Twitter chiude la sede di Milano

La decisione rientra nel piano di ristrutturazione che prevede la riduzione del 9 per cento della forza lavoro. Posto a rischio per sedici dipendenti più il country manager Salvatore Ippolito

Roma – Social network: c’è spazio per tutti? Sembrerebbe di no, a giudicare dall’andamento negativo degli affari per uno dei nomi più in vista, Twitter. L’azienda, secondo quanto riferiscono i quotidiani economici Milano Finanza e Il Sole24Ore , chiuderà la filiale italiana, con sede a Milano, a causa della crisi che investe i conti.

Sedici dipendenti, più il country manager Salvatore Ippolito, perderanno quindi il posto. Della vertenza si stanno già occupando i sindacati e la Regione Lombardia, nel tentativo di trovare una soluzione alternativa alla disoccupazione. La sede milanese era stata inaugurata soltanto nel 2014.

Che Twitter non navighi in acque tranquille è evidenziato dall’andamento del titolo a Wall Street, che dal dicembre 2015 a oggi è passato da 26 a 18 dollari per azione. Colpa della concorrenza, sempre più insidiosa, di altri social network che si basano su servizi avanzati di immagini e video, come Snapchat e Instagram, oltre che di Facebook. Tanto che la stessa Twitter ha dovuto chiudere il proprio, Vine.
Quanto alla possibilità che la società venga acquisita, al momento non si profilano all’orizzonte reali compratori, dopo che Disney, Google e Salesforce, che avevano mostrato interesse, sembrerebbero essersi defilati.

Non è solo la sede italiana a fare le spese dei cattivi affari della società. L’Italia, infatti, rientra nel piano di tagli voluto dal chief executive officer Jack Dorsey: 350 dipendenti, il 9 per cento della forza lavoro globale.
Altro segnale negativo per Twitter è l’ uscita di Adam Bain, chief operating officer che da gennaio ricopriva anche la carica di vicepresidente. Verrà sostituito dal chief financial officer, Anthony Noto.

Pierluigi Sandonnini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • antonio nista scrive:
    ragazze
    Tutte le ragazze
  • bobombo scrive:
    utonti
    Certo che il mondo è bello perché avariato.E non per i gusti degli utenti, ma perché danno i loro dati a sistemi che non sono in grado di mantenerli, e soprattutto non rispondono in caso di furto.Condensato di dabbenaggine da ormoni non contenuti.
Chiudi i commenti