UE, Google libera i marchi in AdWords

Uniformata in Europa la policy sui link sponsorizzati e l'impiego da parte di inserzionisti terzi di nomi registrati. Ora è più simile a quella del Nordamerica, e l'Italia non fa eccezione - UPDATE

UPDATE: Abbiamo aggiunto alcune precisazioni che ci ha inviato l’Ufficio Stampa di Google. L’articolo conteneva delle imprecisioni riguardanti l’adozione in Italia della nuova policy.

Roma – Dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea , che ha affermato che AdWords non viola il diritto europeo permettendo ai suoi inserzionisti di utilizzare parole e marchi registrati dagli avversari per la loro pubblicità, Google ha deciso di apportare qualche cambiamento alle sue policy per il Vecchio Continente sulla questione. In questo modo, dice Mountain View, sarà possibile fornire più informazioni (più utili, ci si augura) agli utenti che effettuino una ricerca: ad esempio, mostrare tramite i link sponsorizzati annunci riguardanti offerte di un rivenditore del marchio in questione. Per quanto attiene prodotti concorrenti, in alcuni paesi (tra cui l’Italia e la Francia) permangono alcune limitazioni.

A partire dal 14 settembre, riferisce Mountain View, gli inserzionisti in Europa potranno quindi utilizzare i marchi come parole chiave per acquistare inserzioni AdWords. Poiché la Corte di Giustizia ha sancito che la precedente interpretazione della normativa comunitaria sui marchi era stata di fatto travisata, e ha riconosciuto a Google lo status di mero fornitore di servizio sollevandolo dagli oneri di controllo del contenuto dei link sponsorizzati, BigG può ora lasciare spazio alle offerte degli inserzionisti anche su parole chiave che facciano riferimenti a brand consolidati: nel rispetto, si intende, delle leggi vigenti a livello nazionale e continentale.

I cambiamenti riguarderanno l’utilizzo dei marchi in Europa e nell’area europea di libero scambio ( EFTA ). Il servizio AdWords viene in questo modo adeguano a quello già offerto in altre parti del mondo , come Stati Uniti, Canada e Regno Unito. In vigore restano comunque tutte le leggi nazionali (nel caso dell’Italia, ad esempio, le norme sulla pubblicità comparativa), che piazzano comunque dei paletti alla nuova policy.

Viene quindi garantita in ogni caso la possibilità per i titolari di un marchio di segnalare eventuali situazioni che a loro giudizio rischiano di creare confusione . Se sussiste nell’annuncio indicato il rischio che possa effettivamente malindirizzare gli utenti circa l’origine dei beni e servizi pubblicizzati, allora l’inserzione sarà rimossa.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    A tutto c'è un limite
    D'accordo la difesa dell'immagine dei giocatori, d'accordo lo sfruttamento commerciale, ma 'sta cosa mi è sempre sembrata assurda.Sei un personaggio pubblico? La tua faccia e le tue caratteristiche fisiche sono di pubblico dominio, e finché non se ne fa un uso diffamatorio o di dileggio (e non è questo il caso) dovrebbe esserci libertà per chiunque di utilizzarle.In fondo sono libero di farti una caricatura satirica, e lucrarci su.Però questi vogliono mantenere il lucroso mercato delle licenze...
    • lui scrive:
      Re: A tutto c'è un limite
      - Scritto da: Funz
      D'accordo la difesa dell'immagine dei giocatori,
      d'accordo lo sfruttamento commerciale, ma 'sta
      cosa mi è sempre sembrata
      assurda.

      Sei un personaggio pubblico? La tua faccia e le
      tue caratteristiche fisiche sono di pubblico
      dominio, e finché non se ne fa un uso
      diffamatorio o di dileggio (e non è questo il
      caso) dovrebbe esserci libertà per chiunque di
      utilizzarle.
      In fondo sono libero di farti una caricatura
      satirica, e lucrarci
      su.
      Però questi vogliono mantenere il lucroso mercato
      delle
      licenze...concordonon se ne può proprio più
Chiudi i commenti