USA, perquisizioni alla frontiera incostituzionali?

Un giovane ricercatore del MIT potrà denunciare il governo federale dopo essere stato trattenuto ai confini col Messico. Gli agenti doganali gli avevano sequestrato tutto dopo alcune dichiarazioni di supporto alla talpa di Wikileaks

Roma – A stabilirlo è stata una corte distrettuale nello stato del Massachusetts, dopo la causa avviata da un ricercatore del MIT contro il governo federale degli Stati Uniti. Il giovane David Maurice House potrà così continuare la sua personale battaglia contro le autorità a stelle e strisce, con il supporto degli attivisti della American Civil Liberties Union (ACLU).

Il caso risale a due anni fa. House stava ritornando negli States da una vacanza in Messico, fermato al confine dagli agenti doganali. Costretto a 90 minuti d’interrogatorio, a causa del suo pubblico supporto all’ex-militare Bradley Manning , la famosa talpa del sito delle soffiate Wikileaks.

La polizia di frontiera aveva poi confiscato alcuni dispositivi elettronici portati in viaggio dal giovane ricercatore, compreso un laptop e una fotocamera digitale. Il materiale era stato analizzato e trattenuto per quasi 50 giorni dagli ufficiali statunitensi , almeno fino ad un’agguerrita missiva spedita dai legali di ACLU.

Nel maggio 2011, la battaglia di House era finita in tribunale. Il giudice Denise Casper ha ora respinto le richieste del governo federale, che vorrebbe far cadere il caso perché legalmente autorizzato a perquisire cittadini e dispositivi anche senza un motivo preciso , ovvero sulla base di un semplice sospetto.

Un ragionamento ovviamente seguito dal giudice locale, che ha però sottolineato come gli agenti doganali non debbano forzatamente trattenere un cittadino oltre che perquisire e poi sequestrare i suoi dispositivi elettronici. In particolare, i controlli di “natura politica” potrebbero risultare incostituzionali . La causa di House proseguirà.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marco scrive:
    vende poco?
    Non a caso, Playbook resta per Heins una delle speranze per il futuro: il CEO parla della possibilità di attirare "fino ad un milione di clienti", anche se nell'ultimo quadrimestre ne sono stati distribuiti solo 550mila.ci credo non venda, se continua con queste politichehttp://it.shopblackberry.com/Product/AcXXXXXries/PRD-38548-007http://us.blackberry.com/where-to-buy/tablets/
    • Observer scrive:
      Re: vende poco?
      e meno male che ha chiuso un quarter negativo,oltre ad essere un'azienda sanissima, il problema è che ha guadagnato meno di quello che ci si aspettava, ma ha sempre Straguadagnato, e non ha nessun conto in rosso, solo oggi in borsa +8% purtroppo RIM ne risente anche di poca stampa a favore, i prodotti sono ottimi e non devono temere la concorrenza degli altri "giocattoli", li uso da tanto tempo ed ho usato anche gli altri prodotti e non ne sento affatto la mancanza!!!! Blackberry Forever
      • Gianni scrive:
        Re: vende poco?
        Perfettamente d'accordo ! Non cambierei mai il mio Blackberry per un giocattolo Android et similia.
  • attonito scrive:
    RIM, trimestre amaro
    e invece, PI, come va? non ci dite mai nulla di voi: non vi fidate? :(
Chiudi i commenti