USA, Obama bocciato sulla trasparenza?

L'amministrazione del Presidente statunitense non procederebbe all'archiviazione automatica di tutte le comunicazioni avvenute tramite i network di AT&T e Verizon. Invocata una revisione del Presidential Records Act del 1978
L'amministrazione del Presidente statunitense non procederebbe all'archiviazione automatica di tutte le comunicazioni avvenute tramite i network di AT&T e Verizon. Invocata una revisione del Presidential Records Act del 1978

Al centro del dibattito sono finite le attuali predisposizioni del Presidential Records Act , alla luce delle nuove possibilità di comunicazione offerte al governo statunitense da canali social come Twitter e Facebook. Questioni di trasparenza ai tempi del digitale, sollevate al Congresso da Darrell Issa, chairman della House Oversight and Government Reform Committee .

Issa ha dunque sottolineato come la suddetta legge statunitense – ormai risalente alla metà degli anni 70 – debba essere sottoposta ad urgenti e significative modifiche, relative ai meccanismi di gestione di tutte le comunicazioni ufficiali . Allo stato attuale, i sistemi centralizzati della Casa Bianca procedono all’archiviazione automatica di SMS e posta elettronica inviata da dispositivi come ad esempio gli smartphone BlackBerry.

Diversa la situazione per i vari device appartenenti ai network di AT&T e Verizon – Issa ha citato come esempio il tablet di Apple, iPad – le cui comunicazioni non verrebbero archiviate dagli alti vertici dell’Amministrazione guidata dal Presidente Barack Obama. Che si tratti di messaggi di testo o messaggi di posta elettronica inviati dagli account personali dei vari ufficiali di governo.

Quest’ultimi sarebbero dunque liberi di affrontare questioni governative in comunicazioni poi non archiviate ufficialmente . Uno smacco – sempre secondo il chairman repubblicano – all’intera campagna di Obama per la trasparenza e l’accessibilità attraverso i vari strumenti della Rete. Issa vorrebbe trovare una soluzione anche per cinguettii e post su Facebook, anche se si potrebbe trattare di una soluzione complessa per sua stessa ammissione.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 05 2011
Link copiato negli appunti