VeriSign ritira Site Finder

Per una volta l'ICANN mostra i muscoli e l'azienda che ha reinstradato il traffico internet ci ripensa. Ma ha già nominato una Commissione per riattivare al più presto il suo servizio
Per una volta l'ICANN mostra i muscoli e l'azienda che ha reinstradato il traffico internet ci ripensa. Ma ha già nominato una Commissione per riattivare al più presto il suo servizio


New York (USA) – Dopo un paio di settimane di roventi polemiche e dopo essersi messa contro quella parte di internet che si occupa della sua gestione e del suo sviluppo, VeriSign è tornata sui propri passi e ha deciso di sospendere, per ora, il suo servizio Site Finder .

Come si ricorderà, VeriSign ha di recente introdotto un sistema che ridirige sul proprio servizio tutto il traffico internet di quegli utenti che, inserendo nella barra del browser una URL.com o.net, sbagliano la digitazione. Una pratica condannata dagli esperti che ha già fruttato all’azienda una denuncia da 100 milioni di dollari e altri procedimenti giudiziari appena avviati da aziende concorrenti.

Ora però VeriSign ci ripensa. E non è un caso, visto che per una volta nella sua storia l’ICANN, l’organismo di supervisione dei domini, ha deciso di prendere una posizione molto dura in merito, accusando VeriSign di aver violato il contratto che le consente di amministrare tecnicamente i domini.com e.net. Una accusa che, sulla carta, avrebbe potuto portare alla revoca di questa amministrazione a VeriSign.

L’azienda, comunque, non è né pentita di quanto ha combinato né intenzionata a sottostare all’ultimatum dell’ICANN senza reagire. “Rispetteremo la richiesta – ha spiegato VeriSign – mentre esploreremo le opzioni a nostra disposizione”. VeriSign ha già nominato una propria Commissione di esperti che dovrà immaginare una via per restaurare Site Finder in un modo accettabile. Secondo ICANN, il servizio di Verisign “ha avuto un effetto sostanzialmente negativo sulla stabilità di internet”. Per VeriSign non sarà facile tornare indietro…

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 10 2003
Link copiato negli appunti