Ubuntu 11.04, la prima nuotata del Narvalo

Canonical annuncia il debutto ufficiale della nuova versione di Ubuntu, la distro Linux che si configura sempre più come sistema operativo user friendly. In grado di girare indistintamente su dispositivi diversi

Roma – Ubuntu 11.04 , la lungamente attesa nuova versione del sistema operativo open source basato su kernel Linux, ha preso finalmente il largo. Il nuovo OS di Canonical riserva novità di primaria importanza come l’introduzione della discussa shell grafica Unity , per l’occasione rivista e corretta in funzione della sua adozione su sistemi desktop.

Scopo originale di Unity era infatti quello di “servire” gli utilizzatori di Ubuntu su netbook, PC con una dotazione hardware spartana e pensati per un utilizzo semplificato degli strumenti informatici. E invece a partire dal Natty Narwhal, Unity rappresenterà l’interfaccia standard di Ubuntu anche per i PC e laptop tradizionali.

La shell grafica è ora in 3D e richiede la presenza di componenti hardware discrete (GPU) in grado di accelerare il rendering grafico: per i sistemi meno dotati è previsto il passaggio da Unity all’interfaccia standard di Ubuntu, anche se gli sviluppatori sono al lavoro su una versione “2D” della nuova shell che non necessiti di potenti GPU per funzionare.

Di Unity si parlerà certamente tanto nel prossimo futuro, e le prime impressioni evidenziano sia i passi in avanti compiuti da Ubuntu verso la facilità di utilizzo e l’ossessione per le icone stilizzate che i limiti attuali di una tecnologia ancora soggetta a rifiniture ed evoluzioni.

Unity a parte, le novità di Ubuntu 11.04 comprendono anche un Software Center migliorato per l’installazione e la gestione di applicazioni – questo vero e proprio “app store” per Ubuntu Linux permette ora di votare e recensire le singole applicazioni – un nuovo media player – Banshee al posto di Rhythmbox – e miglioramenti prestazionali e di interfaccia per il servizio di sincronizzazione remota Ubuntu One.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Valeren scrive:
    Re: Evasione di 65'000 euro?
    Io mi sono perso molto prima.Queste compravano in Cina a 40 e rivendevano in Cina a 150 ?
    • gips scrive:
      Re: Evasione di 65'000 euro?
      bhe, no, rivendevano qui...
    • gips scrive:
      Re: Evasione di 65'000 euro?
      se ti riferisci a questo"Pare che gran parte delle vendite siano state portate a termine nella stessa Cina, "si tratta, penso, di un modo poco chiaro di deifinire vendite in dropshipping per conto delle 2 cinesi...
      • Valeren scrive:
        Re: Evasione di 65'000 euro?
        Col dropshipping sarebbero stati inviati materialmente dalla Cina, ed alla dogana bloccano di tutto e di più - per esperienza.Li avrebbero beccati al volo.
Chiudi i commenti