Un Classmate Intel, made in Lenovo

Il chipmaker statunitense si allea con il colosso cinese per l'espansione del progetto educativo. I nuovi netbook per paesi emergenti avranno specifiche tecniche essenziali e Windows 7

Roma – Intel e Lenovo hanno annunciato l’avvio di un partnership per la produzione di Classmate+ PC , una versione “brandizzata” del netbook progettato dal chipmaker statunitense per l’utilizzo esclusivo negli istituti educativi e nei paesi in via di sviluppo.

La configurazione del nuovo sistema è essenziale ma completa e comprende uno schermo LCD widescreen da 10,1″, processore Atom N455, webcam da 1,3 megapixel, 3 porte USB 2.0, lettore multi-card integrato, porta LAN, uscita VGA, connettività WiFi, 1GB di RAM, batteria da 3 o 6 celle, sistema operativo Windows 7 a 32 o 64bit.

Le due società coinvolte sottolineano l’importanza della partnership: “Lenovo è la prima società multinazionale a offrire un Classmate PC della Learning Series di Intel per il mercato dell’istruzione globale”, dice Kapil Wadhera di Intel, e l’iniziativa non potrà che “estendere i benefici della piattaforma per un maggior numero di studenti e insegnanti in tutto il mondo”.

Il coinvolgimento di Lenovo dovrebbe in effetti fornire un’accelerazione significativa all’iniziativa Classmate PC , una piattaforma che ha sin qui venduto più di tre milioni di unità ai quattro angoli del globo. La prima partita di 158mila Classmate+ PC è già pronta per essere spedita a Buenos Aires, in Argentina, mentre le modalità di acquisto restano le stesse del Classmate “liscio”: Intel e Lenovo accettano solo ordini da istituzioni e istituti educativi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • zavica scrive:
    Keywords
    Abbiamo comprato nel mese di dicembre il dominio idropulitrici-monferrato.it. Oggi ci è arrivato un e-mail di www.westdnr.org - robert@west-holdings.net, dicendo che una azienda cinese : YinHuang Holding Ltd voleva comprar: idropulitrici-monferrato.comidropulitrici-monferrato.netidropulitrici-monferrato.euidropulitrici-monferrato.cnidropulitrici-monferrato.hkidropulitrici-monferrato.asiaidropulitrici-monferrato.com.hkidropulitrici-monferrato.com.cnand Internet keyword: Idropulitrici-monferratoLoro possono comprare quello che vogliono... ma la key word non mi va.. cosa posso fare?... non voglio rispondere senza tener chiarezza su questo.Qualcuno mi potrebbe aiutare?
  • Funz scrive:
    Blocco ad
    Adesso mi sento ancora meno in colpa perché blocco pure le inserzioni testuali di Google :p
  • cognome scrive:
    ICANN e il vero problema
    Il vero problema sono gli squatter che registrano a tutto spiano ogni sorta di combinazione vocale con l'intenzione di rivendere il dominio a chiunque è interessato possedere tale dominio.Dal momento che questi squatter sono sempre di più e le parole chiave sempre meno, credo sia giunto il momento di aggirare l'ostacolo e liberalizzare i nomi a brand. Se ICANN è incapace nell'affrontare questo annoso problema, allora ben vengano le leggi.Leggi che dimostrano che lo stato comunque ci mette una pezza, ICANN no, perchè sono un manipolo di idioti che campano con le registrazioni.Registrazioni che per il 70% finiscono in parking.Brava ICANN, tu si che sei una azienda seria... (sic!)
Chiudi i commenti