UE, la banda s'allarga quasi ovunque

Nonostante un lieve calo del tasso di crescita dovuto alla crisi, procede il processo di digitalizzazione dell'Europa. Anche se con luci ed ombre. Come nel caso dell'Italia

Roma – La Commissione Europea ha divulgato il rapporto con cui viene annualmente analizzato lo sviluppo della banda larga in Europa. Per il 2009 si registra innanzitutto un lieve calo nella crescita verso la digitalizzazione del Vecchio Continente, comunque giustificata dalle situazioni contingenti alla crisi.

La situazione fotografata vede, a luglio 2009, il 24 per cento della popolazione UE possedere una connessione di banda larga, facendo così registrare una crescita del 21,6 per cento rispetto al 2008 con un totale di 11,5 milioni di nuove linee attivate dal luglio 2008.

Di queste, l’80 per cento ha una velocità di download di 2 megabit al secondo (Mbps), che significa un aumento della media pari al 5 per cento.

La Commissione Europea ritiene la diffusione della banda larga un indice fondamentale di sviluppo delle ICT. Per questo, la commissaria europea delle telecomunicazioni Viviane Reding ha ribadito nell’occasione l’importanza dei progetti di incentivazione delle connessioni ad alta velocità, settore strategico per lo sviluppo di un’economia europea che, come già avevano affermato le istituzioni nel corso dela Consiglio Europeo di Lisbona del 2001, sarebbe dovuta essere basata sull’innovazione e sulla conoscienza.

“Internet a banda larga di nuova generazione, con reti a fibre ottiche o senza fili – ha affermato la Reding – è un presupposto essenziale per l’affermarsi di una economia digitale forte in Europa e per garantire la supremazia europea nelle nuove tecnologie e applicazioni. Mercato unico e concorrenziale delle telecomunicazioni costituiscono una priorità strategica dell’agenda europea del digitale che la Commissione sta attualmente preparando”.

Il rapporto fotografa anche la situazione dei singoli paesi, fornendo statistiche da confrontare. A registrare un livello di crescita della banda larga superiore a quello degli Stati Uniti (secondo le statistice dell’OCSE al 25,8 per cento) Danimarca (37,4 per cento), Paesi Bassi (37,9), Svezia (32,5), Finlandia (30,5), Lussemburgo (31,2), Regno Unito (28,4), Francia (27,7), Germania e Belgio (27,5).

A fare un balzo avanti nel 2009 rispetto all’anno precedente sono Lussembrugo (+18,3 per cento) e Portogallo (+11,7), mentre per l’italia la crescita è rallentata di circa lo 0,5 per ento (passata da un tasso di crescita annuo del 4,7 per cento nel 2007 rispetto al 2006, al 3,6 del 2008 al quasi 3,2 del 2009). Complessivamente il paese è fermo al 19,8 per cento (dati sostanzialmente simili a quelli forniti dall’OECD che la fotografava a dicembre 2008 al 19,2) diciasettesima nella classifica europea, appena sopra la Lituania (18,2) e con dietro altri nove paesi, con Bulgaria, Romania e Polonia a fare da fanalino di coda.

Per quanto riguarda invece la banda larga mobile, si nota un aumento del 54 per cento da gennaio per i paesi europei (tasso di penetrazione 4,2 per cento). Proprio in questo settore l’Italia sembra essere campione: le chiavette offerte dagli operatori telefonici registrano un 4,7 per cento di penetrazione, piazzando il Belpaese al settimo posto (sopra la media europea), e in cifre assolute (oltre 30 milioni di apparecchi per la connessione mobile) cede lo scettro solo alla Polonia.

L’Italia inoltre anche se le istituzioni non sembrano perseguire con decisione questa strada nel futuro prossimo, a differenza di altri Paesi europei che sembrano avere una politica più chiara, ha comunque registrato quasi un milione e 200mila nuove linee DSL, grazie soprattutto all’arrivo sul mercato di nuovi operatori a far concorrenza a quelli tradizionali.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • asdrubbale scrive:
    god share the queen!
    come da oggetto
  • utorrent scrive:
    p2p sharer
    probabby haquer @nd company. sharer p2p & etc exaggerated sharer ... uuuuhh .. i post a link ironicus http://img696.imageshack.us/img696/8518/hacker.jpgbye
  • Dj. Manolo scrive:
    Nessuno vuole lo scarico!
    Non c'e' un politico importante favorevole alla pirateria manco a pagarlo.Forse perche' abbuffarsi di programmi pirata e film non e' ne' un bisogno primario, e ne' un diritto.Soccomberete voi e quei partiti pirata da 4 soldi sparsi qua e la'.
    • Be&o scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!
      Questo perchè se a te un videogioco costa il 5% dello stipendioa loro costa ... un aumento in mazzette.
    • Alessio scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!
      - Scritto da: Dj. Manolo
      Non c'e' un politico importante favorevole alla
      pirateria manco a
      pagarlo.

      Forse perche' abbuffarsi di programmi pirata e
      film non e' ne' un bisogno primario, e ne' un
      diritto.

      Soccomberete voi e quei partiti pirata da 4 soldi
      sparsi qua e
      la'.Veramente ho come l'impressione che a soccombere saranno gli straccioni che non hanno saputo ne' voluto capire quanto è cambiato il mondo e quanto vecchio sia il modello di business che vogliono ancora difendere.
    • harvey scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!
      O magari perche' quando guadagni come un politico, risparmi a comprarlo il CD
    • bravo eh scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!

      Soccomberete voi e quei partiti pirata da 4 soldi
      sparsi qua e
      la'.Bravo eh soccomberete qua soccomberete la intanto i servizi segreti UK hanno colto il punto: tutti cripteranno e diventerà difficile scovare i criminali veri tipo terroristi fra migliaia di flussi dati indecifrabili!Però w l'illusione delle disconnessioni correremo tutti più rischi e qualche innocente perderà la linea!Ah e l'Inghilterra è una monarchia parlamentare la regina non è un politico informati meglio.
    • Funz scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!
      Quando succederà voi poveretti sarete già finiti in mezzo alla strada da un pezzo.
      • Merdice scrive:
        Re: Nessuno vuole lo scarico!
        Speriamo Funz, speriamo! Almeno i loro figli faranno lavori seri piuttosto che far finta di fare gli imprenditori e far pagare le copie.
    • Dj. pannocchio scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!

      Soccomberete voi e quei partiti pirata da 4 soldi
      sparsi qua e la'.Su, da bravo, comincia a rassegnarti, tanto lo sai benissimo che il P2P non può essere fermato!
    • Dj. Pannocchio scrive:
      Re: Nessuno vuole lo scarico!

      Soccomberete voi e quei partiti pirata da 4 soldi
      sparsi qua e la'.Si, certo, certo, ma adesso, su, da bravo, comincia a rassegnarti, che tanto lo sai benissimo che il P2P non può essere fermato!
  • El Castigador scrive:
    la regina dei dinosauri
    La regina Elisabetta... anno di nascita 1926 ... quando era finita la Seconda Guerra Mondiale aveva quasi vent'anni... e pretende di parlare di internet e videogiochi, che probabilmente in vita sua non ha nemmeno visto da lontano... ma prima o poi sparirà questa generazione di dinosauri che pretendono di insegnare ai mammiferi come si deve vivere...
    • Guybrush scrive:
      Re: la regina dei dinosauri
      - Scritto da: El Castigador
      La regina Elisabetta... anno di nascita
      1926 ... quando era finita la Seconda
      Guerra Mondiale aveva quasi vent'anni... e
      pretende di parlare di internet e videogiochi,
      che probabilmente in vita sua non ha nemmeno
      visto da lontano... ma prima o poi sparirà questa
      generazione di dinosauri che pretendono di
      insegnare ai mammiferi come si deve
      vivere...Sua Altezza sara' pure stagionata, ma ha una visione un pelino piu' ampia del problema. Evidentemente doveva rafforzare qualche alleanza o ripagare un favore, o magari metterne uno all'incasso.La dottrina Sarcozy e' inapplicabile, come entro breve tempo potremo tutti toccare con mano: l'uso delle connessioni cifrate, l'utilizzo di contro-denunce per violazione di domicilio informatico, tecniche di delocalizzazione degli illeciti grazie alle falle che le norme di cui sopra hanno... insomma ci sara' da ridere."Lei ha diffuso illecitamente, ho visto la sua pagina web...""Io? Io ho messo alcuni link in una casella di posta di mia proprieta' e protetta con password, lei afferma di averla vista quindi ha violato la mia casella di posta, che fa? Confessa?"(questo gia' puo' avvenire)E ancora:"Lei ha scaricato abusivamente il brano...""Ero connesso tramite VPN con alcuni server privati, magari ho commesso un illecito amministrativo (=parcheggio in sosta vietata), ma temo che in guai seri ci stia per finire qualcun altro"....e visto che in Italia i criminali se la passano meglio della gente perbene, mi viene da pensare che questo "giro di vite" contro i criminali del web sia in realta' un regalo, un invito a proseguire su questa strada e un incoraggiamento.Le disconnessioni potrebbero diventare un affare MOLTO indigesto.SalutiGT
Chiudi i commenti