UE: ricordati del diritto all'oblio

Entro il 2011 nuove regole a tutela della privacy di milioni di cittadini. Per aggiornare ai tempi digitali le regole nate prima del Web e dei social network. Il dato è mio, e lo gestisco io

Roma – “La protezione dei dati personali rappresenta un diritto fondamentale del cittadino. Affinché questo diritto sia effettivamente garantito, c’è bisogno di regole chiare e coerenti. Quello che dobbiamo fare è aggiornare le nostre leggi, adeguarle a quelle sfide lanciate dalle nuove tecnologie e dalla globalizzazione”. Così il commissario europeo per la Giustizia Viviane Reding, recentemente intervenuto per annunciare una serie di regole che potrebbero modificare in maniera significativa l’attuale rapporto tra 500 milioni di cittadini europei e giganti del web come Facebook e Google.

Regole da introdurre entro l’anno 2011 , ad aggiornare una legge – quella a protezione dei dati personali – ormai vecchia di 15 anni. Troppi, almeno secondo la visione illustrata da Reding, che ha così annunciato l’avvio di un dibattito pubblico in vista di una sostanziale revisione legislativa. Una regolamentazione che risulti effettivamente al passo coi nuovi tempi digitali, dettata da nuove esigenze di tutela nei confronti di milioni di netizen, la cui privacy è continuamente messa a rischio da attività aziendali poco chiare e soprattutto poco trasparenti .

“I cittadini dovrebbero essere in grado di fornire il proprio consenso per la gestione dei dati personali, ad esempio quando si ritrovano a navigare online – ha spiegato il commissario lussemburghese – E dovrebbero avere anche il diritto di essere dimenticati, quando i loro dati non sono più necessari o magari quando sono gli stessi cittadini a volere la rimozione delle informazioni”. Un chiaro riferimento alle policy di un gigante social come Facebook, affinché gli utenti in blu abbiano un reale controllo dei propri dati. Che possano decidere di sparire per sempre dai meandri della piattaforma di Mark Zuckerberg.

Il messaggio di Reding ha riecheggiato chiaramente : qualora nuove regole venissero implementate, aziende come Google e Facebook dovrebbero aprire una vera e propria stagione della trasparenza. Spiegando ai propri utenti come, quando e perché le varie informazioni raccolte vengano sfruttate. I cittadini europei sarebbero quindi in grado di capire chiaramente per quanto tempo i propri dati rimangano a disposizione delle varie aziende del web , capaci di imporre un diritto all’oblio che permetta loro di far sparire determinate informazioni. Magari per ricominciare, per avere una seconda chance anche nella vita virtuale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Winston Smith scrive:
    ben oltre l'orwellismo
    Qui siamo ben oltre a cosa ceh Orwell aveva immaginato (e azzeccato), forse. O forse possiamo ridurre tutto alla sua previsione: lo stivale che schiaccia la testa ... il bene di pochi sul bene di molti, attraverso il controllo totale e "l'occhio vigile del big brother".Una cosa sola mi consola: tutto questo COSTA molto.
  • attonito scrive:
    pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
    come da titolo
    • Franky scrive:
      Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
      - Scritto da: attonito
      come da titoloesatto!!! ormai il trend e' proprio questo...paghi per avere un servizio peggiore non migliore.... ho comprato un dizionario di spagnolo cartaceo tempo fa con allegata una versione cd di questo dizionario...alla fine ho scoperto che non si poteva installare sull' Hard Disk ed usare durante la connessione ad internet per via delle molteplici protezioni...alla fine l'ho preso e l'ho buttato giu' dal quarto piano... mai piu' dizionari elettronici a pagamento...ora ho scoperto questi di google...che sono completi gratuiti e non hanno limitazioni...tutte le volte che ho comprato qualcosa di commerciale ultimamente me ne sono sempre pentito...alla fine esaspereranno talmente le persone che si rifiuteranno persino di utilizzare siti commerciali gratuiti....
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
        Infatti: che muoian di fame, il mondo sarà migliore senza di loro.
      • Undertaker scrive:
        Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
        - Scritto da: Franky
        piano... mai piu' dizionari elettronici a
        pagamento...ora ho scoperto questi di
        google...che sono completi gratuiti e non hanno
        limitazioni...perché google, come tutti sanno non é un azienda commerciale e fa solo beneficenza
        • Franky scrive:
          Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
          - Scritto da: Undertaker
          - Scritto da: Franky

          piano... mai piu' dizionari elettronici a

          pagamento...ora ho scoperto questi di

          google...che sono completi gratuiti e non hanno

          limitazioni...

          perché google, come tutti sanno non é un azienda
          commerciale e fa solo
          beneficenzae' una azienda commerciale... cosi' come non lo sono le tv commerciali quando ti fanno guardare un film gratis... tuttavia almeno rispetta le esigenze le necessita' le liberta' degli utenti... e consente alle persone di usufruire di tutti i suoi ottimi ed innovativi strumenti...a costo zero per l'utente... lo potrebbero fare anche le major se volessero...ma siccome non vogliono peggio per loro...da che mondo e mondo e' il venditore che si adatta al mercato...non il mercato che si deve adattare alle esigenze del venditore...il venditore deve venire incontro alle esigenze del cliente...se vuole avere dei clienti....Tutti i venditori sanno "che il cliente ha sempre ragione" ...ma oggi si tende a dimenticarlo... convinti che la forte posizione economica raggiunta possa di per se' piegare leggi e mercato...ma non e' cosi'....e' il mercato che determina la posizione economica del venditore...e se il venditore non si adatta alle esigenze del mercato perisce..
          • Albatros scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
            - Scritto da: Franky, come tutti sanno non é un azienda

            commerciale e fa solo

            beneficenza
            - Scritto da: Undertaker

            - Scritto da: Franky


            piano... mai piu' dizionari elettronici a


            pagamento...ora ho scoperto questi di


            google...che sono completi gratuiti e non
            hanno


            limitazioni...



            perché google

            e' una azienda commerciale... cosi' come non lo
            sono le tv commerciali quando ti fanno guardare
            un film gratis... tuttavia almeno rispetta le
            esigenze le necessita' le liberta' degli
            utenti...prorpio cosìper questo sta avendo grossi problemiin vari paesi per problemi di violazione della privacy (vediti un pò di articoli di PI in proposito anche recenti) e consente alle persone di usufruire di
            tutti i suoi ottimi ed innovativi strumenti...a
            costo zero per l'utente... Il costo zero per l'utente non esite. Anche sorbirti forme di pubblicità ha un costo (o credi che siano cretini i pubblicitARI?).lo potrebbero fare
            anche le major se volessero...ma siccome non
            vogliono peggio per loro...da che mondo e mondo
            e' il venditore che si adatta al mercato...non il
            mercato che si deve adattare alle esigenze del
            venditore...il venditore deve venire incontro
            alle esigenze del cliente...se vuole avere dei
            clienti....Se per questo sono gli utenti che pagano per vedere un film che non volgiono altro. per le major sarebbe facile infarcire di pubblicità un film e darlo gratis (quella pubblicità invasiva, che non puoi evitare , intendo)
            Tutti i venditori sanno "che il cliente ha sempre
            ragione" ...ma oggi si tende a dimenticarlo...
            convinti che la forte posizione economica
            raggiunta possa di per se' piegare leggi e
            mercato...ma non e'
            cosi'....
            e' il mercato che determina la posizione
            economica del venditore...e se il venditore non
            si adatta alle esigenze del mercato
            perisce..Il venditore ti da quello che vuoi, al prezzo che vuoi. Vuoi i pomodori cinesi a bassissimo costo, prodotti con dio-solo-sa quali nocivi sitemi?Li puoi avere, poi però prepra il portafoglio per le eventuali, molto probabili, cure mediche che dovrai affrontare come conseguenza di quel tipo di alimentazione.
          • Copia scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
            Copiare un file: tasto destro - copia opure Ctrl+C (bene inmateriale, copia stesa qualita del orriginale) copiare un pomodoro: attualmente impossibile (bene materiale)
          • Albatros scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
            - Scritto da: Copia
            Copiare un file: tasto destro - copia opure
            Ctrl+C

            (bene inmateriale, copia stesa
            qualita del orriginale)

            copiare un pomodoro: attualmente impossibile
            (bene
            materiale)Il discorso era sulla qualità, non sulla differenza tra beni immateriali e materiali. Lo capisci? Un file non lo puoi sempre creare con la stessa facilità con cui lo copi, a meno che non parliamo di qualità infima.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!

            Il venditore ti da quello che vuoi, al prezzo che
            vuoi. Vuoi i pomodori cinesi a bassissimo costo,
            prodotti con dio-solo-sa quali nocivi
            sitemi?
            Li puoi avere, poi però prepra il portafoglio per
            le eventuali, molto probabili, cure mediche che
            dovrai affrontare come conseguenza di quel tipo
            di
            alimentazione.Già, infatti un film prodotto a basso costo è velenoso e ti fa star male.Ma fammi il piacere!
          • Franky scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
            - Scritto da: Albatros
            - Scritto da: Franky
            , come tutti sanno non é un azienda


            commerciale e fa solo


            beneficenza
            - Scritto da: Undertaker


            - Scritto da: Franky



            piano... mai piu' dizionari elettronici a



            pagamento...ora ho scoperto questi di



            google...che sono completi gratuiti e non

            hanno



            limitazioni...





            perché google
            prorpio così
            per questo sta avendo grossi problemi
            in vari paesi per problemi di violazione della
            privacy (vediti un pò di articoli di PI in
            proposito anche
            recenti)Eh gia' i difensori della privacy che si lamentano per lo street view...ma poi infarciscono le nostre strade di telecamere con la scusa della sicurezza e non si lamenta nessuno...chi e' piu' invasivo lo street view(delle foto panoramiche statiche) o delle videocamere che registrano chi incontri e da quale locale esci in ogni momento del giorno e della notte?


            e consente alle persone di usufruire di

            tutti i suoi ottimi ed innovativi strumenti...a

            costo zero per l'utente...
            Il costo zero per l'utente non esite. Anche
            sorbirti forme di pubblicità ha un costo (o credi
            che siano cretini i
            pubblicitARI?).si' ma alla maggior parte della gente non gli importa nulla di avere un barner pubblicitario ... se mi va compro il tuo prodotto e ci clicco su se non mi va non lo compro...non vedo perche' dovrebbe infastidirmi un barner pubblicitario...
            lo potrebbero fare

            anche le major se volessero...ma siccome non

            vogliono peggio per loro...da che mondo e mondo

            e' il venditore che si adatta al mercato...non
            il

            mercato che si deve adattare alle esigenze del

            venditore...il venditore deve venire incontro

            alle esigenze del cliente...se vuole avere dei

            clienti....
            Se per questo sono gli utenti che pagano per
            vedere un film che non volgiono altro. per le
            major sarebbe facile infarcire di pubblicità un
            film e darlo gratis (quella pubblicità invasiva,
            che non puoi evitare ,
            intendo)Ed allora perche' non lo fanno e la facciamo finita ?Che mi vuoi che mi importi se ce la pubblicita'...mi vado a bere un caffe' e buona notte...e ritorno alla visione del film...dove sta il problema...come la pubblicita' televisiva ci puo' stare e quella internettiana no...e perche' mai ?
            Il venditore ti da quello che vuoi, al prezzo che
            vuoi. Vuoi i pomodori cinesi a bassissimo costo,
            prodotti con dio-solo-sa quali nocivi
            sitemi?
            Li puoi avere, poi però prepra il portafoglio per
            le eventuali, molto probabili, cure mediche che
            dovrai affrontare come conseguenza di quel tipo
            di
            alimentazione.Allora a parte che il paragone e' inappropriato...perche' non penso che la pubblicita' sia poi cosi' dannosa dato che e' 50 anni che l'assorbiamoogni volta che accendiamo la tv...ma poi ancora con lo stereotipo del cinese che ti vende il prodotto nocivo? Suvvia ...siccome la Cina ha una crescita del PIL del 20% ...viene temuta dal mercato occidentale...ecco quindi questa assurda propaganda contro i beni prodotti dai cinesi... secondo te 2 miliardi di persone sono idiote ed utilizzano prodotti scadenti...e solo noi invece il "popolo eletto" abbiamo prodotti di qualita' ? Ma fammi il piacere...Hai visto cosa e' sucXXXXX per la vicenda del latte contaminato?I cinesi hanno fatto il nome dell'azienda (cosa che in Italia non si fa mai...perche' bisogna tutelare il buon nome della ditta che produce i prodotti nocivi) ed hanno condannato i responsabili dell'azienda niente di meno alla pena di morte...(ovviamente io sono contrario alla pena di morte...giusto per precisare)...tu credi che i produttori cinesi abbiano tutta questa voglia di creare prodotti nocivi per subire la medesima sorte?
          • panda rossa scrive:
            Re: pagare e spiato? XXXXXXXXXX al film!
            - Scritto da: Franky
            Che mi vuoi che mi importi se ce la
            pubblicita'...mi vado a bere un caffe' e buona
            notte...e ritorno alla visione del film...dove
            sta il problema...come la pubblicita' televisiva
            ci puo' stare e quella internettiana no...e
            perche' mai
            ?Perche' mentre tv e cinema sono sistemi di comunicazione monodirezionali, dallo schermo verso lo spettatore, e lo spazio pubblicitario e' separato dall'informazione, internet e' un mezzo interattivo dove si legge, dove si scrive, e dove l'andazzo e' quello di mischiare informazione e pubblicita', spesso evidenziando la seconda a discapito della prima.
  • djechelon scrive:
    Il bello degli occhiali 3D
    ...almeno ste cam non ti guardano negli occhi! :-P
    • Franky scrive:
      Re: Il bello degli occhiali 3D
      - Scritto da: djechelon
      ...almeno ste cam non ti guardano negli occhi! :-Pma mi facciano il piacere...!!! I film 3d !!! Ma per piacere...una tecnologia risalente agli anni '50 per quanto riguarda l'anaglifo...superata gia' negli anni '70 dai primi ologrammi....ripresa e perfezionata 15 anni fa...con gli occhialini shutter(si veda il sito commerciale edimensional che vende apparecchiature per avere il 3d addirittura con normali schermi crt da almeno 12 anni facendo uso di questa tecnologia...)...oggi superata dagli schermi lenticolari che altro non sono che l'evoluzione delle vecchie cartoline lenticolari...che cambiano a seconda del punto di vista...tecnologie vecchie rispolverate per ragioni di marketing...oltretutto il 3d viene utilizzato spesso per film stile disneyano...di cui non importa niente a nessuno...
  • uno qualsiasi scrive:
    E dovrebbe incoraggiare la gente...
    A venire al cinema? Per essere magari scrutata da telecamere, che valutano anche come reagisce agli spot pubblicitari?Ragione di più per vedersi il film piratato a casa! Una cosa del genere sarà un flop.
  • Paolo Nocco scrive:
    Non c'è alcun senso...
    Tanto le copie dei film appena usciti non le fanno più dai cinema, ma dai dvd distribuiti ai critici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non c'è alcun senso...
      - Scritto da: Paolo Nocco
      Tanto le copie dei film appena usciti non le
      fanno più dai cinema, ma dai dvd distribuiti ai
      critici.Non solo. Aggiungo che nell'80% dei casi provengono dalle aziende di masterizzazione DVD, montaggio e doppiaggio. Quindi soldi buttati...
    • James Kirk scrive:
      Re: Non c'è alcun senso...
      - Scritto da: Paolo Nocco
      Tanto le copie dei film appena usciti non le
      fanno più dai cinema, ma dai dvd distribuiti ai
      critici.Salvo casi particolari non è più cosi da qualche anno, perchè in genere le copie date alla critica hanno dei watermarks (o roba del genere) da cui si risale a chi lo ha distribuito.Il grosso delle copie dei film che sono nelle sale viene da camcorders.Poi un conto è perseguire questi individui un conto è spiare le gente in sala.
      • Paolo Nocco scrive:
        Re: Non c'è alcun senso...
        Correggo, il grosso dei film viene dai camcorder Russi e si cambia l'audio a seconda delle necessità. Voglio proprio vedere come faranno per questo irrisolvibile problema del flusso video comunque distribuito, tenendo conto che in Russia hanno ben altre priorità che cambiare i proiettori di Super-8 per venire incontro alle Major.Gli screener ancora si trovano, anche di film recentissimi; è sufficiente una googlata con questo termine. Ovviamente mi trovo in completo disaccordo con chi attua questa pratica, ma tant'è.
  • Findi scrive:
    ah ah ah!
    il check-in anche al cinema.....non ci credo!ah ah ah....
  • IlTester scrive:
    Plauso del Minitrue
    Wow! Finalmente il telescreen di 1984 per tutti!
    • bubba scrive:
      Re: Plauso del Minitrue
      - Scritto da: IlTester
      Wow! Finalmente il telescreen di 1984 per tutti!eheh... chissa' se la Apple farebbe un altro spot "orwelliano" ora... magari proposto proprio nelle sale cinematografiche...
  • Star scrive:
    LOL
    Muoio dalle risate... al solo pensiero di quante ignare ed onestissime persone verranno accusate e perquisite all'uscita dei cinema perché questo incredibile software frutto di qualche masturbazione mentale di troppo dirà alla vigilanza che costoro stavano piratando il film (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • guerret scrive:
      Re: LOL
      Concordo la solita ennesima XXXXXXX per accontentare quelli che ritengono la tutela delle major un crimine al pari di un omicidio
      • panda rossa scrive:
        Re: LOL
        - Scritto da: guerret
        Concordo la solita ennesima XXXXXXX per
        accontentare quelli che ritengono la tutela delle
        major un crimine al pari di un
        omicidioMa che dici? Almeno per l'omicidio e' previsto il reato di omicidio colposo se ammazzi uno per sbaglio.Qui invece per il p2p non solo c'e' la presunzione di colpevolezza, ma il reato e' sempre preterintenzionale con tutte le aggravanti di legge!(Senza contare la sanzione preventiva di p2p chiamata anche equo compenso)
      • Undertaker scrive:
        Re: LOL
        - Scritto da: guerret
        Concordo la solita ennesima XXXXXXX per
        accontentare quelli che ritengono la tutela delle
        major un crimine al pari di un
        omicidiolo sai quanto costa produrre un film ?decine di milioni di dollari, investiti con il rischio, sempre presente, di perdita.filmandolo in sala e diffondendo il filmato si crea un danno enorme, perché moltissimi lo scaricheranno e non andranno al cinema per vederlo.Le mayors vedono i loro profitti ridursi ed il rischio di perdita aumentare. Come risultato saranno meno disposte a rischiare forti somme per grosse produzioni, con effetti spettacolari e scenari grandiosi.Purtroppo il trend é questo ed il quasi fallimento di blockbuster e di un marchio storico come MGM lo conferma: il grande cinema sta finendo, verremo invasi da una marea di spazzatura cinetelevisiva a basso costoun pó di pirateria é accettabile, ma diffondere film ancora nelle sale non é etico
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: LOL

          Le mayors vedono i loro profitti ridursi ed il
          rischio di perdita aumentare.Lo scopo è proprio questo.
          Come risultato saranno meno disposte a rischiare
          forti somme per grosse produzioni, con effetti
          spettacolari e scenari
          grandiosi.Ottimo: così la smetteranno di rifilarci sempre la stessa minestra riscaldata, solo "con esplosioni più grosse".
          Purtroppo il trend é questo ed il quasi
          fallimento di blockbuster e di un marchio storico
          come MGM lo conferma: il grande cinema sta
          finendoIl grande cinema è finito . I primi film di 007 erano interessanti, ma adesso hanno rotto. E poi... vuoi davvero una nuova saga sul signore degli anelli? Perchè facevano solo quello: prendevano roba vecchia, la lustravano e la spacciavano come novità. Non è male sbarazzarsi di chi lavora così.
          , verremo invasi da una marea di
          spazzatura cinetelevisiva a basso
          costoInvasi? Ti costringono a guardarla per forza?Comunque, sì: lo scopo è proprio di abbassare i costi di produzione.
          un pó di pirateria é accettabile, ma diffondere
          film ancora nelle sale non é
          eticoCerto che lo è: permette a tutti di vedere il film.
        • guerret scrive:
          Re: LOL
          - Scritto da: Undertaker
          un pó di pirateria é accettabile, ma diffondere
          film ancora nelle sale non é
          eticoSono fondamentalmente d'accordo con questa tua affermazione. Ma secondo te giustifica financo gli strumenti paventati in questa notizia?
        • panda rossa scrive:
          Re: LOL
          - Scritto da: Undertaker
          - Scritto da: guerret

          Concordo la solita ennesima XXXXXXX per

          accontentare quelli che ritengono la tutela
          delle

          major un crimine al pari di un
          omicidio

          lo sai quanto costa produrre un film ?
          decine di milioni di dollari, investiti con il
          rischio, sempre presente, di
          perdita.Un rischio enorme, visto il gran numero di indigenti che ci sono a Hollywood rispetto a quei due o tre ricchissimi attori, registi e produttori.Sai dirmi il nome di almeno un produttore cinematografico che e' morto in miseria?Con questi altissimi rischi di perdita saranno decine e decine.
          filmandolo in sala e diffondendo il filmato si
          crea un danno enorme, perché moltissimi lo
          scaricheranno e non andranno al cinema per
          vederlo.Si crea un danno enorme perche' lo screener fa schifo!Se la gente si limitasse solo a diffondere i rip da dvd sarebbe molto meglio e si perderebbe meno tempo.
          Le mayors vedono i loro profitti ridursi ed il
          rischio di perdita aumentare.Poveracci, dovranno usare le banconote da 50 dollari invece di quelle da 100 per accendersi il sigaro.
          Come risultato saranno meno disposte a rischiare
          forti somme per grosse produzioni, con effetti
          spettacolari e scenari
          grandiosi.E si tornera' a fare del vero cinema... tutto sommato un vantaggio c'e'.
          Purtroppo il trend é questo ed il quasi
          fallimento di blockbuster e di un marchio storico
          come MGM lo conferma: il grande cinema sta
          finendo, Scrivere "blockbuster" nella stessa frase di "grande cinema" e' come scrivere M$ nella stessa frase contenente "standard" e "sicurezza".
          • Albatros scrive:
            Re: LOL
            - Scritto da: panda rossa
            E si tornera' a fare del vero cinema... tutto
            sommato un vantaggio
            c'e'.
            E chi lo finanzierà questo vero cinema se tutti aspetteranno che sia bello e fatto per poi piratarlo, cioè vederselo gratis?Lo stato (ma poi non c'è il rischio che volgia indottrinarci in base alle esigenze del governANTEW DI TURNO?); il mecenate ( che può fare più o meno lo stesso dello stato?), ungruppo di finaziatori che poi avranno il privilegio di vedere la prima del film in esclusiva (unico privilegio, perchè poi, dicamo appena finita la proiezione o magari prima copie pirata saranno già diffuse su internet, quindi senza nemmeno quel privilegio).Io scommetto si svilupperà il modello dell'indottrinamento statale o di "mecenati", alla faccia del vero cinema di cui parli.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: LOL

            Io scommetto si svilupperà il modello
            dell'indottrinamento statale o di "mecenati",
            alla faccia del vero cinema di cui
            parli.Perchè, adesso non lo fanno già? Se proprio devono farlo, che almeno sia gratis.
          • panda rossa scrive:
            Re: LOL
            - Scritto da: Albatros
            E chi lo finanzierà questo vero cinema se tutti
            aspetteranno che sia bello e fatto per poi
            piratarlo, cioè vederselo
            gratis?Chiunque, visto che l'esperienza di vedere un film in sala non e' assolutamente replicabile.Tu non ce l'hai mai portata la fidanzatina al cinema?Ti pare che sia la stessa cosa di un divx scaricato dal mulo da guardare in due sullo schermino dell'iphone con le cuffiette, seduti sulla panchina dei giardini?
          • Albatros scrive:
            Re: LOL
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Albatros

            E chi lo finanzierà questo vero cinema se tutti

            aspetteranno che sia bello e fatto per poi

            piratarlo, cioè vederselo

            gratis?

            Chiunque, visto che l'esperienza di vedere un
            film in sala non e' assolutamente
            replicabile.
            Tu non ce l'hai mai portata la fidanzatina al
            cinema?Personalmente non credo sia così. Chi ama il cinema non gradiscetutti i rumori di contorno che in una sala cinematografica ci possono essere. Non a caso i pochi privilegiati che potevano permetterseloanche molto tempo fa fruivano di salette riservate per le visioni.In una misura più ridotta è quello che si sta tentando di replicare congli schermi tv grandi, l'home theater , ecc nelle case di oggi.E poi quello che puoi fare con la tua fidanzata nell'intimo di casa tuanon credo potresti farlo in un luogo che, per quanto oscurato, è pur sempre pubblico! Se poi vai solo per concentrarti sul film, la presenza della fidanzata non è indispensabile (anzi distrae!).In ogni caso, salvo casi di film che veramente si possono apprezzare sul grande schermo, per me fruire del cinema è meglio nel privato di casa mia.
            Ti pare che sia la stessa cosa di un divx
            scaricato dal mulo da guardare in due sullo
            schermino dell'iphone con le cuffiette, seduti
            sulla panchina dei
            giardini?Risposta deboluccia, poichè comunque la pirateria si può e credo si sia da tempo attrezzata per fornire copie di buona qualità a costi irrisori e comunque un divx lo puoi vedere anche in casa, non necessariamente ai girdinetti.
          • panda rossa scrive:
            Re: LOL
            - Scritto da: Albatros
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Albatros


            E chi lo finanzierà questo vero cinema se
            tutti


            aspetteranno che sia bello e fatto per poi


            piratarlo, cioè vederselo


            gratis?



            Chiunque, visto che l'esperienza di vedere un

            film in sala non e' assolutamente

            replicabile.
            Tu non ce l'hai mai portata la
            fidanzatina
            al

            cinema?
            Personalmente non credo sia così. Chi ama il
            cinema non
            gradisce
            tutti i rumori di contorno che in una sala
            cinematografica ci possono essere. Infatti ci sono le salette dei cineforum per questa categoria di pubblico.Che comunque e' pubblico che va sempre in sala.
            Non a caso i
            pochi privilegiati che potevano
            permetterselo
            anche molto tempo fa fruivano di salette
            riservate per le visioni.Vedi che lo sai.
            In una misura più ridotta è quello che si sta
            tentando di replicare con
            gli schermi tv grandi, l'home theater , ecc nelle
            case di oggi.Quegli impianti non sostituiscono il cinema, semplicemente lo affiancano.Uno va in sala, e poi col DVD rivede il film a casa.Da quanto tempo non vai al cinema? Lo sai che le sale sono sempre strapiene e bisogna fare la fila?Lo sai che si puo' prenotare via internet il biglietto?Se le sale non fossero sempre strapiene, che bisogno ci sarebbe di prenotare con anticipo?
            E poi quello che puoi fare con la tua fidanzata
            nell'intimo di casa tua
            non credo potresti farlo in un luogo che, per
            quanto oscurato, è pur sempre pubblico! Non credi? C'e' qualche divieto forse?
            Se poi
            vai solo per concentrarti sul film, la presenza
            della fidanzata non è indispensabile (anzi
            distrae!).Questo spiega tante cose. Comincio a pensare che tu non sia uno di quelli che abbia mai contribuito a riempire una sala cinematografica, e quindi puoi tornare a scaricare i tuoi divx che tanto di danni all'industria del cinema tu non ne fai.
            In ogni caso, salvo casi di film che veramente si
            possono apprezzare sul grande schermo, per me
            fruire del cinema è meglio nel privato di casa
            mia.CVD.
  • panda rossa scrive:
    E la privacy?
    Questi vogliono spiare quello che fanno gli spettatori nel buio della sala!Potrebbero cominciare dalle sale a luci rosse...
    • James Kirk scrive:
      Re: E la privacy?
      Infatti per me non vanno molto lontano con le leggi sulla privacy (anche se in USA non è detto).
    • pippo75 scrive:
      Re: E la privacy?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi vogliono spiare quello che fanno gli
      spettatori nel buio della
      sala!stando a questo ragionamento, http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3007100&m=3007430#p3007430non vuoi essere spiato, rimani a casa.Si gira la piaga nel coltello.
Chiudi i commenti