USA, deridere su MySpace è legale

Negli USA studenti ed ex studenti giocano tiri mancini su web a docenti e presidi. Questi non ci stanno e li denunciano, ma per i giudici le loro esternazioni sono lecite

Hermitage (USA) – Non aveva affatto gradito la trovata con cui alcuni ex alunni della sua scuola avevano deciso di metterlo in ridicolo sulla rete. Pertanto Eric Trosch, preside di una scuola superiore della Pennsylvania, ha deciso di sporgere denuncia nei confronti degli autori della bravata. Ma un giudice di secondo grado gli ha dato torto

Nel dicembre 2005 quattro ragazzi avevano aperto altrettanti blog su MySpace a nome del loro ex preside, dipingendolo in alcuni casi come un consumatore di droghe, un sadico e un amante del sesso violento. Nonostante questi spazi abbiano avuto vita breve, essendo stati prontamente chiusi dai gestori della community, la scuola decise di continuare l’azione legale, non ritirando la denuncia per diffamazione.

Uno degli studenti, Justin Layshock, che all’epoca dei fatti aveva 17 anni, fu allontanato dalla scuola e indirizzato in un istituto alternativo mentre ai suoi compagni furono imposti invece solamente provvedimenti disciplinari. Per questo motivo, la famiglia del giovane è ricorsa vittoriosamente in appello, sostenendo che la sentenza emessa dai giudici non rispettava quanto stabilito dal Primo Emendamento, che garantisce la libertà di parola e di espressione. Grazie a quella tutela costituzionale, anche un’altra studentessa, rea di aver creato un blog su MySpace a nome del direttore della sua scuola, ha evitato, con l’assoluzione in appello, una pena di nove mesi con la condizionale a cui la corte di Putnam (Indiana) l’aveva condannata.

I meno attenti alle cose della rete non avevano risparmiato critiche a MySpace “per aver permesso” la realizzazione di quei blog, ma ora è stato stabilito che quello che si voleva far passare come un atto di giustizia non era altro che un mero tentativo di impedire la libera espressione dei giovani su Internet.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Investigate in via Brera a Milano
    cara RIAA, se proprio vuoi investigare fatti un giretto in via Brera a Milano... ogni sera decine di simpatici personaggi vendono CD e DVD falsi... il tutto da anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Investigate in via Brera a Milano
      - Scritto da:
      di simpatici personaggi vendono CD e DVD falsiCD e DVD falsi ?Ma che sono, banconote ?Se si vedono e si sentono sono BUONI.
  • Anonimo scrive:
    Non capisco perchè...
    ...venga scritto "Roma" all'inizio dell'articolo quando poi si parla della California...
  • Anonimo scrive:
    L'italia da' ancora l'esempio
    Eppure lo sapete tutti;La Siae e' l'unico ente privato che dispone di ispettori con potere giudiziario quindi siamo noi a dare l'esempio a loro.Adirittura mi domando come questo sia possibile dato che la costituzione italiana non lo ammmette.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'italia da' ancora l'esempio
      - Scritto da:

      Eppure lo sapete tutti;
      La Siae e' l'unico ente privato che dispone di
      ispettori con potere giudiziario quindi siamo noi
      a dare l'esempio a
      loro.
      Adirittura mi domando come questo sia possibile
      dato che la costituzione italiana non lo
      ammmette.Sai, la costituzione è solo un pezzo di carta, dal valore molto astratto.Le banconote invece sono tanti pezzi di carta, dal valore MOLTO concreto.Il resto lo puoi intuire.
  • nattu_panno_dam scrive:
    Finchè ai tribunali possono presentare..
    ..qualsiasi cosa come prove, normale che cerchino nei modi piu' illegali possibili (manca solo la tortura).
    • Anonimo scrive:
      Re: Finchè ai tribunali possono presenta
      dagli tempo...
    • rumenta scrive:
      Re: Finchè ai tribunali possono presenta
      - Scritto da: nattu_panno_dam
      ..qualsiasi cosa come prove, normale che cerchino
      nei modi piu' illegali possibili ( manca solo la
      tortura). errore.negli usa ce l'hanno già:http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=1460&parametro=esteri Il 28 settembre il Senato americano ha approvato la legge che abolisce l'habeas corpus, ossia il principio (messo in vigore dalla Magna Charta britannica nel 1215) che nessuno può essere detenuto senza conoscere di cosa lo si accusa, né tenuto in galera indefinitamente senza vedere un giudice e un avvocato.In base alla nuova legge, le detenzioni di «nemici combattenti» veri o presunto possono essere eseguite non dal sistema giudiziaria, ma da altri enti, tipicamente la CIA.Saranno istituiti tribunali speciali, militari: che per la prima volta dalla seconda guerra mondiale potranno processare dei civili.L'accusato non potrà conoscere le prove raccolte contro di lui, se a questo si oppone il procuratore.La rivolta contro processi con prove segrete a carico fu una delle cause della rivoluzione inglese: altri tempi ed altre rivolte.In compenso, i tribunali militari speciali potranno accogliere come prove le confessioni e le ammissioni rilasciate dal detenuto sotto tortura, e questa norma ha valore retroattivo, vale per le confessioni strappate con la tortura anche prima del 2005.La Convenzione di Ginevra sarà rispettata dagli USA finchè vorrà il presidente.Infatti, il presidente «ha l'autorità di interpretare il senso e l'applicazione delle convenzioni di Ginevra» (sezione 8 ): e sappiamo che Bush ha già espresso l'intenzione di violarla, anzi l'ha già violata con le detenzioni e le deportazioni (renditions) di «enemy combatants» in Paesi terzi, dove non vigono garanzie legali.Ciò si applica non solo contro chi combatta in armi gli Stati Uniti, ma contro tutti coloro che «sostengono materialmente i terroristi», magari anche facendo una donazione a un'associazione di beneficenza che, a giudizio del governo americano, aiuta «terroristi»: è il caso di Tarik Ramadan coi suoi 600 euro versati per i palestinesi.
  • rockroll scrive:
    RIAA e MPAA: lasciateci in pace!
    Come da titolo... Ma è davvero incredibile la faccia tosta di questi signori ... Che siano i nuovi padroni del mondo? Di certo si credono tali!Vogliono il permesso di comportarsi da criminali per smascherare altri presunti "criminali". Mah, veramente lo stanno facendo da sempre, e senza simulare..., perchè criminali lo sono realmente.Certo è il colmo che un criminale voglia il permesso di comportarsi come tale!E' un'offesa spudorata alla nostra intelligenza! Ma non siete tutti nuseati di essere presi in giro fino a questo punto?
  • Anonimo scrive:
    Criminali...
    [quote]"Fondamentalmente, vogliamo che i criminali credano di avere a che fare con altri criminali, rendendo possibile l'infiltrazione dei nostri investigatori", chiosa il vicepresidente della sezione antipirateria di RIAA Brad Buckles, sulle pagine del Los Angeles Times.[/quote]No occorre infiltrarsi, basta che dicano chiaramente "salve, siamo della RIAA e MPAA..." ed automaticamente chiunque sapra' di aver a che fare con dei criminali.
  • Guybrush scrive:
    Be' se fosse successo qui in Italia
    Dare false generalita' e' un reato sanzionato dal codice penale.Nemmeno i poliziotti possono farlo, a meno che non siano stati autorizzati per poter effettuare un'indagine, ma su ordine di un magistrato: mica su ordine di un "quacquaracqua'" qualsiasi... ricco quanto ti pare, potente quanto ti pare, ma pur sempre un "quacquaracqua'".(cit: il giorno della civetta. L. Sciascia)http://it.wikiquote.org/wiki/Leonardo_Sciascia#CitazioniC'e' ancora un po' di giustizia a questo mondo, dopotutto.W lo stato della californa!GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Be' se fosse successo qui in Italia
      - Scritto da: Guybrush
      Dare false generalita' e' un reato sanzionato dal
      codice
      penale.vero
      Nemmeno i poliziotti possono farlo, a meno che
      non siano stati autorizzati per poter effettuare
      un'indagine, uhm effetti PARE, SI DICE, (btw io son convinto che si tratti di malelingue) che alcuni rappresentanti di alcune forze dell'ordine si presentassero presso imprenditori per finte verifiche fiscali... (vedi alcuni risvolti scandalo telecom)snip

      W lo stato della californa!
      W TERMINATOR!!!
    • m00f scrive:
      Re: Be' se fosse successo qui in Italia
      In Italia le leggi vengono applicate con due pesi e due misure.
      • Anonimo scrive:
        Re: Be' se fosse successo qui in Italia
        Sarà pure così, che le leggi sono applicate con due pesi e due misure, ma se c'è un reato c'è poco da fare.Sono soggetti privati che svolgono indagini senza autorizzazioni di nessun genere se non quella di essere i proprietari dei diritti.Se raggranellano dati c'è caso che non siano validi in tribunale. Quando le forze dell'ordine indagano, dietro ci sono autorizzazioni, timbri, firme e quant'altro di giudici e magistrati.Questi qui pretendono di fare cosa vogliono quando vogliono.Può essere che se viene presentata una causa, sia possibile intentarne immediatamente una contro di loro.Non so. Qualche avvocato ne sa qualcosa?
  • Anonimo scrive:
    E noi presentiamoci come...
    ...merde al fine di analizzare i loro conti !Parafrasando:"Fondamentalmente, vogliamo che gli stronzi credano di avere a che fare con altri stronzi, rendendo possibile l'infiltrazione dei nostri investigatori"
  • Anonimo scrive:
    investigatori?
    investigatori? infiltrati? ingannare?fio ma stan cercando terroristi o "semplici ladri"?
  • Anonimo scrive:
    Sai che fatica si risparmiano
    Non mi pare che nessun tribunale si sia rifiutato di emettere un'ingiunzione al provider per fornire i dati degli utenti.E la tattica dell'infiltrazione è utilizzatissima da loro già oggi. E' proprio con i dati rimediati con quella che vanno dal giudice a chiedere l'ordinanza.Certo ci vuole qualche settimana in più, ma alla fine il risultato non cambia.Se aprono questa "falla" nel sistema di garanzia giuridica sai poi chi ci si può infilare e con quali intenzioni.Posto che i servizi segreti già lo fanno, si spera che almeno quelli operino per il bene comune (forse).Per citare un esempio più vicino a noi: guardate un po' cosa è successo quando all'interno di telecom hanno deciso di farsi le intercettazioni per conto proprio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sai che fatica si risparmiano

      Posto che i servizi segreti già lo fanno, si
      spera che almeno quelli operino per il bene
      comune
      (forse).Eeh?Visti gli ultimi 40 anni di attivita' dei nostri servizi segreti i danni causati sono enormemente peggiori di quelli prevenuti, e a farne le spese ovviamente siamo sempre noi;i tg sono pieni tutti gli anni di quello che combinano solo che che le notizie cosi' come confezionate non spiegano nulla di quelo che sta succedendo, avete notato?Qualcuno di voi ha capito cosa e' successo riguardo alle vicende delle intercettazioni telecom e ai casi direttamente connessi? (l'intercettazine dei magistrati che indagavano sulla SME, il sequestro dell'Imam, l'avvelenamento di Lievtinenko, il dossier Mitroskin, l'intercettazione dei giornalisti, la creazione di prove false, l'intercettazioni delle telefonate dirette in MO, etc. etc.).Sono sicuro che pochi di voi hanno capito quell oche sta succedendo, ci sono arrivato solo perche' seguo i casi per mia iniziativa prendendo le notizie ovunque, eppure basterebbe che i notiziari facessero periodicamente un riassunto all'interno delle loro incomprensibili notizie.Anche il nostro sistema informativo e' molto malato.
  • Anonimo scrive:
    Occhio ragazzi!
    L' altro giorno nel mio ufficio si è presentata una figona che diceva di essere della Telecom e che era lì per mostrarmi delle promozioni Telecom.Ma io ho visto che continuava a sbirciare in giro per l' ufficio allungando la testa sui monitor dei computer e facendo domande con non-chalance buttate lì dui tipi di SW che stavamo usando.Lì mi sono scattati i campanelli di allarme e ho capito che o era della BSA-MicrozoZZ oppure una ficcanasa della SIAE&Scollegate.In men che non si dica si è trovata fuori dall' ufficio accompagnata da 2 NEGRONI mandingo. Non sò cosa gli abbiano fatto, ma non sono affari miei.
  • Anonimo scrive:
    RIAA&MPAA
    MAANNATEAPJARLOANNòSAPETE.....
Chiudi i commenti