USA: controllo armi, il mondo hi-tech si divide

Amazon, Apple, Facebook, Google e Microsoft non sono nell'elenco di coloro che chiedono agli USA un maggiore controllo sulla circolazione delle armi.
Amazon, Apple, Facebook, Google e Microsoft non sono nell'elenco di coloro che chiedono agli USA un maggiore controllo sulla circolazione delle armi.

La cronaca ci racconta con preoccupante regolarità che negli Stati Uniti il problema legato alla circolazione delle armi è tutt’altro che risolto. Per questo motivo i vertici di 145 tra le più importanti aziende d’oltreoceano hanno scelto di sottoscrivere una lettera aperta scritta da CEOs for Gun Safety e indirizzata al Senato USA in cui viene chiesta l’introduzione di una normativa capace di esercitare un maggiore controllo sulla vendita.

USA e armi: l’industria hi-tech è divisa

Tra queste sono presenti nomi come Airbnb, Pinterest, Twitter e Uber. Mancano invece all’appello Amazon, Apple, Facebook, Google e Microsoft. Nessuna delle cinque società citate ha rilasciato commenti in merito.

Il dibattito in merito alla circolazione delle armi si è riacceso dopo che, ad inizio agosto, due diverse sparatorie (una a El Paso in Texas e l’altra a Dayton in Ohio) hanno provocato in pochi giorni ben 32 vittime e decine di feriti. Tra le righe della lettera anche la richieste alla politica statunitense di attuare controlli su coloro che già si trovano legalmente in possesso di un’arma, al fine di sottrarla nel caso in cui il soggetto dovesse costituire una qualche sorta di minaccia per se stesso o per gli altri.

È bene precisare che alcune delle aziende elencate hanno in passato già preso posizione sul tema: Tim Cook (CEO Apple) si è schierato apertamente in favore di un maggiore controllo, mentre Google e Facebook hanno introdotto policy che impediscono alle aziende operanti nell’industria delle armi di acquistare inserzioni pubblicitarie sui propri network.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti