UK, quando linkare costa il carcere

L'amministratore di SurfTheChannel è stato condannato a 4 anni: il sito raccoglieva link a materiale video ospitato su altre piattaforme. L'accusa? Associazione a delinquere finalizzata alla truffa

Roma – Gestire un sito votato a raccogliere e organizzare link che puntano a piattaforme terze attraverso cui è possibile intrattenersi con materiale protetto da copyright vale 4 anni di carcere. È questa la pena stabilita dalla Newcastle Crown Court per l’amministratore di SurfTheChannel.com .

Per il 38enne britannico Anton Vickerman è stata confermata la colpevolezza per l’ accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa . A formularla è stata la Federation Against Copyright Theft ( FACT ): il sito di Vickerman, fondato nel 2007 come raccoglitore di link che puntavano a film e show televisivi disseminati in Rete con e senza l’autorizzazione dei detentori dei diritti, era finito nel mirino del braccio antipirateria di Hollywood fin dai suoi primi mesi di vita.

Un raid presso l’abitazione dell’admin, già nel 2009, non era sfociato in nulla di fatto. Ma FACT ha continuato ad indagare sotto copertura, raccogliendo informazioni per rimpinguare un dossier dettagliato delle attività dell’uomo e consentire ai detentori dei diritti di far chiudere il sito e di trascinarlo di fronte a un tribunale con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, lo scorso giugno. FACT ha dimostrato alla corte come SurfTheChannel.com raccogliesse 400mila visitatori al giorno, consentendo di far valere le inserzioni pubblicitarie quasi 400mila euro l’anno, che fluivano su conti lettoni e dominicani. Tutto ciò grazie a un meccanismo che non solo coinvolgeva gli utenti nel rastrellamento dei link a contenuti esterni, ma anche, sostiene l’industria, nel caricamento di contenuti su siti esterni.

“Il signor Vickerman – spiega ora FACT in un comunicato – sapeva fin dall’inizio quello che stava facendo, essendo coinvolto nella communty della pirateria per diverso tempo”: nel documento dell’antipirateria a lui dedicato si fa riferimento ai suoi trascorsi nella comunità torrent, fra cui quella di Suprnova.org . L’uomo, secondo FACT e secondo il tribunale di Newcastle, avrebbe creato SurfTheChannel con il solo scopo di lucrare con un’attività criminale che ha come sfondo la violazione del diritto d’autore. Una attività che andrebbe punita con 4 anni di carcere , dei 10 che all’inizio del processo, nel mese di giugno, erano stati prospettati come massimo della pena. Qualora Vickerman fosse stato giudicato colpevole per la semplice violazione del diritto d’autore avrebbe dovuto scontare una punizione meno severa: nel Regno Unito avrebbe dovuto affrontare un massimo di due anni di carcere.

Nel Regno Unito quello di SurfTheChannel rappresenta una prima volta: è la prima occasione in cui un caso che si dipana sullo sfondo della condivisione di materiale protetto da copyright viene giudicato nella sfera penale secondo il discusso capo d’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Ma non è la prima occasione in cui l’antipirateria ha provato a battere questa via legale: FACT aveva tentato con Filesoup , con TV-Links e con OiNK totalizzando un insuccesso in tutti e tre i casi .

Non è dato sapere se FACT farà leva su questa vittoria per tentare di ottenere estradizione e condanna per il 22enne Richard O ‘Dwyer e il suo TVShack , un servizio di indicizzazione molto simile a quello offerto da SurfTheChannel.com . Certo è che Anton Vickerman non si dà per vinto: in una lunga lettera aperta postata sul suo sito dopo la condanna racconta la propria versione dei fatti mettendo a disposizione tutti i documenti relativi al processo. E promette: “ritornerò”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mario D. scrive:
    .....
    I sauditi hanno ragione, la loro religione impone una certa moralità e loro la rispettano.Siamo noi occidentali che oramai abbiamo come unico valore morale il "vietato vietare" !
    • krane scrive:
      Re: .....
      - Scritto da: Mario D.
      I sauditi hanno ragione, la loro religione impone
      una certa moralità e loro la rispettano.
      Siamo noi occidentali che oramai abbiamo come
      unico valore morale il "vietato vietare" !E chi mai dovrebbe decidere cosa sarebbe giusto vietare ? Tu ?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: .....
      contenuto non disponibile
  • radioheadlive scrive:
    Arabia Saudita contro i domini occidenta
    Be' che c'è di male
    in ogni paese usanze che trovi.
  • Petecchione scrive:
    L'ho sembre detto che una ..
    .. .virgin è "viziosa" .. ahahahahahIn Arabia o tutte deflorate o niente :PPPPP
  • aster scrive:
    ....
    Viva l'Arabia Saudita, almeno non sono ipocriti come noi occidentali!
    • prova123 scrive:
      Re: ....
      Almeno lì i politici (ovvero gli sceicchi) alla fine ti sistemano per tutta la vita, non come i nostri politici che ti spennano e ti prendono per XXXX per tutta la vita ... come si dice il tempo è galantuomo ed in autunno oltre a cadere le foglie finirà la cassa integrazione e la mobilità per migliaia di persone!
      • silvan scrive:
        Re: ....
        Lo possono fare benissimo visto i miliardi di dollari che ricevono da noi per il petrolio e visto che la loro popolazione è molto esigua. Quì da noi invece non abbiamo risorse e siamo in troppi.
        • Rover scrive:
          Re: ....
          Popolazione esigua?Guarda su wikipedia...
          • silvan scrive:
            Re: ....
            Magari qui in Italia ci fossero in totale solo 27 milioni di abitanti, una densità di 12 per Km2. ed enormi giacimenti di petrolio. Sopporterei anche il deserto, visto che la si permettono, con la valanga di dollari introitrati, di rendere fertile pure quello.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ....
            contenuto non disponibile
          • Aleb scrive:
            Re: ....
            ...Quando?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ....
            contenuto non disponibile
          • rover scrive:
            Re: ....
            Certo che l'auspicata riduzione dell'importanza del petrolio creerebbe un bello sconquasso geopoligico.Comunque Arabia Saudita finanzia in modo sistematico le fazioni musulmane integraliste a tutte le latitudini, e la dinastia wahabita che è al potere incentiva posizioni culturali con forti sentimenti antioccidentali mutuati attraverso preghiere, centri culturali, ecc.Quindi le obiezioni sui domini sono poca cosa rispetto al contesto.
  • ioioioio scrive:
    Quando in Italia?
    A quando una protesta simile contro i gay nella civilissia, apertissima Italia ?ecco già qualcuno contrario.....http://www.domini.it/post/445/domini-gay/parliamo proprio noi italiani, popolo bigotto, retrogrado ed ipocrito....politi contro i matrimoni gay perchè cattolici...sposati 2 o peggio 3 volte.fatemi il piacere
  • Ciccio scrive:
    refuso
    sfondoSaluti.
  • Brainless scrive:
    Non capisco
    Non capisco la loro opposizioneVisto che filtrano già qualsiasi contenuto che ritengono sconveniente questi nuovi suffissi darebbero loro una mano, basta che ne impediscano l' acXXXXX in toto, che problemi ci sono ?Questi fondamentalisti non li capisco proprio
    • eheheh scrive:
      Re: Non capisco
      - Scritto da: Brainless
      Non capisco la loro opposizione
      Visto che filtrano già qualsiasi contenuto che
      ritengono sconveniente questi nuovi suffissi
      darebbero loro una mano, basta che ne impediscano
      l' acXXXXX in toto, che problemi ci sono
      ?
      Questi fondamentalisti non li capisco proprioper un fondamentalista è fondamentale rompere le scatole al prossimo, altrimenti che fondamentalista sarebbe :-)
    • collione scrive:
      Re: Non capisco
      - Scritto da: Brainless
      Questi fondamentalisti non li capisco propriono no no, ma cosa dici mai!?! l'Arabia Saudita? ma se è il faro della civilità mediorientale, con tanto di supporto e bollino USA che ne garantisce il marchio doc :Dè un Paese dove vige la massima libertà religiosa, civile e morale, dove i cittadini votano per eleggere i loro rappresentati :Dovviamente tutto questo nel mondo dei sogni e forse nella mente malata di qualche neocon americano (rotfl)
      • prova123 scrive:
        Re: Non capisco
        - Scritto da: collione
        - Scritto da: Brainless


        Questi fondamentalisti non li capisco proprio

        no no no, ma cosa dici mai!?! l'Arabia Saudita?
        ma se è il faro della civilità mediorientale, con
        tanto di supporto e bollino USA che ne garantisce
        il marchio doc
        :D

        è un Paese dove vige la massima libertà
        religiosa, civile e morale, dove i cittadini
        votano per eleggere i loro rappresentati
        :D
        Questo non è vero, in Arabia Saudita quando nasce un figlio lo sceicco di turno da in dote alla famiglia il necessario perchè nella propria vita abbia da vivere senza problemi, in contraccambio tutta la famiglia si impegna a levarsi dai maroni dalla politica gestita degli sceicchi. Paese che vai, usanza che trovi.
        • Funz scrive:
          Re: Non capisco
          - Scritto da: prova123
          - Scritto da: collione

          - Scritto da: Brainless




          Questi fondamentalisti non li capisco
          proprio



          no no no, ma cosa dici mai!?! l'Arabia
          Saudita?

          ma se è il faro della civilità
          mediorientale,
          con

          tanto di supporto e bollino USA che ne
          garantisce

          il marchio doc

          :D



          è un Paese dove vige la massima libertà

          religiosa, civile e morale, dove i cittadini

          votano per eleggere i loro rappresentati

          :D



          Questo non è vero, in Arabia Saudita quando nasce
          un figlio lo sceicco di turno da in dote alla
          famiglia il necessario perchè nella propria vita
          abbia da vivere senza problemi, in contraccambio
          tutta la famiglia si impegna a levarsi dai maroni
          dalla politica gestita degli sceicchi. Paese che
          vai, usanza che
          trovi.aspetta che finisca il petrolio. Poi vedi che fine fanno i tuoi sceicchi.
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            ...Quando?
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            ...Quando?Io dico presto.Hint: Bahrein
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            <i
            Entro </i
            quando? :)
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            <i
            Entro </i
            quando? :)Presto.Per le date esatte, chiedi in prestito la palla di cristallo a Get Real o al suo compare :p
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            E allora è <i
            mai. </i
            Il millenarismo è sempre esistito, e sempre esisterà. E anche quello di stampo pseudoscientifico è troppo vecchio per essere credibile.
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            E allora è <i
            mai. </i
            Il
            millenarismo è sempre esistito, e sempre
            esisterà. E anche quello di stampo
            pseudoscientifico è troppo vecchio per essere
            credibile.si, certo, il petrolio non finirà mai. Continua a crogiolarti nel tuo mondo dei sogni e a dare nomi buffi agli altri.
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            Prima che sia impossible estrarre altro petrolio, si sarà passati a qualcos'altro, <u
            com'è sempre sucXXXXX </u>. In definitiva, il petrolio non finirà mai. Rimarrà dov'è, a fare le cose che il petrolio fa di solito.Vedi com'è facile batterti? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 settembre 2012 20.22-----------------------------------------------------------
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            Non so cosa sostituirà il petrolio. Forse qualche fonte energetica che non hai preso in considerazione; e non accadrà neanche nel giro di una notte. Dopotutto io ho la Storia dalla mia parte.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 settembre 2012 21.41-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            Non so cosa sostituirà il petrolio. Forse qualche
            fonte energetica che non hai preso in
            considerazione; e non accadrà neanche nel giro di
            una notte. Dopotutto io ho la Storia dalla mia
            parte.Tante civiltà si sono incamminate sulla via del declino per l'esaurimento delle risorse su cui avevano fondato la loro prosperità. Inclusi grandi imperi come quello romano...
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            Non capisco cosa tu intenda. L'impero romano non era neanche fondato sulla base risorse non rinnovabili. L'unico esempio effettivo che mi sovvenga era la civiltà di Rapa Nui, ma io mi baso sulla storia della civiltà industriale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 settembre 2012 21.21-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            Non capisco cosa tu intenda. L'impero romano non
            era neanche fondato sulla base risorse non
            rinnovabili. L'unico esempio effettivo che mi
            sovvenga era la civiltà di Rapa Nui, ma io mi
            baso sulla storia della civiltà
            industrialeCome no? L'impero romano era fondato su:- conquista di nuovi popoli, che portava in cassa ricchezza per pagare le legioni e schiavi per costruire l'Impero. Finiti i popoli abbordabili (rimanevano un po' di celti tribali poverissimi, i Parti troppo forti e troppo lontani, e poco altro...) l'Impero arrestò l'espansione e cominciò il declino.- agricoltura. Anche la terra coltivabile è un bene non rinnovabile, e l'erosione del suolo fu una delle cause del declino economico, e anche se non si può considerare una "risorsa", un piccolo cambiamento delle temperature ha avuto grossa influenza sull'agricoltura.Quando la ricchezza cominciò a diminuire, l'Impero semplicemente non potè più permettersi l'apparato burocratico complesso, le sue legioni e il controllo delle sue province più lontane, e iniziò a collassare sotto la spinta dei barbari che premevano dall'esterno.Poi oltre a Rapanui ci sono tanti altri esempi, come i Maya, l'impero Khmer. A guardare bene, tutte queste civiltà che si basavano su ben precise risorse naturali (mais, riso) aumentarono di popolazione e potenza finché lo sfruttamento prosperava, e ne seguirono il declino quando iniziarono ad esaurirsi. Purtroppo come diceva già Seneca, la prosperità arriva gradualmente, mentre la rovina è molto più rapida.
          • Aleb scrive:
            Re: Non capisco
            Purtroppo il tuo discorso non si può applicare alla civiltà industriale. Questo senza discuterne la validità.
          • Funz scrive:
            Re: Non capisco
            - Scritto da: Aleb
            Purtroppo il tuo discorso non si può applicare
            alla civiltà industriale. Questo senza discuterne
            la
            validità.tu pensi che la civiltà industriale sia eterna e possa sopravvivere indefinitamente all'esaurimento delle risorse che ne hanno permesso la nascita. Io sono un po' scettico, in fondo tutti i grandi imperi si credevano immortali, e tutti hanno guardato con sgomento la propria caduta.Una cosa è certa: dopo la nostra non ci sarà mai più una civiltà basata sul petrolio...
      • Petecchione scrive:
        Re: Non capisco
        - Scritto da: collione
        ovviamente tutto questo nel mondo dei sogni e
        forse nella mente malata di qualche neocon
        americanoBe', considera che molte delle estensioni citate sono avversate anche dai neocon (quelli puritani, bigotti e medioevaleggianti) .. s'intende, ad eccezione di ciò che porta "religiosissimo" denaro
        ;
  • prova123 scrive:
    Internet non è dell'arabia saudita
    Se non gli sta bene si fa una rete e se la gestisce.
    • Carletto scrive:
      Re: Internet non è dell'arabia saudita
      Questo probabilmente sara' il futuro di internet in molti paesi (Iran, Cina ecc).
      • prova123 scrive:
        Re: Internet non è dell'arabia saudita
        E' giusto così, ognuno a casa propria ha le proprie regole, a casa degli altri ci sono altre regole e le deve rispettare religiosamente, se non gli stanno bene va a vivere dove si trova meglio e può avere uno stile di vita più consono alle proprie aspettative.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Internet non è dell'arabia saudita
          Cosi condanni intere popolazioni.
        • Funz scrive:
          Re: Internet non è dell'arabia saudita
          - Scritto da: prova123
          E' giusto così, ognuno a casa propria ha le
          proprie regole, a casa degli altri ci sono altre
          regole e le deve rispettare religiosamente, se
          non gli stanno bene va a vivere dove si trova
          meglio e può avere uno stile di vita più consono
          alle proprie
          aspettativeciò non toglie che restano un Paese sprofondato nel medioevo
        • anon scrive:
          Re: Internet non è dell'arabia saudita
          - Scritto da: prova123
          E' giusto così, ognuno a casa propria ha le
          proprie regole, a casa degli altri ci sono altre
          regole e le deve rispettare religiosamente, se
          non gli stanno bene va a vivere dove si trova
          meglio e può avere uno stile di vita più consono
          alle proprie aspettative.Il fatto che in Cina ci sia l'usanza - per così dire - della pena di morte mediante fucilazione, non rende certo tale pratica più giusta o equa.Vanno rispettate soltanto quelle regole riconosciute come oggettivamente ed unanimemente giuste; tutto il resto non è degno di rispetto e va combattuto.
Chiudi i commenti