Un server RealAudio su C64? Yeah!

Per Quake III bisognerà forse pazientare ancora un po', ma intanto c'è chi è riuscito a far girare su Commodore 64 niente meno che un server per lo streaming audio. Un esperimento interessante con una punta di nostalgia

Roma – Può sembrare assurdo che nell’era del GHz vi sia qualcuno che ancora si diletta a smanettare con il buon vecchio Commodore 64, una gloriosa macchina che, nel 2002, forse avrebbe sperato di godersi una meritata pensione in qualche tranquillo ripostiglio, magari comodamente accoccolato fra pile di Zzap e di Commodore Computer Club.

Il fascino dei “vecchi tempi” è però sempre molto forte, specie per chi da ragazzino ha provato a craccare i telefoni pubblici con la linguetta di una lattina (scoprendo poi che funzionava solo nei film…) o per chi la mattina andava a scuola fischiettando la musichetta di Burger Time.

Devono senza dubbio appartenere a questa generazione di informatici anche Adam Dunkels e Peter Eliasson, due programmatori che, dopo aver portato su di un C64 uno stack TCP/IP, un mini server Web e un’interfaccia TCP/IP per i robot Mindstorms della Lego, sono ora addirittura riusciti a far girare sulla macchinetta di Commodore un server per lo streaming in tempo reale di contenuti in formato RealAudio.

Il server gira in una manciata di kappa e si accontenta del solo e misero MHz di clock del C64: più che sufficiente, sostengono i due hacker, per riuscire a catturare l’audio proveniente dal mangianastri connesso al C64 e farne lo streaming su Internet in tempo reale.

Per connettere il C64 ad Internet, Adam e Peter si sono avvalsi di una scheda Ethernet da loro stessi progettata, collegabile alla porta cartridge dell’home computer.

Per chi volesse dare un’occhiata al codice sorgente del programma può scaricarlo da qui .

Sebbene questi esperimenti, sotto il lato pratico, siano di ben poca utilità, aiutano senza dubbio a riportare nell’odierno mondo dei computer un po’ di quell’antico fascino che si respirava all’alba dell’home computing.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    software assurance?? :-(
    [...]"- chiamato "Software Assurance" - si traduce in un risparmio per i grandi clienti."[...]software assurance???!!! questi mi sembra che sono diventati matti!Io ho parlato alcune volte in questo forum e con gli amici della mia idea di licenza software commerciale assicurata e garantita, ma non è quello che sta paventando M$ che intendevo...ti vendono un "pacchetto" comprendente un abbonamento d'uso (NB non prodotti!) con allegato un servizio, e:- è così com'è!- non ci sono garanzie di funzionamento- non ci sono garanzie sui dati- non ci sono I MANUALI, li puoi scaricare e stampare se vuoi! oppure comprare una deicina di libri a una media di 50 euro l'uno!- non c'e' garanzia sul servizio di assistenza- non c'e' garanzia di coerenza e continuità delle piattaforme, anche aggiornando sempre come dicono loro...- non è possibile vedere i sorgentise a questo sommiamo il fatto che spesso e volentieri fanno in modo di non farti scegliere altro quando compri un computer nuovo, minacciando i venditori di computer in vari modi, grazie ai loro soldi guadagnati a palate al limite dell'illecito comprano le migliori menti per togliere alla concorrenza ogni possibilità (il padre di .NET è stato il padre di Borland Delphi.... traete da soli le Vs. conclusioni...)il primo termine adatto che mi viene in mente per questo genere di commercianti è: "venditori di fumo" ... il secondo disonestisaluti a tutti e speiriamo in bene...
  • Anonimo scrive:
    Come funzionano le licenze Microsoft
    Se siete interessati all'acquisto di prodotti Microsoft potete consultare la seguente pagina http://www.microsoft.com/italy/licenze/.C'è una utility che vi iuta a scoprire la licenza che meglio si adatta alla vostra esigenza.Ovviamente, chi non è interessato all'acquisto, può astenersi liberamente.
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno ha capito le attuali forme di licenza?
    IO NO! Sinceramente, ho cercato numerose volte di capire in quale forma acquistare sw Microsoft con programmi di licenze per aziende, ma ogni volta ho desistito, di fronte all'impossibilità di capire cosa propongono! Così sono rimasto con i miei vecchi Win2000 e Office2000 senza passare ad XP... L'impressione è che Microsoft questa volta abbia veramente esagerato con la sua classica arroganza commerciale: crede forse che tutto il mondo stia li ad aspettare un suo cenno per poi leggersi avidamente pagine di criptiche informazioni sui diversi sistemi di licenza che un manager schizofrenico ha ideato?
  • Anonimo scrive:
    Ora puoi
    Pagare la microsoft perche' ti costringa a cambiare l'hardware di tutto il parco macchine ogni tre anni.Domanda: Perche' i Win-aficionados non ci spiegano quali sarebbero i vantaggi del nuovo listino microsoft? Dove sono andati? Che fine hanno fatto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora puoi
      - Scritto da: stupito
      Pagare la microsoft perche' ti costringa a
      cambiare l'hardware di tutto il parco
      macchine ogni tre anni.
      Domanda: Perche' i Win-aficionados non ci
      spiegano quali sarebbero i vantaggi del
      nuovo listino microsoft? Dove sono andati?
      Che fine hanno fatto?Sono spariti xche` si rendono conto di come la Microsoft cerchi di stabilire lei QUANDO il cliente compra e quando paga. Cio` e` palesemente assurdo.. Non si e` mai vista un'azienda che stabilisce i tempi e i modi di pagamento e di rinnovo del prodotto, ma loro pensano di poterlo fare sfruttando il monopolio. Certo se ci riuscissero, pensa che pacchia per la M$, sapere quanti introiti avranno nel futuro, nei successivi tre anni ad un dato momento!!Io spero che questo come l'altro sistema simile del software in affitto siano un boomerang per un'azienda che uccide il mercato col suo monopolio.Saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora puoi
        - Scritto da: S.L.
        Sono spariti xche` si rendono conto di come
        la Microsoft cerchi di stabilire lei QUANDO
        il cliente compra e quando paga. Cio` e`
        palesemente assurdo.. Guarda. Sono passati otto giorni. Nessuno che abbia speso una parola a dire quanto sono belle le licenze di microsoft. Se ne stanno in altri forum, invece, a dire come e` bello Windows, come e` bella l'Xbox e come ci vuole bene la microsoft.Continuate pure. Il vostro futuro sara` in quelle licenze che ora ignorate.
  • Anonimo scrive:
    Proposta, forse ot
    Ciao, approfitto dell'articolo su microsoft per proporre un'idea che mi era venuta in occasione di un dibattito (non mi ricordo in che forum) sul fatto che il .doc e il .pdf non sono open source, e quindi manca un vero formato aperto e, perchè no, multi-piattaforma (un pò come java).A me è venuto in mente il tipo di estensione, il .dof (Document Open Format), che è molto assonante al doc.Io però non so da che parte iniziare.Ho buttato lì la cosa, sono graditi commenti e osservazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta, forse ot
      - Scritto da: pieggi
      A me è venuto in mente il tipo di
      estensione, il .dof (Document Open Format),
      che è molto assonante al doc.
      Io però non so da che parte iniziare.Prova da qui:http://www.docbook.org/http://www.xml.com/Il problema non è fare un nuovo formato di documenti, il problema è farlo accettare e diffondere...
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta, forse ot

      Ciao, approfitto dell'articolo su microsoft
      per proporre un'idea che mi era venuta in
      occasione di un dibattito (non mi ricordo in
      che forum) sul fatto che il .doc e il .pdf
      non sono open source, e quindi manca un vero
      formato aperto e, perchè no,
      multi-piattaforma (un pò come java).beh, java non è mica open-source !
      A me è venuto in mente il tipo di
      estensione, il .dof (Document Open Format),
      che è molto assonante al doc.
      Io però non so da che parte iniziare.
      Ho buttato lì la cosa, sono graditi commenti
      e osservazioni.In verità se prendo un bel xml e vi applichi un bel css (assolutamente standard), hai un documento ben formattato, open, e leggibile da qualsiasi dispositivo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proposta, forse ot
        - Scritto da: Antibufala
        In verità se prendo un bel xml e vi applichi
        un bel css (assolutamente standard), hai un
        documento ben formattato, open, e leggibile
        da qualsiasi dispositivo.Meglio un XSL...
        • Anonimo scrive:
          Re: Proposta, forse ot

          - Scritto da: Antibufala

          In verità se prendo un bel xml e vi
          applichi

          un bel css (assolutamente standard), hai
          un

          documento ben formattato, open, e
          leggibile

          da qualsiasi dispositivo.

          Meglio un XSL...Dipende. Se devi fare cose più complesse si, per banali formattazioni di tag basta il css.
          • Anonimo scrive:
            Re: Proposta, forse ot
            - Scritto da: Antibufala

            - Scritto da: Antibufala


            In verità se prendo un bel xml e vi

            applichi


            un bel css (assolutamente standard),

            Meglio un XSL...
            Dipende. Se devi fare cose più complesse si,
            per banali formattazioni di tag basta il
            css.Comunque già che ci sono, preferisco avere tutto in XML... mi tengo la potenza e la flessibilità degli XSL, non si sa mai...
  • Anonimo scrive:
    perke' ms sbaglia
    sbaglia perke' non devono cambiare i piani di licenza. ormai i clienti sanno quando,come,dove,cosa pagano e non se la sentono di ricominciare a sforzarsi di capire e di fidarsi di un nuovo skema di prezzi. e' come se io vado tutti i giorni dal fruttivendolo e compro le stesse cose,sapendo quando costano. dopo tanti anni,pago ad okki kiusi...se questo mi cambia lo skema dei prezzi,io mi devo riadattare...perdo la fiducia...
  • Anonimo scrive:
    è la maledetta PAK che non vogliamo!
    _nessuno_vuolela maledettaschifosarompi-palleProduct-activation-keyio non installerò più niente di superiore a win2000 se vedo ancora roba simile alla product activation shit.E poi ragazzi mi dispiace, ma l'azienda che sta sotto il mio "POTERE" ( e sapete bene che l'amministratore della parte informatica dell'azienda CONTA ) passerà inevitabilmente a LINUX se continuate a romperci le palle.BASTA.
  • Anonimo scrive:
    IIl 38% sta cercando alternative a M$
    Cioè il 38% delle aziende intende cercare e vagliare le alternative a win e compagnia di casa M$; media nel mondo, chissà allora la percentuale in USA, terra più pronta a vagliare i nuovi orizzonti tecnologici e di mercato.E quando cercano alternative non si riferiscono solo (dall'art.) ai sistemi server, ma anche ai sistemi descktop.Forse una minoranza non emigrerà, un'altra parte lo farà parzialmente, ma la maggioranza traccerà una nuova via. Di queste non tutte confluiranno su Linux, anche se è prevedibile che questi sia il più gettonato; ma ciò che conta è che quel 38% ovunque vada ha detto no al monopolista.
    • Anonimo scrive:
      Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
      dovevi vedere come ha cambiato faccia il tipo quando gli ho fatto vedere openoffice...(costo 0)...Alla fine ha deciso di non prendere le 20 lic MS ma di passare all'openoffice in attesa dello staroffice nuovo nuovo...(che da quanto si dice su pi costera' meno di 100$...99.99$ ??? mah...cmq sempre meglio di 600E...+o -...)
      • Anonimo scrive:
        Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$

        Alla fine ha deciso di non prendere le 20
        lic MS ma di passare all'openoffice in
        attesa dello staroffice nuovo nuovo...(che
        da quanto si dice su pi costera' meno di
        100$...99.99$ ??? mah...cmq sempre meglio di
        600E...+o -...)Come ?? Fanno pagare ?? Ma non è tutto gratis ?
        • Anonimo scrive:
          Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
          mi sa' che sei un po confuso sui termini: free, gratis, gpl, opensource.
          • Anonimo scrive:
            Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$

            mi sa' che sei un po confuso sui termini:
            free, gratis, gpl, opensource.e poi parliamo della complessità delle licenze ms, mah...
        • Anonimo scrive:
          Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
          Sun, ha deciso che Star Office 6.0 (derivato da Open Office, derivato a sua volta da Star Office 5.2), sarà a pagamento per le aziende con costo minimo, solo la vers. per Solaris sarà completamente gratuita.In aggiunta cmq Sun, oltre ai CD con Star Office per Solaris, Linux, e win, offre un manualone, tutto nella confezione.Un'offerta migliore nettamente a quella di Office M$ e presente anche su win.Ho provato la BETA, e posso assicurare che funziona bene su Linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
            Costo minimo ? 0 (zero) euro ? Allora è un prodotto commerciale a tutti gli effetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
            anche la Red Hat e' un prodotto commerciale e allora? Free software != software gratis informati per favore prima di dare giudizi
          • Anonimo scrive:
            Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
            Si è un prodotto commerciale, a parte che lo era anche Star Office 5.2 fino al rilascio dello stesso con la licenza Open di Sun, era solo distribuito free scaricandolo dai server Sun.Poi, costo minimo se riferito a Office M$, non farei paragoni a tal proposito; senza contare che per Solaris Sparc e x86 rimane completamente free come la 5.2.
          • Anonimo scrive:
            Re: IIl 38% sta cercando alternative a M$
            Provata la beta su Win e funziona alla grande.Il costo che viene ipotizzato per lk'acquisto del apcchetto e' simile a quello per acquistare un buon manuale di un qualsiasi soft.E cmq per coloro che non hanno intenzione di pagare nulla possono sempre scaricare la versione open dal sitto di openoffice.org.Poi scusate ma dove sta scritto che TUTTO cio' che gira sotto linux debba essere per forza gratis? Non c'e' mica una legge che vieta a nessuno di scrivere soft e di venderlo per la piattaforma linux o per qualsiasi altra piattaforma, a dire il vero se ci fosse una legge che vieta di mettere in vendita soft per una qualsiasi piattaforma Zio Bill sarebbe in gabbia gia' da diverso tempo :)))))))))))))))))))))))--------------------------Se vuoi utilizzare applicativi Open Source o Free prova con questo:http://www.openoffice.orgOpen Office e' un ottimo programma per l'office automation comprende diversi applicativi che saranno sicuramente molto utili, e' pienamente compatibile con le piattaforme piu' blasonate.Io partecipo al Opensource Signature Projet visita il sito per saperne di piu'. http://www.opensignature.da.ru--------------------------------
  • Anonimo scrive:
    ho capito tutto...
    in realta sembra che non e conveniente...ma lo e...o no ????...;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: ho capito tutto...
      - Scritto da: blah
      in realta sembra che non e conveniente...ma
      lo e...o no ????...
      ;-)solo se sei un GRANDE contributore. Se è così ti ritroverai ad avere uno sconto minimo sulla tassa dell'anno successivo.Se invece sei un piccolo tassato, un piccolo contributore, allora ti conviene rimanere nell'ombra e sperare che la Finanza non ti scopra.Ecco a cosa si è ridotta la microsoft: a fare l'esazione delle tasse (che noi paghiamo a un operatore straniero, con grande deflusso di valuta verso un altra nazione)
      • Anonimo scrive:
        Re: ho capito tutto...

        Ecco a cosa si è ridotta la microsoft: a
        fare l'esazione delle tasse (che noi
        paghiamo a un operatore straniero, con
        grande deflusso di valuta verso un altra
        nazione)Hai un sistema MS installato sul tuo pc ? Se si, paga la licenza e stai zitto, se no non stai pagando niente a nessuno....quindi stai ancora zitto.Curati !
        • Anonimo scrive:
          Re: ho capito tutto...
          quale che sia delle due in ogni caso il deflusso di capitali all'estero porta svantaggi a tutti a prescindere dall'OS che si usa.
        • Anonimo scrive:
          Re: ho capito tutto...MICROSOFT ci AFFAMA
          - Scritto da: Antibufala

          Ecco a cosa si è ridotta la microsoft: a

          fare l'esazione delle tasse (che noi

          paghiamo a un operatore straniero, con

          grande deflusso di valuta verso un altra

          nazione)

          Hai un sistema MS installato sul tuo pc ?
          Se
          si, paga la licenza e stai zitto, se no non
          stai pagando niente a nessuno....quindi stai
          ancora zitto.Non riuscirai a mettere a tacere le legittime richieste dei cittadini. Non è solo una questione privata: lo stato italiano si ritrova a spendere un patrimonio per le licenze strozzacapponi del monopolista, per tutti i PC installati nelle amministrazioni pubbliche.QUESTO è un problema anche MIO, e il tuo volermi mettere a tacere la dice lunga sui metodi illegittimi e soffocatori utilizzati da certi difensori del monopolio sovietico di microsoft.Ci siamo quasi liberati da un monopolio nazionale (telecom) e stiamo andando verso la liberalizzazione di altri comparti economici. Abbiamo le idee chiare sul fatto che qualunque MONOPOLIO CHIUDE IL mercato in cui opera. Da cittadini liberi vogliamo un mercato LIBERO. Vogliamo che un monopolio CONDANNATO per abuso della sua posizione dominante sia circoscritto e LIMITATO nelle sue azioni anticompetitive
          Curati !lo dicevano ai dissidenti dell'ex-unione sovietica, e li mandavano a GorkjiI tuoi "consigli" sono degni dei metodi sovietici dell'azienda monopolista microsoft che ami tanto difendereRassegnati. Non ci metterai a tacere.
  • Anonimo scrive:
    lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
    Le aziende che vogliono affrancarsi dal monopolio di microsoft possono farlo in più gradi:1 - utilizzo di software alternativo al software del monopolio. Ad esempio: temete l'invadenza di Explorer? Esiste Mozilla (www.mozilla.org). Le licenze di Office costano troppo? passate a openOffice o staroffice (www.openoffice.org) che non vi imporranno licenze STROZZACAPPONI come quelle che microsoft sta per imporre su larga scala. Il software open source vi dà il ventaggio di non avere incorporati spyware o software "oscuri".2 - cambio graduale di piattaforma come si sta facendo un po' ovunque (anche nell'efficente Germania: addirittura nel parlamento tedesco): passando prima i server su piattaforma LINUX, poi gradualmente anche i desktop (per i quali LINUX è già pronto, www.mandrakesoft.com)I titolari e responsabili di aziende ricorderanno che la BSA ha rilevato il forte uso di software piratato (fino al 46%) nelle stesse aziende. Per microsoft tutto ciò significa profitti non concretizzati.Ora microsoft chiede a VOI tutti di pagare di PIU' per avere lo stesso NON-servizio; microsoft chiede a VOI ciò che non è in grado di farsi ELARGIRE da ALTRI.Microsoft vi chiede di SPREMERVI ancora un po', per MONETIZZARE il suo STATUS di MONOPOLISTA, e lo fa ORA, finché è in tempo, prima che la scure dell'antitrust la obblighi a fare altri piani e altri contratti per voi più vantaggiosi.Ma VOI siete in grado, ora, di limitare o addirittura di ANNULLARE i costi dovuti al MONOPOLIO che INCOMBE.Ora, dopo una tenebra medievale squarciata dal processo a microsoft (che la vede COLPEVOLE di abuso di MONOPOLIO) esistono alternative che possono garantire il ristabilimento della condizione di parità tra VOI e l'operatore monopolista microsoft.Chiedetele al vostro responsabile degli acquisti, informatevi su chi ha il know-how giusto al vostro responsabile del personale.OSATE fare questo passo prima che ALTRI più accorti lo facciano prima di VOI e vi soppiantino nella vostra attività.Infatti, se esiste una grande massa di operatori economici che accettano la status di dipendenza dal monopolista pagandone il prezzo, i NUOVI soggetti che entrano nel VOSTRO mercato avranno un vantaggio competitivo su di VOI: la loro indipendenza e la LIBERTA' cui anche voi dovreste ambire.Liberatevi di microsoft, e sarete LIBERI dai legami sovietico-burocratici del monopolista.
    • Anonimo scrive:
      Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
      Bene zap.Avanti tutta con LINUX e l' Open Source.Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
      io nel mio piccolo son partito con una roba simile qualche giorno fa' se qualcuno vuole darmi una mano ben venga.www.opensignature.da.ru
    • Anonimo scrive:
      Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
      - Scritto da: zap
      i desktop (per i quali LINUX è già pronto,
      www.mandrakesoft.com)traditore hai abbandonato debian gnu/linux stable/woody
    • Anonimo scrive:
      Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT

      1 - utilizzo di software alternativo al
      software del monopolio. Ad esempio: temete
      l'invadenza di Explorer? Esiste Mozilla
      (www.mozilla.org). Le licenze di Office
      costano troppo? passate a openOffice o
      staroffice (www.openoffice.org) che non vi
      imporranno licenze STROZZACAPPONI come
      quelle che microsoft sta per imporre su
      larga scala. Il software open source vi dà
      il ventaggio di non avere incorporati
      spyware o software "oscuri".Clamati bimbo. Nessuno impone niente. Se vuoi comprila licenza MS Office e lo usi, se non vuoi usi StarOffice o qualunque altro prodotto free o a pagamento. Le costrizioni le hai tu....
      2 - cambio graduale di piattaforma come si
      sta facendo un po' ovunque (anche
      nell'efficente Germania: addirittura nel
      parlamento tedesco): passando prima i server
      su piattaforma LINUX, poi gradualmente anche
      i desktop (per i quali LINUX è già pronto,
      www.mandrakesoft.com)Uso mandrake 8.1 e non è certo all'altezza di Windows...per ora, in termini di usabilità.
      I titolari e responsabili di aziende
      ricorderanno che la BSA ha rilevato il forte
      uso di software piratato (fino al 46%) nelle
      stesse aziende. Per microsoft tutto ciò
      significa profitti non concretizzati.Come se l'unica azienda a fare software commerciale fosse Microsoft. Hai una visone molto limitata del mercato.
      Ora microsoft chiede a VOI tutti di pagare
      di PIU' per avere lo stesso NON-servizio;
      microsoft chiede a VOI ciò che non è in
      grado di farsi ELARGIRE da ALTRI.Da chi ?
      Microsoft vi chiede di SPREMERVI ancora un
      po', per MONETIZZARE il suo STATUS di
      MONOPOLISTA, e lo fa ORA, finché è in tempo,
      prima che la scure dell'antitrust la
      obblighi a fare altri piani e altri
      contratti per voi più vantaggiosi.Le modifiche del licencing di molti prodotti sono già avvenute. Ma forse non sei informato ...
      Ma VOI siete in grado, ora, di limitare o
      addirittura di ANNULLARE i costi dovuti al
      MONOPOLIO che INCOMBE.Per generare i costi dei professionisti pche devi mantenere a vita per tenere in piedi un sistema differente ? Beh, forse è meglio lasciar stare le cose come stanno.
      Ora, dopo una tenebra medievale squarciata
      dal processo a microsoft (che la vede
      COLPEVOLE di abuso di MONOPOLIO) esistono
      alternative che possono garantire il
      ristabilimento della condizione di parità
      tra VOI e l'operatore monopolista microsoft.Perchè non ti firmi monopilio. Ti è rimasta quella parola attaccata all'unico neurone che hai in testa.
      Infatti, se esiste una grande massa di
      operatori economici che accettano la status
      di dipendenza dal monopolista pagandone il
      prezzo, i NUOVI soggetti che entrano nel
      VOSTRO mercato avranno un vantaggio
      competitivo su di VOI: la loro indipendenza
      e la LIBERTA' cui anche voi dovreste ambire.Come se questi fossero denaro. Presentati in una banca e digli che sei libero con Linux. Se ti aprono la porta è solo per darti una mancia.
      Liberatevi di microsoft, e sarete LIBERI dai
      legami sovietico-burocratici del
      monopolista.Microsoft comunista ? Questa è proprio bella.
      • Anonimo scrive:
        Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
        - Scritto da: Antibufala

        i desktop (per i quali LINUX è già pronto,

        www.mandrakesoft.com)

        Uso mandrake 8.1 e non è certo all'altezza
        di Windows...per ora, in termini di
        usabilità.mi faresti qualche esempio concreto in cui una mandrake risulta meno 'usabile' di windows?
        • Anonimo scrive:
          Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
          - Scritto da: z2
          mi faresti qualche esempio concreto in cui
          una mandrake risulta meno 'usabile' di
          windows?ad esempio quando devi usare i programmi per windows io infatti uso debian
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            - Scritto da: Linucs
            - Scritto da: z2


            mi faresti qualche esempio concreto in cui

            una mandrake risulta meno 'usabile' di

            windows?

            ad esempio quando devi usare i programmi per
            windows io infatti uso debianDicono che alla Debian ci siano solo i puristi.Deve essere vero.Ma sempre LINUX è.Quindi CONCORRENZA in casa, ma mai guerra please.
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            - Scritto da: Alien
            Dicono che alla Debian ci siano solo i
            puristi.infatti la usa anche rollerdog
            Ma sempre LINUX è.ma debian e' piu' free non come mandrake o rh
            Quindi CONCORRENZA in casa, ma mai guerra
            please.contro debian non c'e' concorrenza anche perche' la stable e' la migliore forse c'e' concorrenza con la unstable che pero' e' unstable
        • Anonimo scrive:
          Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT

          mi faresti qualche esempio concreto in cui
          una mandrake risulta meno 'usabile' di
          windows?Ad esempio mettere su una LAN mista con PC e Mac. Con Linux sono mesi che ci provo e non ci riesco. Con Windows c'ho messo 5 minuti.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            - Scritto da: Van Helsing

            mi faresti qualche esempio concreto in cui

            una mandrake risulta meno 'usabile' di

            windows?

            Ad esempio mettere su una LAN mista con PC e
            Mac. Con Linux sono mesi che ci provo e non
            ci riesco. Con Windows c'ho messo 5 minuti.Non è una buona ragione per dire che Microsoft è meglio, quando non lo è.Il fatto che hai impiegato 5 minuti a collegare lla rete con winzoze è vero, ma per il semplice fatto che hai sempre lavorato con winzoze.Coniscessi melglio LINUX, avresti impiegato forse solo un pò più di 5 minuti, ma vuoi paragonare i risultati finali?Eppoi, con le nuove distro e col nuovo Samba, i problemi si sono ridotti ulterirmente nella configurazione di reti miste di SO.Il fatto rimane comunque che è solo questione di tempo e di uso di LINUX, poi anche i problemi di reti miste saranno normale routine.Ciao

            Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            veramente la semplicita' nella configurazione della rete e' uno dei tratti caratteristici di linux, non capisco che problemi hai trovato.
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            - Scritto da: z2
            veramente la semplicita' nella
            configurazione della rete e' uno dei tratti
            caratteristici di linux, non capisco che
            problemi hai trovato.forse lui cerca di configurare samba che e' diverso ma presto lo metteranno nel kernel di linux per avere prestazioni maggiori proprio come tux il web server di redhat ma comunque io resto fedele a debian gnu/linux stable
          • Anonimo scrive:
            Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
            Ma benedetto Van Helsing in questi mesi hai provato a leggere qualcosa sulle reti tcp/ip?Se ti fossi preso la briga di leggere gli howto che riguardano il networking o, perche' no, un sano manuale avresti risparmiato qualche mese!!Andiamo avanti cosi', mettiamo davanti la pratica e freghiamocene della teoria, che intanto Santissima Microsoft si preoccupa di fare tutto per noi.D'altra parte a che cosa serve studiare e ragionare autonomamente quando c'e' gia Microsoft o chi per essa che lo fa per noi?E' una perdita di tempo giusto?Caro Van Helsing, se vuoi fare l'amministratore di rete ti consiglio di studiare un bel po' prima di sputare sentenze su come si comporta Linux (cosa che peraltro credo tu ignori bellamente).- Scritto da: Van Helsing

            mi faresti qualche esempio concreto in cui

            una mandrake risulta meno 'usabile' di

            windows?

            Ad esempio mettere su una LAN mista con PC e
            Mac. Con Linux sono mesi che ci provo e non
            ci riesco. Con Windows c'ho messo 5 minuti.

            Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: lanciamo la CAMPAGNA NO-a-MICROSOFT
        - Scritto da: Antibufala

        1 - utilizzo di software alternativo al

        software del monopolio. Ad esempio: temete

        l'invadenza di Explorer? Esiste Mozilla

        (www.mozilla.org). Le licenze di Office

        costano troppo? passate a openOffice o

        staroffice (www.openoffice.org) che non vi

        imporranno licenze STROZZACAPPONI come

        quelle che microsoft sta per imporre su

        larga scala. Il software open source vi dà

        il ventaggio di non avere incorporati

        spyware o software "oscuri".

        Clamati bimbo. Nessuno impone niente. infati, se viene rispettata la legge antitrust. Ma non è stato questo il caso, e microsoft è sotto i "ferri" giudiziari per questo: per aver IMPOSTO al MERCATO il suo monopolioNOI tutti possiamo AIUTARE il processo di MORMALIZZAZIONE eliminando l'utilizzo di software microsoft o riducendolo al massimo

        2 - cambio graduale di piattaforma come si

        sta facendo un po' ovunque (anche

        nell'efficente Germania: addirittura nel

        parlamento tedesco): passando prima i
        server

        su piattaforma LINUX, poi gradualmente
        anche

        i desktop (per i quali LINUX è già pronto,

        www.mandrakesoft.com)

        Uso mandrake 8.1 e non è certo all'altezza
        di Windows...per ora, in termini di
        usabilità.sto usando mandrake 8.2, e per quanto mi riguarda la trovo molto valida. Figuriamoci la 8.3

        I titolari e responsabili di aziende

        ricorderanno che la BSA ha rilevato il
        forte

        uso di software piratato (fino al 46%)
        nelle

        stesse aziende. Per microsoft tutto ciò

        significa profitti non concretizzati.

        Come se l'unica azienda a fare software
        commerciale fosse Microsoft. Non lo sapevi? lo squalo ha attorno qualche pesce piccolo che mangia le briciole.
        Hai una visone
        molto limitata del mercato.un mercato monopolizzato da microsoft, e quindi la LIMITAZIONE che denoti è tutta nella stassa natura del mercato LIMITATO dal monopolista.Hai tutti gli elementi e li sai anche descrivere, ma non vedi la vera natura in quello che tu stesso dici.

        Microsoft vi chiede di SPREMERVI ancora un

        po', per MONETIZZARE il suo STATUS di

        MONOPOLISTA, e lo fa ORA, finché è in
        tempo,

        prima che la scure dell'antitrust la

        obblighi a fare altri piani e altri

        contratti per voi più vantaggiosi.

        Le modifiche del licencing di molti prodotti
        sono già avvenute. Ma forse non sei
        informato ...Ammetto che non compro software microsoft dal 1993, e questi mi ha messo al riparo (pirateria compresa) da molti problemi (mai usato un solo antivirus per LINUX)Rimane lo status di monopolista di microsoft, che ha il fiato del caso antitrust sul collo e vuole restringere ulteriormente le prerogative dei propri clienti per evitare di doverlo fare quando NON AVRA' + lo status di MONOPOLISTA

        Ma VOI siete in grado, ora, di limitare o

        addirittura di ANNULLARE i costi dovuti al

        MONOPOLIO che INCOMBE.

        Per generare i costi dei professionisti pche
        devi mantenere a vita per tenere in piedi un
        sistema differente ? Beh, forse è meglio
        lasciar stare le cose come stanno.evidentemente a te fa comodo. A tutti gli altri (e sono moltissimi, stando alla BSA: ilk 46% delle aziende italiane è costretto a piratare) invito ancora a considerare altre possibilità come il software open source.

        Ora, dopo una tenebra medievale squarciata

        dal processo a microsoft (che la vede

        COLPEVOLE di abuso di MONOPOLIO) esistono

        alternative che possono garantire il

        ristabilimento della condizione di parità

        tra VOI e l'operatore monopolista
        microsoft.

        Infatti, se esiste una grande massa di

        operatori economici che accettano la
        status

        di dipendenza dal monopolista pagandone il

        prezzo, i NUOVI soggetti che entrano nel

        VOSTRO mercato avranno un vantaggio

        competitivo su di VOI: la loro
        indipendenza

        e la LIBERTA' cui anche voi dovreste
        ambire.

        Come se questi fossero denaro. la LIBERTA' di non dover sborsare la tassa all'esattore ZIO BILL ?Si vede che sei un felice "contributore". Buon per te, ma sei parte di una minoranza. Agli altri rimane ancora di dover sbarcare il lunarioCostoro avranno maggiori attenzioni al proprio mantenimento.

        Liberatevi di microsoft, e sarete LIBERI
        dai

        legami sovietico-burocratici del

        monopolista.

        Microsoft comunista ? Questa è proprio bella.infatti: è ridicolo che a tutt'oggi esista un MONOPOLIO nel mercato innovativo del software, e che tale monopolio abbia la possibilita di SOFFOCARE il mercato.Tutti i monopoli agiscono con il solo intento di garantirsi la sopravvivenza agendo al di sopra del LIBERO mercato.Microsoft è colpevole contro il libero mercato proprio come lo è un governo centralista sovietico.microsoft agisce a tutti gli effetti come uno stato sovietico
  • Anonimo scrive:
    ANCHE STAVOLTA IL DRAGA NON C' AZZECCA
    Ha voglia di strimpellare con le sue mega campagne pubblicitarie per far digerire ai DRAGATI che devono esser felici di esser DRAGATI.DRAGA. La trippa per gatti per te è finita.
    • Anonimo scrive:
      Re: ANCHE STAVOLTA IL DRAGA NON C' AZZECCA
      E dai!!! Pare che sia la volta buona per levarcelo dai cosiddetti!!!Ciao
Chiudi i commenti