USA, ritratto di un pirata

Pubblicato uno studio sul rapporto tra utenti e scaricamenti illeciti. A preferirli è il 70 per cento dei giovani. Ma si tratta di abitudini casuali, ben contenute dalle piattaforme legali a basso costo

Roma – A rivelarlo è una recente analisi pubblicata da un gruppo di ricercatori della Columbia University : quasi il 50 per cento degli adulti statunitensi ha acquistato o scaricato contenuti audiovisivi in violazione del copyright . Una percentuale lievitata al 70 per cento tra gli intervistati da 18 a 29 anni.

I risultati sono stati inseriti all’interno del report Media Piracy In Emerging Economies , ottenuti dai ricercatori statunitensi a partire da un campione di 2300 adulti a stelle e strisce. Se i pirati oltreoceano sembrano non disdegnare i canali illeciti, le quantità medie di contenuti scaricati non hanno fatto registrare numeri clamorosi.

Solo il 2 per cento degli adulti ha infatti accumulato più di 1000 file nelle collezioni di musica sui vari dispositivi elettronici . Mentre l’1 per cento degli intervistati ha ammesso di aver ammassato più di 100 film. Livelli bassi anche per l’appropriazione indebita di copie piratate dei videogiochi per console .

Lo studio ha poi offerto altri risultati interessanti a proposito dei comportamenti degli utenti a stelle e strisce. Circa la metà dei pirati ha ammesso di scaricare decisamente meno con l’avvento di piattaforme legali a prezzi contenuti . Il 72 per cento degli intervistati si è detto contrario a misure estreme anti-pirateria, come ad esempio le disconnessioni in salsa francese.

Ecco perché il livello medio di gradimento del nuovo Stop Online Piracy Act ( SOPA ) si è assestato su percentuali basse, con il 52 per cento del campione convinto che avvertimenti e sanzioni pecuniarie – comunque sotto i 100 dollari per brano scaricato – bastino per colpire a dovere la violazione del diritto d’autore sulle nuove reti elettroniche.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sivan scrive:
    Origine
    L'uomo ha creato il computer a sua immagine e somiglianza, ergo i primi computer siamo stati noi stessi, ancora, e per ora, ineguagliati; considerando poi il fatto che siamo frutto di combinazioni genetiche pseudo casuali e scaturite da un atavico brodo primordiale.
    • panda rossa scrive:
      Re: Origine
      - Scritto da: sivan
      L'uomo ha creato il computer a sua immagine e
      somiglianza, ergo i primi computer siamo stati
      noi stessi, ancora, e per ora, ineguagliati;
      considerando poi il fatto che siamo frutto di
      combinazioni genetiche pseudo casuali e scaturite
      da un atavico brodo
      primordiale.42!
  • iRoby scrive:
    Statisticamente tecnologia aliena
    Subject provocatorio.Le combinazioni di drogaggio del silicio prima che si potesse ottenere l'effetto semiconduttore sono talmente tante, che la probabilità statistica che l'uomo ci sarebbe arrivato ora, nei pochi anni da quando studia questi materiali, è talmente bassa che non puoi non pensare ad un aiuto esterno o una botta di XXXX del tutto simile alla vincita al superenalotto (1:600milioni di possibilità).L'ipotesi aliena, dello studio del materiale recuperato da un ufo caduto è la più accreditata...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2011 16.24-----------------------------------------------------------
    • Funz scrive:
      Re: Statisticamente tecnologia aliena
      - Scritto da: iRoby
      Subject provocatorio.

      Le combinazioni di drogaggio del silicio prima
      che si potesse ottenere l'effetto semiconduttore
      sono talmente tante, che la probabilità
      statistica che l'uomo ci sarebbe arrivato ora,
      nei pochi anni da quando studia questi materiali,
      è talmente bassa che non puoi non pensare ad un
      aiuto esterno o una botta di XXXX del tutto
      simile alla vincita al superenalotto
      (1:600milioni di
      possibilità).Ma dove l'hai letta questa scemenza? Ci sono un mucchio di tipi diversi di semiconduttori, e il loro comportamento è ben conosciuto e spiegato mediante le leggi della fisica quantistica. Il mistero lo vedete solo voi.
      L'ipotesi aliena, dello studio del materiale
      recuperato da un ufo caduto è la più
      accreditata...(rotfl)
      • iRoby scrive:
        Re: Statisticamente tecnologia aliena
        - Scritto da: Funz
        Ma dove l'hai letta questa scemenza? Ci sono un
        mucchio di tipi diversi di semiconduttori, e il
        loro comportamento è ben conosciuto e spiegato
        mediante le leggi della fisica quantistica. Il
        mistero lo vedete solo voi.Te lo potrà dire qualsiasi chimico organico. Il diodo zener precursore dei moderni semiconduttori o è stata una botta di XXXX clamorosa o arriva da altrove...
  • Antonio scrive:
    La vera CPU
    Oggi se vuoi pensare differente c'è solo un proXXXXXre adeguato. AMD "THINK DIFFERENT"
  • domenic scrive:
    chi ha scritto l'articolo...
    Ha sentito nominare Faggin per la prima volta ieri.
  • Gabro scrive:
    Lui non ci crede
    Riguardo "Anche i computer quantici, dice Faggin, avranno un bel po' di decenni da macinare prima di rappresentare una sfida reale alla complessità della mente umana.", la trovo imprecisa, almeno rispetto al video.Per lui i proXXXXXri (quantici o meno) NON potranno pareggiare le caratteristiche da lui elencate. Non parla affatto di una questione temporale.E', a mio avviso, intelligentemente per quella che classicamente va sotto la definizione di IntelligenzaArtificiale Debole.Possiamo essere orgogliosi che l'ingegnere italiano che ha inventato il proXXXXXre non sia affatto un farlocco qualsiasi! :D
    • attonito scrive:
      Re: Lui non ci crede
      - Scritto da: Gabro
      Riguardo "Anche i computer quantici, dice Faggin,
      avranno un bel po' di decenni da macinare prima
      di rappresentare una sfida reale alla complessità
      della mente umana.", la trovo imprecisa, almeno
      rispetto al
      video.

      Per lui i proXXXXXri (quantici o meno) NON
      potranno pareggiare le caratteristiche da lui
      elencate. Non parla affatto di una questione
      temporale.un aereo non sbatte le ali ma vola e lo fa pure piu' veloce di qualunque uccello esistente. Non me la sento di escludere a priori un futuro sistema artificiale in grado di "pensare" in modo alternativo ad un essere umano ma che sia comunque in grado di pareggiare, o perche no, superare, la sua controparte biologica.Se non si dimostra matematicamente che tale ipotetico sistema artifdiciale e' impossibile, lo si deve ammettere, almeno in linea di principio. Il fatto che non lo si sia ancora creato non significa che sia non creabile.
      • Gabro scrive:
        Re: Lui non ci crede
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Gabro

        Riguardo "Anche i computer quantici, dice
        Faggin,

        avranno un bel po' di decenni da macinare
        prima

        di rappresentare una sfida reale alla
        complessità

        della mente umana.", la trovo imprecisa,
        almeno

        rispetto al

        video.



        Per lui i proXXXXXri (quantici o meno) NON

        potranno pareggiare le caratteristiche da lui

        elencate. Non parla affatto di una questione

        temporale.

        un aereo non sbatte le ali ma vola e lo fa pure
        piu' veloce di qualunque uccello esistente. Non
        me la sento di escludere a priori un futuro
        sistema artificiale in grado di "pensare" in modo
        alternativo ad un essere umano ma che sia
        comunque in grado di pareggiare, o perche no,
        superare, la sua controparte
        biologica.

        Se non si dimostra matematicamente che tale
        ipotetico sistema artifdiciale e' impossibile, lo
        si deve ammettere, almeno in linea di principio.
        Il fatto che non lo si sia ancora creato non
        significa che sia non
        creabile.Anche la mente umana fa calcoli, e il microproXXXXXre (anzi qualsiasi circuito combinatorio o sequenziale) li fa già molto più veloci.Quindi non c'è bisogno di metafore pittoresche per dire che ALCUNE funzionalità (comportamenti?) della mente umana sono emulabili, ad anche in modo molto migliore.Ma questo non vuol dire che lo siano tutte!Il discorso matematico è solamente fuorviante, a meno che non definisci la coscienza in termini matematici, o se vuoi la volontà, o l'intenzionalità.Ma a meno di non svilire la matematica questo non è possibile.Sono d'accordo con Fagin, quando dice che
        • attonito scrive:
          Re: Lui non ci crede
          - Scritto da: Gabro
          Allora
          mettiamola così, per le leggi a cui risponde il
          mondo da quanto l'uomo è sulla terra c'è una
          differenza qualitativa tra l'emulare un
          comportamente e avere coscienza, che <b
          PER IL MOMENTO </b
          resta
          insormontabile da un calcolatore (quale che sia).per la fretta hai saltato tre parole, le ho aggiunte io in grassetto.Se fino ad ora non e' stato possibile fare una cosa e non se ne e' univocamente dimpostrata l'impossibilita', non e' detto che non sara' possibili in un imprecisato punto del futuro.Se A e B danno risposte equivalenti a fronte della stessa domanda, che la risposta la dia A o B non fa differenza (vedi il test di turing.)http://it.wikipedia.org/wiki/Test_di_TuringIl fatto che PER ORA nessun sistema artificiale abbia avuto sucXXXXX se sottoposta a test di turing, non significa che qualunque sistema avra mai sucXXXXX.
  • attonito scrive:
    A proposito di stupidaggini...
    Qui notiamo che http://punto-informatico.it/99787/Hardware/News/30-anni-fa-nasceva-microproXXXXXre.aspx anche dieci anni fa su PI si trovavano articoli scritti alla "fallo di levriero" (se scrivo "XXXXX di cane" si offendono e cancellano il post.)
  • attonito scrive:
    Tertium non datur. Faggin si contraddice
    CITO:Quello a cui Faggin non crede è però l'avvento del fenomeno noto come "singolarità", un momento topico nella storia umana che secondo i suoi cantori (Ray Kurzweil in primis) dovrebbe portare a una sostanziale parità di capacità intellettive tra uomo e macchina . Anche i computer quantici, dice Faggin, avranno un bel po' di decenni da macinare prima di rappresentare una sfida reale alla complessità della mente umana. A. non crede alla singolarita'B. dice che ci vorranno decenni prima di avere un competitore artificiale all'intelligenza umana.Delle due l'una: o non crede e quindi non ci sara' mai, o ci crede anche se ci vorra' tempo.(a meno che non sia la solita traduzione-pastrocchio alle quali Maruccia & C. ci hanno tristemente abituati.)
    • Luca scrive:
      Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
      Oppure a meno che ci vorranno moltissimi anni per ridurre il gap e rendere un prodotto anche solo vicino all'intelligenza umana, senza peraltro ammettere che il gap possa essere ridotto a 0 ( si può dimezzare per sempre ma mai ridurre a 0)
      • attonito scrive:
        Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
        - Scritto da: Luca
        Oppure a meno che ci vorranno moltissimi anni per
        ridurre il gap e rendere un prodotto anche solo
        vicino all'intelligenza umana, senza peraltro
        ammettere che il gap possa essere ridotto a 0 (
        si può dimezzare per sempre ma mai ridurre a
        0)Chiedi a qualcuno quanto fa il limite, per n tendente ad infinito, di 1/n.
      • pignolo scrive:
        Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
        Achille e la tartaruga...
        • attonito scrive:
          Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
          - Scritto da: pignolo
          Achille e la tartaruga...stesso discorso: tu sei lontano da me 10 metri,io ti sparo ma la pallottola non ti raffiungera' mai perche deve passare prima dal meta della distanza, poi dalla meta della meta e cosi via all'infinito, per cui la pallottola non ti copira' mai.Invece la pallottola ti raggiunge e ti fa saltare la testa come un melone marcio. incredibile.
          • Funz scrive:
            Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: pignolo

            Achille e la tartaruga...

            stesso discorso: tu sei lontano da me 10 metri,io
            ti sparo ma la pallottola non ti raffiungera' mai
            perche deve passare prima dal meta della
            distanza, poi dalla meta della meta e cosi via
            all'infinito, per cui la pallottola

            non ti copira' mai.
            Invece la pallottola ti raggiunge e ti fa saltare
            la testa come un melone marcio.
            incredibile.Questo perché anche lo spazio è quantizzato, v. lunghezza di Planck :p
      • iRoby scrive:
        Re: Tertium non datur. Faggin si contraddice
        Ehmmm se parliamo di intelligenza umana intesa dell'uomo preso come massa, o dell'uomo moderno consumista, basta un programmino in BASIC per superarne a pieno le capacità intellettive.Forse anche un criceto davanti ad una calcolatrice è più intelligente di molti esseri "umani".
  • panda rossa scrive:
    Faggin: l'uomo che creò il personal comp
    Se c'e' una persona da incensare per aver effettivamente dato il via a quel lungo proXXXXX tuttora in corso che ha portato il computer e l'informatica in tutte le case, permettendo ad un sacco di gente intelligente ed in gamba di inventare un business e ampliare a dismisura la propria cultura e conoscenze, questo e' proprio Faggin.Quel piccolo microchip e' il punto di inizio dal quale sono nati i primi computer domestici degli anni 80, poi il personal IBM, poi i PC compatibili, la cui forza era ed e' la modularita'.E la forza dei PC e' talmente grande da averli fatti sopravvivere a quella metastasi cancerogena maligna che risponde al nome di sistema operativo clicca clicca.Tutto questo mondo ha una data di nascita ben precisa: il 1971, e siamo contenti di aver vissuto questi 40 anni e aver visto quel micro 4004 crescere fino a diventare una cosa immensa come il server di google.
    • bertuccia scrive:
      Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
      no secondo me il PC l'ha inventato Shockley.no aspetta, però il silicio è stato scoperto da Lavoisier, quindi è a lui che si deve l'invenzione del PCno, aspetta...
      • malto scrive:
        Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
        - Scritto da: bertuccia
        no secondo me il PC l'ha inventato Shockley.

        no aspetta, però il silicio è stato scoperto da
        Lavoisier, quindi è a lui che si deve
        l'invenzione del
        PC

        no, aspetta...jobs, la risposta per te è jobs1) non avrai altri computer altre ai miei... :D
        • panda rossa scrive:
          Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
          - Scritto da: malto
          - Scritto da: bertuccia

          no secondo me il PC l'ha inventato Shockley.



          no aspetta, però il silicio è stato scoperto
          da

          Lavoisier, quindi è a lui che si deve

          l'invenzione del

          PC



          no, aspetta...
          jobs, la risposta per te è jobs
          1) non avrai altri computer altre ai miei... :DRidi, ridi... pensa se Faggin avesse brevettato la forma rettangolare del chip con i contatti a zampa di ragno! Saremmo ancora fermi a 40 anni fa.
          • bertuccia scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            chi voleva capire il mio commento, l'ha capito,vedi il commento di attonitohttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=3338482&m=3338720#p3338720è inutile che tiri fuori dei flame inutili per sviare
          • panda rossa scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            - Scritto da: bertuccia
            chi voleva capire il mio commento, l'ha capito,
            vedi il commento di attonito
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3338482&m=333

            è inutile che tiri fuori dei flame inutili per
            sviareTu citi Jobs dove nulla ha a che fare, e io sono quello che tira fuori flame inutili per sviare?
          • bertuccia scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            - Scritto da: panda rossa

            Tu citi Jobs dove nulla ha a che fare, e io sono
            quello che tira fuori flame inutili per
            sviare?vedi, l'hai fatto di nuovo.Non ho citato Jobs da nessuna parte,sei stato tu il primo a citarlo
          • attonito scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: panda rossa



            Tu citi Jobs dove nulla ha a che fare, e io
            sono

            quello che tira fuori flame inutili per

            sviare?

            vedi, l'hai fatto di nuovo.

            Non ho citato Jobs da nessuna parte,
            sei stato tu il primo a citarlopreferirei darmi una martellata su un piede, ma quando uno ha ragione (tu in questo caso) ha ragione.
          • bertuccia scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            O) :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: panda rossa



            Tu citi Jobs dove nulla ha a che fare, e io
            sono

            quello che tira fuori flame inutili per

            sviare?

            vedi, l'hai fatto di nuovo.

            Non ho citato Jobs da nessuna parte,
            sei stato tu il primo a citarloHai ragione. Non lo hai citato tu per primo.Il primo di questo thread e' stato malto e io ho risposto a lui.Ho appena riletto con attenzione il tutto.
          • malto scrive:
            Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: bertuccia

            - Scritto da: panda rossa





            Tu citi Jobs dove nulla ha a che fare,
            e
            io

            sono


            quello che tira fuori flame inutili per


            sviare?



            vedi, l'hai fatto di nuovo.



            Non ho citato Jobs da nessuna parte,

            sei stato tu il primo a citarlo

            Hai ragione. Non lo hai citato tu per primo.

            Il primo di questo thread e' stato malto e io ho
            risposto a
            lui.
            Ho appena riletto con attenzione il tutto.non sono l'unico, ancora addormentato, stamattina... ;)
      • attonito scrive:
        Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
        - Scritto da: bertuccia
        no secondo me il PC l'ha inventato Shockley.

        no aspetta, però il silicio è stato scoperto da
        Lavoisier, quindi è a lui che si deve
        l'invenzione del
        PC

        no, aspetta...concordo, il progresso tecnologico e' una concatenazione di eventi a "gradini" non a "salti". Ogni tanto un "gradinoG e' piu' alto degli altri, ma non si passa dall'invenzione della ruota al motore a ioni senza passare per la conoscenza della chimica, dell-eletricita' etc.
    • iRoby scrive:
      Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
      - Scritto da: panda rossa
      E la forza dei PC e' talmente grande da averli
      fatti sopravvivere a quella metastasi cancerogena
      maligna che risponde al nome di sistema operativo
      clicca clicca.E oggi abbiamo la peste bubbonica dei sistemi operativi tocca tocca (tablet e smartphone).
      • Portavoce universale scrive:
        Re: Faggin: l'uomo che creò il personal comp
        E una dei primi concetti che si insegnano ai bambini è quello di non toccare! Giusto per dare un'idea dell'involuzione...
  • Robot Rock scrive:
    Android
    Android News. DAILY. http://www.searcheeze.com/it/p/Tsubai/robot-rock-everything-you-need-to-know-on-android-dailyROBOT ROCK!
  • gregorio casamassim a scrive:
    definizioni
    per cpu si intende una funzione, non un oggetto. un microproXXXXXre è una cpu fatta su un solo circuito integrato. i vecchi computer avevano cpu fatte con intere schede e i primi le avevano a valvole.ciao a tutti
    • TADsince1995 scrive:
      Re: definizioni
      - Scritto da: gregorio casamassim a
      per cpu si intende una funzione, non un oggetto.
      un microproXXXXXre è una cpu fatta su un solo
      circuito integrato. i vecchi computer avevano cpu
      fatte con intere schede e i primi le avevano a
      valvole.E ancora prima c'erano computer puramente meccanici. Io ne ho visto uno in un museo (a Berlino se non erro) era alto 3 metri e largo 4 e aveva tutto: una sorta di cpu, i registri, la memoria e riceveva istruzioni credo da schede perforate. Tutto meccanico, il clock era un'enorme manovella laterale! E' stata una delle cose più impressionanti che abbia mai visto in vita mia.
      • panda rossa scrive:
        Re: definizioni
        - Scritto da: TADsince1995
        - Scritto da: gregorio casamassim a

        per cpu si intende una funzione, non un
        oggetto.

        un microproXXXXXre è una cpu fatta su un solo

        circuito integrato. i vecchi computer
        avevano
        cpu

        fatte con intere schede e i primi le avevano
        a

        valvole.

        E ancora prima c'erano computer puramente
        meccanici. Io ne ho visto uno in un museo (a
        Berlino se non erro) era alto 3 metri e largo 4 e
        aveva tutto: una sorta di cpu, i registri, la
        memoria e riceveva istruzioni credo da schede
        perforate. Tutto meccanico, il clock era
        un'enorme manovella laterale! E' stata una delle
        cose più impressionanti che abbia mai visto in
        vita
        mia.Io ho visto qualcosa del genere al museo di Copenaghen.Da una parte delle leve per inserire i dati.In mezzo delle schede che contenevano il "programma".Dall'altra la manovellona da girare per far uscire il risultato.Ma ancora prima, sempre simili concettualmente, c'erano dei telai per fare i ricami da scheda perforata, e gli organetti che suonano sempre leggendo da scheda perforata.Quindi il concetto di input -
        elaborazione -
        output, con input ed elaborazione variabili c'era gia' da prima dell'elettricita'.
        • malto scrive:
          Re: definizioni
          - Scritto da: panda rossa
          Ma ancora prima, sempre simili concettualmente,
          c'erano dei telai per fare i ricami da scheda
          perforata, e gli organetti che suonano sempre
          leggendo da scheda
          perforata.L'antenato del p2p ;)
          • bertuccia scrive:
            Re: definizioni
            - Scritto da: malto

            L'antenato del p2p ;) :o MIND = BLOWN
          • panda rossa scrive:
            Re: definizioni
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: malto



            L'antenato del p2p ;)

            :o MIND = BLOWNNecessito di spiegazione: non l'ho capita.
          • bertuccia scrive:
            Re: definizioni
            - Scritto da: panda rossa

            Necessito di spiegazione: non l'ho capita.la musica su scheda perforata per gli organetti è stata l'antenato del p2p!musica facilmente copiabile e distribuibile, chissà già allora quale danno per gli artisti!
          • panda rossa scrive:
            Re: definizioni
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: panda rossa



            Necessito di spiegazione: non l'ho capita.

            la musica su scheda perforata per gli organetti è
            stata l'antenato del
            p2p!

            musica facilmente copiabile e distribuibile,
            chissà già allora quale danno per gli
            artisti!Fu allora che venne proposto l'equo compenso sulle strisce di carta, ma quella volta non passo'.
        • Luca scrive:
          Re: definizioni
          La differenza sostanziale è che le macchine calcolatrici, i telai, ecc... meccanici non erano general purpose come invece è la moderna cpu (che sia integrata su microproXXXXXre oppure no).Altrimenti esistevano (ed immagino esistano ancora) anche i computer analogici che per alcuni calcoli specifici utilizzavano principi fisici e misurazioni dei risultati.
        • gerry scrive:
          Re: definizioni
          - Scritto da: panda rossa
          Io ho visto qualcosa del genere al museo di
          Copenaghen.
          Da una parte delle leve per inserire i dati.
          In mezzo delle schede che contenevano il
          "programma".
          Dall'altra la manovellona da girare per far
          uscire il
          risultato.

          Ma ancora prima, sempre simili concettualmente,
          c'erano dei telai per fare i ricami da scheda
          perforata, e gli organetti che suonano sempre
          leggendo da scheda
          perforata.Babbage e Ada Augusta Lovelace (il primo programmatore al mondo è stata una donna )
    • tell scrive:
      Re: definizioni
      Concordo.
  • bertaccia scrive:
    x Maruccia
    Ciao Maruccia,mi pare che Faggin fosse proprio il capo di quel team di ingegneri, non proprio uno che e' finito li per caso.Ho sentito una sua intervista qualche giorno fa su radio 24 e parlavano di questo. Pare abbia anche ricevuto un onoreficenza da Obama nel 2010 e ora stanno discutendo se assegnargli il nobel!
    • Ill Informer scrive:
      Re: x Maruccia
      Confermo, anche a me sembra che il capo del team di sviluppo della 4004 cioè della prima CPU integrata era proprio Faggin.Pare anche che il resto del mondo lo conosca molto bene, noi invece non sappiamo nemmeno chi sia.Anche dietro alle moderne tecnologie di ricerca c'è un rappresentante del paese meno connesso d'Europa, Massimo Marchiori. Naturalmente nessuno in patria li conosce, perché mentre in altri paesi gli stessi personaggi sono premiati, qui sussiste la famosa "discriminante sul QI" cioè : se ha un massimo di due cifre diventi un famoso dirigente, se le supera, finisci in una cantina a lavorare per arricchire il famoso dirigente.- Scritto da: bertaccia
      Ciao Maruccia,
      mi pare che Faggin fosse proprio il capo di quel
      team di ingegneri, non proprio uno che e' finito
      li per
      caso.
      Ho sentito una sua intervista qualche giorno fa
      su radio 24 e parlavano di questo.


      Pare abbia anche ricevuto un onoreficenza da
      Obama nel 2010 e ora stanno discutendo se
      assegnargli il
      nobel!
      • higgybaby scrive:
        Re: x Maruccia
        Faggin è quello che ha inventato lo Z80 che è ancora in produzione, così tanto per dire!ciaoigor
      • il solito bene informato scrive:
        Re: x Maruccia
        - Scritto da: Ill Informer
        Confermo, anche a me sembra che il capo del team
        di sviluppo della 4004 cioè della prima CPU
        integrata era proprio
        Faggin.

        Pare anche che il resto del mondo lo conosca
        molto bene, noi invece non sappiamo nemmeno chi
        sia.... in che squadra giocava?
      • bertaccia scrive:
        Re: x Maruccia
        Comunque e' scritto tutto su wikipediahttp://en.wikipedia.org/wiki/Federico_Faggin
  • tell scrive:
    CPU == microproXXXXXre ?!?
    Mi risulta che anche il primo ENIAC contenesse una CPU.L'equazione CPU == microproXXXXXre mi lascia perplesso.Non vorrei sembrare retró o pedante, ma un po' dirigore non farebbe male.
Chiudi i commenti