USA, il ransomware colpisce ma non paga

Una cittadina statunitense viene colpita da un malware crittografico ma si rifiuta di sottostare alle richieste dei cyber-criminali. Nel mentre il ransomware si fa sempre più popolare e conquista nuove piattaforme

Roma – Ultima vittima eccellente del fenomeno noto come ransomware è Durham, cittadina dello stato americano del New Hampshire i cui computer sono stati infettati e presi in “ostaggio” dal malware Cryptowall. I cyber-criminali chiedono un riscatto ma il sindaco non ha alcuna intenzione di pagare.

I computer di Durham colpiti dal ransomware Cryptowall comprendono il sistema di email della polizia cittadina e le macchine che ospitano i software di “word processing”, i fogli di calcolo e quelli dedicati “altre funzioni amministrative”. I file criptati da Cryptowall escludono però gli archivi sui casi criminali, spiegano le autorità, che rivelano altresì di avere a disposizione i backup da cui poter recuperare quanto è stato reso inaccessibile dal malware.

Il Dipartimento di Polizia di Durham dice di aver contratto l’infezione Cryptowall in seguito all’apertura, da parte di un agente, di un allegato email apparentemente legittimo. La dichiarazione non combacia però con il “modus operandi” del malware, che secondo le analisi di Cisco fa parte dell’ exploit kit noto come RIG e si diffonde attraverso la scansione automatica di client vulnerabili condotta da siti e domini compromessi.

Sia come sia, il caso Durham evidenzia, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la crescente pericolosità e popolarità delle minacce a base di ransomware e altri sistemi crittografici. Una minaccia che da tempo non riguarda solo l’ecosistema di PC Windows, visto il recente caso dei gadget mobile di Apple presi in ostaggio in Australia e l’ancor più recente proof-of-concept di ransomware per Android individuato da ESET e classificato come Android/Simplocker.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    Ma i vantaggi?
    Ma i vantaggi rispetto alle comunicazioni tramite le onde radio standard? (a parte li consumo molto ridotto di energia)
  • Matteo Beniamino scrive:
    Errore nell'articolo
    Se il video fosse stato di 175 megabyte come riportato, trasmettendolo in 3 secondi e mezzo la velocità raggiunta sarebbe stata ben superiore. In realtà il video trasmesso era di 175 megabit.Fonte:http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?release=2014-177
Chiudi i commenti