USA, processo per tre scammer

Avevano guadagnato 100 milioni di dollari propinando antivirus fasulli a utenti di tutto il mondo. Solo un componente del trio però risiede negli States e potrà essere dunque processato

Roma – Nel 2008 avevano frodato decine di migliaia di utenti vendendo falsi antivirus per un totale di 100 milioni di dollari, attualmente depositati in una banca ucraina per conto di un’azienda fittizia basate nel Belize. Shaileshkumar P. Jain, James Reno e Bjorn Daniel Sundin, quest’ultimo cittadino svedese, si dovranno difendere da questa accusa di fronte a un giudice dell’Illinois, a Chicago. Tutti e tre rischiano fino a 20 anni di reclusione 250mila dollari di multa.

Il trio avrebbe terrorizzato gli utenti con la minaccia di malware inesistente per vendere un prodotto altrettanto inesistente incassando le quote, tra i 30 e 70 dollari ciascuna, versate dagli ignari compratori. Oltre all’azienda regolarmente registrata in Belize, la Innovative Marketing , avevano messo in piedi un call center per “assistere” gli utenti scontenti, le cui chiamate provenivano da più di 60 stati diversi sparsi per il globo.

L’utente incappava nella trappola cliccando su un banner appositamente preparato che reindirizzava a una pagina su cui compariva una finta finestra addobbata per l’occasione, in modo da simulare una scansione alla ricerca di malware. Dopo l’esito ovviamente positivo della ricerca veniva chiesto di scaricare un software che avrebbe risolto il problema. Nel pacchetto scaricato però non si trovava l’antivirus ma solo pochi file di piccole dimensioni : l’essenziale per salvare le apparenze almeno in un primo momento.

Nonostante il buonsenso e gli avvertimenti di molti esperti, il mercato delle truffe online è destina a crescere ancora secondo Kevin Stevens, di SecureWorks: ha ricordato che quella attuata dai tre protagonisti di questa vicenda non è altro che una delle tante modalità con cui trarre in inganno gli utenti meno esperti.

Attualmente nessuno dei tre è stato preso in custodia dalle forze dell’ordine statunitensi poiché Sundin si ritiene si trovi in Svezia mentre Shailesshkumar sarebbe stato localizzato in Ucraina. L’unico a trovarsi sotto la giurisdizione USA sarebbe quindi Reno, residente nei pressi di Cincinnati.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enok scrive:
    Blizzard: DRM è perdita di tempo
    ...e loro sono esperti nel perdere tempo:- Diablo III, annunciato nel 2008, ancora non si conosce la data di uscita;- StarCraft II, annunciato nel 2007 e in sviluppo dal 2003 (!), ancora non si conosce la data di uscita.
    • Friday Long scrive:
      Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
      SC2 è in uscita il 27 luglio.... informati.Io continuo a preferire la BLizz che sforna pochi giochi, ma di grande caratura, rispetto ad altre software houses...
      • Enok scrive:
        Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
        Pensavo che per il 27 luglio era programmata un altra fase di beta testing, ma evidentemente mi sbaglio. Ad ogni modo il discorso non cambia: alla Blizzard sono lenti.
        • Friday Long scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          Alla Blizzard saranno anche lenti, ma rilasciano giochi di qualità indiscutible. Ripeto, preferisco la lentezza alle schifezze che si vedono in giro....- Scritto da: Enok
          Pensavo che per il 27 luglio era programmata un
          altra fase di beta testing, ma evidentemente mi
          sbaglio. Ad ogni modo il discorso non cambia:
          alla Blizzard sono
          lenti.
      • Gort scrive:
        Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
        - Scritto da: Friday Long
        SC2 è in uscita il 27 luglio.... informati.sì sì certo certo, uscirà il 27 luglio, anno non specificatoe babbo natale esiste e la befana è sua mogliee al polo nord c'è la marmotta che confeziona la cioccolatagiusto quelli come te ci possono credere
        • Friday Long scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          Ignoranza e trollaggine vanno spesso a braccetto....- Scritto da: Gort
          - Scritto da: Friday Long

          SC2 è in uscita il 27 luglio.... informati.

          sì sì certo certo, uscirà il 27 luglio, anno non
          specificato
          e babbo natale esiste e la befana è sua moglie
          e al polo nord c'è la marmotta che confeziona la
          cioccolata
          giusto quelli come te ci possono credere
        • Steve Robinson Hakkabee scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          da beta tester ti dico che è già stabile e mautro, manca solo un giusto bilanciamento tra le razze nel gaming online e vogliono uscire con un prodtto perfetto (cosa che faranno)Il 27 luglio te lo puoi comprare di sicuro.
          • Friday Long scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            Anche io sono beta tester, ed il gioco funziona alla grande, a parte qualche problema di bilanciamento (e l'ultima patch con l'integrazione a facebook e la morte dei server.....)Per quello che mi riguarda, sono molto curioso di vedere la parte in single player, ma per il multi ha tutte le carte in regola per regalarci enormi soddisfazioni per i prossimi anni.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
      Non ci vedo nulla di male se ci mettono tanto a fare un gioco se c'è la qualità.
      • Enok scrive:
        Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
        Beh, rispetto a quelli che sfornano la stessa minestra riscaldata ogni anno, con lo stesso engine, stesso gameplay, ecc. sono perfettamente d'accordo. Ma 7 anni di sviluppo per un videogioco mi sembrano oggettivamente troppi; mi stupirei se la tecnologia fosse ancora al passo coi tempi.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          Chi ti dice che abbiano iniziato 7 anni fa? L'annuncio che stanno facendo un nuovo starcrasft e di 2 anni fà.
          • Enok scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            Development on StarCraft 2 began shortly after WarCraft 3: The Frozen Throne finished production. For those who don't know, that means SC2 has been a work-in-progress since 2003.http://uk.pc.ign.com/articles/790/790158p1.html
    • nome cognome scrive:
      Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
      - Scritto da: Enok
      ...e loro sono esperti nel perdere tempo:..perdere.. tempo?e tu consideri successi planetari tipo starcraft/brood war (che sono piu' di _10_ anni che viene giocato da centinaia di migliaia di persone), warcraft III e WOW siano perdite di tempo?ma per favore..
      • Enok scrive:
        Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
        No, ho detto che sanno come perdere tempo. E di certo esistono giochi molto più apprezzati e oggettivamente più complessi di quelli Blizzard, ma non richiedono uno sviluppo quasi decennale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 maggio 2010 04.57-----------------------------------------------------------
        • Wolf01 scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          Trovami un gioco oggettivamente più complesso di quelli di Blizzard, ma altrettanto ben curato.
          • Enok scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            Così su due piedi, mi viene Civilization IV.Ma se vuoi mi vado a cercare i tempi di rilascio di un altro paio di titoli che ho in mente.
        • nome e cognome scrive:
          Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
          - Scritto da: Enok
          ma non richiedono uno sviluppo quasi
          decennale.ma starcraft2 e' stato annunciato nel 2007.. quindi 2010 - 2007 = 3 < 10tra starcraft 1 e starcraft 2 hanno fatto warcraft III (+ espansione) + WOW + un pezzo di starcraft ghost (proggetto, pero', abbandondato).. se pensi al tempo che e' passato, per esempio, tra la release di quakeIII e quella di doomIII/quakeIV (che considero assieme perche' praticamente hanno lo stesso motore) siamo sullo stesso ordine di grandezza (se non di piu') dei tempi di rilascio della blizzard.3 anni per fare un videogioco non sono poi cosi' tanti..l'unico "difetto" che ha la blizzard e' di non sviluppare piu' di due giochi contemporaneamente.. questo probabilmente perche' non hanno uno staff poi cosi' grande.bah..
          • Enok scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            - Scritto da: nome e cognome
            3 anni per fare un videogioco non sono poi cosi'
            tanti..Sono 7. Leggiti i miei interventi poco più sopra.
          • deathspell scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            non capisco la polemica visto che blizzard, a differenza di moltissimi altri produttori di giochi, non si limita a fare il gioco, commercializzarlo e poi chi si è visto si è visto.lo sviluppo di wow, per esempio, non è certo limitato alla sola commercializzazione del gioco base più le due espansioni già rilasciate.solo nell'ambito di questa espansione (wotlk) hanno rilasciato qualcosina come 3 mega patch (roba da 500/600 Mb a botta) per l'introduzione di nuovi contenuti (ulduar, toc, icc) oltre ad affinamenti vari.è ovvio che dovendo dedicare molto tempo (oltre a uomini e risorse) nello sviluppo di parti aggiuntive di giochi già commercializzati, il rilascio di un nuovo gioco subisca tempi molto lunghi.questioni di policy ... c'è gente che ti sforna 3/4 titoli nuovi in un anno e poi li lascia bellamente morire nel giro di 6 mesi (nessuna implementazione, poca assistenza) e c'è gente che ci mette una vita per rilasciare un nuovo titolo, ma il precedente non lo lascia diventare obsoleto.
          • Wolf01 scrive:
            Re: Blizzard: DRM è perdita di tempo
            Secondo me la Blizzard è l'unica software house che si può letteralmente permettere di fare questo.I giochi se li fa e se li distribuisce.Ha creato dei sucXXXXXni mondiali che continuano a portargli soldi nelle tasche e il tempo lo possono passare continuando a supportare questi giochi, fra 10 anni probabilmente ci sarà ancora gente che gioca a WoW o a SC1/2 e WC3.Nel frattempo riescono pure a sviluppare nuovi giochi, o meglio nuovi seguiti perchè ormai si sono soffermati su Warcraft, Diablo e Starcraft, dedicandogli moltissimo tempo e risorse in modo da farli diventare delle perle assolute nel mare di sabbia che sono gran parte degli altri giochi.
  • DarkOne scrive:
    Chi fa giochi seri...
    ...può lasciar perdere ogni tipo di drm. Sarai sicuro che l'utente che apprezza il gioco, lo comprerà per goderne a pieno.Starcraft e diablo sono titoli meravigliosi in single player, ma la loro vera vocazione avviene online tramite battle.net. Se vuoi il meglio del divertimento, devi avere il gioco originale con un seriale valido.Il miglior sistema di protezione al mondo è il gioco stesso: crea un gioco valido e la gente lo acquisterà.E lo sa bene chi ha acquistato starcraft e diablo 2, che sono giocati ancora oggi. Pochi titoli possono vantare una lunghezza del genere. Forse sarebbe ora che gli altri produttori aprano gli occhi e si rendano finalmente conto che non è importante sfornare mezzi giochi ogni anno, ma tirare fuori un mega titolo e fare vendite sicure.
    • angros scrive:
      Re: Chi fa giochi seri...

      Tecnicamente l'abandoware non esiste sui
      videogiochi considerando che rispetto alle altre
      industrie dell'intrattenimento son nate già
      "digitali" e prima che il diritto d'autore
      termini ce ne vuole
      ancora.È sempre stata lecita l'occupazione "nec clam, nec vi" di proprietà abbandonate: anzi, per i beni materiali, se tale occupazione dura abbastanza lungo (20 anni), dopo ne diventi tu il nuovo proprietario, e quello vecchio, se anche si fa vivo, si attacca.
      A proposito, solitamente le aziende che
      falliscono vendono i loro asset, in questo caso i
      diritti sui loro
      giochi.Ma chi te li comprerebbe, se tanto non puoi guadagnarci, perche nessuno ti compra quel gioco e tutti se lo scaricano?
      • ThEnOra scrive:
        Re: Chi fa giochi seri...
        - Scritto da: angros

        Tecnicamente l'abandoware non esiste sui

        videogiochi considerando che rispetto alle altre

        industrie dell'intrattenimento son nate già

        "digitali" e prima che il diritto d'autore

        termini ce ne vuole

        ancora.

        È sempre stata lecita l'occupazione "nec clam,
        nec vi" di proprietà abbandonate: anzi, per i
        beni materiali, se tale occupazione dura
        abbastanza lungo (20 anni), dopo ne diventi tu il
        nuovo proprietario, e quello vecchio, se anche si
        fa vivo, si
        attacca.


        A proposito, solitamente le aziende che

        falliscono vendono i loro asset, in questo caso
        i

        diritti sui loro

        giochi.

        Ma chi te li comprerebbe, se tanto non puoi
        guadagnarci, perche nessuno ti compra quel gioco
        e tutti se lo
        scaricano?Esistono diverse raccolte sulle attuali console (Wii, PS3, X360) con giochi che tu definiresti "abandonware": parlo dei coin-up degli anni 80/90 e i giochi per C64/atari/ecc... piattaforme ora scomparse.Esiste ancora l'abandoware?
        • panda rossa scrive:
          Re: Chi fa giochi seri...
          - Scritto da: ThEnOra

          Esiste ancora l'abandoware?Abandonware e' qualunque software fuori commercio.Se tu che detieni i diritti di un software ritieni che possa essere ancora sfruttato commercialmente lo metti in vendita.Se invece non intendi piu' sfruttarlo commercialmente, perche' non ti conviene, perche' e' uscita una nuova versione, perche' non fornisci piu' supporto, allora diventa abandonware.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra



            Esiste ancora l'abandoware?

            Abandonware e' qualunque software fuori commercio.

            Se invece non intendi piu' sfruttarlo
            commercialmente, perche' non ti conviene, perche'
            e' uscita una nuova versione, perche' non
            fornisci piu' supporto, allora diventa
            abandonware.Abandonware non esiste. E' solo una chimera!Semmai da prodotto commerciale passa a diventare freeware, ma abandoware è solo un altro azzardo fittizio creato da ipocriti pirati.Poi le motivazioni che usi per definire abandoware non reggono: i.e. Windows 3.11 non è abandonware.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Difatti molti dei giochi che sono offerti da
            questi siti sono
            illegali.Ma i produttori non contestano (non ne hanno motivo: e poi, a volte non si sa nemmeno piu' a chi appartengano i diritti); se loro non protestano, nessun altro può farlo.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Abandonware non esiste. E' solo una chimera!
            Semmai da prodotto commerciale passa a diventare
            freeware, ma abandoware è solo un altro azzardo
            fittizio creato da ipocriti
            pirati.No: è un caso particolare, diverso dalla pirateria, e non definito dalla legge.Se un programma non è piu' in vendita, altrimenti, io come posso procurarmelo, se mi serve?
            Poi le motivazioni che usi per definire
            abandoware non reggono: i.e. Windows 3.11 non è
            abandonware.E dove si può comprare legalmente?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros

            Abandonware non esiste. E' solo una chimera!

            Semmai da prodotto commerciale passa a diventare

            freeware, ma abandoware è solo un altro azzardo

            fittizio creato da ipocriti

            pirati.

            No: è un caso particolare, diverso dalla
            pirateria, e non definito dalla
            legge.

            Se un programma non è piu' in vendita,
            altrimenti, io come posso procurarmelo, se mi
            serve?



            Poi le motivazioni che usi per definire

            abandoware non reggono: i.e. Windows 3.11 non è

            abandonware.

            E dove si può comprare legalmente?Non puoi. Al massimo fai un downgrade di una licenza superiore, però visto che non è in commercio dovresti richiedere e ottenere l'autorizzazione a farlo.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Non puoi. Al massimo fai un downgrade di una
            licenza superiore, però visto che non è in
            commercio dovresti richiedere e ottenere
            l'autorizzazione a
            farlo.E ti sembra logico? O giusto?Anzi, se il produttore fa così, merita di perdere soldi, perchè sta deliberatamente creando un disservizio.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros

            Non puoi. Al massimo fai un downgrade di una

            licenza superiore, però visto che non è in

            commercio dovresti richiedere e ottenere

            l'autorizzazione a

            farlo.

            E ti sembra logico? O giusto?
            Questo è un tuo parere, condivisibile o no.Allo stato attuale la situazione è questa, e non è per via del disagio che provi e stai subendo che ti LEGITTIMA ad acquisirlo illegalmente/illegittimamente.
            Anzi, se il produttore fa così, merita di
            perdere soldi, perchè sta deliberatamente creando
            un
            disservizio.Non sei certo tu nella posizione di dire se merita o no di perdere i soldi.Oggi giorno poi non credo sia ASSOLUTAMENTE necessario avere, per esempio, W3.11 per poter lavorare o far girare applicazioni non più supportate dagli attuali sistemi, o mi sbaglio?Esistono alternative, grazie al cielo, così come per il mondo del SW x aziende, ne esistono anche nel mondo dei VG.Il resto è solo propaganda comunista illiberale ipocrita dei soliti pirati-furbetti-del-quartiere. :p
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Questo è un tuo parere, condivisibile o no.
            Allo stato attuale la situazione è questa, e non
            è per via del disagio che provi e stai subendo
            che ti LEGITTIMA ad acquisirlo
            illegalmente/illegittimamente.Se tutti avessero ragionato così, saremmo ancora alla schiavitu' ed alla legge del taglione.Quando una legge è ingiusta, la si cambia.


            Anzi, se il produttore fa così, merita di

            perdere soldi, perchè sta deliberatamente
            creando

            un

            disservizio.

            Non sei certo tu nella posizione di dire se
            merita o no di perdere i
            soldi.Ma sono nella situazione di decidere se darglieli o no.
            Oggi giorno poi non credo sia ASSOLUTAMENTE
            necessario avere, per esempio, W3.11 per poter
            lavorare o far girare applicazioni non più
            supportate dagli attuali sistemi, o mi
            sbaglio?Questo non puoi saperlo (potrei aver bisogno di usare un certo programma su un 286, ad esempio, perchè è collegato a periferiche non piu' compatibili con i modelli successivi)Comunque, non è nemmeno "assolutamente necessario" avere le versioni successive di Windows (in particolare, quelle non ancora rilasciate); quindi, non è nemmeno necessaria la Microsoft, e se fallisse, potremmo rinunciare tranquillamente ai suoi prodotti. Perchè mai, quindi, dovremmo sostenerla?
            Esistono alternative, grazie al cielo, così come
            per il mondo del SW x aziende, ne esistono anche
            nel mondo dei
            VG.Qualche esempio, nei VG? Dimmi una alternativa a Super Mario, ad esempio (e te ne ho messo uno facile)
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros
            Se tutti avessero ragionato così, saremmo ancora
            alla schiavitu' ed alla legge del
            taglione.
            Quando una legge è ingiusta, la si cambia.Cvd. E' ingiusto avere anche un regime fiscale che ti porta via oltre il 40% dello stipendio, ma c'ho non ti da il diritto di essere un evasore fiscale.
            Ma sono nella situazione di decidere se darglieli
            o
            no.No, tu stai dicendo il contrario: tu non dai e vuoi solo ricevere. Punto. Altrimenti non starei certo qui a risponderti.
            Questo non puoi saperlo (potrei aver bisogno di
            usare un certo programma su un 286, ad esempio,
            perchè è collegato a periferiche non piu'
            compatibili con i modelli
            successivi)Non trollare... su!
            Comunque, non è nemmeno "assolutamente
            necessario" avere le versioni successive di
            Windows (in particolare, quelle non ancora
            rilasciate); quindi, non è nemmeno necessaria la
            Microsoft, e se fallisse, potremmo rinunciare
            tranquillamente ai suoi prodotti. Perchè mai,
            quindi, dovremmo
            sostenerla?Ovviamente. Si chiama mercato. Tu non compri, tu non usi.Ma questo non lo capisci. Tu non compri, ma lo stesso usi.Angros New Economy!
            Qualche esempio, nei VG? Dimmi una alternativa a
            Super Mario, ad esempio (e te ne ho messo uno
            facile)Io non ne conosco, e per quello che la gente compra Mario, e angros invece che comprarlo lo scarica :p alla faccia dei poveri fessi che ingrassano la cara azienda nippon, giusto così eh?!?!Ps.Ma sei tu o un eMulo... non so mai se parlo col vero angros oppure col contraffatto...
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Cvd. E' ingiusto avere anche un regime fiscale
            che ti porta via oltre il 40% dello stipendio, ma
            c'ho non ti da il diritto di essere un evasore
            fiscale.E se tu fossi uno schiavo, non tenteresti di liberarti? (p.s. quel "c'ho" che hai scritto è fantastico!)


            Ma sono nella situazione di decidere se
            darglieli

            o

            no.

            No, tu stai dicendo il contrario: tu non dai e
            vuoi solo ricevere. Punto. Altrimenti non starei
            certo qui a
            risponderti.Io posso scegliere se darti i soldi o no. Tu puoi scegliere se produrre o no.Se io non do i soldi a te, ma a un altro, poi l'altro può decidere di dare i soldi a te (io non posso controllare che fine faranno i miei soldi, dopo che li ho dati via); se tu non dai il tuo programma a me, ma a un altro, l'altro può poi decidere di passarlo a me (masterizzandomi un cd, ad esempio)


            Questo non puoi saperlo (potrei aver bisogno di

            usare un certo programma su un 286, ad esempio,

            perchè è collegato a periferiche non piu'

            compatibili con i modelli

            successivi)

            Non trollare... su!Purtroppo non sto trollando... mi è capitata davvero, sul lavoro, una cosa del genere (non era Windows, era OS2, ma il concetto è lo stesso)

            Comunque, non è nemmeno "assolutamente

            necessario" avere le versioni successive di

            Windows (in particolare, quelle non ancora

            rilasciate); quindi, non è nemmeno necessaria la

            Microsoft, e se fallisse, potremmo rinunciare

            tranquillamente ai suoi prodotti. Perchè mai,

            quindi, dovremmo

            sostenerla?

            Ovviamente. Si chiama mercato. Tu non compri, tu
            non
            usi.
            Ma questo non lo capisci. Tu non compri, ma lo
            stesso
            usi.Io non compro, io non uso la tua copia: mi faccio la copia da solo.Io compro da te una patata: io pianto la patata, nasce una pianta, fa tante patate, io mangio una patata, io regalo altre patate ai miei vicini.Mio vicino, che non compra patate, riceve patate in regalo e mangia patate.Io compro da te un cd:io masterizzo il cd, faccio tante copie, io uso una copia, io regalo altre copie ai miei vicini.Mio vicino, che non compra cd, riceve cd in regalo e usa cd.Capito mi hai?

            Angros New Economy!


            Qualche esempio, nei VG? Dimmi una alternativa a

            Super Mario, ad esempio (e te ne ho messo uno

            facile)

            Io non ne conosco, e per quello che la gente
            compra Mario, e angros invece che comprarlo lo
            scarica :p alla faccia dei poveri fessi che
            ingrassano la cara azienda nippon, giusto così
            eh?!?!Dài, e ti avevo anche detto che era facile: Giana Sisters ti dice niente?[yt]YMTdr026bZU[/yt]


            Ps.
            Ma sei tu o un eMulo... non so mai se parlo col
            vero angros oppure col
            contraffatto...PI ha vinto il premio "Eroe della privacy" proprio perchè garantisce il completo anonimato ai suoi utenti...Comunque, sono quello vero (ma se fossi un impostore, ti direi la stessa cosa, quindi come fai a sapere se devi credermi o no? :-P )
        • angros scrive:
          Re: Chi fa giochi seri...

          Esistono diverse raccolte sulle attuali console
          (Wii, PS3, X360) con giochi che tu definiresti
          "abandonware": parlo dei coin-up degli anni 80/90
          e i giochi per C64/atari/ecc... piattaforme ora
          scomparse.Che sono scaricabili gratuitamente dai siti di abandonware: in pratica, chi realizza queste raccolte ti mette solo un emulatore già configurto (visto che non tutti sono capaci di farselo da soli)

          Esiste ancora l'abandoware?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros

            Che sono scaricabili gratuitamente dai siti di
            abandonware: in pratica, chi realizza queste
            raccolte ti mette solo un emulatore già
            configurto (visto che non tutti sono capaci di
            farselo da
            soli)
            Difatti molti dei giochi che sono offerti da questi siti sono illegali.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Difatti molti dei giochi che sono offerti da
            questi siti sono
            illegali.Ma i produttori non contestano (non ne hanno motivo: e poi, a volte non si sa nemmeno piu' a chi appartengano i diritti); se loro non protestano, nessun altro può farlo.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros

            Difatti molti dei giochi che sono offerti da

            questi siti sono

            illegali.

            Ma i produttori non contestano (non ne hanno
            motivo: e poi, a volte non si sa nemmeno piu' a
            chi appartengano i diritti); se loro non
            protestano, nessun altro può
            farlo.E' sempre una questione di costi-beneficio.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            E' sempre una questione di costi-beneficio.E che beneficio avresti, visto che comunque non te l'avrei mai comprato (non l'ho fatto quando potevo)?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros

            E' sempre una questione di costi-beneficio.

            E che beneficio avresti, visto che comunque non
            te l'avrei mai comprato (non l'ho fatto quando
            potevo)?Solo perchè non fanno azioni legali non vuol dire che l'abbiano abbandonato.Il mondo è pieno di gente strana, e vuoi che non ci sia qualche neo-tycoon-nerd intenzionato ad acquistare i diritti di un dato prodotto videoludico degli anni 90, per far cosa non lo so, ma neghi a priori questa possiblità?Il mio punto è: l'abandoware non esiste.
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...

            Solo perchè non fanno azioni legali non vuol dire
            che l'abbiano
            abbandonato.È evidente, allora, che non conosci i principi di base del diritto: Vigilantibus non dormientibus iura succurrunt
            Il mondo è pieno di gente strana, e vuoi che non
            ci sia qualche neo-tycoon-nerd intenzionato ad
            acquistare i diritti di un dato prodotto
            videoludico degli anni 90, per far cosa non lo
            so, ma neghi a priori questa
            possiblità?Sì, nel modo piu' assoluto, totale e irreversibile. Chi vuole tenersi questa possibilità è un ladro e un truffatore, e merita di fallire, per tre generazioni.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: angros
            È evidente, allora, che non conosci i principi di
            base del
            diritto:

            Vigilantibus non dormientibus iura
            succurrunt Vallo a dimostrare.Detto poi da una persona che non capisce nemmeno gli art. di legge, che pulpito!
            Sì, nel modo piu' assoluto, totale e
            irreversibile. Chi vuole tenersi questa
            possibilità è un ladro e un truffatore, e merita
            di fallire, per tre
            generazioni.Che toni biblici!"... e con te, i figli dei figli dei tuoi figli saranno maledetti! Ove tu andrai, un pirata di nome angros troverai...!"A certe frasi posso solo che risponderti, lassia stare :p
          • angros scrive:
            Re: Chi fa giochi seri...
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: angros

            È evidente, allora, che non conosci i principi
            di

            base del

            diritto:



            Vigilantibus non dormientibus iura

            succurrunt

            Vallo a dimostrare.http://it.wikipedia.org/wiki/Vigilantibus_non_dormientibus_iura_succurrunt
            Detto poi da una persona che non capisce nemmeno
            gli art. di legge, che
            pulpito!
            Detto da una persona che non riesce neanche a leggere gli articoli di legge completi:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2902342&m=2904278#p2904278e non è la prima volta:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2855689&m=2857443#p2857443
    • Wolf01 scrive:
      Re: Chi fa giochi seri...
      - Scritto da: ThEnOra
      Te lo dice uno che si è
      comprato, dal 98 ad oggi, tre volte lo stesso
      gioco (StarCraft) proprio per la parte
      online.Pure tu?Con Starcraft 2 mi arriva la 4a, visto che è inserita nella collector edition nella piastrina di riconoscimento/pendrive :P
  • Undertaker scrive:
    La blizzard USA un drm
    .. se non hai pagato l'abbonamento e non sei registrato nei loro server non puoi collegarti e non giochi.Piú Drm di cosí.
    • urrr scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      stai parlando del loro MMO?Un gioco in costante aggiornamento, con sempre nuovi contenuti, con il quale puoi giocare online SUI LORO SERVER insieme a migliaia di altre persone?...e pensi te lo diano gratisse?fatti un favore: stai zitto ed evita le figure da idiota che hai appena fatto...
      • Africano scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: urrr
        stai parlando del loro MMO?

        Un gioco in costante aggiornamento, con sempre
        nuovi contenuti, con il quale puoi giocare online
        SUI LORO SERVER insieme a migliaia di altre
        persone?

        ...e pensi te lo diano gratisse?mi sembra stia dicendo l'opposto, visto che hanno modo di farsi pagare servizi il drm non gli serve più, oltre che non è mai servito a granché.
    • angros scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      Siamo più nel cloud gaming che nel DRM.Offrono alcuni servizi che non si possono avere senza essere connessi ai loro server. Dire che questo è un DRM è come dire che Google ha il DRM, perchè non puoi usare il motore di ricerca se non sei connesso al server di Google.
      • Africano scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: angros
        Siamo più nel cloud gaming che nel DRM.

        Offrono alcuni servizi che non si possono avere
        senza essere connessi ai loro server.


        Dire che questo è un DRM Non lo è, ma fa notare che se offri servizi ne puoi ottenere gli effetti in un altro modo.
        è come dire che Google
        ha il DRM, perchè non puoi usare il motore di
        ricerca se non sei connesso al server di
        Google.ma google non te lo fa pagare, non sfrutta la dipendenza dai server per obbligarti a pagare un canone, google li sfrutta per attrarre utenti, se rimangono soddisfatti attraggono business, l'utente non paga la dipendenza dai server.
      • ARGH scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: angros
        Siamo più nel cloud gaming che nel DRM.

        Offrono alcuni servizi che non si possono avere
        senza essere connessi ai loro server.
        Mica vero, di server WoW free ce ne sono a bizzeffe, e non è troppo difficile farsene uno proprio (i forum sono pieni)
    • Sgabbio scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      Non confondiamo WOW con diablo 3 e Stracraft II.
    • Anonymous scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      - Scritto da: Undertaker
      .. se non hai pagato l'abbonamento e non sei
      registrato nei loro server non puoi collegarti e
      non
      giochi.

      Piú Drm di cosí.Lascia perdere. Piuttosto, sai qual è il loro DRM? Mai sentito parlare del Warden?Quell'affare, dentro i sistemi, controlla ogni cosa: scansiona la memoria ed informa gli host remoti se ti stai connettendo ad un server lecito oppure no. Symantec ha avuto le settimane scorse, un falso positivo riguardo WoW. Ecco, semplicemente il NAV è stato troppo zelante, identificando il Warden come malware (perchè effettivamente lo è).Una chiamata infuriata dalle alte sfere di Blizzard, a Symantec, ed i tali si son subito scusati, facendo sparire tutto quanto.
      • Sgabbio scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        Per una volta che facevano il loro dovere....
      • Ubunto scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        Warden ufficialmente è uno scanner dei processi attivi in memoria, serve ad impedire l'uso di cheat, non a verificare se giochi su un server privato.Tant'è che esiste anche una sua implementazione per i server privati. :)
        • Africano scrive:
          Re: La blizzard USA un drm
          - Scritto da: Ubunto
          Warden ufficialmente è uno scanner dei processi
          attivi in memoria, serve ad impedire l'uso di
          cheat, non a verificare se giochi su un server
          privato.Piuttosto invasivo in locale però, non basterebbe implementare nel codice cheat, se gli servono, che si auto rivelano. SpeXXXX perché non seguo proprio i meccanismi dell'online. In locale il problema evidentemente non sussiste.
          Tant'è che esiste anche una sua implementazione
          per i server privati.
          :)Che sarebbe forse l'ambito più adeguato.
      • Africano scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: Anonymous

        Lascia perdere. Piuttosto, sai qual è il loro
        DRM? Mai sentito parlare del
        Warden?
        Quell'affare, dentro i sistemi, controlla ogni
        cosa: scansiona la memoria ed informa gli host
        remoti se ti stai connettendo ad un server lecito
        oppure no. Symantec ha avuto le settimane scorse,
        un falso positivo riguardo WoW. Ecco,
        semplicemente il NAV è stato troppo zelante,
        identificando il Warden come malware (perchè
        effettivamente lo
        è).
        Una chiamata infuriata dalle alte sfere di
        Blizzard, a Symantec, ed i tali si son subito
        scusati, facendo sparire tutto
        quanto.Esiste qualche raffigurazione di tale Warden, ci giocavo a wow col 486 e all'epoca c'erano orchi e non mi ricordo, ma questo come mostro mi pare più altolocato, ha terrorizzato pure i guardiani del pc!La storia si fa interessante, e altri guardiani ancora sonnecchiano e Warden si sta accasando?Ma è storia o leggenda?
    • Talking Head scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      Il controllo c'è per usufruire del servizio online. Se scarichi WoW e lo usi su server esterni nessuno ti ferma. Non vedo dove sia il DRM. Se scarichi WCIII ci giochi e non ti ferma nessuno se non vai online.Farsi pagare per i servizi paralleli (gioco online su tutti) é esattamente quello che si chiede alle compagnie. Nessuno gli vieta di fare profitti, o vuole obbligarle a offrire servizi gratuitamente.Non confondiamo le cose, non si fa bene al movimento pirata. Se una compagnia vuole la conferma dell'acquisto per offrirti un servizio aggiuntivo non ha niente a che vedere con i DRM.
      • Undertaker scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: Talking Head
        Il controllo c'è per usufruire del servizio
        online. Se scarichi WoW e lo usi su server
        esterni nessuno ti ferma. Non vedo dove sia il
        DRM. Se scarichi WCIII ci giochi e non ti ferma
        nessuno se non vai
        online.fammi capire, se fosse possibile creare credenziali d'acXXXXX per WOW con un keygen e fosse possibile collegarsi indiscriminatamente senza pagare credi che quelli del "movimento pirata" non si collegherebbero a milioni senza pagare ?Invece cé un controllo delle credenziali d'acXXXXX e non é possibile collegarsi contemporaneamente con le stesse credenziali.Quindi cé un controllo, quindi cé un meccanismo analogo al drm.Naturalmente se non ci fossero questi meccanismi di controllo tutti si collegherebbero a sbafo e anche blizzard dovrebbe chiudere
        • Sgabbio scrive:
          Re: La blizzard USA un drm
          - Scritto da: Undertaker
          fammi capire, se fosse possibile creare
          credenziali d'acXXXXX per WOW con un keygen e
          fosse possibile collegarsi indiscriminatamente
          senza pagare credi che quelli del "movimento
          pirata" non si collegherebbero a milioni senza
          pagare
          ?Ci sono delle crack per giocare su server privati, molto più semplice che star li a creare credenziali false.
          Invece cé un controllo delle credenziali
          d'acXXXXX e non é possibile collegarsi
          contemporaneamente con le stesse
          credenziali.
          Quindi cé un controllo, quindi cé un meccanismo
          analogo al
          drm.Non diciamo idiozie....Anche su MSN non è possibile collegarsi contemporaneamente in due posti con le stesse credenziali....
          Naturalmente se non ci fossero questi meccanismi
          di controllo tutti si collegherebbero a sbafo e
          anche blizzard dovrebbe
          chiudereSi vabbè, buona notte.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Sono collegato 24/7 a casa a MSN e mi collego pure al lavoro con lo stesso account, e a casa leggo pure le conversazioni che ho fatto al lavoro.
          • ARGH scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Sgabbio[...]
            Ci sono delle crack per giocare su server
            privati, molto più semplice che star li a creare
            credenziali
            false.[...]E da quando servono "delle" (???) crack per giocare a wow su server privati ?
        • Africano scrive:
          Re: La blizzard USA un drm
          - Scritto da: Undertaker
          quelli del "movimento
          pirata" non si collegherebbero a milioni senza
          pagare
          ?movimento pirata? Quelli che non sono utonti insomma.A milioni? Perché i "pirati" se ci tieni a beccarli meglio che in casa dove li puoi prendere? E poi non lo sanno quanti hanno pagato e quanti giocano? Gli stanno copiando il cd e non se ne accorgono?
        • angros scrive:
          Re: La blizzard USA un drm

          fammi capire, se fosse possibile creare
          credenziali d'acXXXXX per WOW con un keygen e
          fosse possibile collegarsi indiscriminatamente
          senza pagare credi che quelli del "movimento
          pirata" non si collegherebbero a milioni senza
          pagare
          ?Ma se cambi chiave di acXXXXX ogni volta devi sempre ripartire da zero!
          Invece cé un controllo delle credenziali
          d'acXXXXX e non é possibile collegarsi
          contemporaneamente con le stesse
          credenziali.Lo credo bene! Le tue credenziali ti permettono di accedere al tuo personaggio, e se lo stai usando tu non può usarlo un altro! In una chat, due persone diverse non possono accedere allo stesso account, per lo stesso motivo. Ma non puoi chiamare drm una cosa del genere.
          Quindi cé un controllo, quindi cé un meccanismo
          analogo al
          drm.Lo stesso "meccanismo di controllo" (autenticazione tramite password) c'è anche sulla posta elettronica, e anche sui forum. Ti sembra forse che posta elettronica e forum abbiano un drm?

          Naturalmente se non ci fossero questi meccanismi
          di controllo tutti si collegherebbero a sbafo e
          anche blizzard dovrebbe
          chiudereChe ca22o stai dicendo? Se due persone potessero collegarsi allo stesso account, mentre giochi vedresti il tuo personaggio che fa delle mosse diverse da quelle che volevi (perchè non sei solo tu che lo stai controllando).Comunque, ipotizziamo pure che sia possibile collegarsi a sbafo: la blizzard, appena si accorge che ci sono più utenti di quelli che dovrebbero, fermerebbe il server, poi lo farebbe ripartire dopo averlo modificato mettendo una password: e chi si era collegato a sbafo non potrà più farlo, non avendo la password.Con il drm, invece, se tutti cominciano a piratare il tuo gioco, tu non puoi fermarlo, perchè non gira sul tuo computer. E anche se chiudi, chi ha piratato il gioco manco se ne accorge e continua a giocare.
      • Africano scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: Talking Head
        Il controllo c'è per usufruire del servizio
        online.Se è invasivo dovrebbero rivederlo, per giocare da loro si deve passare dai loro server, lì dovrebbero controllare il biglietto.
    • deathspell scrive:
      Re: La blizzard USA un drm
      - Scritto da: Undertaker
      .. se non hai pagato l'abbonamento e non sei
      registrato nei loro server non puoi collegarti e
      non
      giochi.

      Piú Drm di cosí.Ma hai una seppur vaga idea di cosa stai parlando?Fatti un giro su wow e poi prova a spanne a valutare le caratteristiche hardware che sarebbero necessarie per far girare lo stesso gioco con lo stesso quantitativo di player in assenza di server che hostassero e gestissero la mareggiata di dati non residenti sul client.Vedi la sola idea di giocare un mmorpg su server unofficial è una sciocchezza.Ah per quanti si lamentano del warden solo una piccola precisazione ... warden scansiona la memoria del pc anche e soprattutto a caccia di key logger visto che il mercato parallelo della vendita di gold è talmente fiorente che l'uso più tipico è XXXXXXX gli account di qualcun altro per svuotarli.Ergo è più un antivirus (o meglio antimalaware) che un drm o un malaware esso stesso.In ogni caso Blizzard sa perfettamente come fidelizzare i propri clienti visto che tra un'espansione e l'altra rilascia molteplici patch che sono esse stesse delle vere e proprie espansioni incluse nel prezzo di acquisto del gioco ... e scusate se è poco.Tanto per dare un metro in wow nell'arco di un anno e mezzo hanno rilasciato qualcosa come 3 patch con nuovi contenuti oltre a una decina di patch minori per ottimizzare il giocoE la pirateria (o meglio chi gioca su server privati) non sono certo un problema per una società che incassa qualcosa come 15 euro al mese (circa) da 11 milioni di giocatori (soddisfatti) nel modo.Certo la differenza tra chi mira ai drm e blizzard è che i primi vorrebbero guadagnare 10 anni senza fare una mazza che non sia contare i soldi, mentre i secondi continuano a lavorare ogni mese.
      • Africano scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        - Scritto da: deathspell

        Ma hai una seppur vaga idea di cosa stai parlando?

        Ah per quanti si lamentano del warden solo una
        piccola precisazione ... warden scansiona la
        memoria del pc fico
        • deathspell scrive:
          Re: La blizzard USA un drm
          Non capisco se volevi essere ironico ... cmq anche un antivirus scansiona la memoria
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: deathspell
            Non capisco se volevi essere ironico ...un pochino ;)
            cmq
            anche un antivirus scansiona la
            memoriaA vantaggio di?Fa una certa differenza.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            In teoria per beccare i virus, in pratica per farseli scappare e appesantire il sistema perchè ormai i virus sono "furbi" e si caricano prima dell'antivirus rendendo di fatto quasi completamente inutile la scansione real-time.
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            In teoria per beccare i virus, in pratica per
            farseli scappare e appesantire il sistema perchè
            ormai i virus sono "furbi" e si caricano prima
            dell'antivirus rendendo di fatto quasi
            completamente inutile la scansione
            real-time.Intendevo che l'antivirus è al tuo servizio, Warden invece? Chi ti stai mettendo in casa con quei diritti delicati?E se passasse come pratica? Che diventerebbe un pc?
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Non pensare che l'antivirus sia al tuo servizio più di quanto lo sia Warden o Punkbuster
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            Non pensare che l'antivirus sia al tuo servizio
            più di quanto lo sia Warden o
            PunkbusterAl mio no di sicuro, ma almeno ha quella motivazione lecita, dovrebbe fare il tuo interesse, quelli invece?Un conto è il tuo maggiordomo, un altro è un tipo che controlla te per altri e dentro casa tua!!!
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Anche quelli fanno il mio interesse liberandomi, io che magari voglio giocare onestamente senza sotterfugi, da chi si fa invece "assistere" dal pc perchè non è capace o vuole vincere a tutti i costi.
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            Anche quelli fanno il mio interesse liberandomi,Il tuo interesse cosa ha che fare cogli interessi degli altri?
            io che magari voglio giocare onestamente senza
            sotterfugi, da chi si fa invece "assistere" dal
            pc perchè non è capace o vuole vincere a tutti i
            costi.Imho, è legittimo, ma ci passi dai loro sever? Non sono pratico, ma il codice non è loro? le cheat non le mettono loro? Hanno proprio bisogno di infilare spioni nei pc?Concettualmente non è accettabile, l'antivirus tenta di bloccare attività non volute dall'utente non l'utente stesso. Comanda l'antivirus o l'utente?Sarebbe difficile inserire cheat che si rivelano nei server di chi ha scritto il codice? Ti ripeto, non è un campo di mio interesse, potrei non sapere alcuni meccanismi, ma la soluzione mi sembra troppo invandente e viziata da un agente in concorrenza colla volontà dell'utente.In più apre la porta alla caccia a Warden, al suo addomesticamento, credo che sia il tipo di meta gioco che interessa parecchi.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            No, non hai capito.C'è gente che usa programmi esterni per cheattare su WoW facendogli fare delle azioni automaticamente che magari richiedono 4 o 5 click o tasti premuti.E questa è la pratica più semplice.Facendo dei dump della memoria e altre robacce da trainer è possibile sfruttare delle peculiarità del gioco per prevalere sugli altri.Su Diablo 2 ricordo che con un trainer era possibile visualizzare sulla mappa la posizione dei nemici e dei forzieri, raccogliere tutto quello che c'era attorno al personaggio con un tasto e pure ripristinarsi la vita automaticamente e senza usare pozioni, per non parlare di tutte le altre cose assolutamente inopportune da fare soprattutto in multiplayer quali l'invincibilità, le armi personalizzate etc.Warden non fa altro che controllare la presenza di software caricato in memoria che applica queste modifiche, al fine di garantire a tutti la stessa esperienza di gioco.L'antivirus dovrebbe appunto fare il suo lavoro, ma di rado lo fa, almeno nel mio pc, fai conto che mi accorgo prima io di lui quando prendo qualche XXXXXno e lo ammazzo a manina che l'antivirus non ha ancora capito cosa fare (specialmente quando vado in cerca di keygen, crack o roba varie), un po' perchè prima avvio qualsiasi programma in un'area virtuale dove non può far danni (Sandboxie), un po' perchè l'antivirus non serve a niente contro queste minacce, l'unica roba che riesce a scovare subito sono le chiavette infette degli amici...Inoltre un'antivirus ti appesantisce in modo assurdo il pc, ti rallenta la navigazione, ti controlla ogni email in entrata facendoti aspettare che abbia finito il suo lavoretto, magari quando hai grossi allegati.Poi sai tu se quello invia anche dati su che, quando e come hai preso il virus alla sua casa madre?
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            No, le cheat sono si messe dagli sviluppatori all'interno dei giochi, ma solitamente sono possibili sono in single player, vedi ad esempio Starcraft.Riguardo i trainer, questi sono software sviluppati da terzi, facendo il reverse engineering della memoria o dei file caricati dal gioco, o dell'eseguibile stesso.Praticamente intercetti un'operazione, la blocchi e ne invii invece un'altra tramite degli hook nella "memoria".Certi giochi, ad esempio Enemy Territory o Quake 3 o altri basati sullo stesso engine, prevedono la possibilità di farsi degli script personalizzati, io ad esempio avevo uno script che mi permetteva di ridurre sensibilmente il rinXXXX del fucile da cecchino, praticamente quando cliccavo per sparare automaticamente abbassava la visuale e la riportava in posizione permettendomi di sparare nuovamente nello stesso identico punto ad 1/4 del tempo che ci avrei messo a reinquadrarlo manualmente.Se invece questo venisse fatto da un software esterno al gioco, mettiamo che faccia il targeting automatico in modo da seguire e sparare sempre in testa automaticamente senza neanche prendere la mira, verrebbe intercettato da Punkbuster (la controparte di Warden) e ti troveresti bannato dal server.Una cosa è usare quello che mettono a disposizione gli sviluppatori, un'altra è semplicemente barare alla grande, e Warden serve ad eliminare i bari consentendo a tutti un gioco equilibrato, nei limiti del possibile.Warden non è un DRM, è un sistema di moderazione, e non lavora a livello di root perchè il controllo della memoria lo puoi fare tranquillamente con qualsiasi software con 4 righe di codice, visto che Windows mette le librerie a disposizione per farlo.
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            No, le cheat sono si messe dagli sviluppatori
            all'interno dei giochi, ma solitamente sono
            possibili sono in single player, vedi ad esempio
            Starcraft.Quindi per queste non serve Warden?

            Riguardo i trainer, questi sono software
            sviluppati da terzi, facendo il reverse
            engineering della memoria o dei file caricati dal
            gioco, o dell'eseguibile
            stesso.
            Praticamente intercetti un'operazione, la blocchi
            e ne invii invece un'altra tramite degli hook
            nella
            "memoria".
            Certi giochi, ad esempio Enemy Territory o Quake
            3 o altri basati sullo stesso engine, prevedono
            la possibilità di farsi degli script
            personalizzati, io ad esempio avevo uno script
            che mi permetteva di ridurre sensibilmente il
            rinXXXX del fucile da cecchino, praticamente
            quando cliccavo per sparare automaticamente
            abbassava la visuale e la riportava in posizione
            permettendomi di sparare nuovamente nello stesso
            identico punto ad 1/4 del tempo che ci avrei
            messo a reinquadrarlo
            manualmente.
            Se invece questo venisse fatto da un software
            esterno al gioco, mettiamo che faccia il
            targeting automatico in modo da seguire e sparare
            sempre in testa automaticamente senza neanche
            prendere la mira, verrebbe intercettato da
            Punkbuster (la controparte di Warden) e ti
            troveresti bannato dal
            server.ok, ma il server non ha modo di accorgersene senza Warden on site? Non ha modo di renderlo non praticabile? Non ha modo di fare andare in giro i Warden per il gioco a caccia dei più abili per provare davvero di che abilità si tratti?Ipotizzo, un personaggio Warden travestito, battibile solo oltre un limite di velocità e precisione che funge da sentinella, lo batti e sei sgamato.

            Una cosa è usare quello che mettono a
            disposizione gli sviluppatori,Che però ho l'impressione aprano la porta ai XXXXXX che non c'erano offline.
            un'altra è
            semplicemente barare alla grande, e Warden serve
            ad eliminare i bari consentendo a tutti un gioco
            equilibrato, nei limiti del
            possibile.Lo so che serve, non mi piace come serve.

            Warden non è un DRM, è un sistema di moderazione,Molto invasivo.
            e non lavora a livello di root perchè ilMa si sovrappone, controlla che fai il root educato, e quando si comincia di solito sono tutti educati ma poi ci sono le tentazioni.
            controllo della memoria lo puoi fare
            tranquillamente con qualsiasi software con 4
            righe di codice, visto che Windows mette le
            librerie a disposizione per
            farlo.Ma quelli sono al tuo servizio non al servizio di terzi per controllare te.Tu accetti il controllo perché poi tutti si gioca regolare, ma intanto Warden ce l'hai in casa. E on site non ha lui stesso vulnerabilità? E se queste poi non venissero sfruttate per il gioco ma per altro?
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Bhe le cheat sono cheat, e non è questo il caso in cui interviene Warden/Punkbuster o come lo si vuole chiamare.Le cheat sono legali appunto perchè introdotte dagli sviluppatori per il solo gioco single player, infatti come già detto in multi non funzionano proprio.I trainer invece modificano la memoria del gioco lato client, prendiamo ad esempio un trainer che ti mostra nella mappa la posizione di tutti i forzieri del gioco perchè la loro posizione è conosciuta, ma non a te, solo al gioco.Oppure un programmino che ti permette di attivare degli oggetti in successione spostandoli dall'inventario alla cintura in un tempo brevissimo, magari non troppo breve in modo che un giocatore superesperto riesca a farlo a mano ma il primo venuto sicuramente già farà fatica ad aprire l'inventario e cercare l'oggetto... però con questo programmino già avrebbe un aiuto rispetto ad altri.Oppure prendi ad esempio Tekken, se hai un programmino che ti fa le combo a comando, il tuo avversario si trova decisamente spiazzato, che gusto ci prova a combattere contro di te, dove non c'è differenza tra te e un IA settata a livello folle?Praticamente come già detto, non sono DRM ma sono anti-bari o anti-cheat se proprio così li si vuole chiamare (to cheat = barare)
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Ti chiedo, tutte queste possibilità concesse dal codice ai bari, sono ineliminabili o discendono dalla impostazione data?Per come la vedo io, tra il codice del gioco sul client e quello online dovrebbe essere possibili bloccare i bari senza ricorrere a un Warden on site, imho.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Non è possibile eliminare queste modifiche, a meno che non ci si metta a criptare anche la memoria.Infatti queste modifiche sono fatte modificando delle aree di memoria attraverso il reverse engineering.Un po' come i bari in casinò, quelli che contano le carte, non puoi modificare le carte per non farle contare, puoi solo mettere qualcuno al banco che si accorga del baro.Ma ancora non capisco che fastidio ti dia Warden, se non fai niente di illegale che problema è?Mica va a dire a Blizzard che stai guardando pornazzi.
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            Non è possibile eliminare queste modifiche, a
            meno che non ci si metta a criptare anche la
            memoria.
            Infatti queste modifiche sono fatte modificando
            delle aree di memoria attraverso il reverse
            engineering.E warden non potrebbe pure finire rivoltato lui?
            Un po' come i bari in casinò, quelli che contano
            le carte, non puoi modificare le carte per non
            farle contare, puoi solo mettere qualcuno al
            banco che si accorga del
            baro.I casinò fanno controlli di tutti i tipi, a partire di chi sta vincendo troppo, non controllano certo pure chi perde, fanno pure quello nei casi più estremi, ma non accompagnano ogni giocatore con un controllore, e ai casinò sei a casa loro, come quando sei online.
            Ma ancora non capisco che fastidio ti dia Warden,
            se non fai niente di illegale che problema
            è?La logica, ti metti in casa un servitore di altri.
            Mica va a dire a Blizzard che stai guardando
            pornazzi.Credo di no, ma può fare da apripista, poi nel mucchio non si sa più quanta aperta sia diventata la tua casa.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Bho, non ho capito se stai tentando di convincermi che è una cosa malvagia o cos'altro.Non riesco a farti capire che è un controllo per poter giocare in pace tutti tranquilli e non un grande fratello spione.Sinceramente preferisco più una cosa come Warden o Punkbuster che mi gira per il pc solo quando il gioco è avviato che un antivirus che chissà cosa fa con i miei file, visto che può controllarli tutti potrebbe anche scovare chi fa uso della pedoXXXXXgrafia no?
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: Wolf01
            Bho, non ho capito se stai tentando di
            convincermi che è una cosa malvagia o
            cos'altro.Hai presente come funzionano i bug? Approfittano degli spazi che gli sono concessi, dai bug si passa alle vulnerabilità, se un sistema offre quegli spazi ai bug, ti funzionerà lo stesso ma non si sa più cosa potrebbe succedere. Quindi imho, è meglio non darglieli quegli spazi, non fare entrare in casa potenziale malware.Non sto dicendo che warden sia malvagio, ma che la sua attività è rischiosa specie se sarà considerata normale. Rischiosa non necessariamente a causa di warden, ma se si afferma questa linea ci potrebbero essere molti altri warden con tanti altri buggetti.
            Non riesco a farti capire che è un controllo per
            poter giocare in pace tutti tranquilli e non un
            grande fratello
            spione.Secondo te non l'ho capito? È come lo fa che è potenzialmente pericoloso.
            Sinceramente preferisco più una cosa come Warden
            o Punkbuster che mi gira per il pc solo quando il
            gioco è avviato che un antivirus che chissà cosa
            fa con i miei file, visto che può controllarli
            tutti potrebbe anche scovare chi fa uso della
            pedoXXXXXgrafia
            no?C'entra? Intanto non si tratta solo del materiale che vorresti nascondere, sai forse i limiti di un warden malvagio? Imho, la tua macchina sarebbe sua, tutto compreso anche i dindini eventualmente. Non sembra una cosa con cui giocarci.Poi l'antivirus non è pertinente, quello è al tuo servizio, lavora per te controllando il pc, warden invece controlla te, sei tu che dipendi da lui, e per farlo deve avere privilegi che passano da te a chi?Poi gli antivirus in realtà non ci dovrebbero essere, il sistema non ne dovrebbe avere bisogno, ci sono nei sistemi inaffidabili.Imho, si potrebbero trovare soluzioni che raggiungano lo stesso scopo senza bisogno di warden on site.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Africano, Warden non fa altro che controllare se in memoria stanno girando processi che dispongono di hook per andare a modificare la memoria di altri programmi, quali trainer, keyboard hooks (vedesi autohotkey) e talvolta emulatori di periferiche virtuali (tipo alcohol120% anche se non è questo il caso).Usa funzioni documentate e pubblicamente disponibili del sistema operativo.Pure io ho fatto una shell alternativa ad explorer con tanto di barra dei task ed enumerazione delle periferiche rimovibili.E pensa che in 10 minuti con VB.Net riesci a fare un task manager praticamente completo e molto più "potente" di quello integrato in windows.Non vedo sinceramente dove sia il problema, mica ti controlla cosa hai nel pc? Controlla solo cosa è caricato in memoria in quel momento.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            Lo so come funziona, sono un programmatore di professione.Comunque sinceramente ti stai preoccupando troppo, questa è una feature che hanno chiesto gli utenti per poter essere tutelati.Non dico che sia la sicurezza completa e magari è un po' troppo zelante ad intercettare anche software legit, ad esempio quelli della Logitech per la configurazione dei tasti multimediali (infatti dicono di disattivare il programma prima di avviare WoW).Però secondo me stai facendo tanto chiasso per nulla, il sistema non è abusato, almeno finora, quando lo sarà allora probabilmente la gente sarà restia ad installare e giocare a WoW.Io ti dico, sono MOLTO più preoccupato degli antivirus.Spybot ad esempio ti dice negli elementi in esecuzione automatica cosa c'è di anomalo, cosa potrebbe servire cosa può essere disattivato tranquillamente.E una volta mi è pure comparso un software di gestione Realtek, installato con i driver e utilizzato per la configurazione della scheda audio, conosciuto per spiare l'utente inviando informazioni sull'utilizzo della periferica audio, metti che registra quello che sente col microfono?E se un giorno usassero gli antivirus per scoprire crack, mp3 illegali, XXXXXgrafia etc?Non sei preoccupato di tutto ciò?Warden non ti limita in alcun modo, oh bhe, ti chiede solo di disattivare certi software, manco di disinstallarli, se vuoi giocare a WoW.Qualche software si rifiuta addirittura di installarsi se nel sistema è presente un software di emulazione hardware o un suo software concorrente.E quelli fanno ben più di una scansione della memoria.
          • deathspell scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            si vede che non giochi a wow perchè l'idea che qualcuno possa scammarti l'account personale su cui ha messo passione magari per qualche annetto per fregarti quello che avevi sopra per rivenderselo di certo ti indurrebbe a vedere il warden come un sistema proporzionato alle finalità che persegue (bloccare keylogger ed altra spazzatura).in ogni caso, da giocatore abbastanza assiduo di wow, non vedo alcuna minaccia alla mia privacy da warden, ne giudico sproporzionato il costo mensile che mi viene addebitato in rapporto al servizio offerto.valutazioni soggettive, certo, ma venire a sostenere che blizzard usi un drm quando il client di gioco lo posso piazzare su un hd esterno e giocare su qualsiasi computer senza necessità di nessuna installazione ne tantomeno il posseso dei cd originali (che giacciono su uno scaffale di casa da anni) mi sembra una forzatura bella e buona.in ogni caso trovami un altro publisher che ti offra una cosa paragonabile a questa:https://eu.battle.net/account/creation/wow/signup/
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: deathspell
            si vede che non giochi a wowMi sembra di averlo detto, ci giocavo all'epoca del 486 e forse era pure la demo.
            perchè l'idea che
            qualcuno possa scammarti l'account personale su
            cui ha messo passione magari per qualche annettonon mi sembra poi così terribile, ci dovrebbero essere altri account da proteggere da ogni genere di Warden
            per fregarti quello che avevi sopra per
            rivenderselo di certo ti indurrebbe a vedere il
            warden come un sistema proporzionato alle
            finalità che persegue (bloccare keylogger ed
            altra
            spazzatura).Ti ripeto, non lo lascerei entrare, capisco le tue esigenze ma la soluzione è imho, troppo invasiva, considera non solo Warden ma la pista che apre.

            in ogni caso, da giocatore abbastanza assiduo di
            wow, non vedo alcuna minaccia alla mia privacy da
            warden,La vedo nella logica, di chi è il pc? Di warden? Di wow?
            ne giudico sproporzionato il costo
            mensile che mi viene addebitato in rapporto al
            servizio
            offerto.mai parlato di prezzi.

            valutazioni soggettive, certo, ma venire a
            sostenere che blizzard usi un drmNon è stato sostenuto, si dice che altri sistemi ne ottengono il fine medesimo, proteggere gli interessi della softwarehouse, molto meglio direi, senza bisogno di drm, ma Warden fa cose molte simili, controlla on site che sia tutto a posto, online è ok, onsite è parente stretto del drm.
            quando il
            client di gioco lo posso piazzare su un hd
            esterno e giocare su qualsiasi computer senza
            necessità di nessuna installazione ne tantomeno
            il posseso dei cd originali (che giacciono su uno
            scaffale di casa da anni) mi sembra una forzatura
            bella e
            buona.Li volevi identici? Il drm è concettualmente fallato, i servizi online su abbonamento no, quando wardern lascia l'online e s'infila nei pc dell'utente per controllarlo ottiene un effetto molto simile, controlla lui l'utente!

            in ogni caso trovami un altro publisher che ti
            offra una cosa paragonabile a
            questa:

            https://eu.battle.net/account/creation/wow/signup/Guarda che è un mondo molto lontano per me, non ho neanche gli os adatti per quel tipo di giochi.
          • deathspell scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            capisco i timori e, in parte, li condivido ma il fatto che vi siano sistemi che monitorano la mia memoria impedendomi eventualmente di loggare nel mio account in presenza di programmi potenzialmente pericolosi o segnalando alla software house la presenza di una ben determinata lista di programmi in esecuzione (nello specifico i c.d. cheat) non mi spaventa ed anzi sotto certi profili lo apprezzo come un sistema per evitare comportamenti non porprio simpatici in game.parlo di un mmorpg e quindi evitare i cheat da parte degli altri è fondamentale per garantire che il mio tempo speso in gioco non sia frustrato da soggetti che barano.mi rendo conto che la tua esperienza con wow sia limitata (se giocavi su un 486, considerato che wow è uscito nel 2005, mi sa che giocavi a uno dei primi warcraft ... che è come dire hai giocato al flight simulator per apple IIe rispetto a un FS di ultima generazione) ma in wow la necessità di evitare i cheat è più sentita dai giocatori che dalla stessa blizzard (ti garantisco che nell'aspetto pvp del gioco, parte molto importante del medesimo, trovarti davanti qualcuno che bara è sinceramente indisponente)è vero tramite warden la sw potrebbe spingersi ipoteticamente più in là .... ma da una swhouse che rilascia gratuitamente il client vedo ben pochi rischi.per la stessa blizzard rappresenta un problema maggiore quello di evitare comportamenti scorretti in game piuttosto di controllare che non ci sia gente che si tira su un server non ufficiale.in sostanza imho blizzy cerca la customer satisfaction invece di perdere tempo a inseguire rendite di posizione e il warden della blizzard è proprio funzionalizzato al perseguimento di questa politica.
          • Africano scrive:
            Re: La blizzard USA un drm
            - Scritto da: deathspell
            capisco i timori e, Non si tratta di timori, di logica del personal computing sovvertita.Già c'è root e Warden si sovrappone.Sui cheat il mio dubbio riguarda il fatto che se sono ritenuti non adatti all'online potrebbero benissimo essere tolti, a meno che non mi sfugga qualcosa.Così mi sembra che per mantenere la tradizione si introduca un elemento tutt'altro che regolare, certamente comodo per la softwarehouse, ma comodo non è tutto, comodo per terzi suona scomodissimo.
      • Wolf01 scrive:
        Re: La blizzard USA un drm
        Infatti, "Blizzy" con Warden controlla la memoria per beccare chi utilizza trainer, macro o mod illegali.Praticamente sconsigliano pure di usare mouse e tastiere programmabili perchè il software che gestisce le funzioni dei tasti programmabili potrebbe essere intercettato come trainer o keylogger o simili.Se hai Alcohol 120% a loro non frega niente, diversamente da altri giochi che ti chiedono di "disinstallare ogni software per l'emulazione di periferiche virtuali" proprio per arginare il "pericolo" dell'uso di un'immagine del cd.In un certo senso Warden in questo caso è un sistema anti-cheater e non un DRM, un po' come Punkbuster.
      • angros scrive:
        Re: La blizzard USA un drm

        Ma hai una seppur vaga idea di cosa stai parlando?No, non ce l'ha.
  • angros scrive:
    Oh, se ne sono accorti?
    Il DRM è un concetto ideato da idioti, blocca solo i pirati idioti, ed è apprezzato solo da utenti idioti.Se proprio vuoi tenere gli utenti sempre online per controllare che abbiano una versione originale, che almeno ne valga la pena (mettendo qualche funzione che richiede veramente l'acXXXXX, come il gioco multiplayer online).Altrimenti, chi si ostina a cercare di usare il drm, si vedrà sempre craccare i suoi giochi, e gli utenti preferiranno sempre la versione craccata (senza rottura di scatole); e se ci rimette dei soldi, meglio ancora: o imparerà la lezione, o fallirà, ma in entrambi i casi non userà più il DRM.
    • ThEnOra scrive:
      Re: Oh, se ne sono accorti?
      - Scritto da: angros
      Il DRM è un concetto ideato da idioti, blocca
      solo i pirati idioti, ed è apprezzato solo da
      utenti
      idioti.Probabilmente chi ha ideato i DRM, l'idiota di turno, l'ha fatto proprio per bloccare i suoi simili, i pirati idioti, ma non credo che un utente, che sia idiota o non (ammesso che per utente intendi il consumatore) lo aprezzi.Poi c'è anche da dire che i giochi della Blizzard sono tutt'altra cosa rispetto ai giochi della Ubisoft, e qui parlo del genere: RTS/MMPMORG vs ACTION/SIMULAZIONI (in linea generale, ovvio)Dunque diverse sono le necessità di protezione.Come sempre i tuoi post sono superficiali...
  • Sgabbio scrive:
    Predicano bene e razolanano male
    Come da titolo.
    • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
      Re: Predicano bene e razolanano male
      Ehm, "razzolano"... :p
      • Africano scrive:
        Re: Predicano bene e razolanano male
        - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
        Ehm, "razzolano"... :pmica ha scritto che razzolano bene (rotfl)
    • ces scrive:
      Re: Predicano bene e razolanano male
      - Scritto da: Sgabbio"razolanano"...grande sgabbio!!!:'(:'(:'(:'(
      • Sgabbio scrive:
        Re: Predicano bene e razolanano male
        Violi la policy, anonimo codardo.
        • ces scrive:
          Re: Predicano bene e razolanano male
          - Scritto da: Sgabbio
          Violi la policy, anonimo codardo.io, contrariamente a te, non ho insultato nessuno :sanche tu hai violato la policy, non è un grave problema, basta non prendersela ;)
Chiudi i commenti