USA, il blog deve essere trasparente

Chi non svela i suoi sponsor rischia multe salate. I social media sotto la lente di FCC: i netizen dovranno rigare dritto, pena la delazione
Chi non svela i suoi sponsor rischia multe salate. I social media sotto la lente di FCC: i netizen dovranno rigare dritto, pena la delazione

Aggiornando le proprie linee guida sulle sponsorizzazioni per la prima volta da 29 anni a questa parte, la Federal Trade Commission statunitense ha introdotto alcune norme specifiche per il nuovo mercato dei social media , dai blogger privati alle celebrità capaci di condizionare pesantemente il giudizio del pubblico con il proprio codazzo di “amici” e follower su Facebook, Twitter e compagnia.

Le modifiche alle linee guida stabiliscono senza possibilità di dubbio che i blogger che si rendessero protagonisti di una sponsorizzazione di un prodotto commerciale, indipendentemente dalla categoria merceologica del suddetto, dovranno “rivelare le connessioni materiali che condividono con il venditore del prodotto o del servizio”.

Nelle “connessioni materiali” citate la FTC include compensi economici, sample dei prodotti o servizi trattati e qualsiasi altro beneficio che non sia direttamente evidente all’utente-visitatore-lettore, condizione nella quale chi leggesse la recensione (presumibilmente positiva, ma anche no) non potrebbe valutare con la giusta completezza di informazioni l’eticità e la posizione del recensore sia esso un blogger amatoriale o “pro”.

Oltre allo sterminato panorama dei blogger, le rinnovate linee guida sulle sponsorizzazioni si rivolgono a tutti gli altri mercati del passaparola veicolati attraverso la rete, inclusi i social network come Facebook o le piattaforme di microblogging a-là Twitter. In ogni singolo caso in cui la FTC dovesse identificare connessioni materiali non opportunamente pubblicizzate scatterebbe l’azione punitiva, compresa tra una semplice lettera di avviso e una multa da 11mila dollari.

“Considerando quanto i social media sono diventati importanti nel settore dell’advertising” ha dichiarato Richard Cleland della FTC, “abbiamo pensato che fosse necessario occuparci anche di questo mercato”. Stabilite le regole, l’organizzazione federale parla di un giudizio da dare “caso per caso” in relazione alle sanzioni riguardanti eventuali infrazioni.

Per quanto riguarda l’effettiva praticabilità del nuovo regime, Cleland ammette candidamente che la FTC “non ha le risorse per tenere sotto controllo 500mila blog” e nemmeno un migliaio, figurarsi i milioni di portali personali, utenti di Twitter e dei social network esistenti online. In tal senso saranno gradite le “soffiate” degli utenti sulle possibili infrazioni, dice il funzionario federale, da giudicare appunto caso per caso per stabilire l’eventuale necessità di una sanzione.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 10 2009
Link copiato negli appunti