Venezia, il broadband viene dal WiFi

Il comune ha siglato un accordo con Telecom Italia per portare connettività wireless a tutta la città

Venezia – Il Comune di Venezia vuole più broadband per la città. Per questo ieri ha siglato, con Telecom Italia , “un protocollo d’intesa che prevede l’attivazione da parte di Telecom di servizi ICT di nuova generazione e ad alto contenuto tecnologico dedicati al settore turistico e del servizio WiFi pubblico per la connessione ad Internet veloce”. E-tourism e banda larga per tutti, dunque.

L’accordo prevede che i servizi erogati da Telecom utilizzino l’infrastruttura implementata da Venis , azienda partecipata dal Comune di Venezia per l’informatica e le telecomunicazioni. Obiettivo del progetto veneziano è di portare l’accesso alle nuove tecnologie digitali e ai servizi ICT ad un ampio bacino di utenza composto da popolazione residente, turisti, imprese e istituzioni. In ambito turistico, è prevista la disponibilità di un servizio di “guida multimediale in mobilità” per fornire – a turisti e cittadini – informazioni culturali direttamente sul proprio telefonino.

L’intesa prevede inoltre un accordo di roaming con Venis che permette a Telecom Italia di aumentare nell’area di Venezia il numero dei propri hotspot attraverso l’utilizzo dell’infrastruttura di rete comunale. Telecom, da parte sua, metterà a disposizione del Comune e di Venis il Telecom Italia Future Centre per l’organizzazione di iniziative culturali e sociali. La realizzazione dell’infrastruttura avverrà nell’ambito dell’iniziativa Veniceconnected

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • floriano scrive:
    mi sembra onesta
    non è una fregatura come quella di unomobile con il primo minuto prepagato.http://www.unomobile.it/it/servizi_e_tariffe/tariffe_dall_italia/index.htm
  • Mauro scrive:
    Scemi pure questi..
    Come da oggetto...il costo giusto è 1 centesimo per gli smse 2 centesimi al minuto per la vocetutto il resto sono cazzate che possono far pagare quelloche vogliono "non sono necessarie"Mauro.
    • FRABBETTI OSVALDO scrive:
      Re: Scemi pure questi..
      Fammi sapere quando ti asservi delle tariffe mobili citateti seguiranno tutti i milioni di scemi buggerati.
  • www scrive:
    Identico a Wind Super Senza Scatto?
    o pare a me?
    • lobelius scrive:
      Re: Identico a Wind Super Senza Scatto?
      Solo che wind chiede 7 euro (non rimborsati in traffico) per entrare se gia' clienti oppure 10 per i nuovi....PSPer dirla tutta, ci devono aver preso per polli. Prima ti passano ad una tariffa alta, poi la rimuovono per i nuovi entrati (forse si sono accorti d'aver fatto una fesseria), quindi ne creano una piu' appetibile per avere la quale devi pagare........ma che e'? Hanno bevuto? O sono allo sbando?
    • Pippo scrive:
      Re: Identico a Wind Super Senza Scatto?
      assolutamente identica
    • FRABBETTI OSVALDO scrive:
      Re: Identico a Wind Super Senza Scatto?
      Potra'anche essere come wind super con una piccola differenzanelle coperture di rete visto che Coop Voce si asserve di Tim, credo la differenza nel servizio sia notevole.
  • lobelius scrive:
    A TUTTI GLI OPERATORI
    Credo che la pazienza degli utenti di telefonia cellulare, anche dei piu' distratti come me, sia al limite. O almeno la mia lo e'.Io sono della scuola secondo cui gli scatti alla risposta e le tariffe a scatti anticipati in genere dovrebbero essere considerati fuorilegge.Non parliamo poi dell'imposizione d'incrementi tariffari unilaterali (cari responsabili wind....fischiano le orecchie, per caso?). Un'autentica presa in giro.Detto cio', benvenuto alla nuova tariffa coop, anche se il panorama generale rimane sconsolante. Anche questo piano, infatti, e' piuttosto oneroso e non ve ne sono altri in giro piu' convenienti a parita' di sistema di calcolo.Credo che qualcuno alla vigilanza dovrebe sentire il dovere di fare qualche conto in tasca agli operatori per verificare che questi livelli tariffari (scandalosi) siano in linea con i costi industriali. Io sono convinto del contrario.
Chiudi i commenti