UE: come funziona il diritto all'oblio?

I Garanti della privacy europei hanno incontrato Google: l'applicazione del diritto all'oblio è un meccanismo complesso, ancora tutto da studiare

Roma – Google, Bing, Yahoo! hanno incontrato le autorità europee che si occupano di privacy, riunite nell’ Article 29 Working Party (A29WP), per parlare di diritto europeo online.

Al centro dell’incontro , in particolare, 26 domande che riguardano l’applicazione del concetto di “diritto all’oblio”: con questo termine si intende, in generale, quella delicata applicazione del diritto alla privacy che riconosce il diritto a veder “dimenticati” alcuni episodi che secondo il diretto interessato dovrebbero rimanere sepolti nel passato, in un pericoloso equilibrio tra diritto alla cronaca e quello alla privacy .

Google ha iniziato a giugno a rimuovere alcuni risultati da quelli offerti dal suo motore di ricerca, in seguito alla decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha stabilito l’obbligo da parte degli operatori del search di raccogliere segnalazioni da parte dei cittadini e di provvedere alla rimozione di alcuni link che li riguardano; Bing ha invece fatto sapere a metà luglio di essersi preparata ad adempiere alle direttive UE.

Le autorità dell’A29WP vorrebbero dunque sapere ora come i motori di ricerca stanno operando, come avviene la rimozione di un determinato contenuto, quali sono i criteri di valutazione adottati caso per caso, se editori e giornali vengono avvisati (e come) dell’eventuale rimozione di un loro articolo ed in generale come si svolge il processo di de-indicizzazione dai risultati delle ricerche.

Sono d’altra parte diverse le questioni lasciate aperte dalla sentenza europea che ha di fatto riconosciuto il diritto all’oblio senza che sia stato previsto un regolamento ad hoc: la materia rimane in mano agli operatori privati, cui le autorità non hanno ancora deciso come far pressione e cosa chiedere di preciso.

Nell’incontro ora avvenuto, per esempio, è stata Google a fotografare il vaso di Pandora scoperchiato dalla decisione dei giudici europei: ha spiegato di aver ricevuto già circa 91mila richieste di rimozione di contenuti (cifra davanti alla quale i numeri di Bing e Yahoo appaiono insignificanti), relative ad oltre 328mila link, e di averne approvate circa la metà: sempre e solo relativamente alle versioni europee delle sue ricerche.

D’altra parte, gli stessi link restano ancora rintracciabili su Google.com : è questo uno dei fattori non preso in considerazione dalla sentenza europea, ma che non sembra affatto piacere alle autorità del Vecchio Continente, che dimostrano di voler imboccare la stessa direzione del Canada che ha ribadito di voler imporre al motore di ricerca la rimozione a livello globale dei link da dimenticare.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    perche' non riescono a bloccare piracy
    [code]#fase1# [ gateway 1 ] / | | | / | | | usr1 usr2 usr3 usr4 usr5 usr pool : df --total | grep total -
    500 TB#fase2# hollywood
    OMG! feds -
    judge -
    www.evil.org resolved in 127.0.0.1 gateway1
    vi named.conf named.conf.options (ecc)#fase3# [ gateway 1 ] / | | | / | | | usr1 usr2 usr3 usr4 usr5 usr6usr pool : df --total | grep total -
    600 TB#fase4# hollywood
    OMG! feds -
    SWAT / judge -
    www.evil.org no such domain gateway1 admin
    holy shit#fase5#usr1/7 $ bitchx irc.antani.org ... blablabla ... oh, gateway_2 is cool [ gateway 2 ] / | | | / | | | usr1 usr2 usr3 usr4 usr5 usr6 usr7usr pool : df --total | grep total -
    700 TB[/code]
    • ... scrive:
      Re: perche' non riescono a bloccare piracy
      Oooooohhh.....[img]http://1.bp.blogspot.com/-NsxjQmGlGHc/UZoC3VshnkI/AAAAAAAAGSQ/De0NnkBHQV8/s640/faccia.jpg[/img]
    • user_ scrive:
      Re: perche' non riescono a bloccare piracy
      spiega con parole semplici
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: perche' non riescono a bloccare piracy
        contenuto non disponibile
        • uomo di paglia scrive:
          Re: perche' non riescono a bloccare piracy
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: user_

          spiega con parole semplici

          trad:
          i piagnistei dei tizi non servono ad un sigaro
          col ciuffo(rotfl)(rotfl)
        • bubba scrive:
          Re: perche' non riescono a bloccare piracy
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: user_

          spiega con parole semplici

          trad:
          i piagnistei dei tizi non servono ad un sigaro
          col ciuffo perchè per ogni ordinanza esiste una
          contromossa banale, nel mentre i dati aumentano e
          gli utenti
          pure.e, SOPRATUTTO, i dati sono a casa dagli utenti. Ai voja a spiccare ordinanze verso i vari "gateway"...(claro che non era un trattato, un disegnino semplificato(rio)... pero'.. )
    • 0x0f scrive:
      Re: perche' non riescono a bloccare piracy
      In poche parole: "Si chiude una porta e si apre un portone" :D
Chiudi i commenti