UK, estradizione per i link pirata

Il giovane admin di TVShack Richard O'Dwyer verrà estradato negli Stati Uniti per violazione del copyright. Rischia fino a 10 anni di prigione. Proteste e lacrime della madre: Londra non ha rivisto i trattati bilaterali
Il giovane admin di TVShack Richard O'Dwyer verrà estradato negli Stati Uniti per violazione del copyright. Rischia fino a 10 anni di prigione. Proteste e lacrime della madre: Londra non ha rivisto i trattati bilaterali

“La vita di Richard, i suoi studi, le opportunità di lavoro, la sua sicurezza finanziaria. Distrutta, e chissà per quanto tempo. Tutto perché il governo britannico non ha introdotto le tanto necessarie modifiche all’attuale legge sull’estradizione”. È il dolore di una madre che rischia di perdere un figlio per 10 anni. Il giovane studente di Sheffield Richard O ‘Dwyer verrà estradato in terra statunitense per violazione massiva del copyright.

A mostrare il segnale di via libera, il Segretario di Stato britannico Theresa May. Il 23enne admin di TVShack calpesterà per la prima volta il suolo a stelle e strisce, in attesa di un processo che potrebbe condannarlo per aver pubblicato link a contenuti pirata ospitati su siti terzi . Materiale di proprietà dell’industria statunitense, a cui O ‘Dwyer, secondo l’accusa, avrebbe sottratto più di 200mila dollari in entrate pubblicitarie illecite.

Ai vertici della U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) non importa che il giovane laureando sia cittadino britannico. Né che i server del suo sito di indexing risiedano al di là dei confini statunitensi . Come già ribadito in passato, tutti i domini .com o .net farebbero capo al registrar della Virginia Verisign. Dunque sequestrabili dal governo di Washington. Ma che fine farebbero gli amministratori di un sito operativo all’estero?

Nel caso in questione, le attività di TVShack avrebbero rubato all’industria del cinema hollywoodiano. Un giudice britannico non aveva trovato alcun impedimento legale al processo d’estradizione a carico del ragazzo. Mentre la madre Julia tentava la petizione web per chiedere al governo di Londra di rivedere i trattati bilaterali in materia d’estradizione, che non menzionano motivazioni legate alla violazione del diritto d’autore .

Nessuna modifica è stata finora apportata. Il Segretario May ha dunque autorizzato il trasferimento dello studente in terra statunitense. La sua pena potrebbe realisticamente avvicinarsi a quella a carico degli admin di Ninjavideo , condannati ad un periodo compreso tra i 14 e i 22 anni di prigione . L’avvocato di O ‘Dwyer, Ben Cooper, aveva espresso timori per l’integrità psico-fisica del suo assistito, una volta incarcerato.

E c’è un ulteriore dettaglio che ha fatto riflettere gli osservatori. Nel 2010, un giudice di Londra aveva scagionato gli admin del sito di indexing TV-Links perché tutelati dalla Sezione 17 della Direttiva Europea sul Commercio Elettronico . Il cittadino britannico O ‘Dwyer verrà ora giudicato da un paese estero per attività già reputate lecite nel suo paese. Lo studente si prepara così al suo volo sola andata negli States .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 03 2012
Link copiato negli appunti