UE e USA, insieme per la privacy

I rappresentanti dei due grandi macromercati dell'economia di rete annunciano l'avvio di una partnership tesa a stabilire regole e condotte comuni in merito alla privacy dei netizen. Che alla loro riservatezza ci tengono eccome

Roma – Il Commissario Europeo Viviane Reding e il Segretario del Commercio John Bryson si sono virtualmente incontrati (in videoconferenza) nel corso della High Level Conference on Privacy and Protection of Personal Data , e il risultato è stato l’annuncio concordato di una nuova collaborazione tra Europa e USA sullo spinoso tema della privacy online.

Le due sponde dell’Atlantico proveranno dunque – almeno a parole – a ricomporre l’intricatissimo puzzle della protezione dei dati personali dei netizen, un rompicapo che al momento vede contrapporsi la sostanziale libertà di policy dei net-colossi statunitensi e il giro di vite recentemente imposto da Bruxelles per la salvaguardia dei dati personali entro il cyber-spazio comunitario.

Nel loro comunicato congiunto, Reding e Bryson sostengono che “l’Unione Europea e gli Stati Uniti sono leader globali nella protezione delle libertà individuali”, privacy inclusa. “Una più forte cooperazione trans-Atlantica nel campo della protezione dei dati” non potrà dunque che “far aumentare la fiducia dei consumatori e promuovere la crescita continuata della economia di rete globale e l’evoluzione del mercato comune digitale trans-Atlantico”.

In attesa dei frutti del nuovo patto per la difesa della riservatezza online, gli studi di settore evidenziano come agli utenti il tema della privacy interessi eccome: checché ne dicano i vati della socialnuvola Mark Zuckerberg e Eric Schmidt, la maggioranza dei netizen è consapevole dei problemi della sovraesposizione delle identità digitali e potendo scegliere preferisce i soggetti che offrono una protezione migliore.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    "Qualora"
    "qualora i ricercatori riuscissero a ideare un sistema di alimentazione capace di servirsi dell'idrogeno naturalmente disciolto nell'acqua, il robot potrebbe essere impiegato per il monitoraggio oceanico o anche per la sorveglianza discreta delle acque blu"Qualora io trovassi il modo di applicare una ruota a mia nonna, diventerebbe una carriola.
  • Pistola scrive:
    Soluzione
    L'idea più efficiente sarebbe usare una medusa vera.
  • eleirbag scrive:
    Non solo dovranno trovare il metodo
    per ricavare ossigeno e idrogeno dall'acquamarina, ma dovranno anche ingegnerizzarloin piccolo per riuscire a inserirlo nel corpodella medusa. Insomma non penso sarà una cosadi qualche mese e forse nemmeno di qualche annoe forse nel frattempo troveranno un'altrasoluzione per far "vivere" la medusa autonomamente.Comunque molto interessante.
  • eleirbag scrive:
    Non solo dovranno trovare il metodo
    per ricavare ossigeno e idrogeno dall'acquamarina, ma dovranno anche ingegnerizzarloin piccolo per riuscire a inserirlo nel corpodella medusa. Insomma non penso sarà una cosadi qualche mese e forse nemmeno di qualche annoe forse nel frattempo troveranno un'altrasoluzione per far "vivere" la medusa autonomamente.Comunque molto interessante.
    • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
      Re: Non solo dovranno trovare il metodo
      Elettrolisi?Ops..... serve elettricità! (ROTFL)
      • eleirbag scrive:
        Re: Non solo dovranno trovare il metodo
        Si è esattamente quello a cui pensavoanch'io. ProXXXXX di elettrolisi perscindere l'acqua in ossigeno e idrogeno.Il problema è proprio nella produzionedella quantità di energia elettrica necessariaper tale proXXXXX. Credo stiano lavorandopropio su questo punto per tentare diottimizare il proXXXXX e far si che neserva molta di meno per riuscire a produrrei due elementi.Ma la vedo veramente dura!
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Non solo dovranno trovare il metodo
          - Scritto da: eleirbag
          Si è esattamente quello a cui pensavo
          anch'io. ProXXXXX di elettrolisi per
          scindere l'acqua in ossigeno e idrogeno.
          Il problema è proprio nella produzione
          della quantità di energia elettrica necessaria
          per tale proXXXXX.Quello è semplicissimo da risolvere
          Credo stiano lavorando
          propio su questo punto per tentare di
          ottimizare il proXXXXX e far si che ne
          serva molta di meno per riuscire a produrre
          i due elementi.
          Ma la vedo veramente dura!macchè, basta una prolunga molto molto molto lunga ed una presa di corrente.Scusate, ma vi rendete conto di come l'avete "ricostruito"?O i gas li trovi disciolti nel mare e li catturi senza troppo sforzo energetico oppure non ha alcun senso mettere su un trespolo 10 volte energia per produrre gli elementi che poi ti producono un decimo dell'energia, se l'ipotesi fosse quella di scindere le molecole d'acqua
          • eleirbag scrive:
            Re: Non solo dovranno trovare il metodo
            Difatti ho parlato di rendere efficientee conveniente l'elettrolisi.Altrimenti non capisco come si fa arecuperare i due elementi dall'acquasenza l'impiego di energia elettrica.Anche se personalmente credo che stianolavorando su un proXXXXX meccanico o chimicoreversibile per scindere in modo moltopiù efficiente, energeticamente parlando,e in quantità maggiori l'idrogeno e l'ossigeno.Ad esempio;Potrebbero studiare un proXXXXX di fotoscissioneda impiegare nel cappello della medusa quandoquesta si trova in superficie, sfruttando inquesto modo l'energia solare come fonte di energiaper il proXXXXX chimico.Logicmamente sono solo congetture e fore nonsi avrà nemmeno mai la risposta. Ma comunqueil discorso è molto affascinante, almeno per me.
  • johnny il fenomeno scrive:
    Qualcuno....
    Qualcuno sa da quale fonte verra' preso l'ossigeno gassoso?
    • johnny il fenomeno scrive:
      Re: Qualcuno....
      Ed anche l'idrogeno. (Scusate il doppio post)
      • Fragy scrive:
        Re: Qualcuno....
        - Scritto da: johnny il fenomeno
        Ed anche l'idrogeno. Allora, l'ossigeno è solubile in acqua (ci vivono parecchi animali che sfruttano tale propietà), per l'idrogeno qui:http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_watervista la solubilità e visto che il rapporto è di uno a due (una molecola di ossigeno per due di idrogeno), la vedo dura, ma non impossibile.
        • pignolo scrive:
          Re: Qualcuno....
          - Scritto da: Fragy
          Allora, l'ossigeno è solubile in acqua (ci vivono
          parecchi animali che sfruttano tale propietà),
          per l'idrogeno
          qui:
          http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_w
          vista la solubilità e visto che il rapporto è di
          uno a due (una molecola di ossigeno per due di
          idrogeno), la vedo dura, ma non
          impossibile.Dall'articolo: qualora i ricercatori riuscissero a ideare un sistema di alimentazione capace di servirsi dell'idrogeno naturalmente disciolto nell'acqua ... tutta fuffa insommma!
          • krane scrive:
            Re: Qualcuno....
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: Fragy


            Allora, l'ossigeno è solubile in acqua (ci
            vivono

            parecchi animali che sfruttano tale propietà),

            per l'idrogeno

            qui:


            http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_w

            vista la solubilità e visto che il rapporto è di

            uno a due (una molecola di ossigeno per due di

            idrogeno), la vedo dura, ma non

            impossibile.

            Dall'articolo:

            <i
            <b
            qualora </b
            i ricercatori riuscissero a
            ideare un sistema di alimentazione capace di
            servirsi dell'idrogeno naturalmente disciolto
            nell'acqua </i


            ... tutta fuffa insommma!Articolo giornaliero di Maruccia...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 marzo 2012 10.47-----------------------------------------------------------
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Qualcuno....
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: Fragy


            Allora, l'ossigeno è solubile in acqua (ci
            vivono

            parecchi animali che sfruttano tale propietà),

            per l'idrogeno

            qui:


            http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_w

            vista la solubilità e visto che il rapporto è di

            uno a due (una molecola di ossigeno per due di

            idrogeno), la vedo dura, ma non

            impossibile.

            Dall'articolo:

            qualora i ricercatori riuscissero a
            ideare un sistema di alimentazione capace di
            servirsi dell'idrogeno naturalmente disciolto
            nell'acqua

            ... tutta fuffa insommma!Se l'articolo descrive bene la cosa, non solo è fuffa ma pure demenziale.Quanto idrogeno ci potrà mai essere disciolto nei mari? Nell'atmosfera è 0,5 parti per milione (wikipedia) e vista la sua leggerezza sarà in buona parte nell'alta atmosfera. Forse vicino a qualche vulcano subacqueo la percentuale può salire, ma resta irrisoria.Poi sembra che la cosa funzioni per combustione (presumo non sia semplicemente infilarci un accendino ma sia una "ricombianzione" sponatena o qualcosa del genere a certe condizioni) per muovere uanmolla e dare un leggerissima spinta, quanto idrogeno serve per fare un metro?Con che energia assorbe l'idrogeno e l'ossigeno?Nessuno se lo chiede prima di scrivere un articolo?Ci si ferma al "sembra ganzo"?A quel punto probabilemnte è più logico supporre che la medusa assorba la Co2 dal mare, di notte, poi aspetti il giorno e con il calore che ne espande il gas, si muova per reazione. Non sono certo in gardo di far calcoli sul funzionamento o emno, ma di co2 in mare ve n'è più che Idrogeno ed è molto più facile da catturare, e che almeno in superficie l'acqua abbia temeparture diverse di giorno e di notte è altrettanto evidente oppure fanno una balena che filtra l'acqua in caccia di microorganismi (o residui) dispersi, li digerisce tramite appositi batteri e produce metano per funzionare.Sono buttate lì ma sono sicuramente meno evidentemente contestabili del progetto in questione
        • johnny il fenomeno scrive:
          Re: Qualcuno....
          - Scritto da: Fragy
          - Scritto da: johnny il fenomeno

          Ed anche l'idrogeno.
          Allora, l'ossigeno è solubile in acqua (ci vivono
          parecchi animali che sfruttano tale propietà),
          per l'idrogeno
          qui:
          http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_water
          vista la solubilità e visto che il rapporto è di
          uno a due (una molecola di ossigeno per due di
          idrogeno), la vedo dura, ma non
          impossibile. Immaginavo questa risposta. Pero', come tu gia' sospetti,l'efficienza e bassissima, e le quantita' sono miserrime. Anche ammesso che risolvano i problemi tecnologici, ho il sospetto che rimarranno con un pugno di mosche.
        • TuttoaSaldo scrive:
          Re: Qualcuno....

          http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_w
          vista la solubilità e visto che il rapporto è di
          uno a due (una molecola di ossigeno per due di
          idrogeno), la vedo dura, ma non
          impossibile.Ok. Il problema si sposta, come si fa a riempire l'oceano di idrogeno per far camminare la robomedusa?
        • TuttoaSaldo scrive:
          Re: Qualcuno....

          http://wiki.answers.com/Q/Is_hydrogen_soluble_in_w
          vista la solubilità e visto che il rapporto è di
          uno a due (una molecola di ossigeno per due di
          idrogeno), la vedo dura, ma non
          impossibile.Ok. Il problema si sposta, come si fa a riempire l'oceano di idrogeno per far camminare la robomedusa?
Chiudi i commenti