USA, illecita l'archiviazione remota di contenuti tv

Ci puntava un operatore via cavo che in tribunale ha perso contro le major: i suoi utenti non potranno registrare sui server dell'azienda i contenuti televisivi, che dovranno continuare a registrare a casa

New York – Cablevision Systems , noto operatore televisivo americano via cavo, ha perso la sua battaglia contro gli Studios e i grandi network statunitensi. La Corte Distrettuale di Manhattan ha vietato infatti il lancio di un suo nuovo servizio di video recording basato sull’archiviazione remota.

Lo scorso maggio alcuni giganti dei media, tra cui Time Warner, News Corp., CBS e Walt Disney, avevano denunciato la compagnia newyorchese per violazione delle Leggi sul copyright. Il suo Remote Storage DVR avrebbe permesso agli abbonati di fare a meno di set-box e dispositivi di registrazione domestici. Ogni copia sarebbe stata archiviata su un server remoto in gestione alla Cablevision Systems.

Ma il Giudice Denny Chin ha dato ragione all’accusa. “Il RS-DVR è chiaramente un servizio, e ritengo che Cablevision, fornendolo, di fatto, si occupa delle copie”, ha dichiarato Chin. “Non si tratta di una soluzione stand-alone che viene posizionata sul televisore, ma di un sistema complesso che implica una relazione continua tra Cablevision e i suoi clienti”.

Cablevision, invece, ha sostenuto per l’intera durata della causa che la tecnologia DVR del suo network è legale come i videoregistratori presenti nei salotto, o come quelli prodotti da TiVo e Cisco. “Siamo scontenti della decisione del giudice, e continuiamo a credere che l’archiviazione DVR remota rispetti le norme sul copyright e possa offrire notevoli vantaggi ai consumatori – inclusi costi inferiori e una più ampia diffusione per questa popolare tecnologia”, si legge in un comunicato ufficiale dell’azienda.

La questione, però, secondo un lungo editoriale apparso sul Wall Street Journal dovrebbe essere affrontata con maggiore attenzione. Secondo l’autore, Jason Fry, l’archiviazione in remoto – per di più con un singolo slot a disposizione di ogni abbonato – dovrebbe essere paragonata a quella domestica. Di fatto sarebbe come “stendere un lungo filo che collega il televisore di casa ad un videoregistratore a noleggio posto in un altro luogo”.

“Ma gli Studios e i network via cavo sostengono che un remote DVR è più un servizio di video-on-demand, e che quindi Cablevision ha bisogno di un permesso per il re-broadcast dei programmi”, ha ribadito il giornalista, sottolineando le analogie con la sentenza di Chin.

Secondo Fry si tratterebbe quindi dell’ennesima dimostrazione della “feticizzazione” della tecnologia. A suo parere un DVR è un DVR senza badare dov’è posizionato esattamente il suo hard disk. Per analogia la stessa cosa sta avvenendo nel settore radiofonico, dove è in atto una discriminazione fra la diffusione via etere e lo streaming online.

“Il problema che si nasconde dietro a queste cose è la costante erosione del diritto del fair use in favore dei diritti dei possessori di copyright, che hanno individuato nella semplice minaccia legale una valida arma”, ha sottolineato Fry.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilmusico scrive:
    Sapete una cosa?
    Sapete una cosa? A me sembra che sia tornata, in chiave moderna, la Santa Inquisizione. Solo che adesso ,è in versione Internettiana. La RIAA = Tribunale della Santa Inquisizione Discografica!Non c'è niente di nuovo , sotto il sole! Ma prima o poi, un passo falso, questa odiosa multinazionale , lo farà. Anzi, lo ha già fatto.Non sempre vincono i prepotenti...se, dall'altra parte, ci si unisce!
  • ruppolo scrive:
    RIAA e SIAE & C.: come li combattiamo?
    A mio avviso non vanno combattuti frontalmente, sono troppo forti (a meno che non passiamo alle vie di fatto, ma noi dobbiamo dimostrare di essere piu' civili).Dunque bisogna lavorare dal lato opposto, il lato dei contratti con i loro clienti. Bisogna iniziare a chiedere agli autori di distribuire le loro opere senza l'ausilio delle case discografche. Internet lo consente. Questo e' l'equivalente di tagliare i rifornimenti all'esercito nemico: morira' di fame.Che ne pensate?
  • Arkady scrive:
    Faces of the RIAA
    Eccoli, in tutto il loro splendore:http://consumerist.com/consumer/riaa/faces-of-the-riaa-244519.php
  • Anonimo scrive:
    allora mi faccio i soldi a palate!
    ho già pronta una lettera in cui chiedo 10 mila euro per i danni subiti, nel caso ci sia in giro qualche accusa contro di me.
  • Pejone scrive:
    Questa è l'imprenditoria moderna..
    Questa è la vera faccia dell'imprenditoria moderna..Calpestare tutto e tutti per il profitto.Realizzano sistemi sempre più complessi di protezione, corrompono governi per far passare le loro leggi e poi si servono dei nostri tribunali e della nostra polizia per farci pagare ancora e ancora e ancora...che tristezza..
  • Anonimo scrive:
    LA CUPOLA NELLA RIAA
    La RIAA è un' associazione a DELINQUERE.
  • Anonimo scrive:
    Beh ad un certo punto se la cercano...
    A conti fatti la RIAA (negli states) oppure la famigerata SIA (qua da noi) non sono gestite dai cantanti (quelli che hanno LAVORATO per i cd ecc..) ma dalle major discografiche (Sony,EMI, ecc...) che così non fanno altro che incrementare dei già congrui profitti... se ci fosse veramente una tutela dell'autore/cantante ok.. ma visti i prezzi esagerati di CD/DVD e simili... è ovvio che si cerca una strada migliore (con meno spesa)... se costassero meno allora non si perderebbe tempo e fatica a scaricare/masterizzare ecc... si comprerebbe originale, se non altro per avere il libretto allegato ecc..Io rispetto MOLTO il lavoro di chi scrive/canta ecc... ma sinceramente che un mucchio di nullafacenti si nasconda dietro un marchio per guadagnare alle mie spalle...eh no!! che lavorino anche loro (come noi tutti..)Ci sono state molte inchieste del genere (ad es. MiMandaRaiTre o simili...) finite :s "stranamente" nel dimenticatoio... non ho parole per definire questo atteggiamento se non ladrocinio legalizzato ...per conferme basta chiedere a qualunque cantante esordiente se veramente queste organizzazioni PRIVATE sono una fonte di aiuto o solo di SPESE... come fossero tasse...ma non esiste una legge antitrust? o vale solamente dove fa comodo a chi hai i $$$ (o i dipende dallo stato...).
  • Anonimo scrive:
    di fronte ai soldi
    ...sono tutti figli di mignotta.e scusate il termine...
  • Anonimo scrive:
    ma le prove?
    ma hanno le prove?intendo, hanno trovato i file in questione in casa della signora?dalla notizia sembrerebbe di no.(secondariamente, di quanti file si starebbe parlando?)la RIAA cosa ha in mano?solo gli IP?e basterebbe la testimonianza di una bambina di 10 anni per appioppare alla madre una multa stratosferica?ma è assurdo.
  • Dirk Pitt scrive:
    Multa da 590,000$? La voglio anche io
    Anzi, vista la naturale propensione ad aumentare le cose, facciamo una bella multa da 1,000,000$ e non se ne parla più.Se poi vogliono farmela ancora più alta, va ancora meglio.Mi immagino già quando verranno a riscuotere:- c/c bancario che non supera MAI i tre zeri;- mutuo sulla casa (se vogliono la casa si devono prendere anche il mutuo :D);- auto pignorabile del valore (residuo) di non più di 9,000 euro;- stipendio medio di 1,200/1,400 euro/mese.Più la multa è alta e più mi viene da ridere.dillatutta.com - perchè la verità... funziona-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 marzo 2007 08.48-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
      Modificato dall' autore il 27 marzo 2007 08.48
      --------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
      Mi associo! Clive
    • MeX scrive:
      Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
      se non lo sapessi le multe si possono anche pagare a rate, con i relativi interessi... :)
      • Dirk Pitt scrive:
        Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
        - Scritto da: MeX
        se non lo sapessi le multe si possono anche
        pagare a rate, con i relativi interessi...
        :)Prendiamo come esempio i 590.000$.In euro sono 444.779 (cambio di oggi)Stipendio medio di 1.000 euro mensili fanno circa 13.000 euro/anno.Con quei soldi devi comunque poter vivere (la vita non te la possono togliere).Tolte spese necessarie ti restano sì e no 3.000 euro/anno (conto della serva)444.779 / 3.000 = 148 anni Ecco dove inizio a ridere.Se poi la multa è più alta, mi vengono anche le lacrime agli occhi dal ridere.dillatutta.com - perchè la verità... funziona
        • MeX scrive:
          Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
          prima ti prendono tutto quello che possono prenderti e il resto lo paghi rate!Sai che se non paghi un credito possono venire a casa tua e prendere TUTTO tranne il tavolo, una sedia il letto.TUTTO il resto... sparisce :)Un mio collega aveva tipo 5.000.000 delle vecchie lire di multe arretrate... si è accordato con il giudice di pace per un pagamento rateale.
          • Dirk Pitt scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            - Scritto da: MeX
            prima ti prendono tutto quello che possono
            prenderti e il resto lo paghi
            rate!
            Sai che se non paghi un credito possono venire a
            casa tua e prendere TUTTO tranne il tavolo, una
            sedia il
            letto.
            TUTTO il resto... sparisce :)
            Un mio collega aveva tipo 5.000.000 delle vecchie
            lire di multe arretrate... si è accordato con il
            giudice di pace per un pagamento
            rateale.Ma qui stiamo parlando di 444.000 euro!!Delle altre 5 sedie, dell'eventuale armadio e comodini e di qualche altro arredo, sai cosa se ne fanno le major della musica?dillatutta.com - perchè la verità... funziona
          • 5ze247940 scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            E cmq ancor prima della fase d'istruttoria tranquillo che trasferisco tutto(e intendo casa auto se voglio/possibile mi tengo solo il mutuo) a mia sorella...Vieni, vieni riaa ne riparliamo con calma...
          • Anonimo scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            - Scritto da: Dirk Pitt

            - Scritto da: MeX

            prima ti prendono tutto quello che possono

            prenderti e il resto lo paghi

            rate!

            Sai che se non paghi un credito possono venire a

            casa tua e prendere TUTTO tranne il tavolo, una

            sedia il

            letto.

            TUTTO il resto... sparisce :)

            Un mio collega aveva tipo 5.000.000 delle
            vecchie

            lire di multe arretrate... si è accordato con il

            giudice di pace per un pagamento

            rateale.

            Ma qui stiamo parlando di 444.000 euro!!

            Delle altre 5 sedie, dell'eventuale armadio e
            comodini e di qualche altro arredo, sai cosa se
            ne fanno le major della
            musica?
            Si divertono a guardarti vivere come un morto di fame.
          • MeX scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            beh in ogni caso... meglio non avere "multoni" sul collo no? :)
          • Dirk Pitt scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            - Scritto da: MeX
            beh in ogni caso... meglio non avere "multoni"
            sul collo no?
            :)Questo te lo appoggio in pienissimo.Infatti ho scritto la discussione come provocazione.Ma pare che non tutti l'abbiano capito...(vedi commento di tal gaia75)dillatutta.com - perchè la verità... funziona
    • gaia75 scrive:
      Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
      Modificato dall' autore il 27 marzo 2007 08.48
      --------------------------------------------------Sai qual'è il problema che non mi convince a ridere della tua ... come chiamarla? "strnz.bip.ata"?Che in italia i processi durano degli anni e i debiti non cadono in presrizione ma ti rimangono sul groppone fino alla morte e quando muori passano a tua moglie e ai tuoi figli che "ereditano", si fa per dire, una fetta della casa ccompresa l'ipoteca che tu non avrai mai estinto; che tu non sei un cazzo di signor nessuno e tutti ti trattano male perchè vedono che hai le pezze al cvlo; che contro le mayor e le lobby l'avvocato d'ufficio ti vende per 1000 euro accordandosi con il diavolo in persona per farti condannare a 10 anni di carcere... ne vuoi altre?
      • Dirk Pitt scrive:
        Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
        - Scritto da: gaia75

        Sai qual'è il problema che non mi convince a
        ridere della tua ... come chiamarla?
        "strnz.bip.ata"?E secondo te era mia intenzione convincerti?
        Che in italia i processi durano degli anni e i
        debiti non cadono in presrizione ma ti rimangono
        sul groppone fino alla morte e quando muori
        passano a tua moglie e ai tuoi figli che
        "ereditano", si fa per dire, una fetta della casa
        ccompresa l'ipoteca che tu non avrai mai estinto;Non va smepre così, anzi...
        che tu non sei un cazzo di signor nessuno e
        tutti ti trattano male perchè vedono che hai le
        pezze al cvlo;In effetti l'arnese da te menzionato è presente. A riposo, ma presente.E ti garantisco che nessuno mi tratta male come tu prospetti.
        che contro le mayor e le lobby
        l'avvocato d'ufficio ti vende per 1000 euro
        accordandosi con il diavolo in persona per farti
        condannare a 10 anni di carcere... ne vuoi
        altre?10 anni di carcere per aver scaricato musica illegalmente? Deve esserci qualche mosca nel tuo cervello. Vado a prendere l'acchiappamosche...dillatutta.com - perchè la verità... funziona
        • gaia75 scrive:
          Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
          Non c'entrano le mosche e scusa se sono stata scurrile pronunciando "cazzo"!Mi spiego.Chi non è abituato e a trovarsi con una denuncia in mano, non sempre gli è facile far finta di niente e ciò dipende non solo dal carattere ma anche dalla nazione di appartenenza.Questo non lo dico perchè sono favorevole a quello che stanno facendo le Mayor e Riaa, anzi, credo di averlo detto e ridetto cosa penso su di loro, Secondo me far finta di niente non è pensabile, per reagire alle loro esagerate richieste bisogna andare fino in fondo, affrontare un giudizio e avere degli avvocati difensori con i contributi. Occorrono sentenze che cambino veramente le cose e non parole del tipo "stringiamoci la mano e facciamo tutti così".Se ad esempio un domani mi trovassi impelagata in una denuncia del genere, pensi davvero che quelli che ora stanno qui a postare si mobiliterebbero per me? Io penso di no. Penso che dovrei cercarmi un avvocato ben preparato pronto a difendermi con argomentazioni convincenti. Per fortuna qui in Italia, per ora, certe situazioni non accadono, ma stanno accadendo negli Usa e lì altro che 10 anni di carcere quando le case discografiche si permettono persino di chiedere la deposizione dei figli minori contro le madri sorprese a scaricare musica. Sarà anche un buco nell'acqua e un autogol delle Riia, come dicono gli osservatori, ma anche un ulteriore segnale che questa guerra non si arresta ma sta dando colpi da tutte le parti con l'aiuto dalla classe politica. - Scritto da: Dirk Pitt

          - Scritto da: gaia75



          Sai qual'è il problema che non mi convince a

          ridere della tua ... come chiamarla?

          "strnz.bip.ata"?

          E secondo te era mia intenzione convincerti?


          Che in italia i processi durano degli anni e i

          debiti non cadono in presrizione ma ti rimangono

          sul groppone fino alla morte e quando muori

          passano a tua moglie e ai tuoi figli che

          "ereditano", si fa per dire, una fetta della
          casa

          ccompresa l'ipoteca che tu non avrai mai
          estinto;

          Non va smepre così, anzi...


          che tu non sei un cazzo di signor nessuno e

          tutti ti trattano male perchè vedono che hai le

          pezze al cvlo;

          In effetti l'arnese da te menzionato è presente.
          A riposo, ma
          presente.
          E ti garantisco che nessuno mi tratta male come
          tu
          prospetti.


          che contro le mayor e le lobby

          l'avvocato d'ufficio ti vende per 1000 euro

          accordandosi con il diavolo in persona per
          farti

          condannare a 10 anni di carcere... ne vuoi

          altre?

          10 anni di carcere per aver scaricato musica
          illegalmente? Deve esserci qualche mosca nel tuo
          cervello. Vado a prendere
          l'acchiappamosche...



          dillatutta.com - perchè la verità... funziona-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 marzo 2007 14.45-----------------------------------------------------------
          • Dirk Pitt scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i
            - Scritto da: gaia75
            Non c'entrano le mosche e scusa se sono stata
            scurrile pronunciando
            "cazzo"!
            Mi spiego.
            Chi non è abituato e a trovarsi con una denuncia
            in mano, non sempre gli è facile far finta di
            niente e ciò dipende non solo dal carattere ma
            anche dalla nazione di
            appartenenza.
            Questo non lo dico perchè sono favorevole a
            quello che stanno facendo le Mayor e Riaa, anzi,
            credo di averlo detto e ridetto cosa penso su di
            loro, Secondo me far finta di niente non è
            pensabile, per reagire alle loro esagerate
            richieste bisogna andare fino in fondo,
            affrontare un giudizio e avere degli avvocati
            difensori con i contributi. Occorrono sentenze
            che cambino veramente le cose e non parole del
            tipo "stringiamoci la mano e facciamo tutti
            così".
            Se ad esempio un domani mi trovassi impelagata
            in una denuncia del genere, pensi davvero che
            quelli che ora stanno qui a postare si
            mobiliterebbero per me?

            Io penso di no. Penso che dovrei cercarmi un
            avvocato ben preparato pronto a difendermi con
            argomentazioni convincenti.

            Per fortuna qui in Italia, per ora, certe
            situazioni non accadono, ma stanno accadendo
            negli Usa e lì altro che 10 anni di carcere
            quando le case discografiche si permettono
            persino di chiedere la deposizione dei figli
            minori contro le madri sorprese a scaricare
            musica.

            Sarà anche un buco nell'acqua e un autogol delle
            Riia, come dicono gli osservatori, ma anche un
            ulteriore segnale che questa guerra non si
            arresta ma sta dando colpi da tutte le parti con
            l'aiuto dalla classe politica.Hai spostato giustamente il discorso verso quello che era l'oggetto dell'articolo di PI.Io invece, un briciolo OT, prendendo spunto dal caso RIAA, mi sono tenuto sul generale, riferendomi ad eventuali sanzioni gigantesche che anche i nostri tribunali a volte infliggono.Ti faccio un esempio, che ritengo veramente ridicolo: tempo fa in un paese vicino al mio, la guardia di finanza inflisse una mega multa ad un panettiere reo di buttare nell'immondia gli scontrini che erroneamente emetteva. Il povero commerciante non lo sapeva (ma non è giustificato intendiamoci) e gli inflissero una pena di 2,5 miliardi di vecchie lire.Ora la cosa mi fa ridere, quando mai il povero potrà pagare la multa inflittagli?Gli avessero abbuonato 500.000 milioni di lire, era la stessa cosa.dillatutta.com - perchè la verità... funziona
          • Anonimo scrive:
            Re: Multa da 590,000$? La voglio anche i

            Ti faccio un esempio, che ritengo veramente
            ridicolo: tempo fa in un paese vicino al mio, la
            guardia di finanza inflisse una mega multa ad un
            panettiere reo di buttare nell'immondia gli
            scontrini che erroneamente emetteva. Il povero
            commerciante non lo sapeva (ma non è giustificato
            intendiamoci) e gli inflissero una pena di 2,5
            miliardi di vecchie
            lire.

            Ora la cosa mi fa ridere, quando mai il povero
            potrà pagare la multa
            inflittagli?
            Gli avessero abbuonato 500.000 milioni di lire,
            era la stessa
            cosa.Una cosa simile era successa in Puglia, non ricordo dove, ma l'avevo letto sulla Gazzetta del Mezzogiorno.Un tipo aveva trasferito la propria attività in altro indirizzo, emettendo però scontrini con il vecchio indirizzo (questo per più di un anno).Ora non ricordo bene i particolari... credo che fosse solo questo l'errore (comunque non era un evasore, per intenderci).Un giorno riceve un'ispezione della GDF e si becca una multa da un miliardo e qualcosa.Ora... se sei un evasore, te la meriti. Ma per un errore amministrativo mi sembra esagerato.Tenendo conto che il tipo era un pescivendolo... gente di bassa levatura culturale... un errore del genere, con 70.000 leggi che ci sono in Italia, è facile commetterlo.bye
  • Anonimo scrive:
    787=590mila$
    Fammi fare due conti...Se per 787 file il danno è 590mila dollari, io che ho più o meno 10 volte tanto la quantità di mp3 nell'hardisk avrei "rubato" tipo 6 milioni di dollari???Ma sono meglio di Lupin III!!!!!Che fico che sono...Ora vado a comprarmi la Ferrari e la villa con piscina! 8)
    • baronz scrive:
      Re: 787=590mila$
      Considerando che di solito sui siti si possono scaricare a 1$ al max avrà generato un mancato guadagno di 787$... vabbe si sà che sti qua sono fuori di testa..
      • Anonimo scrive:
        Re: 787=590mila$
        - Scritto da: baronz
        Considerando che di solito sui siti si possono
        scaricare a 1$ al max avrà generato un mancato
        guadagno di 787$... vabbe si sà che sti qua sono
        fuori di
        testa..Con la piccola differenza che rubare è cosa diversa da eventuali perdite(presunte per diversi motivi...) è MANCATO GUADAGNO, di per sè ipotetico , fatto da LORO, con LORO dati e relative stime.......(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: 787=590mila$
      E poi senti questa:Se rubi una macchina di 100K$ ma siete in quattro, la macchina vale sempre 100mila ma te ne entrano in tasca 25K.Se scarichi un file da 1 dollaro in rete ma siamo in un milione, per la RIAA hai rubbbbbato un milionedidollari.....CHE AFFARE
  • Anonimo scrive:
    PSICOREATO!
    e via anche i bambini contro le mammee magari i bambini a ricattare...... siii, perchè no?che bel pianeta.che bella razza.
  • Anonimo scrive:
    Ma io vorrei sapere se...
    ... Effettivamente tutte ste notizie delle c@zz@te che la RIAA combina sono vere o semplicemente spauracchi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma io vorrei sapere se...
      - Scritto da:
      ... Effettivamente tutte ste notizie delle
      c@zz@te che la RIAA combina sono vere o
      semplicemente
      spauracchi...purtroppo sono vere. e da fonti non ufficiali risulta che vere e proprie minacce o azioni al limite della legalita' (se non pure oltre) siano una loro consuetudine.e qui in italia con la siae non siamo messi tanto meglio. anzi, sono piu' subdoli.
  • Anonimo scrive:
    contro l'arroganza
    vige solo una legge - QUELLA DELLA MAZZA (se poi è ferrata è meglio) :@ :@ :@
  • Anonimo scrive:
    La RIAA è un' ASSOCIAZIONE A DELINQUERE
    I vertici della RIAA sono della cupola della MAFIA.Ormai la MAFIA è dentro fin nella Casa Bianca, altrimenti non avrebbro fatto leggi imposte dalla cupola MAFIOSA della RIAA.
  • Anonimo scrive:
    La fine del copyright
    Sembra che facciano di tutto per farlo detestare;alla fine di tutto il copyright anziche' essere rispettato sara' disprezzato proprio da tutti...Mi domando cosa ne uscira' da tutto cio'....
    • Anonimo scrive:
      Re: La fine del copyright
      - Scritto da:
      Sembra che facciano di tutto per farlo
      detestare;Vero...Non si vergognano?Non hanno un minimo di pudure?Proteggere il copyright con azioni UTILI e SENSATE è giusto.Perseguitare, oltre che eccessivo, è solo dannoso.
    • freebit scrive:
      Re: La fine del copyright
      - Scritto da:

      Sembra che facciano di tutto per farlo detestare;
      alla fine di tutto il copyright anziche' essere
      rispettato sara' disprezzato proprio da
      tutti...
      Mi domando cosa ne uscira' da tutto cio'....Che se un giorno verrà incendiata la sede della Riaa : milioni di utenti blinderanno all'evento ! @^ @^
      • Anonimo scrive:
        Re: La fine del copyright
        - Scritto da: freebit

        - Scritto da:



        Sembra che facciano di tutto per farlo
        detestare;

        alla fine di tutto il copyright anziche' essere

        rispettato sara' disprezzato proprio da

        tutti...

        Mi domando cosa ne uscira' da tutto cio'....
        Che se un giorno verrà incendiata la sede della
        Riaa : milioni di utenti blinderanno all'evento !
        @^
        @^No blindelanno quando blucelanno la liaa giapponese
        • freebit scrive:
          Re: La fine del copyright
          - Scritto da:

          - Scritto da: freebit



          - Scritto da:





          Sembra che facciano di tutto per farlo

          detestare;


          alla fine di tutto il copyright anziche'
          essere


          rispettato sara' disprezzato proprio da


          tutti...


          Mi domando cosa ne uscira' da tutto cio'....

          Che se un giorno verrà incendiata la sede della

          Riaa : milioni di utenti blinderanno all'evento
          !

          @^

          @^

          No blindelanno quando blucelanno la liaa
          giapponesenon si chiama cosi :la lisposta è in un vecchio alticolo di punto infolmatico @^ :http://punto-informatico.it/p.aspx?i=42946
          • freebit scrive:
            Re: La fine del copyright
            - Scritto da: freebit

            - Scritto da:



            - Scritto da: freebit





            - Scritto da:







            Sembra che facciano di tutto per farlo


            detestare;



            alla fine di tutto il copyright anziche'

            essere



            rispettato sara' disprezzato proprio da



            tutti...



            Mi domando cosa ne uscira' da tutto cio'....


            Che se un giorno verrà incendiata la sede
            della


            Riaa : milioni di utenti blinderanno
            all'evento

            !


            @^


            @^



            No blindelanno quando blucelanno la liaa

            giapponese
            non si chiama cosi :
            la lisposta è in un vecchio alticolo di punto
            infolmatico @^
            :
            http://punto-informatico.it/p.aspx?i=42946Riaj , visto che ce l'hanno la R ? (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Fossi al posto della madre
    Chiamerei a testimoniare il gatto (il cane no, troppo "cane" e soggetto a conflitti di interessi) tanto oramai non c'è limite al ridicolo
    • Federikazzo scrive:
      Re: Fossi al posto della madre
      testimonierebbe contro la povera donna... non sapevi che anche i gatti si stanno lanciando nel promettente mondo discografico?:Dhttp://www.eyeenvision.com/litterbox/litterbox.html(scusate l'OT, ma m'è tornata in mente st'animazione... e non ho resistito).p.s. comunque hai proprio ragione: non c'è davvero alcun limite al ridicolo... e da parecchio tempo.
  • Anonimo scrive:
    I nomi dietro RIAA
    E' facile "nascondersi" dietro sigle come RIAA in USA o le organizzazioni similari in Europa. Sarebbe importante far comprendere alle persone, ai consumatori, che RIAA non e' un'entita' astratta ma e' direttamente connessa ai loro idoli, a quelli che applaudono e per i quali impazziscono ai concerti.Sono convinto che in questo caso vi sarebbe maggiore prudenza nel lanciarsi in simili iniziative visto che si rischierebbe di compromettere le costose campagne con cui viene confezionata l'immagine degli artisti da lanciare sul mercato.Addirittura penso che gli stessi artisti sconfesserebbero certe pratihe e certe prese di posizione se i consumatori iniziassero a collegale mentalmente il cantante X con il caso Y e via discorrendo.
    • The Animal scrive:
      Re: I nomi dietro RIAA
      I Metallica avevano attaccato direttamente Napster, ci hanno perso molto in immagine, adesso gli artisti si nascondono dietro la RIAA per non rovinarsi l'immagine e compromettere i loro introiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: I nomi dietro RIAA
      veramente gli artisti hanno già sconfessato la RIAA, che agisce da sola e in base a non si sa quale mandato. Solo un altro modo per lucrare sulla scusa della tutela degli interessi, sono dei criminali.
    • Anonimo scrive:
      Re: I nomi dietro RIAA
      - Scritto da:
      E' facile "nascondersi" dietro sigle come RIAA in
      USA o le organizzazioni similari in Europa.
      Sarebbe importante far comprendere alle persone,
      ai consumatori, che RIAA non e' un'entita'
      astratta ma e' direttamente connessa ai loro
      idoli, a quelli che applaudono e per i quali
      impazziscono ai
      concerti.Guarda, a me non spiaceva Faletti, ma dopo la sua presa di posizione con gli spot "anti" mi sta graziosamente odioso: se una persona intelligente non capisce che il sistema dei diritti d'autore, per come è gestito dalle varie SIAE è marcito e deve venir curato (non distrutto, ma curato), allora cosa volete che facciano certe caprette del parlamento?
      Sono convinto che in questo caso vi sarebbe
      maggiore prudenza nel lanciarsi in simili
      iniziative visto che si rischierebbe di
      compromettere le costose campagne con cui viene
      confezionata l'immagine degli artisti da lanciare
      sul
      mercato.Guarda, sostanzialmente non importa a nessuno, purtroppo. Il poco denaro che arriva nelle loro mani, in proporzione al tanto che si ferma presso le Major, basta a stregarli. :(
      • Anonimo scrive:
        Re: I nomi dietro RIAA

        Guarda, a me non spiaceva Faletti, ma dopo la sua
        presa di posizione con gli spot "anti" mi sta
        graziosamente odioso: se una persona intelligente
        non capisce che il sistema dei diritti d'autore,
        per come è gestito dalle varie SIAE è marcito e
        deve venir curato (non distrutto, ma curato),
        allora cosa volete che facciano certe caprette
        del
        parlamento?
        Guarda che lo capisce benissimo, ma lo pagano bene per quello spot e a lui lo status quo va bene com'è. Renditi conto che dall'altro lato della barricata c'è gente con più mezzi di noi, che sta vincendo.
        • Anonimo scrive:
          Re: I nomi dietro RIAA
          - Scritto da:


          Guarda, a me non spiaceva Faletti, ma dopo la
          sua

          presa di posizione con gli spot "anti" mi sta

          graziosamente odioso: se una persona
          intelligente

          non capisce che il sistema dei diritti d'autore,

          per come è gestito dalle varie SIAE è marcito e

          deve venir curato (non distrutto, ma curato),

          allora cosa volete che facciano certe caprette

          del

          parlamento?



          Guarda che lo capisce benissimo, ma lo pagano
          bene per quello spot e a lui lo status quo va
          bene com'è. Renditi conto che dall'altro lato
          della barricata c'è gente con più mezzi di noi,
          che sta
          vincendo.si, come no, stanno vincendo. Solo un perdente puo dire questo.
      • Anonimo scrive:
        Re: I nomi dietro RIAA
        - Scritto da:
        Guarda,Ok, guardo.
        Guarda, Ho detto che sto guardando.
        :(E' finito cosi' ?
    • Anonimo scrive:
      Re: I nomi dietro RIAA
      Non credo sia così. Dietro gli la RIAA si nascondono i discografici, che principalmente sono manager: molto raramente artisti e discografici sono le stessa persone. Talvolta ci può essere comunione di vedute tra artisti e discografici (o fonografici come i nostri insistono a chiamarsi con ottocentesco stile), ma non è sempre così.- Scritto da:
      E' facile "nascondersi" dietro sigle come RIAA in
      USA o le organizzazioni similari in Europa.
      • Anonimo scrive:
        Re: I nomi dietro RIAA
        MadonnaU2solo per citarne alcuni dei più noti.ma alla fine ... mica sono gran ché !!
        • Anonimo scrive:
          Re: I nomi dietro RIAA
          - Scritto da:
          Madonna
          U2

          solo per citarne alcuni dei più noti.

          ma alla fine ... mica sono gran ché !!Guarda che i paladini U2 sono gli stessi che si lamentano delle troppe troppe tasse in Irlanda. Per carità, molto meglio di altri, ma quando gli tocchi il portafoglio...tutti gli stessi, posso capire un operaio con 700/1000(se ci arriva) al mese, ma 'sti campioni.....
          • Anonimo scrive:
            Re: I nomi dietro RIAA
            - Scritto da:
            Guarda Sto ancora guardando. Ma sei quello di prima ?
    • Anonimo scrive:
      Re: I nomi dietro RIAA
      beh, un nome c'è:Jonathan Lamy, "Portavoce di RIAA"FAI SCHIFO
Chiudi i commenti