USA, indagine su un nuovo fiammante Galaxy Note 7

Continuano le vicissitudini per Samsung. Questa volta a prendere fuoco su un aereo di linea è stato un dispositivo probabilmente sostituito dall'assistenza ufficiale

Le competenti autorità degli Stati Uniti hanno aperto un’indagine su un nuovo incidente che vede coinvolto un altro Galaxy Note 7. Questa volta, teatro dell’improvvisa combustione del dispositivo Samsung è un Boeing 737 della Southwest Airline.

A seguito della richiesta di spegnere lo smartphone per la procedura di sicurezza in fase di decollo tra Louisville e Baltimore, il Signor Brian Green – proprietario del modello già tristemente noto a causa della problematica alle batterie – aveva seguito le istruzioni del personale di bordo, ma dopo pochi secondi si è accorto che il suo Galaxy Note 7 stava fumando pesantemente. L’aereo è stato quindi velocemente evacuato e il volo cancellato.

“Per fortuna, riferisce il rapporto, nessuno dei passeggeri è stato ferito”, ha scritto in un comunicato la Consumer Product Safety Commission (CPSC) statunitense.

Il direttore della Commissione Elliot F. Kaye ha inoltre lanciato un appello a tutti i possessori di Galaxy Note 7, chiedendo di “tenere spenti i dispositivi e di fare immediatamente ricorso alle risorse messe a disposizione da Samsung per risolvere il problema”.

A sollevare preoccupazioni sulla sicurezza dei dispositivi Samsung, ha d’altra parte contribuito il fatto che – secondo quanto riferiscono le fonti – il dispositivo andato in fiamme fosse appena stato sostituito dall’assistenza del colosso coreano . Se tale circostanza fosse confermata sarebbe un colpo terribile per Samsung che ha già speso milioni di dollari per sostituire i dispositivi difettosi e che ora potrebbe ritrovarsi al punto di partenza.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    Ne abbiamo un idea
    Dopo il licenziamento di migliaia di dipendenti Nokia, dopo l'invasione non autorizzata di milioni di PC, abbiamo già un idea della "visione" di microsoft.
  • polco.io scrive:
    VERGOGNATEVI MARCHETTARI
    ma non vi vergognate di continuare a fare i marchettari di M$? e basta XXXXX, tanto è un'azienda fallita. fate i marchettari di apple o google almeno guadagnate di più.
Chiudi i commenti