesimo malfunzionamento non si riusciva più a ripristinare la portante, alla fine la spiegazione di TI è stata questa: l'abitazione si trova troppo lontano dalla centrale e le molte attivazione dell'Adsl hanno contribuito a degradare il segnale fino a non renderlo sufficiente per l'allineamento. In definitiva mia sorella non può utilizzare la banda larga e non lo potrà mai fare almeno finché non si passerà ad un altro tipo di tecnologia. Quindi, non solo è necessario essere coperti, ma bisogna anche curarsi di non essere troppo lontani dalla centrale e che quella centrale non serva troppi utenti, altrimenti anche ciò che prima funzionava potrebbe smettere di farlo.
  • Anonimo scrive:
    Re: e i soldi dati dal ministero????
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=49375
  • Anonimo scrive:
    e i soldi dati dal ministero????
    il ministro a disposto un'altra vagonata di soldi per adsl cheserve per ingrassare i soliti noti?????o per servire quelle aree che non sono redditizie per l'allaccio????
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma cosa possiamo fare?
    Dico, realisticamente.E' possibile che non ci sia un modo?Io, come nell'articolo, vivo in mezzo a TUTTI comuni che sono coperti. Tutti ma proprio tutti. Solo il mio non lo e', e calcolando che sto a neanche 20 km da Roma la cosa fa abbastanza impressione.Ma possibile che non si riesca a far arrivare questo all'opinione pubblica ?E' una cosa vergognosa, voi di PI gia' fate molto visto che siete gli unici che pubblicano questa roba, ma dovete fare di piu'!E' veramente una cosa da terzo mondo, nel vero senso della parola.Vi prego aiutateci a far crescere questo paese!Srarei daccondo con te per queste ultime parole che hai detto...se non fosse che prima di crescere il paese dovrebbero crescere gli italiani...molto triste ma questa e' una realta'..
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa possiamo fare?
    Dico, realisticamente.E' possibile che non ci sia un modo?Io, come nell'articolo, vivo in mezzo a TUTTI comuni che sono coperti. Tutti ma proprio tutti. Solo il mio non lo e', e calcolando che sto a neanche 20 km da Roma la cosa fa abbastanza impressione.Ma possibile che non si riesca a far arrivare questo all'opinione pubblica ?E' una cosa vergognosa, voi di PI gia' fate molto visto che siete gli unici che pubblicano questa roba, ma dovete fare di piu'!E' veramente una cosa da terzo mondo, nel vero senso della parola.Vi prego aiutateci a far crescere questo paese!
  • Anonimo scrive:
    Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
    - Scritto da: fancu
    Ciao

    Vi scrivo da un piccolo paesino di neanche
    500 abitanti
    che si affaccia sull'oceano Pacifico. Sulla
    maggioranza
    delle carte geografiche non si vede nemmeno.

    Eppure vi scrivo utilizzando una connessione
    ADSL a
    512/256 kbit che ancora non ho visto down
    nemmeno
    una volta.

    E sono in Messico, non negli Stati Uniti o
    in un altro
    paese del cosiddetto primo mondo...

    Provengo da un'altro paesino, 4.000 abitanti
    che però
    non si trova in una sperduta località
    del Messico, ma
    vicino ad una città di una certa
    importanza (Brescia)
    e che purtroppo non è ancora coperto
    da ADSL,
    nonostante la mamma bugiarda ne abbia
    previsto
    la copertura per giugno 2004.

    Ecco, questa è la stravagante storia
    di uno che, stanco,
    se n'è andato...

    Grazie Telecom! Grazie Governanti! Questa è proprio divertente! Te ne sei andato in Messico ( e nuvole...) perchè non ti davano l'ADSL? Ma non potevi andare a Milano che c'è anche Fastweb? Troppo divertente. Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
      - Scritto da: Anonimo
      Questa è proprio divertente! Te ne
      sei andato in Messico ( e nuvole...)
      perchè non ti davano l'ADSL? Ma non
      potevi andare a Milano che c'è anche
      Fastweb? Troppo divertente. CiaoIo trovo divertente pensare che esiste gente che se potesse scegliere tra un'isola "sperduta" in Messico, senza smog, nebbia, con il caldo tutto l'anno e Milano, sceglierebbe Milano :p:p:p;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
        Io trovo divertente pensare che esiste gente che se potesse scegliere tra un'isola "sperduta" in Messico, senza smog, nebbia, con il caldo tutto l'anno e Milano, sceglierebbe Milano probabilmente sei il solo che sceglierebbe milano
    • Anonimo scrive:
      Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
  • Anonimo scrive:
    Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
    Impressionante. Anche il messico ci e' avanti.Evviva la repubblica delle Banane.
    • Anonimo scrive:
      Re: Zipolite - Oaxaca - Mexico
      - Scritto da: Anonimo
      Impressionante. Anche il messico ci e'
      avanti.
      Evviva la repubblica delle Banane.scusa se ti correggo ma da agosto questa e' la repubblica delle bandanegrazie
  • fancu scrive:
    Zipolite - Oaxaca - Mexico
    CiaoVi scrivo da un piccolo paesino di neanche 500 abitantiche si affaccia sull'oceano Pacifico. Sulla maggioranzadelle carte geografiche non si vede nemmeno.Eppure vi scrivo utilizzando una connessione ADSL a512/256 kbit che ancora non ho visto down nemmenouna volta. E sono in Messico, non negli Stati Uniti o in un altropaese del cosiddetto primo mondo...Provengo da un'altro paesino, 4.000 abitanti che perònon si trova in una sperduta località del Messico, mavicino ad una città di una certa importanza (Brescia)e che purtroppo non è ancora coperto da ADSL,nonostante la mamma bugiarda ne abbia previsto la copertura per giugno 2004.Ecco, questa è la stravagante storia di uno che, stanco,se n'è andato...Grazie Telecom! Grazie Governanti!
  • Anonimo scrive:
    Zona Coperta, ma sotto Mux
    Una mio amico abita in una zona che è coperta dall'Adsl tranne il suo palazzo, dopo varie spiegazioni la Telecom ha detto che il suo palazzo è sotto il Mux (apparecchio che consente su una stessa linea di farne passare altre contemporaneamente tagliando però la banda per Adsl) e che non potrà mai avere Adsl, almeno che in futuro Telecom non decida di ampliare le linee. Vi sembra giusto ?Ciao
  • Anonimo scrive:
    io l'ho avuta grazie, alla politica
    Un negozio intrecciato con i politici della provincia(tale negozio si è beccato non pochi appalti nella PA locale)
  • Anonimo scrive:
    AIRASCAAAAAAAAAAAAA
    Quando si decidono a portare l'ADSL ad Airasca (TO)????
    • Anonimo scrive:
      Re: AIRASCAAAAAAAAAAAAA
      Quando si decidono a portare l'ADSL ad Airasca (TO)????ahahahahahahahahahaha campa!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: AIRASCAAAAAAAAAAAAA
      - Scritto da: Anonimo
      Quando si decidono a portare l'ADSL ad
      Airasca (TO)????Provate a chiedere ad un politico di un certo spessore di prendere la cittadinaza nel vostro comune, anche per poco tempo...quello sufficente a fare richiesta di collegamento adsl dalla sua abitazione ed OVVIAMENTE ottenerlo!:$8):D:););)
  • Anonimo scrive:
    adsl zona non coperta
    nel nor est la copertura adsl è praticamente assente.intere zone industriali senza copertura tra cui la miaa miane.siamo costretti a lavorare male con modem analogici pena utilizzare l'hdsl a consumo alla modica cifra di 180 ? al mese+iva di canone + traffico 100 lire +iva am mega byte trasfeitonel 2004 siamo ancora senza copertura, che innovazioen si può fare qando non ci sono nemmeno le infrastrutture telefoniche ? perchè devo spendere cifre folli quando chi è coperto da adsl spende pochissimo ...la copertura adsl è un diritto di tutti, i finanziamenti di stato a un operatore privato è assurdo, invece di regalare una azienda di stato telecom dovevano mantenere la rete pubblica e ridurre al minimo i costi tecnici.. nel 2020 non ci sarà ancora l'adsl e i pc che sicuramente non funzioneranno senza internet coem li facciamo andare, in cina sicuramente ci sono maggiori servizi e poi si lamentano che le aziende chiudono in italia....
    • Anonimo scrive:
      Re: adsl zona non coperta
      - Scritto da: Anonimo
      nel nor est la copertura adsl è
      praticamente assente.
      intere zone industriali senza copertura tra
      cui la mia a miane.eccone un'altro che pensa tutto in chiave personale: lui è il nordest.Miane avrà si è no 3000 anime, di cui i tre quarti sono fuori età o fuori in campagna....
      la copertura adsl è un diritto di tuttianche il lavoro è un diritto sancito dalla costituzione, ma no per questo te lo danno
      i finanziamenti di stato a un
      operatore privato è assurdo, lo stato finanzia i privati che si abbonano non Telecom
      invece di regalare una azienda di stato telecom
      dovevano mantenere la rete pubblica si bravo così oggi avresti un monopolio peggiorre con le tariffe più alte di Europa
      • Anonimo scrive:
        Re: adsl zona non coperta
        Dedicato a chi ha risposto ..sicuramente un lavoratore telecom o simili..il fatto che un paese abbia 3000 anime o 500 e' irrilevante..se una persona NON ha la possibilita' di avere un servizio che via via diventa piu' importante,come telelavoro,connessione internet contin ua per motivi aziendali,e non ultimo tariffe telefoniche stracciate ( vedi Skype.com)il suo paese AUTOMATICAMENTE diventa di serie b,meno appetibile in caso di vendita appartamenti,e quelle 3000 anime resteranno sempre le stesse condannando a morte il paese.. l'adsl non e' ancora un diritto come l'acqua elettricita' etc...anche se gli attuali ministri si sono sgolati a definirlo un diritto universale..sancito anche dalla UeTelecom privata vuol dire che puo' negare cose che di fatto se statale deve concedere..Esempio se un utente NON e' connesso con internet per causa delle centrali se statale DEVe avere una connessione continuativa con modem o linea isdn.Che mercato libero e' se per le connessioni lente i prezzi strangolano qulsiasi operatore che voglia anche tentare una flat autentica??Bella storia....come far sembrare privata una azienda che esercita un monopolio su alcune cose ( tipo internet lenta)e ottenere anche l'avallo della comunita' europea...Ma capite cosa vuol dire??
  • Anonimo scrive:
    i comuni possono
    I comuni possono richiedere una connessione hdsl con una banda da ripartire con gli utenti magari in modo wireless con una lan cittadina in questo modo gli utenti pagherebbero al comune che pagherebbe poi il fornitore in questo modo telecom potrebbe andare a cagare...Perchè non lo fanno?
    • Anonimo scrive:
      Re: i comuni possono
      la hdsl esiste anche flat ovviamente e quella te la portano dappertutto...
      • neoviruz scrive:
        Re: i comuni possono
        - Scritto da: Anonimo
        la hdsl esiste anche flat ovviamente e
        quella te la portano dappertutto...Se non sai di cosa parli evita di fornire notizie solo per sentito dire .L'hdsl non copre tutto il territorio, inoltre le offerte a tariffazione forfettaria costano piu' o meno un rene.Quindi hai perso una buona occasione per tacere.--http://lnx.curatola.net
    • neoviruz scrive:
      Re: i comuni possono
      - Scritto da: Anonimo
      I comuni possono richiedere una connessione
      hdsl con una banda da ripartire con gli
      utenti magari in modo wireless con una lan
      cittadina in questo modo gli utenti
      pagherebbero al comune che pagherebbe poi il
      fornitore in questo modo telecom potrebbe
      andare a cagare...
      Perchè non lo fanno?Per lo stesso motivo per cui il wireless non e' stato utilizzato per coprire l'ultimo miglio, da troppo fastidio a telecom, e quindi sono stati piantati dei bei picchetti su quello che non si puo' fare col wireless, come ad esempio offrire servizi di telefonia e connettitivita'.--http://lnx.curatola.net
      • Anonimo scrive:
        Re: i comuni possono
        ed allora possono tirare loro 2 cavi sfruttando fognature e simili in comuni piccoli ci vuole poco tempo e poca spesa...Con un router hdsl che si allaccia alla connessione medesima...
        • neoviruz scrive:
          Re: i comuni possono
          - Scritto da: Anonimo
          ed allora possono tirare loro 2 cavi
          sfruttando fognature e simili in comuni
          piccoli ci vuole poco tempo e poca
          spesa...Con un router hdsl che si allaccia
          alla connessione medesima...Hai idea di cosa stai parlando?Credi che sia cosi' semplice gestire un'infrastruttura informatica?Hai idea della banda e dei costi che servirebbero per fornire un servizio decente ad una trentina di persone?Il broadband non e' un cavo....--http://lnx.curatola.net
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
            scusa la hdsl flat che abbiamo in ditta sono 4Mbit/sec per 4000 euro + iva al mese ora dividi per 100 utenti e sei a posto e ricorda che i provider adsl danno 32kbit/sec di banda minima garantita mentre la hdsl è garantita tutta...Se poi aspettate telecom accomodatevi e ricorda che i cavi ethernet non costano un cavolo e basta uno switch 10/100 oltre al router ti ripeto in ditta ci sono 150 pc che condividono tale connessione...
          • neoviruz scrive:
            Re: i comuni possono
            - Scritto da: Anonimo
            scusa la hdsl flat che abbiamo in ditta sono
            4Mbit/sec per 4000 euro + iva al mese ora
            dividi per 100 utenti e sei a posto e
            ricorda che i provider adsl danno 32kbit/sec
            di banda minima garantita mentre la hdsl
            è garantita tutta...
            Se poi aspettate telecom accomodatevi e
            ricorda che i cavi ethernet non costano un
            cavolo e basta uno switch 10/100 oltre al
            router ti ripeto in ditta ci sono 150 pc che
            condividono tale connessione...Stai parlando con uno che il sysadmin lo fa di professione, nel caso non te ne fossi reso conto.Forse non sai che il cavo ethernet ha una piccola limitazione, 100Mt dallo switch.Forse non sai che sebbene tu navighi in maniera trasparente, magari c'e' qualcuno che gestisce la tua rete.Forse non sai che un infrastruttura informatica ha bisogno di manutenzione.Forse non sai che bisogna poter loggare le attivita' compiute da chi naviga.Forse ci sono un po' troppe cose che non sai, altrimenti non mi spiego come mai non abbia attuato tu stesso questa tua idea rivoluzionaria....
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
            e allora forse tu non sai che ci sono comuni in Italia che lo hanno già fatto e quindi informati con questo chiudo perchè:Se sei un amministratore di rete dovresti sapere queste coseSe non le sai è inutile e per me una perdita di tempo discutere con te...
          • neoviruz scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
            - Scritto da: neoviruz


            - Scritto da: Anonimo

            e allora forse tu non sai che ci sono
            comuni

            in Italia che lo hanno già fatto
            e

            quindi informati con questo chiudo

            perchè:

            Se sei un amministratore di rete
            dovresti

            sapere queste cose

            Se non le sai è inutile e per me
            una

            perdita di tempo discutere con te...

            La perdita di tempo e' sopraggiunta quando
            ti sei reso conto che stavi parlando per
            sentito dire o quando ti sei accorto di
            averla fatta fuori dal vasino?

            --
            lnc.curatola.net Ho seguito il vostro scambio di battute ... se l'altro tuo interlocutore forse dimostra eccessiva fiducia nelle proprie informazioni, tu brilli per una arroganza stupida e inconcludente: e bravo il nostro grande sysadmin ...
          • chico scrive:
            Re: i comuni possono
            Siiiiii.........................Grande.....................sono d'accordo!
          • neoviruz scrive:
            Re: i comuni possono

            Ho seguito il vostro scambio di battute ...
            se l'altro tuo interlocutore forse dimostra
            eccessiva fiducia nelle proprie
            informazioni, tu brilli per una arroganza
            stupida e inconcludente: e bravo il nostro
            grande sysadmin ...Il tuo intervento porta un grande apporto a questo thread.Mi sembra di aver tentanto di far capire a chi evidentemente non e' del settore, che non basta tirare un cavo per gridare al miracolo.Se poi invece vogliamo tirar fuori ogni soluzione fantasiosa che ci viene in mente, perdendo di vista il problema..Il fatto rimane che anche se i comuni decidessero di arrangiarsi in proprio dovrebbero affrontare tutte le problematiche che si ritrova ad affrontare un provider, che nella maggioranza dei casi non sono preparati ad affrontare.E' comunque bello notare come questi interventi vengano sempre fatti da persone che preferiscono non registrarsi al forum.--http://lnx.curatola.net
          • Icefox scrive:
            Re: i comuni possono
            Torniamo un attimo al thread principale...Mi sa che avete ragione tutti e due.E' possibile avere la connessione dal comune, esistono paesi molto piccoli che adottano questo sistema (ma non per difficoltà nel raggiungere ADSl, è una precisa scelta dell'amministrazione comunale) ed è altrettanto verissimo che la cosa presenta difficoltà notevoli: ripetitori, amplificatori, amministratori di rete a disposizione quasi continuamente.La domanda è: il rapporto costo/beneficio è conveniente per il comune che decide di fornire ai suoi cittadini la connessione in banda larga?http://www.comune.vicopisano.pi.it/http://www.comune.sanbenedettobelbo.cn.it/==================================Modificato dall'autore il 31/08/2004 9.48.02
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
            - Scritto da: Icefox
            Torniamo un attimo al thread principale...

            Mi sa che avete ragione tutti e due.

            E' possibile avere la connessione dal
            comune, esistono paesi molto piccoli che
            adottano questo sistema (ma non per
            difficoltà nel raggiungere ADSl,
            è una precisa scelta
            dell'amministrazione comunale) ed è
            altrettanto verissimo che la cosa presenta
            difficoltà notevoli: ripetitori,
            amplificatori, amministratori di rete a
            disposizione quasi continuamente.

            La domanda è: il rapporto
            costo/beneficio è conveniente per il
            comune che decide di fornire ai suoi
            cittadini la connessione in banda larga?


            www.comune.vicopisano.pi.it /

            www.comune.sanbenedettobelbo.cn.it /



            ==================================
            Modificato dall'autore il 31/08/2004 9.48.02Sono semplicemente senza parole......:|:|:| ...ma molto contento per gli abitanti dei due comuni per la lungimiranza dei loro Amministratori..molto diversi dagli amministratuccoli dell'italia (volutamente in minuscolo!) :)
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
            Ciao Neoviruz,ho letto tutti i tuoi post qui,ti ricordo che ho urgentemente bisogno di te sul mio forum ahahahTi aspetto
          • chico scrive:
            Re: i comuni possono
          • chico scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
          • rumenta scrive:
            Re: i comuni possono
            - Scritto da: neoviruz


            - Scritto da: Anonimo

            scusa la hdsl flat che abbiamo in ditta
            sono

            4Mbit/sec per 4000 euro + iva al mese
            ora

            dividi per 100 utenti e sei a posto e

            ricorda che i provider adsl danno
            32kbit/sec

            di banda minima garantita mentre la hdsl

            è garantita tutta...

            Se poi aspettate telecom accomodatevi e

            ricorda che i cavi ethernet non costano
            un

            cavolo e basta uno switch 10/100 oltre
            al

            router ti ripeto in ditta ci sono 150
            pc che

            condividono tale connessione...

            Stai parlando con uno che il sysadmin lo fa
            di professione, nel caso non te ne fossi
            reso conto.dal tono delle risposte francamente non mi sarei aspettato nessun'altro:D
            Forse non sai che il cavo ethernet ha una
            piccola limitazione, 100Mt dallo switch.il comune può dotarsi delle necessarie infrastrutture.ha sia i capitali per realizzarle che la volontà politica di autorizzare i lavori necessari sul territorio.
            Forse non sai che sebbene tu navighi in
            maniera trasparente, magari c'e' qualcuno
            che gestisce la tua rete.ma non mi dire!!!!! 8)ottimamente, si creano posti di lavoro per amministratori di rete (scusa ma a me l'italiano piace ancora ;) ).
            Forse non sai che un infrastruttura
            informatica ha bisogno di manutenzione.splendido, altri posti di lavoro :D
            Forse non sai che bisogna poter loggare le
            attivita' compiute da chi naviga.stanti i due punti di cui sopra, ci sono le persone pagate per farlo ;)
            Forse ci sono un po' troppe cose che non
            sai, altrimenti non mi spiego come mai non
            abbia attuato tu stesso questa tua idea
            rivoluzionaria....avendo i mezzi (leggi SOLDI) è una cosa fattibile, a maggior ragione per un comune che voglia offrire ai propri cittadini un servizio, anche considerando che detto servizio può essere una voce POSITIVA in bilancio, e quindi remunerativa per il comune che attiva un tale servizio, sia in termini di fatturato che (imho soprattutto) in termini di consenso.inoltre ci sono esempi in proposito di comuni che hanno battuto questa strada.scendi dal piedistallo, và, è molto meglio :)
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
          • Anonimo scrive:
            Re: i comuni possono
Chiudi i commenti