Twitter, il Giorno della Trasparenza

La piattaforma di microblogging informa sulle richieste inviate dai governi del Pianeta e dai detentori di diritti. Dalla consegna dei dati identificativi alla rimozione del materiale in violazione del copyright
La piattaforma di microblogging informa sulle richieste inviate dai governi del Pianeta e dai detentori di diritti. Dalla consegna dei dati identificativi alla rimozione del materiale in violazione del copyright

Tra fuochi d’artificio e barbecue, i cittadini statunitensi si preparano al Giorno dell’Indipendenza. In modo diverso, i responsabili di Twitter vogliono festeggiare le imminenti celebrazioni con un report molto simile a quello aggiornato periodicamente dal gigante Google. Un rapporto per la trasparenza sulle svariate richieste dei governi planetari.

Nel Transparency Report della piattaforma cinguettante, il totale delle notifiche inviate per la consegna di informazioni utili all’identificazione degli utenti. Casi come quello che ha coinvolto Malcolm Harris , nel mirino del Procuratore Distrettuale di New York per i suoi legami con il movimento di protesta Occupy Wall Street .

Sono 849 le richieste totali inviate dai governi a Twitter tra il gennaio e il giugno di quest’anno. Con 679 che provengono dagli Stati Uniti per un totale di quasi mille account coinvolti . La piattaforma di microblogging ha rilasciato “alcune informazioni” nel 75 per cento dei casi in esame.

L’Italia? Si è rivolta a Twitter per meno di dieci richieste, ma non è dato sapere quante. Twitter non ha consegnato alcun dato.

richieste dati

Non solo richieste di consegna dei dati. Twitter ha ricevuto un totale di 3378 takedown notice in base ai dettami legislativi del Digital Millennium Copyright Act (DMCA). Con una percentuale di rimozione del 38 per cento, con oltre 5mila micropost eliminati per aver offerto link a materiale coperto da copyright.

richieste takedown

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 07 2012
Link copiato negli appunti