UK: copia privata, una vera eccezione

Solo per una manciata di mesi i cittadini britannici hanno realmente potuto disporre dei contenuti legalmente acquistati: la copia privata è definitivamente illegale, le copie effettuate fino ad ora rimangono nel limbo

Roma – È trascorso un mese da quando la giustizia del Regno Unito ha sospeso la legge britannica che ha introdotto nel quadro normativo il diritto alla copia privata: la possibilità offerta al cittadino di creare delle copie dei contenuti legalmente acquistati è stata contemplata solo per pochi mesi, e con ogni probabilità non verrà più concessa.

La High Court di Londra, chiamata alla revisione della recente normativa dalle associazioni Musicians’ Union , British Academy of Songwriters , Composers and Authors (BASCA) e UK Music , nel mese di giugno aveva giudicato illegale la disciplina della copia privata sulla base dell’ insufficienza di prove messe a disposizione dal legislatore: si sarebbe dovuta dimostrare l’irrilevanza del danno inferto agli aventi diritto dalle abitudini dei cittadini prima di iniziare a contemplare questo diritto senza prevedere alcun sistema di compensazione.

La decisione della High Court ha ora assunto una forma definitiva in seguito al cambio di fronte del governo: il segretario di stato per il Department for Business, Innovation and Skills , riferisce la High Court , ha ammesso che prima dell’approvazione dell’eccezione al diritto d’autore previsto per la copia privata sarebbe stato necessario analizzare la situazione con più attenzione . Non è dato sapere cosa riservi il futuro per i cittadini che hanno legalmente acquistato dei contenuti e desiderino realizzare delle copie per poterne fruire più liberamente: “Il Segretario di Stato al momento non ha deciso riguardo ad alcun progetto – spiega la High Court – e desidera riservarsi tempo per riflettere prima di prendere qualsiasi ulteriore decisione”.

Nel limbo restano le copie realizzate dai cittadini tra il mese di ottobre e il mese di giugno , intervallo temporale nel quale l’eccezione della copia privata è stata ammessa dal quadro normativo britannico: la High Court stima siano nell’ordine dei diversi milioni e ha scelto di non pronunciarsi riguardo alla loro legittimità. Il tribunale si è limitato a confermare l’annullamento della disciplina della copia privata a partire dal mese di giugno e ha demandato la responsabilità di dibattere sull’opportunità di annullare retroattivamente la legge ad eventuali procedimenti che vengano sollevati tra detentori dei diritti e soggetti accusati di violare la legge: solo in quel contesto si potrà stabilire se la temporanea eccezione della copia privata abbia generato confusione fra i cittadini o la convinzione, valida solo per pochi mesi, di poter fruire liberamente di un contenuto legalmente acquistato; solo in quel contesto potranno emergere gli elementi che concorreranno alla decisione di annullare anche retroattivamente la legge, con tutta la visibilità che un atto del genere comporta.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti