Utenti controllati, la battaglia d'Argentina

Per dieci anni i provider dovranno conservare i dati di traffico degli utenti argentini, una misura che scatena un'ondata di critiche. Per la UE questa è intercettazione


Buenos Aires (Argentina) – Terrorismo, sicurezza nazionale, pedoporno: sono molte le ragioni alle quali si appellano i custodi dell’Ordine per giustificare in mezzo mondo misure estremamente pesanti, come quella che in Argentina obbliga i fornitori di servizi Internet a registrare e conservare per dieci anni i dati di traffico dei propri utenti.

Quest’obbligo, contenuto in una legge di due anni fa divenuta operativa con un regolamento attuativo l’anno scorso, è ora al centro di una vivacissima querelle tra sostenitori delle libertà digitali e maggioranza parlamentare, la stessa che ha appunto avallato la normativa.

Una disposizione di questo tipo solleva evidentemente inquietanti interrogativi sulla privacy degli utenti nell’era digitale. Come si ricorderà, la Commissione Europea si è espressa lo scorso novembre sulla questione della data retention : a suo dire, conservare i dati equivale ad una intercettazione delle comunicazioni . Una presa di posizione che ha anche abbreviato la durata della conservazione dei dati decisa a dicembre dall’Italia.

Secondo la normativa argentina, dal prossimo 31 luglio dovrà iniziare la conservazione dei dati, cosa che provocherà enormi problemi organizzativi ai fornitori di servizi: lo “stoccaggio” dei dati richiede infatti risorse hardware e risorse tecniche, nonché oneri ulteriori per la conservazione dei supporti sui quali i log verranno archiviati.

Contro tutto questo si sta schierando l’opposizione, guidata dal parlamentare Mauricio Bossa, del partito di destra Ucedé, secondo cui la legge è incostituzionale. Sulla stessa linea anche il socialista Hectòr Polino, secondo cui la normativa è parte di una pericolosa “visione totalitaria”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    la necessità aguzza l'ingegno
    ecco perchè sono dei geniiiiqui al massimo siamo tutti bravi solo perchè conosciamo il solitario.......
  • Anonimo scrive:
    Con gli stipendi che danno qui nell'IT..
    Non mi stupirei che qualcuno passasse al 'lato oscuro'...
    • Anonimo scrive:
      Re: Con gli stipendi che danno qui nell'IT..
      - Scritto da: Anonimo
      Non mi stupirei che qualcuno passasse al 'lato
      oscuro'...Qui l'unico "lato oscuro" che conosco sono le majors !
  • Anonimo scrive:
    iniziano copiando cd e DVD
    "inizia copiando CD e DVD" mi sembra tanto la frase che di solito si usa per le canne:"Si inizia sempre con un po di maria ma poi si passa all'eroina...."p-)
    • C3PO scrive:
      Re: iniziano copiando cd e DVD
      - Scritto da: Anonimo
      "inizia copiando CD e DVD"
      mi sembra tanto la frase che di solito si usa per
      le canne:
      "Si inizia sempre con un po di maria ma poi si
      passa all'eroina...."
      p-)sono d'accordo, di sicuro non si impara a bucare il sito di una banca copiando CD...
  • Anonimo scrive:
    E' la fame
    CDT
  • Anonimo scrive:
    In effetti non è bello...
    Non ha tutti i tortiMettendo il mio nome e cognome trovo alcune petizioni contro i brevetti europei, tanto per dirne una.E se becco qualche datore di lavoro pro-brevetti?
    • Anonimo scrive:
      Re: In effetti non è bello...
      - Scritto da: Anonimo
      Non ha tutti i torti

      Mettendo il mio nome e cognome trovo alcune
      petizioni contro i brevetti europei, tanto per
      dirne una.

      E se becco qualche datore di lavoro pro-brevetti?Ops... sbagliato thread, volevo postarlo in quello del garante con i motori di ricerca :(
Chiudi i commenti