Un martedì, a Redmond

Microsoft diffonde i dettagli dei fix che si prepara a rilasciare il prossimo 14 settembre. Il buon vecchio Windows XP ruba quasi tutta la scena al più giovane Seven

Roma – Con il prossimo appuntamento del Patch Tuesday , fissato per il 14 settembre, gli aggiornamenti studiati da Microsoft risolveranno 9 problemi legati in qualche modo alla sicurezza. Sbirciando il comunicato ufficiale si nota che anche questa volta ne avremo per tutti i gusti, e che i rattoppi non si limiteranno al solo sistema operativo.

Per la precisione, la lista OS include Windows XP, Windows Server 2003, Windows Vista, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2 e Windows 7. Il nuovo Seven distanzia fortemente XP, in quanto a sicurezza. Stavolta si parla infatti di tre sole 3 patch per lui, contro i 9 ritocchi destinati al caro vecchio sistema “experience”. Microsoft Office XP, Office 2003 e Office 2007 tengono invece alta la bandiera delle immancabili applicazioni a rischio.

La lista totale dei bollettini è quasi dimezzata, rispetto agli inquietanti numeri presentati nel martedì record dello scorso mese , ma quattro bollettini su nove parlano comunque di vulnerabilità “critiche”, che potrebbero consentire l’esecuzione di codice malevolo da remoto. Gli altri sei aggiornamenti sono classificati invece come “importanti”, anche se un paio di queste patch andranno semplicemente ad aumentare i privilegi per gli amministratori di sistema. Nell’elenco, pubblicato sulla pagina del Microsoft Security Response Center, si dichiara che per la metà di queste patch occorrerà il riavvio del sistema dopo l’installazione.

Come contorno, sempre nella giornata di martedì 14, Redmond ha anche in progetto di rilasciare ulteriori correzioni per Windows Update (WU) e Windows Server Update Services (WSUS) non legate alla sicurezza, oltre alla consueta nuova versione del cleaner (MRT.exe) conosciuto come “Strumento di rimozione malware”.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti