Un acquario robotico

I pesciolini che nuotano sono in realtà dei robot giapponesi

Quanti pescetti rossi sono periti nelle vostre bocce di vetro? Per quante vittime acquatiche vi sentite in pena e quanti soldi avete speso, pur non riuscendo mai a mantenere in equilibrio il vostro acquario?
Queste situazioni frustanti potrebbero giungere al termine, grazie ai Robofish.

Robofish

Pensati dall’industria dei giocattoli giapponese Takara Tomy , questi pesci robotici sono in grado di simulare il nuoto della vita marina in un acquario. Sono capaci di nuotare, di aggregarsi sul fondo in cerca di cibo, di risalire in superficie e sguazzare a pelo d’acqua senza mai fermarsi.

Per quanto siano dei giocattoli dal costo di circa 30 euro, racchiudono una tecnologia tanto semplice, quanto funzionale.

Le batterie al litio permettono la propulsione grazie alla pinna caudale. Il robot, quindi, alterna momenti di spinta leggera ad altri di spinta frenetica e, a seconda di dove si trova il pesce in quel dato momento, questa alternanza consente al pesciolino di sguazzare in diagonale, ispezionare le profondità o tornare a muoversi in tranquillità, non appena la coda smette di spingere.

Questi movimenti sono tutti casuali, così come sono randomiche anche le traiettorie compiute dal robot.

(via Gizmodo )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Dategli user e password al programmino..
    Mi raccomando.Dategli pure user e password della vostra mail al programmino.Potreste anche darle a me a questo punto.Vi fidate piu' di me o di un programmino non open ?
    • provare per credere scrive:
      Re: Dategli user e password al programmino..
      - Scritto da: panda rossa
      Mi raccomando.
      Dategli pure user e password della vostra mail al
      programmino.

      Potreste anche darle a me a questo punto.

      Vi fidate piu' di me o di un programmino non open
      ?Vuoi dire che "Gratuito, per Windows" non è garanzia di qualità? :o
    • geppetto scrive:
      Re: Dategli user e password al programmino..
      Non ho capito... Tu le credenziali non le netti nella webmail???
      • panda rossa scrive:
        Re: Dategli user e password al programmino..
        - Scritto da: geppetto
        Non ho capito... Tu le credenziali non le netti
        nella
        webmail???Il browser non ha molta consapevolezza che quella pagina in cui stai inserendo dei dati in una form e' quella di una web mail, e anche se ce l'avesse, il browser che uso io e' open source, e quindi so benissimo l'uso che ne fa dei dati che inserisco.Questo coso invece e' closed e ti dice: "Dammi pure le credenziali della tua mail che poi ci penso io, e non preoccuparti."Se capisci la differenza, bene, se non la capisci, peggio per te.
        • fra scrive:
          Re: Dategli user e password al programmino..
          se è così è abbastanza grave che PI non lo segnali.una volta erano più attenti a queste cose o sbaglio?
          • panda rossa scrive:
            Re: Dategli user e password al programmino..
            - Scritto da: fra
            se è così è abbastanza grave che PI non lo
            segnali.
            una volta erano più attenti a queste cose o
            sbaglio?Anche i programmini sono piu' attenti a non farsi sgamare...
Chiudi i commenti