USA, stop agli anonimi sul web

Una questione di commenti su un quotidiano online. Il giudice vuole i nomi di chi ha criticato il procuratore
Una questione di commenti su un quotidiano online. Il giudice vuole i nomi di chi ha criticato il procuratore

Thomas Mitchell, editore della testata online Las Vegas Review Journal , si è trovato a dover affrontare l’azione legale del procuratore generale del Nevada, il quale ha ordinato al giornale di rendere noti i nominativi degli autori di due commenti anonimi ritenuti pericolosi .

Erano ben nascosti nella miriade di post relativi ad un articolo in cui si parlava della probabile condanna di un businessman locale, ma non sono sfuggiti all’occhio della legge: all’editore è stato chiesto di fornire indirizzi, numeri di telefono, nome dei provider, indirizzi IP e numeri di carta di credito.

Non si è però tenuto conto che gli utenti in questione hanno espresso il loro pensiero sotto uno pseudonimo , il che impedisce di adempiere a tali richieste. Richieste alle quali Mitchell non intende rispondere in nessun caso , appellandosi al Primo Emendamento che garantisce la libertà di parola anche dietro la maschera dell’anonimato.

Accogliendo in parte le parole di Mitchell la corte statunitense aveva diminuito le sue pretese , diventate a quel punto accettabili per l’editore, ma non per American Civil Liberties Union of Nevada che ha nuovamente bollato l’operato del procuratore come irragionevole : “Non crediamo – spiega l’associazione – che quel tipo di commenti meriti così tanta attenzione da parte di un organo statale”.

Secca è arrivata la replica del giudice distrettuale David Ezra: “Questo provvedimento – spiega – è stato emesso per garantire la sicurezza dei giuristi impegnati nel caso”. Tra questi vi è il procuratore J. Gregory Damm, che oltre ad essersi occupato del caso discusso nell’articolo ha anche ordinato il provvedimento nei confronti del giornale. (G.P.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 06 2009
Link copiato negli appunti