Tutto ok se il capo guarda l'email?

Lo pensano molti dei dipendenti interrogati sull'argomento in Australia. Ma la questione riguarda mezzo mondo. Anche in Italia molte le imprese con una policy anti-abuso


Roma – Si affermano le nuove tecnologie nelle imprese e l’email, strumento di lavoro sempre più indispensabile per i dipendenti, finisce sempre più spesso sotto l’occhio del capo, desideroso di accertarsi che non venga utilizzata in modo improprio o a fini non professionali. Ma, al contrario di quanto si potrebbe pensare, non tutti i lavoratori storcono il naso.

Questo almeno è quello che riferisce un sondaggio condotto su un certo numero di aziende australiane dalla società di recruiting online Telnet2 . Stando ai numeri del suo studio, infatti, il 42 per cento dei dipendenti non ha nessuna obiezione al fatto che il management dell’impresa possa dare una sbirciatina a come la posta elettronica o internet più in generale vengano utilizzati.

E ciò accade anche se il 54,2 per cento dei 1.100 intervistati ha dichiarato che utilizza l’indirizzo email di lavoro anche per fini personali . In particolare, questo accade nel settore degli specialisti dell’information technology, l’80 per cento dei quali ha dichiarato di occupare del tempo sul lavoro anche per sbrigare la corrispondenza privata.

Non sorprende, invece, che il 43,2 per cento dei lavoratori si opponga a questo genere di pratiche arrivando persino al risentimento qualora i propri capi vogliano capire come vengono utilizzati dai dipendenti gli strumenti messi loro a disposizione.

Di interesse anche il fatto che la riservatezza della corrispondenza è sentita più dalle donne che dagli uomini. “Gli intervistati di sesso femminile – spiegano i responsabili dello studio – sembrano assai più riservati dei colleghi uomini”. Se il 40 per cento delle donne ritiene di poter “sopportare” che i propri capi sorveglino la situazione, il 63 per cento degli uomini ha dichiarato di “non avere nulla da nascondere”.

Sono molte anche in Italia le imprese che hanno varato delle politiche operative che impongono ai dipendenti di non abusare dei mezzi messi loro a disposizione e, in alcuni casi, di essere disponibili ad una qualche forma di monitoraggio. Come ben specificato dal Garante per la privacy , questo genere di azione può essere messo in atto dalle imprese soltanto dopo aver informato dettagliatamente ed estensivamente i lavoratori sulle policy interne.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'importante è ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Votare con ALMENO 3 password personali:
    - Scritto da: Anonimo
    come nelle ultime votazioni ICANN
    ...........................su una piattforma microsozz pure 1000 password non servono a nulla.(linux)
  • Anonimo scrive:
    Votare con ALMENO 3 password personali:
    come nelle ultime votazioni ICANN ...........................
  • Anonimo scrive:
    Re: Card Identificativa??????
    - Scritto da: Anonimo
    cosa?!!!!!!!

    inserire la card identificativa e votare?


    ma è il voto
    SEGRETO?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1Cosi', volendo si potra' sapere chi ha votato cosa, e poi se frego la card a mio cognato che faccio? posso votare al suo posto? :D
  • Anonimo scrive:
    Dubbi sulla sicurezza:
    è ovvio che faranno di tutto per truffare il voto......L'intelligenza sta nell' evitare le truffe, ed anche nel fare più votazioni possibili in modo che chi comandi realmente siano i cittadini e non chi sta al Parlamento !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Orrore!!!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Mio dio!!!
    ma è terribile che stia davvero
    succedendo tutto
    questo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ma tu pensi davvero che andando avanti con la tecnologia restermo a a votare su carta copiativa con apposite matite che neppure vengono più prodotte in italia in quanto mi ricordo pericolose e quindi importate dalla francia perchè una biro bic evidentemente non va bene?prima o poi anche il voto passerà a tecnologie informatiche come l'eltrronica e l'informatica oggi sono dentro alla lavatrice fino all'automobile.
  • SiN scrive:
    Re: Card Identificativa??????
    - Scritto da: Anonimo
    cosa?!!!!!!!

    inserire la card identificativa e votare?


    ma è il voto
    SEGRETO?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1SE il sistema è ben costruito, il voto resta segreto.SE
  • Anonimo scrive:
    Orrore!!!!!
    Mio dio!!!ma è terribile che stia davvero succedendo tutto questo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Card Identificativa??????
    cosa?!!!!!!!inserire la card identificativa e votare?ma è il voto SEGRETO?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1
  • Anonimo scrive:
    Re: Sicurezza
    beh non penso proprio che in irlanda a livello governativo usino qualcosa di diverso da microsoft.da rotolol sarà sicuramente la sicurezza.:D
  • Anonimo scrive:
    Sicurezza
    "Cullen ha spiegato che i vantaggi sono molteplici, primo tra i quali il fatto che "per ragioni diverse, come un segno confuso, un errore di numerazione o problemi di stampa delle schede, migliaia di persone che hanno partecipato nelle passate elezioni non hanno di fatto potuto esprimere il proprio voto.A suo dire la piattaforma tecnologica, invece, spazzerà via questo genere di problemi."Seee col piffero, utilizzeranno Microsoft di sicuro.(linux)(linux)(linux) la vera sicurezza
Chiudi i commenti