USA, l'importanza di chiamarsi condizioni d'uso

Una corte d'appello del Missouri ha spiegato ad una donna che i termini d'uso di un sito vanno inderogabilmente letti. Anche se non vengono posti obbligatoriamente all'attenzione degli utenti

Roma – Qualcuno invita a fare piccoli esperimenti online. Pensare a quanti siti e servizi web si abbia avuto accesso finora e, soprattutto, a quante condizioni d’uso si sia dato il proprio consenso. Un numero probabilmente alto che, tuttavia, potrebbe flettere fortemente alla domanda: quante di queste condizioni sono state effettivamente lette?

Ai giudici statunitensi non sembra importare molto se uno spazio web abbia obbligato o meno l’utente a leggere termini e condizioni d’utilizzo. Se quindi il netizen abbia preso effettivamente visione di informative, policy e compagnia. Una corte d’appello dello stato del Missouri ha infatti confermato una precedente decisione, che aveva stabilito la valenza legale delle condizioni d’uso del sito ServiceMagic.com .

La vicenda si è così dipanata. ServiceMagic è un sito che permette ai suoi utenti la ricerca di professionisti provenienti da svariate aree lavorative, per la successiva stipulazione di contratti legati a progetti personali. Uno di questi utenti – una donna chiamata Victoria Major da Springfield, Missouri – ha così trovato una figura adatta ai suoi obiettivi. Fino a qui, tutto regolare.

Il problema è sorto nel momento in cui la donna non si è rivelata affatto soddisfatta delle prestazioni del professionista indicato come il più vicino nella sua zona. E ha deciso di citare in giudizio i responsabili di ServiceMagic presso un tribunale del Missouri. Ma gli stessi responsabili del sito hanno immediatamente contestato la causa, sostenendo che questa avrebbe dovuto essere intentata esclusivamente a Denver, Colorado.

E questa clausola è espressamente descritta all’interno delle condizioni d’utilizzo del sito statunitense. Solo che Victoria Major – come ha poi spiegato alla corte nel ricorso in appello – non l’ha mai letta, almeno prima di inviare la richiesta per il suo professionista designato. ServiceMagic prevede infatti una serie di link all’interno delle sue pagine, collegati alle condizioni d’uso, anche se l’utente non è obbligato a leggerle. E questo potrebbe diventare un problema, almeno se non si vuole arrivare fino a Denver, Colorado per citare in giudizio il servizio.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sofia beghetto scrive:
    saluti
    ciao sono sofia, e secondo me
  • ullala scrive:
    quale che sia il motivo
    Non facciamo le verginelle!Sappiamo che Google (è una corporation) non è lì per fare beneficenza,Di certo ha motivi, che sia il rischio di avere infiltrati "governativi" non tra quelli che "conosce già" o che si tratti solo di tutelare (commercialmente è già un ottimo motivo) la sua immagine del "not evil".I motivi sono probabilmente economici, ma questo non toglie granchè.Ha anche molto da rischiare, quindi complimenti per il coraggio!E complimenti perchè apre la strada a un atteggiamento che se fosse seguito anche da altri non potrebbe che far fare marcia indietro ai censori cui è già stato conXXXXX fin troppo!Si guardiamo pure il fatto con occhi disincantati ma il fatto resta google sta facendo (in questo caso) la cosa giusta!come dire :"do the right thing".
    • Ru Feng Si Bi scrive:
      Re: quale che sia il motivo
      - Scritto da: ullala[...]
      I motivi sono probabilmente economici, ma questo
      non toglie
      granchè.
      Ha anche molto da rischiare, quindi complimenti
      per il
      coraggio!coraggio de che?se è in perdita e non c'è da competere ad armi pari, semplicemente abbandona. ma non dice che lo fa per questo.Dice "fanno del male a VOI UTENTI"figurati.
      E complimenti perchè apre la strada a un
      atteggiamento che se fosse seguito anche da altri
      non potrebbe che far fare marcia indietro ai
      censori cui è già stato conXXXXX fin
      troppo!SOLO se chiudessimo ogni strada.ma sono XXXXXXX: in economia reale il pianeta è indebitato con la Cina.
      Si guardiamo pure il fatto con occhi disincantati
      ma il fatto resta google sta facendo (in questo
      caso) la cosa
      giusta!se sono disincantati diciamo che dice di fare la cosa giusta, ma in realtà fa solo ed esclusivamente quello che gli conviene, compreso DIRE di fare la cosa giusta, ammantare la propria necessità con la parvenza di un atto nobile.Spero che ci siano verginelle, come tu dici, che ci credono e che duri e puri agiscano con SINCERITA' in quel modo.Ma questo significa: "cari signori, il VOSTRO WTO per me non vale".impensabile.
      come dire :
      "do the right thing".questo è "i tell i'm doing the right thing for you, but i'm doing what i have to do"e basta.
  • Grande Roberto scrive:
    Apple vola
    Dopo il clamoroso fallimento di Nexus One, un'altra sconfitta, questa volta definitiva per Google.E intanto noi della Apple aumentiamo i nostri affari con la Cina:- iPhone sotto il diretto controllo del regime (possono ascoltare le telefonate e anche decidere cosa mettere sul dispositivo)- un Safari per ogni cinese (il web browser analizzerà le pagine e le depurerà da ogni informazione impropria).La mela vola!
    • Karmic Shark scrive:
      Re: Apple vola
      - Scritto da: Grande Roberto
      Dopo il clamoroso fallimento di Nexus One,
      un'altra sconfitta, questa volta definitiva per
      Google.
      E intanto noi della Apple aumentiamo i nostri
      affari con la
      Cina:
      - iPhone sotto il diretto controllo del regime
      (possono ascoltare le telefonate e anche decidere
      cosa mettere sul
      dispositivo)
      - un Safari per ogni cinese (il web browser
      analizzerà le pagine e le depurerà da ogni
      informazione
      impropria).
      La mela vola!Mi spieghi cosa c'entra un device multimediale di discutibile qualità quale l'iPhone, con la libertà di internet nel mondo ? il bello di internet è che ti puoi connettere con un PDP-10 come con un iPhone, come con un N95 piuttosto che un pc o il navigatore della macchina... questo è uno dei concetti fondamentali della libertà su internet... e voi melindi volete imporre un telefono ? ma per favore... non c'è riuscita Nokia in piu di 10 anni di prodotti di qualità (IMHO) decisamente superiore...
  • Lou Xi Hao Bu scrive:
    Re: ci spazzeranno via tutti
    - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita
    ...sei talmente terrorizzato (..dalla Cina dai
    Cinesi o chissà che cosa) che non ti sei accorto
    che hai ancora i pantaloni
    abbassati.a parte una battuta slegata dai concetti espressi, hai qualcosa da dire che confuti quello che è stato detto?no? ah, non dici niente, vuoi farci ridere: sei un buffone.beh, servono anche quelli.solo che i cinesi ridono in modo differente, adeguati o verrai rimpiazzato.
    • kilex scrive:
      Re: ci spazzeranno via tutti
      - Scritto da: Lou Xi Hao Bu
      - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita


      ...sei talmente terrorizzato (..dalla Cina dai

      Cinesi o chissà che cosa) che non ti sei accorto

      che hai ancora i pantaloni

      abbassati.

      a parte una battuta slegata dai concetti
      espressi, hai qualcosa da dire che confuti quello
      che è stato
      detto?
      Non è tanto che tu abbia detto cose false. Il punto è che non si poteva continuare a produrre robetta come quella che ora importiamo dalla cina anche in europa o italia e pretendere che avesse un know how così elevato da giustificare i salari europei. la verità secondo me è che il sindacato non ha tenuto conto che lo sviluppo industriale stava avvenendo anche fuori dall'occidente e che quindi bisognava puntare non sul rozzo metalmeccanico ma prioritariamente sulla riqualificazione professionale creando nuovi tecnici di alto livello, da inserire in frabbriche ad alta automazione. invece si è preferito far adagiare moltissimi operai non qualificatio nella comodità di un sussidio o casse integrazioni varie senza abbinarlo a studi per riqualificarsi.Non si poteva impedire al campagnolo cinese di divenire operaioandando in città, si poteva invece riqualificare l'obsoleto operaio occidentale già inurbato trasformando in un tecnico a più o meno alta qualificazione professionale. non lo si è fatto e ora ne paghiamo le conseguenze.
      • Ru Feng Si Bi scrive:
        Re: ci spazzeranno via tutti
        - Scritto da: kilex[...] non si poteva continuare a produrre
        robetta come quella che ora importiamo dalla cina
        anche in europa o italia e pretendere che avesse
        un know how così elevato da giustificare i salari
        europei. non se competi con gli schiavi.quello che io ti ho detto è: perché abbiamo accettato che ci facessero competere con gli schiavi? Chi è stato? E ho detto chi e come. Noi tutti, ma con qualcuno in testa e per dei motivi deleteri. La classe dirigente "che prende decisioni impopolari se necessario" dovrebbe farlo anche in casi in cui la lungimiranza dice "cari imprenditori, alla lunga distruggerete il paese, quindi è in un altro modo che dobbiamo agire"Almeno al governo dovrebbero essere patrioti, se ancora questo vocabolo è compreso da qualcuno.Non ti metti a boxare con uno che fa lotta da strada.
        la verità secondo me è che il sindacato
        non ha tenuto conto che lo sviluppo industriale
        stava avvenendo anche fuori dall'occidente e che
        quindi bisognava puntare non sul rozzo
        metalmeccanico ma prioritariamente sulla
        riqualificazione professionale creando nuovi
        tecnici di alto livello, da inserire in
        frabbriche ad alta automazione.sulla formazione continua vedrai se trovi contro il sindacato o il diretur, in ogni luogo. Tu prova ad organizzare due corsi qualsiasi al nordest. Guarda come funziona la formazione continua: e non per il sindacato, bada bene. Io al sindacato ho da rimproverare solo che è diventato un intermediario , un telefono, tra me e il padrone: allora meglio andare dall'avvocato del lavoro.
        invece si è
        preferito far adagiare moltissimi operai non
        qualificatio nella comodità di un sussidio o
        casse integrazioni varie senza abbinarlo a studi
        per
        riqualificarsi.Ok.Resta il fatto che a parità di qualifica noi concorriamo con gente trattata come schiavi.A parità di qualifica la gente da loro viene trattata in modo inaccettabile. Alzare lo standard dappertutto e fare il discorso sulla formazione, come dici tu, allora funziona.Se è solo CONCEPIBILE trattare la gente come fanno loro, allora è sempre possibile avere per concorrenti personaggi che hanno gli schiavi.
        Non si poteva impedire al campagnolo cinese di
        divenire
        operaio
        andando in città,ma per favore, hai visto che ce li hanno tracinati, sia in cina che in india, che in africa, fuori, da dove stavano.Ieri potevano andare a XXXX nudo e lancia in mano, vivere di sussistenza con un ritmo antico ... oggi stanno al gabbio per produrre come macchine a basso costo.
        si poteva invece riqualificare
        l'obsoleto operaio occidentale già inurbato
        trasformando in un tecnico a più o meno alta
        qualificazione professionale. non lo si è fatto e
        ora ne paghiamo le
        conseguenze.Mi darai del luddista, non c'è dubbio, ma questa tecnica non porta mai il risultato che dici: l'imprenditore ha sempre mentalità ottocentesca: se posso produrre con i macchinari, non devo pagare più le persone.E alla fine lo schiavo vince comunque: produrre in cina con gli schiavi costa meno che produrre in modo automatizzato da noi.Io e una belva abituata al mors tua vita mea non possiamo competere in fatto di vita selvaggia. Quando saremo entrambi umani, allora potremo.
        • Manfredon scrive:
          Re: ci spazzeranno via tutti
          - Scritto da: Ru Feng Si Bi
          E alla fine lo schiavo vince comunque: produrre
          in cina con gli schiavi costa meno che produrre
          in modo automatizzato da
          noi.
          Ma come puoi pensare che anche il migliore degli schiavi possa competerecon una macchina ben fatta, un robot, lavorando allo stesso ritmoe con uguale produttività? E' semplicemente assurdo.La verità secondo me è che ad un certo punto son venuti meno i tecnici qualificati, dai manutentori dei robot aiprogettisti ecc. Anche per colpa dei sindacati. E' chiaro che se una impresa si scontra con una infinità di problemi, poi non investe e neanche in formazione.E' innegabile che ad un certo punto si è fatto credere ai lavoratori di avere un potere immenso: bastava scioperare e ricattare il padrone.Chiaro che i padroni si incanalavano altrove.Sul fatto poi che molti cinesi siano stati inurbati a forza, avrei da ridire.Tutti comunque guardano a soluzioni migliori per il loro futuro. Che poi il nuovo modo di lavorare sia migliore o meno può essere discutibile, ma per molti comunque rappresenta una opportunità irrinunciabile.
          Io e una belva abituata al mors tua vita mea non
          possiamo competere in fatto di vita selvaggia.
          Quando saremo entrambi umani, allora
          potremo.
  • Lou Xi Hao Bu scrive:
    Re: ci spazzeranno via tutti
    - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita

    ...sei talmente terrorizzato (..dalla Cina dai
    Cinesi o chissà che cosa) che non ti sei accorto
    che hai ancora i pantaloni
    abbassati.slogan divertente.contenuti?addio.
  • Karmic Shark scrive:
    La rete è un mostro.
    Internet è un mostro che fa paura...Loro non l'hanno capito al momento giusto.10 anni fa, facciamo anche 15, ero un ragazzino un po nerd, lo ammetto...ero uno dei primi utenti internet e lo consideravo una cosa da un potenziale altissimo, cosa che invece per molti era un gioco o un sistema gratis/semplice per reperire XXXXXgrafia.Ricordo che litigai con il bullo della situazione poichè mi soprannominava "Bill Gates" (che gia non apprezzavo allora benchè linux fosse soltanto un embrione), e tra le mie "minacce" da nerd gli dissi "ti sputt%no su internet" e lui (e tutti gli altri) si misero a ridere...Oggi forse riderebbero meno...certo allora internet faceva ridere... era una cosa da nerd, o da derelito umano, faceva ridere i bulli, faceva ridere i governi, i nerd ridevano un po meno....Poi il mostro è cresciuto, è diventato semrpe piu grande sempre piu potente, e mentre ora i nerd, dei quali, purtroppo o perfortuna, credo di non fare piu parte, si rifugiano nelle darknet avvolti da paranoie del genere "Facebook l'ha fatto l'FBI" e "Google mi spia", tutti gli altri ci vivono, commentano, si aggregano, si informano, e reagiscono.Ormai i governi si sono resi conto di quanto internet sia pericoloso, ma non possono piu fare nulla, hanno le mani legate, bloccare internet = rivolta immediata, non bloccarlo = possibile rivolta futura. voi cosa scegliereste ?la Cina sta facendo la scelta sbagliata... anche dal loro punto di vista.Poichè ormai il mostro è troppo grande, blocca, limita, taglia... chiunque troverà sempre un modo per connettersi ad internet, che sia via telefono, via satellite o packet radio criptata... ormai non lo puoi fermare.La cina dovrebbe capirlo.
    • stivy scrive:
      Re: La rete è un mostro.
      ti quoto in pieno! Ottimo intervento, complimenti!! :-)
    • MeX scrive:
      Re: La rete è un mostro.
      fidati, che se fosse davvero necessario chiudere internet non é cosí difficile... basta tagliare un paio di cavi e tutti i server in USA diventano irraggiungibili
      • Lou Xi Hao Bu scrive:
        Re: La rete è un mostro.
        - Scritto da: MeX
        fidati, che se fosse davvero necessario chiudere
        internet non é cosí difficile... basta tagliare
        un paio di cavi e tutti i server in USA diventano
        irraggiungibiliil punto è che alla cina non gliene può fragare meno.loro non hanno bisogno di noi.
        • MeX scrive:
          Re: La rete è un mostro.
          hanno sempre meno bisogno di noi... ora che stanno iniziando a colmare il gap culturale / tecnologico
          • Lou Xi Hao Bu scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            hanno sempre meno bisogno di noi... ora che
            stanno iniziando a colmare il gap culturale /
            tecnologicoinfatti: non hanno bisogno di noi.
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            beh... devi poi pur sempre vendere a qualcuno le cose che produci...Anche il Faraone ha bisogno degli schiavi...
          • Ru Feng Si Bi scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            beh... devi poi pur sempre vendere a qualcuno le
            cose che
            produci...

            Anche il Faraone ha bisogno degli schiavi...questo discorso sta già mostrando i suoi limiti anche qui: chi pensa così fa decadere tutto e poi guarda altrove.ma intanto se tu vivi dove tutto è caduto... sei morto.Ed è proprio vivere nella schiavitù la cosa che avremmo dovuto evitare, evolverci, migliorare. Invece abbiamo solo spostato il potere da una parte all'altra del pianeta. Evoluzione? Pfui!
      • Karmic Shark scrive:
        Re: La rete è un mostro.
        - Scritto da: MeX
        fidati, che se fosse davvero necessario chiudere
        internet non é cosí difficile... basta tagliare
        un paio di cavi e tutti i server in USA diventano
        irraggiungibiliIl mio intervento non era sul punto di vista prettamente tecnico... sono un sistemista e so bene che VOLENDO possiamo "chiudere" internet in 10 minuti.Il punto di vista è quello sociale:Internet ha creato un modello di comunicazione, un modello di scambio dell'informazione di massa, ma soprattutto una necessità di scambio di opinioni.Puoi chiudere internet certo, ma quanta gente esperta c'è che ha la necessità di internet ? quanto passerà dal momento in cui tu tagli il cavo della dorsale usa al momento in cui 10.000 ex radioamatori, rimettano inpiedi un sistema di packet radio usando le care vecchie onde corte ? ok ci sono i jammer... ma quanto conviene davvero lottare contro qualcosa che ormai è diventato parte delle nostre necessità primarie ?sarebbe come voler interdire il consumo di carne a livello globale da un giorno con l'altro...
        • MeX scrive:
          Re: La rete è un mostro.
          parlo di eventi quali una terza guerra mondiale...
          • Karmic Shark scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            parlo di eventi quali una terza guerra mondiale...Beh ti porto a conoscenza della RFC 1149... trattasi di un protocollo (scherzoso o meno... è stato provato e funziona) per la trasmissione di datagrammi IP tramite... Piccione viaggiatore... è una RFC ufficiale.... e qualche altro geek ha avuto la bella idea di implementarvi anche il QoS... non ricordo il numero della RFC però
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            divertente, ma useless :P
          • ullala scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            divertente, ma useless :PNon tanto USELESS!Ma tu sai di rete quanto ne sa il piccione che effettua il trasporto è evidente!
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            questa é una tua supposizione non argomentata, la definirei, useless
          • ullala scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            parlo di eventi quali una terza guerra mondiale...Ebbene?Perchè guerre non ce ne sono state?Ti risulta che in Iraq non funzionava la rete (pure sotto attacco americano?)Tu non parli di eventi... parli in realtà delle TUE ipotesi campate in aria!
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: MeX

            parlo di eventi quali una terza guerra
            mondiale...

            Ebbene?
            Perchè guerre non ce ne sono state?mondiali?
            Ti risulta che in Iraq non funzionava la rete
            (pure sotto attacco
            americano?)secondo te tagliano le dorsali oceaniche perché c'é la guerra in Iraq?
            Tu non parli di eventi... parli in realtà delle
            TUE ipotesi campate in
            aria!tu forse non ti ricordi che basta che ci siano problemi al MIX di Milano per lasciare a piedi giá mezza Italia, soprattutto per collegamenti a server fuori dall'Italia
          • ullala scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            - Scritto da: MeX
            parlo di eventi quali una terza guerra mondiale...psst... hey... pssst...L'ultima guerra in cui la rete non c'era (non esisteva ancora) è stata quella del vietnam.Dopo di quella non solo c'è sempre stata ma è stata usata ... e pure alla grande!Sveglia!è il 2010!
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            ? e dove avrei sostenuto che nella seconda guerra mondiale c'era internet?Ho solo fatto un esempio di un evento che potrebbe portare allo "spegnimento" o "limitazione" di internet...
        • kilex scrive:
          Re: La rete è un mostro.
          - Scritto da: Karmic Shark
          - Scritto da: MeX

          fidati, che se fosse davvero necessario chiudere

          internet non é cosí difficile... basta tagliare

          un paio di cavi e tutti i server in USA
          diventano

          irraggiungibili

          Il mio intervento non era sul punto di vista
          prettamente tecnico... sono un sistemista e so
          bene che VOLENDO possiamo "chiudere" internet in
          10
          minuti.
          Il punto di vista è quello sociale:
          Internet ha creato un modello di comunicazione,
          un modello di scambio dell'informazione di massa,
          ma soprattutto una necessità di scambio di
          opinioni.
          Puoi chiudere internet certo, ma quanta gente
          esperta c'è che ha la necessità di internet ?
          quanto passerà dal momento in cui tu tagli il
          cavo della dorsale usa al momento in cui 10.000
          ex radioamatori, rimettano inpiedi un sistema di
          packet radio usando le care vecchie onde corte ?
          ok ci sono i jammer... ma quanto conviene davvero
          lottare contro qualcosa che ormai è diventato
          parte delle nostre necessità primarie
          ?
          sarebbe come voler interdire il consumo di carne
          a livello globale da un giorno con
          l'altro...A parte il fatto che mi pare ci sia anche internet via sat, ma dici bene: è un fenomeno sociale. Poi è utopistico pensare che i cinesi possano fare a meno di internet anche per ragioni di affari la comunicazione via internet è fondamentale: o pensate che tornino ai telefoni e fax?Non diciamo fesserie. Alla cina se vuol rimanere in linea econokicamente serve internet, cioe rimanere connessa col resto del mondo.Se davvero internt non gli servisse per scopi economici l'avrebbe bloccata gia da tempo o pensate che li si sia sviluppata solo per far giocherellare coi pc i cinesi a casa o negli intent caffè?
          • MeX scrive:
            Re: La rete è un mostro.
            infatti... tecnicamente é piú che possibile isolarsi da internet, ovvio che a meno di eventi su scala mondiale a nessuno conviene tagliare il filo!
      • ullala scrive:
        Re: La rete è un mostro.
        - Scritto da: MeX
        fidati, che se fosse davvero necessario chiudere
        internet non é cosí difficile... basta tagliare
        un paio di cavi e tutti i server in USA diventano
        irraggiungibiliPalle!Il problema è che non diventano irraggiungibili solo i "server usa", c'è parecchio di altro che "diventa irraggiungibile" è un prezzo che nessuna economia avanzata è in grado di pagare!Neppure la cina, neppure l'Iran, e persino la piccola "birmania"...A internet basta il piccione viaggiatore con il pacchetto ip scritto su un pizzino!Al resto delle telecomunicazioni occorre MOLTO ma Molto di più!Il traffico dati ha superato da tempo le altre forme di traffico... e se il traffico è "dati"... per definizione ci puoi incapsulare IP è storia e per giunta storia QUOTIDIANA.Immagino tu sappia molto poco di come (e tramite quali mezzi) funzioni il traffico reale dei dissidenti in un paese a forte censura.Datti da fare e aiuta pure tu può essere un modo UTILE per imparare qualcosa!E questo è un invito che ti faccio seriamente e fuori di polemica.Se accetti il consiglio non guadagnerai soldi (anzi).. ma avrai di certo un caldo benvenuto.Ma quel che più conta è che saprai in cuor tuo (che lo sappiano gli altri non conta nulla anzi è meglio se ne sanno poco) di fare qualcosa di buono per i tuoi simili.
        • MeX scrive:
          Re: La rete è un mostro.
          ciccio, i paesi sotto forte censura possono comunque avere appunto acXXXXX ai canali di comunicazione in piedi in questo momento, se il governo usa taglia le dorsali hai ben poco da fare...Con i piccioni fai prima a scriverti il messaggio che a passarti pacchetti IP... ci fai lo streming video con i piccioni?
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: La rete è un mostro.
      - Scritto da: Karmic Shark
      Internet è un mostro che fa paura...
      Loro non l'hanno capito al momento giusto.loro chi?
      10 anni fa, facciamo anche 15 [...]
      Oggi forse riderebbero meno...
      certo allora internet faceva ridere... era una
      cosa da nerd, o da derelito umano, faceva ridere
      i bulli, faceva ridere i governi, i nerd ridevano
      un po
      meno....devo purtroppo dire che questo è un eccellente spunto per una canzone di Elio e le Storie Tese. uno spunto eccellente.hai mai sentito "tapparella" ?chiedo scusa ma...[...]
      fare piu parte, si rifugiano nelle darknetmi citi 5 darknet funzionanti e molto attive?[...]
      Ormai i governi si sono resi conto di quanto
      internet sia pericoloso, ma non possono piu fare
      nulla, hanno le mani legate, bloccare internet =
      rivolta immediatane sei sicuro?quando ti spengo il computer tu non mangi non cachi non lavori non leggi non guardi la tv?se non vai più su internet, domani non ti cerchi comunque un lavoro se sei disoccupato?non cerchi di sfamare la tua famiglia?a questo servi, dal punto di vista del potere.
      , non bloccarlo = possibile
      rivolta futura. voi cosa scegliereste
      ?credi di avere scelta? :)
      la Cina sta facendo la scelta sbagliata... anche
      dal loro punto di
      vista.
      Poichè ormai il mostro è troppo grande, blocca,
      limita, taglia... chiunque troverà sempre un modo
      per connettersi ad internet, che sia via
      telefono, via satellite o packet radio
      criptata... ormai non lo puoi
      fermare.vedila dal punto di vista di un sysadmin "imperatore"o di fastweb, magari.tutta la cina passa per le mani dell'amministratore, con la sua bella squadra di sottoposti.quanti passano questo muro?pochi.contano?no.
      La cina dovrebbe capirlo.non ne sarei sicuro.
  • Alex scrive:
    Dirette sulla vicenda
    Anche oggi su CinaOggi c'è un'interessante diretta:http://www.cinaoggi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2066:google-vs-cina-giorno-due&catid=2:attualita-in-cina&Itemid=2Su Shanghaiist (in inglese) ci sono altre informazioni interessanti: http://shanghaiist.com/2010/01/13/reactions_to_google_leaving_china_h.php
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Dirette sulla vicenda
      - Scritto da: Alex
      Anche oggi su CinaOggi c'è un'interessante
      diretta:
      http://www.cinaoggi.it/index.php?option=com_conten

      Su Shanghaiist (in inglese) ci sono altre
      informazioni interessanti:

      http://shanghaiist.com/2010/01/13/reactions_to_goograzie!grazie!
  • Homer S. scrive:
    Big Brother VS Big Brother
    A me 'sta storia fa ridere.
  • Reggio emilia scrive:
    ma sapete perchè Google se ne va?
    A parte le palle su Gmail, Google vuol togliere le ancore dalla Cina perchè il governo avrebbe tentato di infiltrare cracker di stato nello staff cinese di Google, al fine di trafugare codice e dati.Se fosse solo per Gmail e i poveri dissidenti, Google non avrebbe alzato tanta polvere perchè non gliene frega una mazza dei diritti umani. Ma visto che tentano di toccargli le parti intime, dicesi "segreti industriali", allora tutto d'un tratto torna di moda il "do no evil".
    • J.M. scrive:
      Re: ma sapete perchè Google se ne va?
      "don't be evil" mi sa. Ma s'era comunque capito.La si vede assai nera; in effetti è possibile ma una speranzuccia nel fatto che tutto si risolva con la diplomazia io ancora la tengo nascostamente serbata. In fondo noi "compriamo" da loro e loro imparano da noi. Bene o male perdono troppo tempo a preoccuparsi del regime, per poter sviluppare una reale tecnologia CONCRETA (infatti "copiano" e basta, anche se copiano più che bene, in genere). A mio modestissimo avviso ci sarà un iniziale "Ok Google, vattene pure" seguito da un "Uhm, Google se ne va portandosi appresso un po' troppa roba...magari ci ripensiamo" seguito a sua volta da un "Ahem e ora che TUTTO IL MONDO ci tiene a distanza che facciamo ? Magari è il caso di allentare UN POCHINO la corda..."Non so se (sperare di) considerarla una profezia o una speranza, ma in entrambi i casi spero si realizzi :)
      • Reggio emilia scrive:
        Re: ma sapete perchè Google se ne va?
        Vedi magari a noi pare che la Cina non funzioni bene, ma dall'interno le cose vanno come il governo desidera. Tutto funziona perchè non ammettono eccezioni, che incrinerebbero il credo comunista. Come per alcune religioni che considerano i cristiani "confusi" perchè tollerano credi diversi, la maggior parte dei cinesi crede che gli occidentali siano allo sbando, ancor più con la crisi che ci siamo tirati addosso. Insomma dubito che il governo cinese faccia qualche passo indietro, almeno pubblicamente, poi che gli intrallazzi e gli accordi segreti siano parte del gioco, comunque noi sapremo sempre poco di quello che succede. Può pure venirne fuori una mega operazione di marketing, per come sa rigirare le cose Google.
    • pasquetto scrive:
      Re: ma sapete perchè Google se ne va?
      - Scritto da: Reggio emilia
      A parte le palle su Gmail, Google vuol togliere
      le ancore dalla Cina perchè il governo avrebbe
      tentato di infiltrare cracker di stato nello
      staff cinese di Google, al fine di trafugare
      codice e
      dati.

      Se fosse solo per Gmail e i poveri dissidenti,
      Google non avrebbe alzato tanta polvere perchè
      non gliene frega una mazza dei diritti umani. Ma
      visto che tentano di toccargli le parti intime,
      dicesi "segreti industriali", allora tutto d'un
      tratto torna di moda il "do no
      evil".E a te chi te lo ha detto, babbo natale?
      • Reggio emilia scrive:
        Re: ma sapete perchè Google se ne va?
        no, tua mamma sotto la doccia ;-)
        • roberto rossi scrive:
          Re: ma sapete perchè Google se ne va?
          - Scritto da: Reggio emilia
          no, tua mamma sotto la doccia ;-)Chi ha postato prima ha fatto riferimento a Babbo Natale, nn ai tuoi parenti.Se hai un po' di pudore chiedigli scusa o vai a postare su forum dove si esprimono come te.Roberto
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma sapete perchè Google se ne va?
        L'ha detto uno dei legali di google, stando a cinaoggi.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: ma sapete perchè Google se ne va?
      - Scritto da: Reggio emilia
      A parte le palle su Gmail, Google vuol togliere
      le ancore dalla Cina perchè il governo avrebbe
      tentato di infiltrare cracker di stato nello
      staff cinese di Google, al fine di trafugare
      codice e
      dati.

      Se fosse solo per Gmail e i poveri dissidenti,
      Google non avrebbe alzato tanta polvere perchè
      non gliene frega una mazza dei diritti umani. Ma
      visto che tentano di toccargli le parti intime,
      dicesi "segreti industriali", allora tutto d'un
      tratto torna di moda il "do no
      evil".temo che sia la cosa che ha più senso in assoluto.
    • pabloski scrive:
      Re: ma sapete perchè Google se ne va?
      e che male c'è? è naturale che google voglia proteggere i propri interessiperò non c'è scritto da nessuna parte che la Cina ha tentato di infiltrare spie in Google, tant'è che Google pure negli USA fa uso massiccio di ingegneri e tecnici cinesi e indianiil problema è che la Cina ha come comportamento abituale l'attacco informatico verso sistemi aziendali e governativi di entità che definisce nemiche nonostante faccia affari con queste stesse entitàvorrei vedere te a dover sopportare per anni attacchi di ogni tipo, dalle sql injection fino al ddosmi sorge il dubbio che molti dei down dei servizi google da qualche anno a questa parte siano dovuti agli attacchi cinesisenza contare che google in passato ha subito l'hijacking dei dns da parte dei cinesi che facevano puntare google.cn a baiduinsomma, una situazione davvero insostenibile, altro che dover proteggere SOLO la proprietà intellettuale
  • Luca Marcante scrive:
    Google e Cina
    Sono d'accordo con Google...la Cina..e la sua politica "MAFIOSA" ha superato tutti i limiti...Informatici..Umani..Commerciali...Bisognerebbe BOICOTTARLA..Ha distrutto l'economia Europea e tutti hanno fatto finta di niente..chi per interessi chi per ignoranza..Bravo GOOGLE! Anzi! dovresti contrattaccare! :-)Affondare i siti Cinesi! AH dimenticavo...FREE TIBET!!! (Vedi la Cina cosa e'riuscita a fare in TIBET)Beata l'Ignoranza...
    • ciao scrive:
      Re: Google e Cina
      - Scritto da: Luca Marcante
      Sono d'accordo con Google...la Cina..e la sua
      politica "MAFIOSA" ha superato tutti i
      limiti...Informatici..Umani..Commerciali...
      Bisognerebbe BOICOTTARLA..Fallo, inizia tu. Prendi tutto quello che c'é attorno a te "made in china" e butta via tutto. Vediamo cosa ti rimane, anzi no, perché non potresti rispondere. ;-)
      Ha distrutto l'economia Europea e tutti hanno
      fatto finta di niente..chi per interessi chi per
      ignoranza..Si, la Cina e tante altre "belle" persone tutte "tutte intorno a noi"
      Bravo GOOGLE! Anzi! dovresti contrattaccare! :-)
      Affondare i siti Cinesi! Ma sai cosa gliene frega hai cinesi di google, pensi sia l'unico motore di ricerca?
      AH dimenticavo...FREE TIBET!!! (Vedi la Cina cosa
      e'riuscita a fare in
      TIBET)
      Beata l'Ignoranza...Appunto.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Google e Cina
      - Scritto da: Luca Marcante
      Sono d'accordo con Google...la Cina..e la sua
      politica "MAFIOSA" ha superato tutti i
      limiti...Informatici..Umani..Commerciali...
      Bisognerebbe BOICOTTARLA..
      Ha distrutto l'economia Europea e tutti hanno
      fatto finta di niente..chi per interessi chi per
      ignoranza..chi ha avuto un interesse è stato ATTIVOchi è stato ignorante ha DECISO di continuare a rimanerlo.chi è stato PIGRO ha DECISO di non agire.chi è causa del suo mal pianga sé stesso, in sostanza.la cina si è difesa da noi, e lo ha fatto molto attivamente con costanza e perseveranza, tanto da batterci.noi a loro non abbiamo attaccato nessun "virus civiltà"loro hanno invece attuato una recrudescenza dei reazionari ottocenteschi che hanno disumanizzato nuovamente ciò che iniziava a respirare nelle nostre vite.non puoi far competere lavoratori con schiavi.noi lo abbiamo accettato e abbiamo lasciato che venisse fatto.
      Bravo GOOGLE! Anzi! dovresti contrattaccare! :-)
      Affondare i siti Cinesi! ne vedi spesso?
      AH dimenticavo...FREE TIBET!!! (Vedi la Cina cosa
      e'riuscita a fare in
      TIBET)e vedi cosa il tibet è riuscito a fare.niente.
      Beata l'Ignoranza...eh si...
  • Giovanni scrive:
    Re: ci spazzeranno via tutti
    Complimenti per l'analisi che condivido appieno.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: ci spazzeranno via tutti
      - Scritto da: Giovanni
      Complimenti per l'analisi che condivido appieno.è triste che condividiamo una simile analisi in tanti e che l'unica cosa che ci è rimasta sia gettarci sulla nostra stessa spada.
  • pabloski scrive:
    Re: ci spazzeranno via tutti
    purtroppo devo quotarti in pienoè una situazione molto brutta, ma la tua analisi è perfettaringraziamo i neoliberisti, i capitalisti senza se e senza ma....spero possiate crepare il prima possibile
    • Nome e cognome Data di Nascita scrive:
      Re: ci spazzeranno via tutti
      - Scritto da: pabloski
      purtroppo devo quotarti in pieno

      è una situazione molto brutta, ma la tua analisi
      è
      perfettaAnalisi perfetta ??... Opinione personale mi sembra più corretto

      ringraziamo i neoliberisti, i capitalisti senza
      se e senza ma....spero possiate crepare il prima
      possibileAzzo centra.....anche io spero che tu possa "andartene" il prima possibile ma non incolpo PI se ti ha registrato ecc....ecc
      • Lou Xi Hao Bu scrive:
        Re: ci spazzeranno via tutti
        - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita
        - Scritto da: pabloski

        purtroppo devo quotarti in pieno



        è una situazione molto brutta, ma la tua analisi

        è

        perfetta

        Analisi perfetta ??... Opinione personale mi
        sembra più
        correttoanche questa :)



        ringraziamo i neoliberisti, i capitalisti senza

        se e senza ma....spero possiate crepare il prima

        possibile

        Azzo centra.....anche io spero che tu possa
        "andartene" il prima possibile ma non incolpo PI
        se ti ha registrato
        ecc....eccnon lo fai perché non approfondisci.sono le regole - rispettate - che guidano i comportamenti.se ho un limite di 20 all'ora e qualcuno che impone di rispettarlo, NESSUNO si ammazza in macchina per ecXXXXX di velocità.certo, andrà piano.se qualcuno cambia questa regola e dice "non possiamo mica stare ad andare piano eh?! via 'sto limite!"ecco che la regola cambia.Chi la cambia? chi ha una certa mentalità.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: ci spazzeranno via tutti
      - Scritto da: pabloski
      purtroppo devo quotarti in pieno

      è una situazione molto brutta, ma la tua analisi
      è
      perfetta

      ringraziamo i neoliberisti, i capitalisti senza
      se e senza ma....spero possiate crepare il prima
      possibileil problema è che questi crepano, ma se tu oggi hai 20 anni, non puoi sperare di non vedere la tua vita distrutta. e i nostri figli?e noi che abbiamo fatto?NIENTEogni volta che parla la CGIL tutti a urlare contro, quando è l'unico sindacato che lavora davvero per i lavoratori.quando il sindacato non riesce a fare qualcosa è perché i lavoratori sono diventati comodi e pigri.gente che con schiavi cinesi non competerà mai.nota bene: la competizione non è quella sul piano lavorativo-schiavo ... è quella che ti permette di restare umano e dire al tuo governo "hey! ti stai dimenticando l'etica a cui arrivi dall'illuminismo? millenni di storia buttati nel XXXXX per un margine di guadagno?"vale per ogni nazione.
  • xxx xxx scrive:
    non sono 300 milioni di utenti
    300 milioni di utenti!!!!! non di dollari!!!!
  • stivy scrive:
    E il governo italiano.....
    Google si fa paladino della libertà (per motivi etici o propagandistici che siano), e il governo italiano invece vorrebbe imbavagliare la rete cioè l'unica fonte di informazioni realmente LIBERA in Italia.E meno male che è Partito delle "Libertà"....http://www.vocidallastrada.com/2010/01/il-senato-approva-il-bavaglio-internet.html-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 15.55-----------------------------------------------------------
    • pabloski scrive:
      Re: E il governo italiano.....
      - Scritto da: stivy
      E meno male che è Partito delle "Libertà"....non vedo dove sta la stranezza....PDL = Partito Delle Libertà di Berlusconi ( quest'ultima parte è sottintesa :D )
    • povero italiano senza patria scrive:
      Re: E il governo italiano.....
      Voglio emigrare in Google!
    • FADSE scrive:
      Re: E il governo italiano.....
      La libertà di espressione è bella, sembra che sia un cavallo bianco su cui fondare principi etici e morali, gente che parla, che straparla, che balbetta, che dice contro e che si autogiustifica, gente schiava dell'incapacità di una vera e propria espressione adulta e responsabile alla quale nessun strumento di libertà e possibilità può tapezzare l'umana mancanza di crescita ed avere una piena autonomia di vita. La libertà e la sua espressione quindi trova valore in se stessi e in ciò che si esprime e che se il valore di se stessi viene a mancare si trova quindi giustificazione nel costruirsi una opinione altrui e mai riguardante la propria vita meditata con responsabilità. La "Responsabilità" è significato di Autogestione di se stessi e della propria vita in cui ogni azione e opinione sarà pericolosa per chi è contro una vera e propria "libertà di vita" in cui la parola "Libertà" prende il vero e proprio significato di crescita e non è rivolta agli altri ma a se stessi con l'imperativo decisionale "Io voglio crescere". La libertà comunque è di contenuto e mai di apparenza nonché una capacità interpretativa che disegna il territorio in cui si vive, virtuale o non non credo ci sia differenza: perché se si vuole veramente guardare alla parola virtuale anche la vita stessa è virtuale se si pensa che si è schiavi della morte. Come accade nella vita di ciascuno accade anche ai popoli che ognuno è poi responsabile della libertà acquisita o anche conquistata ma in tutto questo c'è anche una realtà: "Si è schiavi di una libertà senza contenuto" e cioè buona a nulla ed ogni azione sarà nulla se il contenitore della libertà è nullo dando poi spicco alla denuncia degli altri mentre quello che in realtà si sta facendo è denunciare il proprio essere perché quando tutti gli strumenti di libertà sono liberi da qualsiasi vincolo devono poi essere utilizzati e qui viene il bello!! Rauol Follerou come altri in diversi settori hanno ovviamente contribuito ad una vera propria libertà di "contenuti" E forse la vera e propria libertà è fare meglio.
      • FADSE scrive:
        Re: E il governo italiano.....
        Aggiungo che l'incapacità del governo italiano è la stessa incapacità del popolo italiano non in grado di sfornare persone che siano in grado di gestire un territorio e che chiunque può farsi avanti nel creare liste di candidati sempre migliori e che le stesse denunce di ingovernabilità sono allo stesso livello di un popolo che non è in grado di preparare alternative ai rappresentanti che ci sono e che la stessa libertà a cui la costituzione italiana mette a disposizione di qualsiasi persona netizen compresi.
        • Nome e cognome Data di Nascita scrive:
          Re: E il governo italiano.....
          - Scritto da: FADSE
          Aggiungo che l'incapacità del governo italiano è
          la stessa incapacità del popolo italiano non in
          grado di sfornare persone che siano in grado di
          gestire un territorio e che chiunque può farsi
          avanti nel creare liste di candidati sempre
          migliori e che le stesse denunce di
          ingovernabilità sono allo stesso livello di un
          popolo che non è in grado di preparare
          alternative ai rappresentanti che ci sono e che
          la stessa libertà a cui la costituzione italiana
          mette a disposizione di qualsiasi persona netizen
          compresi.(troll1)....tu senti l'odore della .erda, la vedi, la calpesti e poi dici ( non sempre): ma ci sono XXXXXXX ovunque in questo posto di .erda !? (troll2)
          • pabloski scrive:
            Re: E il governo italiano.....
            - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita
            vedi, la calpesti e poi dici ( non sempre): ma ci
            sono XXXXXXX ovunque in questo posto di .erda !?
            (troll2)ecco appunto, hai confermato la tua stessa asserzione
          • Lou Xi Hao Bu scrive:
            Re: E il governo italiano.....
            - Scritto da: Nome e cognome Data di Nascita

            (troll1)....tu senti l'odore della .erda, la
            vedi, la calpesti e poi dici ( non sempre): ma ci
            sono XXXXXXX ovunque in questo posto di .erda !?
            (troll2)si. e dunque?il problema è che in giro ci sono i padroni dei cani che pensano che il LORO cane PUO' XXXXXX in giro.mentre invece sarebbero da prendere a calci loro e i loro canima se chi fa la legge ha un cane o vuole voti da quelli col cane: XXXXX per tutti.questa è CORRUZIONE, nel senso che il paese si corrompe, non è più integro.
        • Giovanni scrive:
          Re: E il governo italiano.....
          - Scritto da: FADSE
          Aggiungo che l'incapacità del governo italiano è
          la stessa incapacità del popolo italiano non in
          grado di sfornare persone che siano in grado diSecondo me non ti ha letto nessuno.
        • battagliacom scrive:
          Re: E il governo italiano.....
          infatti, molti si dimenticano anche che coloro che governano non sono li per caso ma sono stati eletti da tutto il popolo italiano, che essendo ignorante in materia politica non riesce a fare le scelte giuste. è per questo che da troppo tempo ormai molti governi cadono e non ci sono mai stati 2 governi della stessa fazione (destra o sinistra) consecutivi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: E il governo italiano.....
            A dire il vero la gente è costretta a votare solo i partiti, visto che i politicanti vengono scelti dalle segreterie dei partiti stessi.Quindi io non voto pinco palla che mi rappresenti, ma voto solo un partito che mette un tizio cacio che se ne frega di rappresentarmi e si fa i cavoli suoi.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: E il governo italiano.....
      - Scritto da: stivy
      Google si fa paladino della libertà (per motivi
      etici o propagandistici che siano), e il governo
      italiano invece vorrebbe imbavagliare la rete
      cioè l'unica fonte di informazioni realmente
      LIBERA in
      Italia.
      E meno male che è Partito delle "Libertà"....sono parole utilizzate ad arte, a cui cambiano il significato ad arte... in un periodo, tra l'altro, in cui la gente usa con grande leggerezza le parole, senza sincerarsi di cosa queste realmente significhino... e i ragazzi sono abituati a vedere come una "limitazione della libertà" ogni critica alla loro ignoranza. Naturalmente i genitori più ignoranti (la maggioranza) e pigri li appoggiano.è uno dei concetti chiave della neolingua in 1984, quindi è dal 1948 che qualcuno ci ha messo in guardia.nota bene: non sono "i comunisti" a fare questo, ma i nostri imprenditori
  • Sandro kensan scrive:
    Don't be evil e così fu.
    Google sta ancora una volta mantenendo le sue promesse, starà a noi gente libera apprezzare questo gesto scegliendo i suoi prodotti e boicottando quelli dei concorrenti che fanno affari d'oro in Cina.
    • sadness with you scrive:
      Re: Don't be evil e così fu.
      - Scritto da: Sandro kensan
      Google sta ancora una volta mantenendo le sue
      promesse, starà a noi gente libera apprezzare
      questo gesto scegliendo i suoi prodotti e
      boicottando quelli dei concorrenti che fanno
      affari d'oro in Cina.dimentichi che Google non vende nulla di fisico, quindi i suoi interessi in Cina sono relativi, tantopiù se rischia in continuazione di essere cracckato. Ben diversa la situazione di tutte le altre aziende che "sfruttano" la Cina, e ricorda che stai scrivendo da un computer che in buona parte ha componentistica prodotta (o assemblata) laggiù...
      • pabloski scrive:
        Re: Don't be evil e così fu.
        - Scritto da: sadness with you
        dimentichi che Google non vende nulla di fisico,
        quindi i suoi interessi in Cina sono relativi,tutto vero, ma google potrebbe appaltare in Cina il proprio software, invece preferisce svilupparlo a Mountain View ed è vero che usa pure lui scienziati cinesi e indiani, ma pagati come quelli occidentali
        tantopiù se rischia in continuazione di essere
        cracckato. Ben diversa la situazione di tutte lecraccato, boicottato a favore di baidu e costretto ad implementare filtri assurdi e fare spiate in continuazione
        altre aziende che "sfruttano" la Cina, e ricorda
        che stai scrivendo da un computer che in buona
        parte ha componentistica prodotta (o assemblata)
        laggiù...buona parte? puoi benissimo dire tutto...se pensi che l'80% dei notebook è prodotto da Quanta, si capisce che viene tutto da lì e che ormai la differenza qualitativa tra i vari produttori non esiste più, visto che un macbook pro è prodotto a 3 metri da un acer aspire
        • sadness with you scrive:
          Re: Don't be evil e così fu.
          - Scritto da: pabloski
          - Scritto da: sadness with you


          dimentichi che Google non vende nulla di fisico,

          quindi i suoi interessi in Cina sono relativi,

          tutto vero, ma google potrebbe appaltare in Cina
          il proprio software,'nsomma... potrei capire in India, ma la Cina è famosa per il manifatturiero a basso costo, e non tanto per la programmazione di software
          • pabloski scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.
            non saprei, la Cina ha prodotto i Godson, quindi tanto indietro sul fronte "intellettuale" non sonola Cina ha inoltre molte più risorse dell'India da dedicare alla creazione di ingegneri e scienziati informatici
          • euthymos scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.
            - Scritto da: pabloski
            non saprei, la Cina ha prodotto i Godson, quindi
            tanto indietro sul fronte "intellettuale" non
            sono

            la Cina ha inoltre molte più risorse dell'India
            da dedicare alla creazione di ingegneri e
            scienziati
            informaticiE questa è la cosa che mi fa paura di più. Non perché non voglio il loro sviluppo "intellettuale", ma perché so bene che i loro ingegneri (bravissimi, per carità) accetteranno di guadagnare 4-5$ l'ora costringendo me a fare altrettanto.Pensa quando la produzione di software sarà esternalizzata in Cina. Programmeranno anche di notte, quei muli senza identità...
          • MeX scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.

            Programmeranno anche di
            notte, quei muli senza
            identità...e secondo te lo fanno per fare un dispetto a te o perché sono disperati?
          • euthymos scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.
            - Scritto da: MeX
            e secondo te lo fanno per fare un dispetto a te o
            perché sono
            disperati?Perché sono disperati. So bene che anche loro hanno diritto a costruire il proprio benessere. Ma se vogliamo un mercato globale, servono regole globali che siano uguali per tutti. Mi sta bene che l'ingegnere cinese, se è preparato, possa competere con me. Non escludo che sia anche più preparato di me, allora ben venga. Ma non voglio che mi scavalchi solo perché è più disposto di me a farselo mettere nel XXXX.Un'asta al ribasso sul costo del lavoro può trasformare le nostre vite (e quelle dei cinesi) in un inferno. È questo che vogliamo? No, allora o in Cina arrivano sindacati e orari di lavoro normali, oppure non dobbiamo avere nulla che fare con loro. Per proteggere il nostro mercato interno. Che futuro vuoi per i tuoi figli? Qui per l'avidità di qualche imprenditore occidentale e di qualche imprenditore cinese ci stiamo rimettendo tutti. Svegliamoci!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 11.10-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.

            Perché sono disperati. So bene che anche loro
            hanno diritto a costruire il proprio benessere.
            Ma se vogliamo un mercato globale, servono regole
            globali che siano uguali per tutti. non necessariamente, mercato globale non esiste mica per farci lavorare tutti "bene" serve solo a massimizzare i profitti (non che ne sia felice eh!)
            Mi sta bene
            che l'ingegnere cinese, se è preparato, possa
            competere con me. Non escludo che sia anche più
            preparato di me, allora ben venga. Ma non voglio
            che mi scavalchi solo perché è più disposto di me
            a farselo mettere nel
            XXXX.non é che é disposto, é che nel suo paese é cosí.E guarda che non é che sia una cosa nuova... anche adesso in Irlanda prendo il 50% di soldi in piú che in Italia per un lavoro meno qualificato.
            Un'asta al ribasso sul costo del lavoro può
            trasformare le nostre vite (e quelle dei cinesi)
            in un inferno. basta spostarsi dove pagano meglio e fanno lavori diversi
            È questo che vogliamo? No, allora
            o in Cina arrivano sindacati e orari di lavoro
            normali, oppure non dobbiamo avere nulla che fare
            con loro. guarda che i "sindacati" all'Italiana ci sono solo in Italia, e credimi che fanno piú danni che altro...
            Per proteggere il nostro mercato
            interno. Che futuro vuoi per i tuoi
            figli?voglio un futuro con sempre meno confini e piú libertá di movimento e possibilitá di lavorare e vivere senza barriere sociali/culturali nella maggior parte dei posti del mondo
          • euthymos scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.
            - Scritto da: MeX
            non necessariamente, mercato globale non esiste
            mica per farci lavorare tutti "bene" serve solo a
            massimizzare i profitti (non che ne sia felice
            eh!) Appunto questo deve cambiare.
            non é che é disposto, é che nel suo paese é cosí.È così perché non c'è libera circolazione delle idee (democrazia). Se ci fosse la democrazia i cinesi capirebbero che devono scendere in piazza e chiedere condizioni di vita migliori. Ma perché ci sia democrazia devono scendere in piazza. È questa l'empasse.
            E guarda che non é che sia una cosa nuova...
            anche adesso in Irlanda prendo il 50% di soldi in
            piú che in Italia per un lavoro meno
            qualificato.Beato te. I nostri operai della piccola industria stanno col XXXX per terra. E presto anche gli ingegneri del settore IT. Io posso venire anche in Irlanda da te, ma tanti altri? Non c'è via di uscita se i cinesi continuano a lavorare a quei salari.
            basta spostarsi dove pagano meglio e fanno lavori
            diversiAvoglia a spostarti, arriveranno ovunque.
            guarda che i "sindacati" all'Italiana ci sono
            solo in Italia, e credimi che fanno piú danni che
            altro...Davvero? Ci hanno fatto vivere bene per trent'anni prima che arrivasse il mercato globale, la mobilità, la precarietà, tutte XXXXXXXte. Bisogna proteggere il nostro stile di vita e il nostro mercato interno: gli altri facessero quello che vogliono.E poi esistono le vie di mezzo. Chi ha detto "sindacati all'italiana"?
            voglio un futuro con sempre meno confini e piú
            libertá di movimento e possibilitá di lavorare e
            vivere senza barriere sociali/culturali nella
            maggior parte dei posti del
            mondoIn un mondo dove c'è gente che fa abortire donne incinte perché condannate a morte (tra parentesi: per il reato di furto) sei sicuro di non volere barriere culturali? Aspetta di avere un figlio: per lui vorrai un lavoro sicuro e un mondo più giusto. Dove lui non è costretto a dare il XXXX per due euro di paga .-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 11.25-----------------------------------------------------------
          • kilex scrive:
            Re: Don't be evil e così fu.
            - Scritto da: pabloski
            non saprei, la Cina ha prodotto i Godson, quindi
            tanto indietro sul fronte "intellettuale" non
            sono

            la Cina ha inoltre molte più risorse dell'India
            da dedicare alla creazione di ingegneri e
            scienziati
            informaticiNon prorio.L'india è comunque una democrazia.IMperfetta finchè si vuoel e si può permettere di far studiare i suoi figli migliori in Usa in inglese perchè questi già lo parlano a casa.Un vantaggio non da poco verso la cina.Non a caso le ostilità maggiori tra la CINDIA e l'occidente vengono quasi sempre imputate dagli occidentali alla componente cina della cindia. I migliori filgi dell'india la pensano e vivono molto più all'occidentale di quanto non facciano (anche perchè causa censure varie non potrebbero permetterselo politicamente, non tanto per ragionio economiche)i migliori figli cinesi.Il tallone d'achille della cina è prorio la mancanza di democrazia che prima o poi, specie col crescere della consapevolezza della classe medio alte più scolarizzata, anche per i sempre più frequenti viaggie rapporti ( e quindi paragoni nello stile e libertà di vitA)si farà sentire.Se ci dovesse essere una nuova Tienamen, magari in parralleo con un aggraVARSI DELLA CRISI ECONOMICA MONDIALE (che comunque vorrebbe dire meno export per i cinesi), non so se finirebbe allo stesso modo della prima.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Don't be evil e così fu.
        - Scritto da: sadness with you
        dimentichi che Google non vende nulla di fisico,
        quindi i suoi interessi in Cina sono relativi,
        tantopiù se rischia in continuazione di essere
        cracckato.Il punto è fare quello che è più giusto possibile e premiare i coraggiosi come Google che perdono soldi pur di mantenere un po' di dignità.Dall'altra parte ci sono i businessman as usual che vogliono fare affari d'oro con la Cina e anche con le persone come me. Se si tratta di fare affari puliti con la Cina si può tollerare ma se si tratta di perseguire i dissidenti e di filtrare Internet a me sembra intollerabile.Le altre aziende che operano in Cina non possono perseguire i dissidenti fornendo i dati alle autorità e poi venire qui in occidente a fare affari con me, non possono filtrare la Rete cinese e poi vendermi il loro motore di ricerca in Italia, il piede in due staffe non va più bene da quando google ha detto Stop (starò a vedere il dipanarsi della faccenda).Anche gli altri sono chiamati a dire basta.
        Ben diversa la situazione di tutte le
        altre aziende che "sfruttano" la Cina, e ricorda
        che stai scrivendo da un computer che in buona
        parte ha componentistica prodotta (o assemblata)
        laggiù...Hp o Acer o Apple non censurano Internet ne danno i dati dei dissidenti alle autorità cinesi.
        • sadness with you scrive:
          Re: Don't be evil e così fu.
          - Scritto da: Sandro kensan

          dimentichi che Google non vende nulla di fisico,

          quindi i suoi interessi in Cina sono relativi,

          tantopiù se rischia in continuazione di essere

          cracckato.

          Il punto è fare quello che è più giusto possibile
          e premiare i coraggiosi come Google che perdono
          soldi pur di mantenere un po' di dignità.Il punto è che Google, di soldi non ne perderebbe molti... se ci aggiungi che è continuamente sotto attacco, forse più che perderci ci guadagna ad andarsene...Per chi invece "produce" qualcosa in Cina, andarsene vuol dire aumentare i costi di produzione... e non di poco se oltre alla Cina evitiamo tutti i paesi dello stesso "livello".

          Ben diversa la situazione di tutte le

          altre aziende che "sfruttano" la Cina, e ricorda

          che stai scrivendo da un computer che in buona

          parte ha componentistica prodotta (o assemblata)

          laggiù...

          Hp o Acer o Apple non censurano Internet ne danno
          i dati dei dissidenti alle autorità cinesi.Checc'entra? Si sta parlando di andare o non andare in Cina...
    • fr33 scrive:
      Re: Don't be evil e così fu.
      - Scritto da: Sandro kensan
      Google sta ancora una volta mantenendo le sue
      promesse, starà a noi gente libera apprezzare
      questo gesto scegliendo i suoi prodotti e
      boicottando quelli dei concorrenti che fanno
      affari d'oro in
      Cina.ottimo come trollaggio!sinceri complimenti
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Don't be evil e così fu.
        - Scritto da: fr33
        ottimo come trollaggio!
        sinceri complimentiMancano di spessore i post anonimi che lanciano accuse di trollaggio a chi ha il proprio nome sparso per i quattro angoli della Rete e che quindi si espone almeno un po'.
        • fr33 scrive:
          Re: Don't be evil e così fu.
          - Scritto da: Sandro kensan
          - Scritto da: fr33


          ottimo come trollaggio!

          sinceri complimenti

          Mancano di spessore i post anonimi che lanciano
          accuse di trollaggio a chi ha il proprio nome
          sparso per i quattro angoli della Rete lo spessore di una argomentazione lo fa esclusivamente il suo contenuto...o vuoi dire che conta chi dice le cose e non cosa dice?se è così ti rimando ai seguitissimi discorsi di personaggi non certo anonimi, quali hit l3r o st41n (scegliti pure quello che preferisci)...
          e che
          quindi si espone almeno un
          po'.e peggio per te... visto che ci sei iscriviti pure su fb e tw e magari mettici anche un bel curriculum vitae dettagliatissimo foto incluse...forse così le tue trollate acquisteranno più credito e spessore...
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Don't be evil e così fu.
      - Scritto da: Sandro kensan
      Google sta ancora una volta mantenendo le sue
      promesse, starà a noi gente libera apprezzare
      questo gesto scegliendo i suoi prodotti e
      boicottando quelli dei concorrenti che fanno
      affari d'oro in
      Cina.mi trovo invece d'accordo con i dubbi espressi in fondo all'articolo.non sarà un bluff?sicuramente hanno fatto due conti e si sono accorti che baidu li batte in Cina e Y_qualcosa li batte in russia.Fuori dai paesi occidentali Google non è molto.internet è zeppa di informazione e i Cinesi la stanno usando.Se per decenni hanno avuto bisogno loro di imparare la nostra lingua, tra poco dovremmo imparare noi la loro.Google si sarà accorta che non facevano affari ed erano in perdita... e così hanno ammantato un calcolo con della morale.Se invece fosse una buona scelta, onesta, sarebbe interessante capire dove si andrà DOPO. Fermarsi a questo non conta molto.Se sparisce Microsoft, alla cina non frega. Se sparisce IBM nemmeno. Se sparisce google, nemmeno.sono miliardi di persone, non hanno bisogno di noi e lo hanno dimostrato vendendoci il servizio dei loro schiavi, rendendo inutile la nostra popolazione a noi stessi.Se fossimo un organismo ridurremmo il numero delle nostre cellule o evolveremmo.noi invece decidiamo di far stare sempre peggio le nostre e dare il nostro sangue ad altri organismi.
    • esrvt scrive:
      Re: Don't be evil e così fu.
      - Scritto da: Sandro kensan
      Google sta ancora una volta mantenendo le sue
      promesse, starà a noi gente libera apprezzare
      questo gesto scegliendo i suoi prodotti e
      boicottando quelli dei concorrenti che fanno
      affari d'oro in
      Cina.è una mossa strategica e psicologica quella di googleintanto google continua ad essere considerato il grande fratello della rete, assieme al cuGGGino feisbucDon't be evil... (rotfl)
  • Moralizzato re scrive:
    Quando fa comodo...
    Il 99% delle cose tangibili (e non ci vorrà molto anche per le cose intangibili) è made in china.E' l'occidente aver scelto la Cina (e l'India) come manovalanza del pianeta, e questo perché non hanno diritti e lavorano per 2$ 24/7, permettendo al resto del globo di marginarci sopra.Siamo disposti ad essere più poveri, a guadagnare meno, a comprare meno per dare loro più diritti?Molto rumore... per nulla.
    • Pippo Lacoca scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      Esatto. Inoltre: vogliamo che tutti al mondo abbiano il benessere, ma ci rendiamo conto che se questo dovesse realizzarsi ognuno di noi dovra' ridirre di molto quello che intende per "benessere"? perche' semplicemente, per esempio, due auto per famiglia a tutte le famiglie del mondo non sono sostenibili dal pianeta e dall'economia.A me va benissimo (gia' ora per esempio sono senza auto per scelta, e mi arrabatto coi mezzi), ma a molti sicuramente no
      • kilex scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        - Scritto da: Pippo Lacoca
        Esatto. Inoltre: vogliamo che tutti al mondo
        abbiano il benessere, ma ci rendiamo conto che se
        questo dovesse realizzarsi ognuno di noi dovra'
        ridirre di molto quello che intende per
        "benessere"? perche' semplicemente, per esempio,
        due auto per famiglia a tutte le famiglie del
        mondo non sono sostenibili dal pianeta e
        dall'economia.
        A me va benissimo (gia' ora per esempio sono
        senza auto per scelta, e mi arrabatto coi mezzi),
        ma a molti sicuramente
        noChi ti dice che in futuro con auto assolutamnete non inquinanti oquasi (ad idrogeno, per es.) non ci si possa permettere tranquillamente tutti 2 auto per famiglia?
        • krane scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: kilex
          - Scritto da: Pippo Lacoca

          Esatto. Inoltre: vogliamo che tutti al mondo

          abbiano il benessere, ma ci rendiamo conto che

          se questo dovesse realizzarsi ognuno di noi dovra'

          ridirre di molto quello che intende per

          "benessere"? perche' semplicemente, per esempio,

          due auto per famiglia a tutte le famiglie del

          mondo non sono sostenibili dal pianeta e

          dall'economia.

          A me va benissimo (gia' ora per esempio sono

          senza auto per scelta, e mi arrabatto coi
          mezzi),

          ma a molti sicuramente

          no
          Chi ti dice che in futuro con auto assolutamnete
          non inquinanti
          o
          quasi (ad idrogeno, per es.) non ci si possa
          permettere tranquillamente tutti 2 auto per
          famiglia?La quantita' di risorse per costuirle e lo spazio fisico stradale per farle andare in giro.
          • kilex scrive:
            Re: Quando fa comodo...
            - Scritto da: krane

            quasi (ad idrogeno, per es.) non ci si possa

            permettere tranquillamente tutti 2 auto per

            famiglia?

            La quantita' di risorse per costuirle e lo spazio
            fisico stradale per farle andare in
            giro.Hai dimenticato lo spazio fisico per parcheggiarle allora, presumendo che comunque le auto stiano più ferme che in movimento!Ma tu così poni limiti alla fantasia e allo sviluppo tecnologico. Cosa impedirebbe di avere auto monoposto (metà della larghezza e della lunghezza della Smart, per es. col vano motore sul tetto, per es. e senza vano bagagliaiaio)? Sarebbe comunque un'auto, o no?E le strade su più livelli, sfruttando l'altezza (magari condividendo le gallerie, per evitare i costi di gallerie troppo alte), così come i parcheggi sotterranei e multilivello anche fuori terra, che già esistono.Solo un modo per ricordare che appunto alla fantasia e allo sviluppo tecnologico non c'è mai limite (hai visto le foto del più alto gratteacielo al mondo costruito a Dubai, lascaindo perdere se è stata una buona iniziativa economicamente parlano o meno?).
    • harvey scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      - Scritto da: Moralizzato re
      E' l'occidente aver scelto la Cina (e l'India)
      come manovalanza del pianeta, e questo perché non
      hanno diritti e lavorano per 2$ 24/7, permettendo
      al resto del globo di marginarci
      sopra.Non e' proprio cosi', non e' l'occidente, sono i ricchi occidentali che hanno scelto.Perche' grazie a questa scelta si stà impoverendo il ceto medio e arricchendo il ceto alto. Le fabbriche stanno chiudendo, hai voglia a pagare di meno l'IPOD, se non hai un lavoro!
    • ruppolo scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      - Scritto da: Moralizzato re
      E' l'occidente aver scelto la Cina (e l'India)
      come manovalanza del pianeta, e questo perché non
      hanno diritti e lavorano per 2$ 24/7, permettendo
      al resto del globo di marginarci
      sopra.Guadagnano molto di più, non temere.
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        Quoto.Prima gli imprenditori occidentali hanno spostato tutta la produzione di beni in Cina e simili, chiudendo le fabbriche in Italia e Europa "perchè si risparmia sui costi".I risultati si sono fatti vedere sul lungo termine, ovvio.Dopo che la disoccupazione e il precariato sono aumentati, la popolazione semplicemente non aveva più i soldi per comprarli quei beni. E sorpresa sorpresa è arrivata la "crisi"...La Cina non ha fatto nulla da sola.
        • MeX scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          QUOTO!- Scritto da: Joliet Jake
          Quoto.
          Prima gli imprenditori occidentali hanno spostato
          tutta la produzione di beni in Cina e simili,
          chiudendo le fabbriche in Italia e Europa "perchè
          si risparmia sui
          costi".
          I risultati si sono fatti vedere sul lungo
          termine,
          ovvio.
          Dopo che la disoccupazione e il precariato sono
          aumentati, la popolazione semplicemente non aveva
          più i soldi per comprarli quei beni. E sorpresa
          sorpresa è arrivata la
          "crisi"...
          La Cina non ha fatto nulla da sola.
        • Bardblind scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          Anche perchè si è ritrovata 20 milioni di disoccupati e il primo trimestre praticamente senza crescita da oltre un decennio, altro che.
          • kilex scrive:
            Re: Quando fa comodo...
            - Scritto da: Bardblind
            Anche perchè si è ritrovata 20 milioni di
            disoccupati e il primo trimestre praticamente
            senza crescita da oltre un decennio, altro
            che.E lì i disoccupati sono disoccupati davvero, nel senso che rischiano di morir di fame se non tornano al loro villaggetto di campagna dove almeno qualcosa da mangiare lo rimediano, non come qui con le casse integrazioni ecc.
    • HAL scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      Noi siamo gia' piu' poveri, molto piu' di quel che sembra. Quasi tutta la produzione e' stata spostata in Cina, ed con quella che si crea ricchezza intesa come miglioramento della condizione economica generale della gente comune.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      - Scritto da: Moralizzato re
      Il 99% delle cose tangibili (e non ci vorrà molto
      anche per le cose intangibili) è made in
      china.

      E' l'occidente aver scelto la Cina (e l'India)
      come manovalanza del pianeta, e questo perché non
      hanno diritti e lavorano per 2$ 24/7, permettendo
      al resto del globo di marginarci
      sopra.

      Siamo disposti ad essere più poveri, a guadagnare
      meno, a comprare meno per dare loro più
      diritti?

      Molto rumore... per nulla.d'accordo con te al 99%ecco l'1%:quello che non siamo disposti a fare e combattere "per loro", ovvero fare in modo che anche da loro non sia più accettabile lavorare come schiavi.una volta alla pari, allora si si parlerebbe di concorrenza.io lavoro, ma il cinese anche.chi lo fa MEGLIO? chi offre qualcosa di migliore?
      • il signor rossi scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        - Scritto da: Lou Xi Hao Bu
        io lavoro, ma il cinese anche.

        chi lo fa MEGLIO? chi offre qualcosa di migliore?il cinese, stai tranquillo, che qui in italia ormai si lavora per modo di dire, tanto ci sono i sindacati.
        • euthymos scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: il signor rossi
          il cinese, stai tranquillo, che qui in italia
          ormai si lavora per modo di dire, tanto ci sono i
          sindacati.Non è più così, e lo sai.
          • Ru Feng Si Bi scrive:
            Re: Quando fa comodo...
            - Scritto da: euthymos
            - Scritto da: il signor rossi

            il cinese, stai tranquillo, che qui in italia

            ormai si lavora per modo di dire, tanto ci sono
            i

            sindacati.
            Non è più così, e lo sai.i sindacati non riescono ad ottenere un XXXXX, se lo standard in una fabbrica è che non è consentito XXXXXXre più di una volta ogni 2 ore.
        • Ru Feng Si Bi scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: il signor rossi
          - Scritto da: Lou Xi Hao Bu


          io lavoro, ma il cinese anche.



          chi lo fa MEGLIO? chi offre qualcosa di
          migliore?

          il cinese, stai tranquillo, che qui in italia
          ormai si lavora per modo di dire, tanto ci sono i
          sindacati.eccolo la :)perfetto.è la gente come te che ha spianato la strada alla Cina.sputare sui miglioramenti ti mette in competizione solo con gli SCHIAVI.
      • kilex scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        - Scritto da: Lou Xi Hao Bu
        - Scritto da: Moralizzato re

        Il 99% delle cose tangibili (e non ci vorrà
        molto

        anche per le cose intangibili) è made in

        china.



        E' l'occidente aver scelto la Cina (e l'India)

        come manovalanza del pianeta, e questo perché
        non

        hanno diritti e lavorano per 2$ 24/7,
        permettendo

        al resto del globo di marginarci

        sopra.



        Siamo disposti ad essere più poveri, a
        guadagnare

        meno, a comprare meno per dare loro più

        diritti?



        Molto rumore... per nulla.

        d'accordo con te al 99%

        ecco l'1%:

        quello che non siamo disposti a fare e combattere
        "per loro", ovvero fare in modo che anche da loro
        non sia più accettabile lavorare come
        schiavi.

        una volta alla pari, allora si si parlerebbe di
        concorrenza.

        io lavoro, ma il cinese anche.

        chi lo fa MEGLIO? chi offre qualcosa di migliore?Appunto, questo lo si potrebbe fare solo con la democrazia in cina.Come ho detto sopra: i gapponesi dopo la seconda guerra mondiale: hanno rivoluzionato il mercato dell'auto, per es. Concorrevano ad armi pari col resto del mondo, anche perchè democratici. Avevano un bel dire gli USA o l'europa che facevano concorrenza sleale (anche se forse in minima parte era vero, ma roba minima). Loro erano in democrazia e producevano secondo le regole capitalistiche.Erano semplicemente più bravi!!!
        • Ru Feng Si Bi scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: kilex[...]
          Appunto, questo lo si potrebbe fare solo con la
          democrazia in
          cina.infatti.
          Come ho detto sopra: i gapponesi dopo la seconda
          guerra mondiale: hanno rivoluzionato il mercato
          dell'auto, per es. Concorrevano ad armi pari col
          resto del mondo, anche perchè democratici.io credo che siano stati i primi a delocalizzare, usando gli schiavi cinesi.
          Avevano un bel dire gli USA o l'europa che
          facevano
          concorrenza sleale (anche se forse in
          minima parte era vero, ma roba minima). Loro
          erano in democrazia e producevano secondo le
          regole
          capitalistiche.
          Erano semplicemente più bravi!!!non so bene: per quale motivo venivano accusati di concorrenza sleale?
    • Cavallo Pazzo scrive:
      Re: Quando fa comodo...
      Infatti, se oggi possiamo ancora mettere sotto l'albero di natale dei giocattoli per i nostri bimbi, è perchè questi giocattoli ce li producono i cinesi... altrimenti, con i costi di produzione che abbiamo qua da noi, al massimo si potrebbero divertire con un bastone e una ruota...
      • Sgabbio scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        Parlano tanto di costo della mano d'opera elevate, ma poi non capisco perchè gli operai ricevono uno stipendo da fare se rapportato al costo della vita, nel nostro paese...
        • euthymos scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: Sgabbio
          Parlano tanto di costo della mano d'opera
          elevate, ma poi non capisco perchè gli operai
          ricevono uno stipendo da fare se rapportato al
          costo della vita, nel nostro
          paese...Bravo, ottima osservazione.
        • harvey scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          - Scritto da: Sgabbio
          Parlano tanto di costo della mano d'opera
          elevate, ma poi non capisco perchè gli operai
          ricevono uno stipendo da fare se rapportato al
          costo della vita, nel nostro
          paese...Perche' per un operaio che produce c'e' un dirigente che guadagna 10 volte tanto, un sindacalista che non fa nulla, le tasse sulle spese, i costi della sicurezza (inutile), e altri 200 spese inutili.Praticamente per la produzione di un operaio che prende 1000 euro un imprenditore ci deve guadagnare 10.000 per essere in pariI costi per la manodopera sono in piccola parte derivati da quanto entra in tasca all'operaio
      • euthymos scrive:
        Re: Quando fa comodo...
        - Scritto da: Cavallo Pazzo
        Infatti, se oggi possiamo ancora mettere sotto
        l'albero di natale dei giocattoli per i nostri
        bimbi, è perchè questi giocattoli ce li producono
        i cinesi... altrimenti, con i costi di produzione
        che abbiamo qua da noi, al massimo si potrebbero
        divertire con un bastone e una
        ruota...Sbagli. Ti spiego perché. Produzione interna significa più occupazione , perciò come diretta conseguenza meno disoccupazione e meno precarietà. Meno disoccupazione e meno precarietà significa più consumi e più mercato interno . Questo significa più entrate fiscali, il che vuol dire:1) avanzo primario2) stipendi più alti (perché meno tassati)3) "pensioni più dignitose" (cit. :D )4) sgravi fiscali per famiglie in difficoltà5) sgravi fiscali per le impreseA quel punto, che ti importa se si alzano i prezzi? Stiamo tutti meglio.E comunque, se invece di comprare due giocattoli fatti in Cina, ne dovessi comprare uno fatto in Italia, non vedo che c'è di male. I tuoi figli avrebbero un giocattolo di qualità, senza che dietro ci siano ingiustizie sociali, e imparerebbero il valore delle cose (un solo giocattolo invece di due = devo averne più cura).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 20.08-----------------------------------------------------------
        • harvey scrive:
          Re: Quando fa comodo...
          Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 20.08
          --------------------------------------------------
  • MeX scrive:
    breaking news
    Ballmer ha appena comunicato che le statistiche di utilizzo di Bing in Cina sono alle stelle!La ricerca piú popolare é: "why google is down?"
    • euthymos scrive:
      Re: breaking news
      - Scritto da: MeX
      Ballmer ha appena comunicato che le statistiche
      di utilizzo di Bing in Cina sono alle
      stelle!

      La ricerca piú popolare é: "why google is down?"Carinissima la battuta, se ti va mandala alla "Palestra" di Daniele Luttazzi (www.danieleluttazzi.it), te la pubblica di sicuro.
      • MeX scrive:
        Re: breaking news
        non penso che luttazzi sia cosí geek... anche se é da un po' che non lo seguo in effetti...
        • euthymos scrive:
          Re: breaking news
          - Scritto da: MeX
          non penso che luttazzi sia cosí geek... anche se
          é da un po' che non lo seguo in
          effetti...La battuta è comprensibile a tutti, Google e Microsoft la gente le conosce. Puoi sostituire Bing con "il motore di ricerca Microsoft".Sempre se vuoi, è solo un'idea. Te l'ho detto perché la battuta è riuscita molto bene.
          • MeX scrive:
            Re: breaking news
            visto che conosci tu il sito pubblicala pure con la tua modifica... sperando che il forum di PI abbia valenza legale nel caso diventi la battuta dell'anno, fammi sapere se la pubblicano!
          • euthymos scrive:
            Re: breaking news
            No, non posso, la battuta è tua. Se vuoi fallo tu! :)
          • Picasso scrive:
            Re: breaking news
            L'aveva già fatta questa battuta... :P
    • pabloski scrive:
      Re: breaking news
      magari, nemmeno così ci riuscirebbe, visto che i china reindirizzano le ricerche verso google e soci a baiduè vergognoso che il mondo così detto "civile" non dica una sola parola sulle schifezze che combinano i cinesisenza contare che c'abbiamo pure il grande esempio dei cani scuoiati vivisiamo proprio alla frutta, se per fare affari i capitalisti si sono ridotti a fare un'alleanza con gente simileeh già, lorsignori già nell'800 guerreggiavano ferocamente tra di loro in Africa e Asia, quindi non è un problema oggi usare la Cina o tenere in piedi il fenomeno da baraccone che è la città di Port Moresby dove si fronteggiano tutte le mafia internazionali per il controllo dei traffici illeciti dall'Asia verso l'occidente ( ovviamente il tutto sponsorizzato dai rispettivi governi e centri di potere più o meno legali o definibili tali )
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: breaking news
      POWAAAAAAAAA!!!!HAHAHAHAHAHAAHA!!!
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: breaking news
      - Scritto da: MeX
      Ballmer ha appena comunicato che le statistiche
      di utilizzo di Bing in Cina sono alle
      stelle!

      La ricerca piú popolare é: "why google is down?"LOL :)ma tornando seri: la risposta è "per scelta loro"ovvero la risposta "ok visto censura"
  • notiziona scrive:
    scusate ma...
    in Italia vogliono mettere a tacere Internet ( caso berlusconi del mese scorso) e l'ADUC (notizia di questa settimana) ... Google dovrebbe ritirarsi anche dal Belpaese.Cose simili accadono in Russia, Google dovrebbe mollare pure li'...Insomma non e' che la censura, un po' qui e un po' di piu' li', sia oramai uno strumento diffuso della politica internazionale ?
    • euthymos scrive:
      Re: scusate ma...
      Ti renderai conto anche tu che stai mischiando la XXXXX con la cioccolata .E' vero che gli attacchi alla libertà e la tendenza alla censura c'è ovunque, ma è tutto un discorso di quanto e di come .Berlusconi e i suoi vorranno pure tappare la bocca ad Internet, ma in Italia non si usa individuare i blogger "scomodi" per poi trascinarli in prigione e torturarli.Ci sono i casi di violenza da parte della polizia e delle guardie carcerarie, ma i bersagli non vengono scelti appositamente, è una forma di abuso comunque aberrante, ma senza un indirizzo preciso.In Italia, i blogger non corrono sistematicamente il rischio di essere torturati dalla polizia.Se parli di Russia va bene, ma c'è comunque una differenza con la Cina: per gli utenti russi Google non ha filtri. Il governo russo non ne ha chiesti, perlomeno non ancora.Mi sembrava opportuno rettificare l'assurda generalizzazione che hai fatto.
      • Giuseppe scrive:
        Re: scusate ma...
        immagino tu viva in italia eh ?
        • euthymos scrive:
          Re: scusate ma...
          - Scritto da: Giuseppe
          immagino tu viva in italia eh ?Sì, e con questo? So bene che la nostra democrazia è in crisi, ma paragoni con la Cina mi sembrano impropri.
        • aaaaaaaa scrive:
          Re: scusate ma...
          - Scritto da: Giuseppe
          immagino tu viva in italia eh ?con questo commento immagino tu parli senza sapere eh?
      • fr33 scrive:
        Re: scusate ma...
        - Scritto da: euthymos
        E' vero che gli attacchi alla libertà e la
        tendenza alla censura c'è ovunque, ma è tutto un
        discorso di quanto e di
        come .mah... insomma...il tuo ragionamento è sarebbe come dire che se censurano "solo" l'1% allora va bene (siamo nei "liberi" paesi "democratici" occidentali, se censurano tra l'1% e il 10% allora così così (siamo in russia), se censurano più del 10% allora noooooooo (e siamo in cina)...insomma: fai un ragionamento che non ha senso
        Berlusconi e i suoi vorranno pure tappare la
        bocca ad Internet, ma in Italia non si usa
        individuare i blogger "scomodi" per poi
        trascinarli in prigione e
        torturarli.forse (forse) torturarli (ancora) no... ma in prigione sì eccome!!!informati meglio
        Ci sono i casi di violenza da parte della polizia
        e delle guardie carcerarie, ma i bersagli non
        vengono scelti appositamente, ah no? strano... mi pare proprio che invece accade anche questo...
        è una forma
        di abuso comunque aberrante, ma senza un
        indirizzo preciso.ah.. un po' come a genova... però siccome bastoniamo un po' tutti (no-global, giornalisti, donne, vecchi e passanti) allora va bene... eh perbacco! mica come in cina!...hai un modo leggermente "strano" di ragionare...
        In Italia, i blogger non corrono
        sistematicamente il rischio di essere
        torturati dalla
        polizia.

        Se parli di Russia va bene, ma c'è comunque una
        differenza con la Cina: per gli utenti russi
        Google non ha filtri. Il governo russo non ne ha
        chiesti, perlomeno non
        ancora.non servono... hanno direttamente l'acXXXXX a tutti i dati che vogliono...e visto che hai citato il sig. B. ... come la mettiamo con la grande amicizia con la moldavia comunista che in quanto a censura e tutto il resto batte la cina 10 a zero?
        Mi sembrava opportuno rettificare l'assurda
        generalizzazione che hai
        fatto.a me sembrava opportuno rettificare lo stravolgimento della realtà che hai fatto
        • euthymos scrive:
          Re: scusate ma...
          Guarda, se vogliamo fare un discorso di principio, in nessun paese del mondo c'è piena libertà: in Italia poi c'è Berlusconi & Co. con i continui bavagli alla stampa e a Internet. I manifestanti a Genova furono picchiati selvaggiamente, è vero.Però c'è una differenza con la Cina, e questo è evidente. La polizia non è ancora andata a pestare Piero Ricca, per esempio, e mi auguro che questo non accada mai! Un Piero Ricca in Cina era già morto. Ti dico morto.Capito perché una similitudine tra Italia e Cina è inopportuna? L'utente a cui rispondevo sosteneva che se Google si ritira dalla Cina deve ritirarsi anche dall'Italia perché la situazione cinese è assimilabile a quella italiana. Nossignore.
          • kilex scrive:
            Re: scusate ma...
            - Scritto da: euthymos
            Guarda, se vogliamo fare un discorso di
            principio, in nessun paese del mondo c'è piena
            libertà: in Italia poi c'è Berlusconi & Co. con i
            continui bavagli alla stampa e a Internet. I
            manifestanti a Genova furono picchiati
            selvaggiamente, è
            vero.

            Però c'è una differenza con la Cina, e questo è
            evidente. La polizia non è ancora andata a
            pestare Piero Ricca, per esempio, e mi auguro che
            questo non accada mai! Un Piero Ricca in Cina era
            già morto. Ti dico
            morto.Certo che non lo pestano ricca, lui segue le regole democratiche. I no global di genova avevano messo a ferro e fuoco la città, ti pare strano che poi, magari anche sbagliando, in quel clima un carabiniere abbia sparato e ci sia scappato il morto?Ma che paragani e ragionamenti fate?
          • euthymos scrive:
            Re: scusate ma...
            - Scritto da: kilex
            Certo che non lo pestano ricca, lui segue le
            regole democratiche. I no global di genova
            avevano messo a ferro e fuoco la città,

            ti pare strano che poi, magari anche sbagliando,
            in quel clima un carabiniere abbia sparato e
            ci sia scappato il morto?
            Ma che paragani e ragionamenti fate?
            No no aspetta. Non hai capito il mio intervento. :)Se vuoi, rileggi la discussione com'è nata dall'inizio.
          • fr33 scrive:
            Re: scusate ma...
            - Scritto da: euthymos
            Guarda, se vogliamo fare un discorso di
            principio, in nessun paese del mondo c'è piena
            libertà: in Italia poi c'è Berlusconi & Co. con i
            continui bavagli alla stampa e a Internet. I
            manifestanti a Genova furono picchiati
            selvaggiamente, è
            vero.

            Però c'è una differenza con la Cina, e questo è
            evidente. La polizia non è ancora andata a
            pestare Piero Ricca, per esempio, e mi auguro che
            questo non accada mai! Un Piero Ricca in Cina era
            già morto. Ti dico
            morto.

            Capito perché una similitudine tra Italia e Cina
            è inopportuna? L'utente a cui rispondevo
            sosteneva che se Google si ritira dalla Cina deve
            ritirarsi anche dall'Italia perché la situazione
            cinese è assimilabile a quella italiana.
            Nossignore.so bene che non è lo stesso... ma la tendenza nostrana, purtroppo, ci potrebbe portare (nel peggio) anche "oltre" la cina....questo perché in cina le cose sono conclamate ed abbastanza evidenti a tutti... qui da noi invece si sta cercando di fare anche di peggio solo che il tutto viene fatto passare "banalmente", senza nulla di eclatante (tranne pochi episodi) ed in modo sottilmente strisciante e, proprio per questo, pericolosissimo...ecco perché, anche se non siamo come la cina, va pure detto (a voce altissima) che sotto la crosta, democratica da noi e tirannica da loro, scorre di fatto lo stesso fiume (di me.da)...
          • euthymos scrive:
            Re: scusate ma...
            - Scritto da: fr33
            ecco perché, anche se non siamo come la cina, va
            pure detto (a voce altissima) che sotto la
            crosta, democratica da noi e tirannica da loro,
            scorre di fatto lo stesso fiume (di
            me.da)...Su questo sono d'accordo al 100%
      • Matx scrive:
        Re: scusate ma...
        Concordo, se in Italia cerchi Beppe Grillo su Google ti viene fuori il suo sito tra i risultati ed è anche pienamente accessibile...In Cina, almeno fino a qualche giorno fa, se cercavi Dalai Lama su google non trovavi nessuna pagina che contenga informazioni contrarie a quello che dice il regime, niente siti sul Tibet, niente articoli di wikipedia, niente di niente. Anche adesso se provi a cliccare fra i risultati non censurati mi sembra che non ti fanno accedere al sito.Penso che un equivalente di Di Pietro o di Grillo in cina, oltre a censurarlo l'avrebbero anche fatto fuori entro qualche giorno...Sono d'accordo con te che in Italia la democrazia e la libertà di stampa sono lontane dagli standard degli altri paesi occidentali, ma in Cina siamo proprio in un altro mondo, lì sono ai livelli del nostro fascismo.
  • pay the Bill scrive:
    Microsoft
    C'è chi, come Electronic Frontier Foundation, ha accolto con favore l'aut-aut di Google all'esecutivo cinese auspicando che altre aziende in futuro possano imitare BigG una volta fuori google, che farà M$?(newbie)
    • pabloski scrive:
      Re: Microsoft
      semplice, si calerà le braghe come ha sempre fatto in Cina come negli USA
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Microsoft
      - Scritto da: pay the Bill
      C'è chi, come Electronic Frontier Foundation,
      ha accolto con favore l'aut-aut di Google
      all'esecutivo cinese auspicando che altre aziende
      in futuro possano imitare
      BigG

      una volta fuori google, che farà M$?

      (newbie)una cosa divertente è : sappiamo che con il trusted computing, SE VOLESSERO, in M$ potrebbero rendere davvero non-piratabile il loro software.ebbene che succederebbe?opensorca per tutti: linux a palla e via.non c'è gran speranza eh...
      • Sgabbio scrive:
        Re: Microsoft
        La mia scheda madre nuova non ha il TPM :D
        • Ru Feng Si Bi scrive:
          Re: Microsoft
          - Scritto da: Sgabbio
          La mia scheda madre nuova non ha il TPM :Dse tu fossi un cinese, avresti XXXXXXX Microsoft.ma questo, in quest'ottica, è un bene?finché stiamo tutti da Dio, è bello opensorcare.ma quando non c'è troppa per nessuno, un piccolo vantaggio conta eccome.
  • euthymos scrive:
    Una soluzione c'è
    Perché aziende come Apple, Yahoo e Google dimostrino un minimo d'etica senza che nessuna si trovi in svantaggio rispetto alle altre una soluzione c'è: che insieme si siedano ad un tavolo e decidano di abbandonare la Cina al suo orrendo destino.Le perdite economiche saranno enormi, ma saranno le stesse per tutti. Basta con questo compromesso morale, questo calarsi le braghe di fronte a quegli affaristi che hanno imparato (da noi) solo il PEGGIO del "fare affari". Facciamogli capire che non abbiamo bisogno di loro. Fosse per me, chiuderei la saracinesca del tutto riportando l'industria manifatturiera nei paesi d'origine. Voglio che le mie scarpe siano fatte da operai pagati IL GIUSTO e che sono FIERI di fare il loro lavoro. Per questo sono pronto ad abbassare il mio tenore di vita, a vivere in una società dove c'è meno abbondanza. Ma QUESTA è l'economia REALE, non questa XXXXX di Cina.Lasciamoli per i cavoli loro: finché li sfruttiamo per il basso costo del lavoro, non abbiamo sufficiente prestigio morale per dir loro di NO.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 14.08-----------------------------------------------------------
    • MeX scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      io invece ammetto di essere troppo ignorante per caXXXXX, ma non per questo la sminuisco...
      • Pippo Lacoca scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        No guarda, ti assicuro che se la capissi meglio ti farebbe solo piu' vomitare.L'economia moderna e' un'aberrazione basata su soldi che si autoriproducono senza produrre beni reali se non il profitto stesso, fatta solo per concentrare tutto in mano a chi il denaro lo ha gia'.
        • MeX scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          ma non é un problema della scienza economica, é colpa di chi la applica.Con la fisica hanno fatto la bomba H
    • euthymos scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      Quello che volevo dire con l'espressione "denaro virtuale" è semplicemente che se l'Occidente si convince ad isolare la Cina, quest'ultima non può fare nulla se alla richiesta "pagami i titoli di stato" gli USA rispondono con una pernacchia. Esempio: tu mi devi dei soldi. Se mi metto d'accordo con gli altri, posso tranquillamente non ridarteli tanto se provi a chiederli indietro sentirai solo il silenzio .Il sistema del debito regge perché debitore e creditore lo accettano, se uno dei due nega l'esistenza del debito e l'Autorità è d'accordo con lui, il debito cade, o meglio non è mai esistito .
      • Polemik scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        Se tu non mi restituisci i soldi cosa fai se ti tiro un po' di bombe nucleari sulla testa? Sai, la Cina le ha.
        • Pippo Lacoca scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          Ma chi sarebbe cosi' idiota da tirare DAVVERO un ordigno nucleare? solo un suicida particolarmente megalomane.
          • Uno a Caso scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            io non sarei così sicuro sulla sanità mentale delle alte sfere cinesi.. in fondo un morto è una tragedia, i milione solo una statistisca..
        • euthymos scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          - Scritto da: Polemik
          Se tu non mi restituisci i soldi cosa fai se ti
          tiro un po' di bombe nucleari sulla testa? Sai,
          la Cina le
          ha.Ma non le userebbe, non vuole distruggere il mondo.Se tu ti rendi indipendente dalla Cina al livello di produzione (internalizzando nuovamente l'industria manifatturiera) guarda che smettono subito di far paura, perché gli si può dire di no.
      • Valeren scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        Forse non ti è chiaro.Tengono per i testicoli il mondo, sia per i prodotti materiali (i tuoi vestiti, il tuo PC, praticamente tutto ciò che è elettronica, parte di quello che mangi) che i prodotti intangibili (soldi).Hai voglia a dire "Prrrrr non vi do nulla", se ne sbattono perché bloccano l'export e lì cominci ad *implorare* che ti diano qualcosa!Inoltre la globalizzazione porta a schieramenti misti, quindi sino+altro come arabo+altro.Quindi non è mai Stato A vs Stato B in quanto gli intrallazzi sono talmente tanti che non ci si crede.
        • euthymos scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          - Scritto da: Valeren
          Forse non ti è chiaro.
          Tengono per i testicoli il mondo, sia per i
          prodotti materiali (i tuoi vestiti, il tuo PC,
          praticamente tutto ciò che è elettronica, parte
          di quello che mangi) che i prodotti intangibili
          (soldi).Intanto iniziamo dai prodotti materiali. Facciamo in modo di non aver più bisogno di loro da quel punto di vista.

          Hai voglia a dire "Prrrrr non vi do nulla", se ne
          sbattono perché bloccano l'export e lì cominci ad
          *implorare* che ti diano
          qualcosa!No no, dobbiamo avere già tutto per conto nostro. Facciamo rinascere la nostra industria manifatturiera, abbiamo uomini (uomini pensanti, non formiche) e mezzi. Uno dei nostri operai come formazione professionale vale 100 volte un cinese, e produce 100 volte di più (e meglio) di un cinese, ma solo se è pagato in modo dignitoso. Tu pensa che con tutto quello che è sucXXXXX, gli operai Fiat sono ancora fieri del lavoro che fanno, perché loro non avvitano bulloni, loro fanno l'Automobile Italiana. Parla con un operaio cinese, lui ti dirà che avvita solo bulloni.Fa la differenza. Ce la possiamo fare.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 20.15-----------------------------------------------------------
    • Enzo4510 scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      - Scritto da: euthymos
      Voglio che le mie scarpe siano fatte da operai
      pagati IL GIUSTO e che sono FIERI di fare il loro
      lavoro. Per questo sono pronto ad abbassare il
      mio tenore di vita, a vivere in una società dove
      c'è meno abbondanza. Ma QUESTA è l'economia
      REALE, non questa XXXXX di
      Cina.Tu sogni. Tu come tutti compri le scarpe nel negozio che fa il prezzo più basso ( e magari pensi che quello che fa il prezzo più alto ruba...).Questa è l' ECONOMIA REALE e non si può cambiare. Ed è per questo che abbiamo a che fare con questi XXXXX di cinesi.Puoi pure chiudere tutto, ma se ci sono un miliardo di cinesi che vendono le scarpe a metà prezzo, il modo di farle arrivare qui si trova sempre.
      • euthymos scrive:
        Re: Una soluzione c'è

        Tu sogni. Tu come tutti compri le scarpe nel
        negozio che fa il prezzo più basso ( e magari
        pensi che quello che fa il prezzo più alto
        ruba...).Certo, per questo bisogna tornare a un'economia più giusta dove le cose costano, per l'appunto, il giusto . Io vado da quello che fa il prezzo più basso perché lui ha l'opportunità di comprare robaccia dalla Cina, se quest'opportunità gli viene negata i prezzi andranno a livellarsi su quello che è il giusto valore di mercato in un settore dove gli operai vengono trattati come esseri umani. E io (consumatore) mi dovrò adattare.Le scarpe costano di più? Pazienza, ne comprerò di meno. Se sono fatte da operai italiani dureranno di più. Mai provato le Reebok in offerta a 45? Si rompono subito.
        Questa è l' ECONOMIA REALE e non si può cambiare.No, questa è l'economia dello sfruttamento che ci si ritorce contro, e si può cambiare.
        Puoi pure chiudere tutto, ma se ci sono un
        miliardo di cinesi che vendono le scarpe a metà
        prezzo, il modo di farle arrivare qui si trova
        sempre.Almeno, che sia illegale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 15.10-----------------------------------------------------------
        • Enzo4510 scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          - Scritto da: euthymos
          E io
          (consumatore) mi dovrò
          adattare.Ecco vedi, già hai cambiato visione. Da un mondo dove tu sei contento di pagare il giusto a uno dove ti devi "adattare". Chi compra vuole comprare al prezzo più basso, chi vende vuole vendere al prezzo più alto.Quando si vuole limitare questa legge fondamentale del mercato la strada è segnata.In fondo a questa strada c'è la fine della libertà.Ora dovresti riflettere su cosa significa prezzo giusto alla luce di questa legge, ma forse andiamo troppo offtopic.Buona giornata.
          • angros scrive:
            Re: Una soluzione c'è

            Ecco vedi, già hai cambiato visione. Da un mondo
            dove tu sei contento di pagare il giusto a uno
            dove ti devi "adattare".


            Chi compra vuole comprare al prezzo più basso,
            chi vende vuole vendere al prezzo più
            alto.
            Quando si vuole limitare questa legge
            fondamentale del mercato la strada è
            segnata.
            In fondo a questa strada c'è la fine della
            libertà.
            Ora dovresti riflettere su cosa significa prezzo
            giusto alla luce di questa legge, ma forse
            andiamo troppo
            offtopic.
            Buona giornata. Quotone
          • gerry scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: Damage92
            Meglio pagare di più un paio di scarpe ma avere
            un mondo più normale,
            no?Il problema nostro è che non siamo disposti ad abbassare il nostro tenore di vita.Perché non si tratta di rinunciare a un paio di scarpe, si tratta di ridurre di molto le nostre pretese.Quanto ci costerebbe in termini di tenore di vita pagare il giusto le cose che importiamo dall'estero? Parliamo anche delle materie prime che prendiamo il giro per il mondo.Se i paesi Arabi rinsavissero e decidessero di mandare tutti i bambini a scuola pagando con rincari al petrolio, a noi cosa costerebbe? Lo accerteremmo o no?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 16.39----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 16.39-----------------------------------------------------------
          • Damage92 scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            La tua sembra un'affermazione, e in effetti sarebbe fondata come tale, la condivido.Ma se volevi porre un dibattito posso risponderti.E' vero, inizialmente dovremmo abbassare il tenore di vita, ma (per seguire il tuo esempio) una volta che quei bambini saranno andati a scuola e saranno diventati medici, ingegneri, artisti, e altro, ci saranno meno ingiustizie e più idee. Penso che le idee siano una delle cose più importanti ultimamente. Quindi ci guadagneremmo tutti.Immaginiamo di osservare la situazione dall'esterno: siamo delle persone che hanno a disposizione alcune risorse. Possiamo ammazzarci a vicenda, e chi sopravvive si prende quello che rimane. Oppure sederci insieme e trovare un modo intelligente per dividere e sopratutto accrescere le risorse. Purtroppo ho così tanta fiducia nell'ingegno umano e nella scienza, che penso che la via migliore sia la seconda. Anche se la prima è quella più istintiva.Poi i problemi da risolvere per migliorarci sono anche altri, non solo la Cina con la sua politica. Per via dei soldi, ci sono persone che preferiscono arricchirsi ora, evitando possibili idee che li metterebbero in difficoltà, ma che se fossero coltivare renderebbero nel futuro.L'efficienza in generale può essere migliorata, specialmente se penso ad alcuni fatti che riguardano l'Italia (cibo in ecXXXXX che viene distrutto...).La decisione presa da Google fa sperare. Probabilmente la scelta di combattere per i diritti della Cina è dettata da motivazioni economiche. Ma forse dietro c'è anche un pò di umanità, dove io per umanità intendo: siamo sulla stessa barca, cerchiamo di non affondare insieme ;)
          • euthymos scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: gerry
            Il problema nostro è che non siamo disposti ad
            abbassare il nostro tenore di
            vita.Io sì, se grazie a questo possiamo smettere di calarci le braghe davanti ai cinesi.
          • euthymos scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: Damage92
            Meglio pagare di più un paio di scarpe ma avere
            un mondo più normale,
            no?Ecco, era solo questo quello che volevo dire. Non è nulla di così rivoluzionario, non capisco la replica di Renzo4510 cosa c'entri con quello che dico io.
    • fr33 scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      - Scritto da: euthymos
      Perché aziende come Apple, Yahoo e Google
      dimostrino un minimo d'etica senza che nessuna si
      trovi in svantaggio rispetto alle altre una
      soluzione c'è: che insieme si siedano ad un
      tavolo e decidano di abbandonare la Cina al suo
      orrendo destino.ma ingenuo, ci sei o ci fai?qualsiasi azienda capitalista (soprattutto le multinazionali, prima di tutte quelle con grandi capitali finanziari) ha l'UNICO scopo di MASSIMIZZARE I PROFITTI. punto e basta. tutto il resto (come l'"etica" è SOLO MARKETING AZIENDALE)
      Le perdite economiche saranno enormi, ma saranno
      le stesse per tutti. Basta con questo compromesso
      morale, questo calarsi le braghe di fronte a
      quegli affaristi che hanno imparato (da noi) solo
      il PEGGIO del "fare affari". Facciamogli capire
      che non abbiamo bisogno di loro. Fosse per me,
      chiuderei la saracinesca del tutto riportando
      l'industria manifatturiera nei paesi d'origine.attento... ti hanno già inserito nei database dei comunisti e no-global... e forse pure in quello degli anarkici...
      Voglio che le mie scarpe siano fatte da operai
      pagati IL GIUSTO e che sono FIERI di fare il loro
      lavoro. Per questo sono pronto ad abbassare il
      mio tenore di vita, a vivere in una società dove
      c'è meno abbondanza. Ma QUESTA è l'economia
      REALE, quello che auspichi NON ESISTE, in primis, da nessuna parte (italia compresa) nel "moderno" occidente "democratico" e neo-capitalista-liberistae se anche tu sei dispost a fare le cose che dici, non credo che gli azionisti delle varie multinazionali sarebbero d'accordo...
      non questa XXXXX di Cina.e neanche in cina
      Lasciamoli per i cavoli loro: finché li
      sfruttiamo per il basso costo del lavoro,
      non abbiamo sufficiente prestigio morale per dir loro
      di NO.se è per questo non abbiamo (coem "occidente") ALCUNA MORALE (salvo quella dei soldi)...
      • Damage92 scrive:
        Re: Una soluzione c'è

        qualsiasi azienda capitalista (soprattutto le
        multinazionali, prima di tutte quelle con grandi
        capitali finanziari) ha l'UNICO scopo di
        MASSIMIZZARE I PROFITTI. punto e basta. tutto il
        resto (come l'"etica" è SOLO MARKETING
        AZIENDALE)Per risponderti con lo stesso tono, è compito dello Stato provvedere ai bisogni (e i diritti) della società, limitando appunto la libertà delle aziende. Il tuo discorso è giusto, ma non funziona se ci togli i pezzi. Altrimenti ora saremmo già tutti belli che seppelliti, tra inquinamento, sfruttamento e ingiustizie (che sono la logica conclusione del comportamento tipico di un capitalista!).L'ultima volta che hanno provato a fare una cosa simile in Francia mi pare che il re è finito con la testa mozzata...
        • fr33 scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          - Scritto da: Damage92

          qualsiasi azienda capitalista (soprattutto le

          multinazionali, prima di tutte quelle con grandi

          capitali finanziari) ha l'UNICO scopo di

          MASSIMIZZARE I PROFITTI. punto e basta. tutto il

          resto (come l'"etica" è SOLO MARKETING

          AZIENDALE)

          Per risponderti con lo stesso tono, è compito
          dello Stato provvedere ai bisogni (e i diritti)
          della società, limitando appunto la libertà delle
          aziende. Il tuo discorso è giusto, ma non
          funziona se ci togli i pezzi.non ho tolto pezzi: gli stati e i governi non contano NULLA: sono solo agenzie locali di quella ventina di multinazionali che di fatto governano il mondo...le decisioni si prendono essenzialmente nelle varie commissioni *tecniche* di FMI, BM, WTO: vai a vedere chi è che c'è dentro... poi i vari organismi politici ai vari livelli ratificano
          Altrimenti ora saremmo già tutti belli che
          seppelliti, tra inquinamento, sfruttamento e
          ingiustizie (che sono la logica conclusione del
          comportamento tipico di un
          capitalista!).poco ci manca infatti
          L'ultima volta che hanno provato a fare una cosa
          simile in Francia mi pare che il re è finito con
          la testa mozzata...non basta dirsi "democratici" e "liberi" per esserlo
          • Damage92 scrive:
            Re: Una soluzione c'è

            non ho tolto pezzi: gli stati e i governi non
            contano NULLA: sono solo agenzie locali di quella
            ventina di multinazionali che di fatto governano
            il
            mondo...

            le decisioni si prendono essenzialmente nelle
            varie commissioni *tecniche* di FMI, BM, WTO: vai
            a vedere chi è che c'è dentro... poi i vari
            organismi politici ai vari livelli
            ratificanoLa tua idea è quindi che chi prende le decisioni non è in grado farlo nel rispetto dei diritti delle persone?Spero che le cose non stiano così. Ma pensandoci bene forse hai ragione: non si vedono spesso scelte come questa di Google. Significa che chi ha la possibilità materiale di cambiare le cose non lo fa.Se è così non ci rimane che sperare nel tempo. Molto però :( E magari intanto appoggiare quelli che cercano di migliorare la situazione!
      • lrttore dubbioso scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        Scusate ma qualcuno di voi ha vissuto o ha sentito racconti di come è avvenuto il miracolo economico italiano degli anni 60? Credete che tutte le tutele verso i lavoratori le ferie , le otto ore e via discorrendo fossero quelle di oggi? come avremmo fatto il miracolo e invaso il mondo senza prezzi competitivi e come pensate che li abbiamo ottenuti? chiedete ai vostri padri o ai vostri nonni. Quando si esce dalla miseria e ci si avvia verso il benessere la storia di tutti i paesi è uguale:il fatto è che noi occidentali l'abbiamo già superata ma pretendiamo che gli emergenti facciano il salto mortale dalla miseria alla società opulenta e tutelata senza riconoscere loro il tempo di farlo.Se non ve ne siete accorti il futuro appartiene a India e Cina e se volete qualche approfondimento vi consiglio un libro L'impero di Cindia di Federico Rampini, vi chiarirà molte idee
        • euthymos scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          Non vorrai paragonare l'Italia degli anni 60 (ideali, voglia di crescere, voglia di rialzare la testa dopo la figuraccia della guerra, desiderio di emanciparci dagli USA) con questa fogna di Cina (sfruttamento senza limiti, disastro ecologico, gente torturata nelle carceri, donne condannate a morte costrette ad abortire)?La cosa non si limita alle tutele dei lavoratori, è anche un discorso di livello di civilità del popolo. Vuoi paragonare l'Italia degli anni Sessanta con la Cina degli anni Duemila?
          • lettore dubbioso scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            Sto solo dicendo che lo sfruttamento dei lavoratori è esistito da noi allora come adesso da loro e l'unica cosa che volevano era uscire dalla miseria a qualunque costo altro che ideali, emancipazione dagli USA (?),rialzare la testa. Per quanto riguarda la politica è un altro discorso in cui non entro.P.S per il disastro ecologico nel nostro piccolo non siamo secondi a nessuno- Scritto da: euthymos
            Non vorrai paragonare l'Italia degli anni 60
            (ideali, voglia di crescere, voglia di rialzare
            la testa dopo la figuraccia della guerra,
            desiderio di emanciparci dagli USA) con questa
            fogna di Cina (sfruttamento senza limiti,
            disastro ecologico, gente torturata nelle
            carceri, donne condannate a morte costrette ad
            abortire)?
            La cosa non si limita alle tutele dei lavoratori,
            è anche un discorso di livello di civilità del
            popolo. Vuoi paragonare l'Italia degli anni
            Sessanta con la Cina degli anni
            Duemila?
          • euthymos scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: lettore dubbioso
            Sto solo dicendo che lo sfruttamento dei
            lavoratori è esistito da noi allora come adessoAlt, alt.1) C'è una differenza quantitativa: nessun italiano ha mai lavorato davvero quanto lavorano adesso i cinesi. Gli operai si spaccavano la schiena, ma avevano del tempo per sé e possedevano qualcosina di proprio. La domenica non si lavorava. Avevano un nome e un cognome, un orario di lavoro tutto sommato definito, la promessa di una vecchiaia serena (con la pensione).2) C'è una differenza qualitativa: nessun italiano ha mai raggiunto quel livello di abnegazione. Se le condizioni di lavoro erano insopportabili, la rabbia sfociava nella protesta. C'era il desiderio di ottenere qualcosa di meglio. Guarda i cinesi adesso: sotto una dittatura, tutti a prenderlo nel XXXX senza fiatare.Difficile continuare a dire "Italia anni Sessanta" = "Cina anni Duemila". Se vuoi puoi continuare in questa forzatura della realtà. :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 11.34-----------------------------------------------------------
          • kilex scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: euthymos
            Non vorrai paragonare l'Italia degli anni 60
            (ideali, voglia di crescere, voglia di rialzare
            la testa dopo la figuraccia della guerra,
            desiderio di emanciparci dagli USA) con questa
            fogna di Cina (sfruttamento senza limiti,
            disastro ecologico, gente torturata nelle
            carceri, donne condannate a morte costrette ad
            abortire)?
            La cosa non si limita alle tutele dei lavoratori,
            è anche un discorso di livello di civilità del
            popolo. Vuoi paragonare l'Italia degli anni
            Sessanta con la Cina degli anni
            Duemila?Il paragone italia anni 60 e cina odierna, fatto salvo il fATTO che le dimensioni son diverse, non regge secondo me anche perchè l'italia dopo la guerra si è data una struttura democratica mentre la cina no ha questa impostazione. Vero che molti, i "cinici" che sostengono-forse in parte è anche vero!- dell'importanza del WTO ecc., potrebbero dire che l'italia anni 60 non era una vera democrazia compiuta (ma molti lo dicono anche oggi!), però è certo che la differenza c'era e c'è tuttora.Lasciamo perdere poi Rampini, che nel suo ultimo libro sembra tornare a forme di economia di mera sussitenza (i ciclisti neworkesi che si trasformano in risciò men per guadagnare qualche soldo!!!).Un paragone semmai si potrebbe fare tra italia anni 60 e giappone, entrambi usciti con le ossa rotte dalla seconda guerra mondiale ma che poi son riusciti a riprendersi dandosi una struttura democratica (anche qui, con una certa incopitezza, soterrebbero i critici, causa l'ingombrante e invasiva presenza sul territorio delle forze militari USA).
      • LolliRock scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        - Scritto da: fr33
        ma ingenuo, ci sei o ci fai?

        qualsiasi azienda capitalista (soprattutto le
        multinazionali, prima di tutte quelle con grandi
        capitali finanziari) ha l'UNICO scopo di
        MASSIMIZZARE I PROFITTI. punto e basta. tutto il
        resto (come l'"etica" è SOLO MARKETING
        AZIENDALE)
        [...]

        quello che auspichi NON ESISTE, in primis, da
        nessuna parte (italia compresa) nel "moderno"
        occidente "democratico" e
        neo-capitalista-liberistaMa che finora sia stato sempre così non vuol dire che debba essere una REGOLA, una NORMA!! Attenzione!! Affermare ciò è molto grave!Le cose possono cambiare! I due grandi errori sono l'utopismo ed il cinismo/nichilismo!! Il primo porta alla violenza, il secondo ad una accettazione passiva, ad una (magari involontaria, ma tant'è) complicità (in questo caso) con il sistema economico attuale e sopracitato! Il cambiamento non solo è possibile, è necessario ed insito nell'uomo! Non serve a nulla dire "tanto non succederà mai che il capitalismo si piegherà blablabla", anzi, serve solo a promuovere lo status quo tanto amato da questi sfruttatori!
    • fr33 scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      - Scritto da: euthymos
      - Scritto da: Valeren[...]
      Dimentichi due cose:
      1) Se TUTTI (o gran parte di) coloro che vendono
      manufatti avessero intenzione di rinunciare alla
      Cina, potrebbero presto farne a meno grazie a un
      proXXXXX di riconversione all'indietro del mondo
      del lavoro in Europa e negli USA. impossibile: aumenterebbero i "costi" per la manodopera ed il capitalismo NON accetta di ridurre i profitti, cerca invece di massimizzarli...
      Meno terziario,
      più secondario. E' semplice. Mi chiedi se voglio
      andare a fare l'operaio? Ti rispondo di sì, ma
      devono pagarmi il giusto e farmi lavorare in
      condizione di sicurezza. Se così fosse,
      comincerei a cucire scarpe anche
      domani.eheheh... ti piacerebbe...e invece io sottoscritta Azienda Capitalistica mi vado a cercare gli africani che tratto da bestie e posso pagare poco e nulla e pure in nero..anzi no... adesso mi hanno rotto... pretendono troppo, qualcuno pure protesta... mi riconverto la manodopera con rumeni e moldavi...
      2) Il debito pubblico? Esiste una soluzione
      semplice anche il quel caso. Il potere della
      pernacchia. PRRRRRR. Tanto sono soldi virtuali:
      se cambia radicalmente il sistema finanziario, e
      si elimina il sistema del debito, la Cina si
      trova in mano dei pezzi di carta senza
      valore.eeee--- BUUUUUMMMMMMMMMM!!!ed ecco a voi la TERZA GUERRA MONDIALE!!!
      Una Cina isolata e snobbata dall'Occidente è
      molto meno potente, e rende possibile un mondo
      più giusto. Torniamo a vivere ognuno per conto
      proprio: la Cina è troppo diversa da noi, o
      meglio la Cina è simile al nostro lato
      PEGGIORE.purtroppo invece la cina (come fa in molti campi) è solo un tentativo di imitazione del nostro lato peggiore
      È giunto il momento di annullare le abberrazioni
      causate dalla globalizzazione e tornare a
      un'economia più a misura d'uomo. Non capisco
      perché io italiano devo avere a che fare con i
      CINESI, devo subire la loro concorrenza al
      ribasso solo perché l'avidità degli industriali
      occidentali ha portato al paradosso per cui si
      mandano a casa i lavoratori ITALIANI mentre si
      sfruttano quelli
      CINESI.non lo capisci?si chiama neo-capitalismo globale, liberista e finanziarioè quella cosa che permette al 12% del mondo di vivere alla spalle degli altri... che permette allo 0.000002% degli uomini di dominare il mondo attraverso il controllo di una ventina di entità chiamate società multinazionali (le cui agenzie locali si chiamano stati e governi)...
      Riportiamo tutto in Italia e in Europa! Basta con
      questa
      Cina!credo che molti non sarebbero d'accordo... per primi gli USA, sì... proprio quelli che dalla 2a guerra mondiale in poi hanno conolizzato anche l'europa...
    • Roberto scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      - Scritto da: Valeren
      Oh, io sono un convinto assertore che l'economia
      sia una mezza boiata e che il nobel per
      l'economia non dovrebbe esistere in quanto non si
      tratta di una scienza esistente in
      natura.Nessuna scienza esiste in natura. Esiste la natura, ed esiste un modo per osservarne certi effetti. I sistemi economici sono sistemi complessi che obbediscono a certe regole. Come tale, e' una scienza applicata come lo e' la fisica o la chimica.Anzi, se ci pensi, l'economia e' una delle scienze piu' affascinanti in assoluto. coinvolve matematica, psicologia, sociologia, legge (nazionale e internazionale), e fa uso di sistemi e algoritmi con cui i fisici vanno a nozze.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      - Scritto da: euthymos
      Perché aziende come Apple, Yahoo e Google
      dimostrino un minimo d'etica senza che nessuna si
      trovi in svantaggio rispetto alle altre una
      soluzione c'è: che insieme si siedano ad un
      tavolo e decidano di abbandonare la Cina al suo
      orrendo
      destino."al suo orrendo destino" quale? :)se un virus mortale colpisse in questo istante tutti i non-cinesi del pianeta, il pianeta sarebbe comunque molto, molto popolato di umani.Hanno risorse e manodopera e conoscenza a sufficienza senza badare alle XXXXXXXte del marketing.
      Le perdite economiche saranno enormi, ma saranno
      le stesse per tutti.i cinesi hanno crediti da vantare con tutti
      Basta con questo compromesso
      morale, questo calarsi le braghe di fronte a
      quegli affaristi che hanno imparato (da noi) solo
      il PEGGIO del "fare affari". ma sei tu che fai affari con loro?no!li fa qualcuno che si arricchisce con chi costa meno e meno costa e più LUI diventa ricco.non tu, non io, non il nostro paese, bada bene: solo LUI.per un direttore di fabbrica che ieri impiegava 300 operai, oggi restano 20 impiegati in italia, se va bene.hai mai cercato quanto costa far SCONTORNARE qualcosa?oppure fare data entry?o qualsiasi altra cosa, via internet, in cina?il tuo direttore che oggi paga solo 20 impiegati, si lamenta ANCORA del costo del lavoro.
      Facciamogli capire
      che non abbiamo bisogno di loro. tu?cosa fai tu?quando fai la spesa ti accerti che la roba che può produrre l'italia sia quella e solo quella che tu compri?se una giacca deve funzionare la prendi perché funziona o perché l'hanno fatta in italia?e i cinesi in sottoscala e cantina in Italia? In Toscana? In meridione?tu cosa fai?in quale modo alzi il XXXX e vai in questura?fai qualcosa per i permessi di soggiorno delle persone ONESTE chiesti regolarmente e regolarmente arrivati in ritardo già scaduti?sono i disonesti a vincere e a farli vincere siamo noi che non facciamo niente a parte lamentarci.
      Fosse per me,
      chiuderei la saracinesca del tutto riportando
      l'industria manifatturiera nei paesi d'origine.questo perché non hai un'azienda.la gente non sa più cosa sia la qualità, la gente ha sempre meno soldi perché prende meno, prende meno perché i cinesi prendono meno e fanno tutto loro e tu non lo puoi fare e così cosa compri? quello che costa meno e vale meno, che hanno comunque fatto loro.un circolo vizioso che si concluderà quando noi saremo più poveri di loro e le nostre risorse economiche saranno state assorbite da loro.se nomini i sindacati oggi, tutti alzano gli occhi al cielo e pensano subito "comunistiiiiiiiiii"e guarda quanto comunisti sono i cinesi... quanto? MA ZERO!!!! altro che sindacati! altro che diritti dei lavoratori.non hanno un XXXXX, sono schiavi: se non accettassimo materiale prodotto da schiavi, allora rimetteremmo in pari tutto.è tutto qui, tutto SOLO QUI.il costo del lavoro guida tutto ed è imposto da gente senza scrupoli che vede gli esseri umani come macchine, come nel 1800, siamo tornati a "tempi e metodi" disumani. Vince lo schiavo più resistente, abbiamo i negrieri del 2000.
      Voglio che le mie scarpe siano fatte da operai
      pagati IL GIUSTO e che sono FIERI di fare il loro
      lavoro. credo che i cinesi lo siano.ma io non sono contento che lo standard sia "non puoi XXXXXXre più di due volte al giorno"e oggi, anche nelle nostre fabbriche, questo sta diventando NORMALE
      Per questo sono pronto ad abbassare il
      mio tenore di vita, a vivere in una società dove
      c'è meno abbondanza. Ma QUESTA è l'economia
      REALE, non questa XXXXX di
      Cina.ok, bene. tu.e chi altro?
      Lasciamoli per i cavoli loro: finché li
      sfruttiamo per il basso costo del lavoro, non
      abbiamo sufficiente prestigio morale per dir loro
      di
      NO.parli con gente che forse non ha neanche il lavoro.eppure nessuno muoverà il XXXX: tutti pronti a interessarsi se marrazzo ha il trans o il berlusca ha le fighette... ma non ai problemi VERI con le stesse persone.la corruzione è questo.l'integrità non sappiamo manco più dove stia di casa.
    • Cavallo Pazzo scrive:
      Re: Una soluzione c'è
      Una domanda: dove è fabbricato il computer che usi? e la tastiera con cui scrivi? e la scheda di rete con cui navighi? ecc. ecc. ecc.?
      • euthymos scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        Appunto. Questo deve cambiare.
        • krane scrive:
          Re: Una soluzione c'è
          - Scritto da: euthymos
          Appunto. Questo deve cambiare.Non c'e' problema, basta che tu sia disposto a pagarli il doppio o il triplo.
          • euthymos scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: euthymos

            Appunto. Questo deve cambiare.

            Non c'e' problema, basta che tu sia disposto a
            pagarli il doppio o il
            triplo.Se, come io (e non solo io) credo, una riconversione dell'economia fondata sull'internalizzazione della produzione ci darà più benessere, la nozione di doppio e triplo non avrà molto senso, perché cambiano anche i redditi.
          • krane scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: euthymos
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: euthymos


            Appunto. Questo deve cambiare.

            Non c'e' problema, basta che tu sia disposto a

            pagarli il doppio o il triplo.
            Se, come io (e non solo io) credo, una
            riconversione dell'economia fondata
            sull'internalizzazione della produzione ci darà
            più benessere, la nozione di doppio e triplo non
            avrà molto senso, perché cambiano anche i redditi.Speriamo, ma dubito ce ne sia per tutti...
          • euthymos scrive:
            Re: Una soluzione c'è
            - Scritto da: krane
            Speriamo, ma dubito ce ne sia per tutti...Vale la pena di provare. Adesso come adesso, ci stiamo solo dando la zappa sui piedi. Nel 2010 l'Italia avrà come minimo altri 250.000 disoccupati, l'Europa 5 milioni.Cambiando, potremmo darci un'opportunità. Altrimenti, come diceva un certo comico genovese già da 15 anni fa, i nostri figli dovranno lavorare 18 ore al giorno per un cinese.
      • kilex scrive:
        Re: Una soluzione c'è
        - Scritto da: Cavallo Pazzo
        Una domanda: dove è fabbricato il computer che
        usi? e la tastiera con cui scrivi? e la scheda di
        rete con cui navighi? ecc. ecc.
        ecc.?Mi pare ci sia un punto da considerare: i cinesi in cina e in parte nei sottoscala o nelle fabbrichette abusive nascoste nelle campagne o periferie italiane producono roba che si potrebbe benissimo fare in occidente in fabbriche ad alta automazione e a prezzi bassissisimi, più bassi di quelli di qualsiasi operaio cinese in una disumana fabbrica sperduta in un villaggetto cinese.Il punto è che forse in occidente non abbiamo ancora sufficienti tecnici e manodopara super specializzata da dedicare solo alla parte creativa del prodotto, lasciando poi tutta l'esecuzione materiale alle macchine, le catene di montaggio robottizzate- ad es. alla fiat- che negli anni 80-90 fecero tanto scalpore. Qui entra in scena un punto crucilae: la scarsa scolarizzazione, adeguata alle esgienze del presente e futruo che affligge l'itlia forse più del resto dell'occidente sviluppato.
  • Alex scrive:
    Dirette
    Su CinaOggi.it c'è una diretta appassionata con traduzione di articoli dal cinese:http://www.cinaoggi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2061:sulla-chiusura-di-google-in-cina-le-prime-reazioni-la-diretta&catid=2:attualita-in-cina&Itemid=2Anche su repubblica ce ne è una:http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2010/01/13/google-in-cina-ci-hanno-spiato-da-oggi-non-censuriamo-piu/comment-page-1/#comment-10098
  • Guardiano del Laogai scrive:
    Detrattore vieni qui a fare il ganassa
    Dove sei finito? Le guardie rosse ti hanno accorciato la catena e non arivi alla tastiera?
  • Anonimo scrive:
    Basta fare affari con questa gente
    Non rispettano alcuna regola, sono comodi solo per far soldi facili e veloci ma che poi nel tempo portano solo a problemi.Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento, diritti umani e regole.Il mercato comune deve avere regole comuni, chi non le rispetta fuori. Tanto la Cina non appena sarà il momento opportuno chiuderà Google a prescindere per obbligare ad usare il proprio motore, così come fa per ogni altro prodotto locale che ha raggiunto un minimo di maturità.
    • angros scrive:
      Re: Basta fare affari con questa gente

      Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento,
      diritti umani e
      regole.In realtà, secondo i cinesi siamo noi che non rispettiamo i diritti umani; infatti, per i cinesi è inconcepibile l' idea di mettere gli anziani nelle case di riposo, togliendo loro praticamente ogni diritto (cosa che nella nostra cultura, purtroppo, accade spesso)
      • euthymos scrive:
        Re: Basta fare affari con questa gente
        - Scritto da: angros
        In realtà, secondo i cinesi siamo noi che non
        rispettiamo i diritti umani; infatti, per i
        cinesi è inconcepibile l' idea di mettere gli
        anziani nelle case di riposo, togliendo loro
        praticamente ogni diritto (cosa che nella nostra
        cultura, purtroppo, accade
        spesso)Sempre a rigirare le frittate, eh?E comunque: http://www.repubblica.it/esteri/2010/01/12/foto/ospizio_cina-1915447/1/ce li hanno anche loro
        • angros scrive:
          Re: Basta fare affari con questa gente
          Non l' ho detto per difendere il governo cinese, ho solo detto che quando si confrontano due culture diverse, è inevitabile che la morale e le abitudini di una appaiano ingiuste all' altra, e viceversa.
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Non l' ho detto per difendere il governo cinese,
            ho solo detto che quando si confrontano due
            culture diverse, è inevitabile che la morale e le
            abitudini di una appaiano ingiuste all' altra, e
            viceversa.Va bene, ma NON puoi sostenere un relativismo *assoluto* della morale.Così giustifichi qualsiasi nefandezza.Esempio: se nella cultura di un popolo trovi delle differenze di natura religiosa (politeismo o monoteismo, ecc...) o nella morale sessuale (più o meno rigida, più o meno promiscua, ecc...) o nel vestire (nudità, ...) è un conto, quando si parla di DELITTI, di VIOLENZA, di PRIVAZIONE DELLA LIBERTA' e di crudeltà INUMANE è un'altra cosa.Non puoi parlare di relativismo culturale in ogni caso, alcuni princìpi devono restare saldi. Altrimenti Hitler va bene perché "era nella cultura dell'epoca il razzismo, la violenza, la crudeltà, ecc..."Riflettici e se vuoi fammi sapere cosa ne pensi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 14.23-----------------------------------------------------------
          • angros scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            Capisco il tuo punto di vista, ma penso che siamo da capo; "alcuni princìpi devono restare saldi", ma quali? E se i miei principi sono in contrasto con i tuoi? Per alcune persone la religione è un principio indiscutibile, e chi non osserva tale religione è un pagano e deve essere convertito con la forza.Per altre persone, i diritti degli animali sono importanti quanto quelli delle persone, e chi mangia carne viene considerato un criminale.In alcune culture, l' omosessualità è considerata esattamente allo stesso livello della pedofilia.Se non sei disposto a mettere in discussione i tuoi princìpi morali, puoi dare per scontato che neanche gli altri siano disposti a farlo, e quindi? Se io ritengo che una cosa sia universalmente giusta (ad esempio, che la legge debba seguire i valori della mia religione), e se tu hai idee diverse, nessuno di noi due è disposto a cambiare idea: o si accetta che gli altri seguano delle usanze che noi consideriamo barbare, oppure si arriva allo scontro.
          • pabloski scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Capisco il tuo punto di vista, ma penso che siamo
            da capo; "alcuni princìpi devono restare saldi",
            ma quali? E se i miei principi sono in contrasto
            con i tuoi? Per alcune persone la religione è unottima osservazione che porta inevitabilmente ad ammettere che nel mondo c'è una frattura insanabile tra questi vari gruppiper cui ognuno a casa sua e buonanottela soluzione sarebbe una guerra mondiale, lo stritolamento di tutte le culture, religioni e forme di governo e l'imposizione di un governo mondiale possibilmente fortemente militarizzato ( altrimenti col cavolo che poi riesci a mantenere l'ordine )
            principio indiscutibile, e chi non osserva tale
            religione è un pagano e deve essere convertito
            con la
            forza.attenzione che è così anche per certi gruppi cattolici fondamentalisti, presenti sia qui in Italia che nei civilissimi e tolleranti Stati Uniti
            debba seguire i valori della mia religione), e se
            tu hai idee diverse, nessuno di noi due è
            disposto a cambiare idea: o si accetta che gli
            altri seguano delle usanze che noi consideriamo
            barbare, oppure si arriva allo
            scontro.esatto....nessun potente ammettere mai e sarà mai veramente a favore del multiculturalismose si arriverà allo scontro o meno, tutto dipenderà dalla volontà dei singoli gruppi culturali di starsene in casa propria oppure espandersinel secondo caso sta sicuro che la guerra sarà dietro l'angolo
          • angros scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente

            la soluzione sarebbe una guerra mondiale, lo
            stritolamento di tutte le culture, religioni e
            forme di governo e l'imposizione di un governo
            mondiale possibilmente fortemente militarizzato (
            altrimenti col cavolo che poi riesci a mantenere
            l'ordine
            )Dunque, il rimedio sarebbe peggio del male; quindi, se l' alternativa è questa, è meglio lasciare le cose come stanno: se in alcune parti del mondo non si rispettano quelli che secondo noi sono i diritti umani, è un problema, ma rimane comunque preferibile questo, rispetto ad una guerra mondiale che coinvolgerebbe tutti, e che causerebbe sicuramente più morti e più sofferenze.


            principio indiscutibile, e chi non osserva tale

            religione è un pagano e deve essere convertito

            con la

            forza.

            attenzione che è così anche per certi gruppi
            cattolici fondamentalisti, presenti sia qui in
            Italia che nei civilissimi e tolleranti Stati
            UnitiLo so perfettamente, infatti se noti non ho puntato il dito contro nessuno in particolare: le crociate sono avvenute per l' intransigenza sia dei cristiani che dei musulmani; ma in India e Pakistan le guerre di religione coinvolgono anche induisti e buddisti.
            esatto....nessun potente ammettere mai e sarà mai
            veramente a favore del
            multiculturalismoIl multiculturalismo è impossibile, perchè se per una cultura sono obbligatori certi comportamenti, e per un' altra quegli stessi comportamenti sono proibiti, come possono coesistere? Dove persone di diverse culture devono convivere per forza, nel migliore dei casi finiscono per crearsi dei "ghetti", e ognuno vive con chi la pensa come lui ed evita gli altri (Harlem, Chinatown, Little Italy...)

            se si arriverà allo scontro o meno, tutto
            dipenderà dalla volontà dei singoli gruppi
            culturali di starsene in casa propria oppure
            espandersiFortunatamente per noi, i cinesi (con le loro leggi che proibiscono di superare un certo numero di figli) non sembrano intenzionati ad espandersi; quindi, non mi sembra giusto criticare le loro decisioni (stanno facendo il possibile per evitare la guerra, anche se per loro ciò comporta grossi sacrifici).
          • p4bl0 scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Capisco il tuo punto di vista, ma penso che siamo
            da capo; "alcuni princìpi devono restare saldi",
            ma quali?http://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione_universale_dei_diritti_dell%27uomoad esempio-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 gennaio 2010 17.01-----------------------------------------------------------
          • ... scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            bella, redatta da gente che deriva da un popolo di assassini e stupratori (i coloni americani), proprio da prendere come esempio!
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: ...
            bella, redatta da gente che deriva da un popolo
            di assassini e stupratori (i coloni americani),
            proprio da prendere come
            esempio!Gli americani non sono tutti uguali
          • p4bl0 scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            "La Dichiarazione universale dei diritti umani è un documento sui diritti individuali, firmato a Parigi il 10 dicembre 1948, la cui redazione fu promossa dalle Nazioni Unite perché avesse applicazione in tutti gli stati membri."Nazioni Unite != USA
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Capisco il tuo punto di vista, ma penso che siamo
            da capo; "alcuni princìpi devono restare saldi",
            ma quali? E se i miei principi sono in contrasto
            con i tuoi?Se i miei principi "saldi" sono in aperto contrasto con i tuoi, allora non abbiamo nulla da dirci. Questo vale per i cinesi, ma anche per gli islamici.Va bene il dialogo, ma su certe cose se non gli sta bene la porta è quella. Ora, qual è il problema con la Cina? Che noi sfruttiamo il loro lavoro a basso costo. Se smettiamo di farlo, possiamo permetterci il lusso di non avere nulla a che fare con loro e possiamo dire a gran voce che ci fa SCHIFO quel che fanno nel loro paese.
            Se non sei disposto a mettere in discussione i
            tuoi princìpi morali, puoi dare per scontato che
            neanche gli altri siano disposti a farlo, e
            quindi? Se io ritengo che una cosa sia
            universalmente giusta (ad esempio, che la legge
            debba seguire i valori della mia religione), e se
            tu hai idee diverse, nessuno di noi due è
            disposto a cambiare idea: o si accetta che gli
            altri seguano delle usanze che noi consideriamo
            barbare, oppure si arriva allo
            scontro.C'è una terza via: ognuno per i cavoli suoi.
          • angros scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente

            C'è una terza via: ognuno per i cavoli suoi.Certo, ognuno si fa i cavoli suoi a casa propria: il punto è che i cinesi sono a casa loro, e non vengono assolutamente a dire a noi cosa dobbiamo fare a casa nostra; con che diritto noi possiamo andare a dirlo a loro?
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Certo, ognuno si fa i cavoli suoi a casa propria:
            il punto è che i cinesi sono a casa loro,
            e non vengono assolutamente a dire a noi cosa
            dobbiamo fare a casa nostra; con che diritto noi
            possiamo andare a dirlo a
            loro?Vedi che siamo d'accordo? Finché li andiamo a sfruttare (per il basso costo del lavoro) non possiamo lamentarci se si comportano da incivili...
          • ruppolo scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Se non sei disposto a mettere in discussione i
            tuoi princìpi morali, puoi dare per scontato che
            neanche gli altri siano disposti a farlo, e
            quindi? Se io ritengo che una cosa sia
            universalmente giusta (ad esempio, che la legge
            debba seguire i valori della mia religione), e se
            tu hai idee diverse, nessuno di noi due è
            disposto a cambiare idea: o si accetta che gli
            altri seguano delle usanze che noi consideriamo
            barbare, oppure si arriva allo
            scontro.Nessuno scontro, semplicemente ognuno a casa sua.
          • angros scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente


            Nessuno scontro, semplicemente ognuno a casa sua.Giustissimo, se fosse possibile: ma visto che non riusciamo a farlo (altrimenti perchè ci entrano sempre immigrati clandestini?), e visto che comunque abbiamo bisogno di commerciare (se il petrolio è in mano agli arabi, ad esempio, e a noi serve, dobbiamo comprarlo da loro), non possiamo semplicemente ignorarci a vicenda.
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Giustissimo, se fosse possibile: ma visto che non
            riusciamo a farlo (altrimenti perchè ci entrano
            sempre immigrati clandestini?), e visto che
            comunque abbiamo bisogno di commerciare (se il
            petrolio è in mano agli arabi, ad esempio, e a
            noi serve, dobbiamo comprarlo da loro), non
            possiamo semplicemente ignorarci a
            vicenda.Però possiamo evitare di distruggere la nostra industria manifatturiera per appaltarla a un miliardo di formiche disposte a lavorare 16 ore al giorno. Se permetti, questo si può evitare.
          • Svirgolone scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: euthymos
            - Scritto da: angros

            Non l' ho detto per difendere il governo cinese,

            ho solo detto che quando si confrontano due

            culture diverse, è inevitabile che la morale e
            le

            abitudini di una appaiano ingiuste all' altra, e

            viceversa.
            Va bene, ma NON puoi sostenere un relativismo
            *assoluto* della
            morale.
            Così giustifichi qualsiasi nefandezza.

            Esempio: se nella cultura di un popolo trovi
            delle differenze di natura religiosa (politeismo
            o monoteismo, ecc...) o nella morale sessuale
            (più o meno rigida, più o meno promiscua, ecc...)
            o nel vestire (nudità, ...) è un conto, quando si
            parla di DELITTI, di VIOLENZA, di PRIVAZIONE
            DELLA LIBERTA' e di crudeltà INUMANE è un'altra
            cosa.E allora vai a farti un giretto nei nostri centri per immigrati, o nelle carceri, o nei mattatoi o nelle fattorie industriali.
          • zi_o_zio scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: Svirgolone
            - Scritto da: euthymos
            quando
            si

            parla di DELITTI, di VIOLENZA, di PRIVAZIONE

            DELLA LIBERTA' e di crudeltà INUMANE è un'altra

            cosa.

            E allora vai a farti un giretto nei nostri centri
            per immigrati, o nelle carceri, o nei mattatoi o
            nelle fattorie industriali.Quoto.I lavoratori agricoli stagionali sono tutti nelle condizioni che abbiamo visto in questi giorni in Calabria.Non lavorano. Praticano la "transumanza" umana all'inseguimento delle colture stagionali.Ciao
          • euthymos scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            D'accordo, ma per esempio in Italia puoi parlare di queste ingiustizie! Tu stesso hai potuto postare il tuo intervento qui, nel forum, senza che la polizia venisse a casa tua a prenderti per pestarti a sangue.Capisci la differenza con la Cina? Le ingiustizie ci sono ovunque, cosiccome le violenze, l'INCIVILTA' è quando non se ne può nemmeno parlare.Noi commettiamo degli errori, in Cina sono INCIVILI. La differenza non puoi non vederla.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: euthymos
            - Scritto da: angros

            Non l' ho detto per difendere il governo cinese,

            ho solo detto che quando si confrontano due

            culture diverse, è inevitabile che la morale e
            le

            abitudini di una appaiano ingiuste all' altra, e

            viceversa.
            Va bene, ma NON puoi sostenere un relativismo
            *assoluto* della
            morale.
            Così giustifichi qualsiasi nefandezza.

            Esempio: se nella cultura di un popolo trovi
            delle differenze di natura religiosa (politeismo
            o monoteismo, ecc...) o nella morale sessuale
            (più o meno rigida, più o meno promiscua, ecc...)
            o nel vestire (nudità, ...) è un conto, quando si
            parla di DELITTI, di VIOLENZA, di PRIVAZIONE
            DELLA LIBERTA' e di crudeltà INUMANE è un'altra
            cosa.
            Non puoi parlare di relativismo culturale in ogni
            caso, alcuni princìpi devono restare saldi.
            Altrimenti Hitler va bene perché "era nella
            cultura dell'epoca il razzismo, la violenza, la
            crudeltà,
            ecc..."

            Riflettici e se vuoi fammi sapere cosa ne pensi.Forse il posto sbagliato per trattare certi argomenti. E troppo superficiale la discussione per trattarli adeguatamente.
          • pabloski scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            hai ragione ed è stato questo l'errore e il motivo per cui i no global hanno sempre gridato contro la globalizzazioneinvece di pensare prima a confrontare le culture e creare istituzioni sovranazionali forti e superpartes, hanno solo pensato a portare le loro fabbriche in Cina per far soldi a palatee adesso i problemi restano a noi altri ( orde di immigrati che non sappiamo come collocare ad esempio )....forse lorsignori credevano che i cinesi fossero dei poveri bifolchi sottosviluppati e manipolabili e oggi si ritrovano ad essere minacciati economicamente e non solo da una superpotenza in fase di crescita
          • pippopluto scrive:
            Re: Basta fare affari con questa gente
            - Scritto da: angros
            Non l' ho detto per difendere il governo cinese,
            ho solo detto che quando si confrontano due
            culture diverse, è inevitabile che la morale e le
            abitudini di una appaiano ingiuste all' altra, e
            viceversa.Sugli usi e costumi sono d' accordo ma la carta dei dei diritti umani è universale.Vorrei ben vedere al di la di ogni cultura a chi piace morire di fame od essere torturato contro la propria volontà.
      • xWolverinex scrive:
        Re: Basta fare affari con questa gente
        - Scritto da: angros

        Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento,

        diritti umani e

        regole.

        In realtà, secondo i cinesi siamo noi che non
        rispettiamo i diritti umani; infatti, per i
        cinesi è inconcepibile l' idea di mettere gli
        anziani nelle case di riposo, togliendo loro
        praticamente ogni diritto (cosa che nella nostra
        cultura, purtroppo, accade
        spesso)Confondi la cina con il giappone. http://www.repubblica.it/esteri/2010/01/12/foto/ospizio_cina-1915447/1/index.html?ref=searchPs: fanXXXX all'ennesimo captcha !Ps2: ora il captcha anche in modifica ! ARGH !! Ma siete fuori di testa !-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 gennaio 2010 09.27-----------------------------------------------------------
    • mr_caos scrive:
      Re: Basta fare affari con questa gente

      Non rispettano alcuna regola, sono comodi
      solo per far soldi facili e veloci ma che
      poi nel tempo portano solo a problemi.
      Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento,
      diritti umani e regole. Il mercato comune deve
      avere regole comuni, chi non le rispetta fuori.Ma stai parlando della Cina o di Google?
    • pabloski scrive:
      Re: Basta fare affari con questa gente
      - Scritto da: Anonimo
      sarà il momento opportuno chiuderà Google a
      prescindere per obbligare ad usare il proprio
      motore, così come fa per ogni altro prodottono no, lo fanno già da un bel pòqualche anno fa scoppiò lo scandalo dei dns redirezionatiin pratica quando accedevi a google.cn venivi mandato su baidu
    • fr33 scrive:
      Re: Basta fare affari con questa gente
      - Scritto da: Anonimo
      Non rispettano alcuna regola, sono comodi solo
      per far soldi facili e veloci ma che poi nel
      tempo portano solo a
      problemi.ovviamente parli di google...
      Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento,verissimo... in effetti i server G (anche per tutti gli sforzi che fanno a tracciare e profilare gli utenti) inquinano tantissimo
      diritti umani eh già... google, in cina (e non solo), censura a tutta birra
      e regole.si.. fanno tutto quello che gli pare strafregrandosene di privacy e diritti... qualsiasi cosa pur di fare i soldi...
      Il mercato comune deve avere regole comuni, chi
      non le rispetta fuori. quale mercato comune? la EU? non sapevo che adesso anche la cina vuole aderire alla EU...o forse ti riferisci al WTO? a quel mercato globale dove si sta elaborando ACTA (http://en.wikipedia.org/wiki/Anti-Counterfeiting_Trade_Agreement) e chiunque faccia fare più soldi alle multinazionali che comandano il mondo è il benvenuto (cina in testa)?
      Tanto la Cina non appena
      sarà il momento opportuno chiuderà Google a
      prescindere per obbligare ad usare il proprio
      motore, già... in cina hanno capito bene come abbinare al meglio lo sfruttamento capitalistico di persone e risorse con il (tecno)controllo e la peggiore repressione in stile comunismo-reale...ma, soprattutto, hanno capito bene che quando si tratta di fare affari trovano tutti gli amici che vogliono e i diritti umani si fermano alle parole (a solo uso e consumo delle "democrazie" occidentali)
      così come fa per ogni altro prodotto
      locale che ha raggiunto un minimo di
      maturità.beh no... come fa per ogni prodotto locale con cui si fanno più soldi di quelli "esteri"...
      • j3ssica scrive:
        Re: Basta fare affari con questa gente
        Anche in Italia qualcuno ipotizza di voler impiegare simili metodi di controllo totale. Lo vogliono fare in nome di una maggiore tutela e garanzia di "libertà". Contraddittorio, ma è proprio così.
    • Lou Xi Hao Bu scrive:
      Re: Basta fare affari con questa gente
      - Scritto da: Anonimo
      Non rispettano alcuna regola, sono comodi solo
      per far soldi facili e veloci ma che poi nel
      tempo portano solo a
      problemi.
      Lo vediamo, nessun rispetto per inquinamento,
      diritti umani e
      regole.ahaha :Dparli con noi? :)CHI è che fa affari?noi, dal canto nostro, possiamo decidere di NON COMPRARE se c'è scritto made in PRC, made in china, prodotto in cina.... ma lo facciamo davvero?davvero prendi l'etichetta delle cose e decidi "no, questo ipod no""no, questo telefono no""no, questa scheda di rete no""no, questi jeans no""no, questa marmellata no perché l'etichetta, il contenitore o il tappo ... "se tu lo fai, quanti lo fanno?quanti, di quelli che poi magari comprano al mercato la roba a un euro (cinese) invece si lamentano per il negozietto del cinese ONESTO che non nasconde niente e non ci lucra il 330% sopra?
      Il mercato comune deve avere regole comuni, chi
      non le rispetta fuori.ormai hanno i cordoni della borsa in mano.tutti hanno debiti con lorohanno la nostra manodopera e impongono le regole (al ribasso) hanno risorsehanno tecnologiase sanno una cosa, la sanno e basta, la usano, non hanno problemi di "diritti d'autore"chi fa un lavoro prende qualcosa.
      Tanto la Cina non appena
      sarà il momento opportuno chiuderà Google a
      prescindere per obbligare ad usare il proprio
      motore, così come fa per ogni altro prodotto
      locale che ha raggiunto un minimo di
      maturità.infatti.la cina va trattata come un grosso cliente a cui dare prodotti e non tecnologie: le tecnologie vanno usate per fornire un prodotto.con loro tutte le belle paroline sull'opensorca non funzionano: gli schiavi ce li hanno, li possono usare: dire che "poi si guadagna coi servizi" non funziona.Se gli regali il sorgente, loro hanno gratis la manodopera: tutto gratis.
Chiudi i commenti