Una suoneria per le foto dei cellulari

Una proposta di legge statunitense per dare un tono a certi scatti indiscreti

Roma – Si insinuano nella quotidianità della folla che sciama, individuano un volto e lo catturano, consegnano immagini di ogni tipo al predatore del telefonino che le ha scattate. Che può scegliere di pubblicarle online e innescare reazioni di eventi dalle potenzialità disastrose.

Jason Pratt - Gabe and his camera phone Per questo motivo il deputato statunitense Pete King è tornato ad avanzare una proposta di legge che sappia dare voce ai telefonini : il Camera Phone Predator Alert Act , una volta legge, imporrà ai produttori di associare un segnale acustico allo scatto di ogni foto e di rendere impossibile la disabilitazione dell’allarme associato allo scatto. In questo modo, auspica King, tutti gli individui in camera potranno sciamare fuori dal campo visivo dell’indesiderato fotografo. O aggredirlo una volta finiti nel suo obiettivo.

La proposta di legge, si spiega nel testo, è rivolta soprattutto ai piccoli predatori di scatti : “Il Congresso ha rilevato che i bambini e gli adolescenti subiscono angherie per foto scattate in spogliatoi e in luoghi pubblici con l’uso di camera phone”. Foto che poi rischiano di riversarsi di telefonino in telefonino , di circolare in rete, di sfuggire al controllo della persona ritratta e di ripercuotersi sul diritto dell’individuo ad una reputazione che si sovrapponga ai propri comportamenti.

Se in alcuni paesi del mondo sono i gestori di esercizi pubblici a rischio ad aver imposto ai propri utenti l’obbligo di spegnere gli insidiosi terminali, in altri paesi si è provveduto a legiferare per prevenire gli scatti rubati a mezzo telefonino. È così che negli States l’intento di appropriarsi di un frammento della vita di un passante potrebbe dover essere segnalato con trilli e sferragliamenti di otturatori simulati: all’improvvisato fotografo verrà negata la possibilità di immortalare soggetti inconsapevoli.

Ma potrà cimentarsi indisturbato con i video: così come proposto in Corea del Nord, a differenza di quanto raccomandato dal Garante della privacy italiano, il testo della proposta di legge di King non contempla i camera phone dotati della possibilità di catturare clip. Se poi il predatore di immagini non si volesse rassegnare all’arte della fotografia, potrà dotarsi di una cam digitale: la proposta di legge investe il solo ambito degli smartphone. A vigilare sugli sconfinamenti della privacy potrebbero essere le miriadi di cam di sorveglianza poste a presidio degli spazi pubblici.

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • eee... scrive:
    Password e solidarietà
    Per risolvere il problema degli intrusi, direi che una comune password sia sufficiente.Personalmente, se avessi un router wireless, lascerei la mia connessione a disposizione di chiunque (sempre che non venga usata per asini/torrenti e così via).A me è già capitato di "sfruttare" reti sconosciute - ovviamente senza esagerare - e so che in certe occasioni può essere veramente un regalo graditissimo.
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Password e solidarietà
      Anche io lasciavo la rete aperta prima... Poi ho scoperto che mi ciucciavano tutta la banda con i soliti asini-muli.Visto che ho e sono costretto ad usare un router alice, non posso bloccare questi protocolli.
  • gonzo scrive:
    sssss
    werwerwerwerwerwerwerwerwerwerwer
  • ninjaverde scrive:
    Piombo?
    Doppio strato di piombo????????(rotfl)Ma sa di cosa parla?(geek)Le onde elettromagnetiche e microonde non sono radiazioni ionizzanti!!!!
  • Marco scrive:
    Serve contro le tempeste solari?
    Come scritto da punto informatico pare che nel 2012 saremo invasi dalle tempeste solari: http://punto-informatico.it/2524463/PI/News/2012-fuga-internet.aspx Sta vernice proteggerebbe da questo fenomeno gli apparati interni?SalutiMarco
  • a n o n i m o scrive:
    100GHz?!
    [img]http://fies-family.com/2005LongTrip/10Greenbank/Pix/P6253273.JPG[/img]100 GHz[img]http://rocky.digikey.com/weblib/Linx%20Technologies/Web%20Photo/ANT-2.4-CW-RCS.jpg[/img]2,4 GHznotate nessuna differenza?
  • sir maxwell scrive:
    meglio precisare
    mi sembra che l'articolo abbia quanto meno delle inesattezze.Lo scopo primario di questa vernice è di assorbire le emissioni elettromagnetiche il che la rende utile sia per un discorso di "tempest" sia di riduzione delle interferenze che disturbano il regolare funzionamento di un apparato e non ultimo la riduzione degli effetti biologici delle onde radio. Per quanto attiene l'uso di ben 100Ghz per comunicazioni wifi la affermazione non è corretta poiche il wifi propriamente detto lavora a 2,4Ghz mentre l'uso di bande di centiania di Ghz è solitamente relegato ai collegamenti da/per satelliti.
  • al bel scrive:
    macchè ladri di banda....
    Non per contraddire l'autore, ma l'interesse principale di questa vernice non è contro i ladri di wifi, bensì, per minimizzare l'interferenza tra AP adiacenti, visto che esistono solo 3 canali non interferenti per il wifi, così si puo' migliorare la connettività senza dover fare pianificazione di rete!!!
  • muglielmo garconi scrive:
    domopack come schermante?
    :|basta un sottile domopack la maggior parte delle onde radio sono schermatemagari fosse così... la mia esperienza quasi quotidiana con le onde hertziane contraddice ineluttabilmente l'affermazione di cui sopra. Un campo elettrico di qualche KV lo puoi isolare con il domopack, un campo elettromagnetico no (guarda le antennine di alcuni apparati wi-fi, sono ricoperte di plastica) ameno che il sottile domopack sia metallizzato e allora la cosa cambia.
    • Andonio scrive:
      Re: domopack come schermante?
      Il domopack di alluminio.Teoricamnet funziona.Pero' la toria stessa dice ch eper schermare una certa poenza ci vuole un certo spessoreSi puo' fare qualch eesperimento , eventualmente mettendo piu' strati di alluminio.
      • Funz scrive:
        Re: domopack come schermante?
        - Scritto da: Andonio
        Il domopack di alluminio.
        Teoricamnet funziona.
        Pero' la toria stessa dice ch eper schermare una
        certa poenza ci vuole un certo
        spessore
        Si puo' fare qualch eesperimento , eventualmente
        mettendo piu' strati di
        alluminio.Fate la prova: impacchettate il cellulare con uno o più giri di domopak e chiamatelo.Attenti però a non cucinarlo al cartoccio per sbaglio :D
      • Skywalker scrive:
        Re: domopack come schermante?
        - Scritto da: Andonio
        Il domopack di alluminio.
        Teoricamnet funziona.
        Pero' la toria stessa dice ch eper schermare una
        certa poenza ci vuole un certo
        spessore
        Si puo' fare qualch eesperimento , eventualmente
        mettendo piu' strati di
        alluminio.E la stessa teoria dice anche che all'aumentare della frequenza questo spessore ("effetto pelle") diminuisce.Il punto è: che fa questa vernice?Perché se "Assorbe" stiamo parlando di altro: vuol dire che intercetta il campo ed in qualche modo lo dissipa (es. coni di carbonio in una camera anecoica elettromagnetica).Se invece si limita a rifletterlo, allora veramente basta ricoprire di domopack (o una rete metallica sufficientemente fitta).Occhio che non è la stessa cosa: se state "dentro" una scatola di metallo, le onde riflesse potrebbero interferire con quelle incidenti e distruggere il segnale. Al limite potreste riuscire a creare una bella onda stazionaria e scoprirvi in un blando forno a microonde.L'articolo ha la profondità tecnica di un trattato di astrologia su Saturno, su questo concordiamo. Forse sarebbe andato bene su "Io Donna" o su "Playboy".Ma questo è un altro discorso.
    • Discolo scrive:
      Re: domopack come schermante?
      Io ho messo il mio modem router adsl wifi in una scatola foderata di pellicola di alluminio per limitarne l'uscita di campo così che arrivi dall'altra parte di casa mia ma non dall'altra parte del parco davanti a casa.Funziona egregiamente, potenza del segnale abbassata di netto. La scatola non è totalmente foderata altrimenti il segnale non uscirebbe del tutto o comunque non andrebbe oltre la stanza.
  • Ciccio scrive:
    Ma quali 100Ghz??
    Oltre 100Ghz? Ma da dove ca..o escono ste notizie?Il wi-fi funziona a 2,4Ghz.Il wi-fi basato sullo standard 802.11a (che non è quello che usiamo nelle nostre case) lavora nella banda dei 5Ghz.In compenso, se sta vernice funziona, bloccherà benissimo i telefonini che non funzioneranno più all'interno. Bella trovata.
    • al bel scrive:
      Re: Ma quali 100Ghz??
      ma infatti....io avevo letto che facevano una vernice specifica per wifi a 2.4GHz...
    • ma_che_dici scrive:
      Re: Ma quali 100Ghz??
      Pensa che meraviglia, cinema bar autobus treni ristoranti tutti pittati con sta vernice.La pace finalmente, con tutti i cellular-schizzati fuori gioco.Cosi magari si riesce anche a parlare e socializzare ...me-ra-vi-glia!
  • Poldo scrive:
    Ma che buncher e piombo
    basta un sottile domopack la maggior parte delle onde radio sono schermate
  • Gaucho scrive:
    Notizia Datata
    Già un po' di tempo fa in una trasmissione televisiva era stato trattato questo tema ma per proteggere delle persone "radiosensibili" in un Paese Nordico......
    • Bars scrive:
      Re: Notizia Datata
      La trasmissione era Report, la vernice in questione era presentata come "carissima". La notizia non è datata, se avessi letto l'articolo ti saresti accorto che parla di una vernice di nuova concezione, più efficace e molto economica.
  • Enjoy with Us scrive:
    Non è che blocca anche...
    ... le onde della telefonia mobile?No perchè se no avrai si una WiFi sicura, ma anche l'assenza di campo sul cellulare!
  • Den Lord Troll scrive:
    ma tanto
    volete che in ヘタリア ('hetalia' scritto in romanji, è un gioco di parole) questo interessi a qualcuno ?vedo che il nord-evropa ha già fatto ingenti prenotazioni di cotal utilità....
    • Blackstorm scrive:
      Re: ma tanto
      - Scritto da: Den Lord Troll
      volete che in ヘタリア
      ('hetalia' scritto in romanji, è un gioco di
      parole) questo interessi a qualcuno
      ?


      vedo che il nord-evropa ha già fatto ingenti
      prenotazioni di cotal
      utilità....Quello che mi chiedo io è: che banda prendono i telefonini? Perchè se il campo mi si riduce sensibilmente, sono cavoli amari. E poi, ad esempio in un ufficio, verniciato ocn sta roba, un ripetitore wireless a due o tre stanze di distanza come lo raggiungo?
    • sakuranbou scrive:
      Re: ma tanto
      a me interessa per il discorso inverso, non proteggere la mia rete ma bensi proteggermi dalle onde delle 1000 e piu postazioni che mi circondano, io l'acces point lo tengo acceso solo quando ne ho bisogno, invece gli utenti intorno al mio appartamento, palazzo, isolato li tengono accesi ininterrottamente e la cosa non mi piace molto...magari inibisce pure il wimax-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 gennaio 2009 01.49-----------------------------------------------------------
      • Cotto Dalle Microonde scrive:
        Re: ma tanto
        Tecnicamente una volta verniciato l'esterno della casaquesta blocca tutte le frequenze, quindi anche i cellulariil bello è che la vedo veramente come una manna per chinon vuole essere cotto de tutte queste frequenze e se unoha bisogno del cellulare si mette l'antenna da esterni.Ottimo, io non vedo l'ora che arrivi, dovrebbe proteggereanche dagli UFO, quindi chi ha paura di essere seguito erapito non servirà più l'asciugamano bagnato in testa oarotolarsi nella stagnola..... due pennellate e si è apposto.Scrivi il codice antispam:452650 [img]http://punto-informatico.it/images/accessibility.gif[/img]
        • curioso scrive:
          Re: ma tanto
          Nessuno ha una casa con delle porte e finestre tra voi???
          • Lorenzo scrive:
            Re: ma tanto
            Mi sa che abitano tutti in un bunker :-)Alle finestre si puo' mettere una retina metallica a maglie sottili ( tipo le zanzariere ) collegata a terra , non e' il massimo dell'estetica ma funziona .
          • ciko scrive:
            Re: ma tanto

            Alle finestre si puo' mettere una retina
            metallica a maglie sottilitanto vale murarla a questo punto... :D
          • Pitory scrive:
            Re: ma tanto
            - Scritto da: Lorenzo
            Mi sa che abitano tutti in un bunker :-)

            Alle finestre si puo' mettere una retina
            metallica a maglie sottili ( tipo le zanzariere )
            collegata a terra ,

            non e' il massimo dell'estetica ma funziona .Ma sei sicuro?La cosa la potrei provare, in quanto ho già una zanzariera fai da te con rete metallicache uso in casa-in campagna-più che altro per tener aperte le finestre senza far entrare le lucertole, più che le zanzare. Mi basterebbe collegare un filo elettrico a cosa?Il telaio della mia "zanzariera" è però in legno.
          • Mavors scrive:
            Re: ma tanto
            devi collegarla al filo di terra del tuo impianto elettrico (quel cavo giallo e verde che sta in tutte le prese).non importa che sia in legno, il cavo che colleghi a terra lo attacchi alla rete metallica direttamente e hai una bella schermatura.più le maglie sono piccole tanto più sei schermato dalle alte frequenze.ciao ciao
          • Lorenzo scrive:
            Re: ma tanto
            Si di funzionare funziona , ma solo se anche tutto il resto e' schermato .
          • asvero panciatici scrive:
            Re: ma tanto
            - Scritto da: Lorenzo
            Mi sa che abitano tutti in un bunker :-)

            Alle finestre si puo' mettere una retina
            metallica a maglie sottili ( tipo le zanzariere )
            collegata a terra ,

            non e' il massimo dell'estetica ma funziona .Ma sono ingenuo io o siete paranoici voi? :-D
Chiudi i commenti