UK, l'Archivio Nazionale dei Videogame

Svolta museale nel Regno Unito: l'arte videoludica ha segnato ormai decenni della storia contemporanea e continua a farlo. Merita una istituzione culturale dedicata. Il lancio ufficiale a fine ottobre

Londra – Affidata alle capacità degli appassionati e agli sforzi di volontariato online , la cultura videoludica almeno nel Regno Unito ora viene riconosciuta per quello che è, ovvero un pezzo importante della civiltà contemporanea, ed un tassello dell’immaginario di generazioni di individui oltreché, naturalmente, un colossale business. Per questo la Nottingham Trent University britannica ha deciso di dar vita a quello che ha definito National Videogame Archive , l’Archivio nazionale del videogioco.

il celebre videogame Al di là dei titoli del momento, e delle febbri scatenate da questa o quella produzione, l’Archivio avrà il compito di offrire un contesto storico e sociale all’evoluzione della civiltà del videogame, organizzando le informazioni e le testimonianze che caratterizzano un’intera epoca.

Uno degli esponenti della University che si occuperà del progetto, James Newman, ha spiegato che l’Archivio “sarà una risorsa fondamentale per conservare elementi della nostra eredità culturale nazionale. Non vogliamo solo creare un museo virtuale pieno di codice o schermate che già si vedono online. L’Archivio dovrà davvero rendere conto degli elementi fondanti di una cultura molto creativa, sociale e produttiva”.

il noto videogioco Il nuovo Archivio sarà gestito nell’ambito del National Media Museum di Bradford, con l’ambizione di includere tutto ciò che ha reso i videogiochi un fenomeno di dimensioni globali, non solo nel Regno Unito, appunto, ma in tutto il Mondo. L’Archivio dovrà offrire la memoria di tutto quello che va da Pong a Grand Theft Auto cercando anche di sottolineare come l’immaginario videoludico abbia contribuito a promuovere la diversità e la cultura popolare in tutto il Mondo.

All’interno dell’Archivio troveranno quindi posto non solo saggistica contemporanea sul mondo dei videogiochi ma i videogame veri e propri, vecchie console mai dimenticate dagli appassionati, condite da riviste d’epoca, manualistica e naturalmente quel coacervo d’arte varia che da sempre accompagna lo sviluppo della cultura videoludica. L’idea, come ogni istituzione di questo genere, è quella di poter consegnare alle future generazioni una memoria coerente di quanto accaduto dai primissimi anni ’70 ad oggi.

L’idea dietro all’Archivio, ha aggiunto Neman, “non è solo quella di presentarsi come una risorsa vitale per il sostegno alle discipline che studiano i videogiochi, ma anche qualcosa su cui il pubblico nel suo complesso potrà mettere le mani”.

Gli appassionati possono partecipare al lancio ufficiale del nuovo progetto nel corso della tre giorni di GameCity 3 , festival dei videogiochi che si terrà a fine ottobre a Nottingham.

un videogame creativo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • SERGIO scrive:
    CHE PRENDANO CHI VIOLENTA PRIMA
    MA SE NON LI CONDANNANO MAI NEANCHE PER STUPRO ALTRO CHE FARE STE COSE MA PER FAVORE!GLI FANNO ANCORA IL MONUMENTO A QUASI TUTTI, POI QUEI POVERI 4 CRISTI CHE NON HAN FATTO NULLA PERCHE HAN BECCATO POCHI DI BUONO CHE VAN IN GIRO A DROGARSI E BERE E FARE TANTO ALTRO ,GLI FANNO TUTTO QUESTO?MA VADANO A PRENDERE CHI HA VERTAMENTE LE COLPE !CHE INVECE OLTREA NON FARGLI NULLA INCOLPANO LE VITTIME!
  • tile kurti scrive:
    uiv
    ftsyeetgrudsyfbv
  • Sunlight scrive:
    Ottima legge
    Inevitabile chiedersi se sarà davvero così. Le prime domande che emergono riguardano la facilità con cui è possibile creare identità multiple in rete, adottando account diversi per servizi diversi, differenziando le modalità di accesso a questo o quel network, nascondendo l'IP di connessione e via dicendo. Questo significa che qualunque persona condannata per reati sessuali, o qualsiasi altro reato, non dovrebbe avere difficoltà ad aggirare il ban imposto dal Congresso. ---Quoto questa parteCreare molteplici identità in rete è molto facile, difficile, essendo maniaci sessuali pedofili, che resisteranno alla tentazione quindi sarà gioco facile per un eventuale poliziotto moderatore guardiano REincriminarli e ingabbiarli per violazione della libertà condizionata, e questo PRIMA che commettano nuovamente il loro odioso crimine.Una recidiva che interviene PRIMA che stuprino altri bambini: ottimo, questa è la strada da seguire
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Ottima legge

      Quoto questa parte

      Creare molteplici identità in rete è molto
      facile, difficile, essendo maniaci sessuali
      pedofili, che resisteranno alla tentazione quindi
      sarà gioco facile per un eventuale poliziotto
      moderatore guardiano REincriminarli e ingabbiarli
      per violazione della libertà condizionata, e
      questo PRIMA che commettano nuovamente il loro
      odioso crimine.

      Una recidiva che interviene PRIMA che stuprino
      altri bambini: ottimo, questa è la strada da
      seguireUn vero esempio di democrazia all'americana: arrestare qualcuno prima che commetta un reato ma forse potrebbe commetterlo.Spero che domani vengano da te ad arrestarti, del resto tu a casa hai un coltello, no? E chi garantisce che tu non lo possa usare per uccidere? Tu?
      • Sunlight scrive:
        Re: Ottima legge
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        Una recidiva che interviene PRIMA che stuprino

        altri bambini: ottimo, questa è la strada da

        seguire

        Un vero esempio di democrazia all'americana:
        arrestare qualcuno prima che commetta un reato ma
        forse potrebbe
        commetterlo.
        Spero che domani vengano da te ad arrestarti, del
        resto tu a casa hai un coltello, no? E chi
        garantisce che tu non lo possa usare per
        uccidere?
        Tu?Succede in qualsiasi parte del mondo governato dalle leggi: se un condannato viola i termini di libertà condizionata o assume una condotta non idonea se ne ritorna dritto in galera; a maggior ragione se si tratta di pericolosi stupratori psicopatici che non riescono a controllarsi.
  • Undertaker scrive:
    Stella gialla
    Quando i "sex offenders" dovranno circolare con una stella gialle cucita addosso ?Tenete conto che per essere denunciati per "molestie sessuali" basta aver fatto un complimento o una proposta ad una collega "femminista" :scatta la denuncia e ci si ritrova coinvolti in processi (e naturalmente risarcimenti alla "danneggiata")
  • Jack scrive:
    SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS
    Ingiustamente discriminati da una società ossessionata dal sesso.
    • sex scrive:
      Re: SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS
      - Scritto da: Jack
      Ingiustamente discriminati da una società
      ossessionata dal
      sesso.e se ti chiedessero come sta quella zoccola di tua sorella?(scherzando chiaramente)
      • Cell scrive:
        Re: SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS

        e se ti chiedessero come sta quella zoccola di
        tua
        sorella?
        (scherzando chiaramente)Scherzando o no, la trovo una domanda deprimente. Comunque, io (che di sorelle non ne ho) risponderei con qualcosa tipo "parlami prima della tua".Ciao
    • io io scrive:
      Re: SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS
      quoto
    • Valeren scrive:
      Re: SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS
      Wow, questa non so se inserirla tra le trollate peggio riuscite o tra le idiozie profonde.
    • francososo scrive:
      Re: SOLIDARIETA' AI SEX OFFENDERS
      - Scritto da: Jack
      Ingiustamente discriminati da una società
      ossessionata dal
      sesso.In una società dove nudo = sesso o porno si va poco avanti !
  • Sat scrive:
    CANCELLERO' LE VACANZE IN USA
    E' il risultato di aver lasciato che le donne facciano le leggi. L'ho sempre detto: le donne non devono legiferare in materia sessuale perche' agiscono in base alla gelosia personale. Sveglia!!!
Chiudi i commenti