Twitter, cinguetto quindi quoto

Diventa possibile incastonare i tweet con un semplice passaggio di HTML. Proprio come si fa con i video di YouTube. Il microblogging è ormai la voce della Rete?

Roma – Oggi Twitter dovrebbe inaugurare uno strumento per incastonare i cinguettii su siti di parti terze con un semplice passaggio di HTML.

Il servizio di microblogging vorrebbe in questo modo implementare un nuovo modo per citare ed elevare i cinguettii a dichiarazione ufficiale, fine per cui vengono già utilizzati.

Grazie a questo nuovo strumento dovrebbe infatti essere possibile incorporare in una pagina il tweet voluto, come se fosse un ritaglio dello screenshot in cui si trova, insieme al profilo dell’autore. Allo stesso modo di come adesso si può fare con i video di YouTube . Insomma, Twitter avrebbe assecondato l’abitudine dei giornalisti e blogger informatici a ritagliarsi da se l’immagine da incorporare dell’articolo.

In questo modo la piattaforma potrebbe da un lato estendere al sua presenza ufficiale, come nella strategia annunciata al CHIRP di quest’anno, dall’altro potrebbe seguire l’utilizzo che viene fatto dei tweet, ottenerne statistiche ed eventualmente collegarvi dati aggiuntivi.

Per il momento il cinguettio incastonato non sembrerebbe dare la possibilità, idealmente utile, di retweet o risposta.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • la serva che conta scrive:
    i conti della serva
    Una pala eolica dell'ultima generazione (altezza 100mt, potenza massima teorica di picco 2MW, potenza oraria media 1MWh) costa circa 1Meuro (installazione, manutenzione per i 25 anni di vita previsti, rottamazione). Una centrale atomica come quella EPR di Olkiluoto (e già qua si ride, visti i tempi di realizzazione quando sarà terminata sarà già sorpassata) ha una potenza media di 1,5GWh con un costo all inclusive incalcolabile (solo costruzione 5Geuro, manutenzione 200Meuro anno per 50 anni, smantellamento e messa in sicurezza per 10k anni fuori da ogni calcolo economico sensato)Ovvero 1500 pale eoliche producono la stessa energia della centrale con il piccolo particolare che sono più economiche (il GWh costa la metà pur considerando che la pala eolica va installata 2 volte e NON considerando lo smantellameno del nucleare).Tutto il resto sono chiacchere dello Scaloja di turno e di chi gli paga l'appartamento :)
    • mister X scrive:
      Re: i conti della serva
      C'è anche un osservazione da fare: Una centrale eolica funziona quando c'è vento che non è costante durante l'anno (tranne in alcune zone del pianeta) Una centrale Nucleare funziona SEMPRE!quindi a parità di potenza una centrale nucleare produce SICURAMENTE più energiaE' la differenza che passa tra kW a kWh ( o tra W e J) cioè il Tempo di funzionamentoPs: se manca il vento per una settimana le fabbriche non possono chiudere una settimana! (Anche perché equivale a una settimana in meno di stipendio!)
      • Valeren scrive:
        Re: i conti della serva
        E' per questo che non ci si deve appoggiare ad un solo sistema di energia rinnovabile ma alla combinazione di esse.Nei periodi più caldi il solare renderà meglio, in altri periodi renderanno meglio l'eolico, il geotermico o il marittimo.Combini poi con i motori Stirling ( sotto un impianto fotovoltaico per lo scambio aria - terra, o d'inverno per il ciclo inverso ) ed ottieni forniture decisamente più costanti.Più cospique.Non inquinanti.Non letali: http://www.repubblica.it/2004/h/sezioni/esteri/nucgiap/nucgiap/nucgiap.html
        • Valeren scrive:
          Re: i conti della serva
          Aspetta, che l'auto sia un'arma a tutti gli effetti è un dato di fatto.Qui però si parla di energia, non mezzi di trasporto.Non puoi paragonarli.
          • petrestov scrive:
            Re: i conti della serva
            - Scritto da: Valeren
            Aspetta, che l'auto sia un'arma a tutti gli
            effetti è un dato di
            fatto.
            Qui però si parla di energia, non mezzi di
            trasporto.
            Non puoi paragonarli.sì che li si può paragonare se tu dici che nel ponderare la loro utilità e il loro essere letali è solo il nucleare a essere LETALE. qui di fatto si sconfessa una delle più grandi frottole di questo e del secolo passato: e cioè che il nucleare sia letale. è vero che ci sono state Chernobyl e altri disastri legati alle centrali nucleari; ma anche se gli aggiungi le morti della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki al computo totale, non arrivi minimamente alle morti provocate dalle auto IN UN ANNO. sono d'accordo con te: il nucleare è letale; ma molto meno letale e inquinante delle automobili e di chissà quante altre tecnologie utili usate dall'uomo. ma queste ultime sono indiscutibili per la loro utilità. ma anche spostando il discorso sul solo versante energetico, quali sarebbero le alternative al nucleare? le energie rinnovabili? quelle che ricevono incentivi dallo Stato italiano per sopravvivere? quelle che se fossero le uniche fonti di approvvigionamento energetico non mi permetterebbero allo stato attuale di scrivere questo post, perché sono troppo incostanti e il costo della loro energia si aggirerebbe comunque sui 50-60 centesimi di euro a kwh (includendo anche i costi e guadagni del gestore della rete elettrica). sai cosa vorrebbe dire tutto questo? che poche persone potrebbero permettersi l'energia elettrica e molte cose utili della vita quotidiana (anche le auto elettriche).allo stato attuale le cosiddette energie rinnovabili non costituiscono affatto un'alternativa alle fonti convenzionali (tra cui anche il nucleare). tant'è che il verde Obama (quello della green economy) ha emesso una fideiussione statale di 8 miliardi di dollari a favore della costruzione di due nuove centrali nucleari in USA (più una terza in programma) e la Merkel, cancelliere del paese che più usa il fotovoltaico, ha da poco posticipato di molti decenni il pensionamento delle attuali centrali nucleari sul suolo tedesco.[yt]y4eyH2haWWU[/yt][yt]f1xQRLVr0yQ[/yt]
        • shevathas scrive:
          Re: i conti della serva
          - Scritto da: Valeren
          E' per questo che non ci si deve appoggiare ad un
          solo sistema di energia rinnovabile ma alla
          combinazione di
          esse.più appropriatamente ad un mix di fonti a produzione stabile e costante nel tempo (gas, nucleare, idroelettrico, geotermico) e fonti a produzione variabile nel tempo (sole, vento)
          Nei periodi più caldi il solare renderà meglio,
          in altri periodi renderanno meglio l'eolico, il
          geotermico o il
          marittimo.ma tutto questo finirà sempre nella parte variabile della produzione di energia.
          Combini poi con i motori Stirling ( sotto un
          impianto fotovoltaico per lo scambio aria -
          terra, o d'inverno per il ciclo inverso ) ed
          ottieni forniture decisamente più
          costanti.ma non così costanti da poterci fare affidamento per avere una produzione stabile e costante nel tempo.
      • la serva che conta scrive:
        Re: i conti della serva
        - Scritto da: mister X
        Una centrale Nucleare funziona
        SEMPRE!E infatti la Francia tutta nucleare ha un grosso problema: produce costantemente 100, ma di giorno consuma 120 e di notte 60.Ovvero di giorno IMPORTA energia DIURNA (pregiata ad alto prezzo) anche dall'Italia e la notte ESPORTA energia NOTTURNA (poco pregiata, prezzo in saldo) anche all'Italia. Il conto economico è in pari per non dire negativo nei periodi di grossa richiesta diurna.Non lo sapevi? :)Magari non sai nemmeno che le galline europee dalle uova d'oro sono le centrali italiane idroelettriche: le puoi far funzionare solo di giorno (prezzo massimo) e spegnerle COMPLETAMENTE di notte (prezzo minimo). Tutte gli altri tipi di centrale "termica" sono costrette a funzionare -magari non al massimo, ma neppure al minimo- anche la notte
      • la serva che conta scrive:
        Re: i conti della serva

        quindi a parità di potenza una centrale nucleare
        produce SICURAMENTE più
        energiaEd infatti se noti bene io ho scritto i valori medi annuali che per l'eolico sono il 50% di quelli massimi teorici (per il nucleare siamo al 92% principalmente a causa dei cicli di manutenzione)
        Ps: se manca il vento per una settimana le
        fabbriche non possono chiudere una settimana!
        (Anche perché equivale a una settimana in meno di
        stipendio!)Ti sembrerà incredibile ma in Italia ci sono dei piani statistici che tengono conto di tutte le variabili ed individuano il giusto mix di fonti di energia (per la cronaca siamo molto fortunati: le centrali idroelettriche che possono essere spente/accese in 10 minuti... e quando sono spente l'acqua a monte si accumula!)
      • shevathas scrive:
        Re: i conti della serva

        Ps: se manca il vento per una settimana le
        fabbriche non possono chiudere una settimana!
        (Anche perché equivale a una settimana in meno di
        stipendio!)peggio. Ci son certi processi industriali che non puoi interrompere o sospendere con facilità ma devono funzionare obbligatoriamente a ciclo continuo visto che l'interruzione e la ripartenza avrebbero costi eccessivi.Consideriamo anche servizi come gli ospedali o i datacenter che lo stesso devono essere operativi 24/7.In tal caso la soluzione è ricorrere a sistemi di backup come i gruppi di continuità e i generatori diesel. E nel bilancio ecologico sarebbe da considerare anche il costo dell'inquinamento dovuto ai sistemi di backup.
    • petrestov scrive:
      Re: i conti della serva
      - Scritto da: la serva che conta
      Ovvero 1500 pale eoliche producono la stessa
      energia della centrale con il piccolo particolare
      che sono più economiche (il GWh costa la metà pur
      considerando che la pala eolica va installata 2
      volte e NON considerando lo smantellameno del
      nucleare).tutte le energie rinnovabili (eolico, fotovoltaico) sono notoriamente incostanti nel fornire l'energia e il sistema energetico ha bisogno di un sistema di backup per sopperire ai deficit di energia quando fv ed eolico non forniscono energia alle tecnologie (per l'eolico quando non c'è vento; per il fv quando non c'è sole, ergo la notte e durante le giornate uggiose o variabili). quindi la centrale (nucleare, al carbone, a metano) alla lunga la costruisci lo stesso, statti sicuro.ecco perché si stanno sperimentando modi per stoccare l'energia in ecXXXXX prodotta dalle rinnovabili e distribuirla quando ce n'è bisogno in modo da ridurre l'effetto backup. per l'eolico c'è l'idea di convertire la sua energia in un vettore come l'aria compressa e usare quest'ultima per pianificare l'erogazione di energia elettrica. solo che le conversioni intermedie sono dispendiose in termini energetici e non generano in genere un output energetico uguale a quello della fonte.p.s. se l'eolico è così vantaggioso perché mai i produttori di energia eolica (insieme a quelli del fotovoltaico) qui in Italia ricevono lauti incentivi sui kilowattora prodotti? ad esempio l'eolico riceve una tariffa onnicomprensivadi 0,30 euro x kwh prodotto. inutile dire che l'energia elettrica prodotta da centrale nucleare (o da altre fonti tradizionali) costa al carrier (ENEL) MENO DI 0,10 EURO. SECONDO ME I TUOI CONTI NON TORNANO.
      • la serva che conta scrive:
        Re: i conti della serva

        l'energia elettrica prodotta da centrale nucleare
        (o da altre fonti tradizionali) costa al carrier
        (ENEL) MENO DI 0,10 EURO.Parli dell'energia nucleare francese? Quella con la costruzione delle centrali pagata dallo stato? Quella con lo smantellamento delle centrali (questione di pochi anni) sempre a carico dello stato?Che bello! Come dire andare in giro in Ferrari mi costa pochissimo (100 euro di pieno al mese!) visto che la stessa mi è stata regalata dal papà...
        SECONDO ME I TUOI CONTI NON TORNANO.No devi far altro che postare i tuoi :))(i dati tecnici sono facilmente reperibili su internet)
  • sburro scrive:
    in faccia
    e nn fare il pefttino ch fai ridere
  • nemo230775 scrive:
    hahaha
    investire in societa' che dichiarano di poter prevedere il futuro questo si che e' think different altro che jobs XD
    • Daniele scrive:
      Re: hahaha
      - Scritto da: nemo230775
      investire in societa' che dichiarano di poter
      prevedere il futuro questo si che e' think
      different altro che jobs
      XDSTRAMEGASUPERQUOTO! :)
  • iii scrive:
    170 megawatt di energia
    "170 megawatt di energia": interessante...chissà cosa vuol dire però?Watt (W) -
    potenzaJoule (J) o Wattora (Wh) -
    energia
    • Mauro scrive:
      Re: 170 megawatt di energia
      Un watt equivale a 1 joule al secondo (1 J/s)megawatt (MW)= 1 000 000 W
    • rb1205 scrive:
      Re: 170 megawatt di energia
      Qui su PI tendono a pigliare cantonate in ambito fisico... Giusto qualche giorno fa sono caduti in un errore simile, parlando di capacità produttiva di una centrale elettrica in termini di MW/ora ...
Chiudi i commenti