Twitter e l'era del proibizionismo

Il tecofringuello ha ulteriormente ristretto il raggio di azione per le applicazioni di terze parti. Più controlli e informazioni in favore della privacy dell'utente finale. Attenzione insperata o decisione strategica?

Roma – Twitter ha annunciato il cambiamento delle impostazioni sui permessi concessi alle applicazioni di terze parti, una decisione presa guardando alla difesa della privacy dei propri utenti. Questi ultimi disporranno di più controllo sulle informazioni condivise con le app che, da parte da loro, dovranno richiedere un permesso per accedere ai messaggi personali degli iscritti.

La notizia arriva direttamente dal blog ufficiale del tecnofringuello: “A partire da oggi – spiega Jodi Olston – vi daremo più controllo sulle informazioni che condividete con le applicazioni di terze parti”. “Le app che possono accedere ai vostri messaggi diretti – continua il membro dello staff comunicazione – dovranno richiedere nuovamente il permesso. Per la fine del mese, le applicazioni che non hanno bisogno di accedere ai vostri messaggi per lavorare non avranno più la facoltà di farlo, mentre voi potrete continuare a usarle come di solito”.

Una svolta in favore della privacy degli utenti che, per la seconda volta, vede la piattoforma cinguettante limitare il raggio di azione degli sviluppatori terzi . Già in precedenza , infatti, Twitter aveva mostrato di voler adottare una nuova politica in merito alle condizioni d’uso delle API : veniva richiesto agli sviluppatori terzi il rispetto di standard più alti, sia per quanto riguardava l’aderenza all’esperienza del social network, sia per la tutela della privacy degli iscritti.

Il rafforzamento del controllo sulle app si esplica anche con l’ introduzione di maggiori dettagli riguardanti i permessi . In questo modo, quando l’utente farà accesso per la prima volta nell’app, Twitter fornirà maggiori informazioni su come quell’app potrebbe utilizzare l’account. Le possibili attività includono la lettura dei tweet, la vista dei follower, l’aggiornamento del profilo, l’invio di cinguettii per conto dell’utente e l’accesso ai messaggi privati. Qualora l’utente non accettasse le modalità di accesso richieste dall’app, è pronto il pulsante “No, grazie”.

Non tutti sono entusiasti del nuovo corso intrapreso dal tecnofringuello, incluso John Gruber di Daring Fireball , il quale sostiene che una mossa simile è stata quella di obbligare le API ad adottare la procedura di autenticazione OAuth in luogo di quella xAuth . Se la prima rimanda l’utente sulla piattaforma per l’autenticazione delle credenziali, la seconda, invece, provvede direttamente al reperimento delle chiavi di accesso. Secondo Gruber , dunque, l’autenticazione di tipo OAuth porta l’utente su un browser esterno, una procedura che appare essere confusa e portatrice di una bad experience .

Ufficialmente , Twitter dichiara di voler offrire alla popolazione di fringuelli un’esperienza migliore. Resta inteso, tra le righe, che le app ufficiali non saranno soggette a queste nuove regole: fattore che garantirebbe un vantaggio competitivo non da poco al software sviluppato direttamente a San Francisco.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alvaro Vitali scrive:
    Spariti tutti i troll!
    La cosa che dà fastidio è proprio questa; basta scrivere: "Android vulnerabile come Windows" ... e giù 300 commenti pieni di trollate.Se invece si scrive: "risolta in pochi giorni la vulnerabilità di Android" ... ecco che spariscono tutti i troll!Il che fa nascere seri dubbi sul genere umano ...
    • ruppolo scrive:
      Re: Spariti tutti i troll!
      Risolta in pochi giorni?Significa che è stata risolta?No, significa che VERRÀ risolta in pochi giorni. Non si sa quanti. Ma qualcuno mi dovrebbe spiegare questo mistero: Google ha iniziato a distribuire un aggiornamento, ma gli utenti non avranno bisogno di scaricare nulla, tutto verrà fatto sul server. Allora mi chiedo: Google a chi sta distribuendo questo aggiornamento?Ma rimane ancora da sistemare la questione di picasa. Infine, ma questo riguarda Punto Informatico, mi piacerebbe sapere cosa c'entra il Wi-Fi con il fatto che le password viaggiano in chiaro.
      • Anonymous scrive:
        Re: Spariti tutti i troll!
        - Scritto da: ruppolo
        Risolta in pochi giorni?
        Significa che è stata risolta?Dalle informazioni che ho io (e sono autorevoli) Google ha già apportato la correzione, tanto da ottenere elogi in merito alla rapidità e questo grazie anche al fatto che la "patch" è puramente server-side (ergo, attendere non ha senso).Certe XXXXXte, evitate di diffonderle. Per non parlare che sarebbe cosa buona e giusta che iniziaste ad attingere da fonti più autorevoli ed affidabili e non dal topolino di turno.Che poi qualcuno abbia detto che Google distribuisce correzioni, si vede o che ha letto male o che a sua volta è rimasto vittima di disinformazione.
        • OldDog scrive:
          Re: Spariti tutti i troll!
          - Scritto da: Anonymous
          Dalle informazioni che ho io (e sono autorevoli)
          Google ha già apportato la correzione, tanto da
          ottenere elogi in merito alla rapidità e questo
          grazie anche al fatto che la "patch" è puramente
          server-side (ergo, attendere non ha
          senso).

          Certe XXXXXte, evitate di diffonderle. Per non
          parlare che sarebbe cosa buona e giusta che
          iniziaste ad attingere da fonti più autorevoli ed
          affidabili e non dal topolino di turno.E' giusto segnalare vulnerabilità, di chiunque siano: serve anche a mettere pressione alle aziende che devono rimuoverle.Però la notizia non può servire per dare la stura a mille assunzioni, spesso insostenibili davanti al puro buon senso o alla valutazione tecnica.Per esempio, trollare come ieri sulla necessità di un ANTIVIRUS per tutelare Android dalla vulnerabilità mi ha fatto cadere le braccia (e non solo), sottolineando che non esiste un diffuso desiderio di essere tutti più sicuri, ma di denigrare gli altri SPERANDO che non lo siano.Durante le guerre mondiali, i fanti disperati in trincea sospiravano di sollievo se la pallottola in arrivo risparmiava loro e colpiva il soldato vicino, ma NON perché il commilitone fosse morto. "Fraternité" non l'hanno scritto a cas,o nella rivoluzione francese che ha deposto i monarchi a favore del popolo.
      • Sherpya scrive:
        Re: Spariti tutti i troll!
        - Scritto da: ruppolo
        Risolta in pochi giorni?
        Significa che è stata risolta?

        No, significa che VERRÀ risolta in pochi giorni.
        Non si sa quanti.
        Ma qualcuno mi dovrebbe spiegare questo mistero:
        Google ha iniziato a distribuire un
        aggiornamento, ma gli utenti non avranno bisogno
        di scaricare nulla, tutto verrà fatto sul server.
        Allora mi chiedo: Google a chi sta distribuendo
        questo
        aggiornamento?

        Ma rimane ancora da sistemare la questione di
        picasa.


        Infine, ma questo riguarda Punto Informatico, mi
        piacerebbe sapere cosa c'entra il Wi-Fi con il
        fatto che le password viaggiano in
        chiaro.la vulnerabilita' e' piuttosto di google non di android...in pratica il problema lo hai se ti sniffano il token di autentificazione via cattura pacchetti.siccome via wifi protetta non puoi catturare i pacchetti di altri connessi il problema ti capita se la wifi non e' protetta e uno ne crea una con lo stesso nome di quella che ti connetti spacciandola per quell'altra.sinceramente io non mi collego nemmeno col pc a wifi non protette in ogni caso il cookie di gmail da mi fa trovare loggato anche se cambio ip e anche se cambio la password.se devi trollare trolla su google direttamente non su android ruppolo :De ti do anche ragione sta volta!
        • ruppolo scrive:
          Re: Spariti tutti i troll!
          Quindi SSH, VPN e altre decine di protocolli e algoritmi di cifratura esistono solo grazie alle reti Wi-Fi non protette? Di colpo i milioni di Km di rete Internet sono divenuti non intercettabili? Ah però...
          • Ashura scrive:
            Re: Spariti tutti i troll!
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi SSH, VPN e altre decine di protocolli e
            algoritmi di cifratura esistono solo grazie alle
            reti Wi-Fi non protette? Di colpo i milioni di Km
            di rete Internet sono divenuti non
            intercettabili? Ah però...Ruppolo, fai il bravo. E' ovvio che la cifratura in linea è antecedente il WiFi, ma il problema si pone in maniera più evidente sulle reti wireless, visto che non hai bisogno di fare tapping che è complicato e richiede mezzi, competenze ed occasioni, mentre col WiFi ti basta un PC con la schedina e un po' di pazienza.
      • collione scrive:
        Re: Spariti tutti i troll!
        no l'hanno risolta con una modifica server-side, quindi non ti servono nemmeno gli aggiornamenti
        • OldDog scrive:
          Re: Spariti tutti i troll!
          - Scritto da: collione
          no l'hanno risolta con una modifica server-side,
          quindi non ti servono nemmeno gli aggiornamentiPerché la vulnerabilità era legata a specifici aggiornamenti dal client al server google, per i servizi Calendar e Contatti (e Picasa, ancora in test della soluzione).Per fare un paragone con i PC Windows, come se la vulnerabilità fosse nata in Windows nella sincronia tra Outlook e MS Exchange: definirla vulnerabilità Windows sarebbe stato scorretto, se il problema poteva venir risolto dal lato Server Exchange.Ma tanto ieri l'importante era la macchina del fango. :-(
      • Darwin scrive:
        Re: Spariti tutti i troll!
        - Scritto da: ruppolo
        Risolta in pochi giorni?
        Significa che è stata risolta?Praticamente si. Dura la vita del rosicone, eh ruppolo? :D
  • Onda scrive:
    guru meditation
    http://www.tomshw.it/cont/news/google-ha-gia-risolto-la-vulnerabilita-di-android/31499/1.html
  • Onda scrive:
    wow
    ieri la notizia della falla oggi dicono che il fix sarà disponibile tra pochi giorni e senza alcun intervento degli utenti. Chi ha paura di google? .... Ruppolo
    • collione scrive:
      Re: wow
      no ruppolo ha ancora molte frecce al suo sicuro, soprattutto la frammentazione che, a detta sua, è un problema più grave dell'aids :D
      • Arci scrive:
        Re: wow
        - Scritto da: collione
        no ruppolo ha ancora molte frecce al suo sicuro,
        soprattutto la frammentazione che, a detta sua, è
        un problema più grave dell'aids
        :Druppolo ha la FEDE dalla sua, avrà sempre putta.... ops stron... hemm.. caxxa.... uff, frecce al suo arco
Chiudi i commenti